+ Rispondi alla Discussione
Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 15 di 40

ritenuta d'acconto: versamento

Ultimo Messaggio di mainblack il:
  1. #1
    User Newbie
    Data Registrazione
    May 2006
    Messaggi
    1

    ritenuta d'acconto: versamento

    Buon giorno a tutti. Ho un quesito banale: ho pagato una fattura ad un notaio, per un'autentica di firma, e il notaio mi ha inviato, oltre alla copia della fattura, la copia della CERTIFICAZIONE della Ritenuta d'Acconto con la quale devo certificare di aver versato la ritenuta d'acconto.
    Ora, mi sorge un dubbio: nel F24 devo indicare il codice 1040 (ritenute su compensi a liberi professionisti) e versare l'importo della ritenuta... ma nei dati del CONTRIBUENTE devo mettere il MIO NOME E COGNOME (come titolare della ditta individuale che paga la ritenuta al notaio) oppure devo inserire il NOME E COGNOME DEL NOTAIO per conto del quale io verso la ritenuta?
    Se infatti metto il mio nome - ho pensato - come fa il fisco a capire che il notaio ha versato (o meglio io per lui) l'importo della ritenuta?
    Per questo mi sembrava più logico inserire i DATI DEL NOTAIO, come CONTRIBUENTE...
    E' sbagliato?
    grazie e complimenti per il sito, veramente ben fatto.
    giorgio

  2. #2
    Esperto L'avatar di i2m4y
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Como
    Messaggi
    7,945
    Ciao e benvenuto, nel modello f24 devi mettere i dati di chi effettua il versamento (cioè tu).

    Apposita dichiarazione (mod. 770) verrà presentata da te il prox anno dove si darà evidenza che quel versamento era per ritenute su compensi erogati a quel notaio.

    La certificazione semplicemnete sarà su tua carta intestata e identificherà il soggetto (notaio) per il quale hai trattenuto e versato la ritenuta.

    Paolo

  3. #3
    User Newbie
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Messaggi
    1
    Buonasera,ho una domanda forse banale ma sono alle prime armi con la ritenuta d'acconto.
    Ho effettuato una prestazione di lavoro occasionale, vorrei sapere se la ritenuta d'acconto che il "datore di lavoro" fa deve essere fatta a mio nome o a nome della ditta? grazie Paolo

  4. #4
    Esperto L'avatar di i2m4y
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Como
    Messaggi
    7,945
    Ciao e benvenuto,

    sinceramente non ho ben capito la domanda.

    Ritenuta d'acconto 20%:

    Il datore di lavoro, quando ti paga, ti trattiene una somma e la versa allo Stato, con un modello di versamento (F24) compilato con i suoi dati.

    Tale somma resta però "tua", infatti andrai poi tu ad inserirla nella tua dichiarazione dei redditi come "imposte già pagate".
    Per poter inserirla in dichiarazione riceverai infatti una "certificazione dei compensi soggetti a rienuta d'acconto" dal tuo datore di lavoro in cui egli dichiarerà di aver versato (per tuo conto) euro xyz (la somma delle trattenute che ti ha fatto).

    Paolo

  5. #5
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    1
    ciao, mi intrometto nella discussione! ho pagato più professionisti e devo versare le ritenute d'acconto (1040). il mio dubbio è: faccio la somma delle tre ritenute o faccio tre righe con 1040 sull'f24 una per ogni professionista?
    grazie in anticipo

  6. #6
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Locri
    Messaggi
    283
    Basta che sommi gli importi in un unico codice 1040, poi ci pensa il 770 a dividerne gli importi ai rispettivi profesionisti al quale hai versato la ritenuta.

    p.s anche io ho creato un forum dedicato alle problematiche fiscali. Se vi va fatevi un giretto.
    Scopri come: Guadagnare Online

  7. #7
    User
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    12
    Citazione Originariamente Scritto da i2m4y Visualizza Messaggio
    Tale somma resta però "tua", infatti andrai poi tu ad inserirla nella tua dichiarazione dei redditi come "imposte già pagate".
    Per poter inserirla in dichiarazione riceverai infatti una "certificazione dei compensi soggetti a rienuta d'acconto" dal tuo datore di lavoro in cui egli dichiarerà di aver versato (per tuo conto) euro xyz (la somma delle trattenute che ti ha fatto).

    Paolo

    ma se io non faccio la dichiarazione dei redditi poichè studente???
    come devo comportarmi?
    dovrei farla?

  8. #8
    User
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    12
    nessuno mi risponde?
    se sono uno studente e svolgo qualche prestazione occasionale,
    come mi devo comportare in caso di privati senza p.i?
    chi versa il 20% di ritenuta d'acconto? è l'unica cosa da pagare?
    come si paga?

    nel caso di cliente con partita iva?


    in fondo all'anno se sono sotto la soglia dei 5000 devo fare dichiarazione redditi o no?

  9. #9
    OEJ
    OEJ è offline
    Esperto
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    1,834
    Hai sollevato parecchie questioni...vediamo di darti qualche risposta!

    La ritenuta d'acconto del 20% la subisci solo da chi ha la qualifica di sostituto d'imposta (imprese, professionisti, enti pubblici ecc.), non dai privati cittadini.
    Chi effettua una ritenuta è poi obbligato a riversarla allo Stato e a inviarti entro il febbraio dell'anno successivo una certificazione da cui risultano le somme lorde e le ritenute operate.
    In definitiva, quello della ritenuta non è un obbligo tuo! Tu di fatto lo subisci, ma non devi porti più problemi di tanto.

    Detto questo, è fondamentale ricordare che stiamo parlando di ritenute d'acconto... acconto significa che sono sostanzialmente un anticipo sull'IRPEF dell'anno.
    Ora, entro determinate soglie non si è obbligati a presentare la dichiarazione dei redditi. Queste soglie sono molto numerose a seconda della situazione del contribuente... nel tuo caso, se come pare di capire hai solo redditi occasionali, la soglia è pari a € 4.800.
    Non confonderti con quella di € 5.000 che serve per circoscrivere il concetto di collaborazioni occasionali, è un discorso diverso: qui si parla dell'obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi.

    Se i tuoi redditi superano quella cifra, sei tenuto a presentare la dichiarazione. Ma bada bene che presentare la dichiarazione non significa necessariamente dover pagare imposte. Se il tuo reddito è basso, al contrario, è un vero vantaggio. Infatti io te lo consiglio anche se non raggiungi la soglia di € 4.800: in questo caso non saresti obbligato ma ti consiglio di presentarla ugualmente.
    Dov'è il vantaggio? E' semplice, metti (indico cifre a caso) che hai svolto lavori per € 5.000, ti hanno fatto ritenute del 20% (quindi € 1.000) e quindi hai incassato al netto € 4.000.
    Ora, bisognerebbe fare tutti i conti ma ti dò per certo che la tua IRPEF dell'anno sia molto inferiore a € 1.000, anzi è probabile che sia zero. Chi ha redditi bassi non deve pagare tasse, questo è noto.
    Perciò, visto che hai subito ritenute per € 1.000, ti troverai di fatto ad avere un credito d'imposta, che potrai chiedere a rimborso oppure tenere da parte per compensarlo in futuro con altri debiti.
    Commercialista on line: vai su www.reteimprese.it/studioaymerich

  10. #10
    User
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    12
    Citazione Originariamente Scritto da OEJ Visualizza Messaggio
    Hai sollevato parecchie questioni...vediamo di darti qualche risposta!

    La ritenuta d'acconto del 20% la subisci solo da chi ha la qualifica di sostituto d'imposta (imprese, professionisti, enti pubblici ecc.), non dai privati cittadini.

    Nel caso di svolgere un'attività per un privato cittadino, allora come mi comporto? se non devo pagare la ritenuta d'acconto, devo fare la ricevuta comunque?a cosa mi serve farla?

    Quello che vorrei sapere, se io domani svolgo una prestazione per un cittadino privato, come mi devo comportare?per essere in regola?
    puoi descrivermi le cose nel particolare, i vari passi?
    grazie

  11. #11
    OEJ
    OEJ è offline
    Esperto
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    1,834
    Se parliamo di collaborazioni occasionali, non hai l'obbligo di fare la ricevuta... la ricevuta serve al tuo committente, non a te. E' la prova che lui ti ha pagato.
    Perciò, se non te la chiede lui, non devi sentirti obbligato a farla.... anche se comunque non ti costa nulla rilasciarla.

    E se la vuoi fare, non devi neanche seguire regole particolari. Alla peggio, vale anche se tu prendi un pezzo di carta e lo compili a penna.

    Comunque, una ricevuta in grazia di Dio dovrebbe riportare almeno i dati anagrafici tuoi e del committente (incluso il codice fiscale), la data, il compenso corrisposto, l'ammontare dell'eventuale ritenuta (quando c'è) e una breve descrizione del servizio che hai prestato. E in coda a tutto, la tua firma.
    Non guasta nemmeno scrivere da qualche parte che si tratta di una collaborazione occasionale, e dunque una prestazione esclusa da IVA.
    Ti consiglio di farti una fotocopia da conservare.
    Commercialista on line: vai su www.reteimprese.it/studioaymerich

  12. #12
    User
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    12
    ho trovato su internet un modulo ben fatto da usare come ricevuta...

    se per un privato non devo fare la ricevuta...allora non è come lavorare in nero?

    scusa ma in materia non ci capisco niente.

    quindi tu dici di fare le ricevute solo per i soggetti che hanno partita iva, sono loro che dovranno versare il 20% come ritenuta d'acconto, ed in fondo all'anno non devo fare nessuna dichiarazione..cosi sarò in regola?

    grqazie

  13. #13
    OEJ
    OEJ è offline
    Esperto
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    1,834
    Tu lavori in nero se poi non dichiari le somme ricevute (sempre che tu sia obbligato a presentare dichiarazione, come ho detto prima).

    Quelli con partita IVA ti chiederanno la ricevuta per scaricare il costo, gli altri non hanno motivi particolari per richiedertela, a meno di non volersi tutelare per evitare che tu un giorno li porti in tribunale dicendo che non sei stato pagato.
    Commercialista on line: vai su www.reteimprese.it/studioaymerich

  14. #14
    User
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    12
    ok

    potresti rispiegarmi se devo o meno fare la dichiarazione?
    quale è il fattore discriminante? la soglia incassata durante l'anno? o altro?

    per fare la dichiarazione dei redditi (eventuale) come certifico le somme ricevute? per i soggetti con partita iva o la ricevuta, per quelli senza???

  15. #15
    OEJ
    OEJ è offline
    Esperto
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    1,834
    Non li certifichi e buonanotte!
    La ricevuta non è un documento diretto a te, al limite te ne tieni una copia, ma anche se non ce l'hai non muore nessuno.

    Poi, è chiaro che se dovessi esserci dei controlli una ricevuta in più è meglio che una in meno, ma nei fatti non smuove un sasso perchè comunque è un documento che rilasci tu, da solo non dimostra niente.

    Quanto alla dichiarazione, se vuoi una spiegazione dettagliata la cosa si fa lunga, perciò ti consiglio di guardare direttamente le istruzioni!!

    Guarda qui:

    ww.agenziaentrate.it/ilwwcm/resources/file/ebdc1c07f429870/PF1_2008_istr.pdf

    e in particolare le pagine 10 e 11.
    Commercialista on line: vai su www.reteimprese.it/studioaymerich

+ Rispondi alla Discussione
Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.