+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 21 di 21

Chiudere l'attività a causa degli studi di settore?

Ultimo Messaggio di lorenzo-74 il:
  1. #1
    User
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    35

    Chiudere l'attività a causa degli studi di settore?

    Nel mio caso devo valutare se chiudere l'attività iniziata anno scorso in quanto quest'anno sarò sicuramente molto sotto gli studi di settore.
    Se chiudo questo anno non saranno applicabili gli studi di settore (diventando l'ultimo di attività).
    Non è che si può vivere con l'ansia di ricevere accertamenti che non si sa come contestare. Io ho solo la contabilità per dimostrare quello che guadagno, non saprei in che altro modo dimostrare che non ho percepito ulteriori ricavi.

    Cosa succede se i ricavi sono inferiori agli importi previsti dagli studi di settore?
    Ultima modifica di Andrez; 20-03-09 alle 09:21 Motivo: maiuscola e punto.

  2. #2
    Esperto L'avatar di criceto
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    4,071
    Conosco gente che apre al due di gennaio e chiude al 30 dicembre dell'anno successivo ... e così via cambiando nome all'azienda ma mantenendo indirizzo, locali, numeri di telefono e FAX.
    Sorcettoroditore

  3. #3
    User
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    35
    Da quello che mi risulta non si può fare.
    Se c'è continuità tra le attività non si può considerare come anno di chiusura (giustamente).

    Se chiudi l'impresa X che fabbrica letti e riapri (dopo 2 giorni) l'impresa Y che fabbrica letti non si considera chiusura! (leggi le istruzioni degli studi di settore)
    Poi per le ditte individuali la vedo davvero dura... (il nome è lo stesso).
    Che gli vada di fortuna... è un altro conto.

    Inoltre per imprese che devono sviluppare rapporti di lavoro continuativo la vedo anche una follia cambiare nome ogni anno.

    Inoltre io vorrei dormire tranquilla visto che non rubo niente e dichiaro tutto quello che guadagno
    vorrei sapere cosa succede se non rientro negli studi di settore.
    Devo chiudere l'attività e andare a rimpinguare la categoria dei disoccupati?
    Ultima modifica di elallaix; 21-03-09 alle 11:19

  4. #4
    Esperto L'avatar di criceto
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    4,071
    Non con lo stesso nome, ruotano tra moglie, marito e relativi parenti.
    Quanto all'avviamento ... ricordare sempre in che paese viviamo.

    "Inoltre io vorrei dormire tranquilla visto che non rubo niente e dichiaro tutto quello che guadagno"

    Con queste premesse il termine "guadagno" è piuttosto improbabile che si verifichi.

    Ora, chiarendo che la mia era ed è una provocazione (conosco tuttavia gente che opera come ho detto), concordo sulla profonda ingiustizia delle attuali norme, io stesso mi sono trovato in più anni a dover dichiarare compensi per prestazioni non effettuate per il quieto vivere, ho per fortuna pouto permettermelo ma ho deciso che ora è finita, da ora in poi dichiarerò SOLO quello effettivamente fatto e se si dovrà litigare si litigherà, alla peggio manderò tutti al diavolo e passerò al lato oscuro della forza (il nero)..

    PS. ovviamente la ditta nuova apre la sua attività qualche tempo prima della vecchia ad altro indirizzo completamente diverso e compra eventualmente le attrezzature e i materiali dalla vecchia in modo progressivo. Quando la vecchia chiude effettua il cambio dell'indirizzo stesso e si trasferisce nei vecchi locali. Se poi sono veramente carogne pilotano addirittura la chiusura della vecchia ditta proponendo ai creditori stralcio a saldo per le loro spettanze (al mondo esiste gente veramene cattiva).
    Ultima modifica di criceto; 21-03-09 alle 12:46
    Sorcettoroditore

  5. #5
    User
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    35
    Citazione Originariamente Scritto da criceto Visualizza Messaggio
    Non con lo stesso nome, ruotano tra moglie, marito e relativi parenti.
    Quanto all'avviamento ... ricordare sempre in che paese viviamo.
    Criceto, so bene in che paese viviamo, parere mio siamo allo sfascio anche per colpa di certe politiche fiscali... che bloccano lo sviluppo economico dei piccoli e degli autonomi (che così per il piacere di pochi diventano mano d'opera disponibile a basso costo).

    Comunque tornando al discorso della dura realtà che dobbiamo vivere: cambiare l'intestatario dell'attività la vedo cosa improbabile dovendo sviluppare rapporti commerciali continuativi.

    Secondo me gli studi di settore sono incostituzionali. Perchè dovrei pagare tasse su redditi che non ho? è un'ingiustizia, come faccio a dimostrare che non ho omesso altri ricavi se non con la contabilità????
    Fatturo tutte le prestazioni al momento del pagamento, non so che altro fare sinceramente.

    Io vorrei concentrarmi sul lavoro, sul produrre reddito, sullo sviluppo della mia attività, non sull'interpretare leggi fiscali e cercare espedienti (discutibili) per raggirare la legge. Questa non è vita degna!

    Il nero è un'arma a doppio taglio, l'adeguamento agli studi di settore anche. Creano delle spirali che non portano a nulla (più aumenta il nero e più aumentano le tasse, più aumenta l'evasione e chi non sta nella spirale viene espulso dal mercato) e fanno fare una vita... triste.

    Capisco la tua provocazione, tale situazione non può che provocare irritazione, ma la mia domanda è molto seria e vorrei capire realmente se sono costretta ad interrompere la mia attività per colpa degli studi di settore.

  6. #6
    Esperto L'avatar di criceto
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    4,071
    Con me sfondi un portone aperto.
    Non penso però si possa fare nulla.
    Le soluzioni per gli onesti sono poche:

    1) Ci si adegua pagando quello che non si dovrebbe pagare fino a che si riesce a vivere.

    2) Se non si riesce più a campare si chiude e ci si "arrangia".

    3) Si dichiara e paga il giusto, ci si prepara alla lite e quasi sicuramente si perde e si paga ancora di più.

    Non si riesce comunque a lavorare e produrre con pace e serenità.

    Nel tuo caso valuta se adeguandoti al minimo possibile ti resta ancora di che vivere e poi decidi. Valuta anche se la tua attività non fosse pr caso tra quelle che nella zona sono considerate in crisi perchè potrebbe essere una motivazione sufficiente per il mancato adeguamento, però non sperarci molto leggendo su questo argomento in giro per la rete e su questo forum in particolare ne ho viste di tutti i colori e ormai sono inferocito, LAVORARE IN QUESTE CONDIZIONI STA DIVENTANDO IMPOSSIBILE.
    Sorcettoroditore

  7. #7
    User L'avatar di perez
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    75
    Citazione Originariamente Scritto da elallaix Visualizza Messaggio
    Nel mio caso devo valutare se chiudere l'attività iniziata anno scorso in quanto quest'anno sarò sicuramente molto sotto gli studi di settore.
    Se chiudo questo anno non saranno applicabili gli studi di settore (diventando l'ultimo di attività).
    Non è che si può vivere con l'ansia di ricevere accertamenti che non si sa come contestare. Io ho solo la contabilità per dimostrare quello che guadagno, non saprei in che altro modo dimostrare che non ho percepito ulteriori ricavi.

    Cosa succede se i ricavi sono inferiori agli importi previsti dagli studi di settore?
    se non hai niente da nascondere....non chiudere l'attività...la dimostrazione che non hai percepito altri guadagni si trova...e il fisco non è così stupido e intransigente come si pensa

  8. #8
    User
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    35
    Criceto, io penso che qualcosa si potrebbe fare, certamente subire in massa gli studi di settore (secondo me incostituzionali) non è utile.
    Le associazioni di categoria cosa fanno?
    E i commercialisti? Consigliano forse spesso di adeguarsi, così magari anche loro dormono meglio... al riparo dai controlli? (attenti che anche questa è arma a doppio taglio= tra un po' non avrete più clienti).

    Gli adeguamenti in massa portano ad aumentare ogni anno i redditi presunti (l'effetto spirale è distruttivo). I soggetti nel periodo iniziale (magari fosse sufficiente 1 anno per andare a regime!) sono messi in seria difficoltà, chi non evade (o non può) è messo in seria difficoltà, chi si trova in condizioni di poter evadere facilmente è invece protetto dagli studi di settore.

    Sinceramente leggendo le norme e alcune sentenze dei ricorsi ero arrivata alla tua stessa conclusione, speravo di sbagliarmi! ma io voglio dormire tranquilla.
    A questo punto devo chiudere l'attività e cercare lavoro in un call-center... o in fabbrica (ma non mi prendono perchè non ho esperienza) probabilmente sarò disoccupata a lungo.
    (lavoro precario, impresa precaria... ne ho fin sopra i capelli di queste norme... tristi)

    se non hai niente da nascondere....non chiudere l'attività...la dimostrazione che non hai percepito altri guadagni si trova...e il fisco non è così stupido e intransigente come si pensa
    perez, non ho niente da nascondere, ma potresti essere più chiaro? quali sono le dimostrazioni che non ho percepito altri redditi oltre quelli fatturati?
    Ultima modifica di elallaix; 22-03-09 alle 12:08

  9. #9
    User L'avatar di perez
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    75
    estratti conto...stile di vita...certo se vai in giro con un X5 O hai comprato una barca...o hai un mutuo da 1000 euro al mese e ne dichiari 10.000 all'anno...

  10. #10
    Esperto L'avatar di criceto
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    4,071
    "Le associazioni di categoria cosa fanno?" non commento per non essere bannato dal forum!

    Si potrebbero avere i riferimenti di qualche sentenza tributaria favorevole in merito?
    Io per ora ho soltanto trovato cose da far rabbrividire. Parrebbe che sia il contribuente a dover PROVARE di non aver percepito e non il contrario. per cui gli ec non valgono nulla come prova perchè "Potrebbero" esisterne altri non presentati ed è il contribuente a dover dimostrare che non esistono, magari all'estero (ed io non so proprio come dare una dimostrazione del genere).
    Poi bisogna considerare che la lite costa non poco e il fisco quando dovesse perdere non pagherebbe certo le spese.
    Ultima modifica di criceto; 22-03-09 alle 13:49
    Sorcettoroditore

  11. #11
    User
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    35
    Citazione Originariamente Scritto da perez Visualizza Messaggio
    estratti conto...stile di vita...certo se vai in giro con un X5 O hai comprato una barca...o hai un mutuo da 1000 euro al mese e ne dichiari 10.000 all'anno...
    Non ho capito??? oltre il problema di guadagnare poco devo andare a chiedere l'elemosina a qualche impiegato?? (magari assenteista) sperando che... bontà sua... non mi faccia pagare imposte su un reddito che non ho? [Quelli con le barche sta certo che gli studi di settore ci rientrano!!! sono quelli protetti dagli studi di settore (o magari esenti perchè fatturano più di 5000000 di euro!)]
    Nella vita dovrebbe esistere anche il rispetto della dignità. Nel paese dei cachi ormai siamo alla frutta.

    Le sentenze che ho letto mi hanno fatto venire i brividi, come a Criceto, per questo sono preoccupata per il mio futuro.
    Io dovrei pensare a lavorare, non a difendermi da aggressioni fiscali dove è tutto vago e opinabile dall'impiegato di turno.
    Sinceramente se potessi mi trasferirei all'estero, in questo paese ormai ci vivo malissimo.
    Tra lavoro precario e ora questa preoccupazione per gli studi di settore ti rendono la vita un incubo, senza speranza. Dovrò tornare a elemosinare qualche lavoro precario, che tuttavia sto già cercando da mesi e non trovo. L'ultimo lavoro trovato 650 euro al mese a "progetto".......... si fa per dire...

    Gli studi di settore sono incostituzionali (la Costituzione dice che bisogna pagare in base a quello che si guadagna, non in base a un reddito presunto).

    Criceto, se le associazioni non fanno nulla è anche colpa delle persone che non parlano abbastanza. Bisogna chiedere non subire e basta.
    Ultima modifica di elallaix; 23-03-09 alle 07:42

  12. #12
    User
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Messaggi
    44
    Condivido i miei due centesimi di esperienza da utente.

    Per alcuni anni dopo l'inizio dell'attività ho guadagnato molto poco, avendo lavorato, purtroppo, molto poco.
    La congruità agli studi di settore, tuttavia, non fu un problema poichè non solo i beni strumentali erano esigui (avessi dovuto lavorare tanto avrei potuto e dovuto attrezzarmi diversamente) ma, soprattutto, inserii come "tempo lavorato" un numero di settimane e di mesi all'anno congrui ai compensi percepiti.

    In linea di massima, a meno di valori economici strutturali diversi, se sei un libero professionista puoi "giocare" sul fattore tempo lavorato e risultare congruo (il che, tra l'altro, mi pare anche una questione di buon senso).
    Non ho idea della situazione in particolare e forse il mio suggerimento non può trovare applicazione, ma dall'inizio dell'attività in cui il reddito era 2000 euro/anno fino allo scorso 26.000 euro/anno non sono mai risultata incongrua nonostante gli sbalzi d'umore della committenza ricorrendo a questo accomodamento temporale.

    Spero sia di aiuto.
    Ciao.

  13. #13
    Esperto L'avatar di criceto
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    4,071
    Nel MIO studio di settore il tempo lavorato può essere solo il 100% di almeno un addetto e se metto meno il risultato è sempre lo stesso!
    Sorcettoroditore

  14. #14
    User
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    35
    Citazione Originariamente Scritto da Naonda Visualizza Messaggio
    La congruità agli studi di settore, tuttavia, non fu un problema poichè non solo i beni strumentali erano esigui (avessi dovuto lavorare tanto avrei potuto e dovuto attrezzarmi diversamente) ma, soprattutto, inserii come "tempo lavorato" un numero di settimane e di mesi all'anno congrui ai compensi percepiti.
    Ti ringrazio per l'intervento ma dal software degli studi di settore, come dice Criceto, non mi risultano differenze al riguardo.
    Ho addirittura provato a fare i calcoli con diversi valori per beni strumentali e acquisti: molto bassi (come nel mio caso), e incredula con importi prossimi o pari a zero, ma il risultato non cambia.
    Anche modificando la percentuale di apporto di lavoro il risultato non cambia: esce fuori sempre il medesimo reddito minimo. Ulteriormente incredula ho provato anche con vari studi di settore, idem. Ho chiesto al commercialista e mi ha confermato che escono in questo modo.

    Puoi dare ulteriori precisazioni riguardo le modalità di calcolo che hai seguito e con quale studio di settore?
    Ultima modifica di elallaix; 25-03-09 alle 15:37

  15. #15
    Esperto L'avatar di criceto
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    4,071
    Confermo che nella maggior parte degli studi il fatto di lavorare un giorno a settimana oppure giorno e notte non sposta di UN CENTESIMO il reddito minimo. Evidentemente nella mente bacata di chi li ha studiati ("studiati" è una parola grossa. probabilmente il termine "sognati" è più adeguato) non è nemmeno transitata l'idea che un povero diavolo per scelta o necessità non lavori a tempo pieno.
    Ultima modifica di criceto; 25-03-09 alle 19:41
    Sorcettoroditore

  16. #16
    Consiglio Direttivo L'avatar di lorenzo-74
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,520
    Segui lorenzo-74 su Twitter Aggiungi lorenzo-74 su Facebook
    Vedo che ogni volta che si parla di Studi di settore si infuocano gli animi.
    Condivido la vostra amarezza; anche io credo che gli studi di settore non dovrebbero esistere.
    Per fortuna non ho mai avuto responsi drammatici e mi è sempre andata bene (tranne uno studio di settore di qualche anno fa); comunque, anche per togliermi quest'incombenza mi sono avvalso del regime dei minimi. Quando e se ne fuoriuscirò mi ricreerò il problema.

    @Naonda
    In linea di massima, a meno di valori economici strutturali diversi, se sei un libero professionista puoi "giocare" sul fattore tempo lavorato e risultare congruo (il che, tra l'altro, mi pare anche una questione di buon senso).
    Detta in altre parole: taroccare lo studio di settore...
    Troppo facile sarebbe, caro Naonda. L'Agenzia delle Entrate potrà chiederti perchè non hai lavorato le 40 settimane per 40 ore settimanali canoniche. E stai tranquillo che non si accontenta di "scuse" del tipo: "ho avuto pochi affari", "è un'attivià in rodaggio", sono "in una fase di crisi". Per ogni scostamento dai valori di "default" dello Studio dovrai fornire le prove.

    ps: comprendo che è una tematica odiosa; mi raccomando però di non abusare con le "provocazioni".

  17. #17
    Esperto L'avatar di criceto
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    4,071
    "Per ogni scostamento dai valori di "default" dello Studio dovrai fornire le prove. "
    In poche parole:
    1) hai un veicolo?
    2) hai la patente?
    Bene! paga quattro multe per divieto di sosta + un eccesso di velocità + un senso vietato ogni anno perchè è la media italiana.
    Oppure PROVA di non aver commesso le infrazioni, e bada bene che il fatto di non essere nei luoghi delle infrazioni stesse non è scusa valida.

    E dopo questa ennesima "provocaazione" raccolgo l'invito e riconoscendo di essere troppo emotivamente coinvolto non intervengo ulteriormente in questa discussione.
    Ultima modifica di criceto; 26-03-09 alle 05:55
    Sorcettoroditore

  18. #18
    User
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    35
    Citazione Originariamente Scritto da criceto Visualizza Messaggio
    Confermo che nella maggior parte degli studi il fatto di lavorare un giorno a settimana oppure giorno e notte non sposta di UN CENTESIMO il reddito minimo. Evidentemente nella mente bacata di chi li ha studiati ("studiati" è una parola grossa. probabilmente il termine "sognati" è più adeguato) non è nemmeno transitata l'idea che un povero diavolo per scelta o necessità non lavori a tempo pieno.
    Criceto, pensi davvero che le leggi fiscali siano Sognate?
    Secondo me non lo sono mai!
    Le leggi fiscali hanno scopi precisi e non credo affatto che sia una scelta casuale quella che abbiamo verificato.
    Gli studi di settore sono una barriera all'ingresso nel mercato enorme, inoltre tolgono concorrenza alle grandi aziende, soprattutto in determinati settori. Mantengono elevati livelli di lavoratori disponibili a basso costo, e riduzione del benessere generale che fa comodo a molti.

    Il regime dei minimi è, oltre che sconveniente se non evadi..., utilizzabile solo da determinate categorie (ad es. un idraulico non ha problemi a scegliere il regime dei minimi e l'evasione sarà molto semplice) un negoziante che acquista merce... la vedo dura che possa utilizzare il regime dei minimi.

    Sono leggi fatte con il taglierino

  19. #19
    User
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    35
    Citazione Originariamente Scritto da Naonda Visualizza Messaggio
    Per alcuni anni dopo l'inizio dell'attività ho guadagnato molto poco, avendo lavorato, purtroppo, molto poco.
    La congruità agli studi di settore, tuttavia, non fu un problema poichè non solo i beni strumentali erano esigui (avessi dovuto lavorare tanto avrei potuto e dovuto attrezzarmi diversamente) ma, soprattutto, inserii come "tempo lavorato" un numero di settimane e di mesi all'anno congrui ai compensi percepiti.

    In linea di massima, a meno di valori economici strutturali diversi, se sei un libero professionista puoi "giocare" sul fattore tempo lavorato e risultare congruo (il che, tra l'altro, mi pare anche una questione di buon senso).
    Non ho idea della situazione in particolare e forse il mio suggerimento non può trovare applicazione, ma dall'inizio dell'attività in cui il reddito era 2000 euro/anno fino allo scorso 26.000 euro/anno non sono mai risultata incongrua nonostante gli sbalzi d'umore della committenza ricorrendo a questo accomodamento temporale.
    naonda puoi dare ulteriori riferimenti sui conteggi che hai fatto per il calcolo degli studi di settore.
    Ho provato ancora ma confermo che non c'è nessuna influenza della percentuale di lavoro (mi chiedo: se uno ha più attività come fa? è davvero assurdo) e pur avendo importi per acquisti e beni strumentali bassissimi esce fuori sempre un ricavo presunto tra 12/14 mila euro con vari studi di settore.
    Io sono disoccupata e cerco lavoro (una parte del mio tempo è dedicata a quello), in più invece che stare con le mani in mano sto cercando di avviare una (o anche più attività) in proprio.
    Gli ostacoli burocratici sono incredibili e i vincoli fiscali pure.
    Ci sono troppi ostacoli e sto perdendo la speranza. Tornare senza speranza alla schiavitù a progetto mi preoccupa. Se mi fai capire come hai fatto i conteggi potrebbe essere utile a me o ad altri. Grazie

  20. #20
    User
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Messaggi
    44
    Ciao a tutti,
    onde evitare franitendimenti spiego la situazione che ho affrontato nelle varie occasioni.
    Lungi dal voler gabbare qualcuno o qualcosa, la mia osservazione nasceva da una questione che, alle prima armi con l'attività, mi aveva fatto riflettere.
    Mi rendo conto che molti di voi saranno professionisti navigati, ma quando per la prima volta qualcuno ti chiede di compilare uno studio di settore ti fai domande che non ti erano mai capitate davanti... come a esempio quelle "quante settimane hai lavorato e quante ore a settimana?". Un novello non se le chiede mica, di norma, quelle cose...

    Ad ogni modo ho dovuto cercare di fare i conti per dare una risposta ragionevole alla consulente e ho preso le fatture che avevo emesso, ho guardato le date e ho cercato di stimare una quantità di tempo idoneo. Ho fatto 16 fatture ma ne ho incassate solo 11 e il reddito di circa 2000 euro di imponibile non potevo averlo guadagnato lavorando come uno sgobbone tutti i giorni dell'anno no? (come di fatto non è stato).
    (a beneficio di chi mi chiedeva il codice attività era 72600 poi diventato 741021).
    Ho messo 32 settimane per 35 ore a settimana e 8 mesi di attività e non ho avuto problemi (o almeno la consulente non me ne ha dato notizia)

    L'anno successivo avendo di imponibile circa 22k euro (ci sono rientrati i compensi delle fatture che ho emesso l'anno prima ma che ho incassato l'anno dopo, e per fortuna ho avuto anche più lavoro) avevo messo 40 settimane per 40 ore settimanali ma risultavo incoerente per numero di ore lavorate. Ho quindi poi messo 35 ore alla settimana e 10 mesi di attività, risolvendo il problema (non è una questione di taroccare Lorenzo, ma tu schiacci il bottone per cronometrare il tuo tempo di lavoro?? 5 ore in più o in meno in un anno ci staranno pure come scarto di stima?).

    Oltre le indicazioni qualitative del lavoro (quindi la divisione per tipologia di clienti e di lavoro effettuato, la quantità di spazio che adopero per l'attività - una stanza in una abitazione - e qualche semplice software) non domino la parte economica che viene gestita dalla consulente.
    Quindi non so dire com'è stato compilato lo studio di settore nella sua interezza poichè, se ho capito giusto, i dati economici vengono fuori da quelli inseriti per la dichiarazione dei redditi.

    Perciò, per altro, ho focalizzato il mio intervento sulla questione delle ore lavorate (oltre al fatto che a naso mi pare una cosa logica...ma pare che non sia affatto così ).
    Tuttavia, se in altre attività differenti dalla mia questa cosa non ha valore e/o non comporta differenze, mi dispiace di aver deviato le osservazioni su questo aspetto inutile (del resto se ho una pizzeria e sto aperto sempre... è giustamente indifferente il tempo che poi passo effettivamente a servire pizza al tavolo...).

    Io faccio siti web e se ne faccio uno all'anno ci metto 3 settimane.. come potrei segnalare diversamente?
    (L'ovvia osservazione che mi verrebbe da fare è che sarebbe un'attività priva di motivo di essere...)

    Per rispondere a Lorenzo (e premettendo che la mia è un'osservazione da persona poco navigata con le procedure dell'AdE): se io sono libero professionista ho come prerogativa prima del mio vivere il fatto di decidere quando e quanto lavorare (il tutto a mio vantaggio o svantaggio).
    Se fosse davvero come tu dici (e ho buone ragioni per pensare che sia molto più fondato di quello che io penso a senso di logica ) allora fare il libero professionista o l'impiegato che timbra il cartellino non farebbe differenza?

    Davvero non so come funzionano bene i controlli degli studi di settore, pero' se voglio progettare un solo ponte e farmi bastare i guadagni che ne ricavo (per vivere una vita dignitosa ma non fastosa) non dovrò mica sentirmi in obbligo di rincorrere gli alacri architetti che necessitano di guadagnare tre volte quello che io desidero!?
    (A margine: capisco anche che se ho un'attività di un certo livello e con un certo tenore di "necessità" - attrezzature, dipendenti, giro di affari - non posso fare il farfallone e dire "quest'anno non m'è andata di lavorà"... come scusa per occultare del nero che invece mi ha fatto "campare" l'attività... ma ci sarà anche un margine di ragionevolezza in questo? O sono solo una maledetta neofita? )

    Spero di non essermi dilungata oltre il dovuto.
    Ciao

  21. #21
    Consiglio Direttivo L'avatar di lorenzo-74
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,520
    Segui lorenzo-74 su Twitter Aggiungi lorenzo-74 su Facebook
    Ciao Naonda.
    Comprendo al centomila per cento il tuo punto di vista; ci mancherebbe!
    Come stimare tra l'altro quanto si è lavorato? Bella domanda; io non lo so quantificare con esattezza.
    A me è stato riferito più volte da commercialisti (non ricordo, ma forse anche qui sul forum) che in caso di scostamento dal 40 x 40 in caso di accertamento potrebbe venir richiesto il motivo dello scostamento.

    Ho visto che avete detto che l'inserimento dei compensi non varia di molto la congruità degli studi; per importi bassi ammetto che non c'è niente da fare; per importi un pò più alti invece inserire dati diversi fa eccome la differenza!

    Non voglio - e non posso - comunque generalizzare visto che di studi di settore ce ne sono un'infinità.

+ Rispondi alla Discussione

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.