Cucinare il cibo induce e genera una formazione tossica che oggi si chiama le glicotossine.

Ci sono centinaia di glicotossine, tutte con nomi molto strani. Attualmente, dueglicotossine vengono analizzati dagli scienziati per la loro tossicità su cellule umane:acrilamide e carbossimetillisina.
L’acrilamide, (L’acrilammide è l’ammide dell’acido acrilico.
A temperatura ambiente si presenta come un solido cristallino incolore o leggermente bianco, solubile in acqua con reazione fortemente endotermica, avente odore non percettibile o leggermente ammoniacale, che in forma pulverulenta viene facilmente inalato con effetti potenzialmente molto pericolosi. Viene industrialmente preparata per idrolisi dell’acrilonitrile con idratasi nitrilica.) e una sostanza altamente cancerogena, si trova in particolare nelle patatine fritte (chips), e il pane di grano.
Le patate crude o bollite ad esempio non presentano tracce di acrilamide.

Il pane contiene 50 microgrammi per 100 gr di acrilamide , i cereali 160 microgrammi , i biscotti 410 microgrammi , le patate fritte 1200 microgrammi.
Continua