Salve,e grazie delle numerose notizie che divulgate con il vostro sito!

Avrei bisogno di un chiarimento in merito ad un contratto di collaborazione occasionale.

Premettendo che sono un dipendente pubblico (ULSS) e che sono stato autorizzato dalla mia azienda a svolgere questa attività di consulenza/docenza per una ditta privata di strumenti elettromedicali (in poche parole sono ritenuto dalle "parti" come esperto nell'utilizzo dello strumento e quindi istruisco altri colleghi all'uso dello stesso) , alla stipula del contratto mi trovo scritto questa dicitura

"AI SESNI DI LEGGE CORRISPETTIVO E RIMBORSO SPESE SARANNO SOGGETTI A RITENUTA D'ACCONTO NELLE MISURA DEL 20% E,QUALORA SUPERASSERO (INSIEME) I 5000€ ALL'ANNO,PURE ALLA RELATIVA CONTRIBUZIONE INPS"

Faccio notare che io ricevo un rimborso spese analitico per vitto e alloggio,mentre per l'auto mi vengono riconosciuti 0,40 cents al km.

Il mio quesito è questo: ma è veramente necessaria la trattenuta del 20% sul rimborso spese o è una furbata della ditta committente? Se io spendo 100 perchè devo ricevere 80??? E poi perchè a fine anno devo sommare il corrispettivo(che è stato già stabilito inferiore ai 5000€) ai rimborsi (che supereranno da soli i 5000€)cosicchè dovrò pagare anche l'inps????

Non riesco a venirne fuori,soprattutto per il fatto che il rimborso secondo me non è un reddito e mi viene restituito ciò che spendo per l'esercizio della mia attività!

Un'ultima cosa: come dovrò comportarmi con il 730 ????

Sperando in una risposta ,grazie ancora!!!!