Ravenna, famosa in tutto il mondo per la bellezza dei suoi mosaici bizantini, è una città dal passato glorioso dove storia, arte e cultura si fondono in modo mirabile.
Situata a sud delle Valli di Comacchio e a otto km dal mare Adriatico al quale è collegata attraverso il canale navigabile Candiano, la città fu capitale dell’Impero Romano d’Occidente, capitale durante il dominio dei goti all’epoca di Teodorico e capitale dell’impero di Bisanzio in Europa.

Otto monumenti bizantini e paleocristiani sono stati dichiarati dall’UNESCO patrimonio dell’umanità: il Mausoleo di Galla Placida, il Battistero Neoniano, la Cappella Arcivescovile, la Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, il Mausoleo di Teodorico, il Battistero degli Ariani, la Basilica di San Vitale e la Basilica di Sant’Apollinare in Classe.

Il Mausoleo di Galla Placida (V secolo) conserva i mosaici più antichi della città, tra i quali spicca quello della cupola dove è raffigurato uno stupendo cielo stellato con una croce in mezzo e, alle quattro estremità, i simboli degli evangelisti.
Il Battistero Neoniano (V secolo) conserva, tra gli altri, il meraviglioso mosaico della cupola dove, nel tondo centrale, è dipinta la scena del Battesimo di Gesù.
La Cappella Arcivescovile (V secolo) è posta nel Palazzo Arcivescovile ed è ricca di marmi e di splendidi mosaici.
La Basilica di Sant’Apollinare Nuovo (VI secolo), fatta costruire dall’imperatore Teodorico, ha un campanile a forma cilindrica ed è caratterizzata dal più grande ciclo di mosaici esistente al mondo.
Il Mausoleo di Teodorico (VI secolo) ha una cupola costituita da un solo blocco di pietra istriana.
Il Battistero degli Ariani (VI secolo) è in stile architettonico paleocristiano e presenta un mosaico sotto la cupola, raffigurante il Battesimo di Cristo circondato dai dodici apostoli.
La Basilica di San Vitale (VI secolo) conserva due famosi pannelli con l’imperatore Giustiniano e l’imperatrice Teodora vestiti con abiti lussuosi e adornati da splenditi gioielli.
La Basilica di Sant’Apollinare in Classe (VI) si trova vicino al sito archeologico di Classe. Ha tre navate e la zona absidale è decorata da una grande varietà di mosaici, tra cui va segnalato quello rappresentante l’imperatore bizantino Costantino IV.
Le meraviglie da visitare sono veramente tantissime e probabilmente la migliore soluzione è quella di pernottare presso uno dei tanti bed and breakfast a Ravenna per poter ancora vedere: il Duomo, la chiesa di San Giovanni Evangelista, la chiesa di Santa Maria Maggiore, la tomba di Dante vicino al convento di San Francesco, il Palazzo di Teodorico e il Palazzo Merlato.
Meritano una visita anche il Museo Nazionale, il Museo d’Arte della città di Ravenna e il Museo Arcivescovile.
Nei pressi di Ravenna si trova il parco divertimenti Mirabilandia, uno dei più importanti e completi d’Europa.