Salve, mi riferisco al caso di una ditta individuale (quindi non lavoratore autonomo), il cui titolare si sposta in un'altra citta' nell'ambito del rapporto di lavoro sancito da un contratto (il termine trasferta e' probabilmente improprio).
La domanda e': spese di vitto e alloggio (rimborsate dal committente in fattura) sono deducibili al 100% o solamente al 75% ?
Esiste una differenza concettuale, ad es. rispetto al socio di una societa' di persone che si trovi nella stessa situazione ?
Grazie.