"Amministrazione miope non ha saputo ottimizzare la gestione privata della struttura, luogo d'aggregazione contro droga e violenza"

Rimettiamo in sesto l'impiantistica di Ariccia. punta tutto sul restyling della compartecipazione tra pubblico e privato, il progetto di rilancio del microcosmo sportivo ariccino proposto dalla candidata di centrosinistra Luisa Sallustio. "A distanza di quattro anni dal conferimento del titolo di città europea dello Sport, non si è ancora giunti all'ottimizzazione gestionale dell'impianto - ha dichiarato stamane la candidata a sindaco dell' Italia dei Diritti - . E' necessario rivedere il piano di concessione dell'impianto Arrigo Menicocci che, rinnovandosi di anno in anno, non permette l'attuazione di progetti di ampio respiro, in grado di rilanciare l'offerta dei servizi e di favorire l'investimento da parte del gestore privato". queste le premessa da cui prende le mosse la proposta dell'ex presidente del Consiglio comunale: "Un piano quinquennale di gestione dell'impianto, costruito a suo tempo grazie all'investimento di denaro pubblico, ci darà modo di creare una proposta sportiva più ampia, grazie alla boccata d'aria che sapremo dare ai gestori del Menicocci che saranno messi finalmente in condizione di poter realizzare i necessari adeguamenti che, finora, non è stato possibile eseguire a causa di una miopia amministrativa incapace di cogliere l'esigenza di una programmazione più estesa dell'offerta". Il riferimento di Sallustio va poi alla pista ciclabile: "La gestione pluriennale che ho in mente permetterà di utilizzare la pista ciclabile che attraversa il bosco, nonchè la fruizione dell'area verde interna all'impianto, dove nonni e genitori potranno intrattenersi durante le attività sportive dei più piccoli, in quello che sarà un nuovo luogo d'aggregazione per le famiglie ariccine". Implicito il riferimento dell'esponente Idd alla valenza educativo - sociale del progetto: "Il fatto che molti cittadini scelgano strutture facenti capo a comuni adiacenti al nostro, la dice lunga sulla necessità di offrire ai giovani una palestra di vita capace di fungere da contenitore per una sana socializzazione tra pari, lontano dalle insidie della droga e della violenza che minacciano la crescita dei nostri figli".

Postato 8 minutes ago da Luisa Sallustio News