+ Rispondi alla Discussione
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 50 di 56

...ma i giovani vogliono,..o no!!

Ultimo Messaggio di aldwin il:
  1. #1
    Banned
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    8

    ...ma i giovani vogliono,..o no!!

    ...abbiamo realizzato delle affiliazioni low cost senza alcun investimento per tutti quei giovani che hanno volontà di mininiziative imprenditoriali locali; abbiamo offerto gratuitamente assistenza,consulenza e materiale di prima necessità;siamo convinti che è una valida occasione per il particolare momento lavorativo nazionale....,ma posso garantirvi che in tanti, direi in troppi, hanno dichiarato di preferire il lavoro dipendenziale.Ma dove lo andiamo a reperire??...oppure ci manca sempre quella iniziativa logica dei nostri nordeuropeisti??...lo scrivente non è un vs.coetaneo, per cui preferirebbe essere aggiornato sulle vostre particolari pèreferenze o disponibilità.Grazie.

  2. #2
    Banned L'avatar di buccia81
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    230
    Ciao...
    Forse il tuo discorso ti sembrerà chiaro perchè l'hai scritto tu, ma purtroppo, da buccia81 quindi 26 enne tra qualche giorno, ti vorrei far notare che la mancanza di iniziativa che tu rivendichi, secondo me fonda le sue radici proprio nella mancanza di uno schieramento da parte di quelli come te.

    Perfarla breve, invece di utilizzare un linguaggio così chiuso, se in questo post avessi parlato con esempi concreti, citando nomi, cognomi, progetti, descrizioni...magari qualcuno ti avrebbe ascoltato.

    Proprio oggi, 1° Maggio posso farti un esempio senza tirare in ballo la politica.
    Ormai quando c'è una nuova iniziativa, c'è la voglia di non compromettersi troppo nel comunicarla.
    Vedo in tv proprio ora al telegiornale i leader sindacali che dicono "E' necessario fare qualcosa contro le morti sul lavoro".... ma essi non dicono "cosa"
    Tempo fa vidi un servizio sul Tg2 dove si diceva che la comunità europea ha molte risorse da destinare all'imprenditoria giovanile, e che basta chiederei fondi alla comunità per ottenerli.
    Purtroppo anche qui non si fanno esempi concreti che stimolino l'idea ela creatività dei potenzili candidati.
    Nemmeno viene detto come fare a chiederli...cioè... una informazione mirata ad uno scopo avrebbe detto:

    "La comunità europea ha TOT milioni di euro da destinare ai giovani italiani che intendono intraprendere un'attività in proprio. Per ottenere i fondi si deve fare così,cosà...quindi recarsi qui,,,poi andare li...infine firmare in basso a sinistra il foglio che si chiama cosà...ed è fatta. Per esempio MARIO ROSSI, ha aperto un attività di vendita di ARIA USATA, situata in Via Tal di tali a ROMA. Oggi dichiara al fisco TOT e tutti i mesi riesce a guadagnare TOT con un impegno di 10 ore al giorno."

    Ecco... in questo caso uno puo rendersi un idea...ma l'utilizzo di frasi campate in aria per promuovere fittiziamente servizi, porta solo una piccola parte della popolazione a fidarsi, e quindi a preferire l'essere dipendente...dove la responsabilità è minore.

    Non prenderla male...non ce l'ho con te, anche perchè la stragrande maggioranza dei servizi proposti viene proposta utilizzando un linguaggio come quello che hai usato tu

  3. #3
    User
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    71
    La grande incertezza nel futuro fa si che i giovani di oggi cerchino garanzie.

    Questa ricerca secondo me è discutibile ma va rispettata
    Sito dedicato a tutti i fans del Telefilm the oc

  4. #4
    Utente Premium L'avatar di Furious
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Messaggi
    449
    Citazione Originariamente Scritto da lunagra Visualizza Messaggio
    ...abbiamo realizzato delle affiliazioni low cost senza alcun investimento per tutti quei giovani che hanno volontà di mininiziative imprenditoriali locali; abbiamo offerto gratuitamente assistenza,consulenza e materiale di prima necessità;siamo convinti che è una valida occasione per il particolare momento lavorativo nazionale....,ma posso garantirvi che in tanti, direi in troppi, hanno dichiarato di preferire il lavoro dipendenziale.Ma dove lo andiamo a reperire??...oppure ci manca sempre quella iniziativa logica dei nostri nordeuropeisti??...lo scrivente non è un vs.coetaneo, per cui preferirebbe essere aggiornato sulle vostre particolari pèreferenze o disponibilità.Grazie.
    Infatti non ci ho capito assolutamente niente neanche io.... siccome sono interessato ad alcuni piccoli investimenti imprenditoriali mi piacerebbe saperne di più.

  5. #5
    User L'avatar di crisalex
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    53
    Mi aggiungo anche io ai commenti non "positivi" all'intervento di Lunagra.
    Effettivamente non si capisce bene cosa sia stato fatto e poi soprattutto come è stato fatto.
    Io ho provato alcune volte a chiedere che opportunità c'erano per chi apriva una piccola attività. oltre al fatto che praticamente uno deve andarsi a cercare quello che può servirgli (non conosco uno "sportello" dedicato a queste cose, neanche alla Camera di Commercio), una volta però che trovi qualcosa che potrebbe fare al caso tuo inizia tutaa una serie di pratiche egaranzie che devi dare perchè nessuno si fida di tè. Purtroppo mi viene in mente un film di Benigni nel quale andava in banca a chiedere un prestito. Alla fine faceba notare al direttore della banca che se avesse avuto dei soldi di garanzia non sarebbe stato li a chiedere un prestito (" se io le chiedessi delle melanzane non è che lei mi chiede se ho un camion di melanzane a casa" diceva + o -). Quindi se hai dei soldi puoi accedere a altri soldi e fare magari tutti i casini che si sentono/vedono p.es. a Report.
    In alcuni casi invece potresti accedere a delle sovvenzioni che però dopo 2-3-4 mesi devi incominciare a restituire ( a tasso agevolato certo!!!). come se dopod alcuni m,esi uno ha già iniziato a guadagnare tanto da poter mangiare e restituire i soldi (a tasso agevolato!!!!).
    Quindi per chiudere il discorso è appunto quello della chiarezza e capillarità di informazione (mi sonon arrivate decine di lettere di agenzie che ti "aiutano" a fare le pratiche ma non ti assicurano nulla sul fatto che tu possa avere i requisiti giusti), facilità di accesso alle occasioni.

  6. #6
    Banned L'avatar di buccia81
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    230
    Citazione Originariamente Scritto da crisalex Visualizza Messaggio
    Mi aggiungo anche io ai commenti non "positivi" all'intervento di Lunagra.
    Effettivamente non si capisce bene cosa sia stato fatto e poi soprattutto come è stato fatto.

    Vedo che non sono il solo a pensarla così...e ribadisco che questo post è solo l'ennesima dimostrazione della mancanza di comunicazione e di volontà di informazione.
    Nella realtà, nel mondo reale, nelle agenzie di lavoro, nelle offerte pubblicitarie, nei volantini e nelle pubblicità delle banche... vi è purtroppo la ricerca del metodo migliore per comunicare male un'informazione, al fine di renderla difficile da comprendere.

    Per esempio... supponiamo che io disponga di 1 Milione di euro in contanti.
    Un briciolo di pensiero mi andrebbe ai miei amici,parenti,conoscenti che potrebber aer bisogno anche di una piccola parte di questa somma che ho magari vinto. Tuttavia mi scoccia separarmene... insomma...anche solo il 10%...sarebbero 100.000 euro in meno per me, pur andando in aiuto al prossimo.
    Allora cosa faccio? Potrei andare al balcone ed inizuare a dire "regalo 100.000 euro a chi ne ha bisogno"...ma in questo modo troverei sicuramente da dar via i miei 100.000 euro.
    Allora no!... faccio una bella campagna pubblicitaria...ad esempio migliaia di volantini dove scrivo..."Se hai bisogno di un aiuto...sappi che TAL DEI TALI (cioè io) ti può aiutare"
    In questa maniera io ho la coscienza a posto per essermi mostrato disponibile ad aiutare, ma poichè riceverò un basso feedback a causa della mancanza di informazione nell'offerta, verranno in pochi a chiedere aiuto...e quindi invece di dar via i miei 100.000 ne darò via solo 50.000......però non è colpa mia...io mi ero reso disponibile...sono gli altri che non hanno voluto...


    Non so se ho reso l'idea.

  7. #7
    User L'avatar di voidcomputer
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    759

    Salve

    Io non ho la Vostra età, ma mi associo nella mancata comprensione del 3ad di apertura....
    Ritengo che al giorno d'oggi la parola "Dipendente" obsoleta, se poi si considera che associata ad altre parole assume solo significati negativi, andrebbe abolita.
    Dipendente usato nel mondo del lavoro come "subordinato", "agli ordini di", "senza potere di pensiero e comprensione", "addetto ad avvitare bulloni", credo sia un concetto da dimenticare.
    La creatività e la facoltà di scegliere sono caratteristiche salienti per ogni essere umano, ed a mio avviso dovrebbero essere rispettate anche quando si parla di "lavoro subordinato".
    La garanzia di diritti elementari come il rispetto di un orario, delle ferie, di un emolumento di fine rapporto, la cassa integrazione, la mobilità, non dovrebbero appartenere solo ad una categoria di cittadini, ma a tutti quanti noi, ma sopratutto non dovrebbero esistere condizioni contrattuali che facciano sentire un cittadino di serie "C" solo perchè penalizzato da un accordo prestipulato.
    Il mio consiglio ed il mio apporto in questa discussione è di dissuadere i creduloni e coloro che pescano nel mare dei disoccupati dal generare principi depressivi in seguito di concetti contaminati da vecchie ideologie e preconcetti.
    Le difficoltà nella ricerca del lavoro per tutti i giovani, sono a mio avviso, da ricercarsi nella costruzione "non meritocratica" di tutta la politica in italia.
    Finchè TUTTI i politici italiani, ma sopra tutto, finchè TUTTI i governi futuri Italiani, non faranno a meno dell'equazione posto_di_lavoro=dammi_il_tuo_voto, e finchè le aziende provate non cesseranno di usare una equazione equivalente posto_di_lavoro=conosco_tuo_padre_tuo_zio, i problemi per la ricerca di un posto di lavoro permarranno.
    I talenti, la creatività dovrebbero prevalere sul "io conosco tizio", "mi manda caio", e la meritocrazia dovrebbe e sottolineo dovrebbe essere l'unico elemento di valutazione.
    Saluti
    Luca
    Ultima modifica di voidcomputer; 02-05-07 alle 20:41

  8. #8
    User L'avatar di crisalex
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    53
    Concordo conquanto detto da tuttti. Senza però scendere in un discorso troppo politico (non è questa la sede appropriata) vorrei ribadire il fatto che ormai c'è diffidenza verso tutto e tutti quelli che ti propongono aiuti economici se affettivamente non hai delle "conoscenze".
    Però vorrei che chi ha iniziato la discussione rispondesse giusto per chiarire ed evitare che si possa "pensare male " della sua proposta.

  9. #9
    User Attivo L'avatar di Flep
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    Undisclosed city of South America
    Messaggi
    5,747
    Citazione Originariamente Scritto da voidcomputer Visualizza Messaggio
    Le difficoltà nella ricerca del lavoro per tutti i giovani, sono a mio avviso, da ricercarsi nella costruzione "non meritocratica" di tutta la politica in italia.
    Finchè TUTTI i politici italiani, ma sopra tutto, finchè TUTTI i governi futuri Italiani, non faranno a meno dell'equazione posto_di_lavoro=dammi_il_tuo_voto, e finchè le aziende provate non cesseranno di usare una equazione equivalente posto_di_lavoro=conosco_tuo_padre_tuo_zio, i problemi per la ricerca di un posto di lavoro permarranno.
    I talenti, la creatività dovrebbero prevalere sul "io conosco tizio", "mi manda caio", e la meritocrazia dovrebbe e sottolineo dovrebbe essere l'unico elemento di valutazione.
    Saluti
    Luca
    Sono daccordissimo !!! al 100%
    :mani: :mani::mani::mani:

  10. #10
    User L'avatar di crisalex
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    53
    Nulla di nuovo?

  11. #11
    Banned
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    8

    contento di tanti inserimenti

    Sicuramente sono stato molto infelice nella mia prima esposizione, o almeno ritengo che sia effettivamente successo ciò, considerato che alcuni approfittando della mia infelice proposta, hanno subito tirato l'acqua al proprio mulino. Egregi, lo scrivente considerato le proprie esperienze dirigenziali, voleva solo evidenziare un piccolo problema latente nel nostro sistema da qualche anno:- a differenza dei ns.tempi (scusate il confronto) attualmente ns.giovani probabilmente hanno possibiltà di stare molto comodi e valutare con tanta parsimonia (dico tanta) le poche iniziative lavorative che si presentano in questo negativo momento nazionale.Ciò che lo scrivente voleva evidenziare era solo un infantile motivo invitante a non perdere alcuna occasione che si presenta ed in qualunque modo viene offerta, anzichè stare lì comodamente ad effettuare valutazioni fuori luogo e fuori ogni tempo:- signori oggi ci danno poco dal sistema, cerchiamo di crearci noi stessi delle possibilità, per chi ha veramente coraggio di tentare,anzichè stare lì a polemizzare il poco o il tanto che non danno;in sintesi considerato il negativo momento nazionale, quello che un anziano e fiducioso signore vuole dirvi è:-
    -non perdete alcuna occasione in qualunque modo vi venga proposto, e non dimenticate che bisogna sempre prima entrare nel mondo del lavoro per poter indi incamminarsi in un sentiero valido e gradito.Scusatemi ed auguri.

  12. #12
    Banned L'avatar di buccia81
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    230
    Citazione Originariamente Scritto da lunagra Visualizza Messaggio
    -non perdete alcuna occasione in qualunque modo vi venga proposto, e non dimenticate che bisogna sempre prima entrare nel mondo del lavoro per poter indi incamminarsi in un sentiero valido e gradito.Scusatemi ed auguri.

    Anche se io sono stato critico, non è necessario che ti scusi...ognuno la vede a modo proprio...
    Personalmente ritengo che anche il discorso "non perdete alcuna occasione in qualunque modo vi venga proposto" sia un tirare l'acqua al mulino di chi propone. Credo invece che bisogna proprio valutare ogni occasione per non prendere tutto cio che ci viene proposto.

  13. #13
    User
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    17
    Citazione Originariamente Scritto da buccia81 Visualizza Messaggio
    Personalmente ritengo che anche il discorso "non perdete alcuna occasione in qualunque modo vi venga proposto" sia un tirare l'acqua al mulino di chi propone. Credo invece che bisogna proprio valutare ogni occasione per non prendere tutto cio che ci viene proposto.
    ciao a tutti,
    scusate se mi inserisco...sono daccordissimo!!!
    bisogna sempre valutare con estrema attenzione e pignoleria quello che viene offerto. Prima di lavorare, anche solo per una settimana, è utile esaminare le condizioni lavorative e analizzare un eventuale contratto (magari farlo leggere a chi ne capisce). Lo dice uno che ha lavorato senza essere stato pagato (anzi ho rimesso di tasca mia) perchè era dell'idea di non perdere alcuna occasione!!!. Purtroppo in italia proliferano lavori "fregatura"...tante promesse, tu lavori ed in fine non vieni retribuito...poi ti dicono: "ma nel contratto che hai firmato era scritto che...". Bisogna stare attenti soprattutto quando ci sono di mezzo i cosidetti contratti a progetto, è propri in quel caso che i datori di lavoro si "sbizzarriscono"...studiare un pò per far capire di non navigare in alto mare infatti quelli che abboccano sono coloro che sono poco informati...poi bisogna pretendere chiarezza e trasparenza

    Il lavoro è una cosa sacrosanta!!!

    saluti

  14. #14
    Utente Premium L'avatar di Furious
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Messaggi
    449
    Citazione Originariamente Scritto da fra22 Visualizza Messaggio
    ciao a tutti,
    scusate se mi inserisco...sono daccordissimo!!!
    bisogna sempre valutare con estrema attenzione e pignoleria quello che viene offerto. Prima di lavorare, anche solo per una settimana, è utile esaminare le condizioni lavorative e analizzare un eventuale contratto (magari farlo leggere a chi ne capisce). Lo dice uno che ha lavorato senza essere stato pagato (anzi ho rimesso di tasca mia) perchè era dell'idea di non perdere alcuna occasione!!!. Purtroppo in italia proliferano lavori "fregatura"...tante promesse, tu lavori ed in fine non vieni retribuito...poi ti dicono: "ma nel contratto che hai firmato era scritto che...". Bisogna stare attenti soprattutto quando ci sono di mezzo i cosidetti contratti a progetto, è propri in quel caso che i datori di lavoro si "sbizzarriscono"...studiare un pò per far capire di non navigare in alto mare infatti quelli che abboccano sono coloro che sono poco informati...poi bisogna pretendere chiarezza e trasparenza

    Il lavoro è una cosa sacrosanta!!!

    saluti
    Sono del parere che non si può fare il paragone sempre con i tempi "di una volta": anche i miei genitori mi dicono che "una volta" loro non osavano chiedere a un colloquio di lavoro l'eventuale ricompensa perchè avevano timore che il datore pensasse che tu volevi lavorare solo per i soldi...
    questo è solo un esempio banale per dire che bisogna fare ma anche pretendere chiarezza: il mercato del lavoro non è fatto solo di chi offre, ma anche chi cerca deve avere i suoi diritti. Per questo stesso motivo non penso che uno debba entrare nel mondo del lavoro giusto per entrare e poi valutare; bisogna entrare in modo opportuno, cioè in modo da avere la giusta ricompensa (anche minima per quello che si sa fare), ma non bisogna chinare la testa solo perchè si "deve" lavorare.
    Ci sono già migliaia di giovani sfruttati in Italia, non è il caso di accrescere la categoria no?
    Ultima modifica di Furious; 09-05-07 alle 23:50

  15. #15
    User L'avatar di crisalex
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    53

    Contento di poter chiarire meglio il discorso

    Parlo per me. Il fatto di essere qui a "valutare " con tanta parsimonia vuol dire anche che non ho molte cose da fare e sono in cerca di lavoro. Poi occorre decidersi da parte vs (dirigenti/imprenditori) su cosa conviene di più. Attualmente ho avuto dei problemi a causa della mia età. Infatti preferiscono i giovani ad uno invece che ha già esperienza.
    In quanto al prendere tutte le occasioni che si presentano qualunque sia, credo che ci sia l'imbarazzo della scelta. Però così non si va da nessuna parte.
    Lasciamo stare effettivamente il discorso del confronto generazionale.
    Alla fine di tutto ciò sarebbe utile che magari fossero resa nota quale era effettivamente la vs proposta, quali i termini e se è ancora valida.
    Così chiunque potrà valutare e trarre le conclusioni sull'opportunità.


  16. #16
    Utente Premium L'avatar di nastrorosa
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    Verbania (VB)
    Messaggi
    159
    Segui nastrorosa su Twitter Aggiungi nastrorosa su Linkedin
    Citazione Originariamente Scritto da crisalex Visualizza Messaggio
    Attualmente ho avuto dei problemi a causa della mia età. Infatti preferiscono i giovani ad uno invece che ha già esperienza.
    Ho molte difficoltà anch'io a trovar lavoro proprio per questo motivo.
    Preferiscono i giovani anche se non hanno esperienza perchè con i vari contratti che circolano li possono pagare poco.
    Io non ho molta esperienza nel mondo del lavoro ma ho tanta esperienza di vita che un giovane non ha..e questo a volte può servire.. dopo 20 anni di casalinga, corsi per l'uso del pc, per far siti, per la grafica (perchè ho la passione per queste cose), lavori in nero da lavapiatti e pulizie.. non ho ancora trovato un lavoro serio che mi permetta ogni mese di portare a casa uno stipendio degno x vivere.. vivo sempre con l'acqua alla gola..bollette che arrivano..figli..spese varie.. e tutto perchè non ho esperienza nel mondo del lavoro! MA SE NESSUNO MI FA FARE ESPERIENZA COME POSSO AVERE ESPERIENZA???? Ma il datore di lavoro pensa solo al guadagno..pensa che non rendo subito appena assunta.. ma non pensa che la sottoscritta è sveglia, impara subito, non è idiota, non è stupida, è una persona seria, ha esperienza di vita quindi se la può cavare..
    Le "carissime e gentilissime" impiegate del centro per l'impiego mi dicono sempre: "ma lei signora è sprecata per far le pulizie con i corsi che ha fatto e con le cose che sa fare!"...come mai allora non trovo lavoro??
    Capisco e sono contenta che i giovani trovino subito lavoro perchè è capitato a mio figlio di trovarlo subito..ma io? sono finita? chi mi mantiene la famiglia? chi mi paga le bollette? e la mia voglia di lavorare non la vuole nessuno?? sono ancora giovane..sono nel pieno delle forze..so di valere tanto ma nessuno mi dà la possibilità di dimostrarlo perchè tutti pensano al guadagno..
    che mondo!
    verifica regole firma

  17. #17
    Banned
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    8

    ciao crisalex

    mi sembra di capire che forse non solo l'unico meno giovane della compagnia, comunque volevo chiarire che il mio studio realizza ed eroga minimprenditorie realizzate apposta per evitare investimenti da parte dei ns.giovani. Non abbiamo scoperto l'uovo di colombo,ma sicuramente stiamo cercando in ogni modo di suscitare degli input operativi interessanti per i ns.giovani o meno,almeno per quelli che stanchi delle varie ricerche, decidono di autorealizzarsi senza rischi.Non voglio dilungarmi altrimenti dimostrerei un particolare attaccamento ad un qualcosa che noi realizziamo effettivamente solo a livello hobbystico, e che speriamo utile e gradito. Saluti.

  18. #18
    User L'avatar di matadero
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Lucca - La Spezia
    Messaggi
    237
    Citazione Originariamente Scritto da lunagra Visualizza Messaggio
    mi sembra di capire che forse non solo l'unico meno giovane della compagnia, comunque volevo chiarire che il mio studio realizza ed eroga minimprenditorie realizzate apposta per evitare investimenti da parte dei ns.giovani. Non abbiamo scoperto l'uovo di colombo,ma sicuramente stiamo cercando in ogni modo di suscitare degli input operativi interessanti per i ns.giovani o meno,almeno per quelli che stanchi delle varie ricerche, decidono di autorealizzarsi senza rischi.Non voglio dilungarmi altrimenti dimostrerei un particolare attaccamento ad un qualcosa che noi realizziamo effettivamente solo a livello hobbystico, e che speriamo utile e gradito. Saluti.
    Mi scusi ma io non continuo a capire cosa fate
    Cosa vuol dire "eroga minimprenditorie"?
    Magari a qualcuno possono interessare....

  19. #19
    User L'avatar di voidcomputer
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    759

    MLM ... 90 su 100 si tratta di MLM

    Quando un soggetto propone "un qualcosa" di non comprensibile, 90 su 100, Vi stà prospettando un meraviglioso inserimento nel fantastico mondo di Ramsete, vale a dire piramidi, ovvero piramidale, da non confondersi con il sistema nervoso centrale, trattasi di multilevel.

  20. #20
    Utente Premium L'avatar di Furious
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Messaggi
    449
    Citazione Originariamente Scritto da voidcomputer Visualizza Messaggio
    Quando un soggetto propone "un qualcosa" di non comprensibile, 90 su 100, Vi stà prospettando un meraviglioso inserimento nel fantastico mondo di Ramsete, vale a dire piramidi, ovvero piramidale, da non confondersi con il sistema nervoso centrale, trattasi di multilevel.
    ...la accendiamo?

  21. #21
    User L'avatar di crisalex
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    53
    Ho voluto aspettare per vedere su qualcuno riusciva a capire cosa avesse scritto. Il non dilungarsi vuol dire, in questo caso, continuare a non spiegare.

    1 Erogare minimprenditorie: miniche?
    2 autorealizzarsi senza rischi: cioè?
    3 ...un particolare attaccamento ad un qualcosa che noi realizziamo effettivamente solo a livello hobbystico: ma se è iniziata questa discussione credo che l'attaccamento c'era?

  22. #22
    User L'avatar di crisalex
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    53

    ??????????????????

    non c'è più nessuna novità?


  23. #23
    Utente Premium L'avatar di Furious
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Messaggi
    449
    Citazione Originariamente Scritto da crisalex Visualizza Messaggio
    non c'è più nessuna novità?

    Non credo ci saranno più novita ora che sembra sia stato sgamato

  24. #24
    User
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Revello
    Messaggi
    64
    Citazione Originariamente Scritto da voidcomputer Visualizza Messaggio
    Quando un soggetto propone "un qualcosa" di non comprensibile, 90 su 100, Vi stà prospettando un meraviglioso inserimento nel fantastico mondo di Ramsete, vale a dire piramidi, ovvero piramidale, da non confondersi con il sistema nervoso centrale, trattasi di multilevel.
    Purtroppo hai ragione: solo che obiettivamente mi sento di dire questo: non tutti i multilevel sono piramidi o truffe.
    Purtroppo, specie in italia esiste una grande diffidenza in questo sistema che e' basato sul passaparola.

    Il motivo di questa diffidenza, oltre alle truffe, e' proprio dovuto al fatto che chi fa mlm tende sempre a fare il misterioso: in realta' l'obiettivo dovrebbe essere quello di catturare l'attenzione anche se nel 90% dei casi finiscono per farlo nel modo sbagliato e quindi spesso passano per essere dei truffatori specie da chi il sistema non lo conosce a fondo.

    Inoltre per uno che fa network e che lavora con etica e professionalita' sa benissimo che non ha senso andare a postare messaggi del genere sui forum.
    Anzi dovrebbe anche sapere che contribuisce ad aumentare la negativita' e chiusura nei confronti di tale sistema.

    Io mi sono documentato bene su questo tipo di imprenditoria, sulle leggi che lo regolano e sulle aziende che lo applicano. Come al solito generalizzare non ha senso e come in tutte le attivita' ci sono dei pro' e dei contro.
    Pubblicita' web on line: espandi i tuoi confini con internet

  25. #25
    User L'avatar di crisalex
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    53

    ancora ????

    scusate ancora una volta e poi penso che si possa chiudere la discussione.
    In cosa consisterebbe un multilevel?
    Lo conosco più per sentito dire che nei fatti.
    Spiegarlo potrebbe servire anche a qualcunaltro visto che chi erogava le "minimprenditorie" non lo fa!!!

  26. #26
    User
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Revello
    Messaggi
    64
    Guarda sto' preparando del materiale da postare su un blog.
    Appena ho un po' di tempo per finirlo te lo mando!
    Pubblicita' web on line: espandi i tuoi confini con internet

  27. #27
    Admin L'avatar di GameOver
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    --
    Messaggi
    537




    Legge 17 agosto 2005, n. 173
    "Disciplina della vendita diretta a domicilio e tutela del consumatore dalle forme di vendita piramidali"

    pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 204 del 2 settembre 2005

    ART. 1.
    (Definizioni e ambito di applicazione della legge)
    1. Al fini della presente legge si intendono:
    a) per "vendita diretta a domicilio", la forma speciale di vendita al dettaglio e di offerta di beni e servizi, di cui all'articolo 19 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114, effettuate tramite la raccolta di ordinativi di acquisto presso il domicilio del consumatore finale o nei locali nei quali il consumatore si trova, anche temporaneamente, per motivi personali, di lavoro, di studio, di intrattenimento o di svago;
    b) per "incaricato alla vendita diretta a domicilio", colui che, con o senza vincolo di subordinazione, promuove, direttamente o indirettamente, la raccolta di ordinativi di acquisto presso privati consumatori per conto di imprese esercenti la vendita diretta a domicilio;
    c) per "impresa" o "imprese", l'impresa o le imprese esercenti la vendita diretta a domicilio di cui alla lettera a).
    2. Le disposizioni della presente legge, ad eccezione di quanto previsto dagli articoli 5, 6 e 7, non si applicano alla offerta, alla sottoscrizione e alla propaganda ai fini commerciali di:
    a) prodotti e servizi finanziari;
    b) prodotti e servizi assicurativi;
    c) contratti per la costruzione, la vendita e la locazione di beni immobili.
    ART. 2.
    (Esercizio dell'attività di vendita diretta a domicilio)
    1. Alle attività di vendita diretta a domicilio di cui all'articolo 1, comma 1, lettera a), si applicano le disposizioni di cui agli articoli 19, 20 e 22, commi 1 e 2, del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114, nonché le disposizioni vigenti in materia di commercializzazione dei beni e dei servizi offerti.
    ART. 3.
    (Attività di incaricato alla vendita diretta a domicilio)
    1. L'attività di incaricato alla vendita diretta a domicilio, con o senza vincolo di subordinazione, è soggetta all'obbligo del possesso del tesserino di riconoscimento di cui all'articolo 19, commi 5 e 6, del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114, e può essere svolta da chi risulti in possesso dei requisiti di cui all'articolo 5, comma 2, del medesimo decreto legislativo.
    2. L'attività di incaricato alla vendita diretta a domicilio senza vincolo di subordinazione può essere esercitata come oggetto di una obbligazione assunta con contratto di agenzia.
    3. L'attività di incaricato alla vendita diretta a domicilio senza vincolo di subordinazione può essere altresí esercitata, senza necessità di stipulare un contratto di agenzia, da soggetti che svolgono l'attività in maniera abituale, ancorché non esclusiva, o in maniera occasionale, purché incaricati da una o più imprese.
    4. La natura dell'attività di cui al comma 3 è di carattere occasionale sino al conseguimento di un reddito annuo, derivante da tale attività, non superiore a 5.000 euro.
    5. Resta ferma la disciplina previdenziale recata dall'articolo 44, comma 2, ultimo periodo, del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326.
    ART. 4.
    (Disciplina del rapporto fra impresa affidante e incaricato alla vendita diretta a domicilio. Compenso dell'incaricato)
    1. All'incaricato alla vendita diretta a domicilio con vincolo di subordinazione si applica il contratto collettivo nazionale di lavoro applicato dall'impresa esercente la vendita diretta. All'incaricato alla vendita diretta a domicilio senza vincolo di subordinazione di cui all'articolo 3, comma 2, si applicano gli accordi economici collettivi di settore.
    2. Per l'incaricato alla vendita diretta a domicilio senza vincolo di subordinazione di cui all'articolo 3, comma 3, l'incarico deve essere provato per iscritto e può essere liberamente rinunciato, anche per fatti concludenti con relativa presa d'atto dell'impresa affidante, o revocato per iscritto tramite lettera raccomandata con avviso di ricevimento o altro mezzo idoneo. L'atto di conferimento dell'incarico deve contenere l'indicazione dei diritti e degli obblighi di cui ai commi 3 e 6.
    3. L'incaricato alla vendita diretta a domicilio senza vincolo di subordinazione di cui all'articolo 3, comma 3, ha diritto di recedere dall'incarico, senza obbligo di motivazione, inviando all'impresa affidante una comunicazione, a mezzo di lettera raccomandata con avviso di ricevimento, entro dieci giorni lavorativi dalla stipula dell'atto scritto di cui al comma 2. In tale caso, l'incaricato è tenuto a restituire a sua cura e spese i beni e i materiali da dimostrazione eventualmente acquistati e l'impresa, entro trenta giorni dalla restituzione dei beni e dei materiali, rimborsa all'incaricato le somme da questi eventualmente pagate. Il rimborso è subordinato all'integrità dei beni e dei materiali restituiti.
    4. Nei confronti dell'incaricato alla vendita diretta a domicilio non può essere stabilito alcun obbligo di acquisto:
    a) di un qualsiasi ammontare di materiali o di beni commercializzati o distribuiti dall'impresa affidante, ad eccezione dei beni e dei materiali da dimostrazione strumentali alla sua attività che per tipologia e quantità sono assimilabili ad un campionario;
    b) di servizi forniti, direttamente o indirettamente, dall'impresa affidante, non strettamente inerenti e necessari all'attività commerciale in questione, e comunque non proporzionati al volume dell'attività svolta.
    5. Nel caso in cui l'incarico venga rinunciato o revocato, il tesserino di riconoscimento di cui all'articolo 3, comma 1, è ritirato.
    6. In aggiunta al diritto di recesso di cui al comma 3, all'incaricato alla vendita diretta a domicilio è in ogni caso riconosciuto, in tutte le altre ipotesi di cessazione per qualsiasi causa del rapporto con l'impresa affidante, il diritto di restituzione e, entro trenta giorni, alla rifusione del prezzo relativamente ai beni e ai materiali integri eventualmente posseduti in misura non inferiore al 90 per cento del costo originario.
    7. L'incaricato alla vendita diretta a domicilio deve attenersi alle modalità e alle condizioni generali di vendita stabilite dall'impresa affidante. In caso contrario, egli è responsabile dei danni derivanti dalle condotte difformi da lui adottate rispetto alle modalità e alle condizioni di cui al primo periodo.
    8. L'incaricato alla vendita diretta a domicilio non ha, salvo espressa autorizzazione scritta, la facoltà di riscuotere il corrispettivo degli ordinativi di acquisto che abbiano avuto regolare esecuzione presso i privati consumatori nè di concedere sconti o dilazioni di pagamento.
    9. Il compenso dell'incaricato alla vendita diretta a domicilio senza vincolo di subordinazione è costituito dalle provvigioni sugli affari che, accettati, hanno avuto regolare esecuzione. La misura delle provvigioni e le modalità di corresponsione devono essere stabilite per iscritto.
    ART. 5.
    (Divieto delle forme di vendita piramidali e di giochi o catene)
    1. Sono vietate la promozione e la realizzazione di attività e di strutture di vendita nelle quali l'incentivo economico primario dei componenti la struttura si fonda sul mero reclutamento di nuovi soggetti piuttosto che sulla loro capacità di vendere o promuovere la vendita di beni o servizi determinati direttamente o attraverso altri componenti la struttura.
    2. È vietata, altresí, la promozione o l'organizzazione di tutte quelle operazioni, quali giochi, piani di sviluppo, "catene di Sant'Antonio", che configurano la possibilità di guadagno attraverso il puro e semplice reclutamento di altre persone e in cui il diritto a reclutare si trasferisce all'infinito previo il pagamento di un corrispettivo.
    ART. 6.
    (Elementi presuntivi)
    1. Costituisce elemento presuntivo della sussistenza di una operazione o di una struttura di vendita vietate ai sensi dell'articolo 5 la ricorrenza di una delle seguenti circostanze:
    a) l'eventuale obbligo del soggetto reclutato di acquistare dall'impresa organizzatrice, ovvero da altro componente la struttura, una rilevante quantità di prodotti senza diritto di restituzione o rifusione del prezzo relativamente ai beni ancora vendibili, in misura non inferiore al 90 per cento del costo originario, nel caso di mancata o parzialmente mancata vendita al pubblico;
    b) l'eventuale obbligo del soggetto reclutato di corrispondere, all'atto del reclutamento e comunque quale condizione per la permanenza nell'organizzazione, all'impresa organizzatrice o ad altro componente la struttura, una somma di denaro o titoli di credito o altri valori mobiliari e benefici finanziari in genere di rilevante entità e in assenza di una reale controprestazione;
    c) l'eventuale obbligo del soggetto reclutato di acquistare, dall'impresa organizzatrice o da altro componente la struttura, materiali, beni o servizi, ivi compresi materiali didattici e corsi di formazione, non strettamente inerenti e necessari alla attività commerciale in questione e comunque non proporzionati al volume dell'attività svolta.
    ART. 7.
    (Sanzioni)
    1. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque promuove o realizza le attività o le strutture di vendita o le operazioni di cui all'articolo 5, anche promuovendo iniziative di carattere collettivo o inducendo uno o più soggetti ad aderire, associarsi o affiliarsi alle organizzazioni od operazioni di cui al medesimo articolo, è punito con l'arresto da sei mesi ad un anno o con l'ammenda da 100.000 euro a 600.000 euro.
    2. Per le violazioni di cui al comma 1 si applica la sanzione accessoria della pubblicazione del provvedimento con le modalità di cui all'articolo 36 del codice penale e della sua comunicazione alle associazioni dei consumatori e degli utenti rappresentative a livello nazionale.
    3. All'impresa che non rispetti le disposizioni di cui all'articolo 4, commi 2, 3, 5, 6 e 9, si applica una sanzione amministrativa pecuniaria da 1.500 euro a 5.000 euro.
    Regole del ForumGT Per eventuali commenti si prega di usare i pvt
    Un filtro efficace pulisce rifiuti, scorie e detriti infetti, lasciando il resto limpido e trasparente.

  28. #28
    User
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Revello
    Messaggi
    64
    definizione multilevel marketing o anche network marketing: sistema di marketing basata sul marketing relazionale ( passaparola).

    Hai mai consigliato un ristorante, un film, o un posto dove comprare qualcosa a buon prezzo a qualcuno? Ti hanno mai pagato per questo?

    Le aziende che decidono di utilizzare il sistema del MLM solitamente non fanno pubblicita' attraverso i canali tradizionali attraverso call center, invio di posta, pubblicita' in tv eccc... .
    Piuttosto concentrano i loro sforzi sulla creazione di una rete di vendita basata sul passaparola e pagano direttamente delle provvigioni alle persone che decidono di associarsi a questa rete e di promuovere i loro prodotti e/o servizi.

    Le persone che decidono di aderire alla rete di distribuzione avranno due cose da fare: acquisire dei clienti (consigliando l'uso dei prodotti e/o servizi) e parlare dell'opportunita' di guadagno per selezionare altre persone che diventeranno a loro volta acquisitori di clienti e via dicendo. Cosi' facendo crescono sia il numero di clienti che la rete di vendita.

    Ti faccio un esempio, marco lavora per un azienda di mlm e chiama alcuni suoi amici: parla loro dei prodotti e/o servizi e dell'opportunita'. Qualcuno diventera' cliente, qualcun altro entrera' a far parte della rete di vendita e qualcun altro non fara' niente.

    Marco insegnera' a chi ha deciso di far parte della rete di vendita a fare lo stesso e, una volta che saranno stati acquisiti dei clienti dai nuovi incaricati marco avra' diritto a percepire una provvigione anche sul fatturato generato dai suoi collaboratori.

    Si chiama marketing multilivello perche' si generano dei livelli di conoscenza: marco conosce claudio che a sua volta conosce luca e giovanni ecc....

    Solitamente per entrare a far parte della rete di vendita occorre investire una certa somma di denaro da qualche decina di euro a qualche centinaia di euro. Secondo la
    legge n. 173 del 17 agosto 2005 "Disciplina della vendita diretta a domicilio e tutela del consumatore dalle forme di vendita piramidali" all'articolo 6 comma b) viene riportato questo:
    "
    b) l'eventuale obbligo del soggetto reclutato di corrispondere, all'atto del reclutamento e comunque quale condizione per la permanenza nell'organizzazione, all'impresa organizzatrice o ad altro componente la struttura, una somma di denaro o titoli di credito o altri valori mobiliari e benefici finanziari in genere di rilevante entita' e in assenza di una reale controprestazione;
    "
    In altre parole la somma richiesta per l'avvio dell'attivita' deve essere giustificata.

    Uno dei principi fondamentali su cui si basa il network marketing e' il principio della leva del tempo che e' anche un principio fondamentale dell'economia moderna.

    Partendo dal presupposto che in un giorno ci sono 24 ore, una persona, da sola, potra' al massimo lavorare 24h al giorno (se ce la fa!) e di conseguenza il suo guadagno potenziale per alto che sia ha un limite.

    Creando una rete di vendita di questo tipo e mettendo insieme piu' persone che lavorano poche ore al giorno si crea una forza lavoro decisamente superiore alle 24 ore che ci sono in un giorno.

    Esistono molti pregiudizi in Italia riguardo a questo sistema perche' ci sono molte aziende che hanno approfittato dell'ignoranza della gente promettendo soldi facili e in poco tempo: risultato la gente e' stata truffata.

    L'argomento del mlm e' stato trattato dai politici in modo piu' serio solo con la legge del 2005 che ti ho citato in precedenza.

    E per le aziende di network che operano in modo serio ed etico e' stata una grande soddisfazione: se diminuiscono lel truffe tale sistema puo' essere meglio visto dalla gente.

    Ci tengo a precisare che in un sistema di network marketing i guadagni possono essere molto superiori alla media: si puo' guadagnare da 0euro (niente) a migliaia di euro al mese. (Io conosco persone di entrambi i tipi).

    Una cosa che ti posso dire e' che chi sta' guadagnando tanto ha lavorato duramente e con costanza per diverso tempo prima di arrivare a quei livelli.

    I soldi facili non esistono: il mlm e' un sistema come un altro per guadagnare dei soldi ma come in tutti i sistemi occorre lavorare, sudare, ed essere costanti. Il consiglio che posso darti e' di diffidare da chi ti promette soldi facili (che e' diverso da alti guadagni).
    Se ti promettono di non lavorare e fare tanti soldi molto probabilmente ti stanno truffando!

    Inoltre il network marketing e' un po' come guardarsi allo specchio: molti tendono sempre ad accusare gli altri per giustificare i loro insuccessi e le loro insicurezze:
    in realta' quando entri in un sistema di mlm sai che non puoi comprare il tuo successo ma te lo devi creare lavorando con impegno costante in maniera etica: questo significa mettere in discussione i propri limiti e le proprie capacita'.

    Qui in Italia e' molto diffusa la cultura che il posto di lavoro e la carriera dipendono piu' dalle conoscenze (politiche e non) piuttosto che dalle capacita' personali.

    Nel network vero esiste solo la meritocrazia: piu' lavori e piu' guadagni.

    Inoltre la percentuale di gente che smette e' molto alta perche' se non si hanno motivazioni abbastanza forti risulta difficile andare avanti nei momenti difficili.

    Tanto per darti un'idea molte persone di successo che fanno network marketing all'inizio non hanno avuto alcun successo: magari hanno lavorato per mesi o anche anni senza portare a casa un centesimo....

    Serve una grossa motivazione per resistere ed andare avanti.
    Inoltre bisogna essere coscienti che il lavoro fatto portera' risultati nel medio lungo periodo piuttosto che nel breve periodo: cosa che non tutti sono disposti a fare.
    Per questo molti lo iniziano come attivita' part time.

    In realta' di aziende di network marketing serie ne esistono diverse: solitamente un'azienda che truffa entro 3-5 anni sparisce o viene fatta chiudere dalle autorita'.
    Pubblicita' web on line: espandi i tuoi confini con internet

  29. #29
    Admin L'avatar di GameOver
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    --
    Messaggi
    537
    Buonasera netblog.

    Quanto da lei postato relativamente a questo punto appare fuorviante e mistificatorio:
    Secondo la legge n. 173 del 17 agosto 2005 "Disciplina della vendita diretta a domicilio e tutela del consumatore dalle forme di vendita piramidali" all'articolo 6 comma b) viene riportato questo:
    "
    b) l'eventuale obbligo del soggetto reclutato di corrispondere, all'atto del reclutamento e comunque quale condizione per la permanenza nell'organizzazione, all'impresa organizzatrice o ad altro componente la struttura, una somma di denaro o titoli di credito o altri valori mobiliari e benefici finanziari in genere di rilevante entita' e in assenza di una reale controprestazione;
    "
    In altre parole la somma richiesta per l'avvio dell'attivita' deve essere giustificata.
    Lei fa credere che "In altre parole la somma richiesta per l'avvio dell'attivita' deve essere giustificata" mentre invece il punto b) dell'Art. 6 rappresenta una delle circostanze vietate ai sensi dell'Art 5:




    ART. 6.
    (Elementi presuntivi)
    1. Costituisce elemento presuntivo della sussistenza di una operazione o di una struttura di vendita vietate ai sensi dell'articolo 5 la ricorrenza di una delle seguenti circostanze:
    a) l'eventuale obbligo del soggetto reclutato di acquistare dall'impresa organizzatrice, ovvero da altro componente la struttura, una rilevante quantità di prodotti senza diritto di restituzione o rifusione del prezzo relativamente ai beni ancora vendibili, in misura non inferiore al 90 per cento del costo originario, nel caso di mancata o parzialmente mancata vendita al pubblico;
    b) l'eventuale obbligo del soggetto reclutato di corrispondere, all'atto del reclutamento e comunque quale condizione per la permanenza nell'organizzazione, all'impresa organizzatrice o ad altro componente la struttura, una somma di denaro o titoli di credito o altri valori mobiliari e benefici finanziari in genere di rilevante entità e in assenza di una reale controprestazione;
    Probabilmente lei ha equivocato il testo di legge.

    Così non fosse, dovremmo ipotizzare un tentativo di raggirare la buona fede degli utenti del Forum.

    Lei, netbog ha equivocato?
    Ultima modifica di GameOver; 23-05-07 alle 22:13
    Regole del ForumGT Per eventuali commenti si prega di usare i pvt
    Un filtro efficace pulisce rifiuti, scorie e detriti infetti, lasciando il resto limpido e trasparente.

  30. #30
    User
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Revello
    Messaggi
    64
    forse mi sono espresso male con il mio commento personale!

    Cito nuovamente l'art. 6 porgendo l'attenzione al punto 1 ....

    ART. 6.
    (Elementi presuntivi)
    1. Costituisce elemento presuntivo della sussistenza di una operazione o di una struttura di vendita vietate ai sensi dell'articolo 5 la ricorrenza di una delle seguenti circostanze:
    a) l'eventuale obbligo del soggetto reclutato di acquistare dall'impresa organizzatrice, ovvero da altro componente la struttura, una rilevante quantità di prodotti senza diritto di restituzione o rifusione del prezzo relativamente ai beni ancora vendibili, in misura non inferiore al 90 per cento del costo originario, nel caso di mancata o parzialmente mancata vendita al pubblico;
    b) l'eventuale obbligo del soggetto reclutato di corrispondere, all'atto del reclutamento e comunque quale condizione per la permanenza nell'organizzazione, all'impresa organizzatrice o ad altro componente la struttura, una somma di denaro o titoli di credito o altri valori mobiliari e benefici finanziari in genere di rilevante entità e in assenza di

    Lei fa credere che "In altre parole la somma richiesta per l'avvio dell'attivita' deve essere giustificata" mentre invece il punto b) dell'Art. 6 rappresenta una delle circostanze vietate ai sensi dell'Art 5:
    Non e' mia intenzione far credere niente a nessuno! e come ho gia' detto mi sono espresso male nel mio commento e mi scuso per il mio comportamento verso tutti gli utenti del forum.
    Quello che volevo dire e' che la legge definisce giustamente elementi presuntivi di attivita' illegali il verificarsi di una o tutte le circostanze riportate ai comma a) e comma b).

    Per quanto riguarda in particolare il comma b) dove dice
    ..... in assenza di una reale controprestazione;
    Io l'ho interpretata che nel fatto che la somma di denaro richiesta deve essere investita per ricevere una reale controprestazione. In caso contrario viola la legge ai sensi dell'art. 5.

    Nel mio post precedente ho citato proprio questo punto per informare gli utenti ed aiutarli a cercar di capire cosa e' legale e cosa non lo e'.

    Ho cercato di raccontare con parole + o - semplici cio' che so del network marketing evidenziandone gli aspetti positivi e negativi.
    Pubblicita' web on line: espandi i tuoi confini con internet

  31. #31
    Admin L'avatar di GameOver
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    --
    Messaggi
    537
    forse mi sono espresso male con il mio commento personale!
    Buongiorno netblog.

    La ringrazio per la precisazione.
    Regole del ForumGT Per eventuali commenti si prega di usare i pvt
    Un filtro efficace pulisce rifiuti, scorie e detriti infetti, lasciando il resto limpido e trasparente.

  32. #32
    User L'avatar di crisalex
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    53

    un po' più chiaro

    Ora mi è più chiaro cosa sia il multilevel.
    Cito alcuni esempi che mi sono capitati per vedere se effettivamente erano dei Multilevel.

    1. Mi telefonano a casa per promuovere dei nuovi prodotti per bambini dandomi un appuntamento in un hotel per ritirare quantomeno un omaggio (in quel caso un biciclettina) e per visionare le "novità". La "novità" era la proposta di acquistare un enciclopedia multimediale con "PC in omaggio"!!!! Risultato: mi prendo la bici e li mando gentilmente a ......
    2. Mi telefonano di nuovo a casa per promuovere una nuova "agenzia" viaggi con in omaggio un week-end a scelta con appuntamento sempre in un hotel. In realtà proponevano un sorta di pacchetti vacanze per un tot di anni dove il primo viaggio non lo avresti pagato ma iniziavi solo dal secondo e altre vaccate varie. Risultato: li mando gentilmente a ...
    In entrambi i casi dovevo arrivare dicendo il nome di chi mi aveva contattato.
    Credo di avere caipto quindi che questi siano casi di MLM giusto?

    PS ma l'erogatore di minimprenditorie??!!!

  33. #33
    User
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Revello
    Messaggi
    64
    non so se fossero dei multilevel o no... potrebbero anche aver fatto pubblicità tramite call center e basta...
    In ogni caso se si tratta di mlm io non mi fiderei perche' iniziano gia' raccontando bugie dalla prima telefonata!
    Buona giornata!
    Pubblicita' web on line: espandi i tuoi confini con internet

  34. #34
    User
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    Milano
    Messaggi
    203
    Non ho letto le risposte degli altri per mancanza di tempo... rispondo a chi ha aperto il thread:

    Magari "noi" giovani preferiamo collaborazioni subordinate perchè aprire un attività imprenditoriale ha dei costi sproporzionati in termini di iscrizione alla camera di commercio, p.iva (che mi pare si paghi cmq un minimo di 2500 euro annui...), atti vari dal notaio etc.
    Se ti riferivi ad un programma di affiliazione in nero allora a maggior ragione i giovani intelligenti preferiscono farsi assumere e cominciare a versare i contributi
    Se avete letto Lire 26.900 di Frédéric Beigbeder... beh io voglio andare in pensione a 33 anni "pare sia l'età migliore per resuscitare"

  35. #35
    User L'avatar di crisalex
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    53
    Citazione Originariamente Scritto da Pierquinto Visualizza Messaggio
    Non ho letto le risposte degli altri per mancanza di tempo... rispondo a chi ha aperto il thread:

    Magari "noi" giovani preferiamo collaborazioni subordinate perchè aprire un attività imprenditoriale ha dei costi sproporzionati in termini di iscrizione alla camera di commercio, p.iva (che mi pare si paghi cmq un minimo di 2500 euro annui...), atti vari dal notaio etc.
    Se ti riferivi ad un programma di affiliazione in nero allora a maggior ragione i giovani intelligenti preferiscono farsi assumere e cominciare a versare i contributi
    Se avete letto Lire 26.900 di Frédéric Beigbeder... beh io voglio andare in pensione a 33 anni "pare sia l'età migliore per resuscitare"

    Il fatto di aprire una propria attività sicuramente ha dei costi. Dipende però molto anche da che tipo di p.iva si apre.
    Ti consiglio comunque di leggere i vari tentativi di chiarimento del "pensiero2 di chi ha aperto la discussione.
    Logicamente il discorso del lavorare in nero è da scartare perchè a me girano i c...oni quando pago le tasse e poi sento gente che non le paga o le evade o lavora in nero e poi quando è ora di avere dei servizi (mutua, comune, ecc...) si lamenta della scarsa qualità. I problemi sono anche dovuti a questo.
    con questo non voglio aprire una discussione politica (come ho già detto in precedenza non è il luogo giusto) ma sarebbe ora che ognuno si prendesse le sue responsabilità e non cerchi di fottere il "vicino".

  36. #36
    Banned
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    275

    ...

    Citazione Originariamente Scritto da lunagra Visualizza Messaggio
    ...abbiamo realizzato delle affiliazioni low cost senza alcun investimento per tutti quei giovani che hanno volontà di mininiziative imprenditoriali locali; abbiamo offerto gratuitamente assistenza,consulenza e materiale di prima necessità;siamo convinti che è una valida occasione per il particolare momento lavorativo nazionale....,ma posso garantirvi che in tanti, direi in troppi, hanno dichiarato di preferire il lavoro dipendenziale.Ma dove lo andiamo a reperire??...oppure ci manca sempre quella iniziativa logica dei nostri nordeuropeisti??...lo scrivente non è un vs.coetaneo, per cui preferirebbe essere aggiornato sulle vostre particolari pèreferenze o disponibilità.Grazie.
    Sono d'accordo con te; i ragazzi hanno sempre meno spirito di iniziativa, motività imprenditoriali, interesse ecc. Preferirebbero la maggior parte il lavoro dipendenziale e a volte (anche troppe) di tipo "nullafacente" tipo lavoro statale. Sarà forse un brutto esempio lasciato dalla scorsa generazione?

  37. #37
    User L'avatar di crisalex
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    53
    Citazione Originariamente Scritto da webdirectory Visualizza Messaggio
    Sono d'accordo con te; i ragazzi hanno sempre meno spirito di iniziativa, motività imprenditoriali, interesse ecc. Preferirebbero la maggior parte il lavoro dipendenziale e a volte (anche troppe) di tipo "nullafacente" tipo lavoro statale. Sarà forse un brutto esempio lasciato dalla scorsa generazione?
    Evidentemente non sono stati letti i vari interventi perchè una uscita del genere non si spiega altrimenti.
    In merito allo spirito d'iniziativa io sto pagando proprio questo. Se avessi voluto sarei rimasto dove ero in precedenza anche con la crisi dell'azienda e sfruttando la cassa integrazione (come fanno molti peraltro). Crisi dell'azienda creata anche da parte dei cosiddetti imprenditori, che invece di controllare cosa faceva l'ufficio acquisti acquistava p.es. i distributori di bibite e caffè nell'azienda. Così i miei colleghi (io no perchè a quel punto mi portavo un bel termos) davano al padrone i soldi che poi avrebbe dato loro in busta!!!!
    Purtroppo il mercato p.es. della grafica è una giungla e probabilmente non ho ancora trovato il modo di sopravvivere. però per ora non mollo.

  38. #38
    Banned L'avatar di Domainers
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    45

    mia esperienza

    Ciao ragazzi, scusate se mi intrometto, ma ho letto tutta la discussione in un fiato, la ritengo attualissima e molto importante.
    Se può esservi d'aiuto vorrei sare la mia esperienza in breve...
    ho 25 anni , da quando ne avevo 21 lavoro per un'azienda spa da milioni di fatturato (lo dico per far intuire la tipologia aziendale, non per altro) con sede a 600 km da casa mia. Svolgo una mansione di responsabilità, gestendo commercialmente una regione. Infiniti impegni e regime impostato dalla mentalità aziendale durissimo...troppo.
    Sono caratterialmente un imprenditore, odio la subordinazione e soffro molto nei panni del dipendente. a settembre 2006 prendo la decisione: apro una ditta individuale (da qualche parte dovevo iniziare)... ed inizia la tragedia!
    Infiniti colloqui con avvocati, commercialisti, camera di commercio, istituzioni e uffici vari, internet giornali e altri mezzi di informazione per documentarmi sul da farsi, insomma un lavoro immenso e sfinente, durato settimane mentre nel frattempo lavoravo come dipendente. Apro la ditta. Senza soldi, senza soci, senza appoggi, senza sede.... solo una gran voglia di libertà, entusiasmo, passione, coraggio, e impegno.
    Ad oggi, mi ritrovo che continuo a lavorare come dipendente per poter finanziare la mia ditta (non potrei farne a meno) , aver speso oltre 10'000 euro tra tasse, inps, commercialista, avvocato, lavori vari e attrezzature.
    Non posso ancora mantenermi con questo lavoro, anzi.

    Qualcuno nei precedenti topics parlava di DISINFORMAZIONE da parte delle istituzioni.... è sacrosanto vero. Quello che è chiaro (forse) sono soltanto le cose da pagare!!! Benefici? Tassi agevolati? finanziamenti a fondo perduto? CHI? DOVE? QUANDO????
    Ragazzi, siamo soli, abbandonati a noi stessi. Non mi si venga a dire "i giovani di oggi non hanno voglia, non hanno idee, non hanno capacità...."
    sono stron...ate! i nostri "vecchi" hanno vissuto forse meglio, specie negli anni 70-80 dove c'era il boom economico, dove il rappresentante poteva permettersi un appartamento all'anno.... oggi sono altri tempi!
    Io continuerò a lottare e ad andare avanti per inseguire il mio sogno, ma non si dicano sciocchezze sui giovani d'oggi!
    Dite a chi pensa questo che mi dia in mano a me 1 milione di euro, poi i business glieli metto in piedi io. Noi abbiamo infinite idee, ma senza soldi, senza supporto e aiuto, e senza informazione non possiamo andare da nessuna parte, rimarremo sempre schiavi del "padrone" di lavoro che ci sfrutta con miseri contratti.
    Scusate la lunghezza, ma è tutta la verità che mi sentivo di dire.
    Auguri a tutti!
    Ciao!
    w l'italia e la sua burocrazia!
    Ultima modifica di Domainers; 29-05-07 alle 01:55

  39. #39
    User L'avatar di crisalex
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    53

    qualcuno che parla seriamente!!!

    vedo che allora non sono il solo a dire certe cose.
    Purtroppo si tende a fare di tutta l'erba un fascio me nel caso della burocrazia è così.

  40. #40
    User
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    .....
    Messaggi
    216
    Ciao ho letto il tuo post:

    "...abbiamo realizzato delle affiliazioni low cost senza alcun investimento per tutti quei giovani che hanno volontà di mininiziative imprenditoriali locali; abbiamo offerto gratuitamente assistenza,consulenza e materiale di prima necessità;siamo convinti che è una valida occasione per il particolare momento lavorativo nazionale....,ma posso garantirvi che in tanti, direi in troppi, hanno dichiarato di preferire il lavoro dipendenziale.Ma dove lo andiamo a reperire??...oppure ci manca sempre quella iniziativa logica dei nostri nordeuropeisti??...lo scrivente non è un vs.coetaneo, per cui preferirebbe essere aggiornato sulle vostre particolari pèreferenze o disponibilità.Grazie."

    E dire che sono interessato è troppo banale,
    puoi contattarmi quando vuoi in MP sono disponibilissimo per iniziare, pronto ad imparare, purtroppo non ho soldi e non posso comprare nulla, tantomeno pagare assistenze o consulenze, la lettura del tuo post è stata illuminante ogni giorno sono alla ricerca di conoscienza e credo che internet ne sia la fonte suprema.
    Spero in una risposta ricca di novità e di interesse.
    Grazie

    Ps:ho 21 anni.
    Ultima modifica di IL_FOLLE; 01-06-07 alle 03:15

  41. #41
    Banned
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    8
    Lunagra a Crisalex e Buccia 81, intanto vorrei farmi perdonare per il poco tempo che posso dedicare a questi colloqui con voi giovani, realizzando il tutto molto velocemente, e probabilmente con qualche falsa cronipresentazione. Comunque mi accorgo ancora che facilmente si fa affidamento a capitali,mutui e quant'altro di economico possa arrivare nelle proprie tasche derivanti non già da tentativi lavorativi effettuati, ma da richieste personalizzate e purtroppo ritenute propri diritti dei nostri potenziali operatori. Noto ancora che facilmente si disdegna ogni tentativo di autorealizzazione personale, anche senza capitali iniziali, sì avete capito bene proprio senza particolari investimenti; nella mia zona alcuni giovani hanno già iniziato ed a loro noi abbiamo recapitato programmi precompilati e collaudati con CD dispense,bruchure e materiale di prima necessità oltre che stage informativi via on line senza chiedere compensi ma accettanto una royalty mensile del 10% su reddito effettivamente realizzato,mentre per le spese iniziali di avviamento le stesse sono coperte con una somma una tantum irrisoria che di solito non supera le 250,oo €. Chiaramente questa precisazione non viene erogata con fini prettamente commerciali, ma sta solamente a dimostrare,per chi eventualmente ne avesse bisogno, che,come diceva qualcuno di non fare di tutto un erba un fascio, ci sono anche giovani disposti a rischiare parte del loro tempo pur di fare un tentativo in cui non esiste un rischio economico, daltronde molti sono lì senza far niente,magari conversando giustamente e positivamente in questo nostro sito.Signori lungi da me qualunque polemica, ma sempre disponibile a dare modesti consigli.Auguri.

  42. #42
    gio
    gio è offline
    User
    Data Registrazione
    Feb 2005
    Messaggi
    36
    Bella storia Domainers.

    Dovresti aprire un topic in Società Civile e riportare questo caso, che varrebbe la pena di discutere queste cose!!!



    Fantastico lunagra!!!
    Dunque te sei di quelli che ai giovani chiede i soldi prima ("per le spese iniziali di avviamento le stesse sono coperte con una somma una tantum irrisoria che di solito non supera le 250,oo €.") per promettere aria fritta.

    Voi siete di quelli che recapitato programmi precompilati e collaudati con CD dispense,bruchure e materiale di prima necessità oltre che stage informativi via on line, beccano i soldi e ciao arrivederci.

    Immagino che tu sia anche uno di quelli che manda le proposte di finanziamento via email tipo "sei stato prescelto!!!" oppure "finanziamenti faciliii!!! per accedere ai quali si deve versare un'iscrizione di qualche centinaia di euro per poi non vedere più nulla.

    Hei lunagra, quanti giovani inesperti e desiderosi di inserirsi nel mondo del lavoro hai già "assistito" in questo modo?

    Su dai lunagra, deliziaci ancora e raccontaci come voi anziani esperti assistete noi giovani privi di iniziativa ed apatici, come ci inserite nel mondo del lavoro e come ci aiutate anche se siamo fannulloni.

    Forza lunagra, raccontaci ancora dei "tentativi di autorealizzazione personale" e cerca di convincerci meglio che magari qualche pollo che ti manda i 250 eurini lo trovi.


    ... ma non c'è un moderatore qui?
    ... ma ste truffe, proprio sul Forum Giorgiotave?
    Gio per tutti.

  43. #43
    Banned L'avatar di Domainers
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    45

  44. #44
    User
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Messaggi
    112
    Il fatto che si cerchi il lavoro dipendente e stabile penso sia ovvio, inutile intrattenersi sui perché ed i per come, anche un lavoro autonomo può rappresentare stabilità e realizzazione della propria personalità, oggi che il lavoro dipendente è diventato caporalato legalizzato ti spoglia della tua dignità, cosa che prima non era, certo vi era più disoccupazione di lunga durata forse ma ti sentivi meno umiliato sotto certi aspetti, sono convinto che molti giovani e non solo giovani sarebbero ben felici di realizzarsi in proprio, oggi grazie alle nuove tecnologie sarebbe possibile e gradevole ma la legislazione da ubriachi che c'e' in Italia lo rende assai arduo, pensiamo soltanto al caso Adsense vi pare da sani di mente che uno che racimola qualche decina o al massimo 100 euro al mese debba aprire partita I.V.A., camera commercio e mi pare di aver letto ma forse mi sbaglio che deve chiedere pure autorizzazione al comune ma suvvia questo è un paese di ***** e basta, in Inghilterra solo se superi mi pare 50.000 euro sei tenuto ad aprire I.V.A come professionista, il punto è che viviamo in un paese di trogloditi e di ******* a multilivello, non tralascerei la commistione tra lobby commercialisti e governi che si sono succeduti, questo paese necessita non di una riforma fiscale ma di una profonda riforma fiscale, ma vi pare possibile che in Italia vi siano più commercialisti che in tutti gli altri paesi industrializzati?.
    Ultima modifica di Andrez; 01-06-07 alle 13:38 Motivo: :():

  45. #45
    Banned
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    8

    Caro Giò

    Da Lunagra a Giò, noto con tanto dispiacere che malgrado abbia chiarito di non aver alcun interesse promozionale alle ns.iniziative nel sito Tave,qualcuno non riesce o non vuole digerire certe situazioni che lo stesso non sopporta. Comunque malgrado tutto ti vorrei chiedere quale sarebbe la convenienza da noi proposta considerato che attualmente noi con quella misera somma di € 250,oo eroghiamo:-uno stage quindicinale personalizzato, matrici di programmi precompilati e collaudati, dispense n. 3 di corsi di settori diversi quali il didattico, il formativo,l'informativo;CD di supporto didattico e la presenza settimanale di un ns. funzionario nella sede del collaboratore in qualunque zona della ns.regione essa è stata realizzata per un periodo di 6 mesi. Tutto questo ha un costo di €250,oo, orbene sarebbe giusto chiederti di fare un pò di conti prima di esprimerti senza essere particolarmente informato: ragazzi posso garantirvi che esiste in giro ancora gente disponibile, e comunque allorchè mi sono presentato per la prima volta in questo sito ebbi a dichiarare che il ns. studio hobbysticamente fa quello che è possibile per dare una mano ai ns. giovani; e considerato dalla discussione in atto che di Giò sembra ce ne siano un bel pò, credo che il mio aiuto sia fuori posto per la qualcosa vi faccio tanti auguri di una desiderata sistemazione professionale, paternamente AUGURI.

  46. #46
    Utente Premium L'avatar di Furious
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Messaggi
    449
    Citazione Originariamente Scritto da lunagra Visualizza Messaggio
    Da Lunagra a Giò, noto con tanto dispiacere che malgrado abbia chiarito di non aver alcun interesse promozionale alle ns.iniziative nel sito Tave,qualcuno non riesce o non vuole digerire certe situazioni che lo stesso non sopporta. Comunque malgrado tutto ti vorrei chiedere quale sarebbe la convenienza da noi proposta considerato che attualmente noi con quella misera somma di € 250,oo eroghiamo:-uno stage quindicinale personalizzato, matrici di programmi precompilati e collaudati, dispense n. 3 di corsi di settori diversi quali il didattico, il formativo,l'informativo;CD di supporto didattico e la presenza settimanale di un ns. funzionario nella sede del collaboratore in qualunque zona della ns.regione essa è stata realizzata per un periodo di 6 mesi. Tutto questo ha un costo di €250,oo, orbene sarebbe giusto chiederti di fare un pò di conti prima di esprimerti senza essere particolarmente informato: ragazzi posso garantirvi che esiste in giro ancora gente disponibile, e comunque allorchè mi sono presentato per la prima volta in questo sito ebbi a dichiarare che il ns. studio hobbysticamente fa quello che è possibile per dare una mano ai ns. giovani; e considerato dalla discussione in atto che di Giò sembra ce ne siano un bel pò, credo che il mio aiuto sia fuori posto per la qualcosa vi faccio tanti auguri di una desiderata sistemazione professionale, paternamente AUGURI.

    ...e qui direi che urge l'intervento del maestro Brebei

  47. #47
    Admin L'avatar di GameOver
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    --
    Messaggi
    537
    ... ma non c'è un moderatore qui?
    Buongiorno lunagra.

    Il tipo di adescamento da lei presentato non è apprezzato in questo forum.
    Ultima modifica di GameOver; 01-06-07 alle 14:35
    Regole del ForumGT Per eventuali commenti si prega di usare i pvt
    Un filtro efficace pulisce rifiuti, scorie e detriti infetti, lasciando il resto limpido e trasparente.

  48. #48
    User
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Messaggi
    99
    Citazione Originariamente Scritto da Domainers Visualizza Messaggio
    Ciao ragazzi, scusate se mi intrometto, ma ho letto tutta la discussione in un fiato, la ritengo attualissima e molto importante.
    Se può esservi d'aiuto vorrei sare la mia esperienza in breve...
    ho 25 anni , da quando ne avevo 21 lavoro per un'azienda spa da milioni di fatturato (lo dico per far intuire la tipologia aziendale, non per altro) con sede a 600 km da casa mia. Svolgo una mansione di responsabilità, gestendo commercialmente una regione. Infiniti impegni e regime impostato dalla mentalità aziendale durissimo...troppo.
    Sono caratterialmente un imprenditore, odio la subordinazione e soffro molto nei panni del dipendente. a settembre 2006 prendo la decisione: apro una ditta individuale (da qualche parte dovevo iniziare)... ed inizia la tragedia!
    Infiniti colloqui con avvocati, commercialisti, camera di commercio, istituzioni e uffici vari, internet giornali e altri mezzi di informazione per documentarmi sul da farsi, insomma un lavoro immenso e sfinente, durato settimane mentre nel frattempo lavoravo come dipendente. Apro la ditta. Senza soldi, senza soci, senza appoggi, senza sede.... solo una gran voglia di libertà, entusiasmo, passione, coraggio, e impegno.
    Ad oggi, mi ritrovo che continuo a lavorare come dipendente per poter finanziare la mia ditta (non potrei farne a meno) , aver speso oltre 10'000 euro tra tasse, inps, commercialista, avvocato, lavori vari e attrezzature.
    Non posso ancora mantenermi con questo lavoro, anzi.
    Il problema è, come dici tu, che sei partito senza soldi, appoggi, soci e sede. E' una cosa molto sbagliata.

    Sempre x rientrare nella categoria "giovani che si danno da fare" io e degli amici stiamo creando una società proprio per aiutare chi come te deve cominciare da zero a crearsi gli appoggi, a trovare i clienti e i soldi x cominciare. L'unica cosa che serve è una buona idea.


    Qualcuno nei precedenti topics parlava di DISINFORMAZIONE da parte delle istituzioni.... è sacrosanto vero. Quello che è chiaro (forse) sono soltanto le cose da pagare!!! Benefici? Tassi agevolati? finanziamenti a fondo perduto? CHI? DOVE? QUANDO????
    Concordo sulla difficoltà di riuscire ad aggregare tutti i dati e le opportunità che si offrono.
    Tuttavia di opportunità ne esistono molte. Per esempio il prossimo programma di fondi europei per l'innovazione ha una dotazione di svariati miliardi di euro, con una discreta parte proprio per piccole e medie imprese.
    Il tutto SENZA essere legato ad aree sottosviluppate (obiettivo 2).
    Ragazzi, siamo soli, abbandonati a noi stessi. Non mi si venga a dire "i giovani di oggi non hanno voglia, non hanno idee, non hanno capacità...."
    sono stron...ate! i nostri "vecchi" hanno vissuto forse meglio, specie negli anni 70-80 dove c'era il boom economico, dove il rappresentante poteva permettersi un appartamento all'anno.... oggi sono altri tempi!
    Io continuerò a lottare e ad andare avanti per inseguire il mio sogno, ma non si dicano sciocchezze sui giovani d'oggi!
    Dite a chi pensa questo che mi dia in mano a me 1 milione di euro, poi i business glieli metto in piedi io. Noi abbiamo infinite idee, ma senza soldi, senza supporto e aiuto, e senza informazione non possiamo andare da nessuna parte, rimarremo sempre schiavi del "padrone" di lavoro che ci sfrutta con miseri contratti.
    Scusate la lunghezza, ma è tutta la verità che mi sentivo di dire.
    Auguri a tutti!
    Ciao!
    w l'italia e la sua burocrazia!
    Concordo in larga parte su quello che scrivi sul periodo 70-80, periodo di crescita finanziata da una spesa pubblica che pagheremo per i prossimi 50 anni.

    Una cosa che però vedo, anche così parlando con dei potenziali imprenditori, è una scarsa propensione al venture capital o cmq all'accettare dei soci "finanziatori".

    Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca.. se veramente ti serve 1 milione di euro per mettere in piedi una buona idea qualcuno che te lo da c'è, ma non puoi pretendere di tenerti l'80% dell'azienda poi.

    In definitiva, benissimo quello che dici sulla difficoltà di riuscire a partire con una propria attività, però ci vuole anche + intraprendenza... prima di partire, hai provato a cercare dei fondi di venture capital a cui sottoporre la tua idea? Hai provato a contattare dei business angels? Hai provato a fare un business plan?
    Son tutte cose che il 99% dei giovani imprenditori trascurano.. e sono molto importanti in realtà.

  49. #49
    Banned L'avatar di Domainers
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    45
    Ciao Aldwin, quello che dici tu, è idealisticamente vero, ma altrettanto raro e di difficile realizzazione. Molti giovani, me compreso, hanno (giustamente forse) paura di sottoporre le proprie idee a sconosciuti, per paura di essere "derubati" delle proprie idee e per paura di essere in futuro "soppiantati" nelle proprie azioni. Ovviamente ci saranno solidi contratti alla base di questi accordi, ma quanti casi conosci di giovani società create dal nulla da persone (giovani) non abbienti e non appartenenti ad ambienti di spicco che abbiano seguito questo iter?
    Ripeto, quello che dici è giustissimo, ma almeno nel mio caso (e credo anche in molti altri) difficilmente si sarebbe potuto realizzare. Personalmente mi sentirei un attimo in difficoltà a mettere in mezzo una persona "potente" e con parecchia licquidità che gestisca le mie idee... io diventerei il burattino che una volta diventato superfluo.... viene licquidato o ignorato.
    forse mi sbaglio....
    Non è una critica, per carità, è uno scambio di opinioni, anzi, per cultura personale, mi interesserebbe informarmi meglio di questa cosa che al momento è abbastanza oscura almeno per me.

  50. #50
    User
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Messaggi
    99
    Citazione Originariamente Scritto da Domainers Visualizza Messaggio
    Ciao Aldwin, quello che dici tu, è idealisticamente vero, ma altrettanto raro e di difficile realizzazione. Molti giovani, me compreso, hanno (giustamente forse) paura di sottoporre le proprie idee a sconosciuti, per paura di essere "derubati" delle proprie idee e per paura di essere in futuro "soppiantati" nelle proprie azioni. Ovviamente ci saranno solidi contratti alla base di questi accordi, ma quanti casi conosci di giovani società create dal nulla da persone (giovani) non abbienti e non appartenenti ad ambienti di spicco che abbiano seguito questo iter?
    Ti capisco benissimo, anche perchè ho 24 anni e so cosa si prova ad avere un'idea buona e paura che qualcuno te la rubi

    Esistono diversi accorgimenti per riuscire a evitare che il potente di turno possa appropriarsi della tua idea.. ci sono dei contratti in cui ci si impegna reciprocamente a non rivelare informazioni sul potenziale servizio per un anno o due e, tra l'altro, puoi sempre inviarti il business plan per raccomandata per dimostrare che l'idea è una copia della tua in una eventuale causa (che posso immaginare si voglia evitare, visti i tempi ).

    E' chiaro che poi molto si gioca anche sulla reputazione della controparte, e per questo bisognerebbe concentrarsi su grossi fondi di venture capital (che vagliano centinaia di idee all'anno) o comunque, per progetti di minore portata, su persone con esperienza nel settore e soldi (business angels) ma affidabili. (e qui c'è il problema di come verificarne l'affidabilità che per il momento lascerei da parte)

    Per fare 2 esempi di società italiane create con il Venture Capital ti cito Tiscali e Yoox.
    Nel caso di Yoox, il fondatore ha ricevuto 25 milioni per cominciare da un fondo americano.
    I tempi erano diversi, era il 2000 e si era in pieno boom x la new economy, ma non a tutti servono 25 milioni

    Ripeto, quello che dici è giustissimo, ma almeno nel mio caso (e credo anche in molti altri) difficilmente si sarebbe potuto realizzare. Personalmente mi sentirei un attimo in difficoltà a mettere in mezzo una persona "potente" e con parecchia licquidità che gestisca le mie idee... io diventerei il burattino che una volta diventato superfluo.... viene licquidato o ignorato.
    forse mi sbaglio....
    E' chiaro che non ti ci puoi mettere da solo su queste cose.. devi comunque farti seguire da un avvocato per lo statuto della società e possibilmente da qualcuno che ti possa consigliare.. si tratta di spendere qualche soldo, ma piuttosto che buttarli in una società che fallisca è meglio magari metterne 1 o 2 mila per un avvocato che ti segua.

    Riguardo alla questione del burattino, non è così, di solito. Tieni conto che queste persone in genere hanno soldi e agganci, ma non capiscono un accidente di quello che stai facendo a livello di "core business". Di conseguenza senza te e la tua idea la cosa non potrebbe funzionare e lo sanno anche loro.

    Tra l'altro il loro interesse è quello di un ritorno economico, quindi non hanno interesse a derubarti dell'azienda per poi vedere i loro soldi buttati.
    Con questo non voglio dire che non ci sia da stare attenti a cosa fanno, intendiamoci.


    Non è una critica, per carità, è uno scambio di opinioni, anzi, per cultura personale, mi interesserebbe informarmi meglio di questa cosa che al momento è abbastanza oscura almeno per me.
    Se ti riferisci al Venture Capital o ai Business Angels ti consiglio di cercare su Google fonti in inglese.. troverai sicuramente spiegazioni molto migliori delle mie.

    Se ti riferisci al servizio che stiamo creando non posso dire niente perchè è ancora in creazione :P
    Ultima modifica di aldwin; 01-06-07 alle 15:23 Motivo: avevo detto troppo..

+ Rispondi alla Discussione
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.