+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 5 di 5

P.IVA webmaster: quesiti vari

Ultimo Messaggio di Sasha il:
  1. #1
    User Newbie
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Messaggi
    1

    P.IVA webmaster: quesiti vari

    Ciao a tutti,
    sono neoiscritto in questo forum che ho avuto il piacere di conoscere da qualche settimana e che reputo molto interessante e ricco di informazioni, e quindi innanzitutto complimenti per la competenza e la professionalità.
    Pur avendo "spulciato" diversi post in merito, vorrei qualche dettaglio ulteriore e approfondimento su alcune cose; specifico che sto valutando l'eventualità di aprire la P.IVA per svolgere l'attività di webmaster/webdesginer (come libero professionista), passione che ho da un paio d'anni e per la quale sto cercando di acquisire sempre più conoscenze sia amministrative che informatiche.

    Scusate se vi "bombardo" di domande, ma voglio capire bene tutto quello che si deve fare per essere in regola a 360 gradi. abbiate pazienza...

    1) chiedo innanzitutto conferma di queste info: cod. attività 72.60.0 (il più pertinente), no iscriz. Camera di Commercio (in quanto libero professionista), iscriz. gestione separata INPS

    2) indicativamente quale regime contabile è preferibile scegliere? contabilità semplificata (mi pare la più logica), a meno che ci siano le condizioni per fruire del regime agevolato

    3) in base a quanto detto sopra quali adempimenti dovrei osservare?
    Mi pare che nel caso del regime di contabilità semplificata dovrei tenere il registro IVA (fatture emesse, acquisti) e quello dei beni ammortizzabili (sarebbero questi gli oneri detraibili ex DPR 917/86?di che si tratta?)

    4) adempimenti fiscali: a parte la liquidazione periodica dell'IVA dal punto di vista delle dichiarazioni dovrò fare, come mi pare di avere capito, il mod. UNICO, la dich. IRAP, la dich. IVA, eventualmente la dich. dei sostituti di imposta (770) se ho dipendenti/collaboratori, comunicaz. annuale IVA, versam. acconto IVA; è corretto?

    5) Supponiamo che i ricavi di un anno siano di 20000 euro: da questo come si scomputano i contributi INPS (quadro RR)? come si determina il reddito di lavoro autonomo (RE)? tale reddito imponibile è lo stesso ai fini IRAP (IQ) o quest'ultimo viene calcolato in modo diverso? se sì come? In che modo viene determinato l'imponibile IVA? E' possibile avere un quadro sufficientemente dettagliato di queste operazioni?

    6) con il cod. attività 72.60.0 si è soggetti agli Studi di Settore? cosa comporterebbe ciò?


    Scusate il "fuoco di quesiti" spero possiate, nei limiti del possibile soddisfare la mia curiosità e darmi elementi per poter valutare l'opportunità di mettermi in proprio, con gli onori e gli oneri che comporta!

    Grazie a chi vorrà dare il proprio contributo (siate pure "tecnici" ove serve, in fondo per lavoro mastico un po' la materia fiscale!)

    Lo.Sciamano

  2. #2
    User
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Messaggi
    14
    vediamo se ti posso essere di aiuto

    domanda: 1) chiedo innanzitutto conferma di queste info: cod. attività 72.60.0 (il più pertinente), no iscriz. Camera di Commercio (in quanto libero professionista), iscriz. gestione separata INPS

    esatto ma non del tutto ovvero è giusto quanto affermi ma con una piccola grande precisazione che un codice del genere innanzittutto non lo accettano in camera di commercio, li deve essere specificata l'attività che si intende esercitare e se l'attività che si intende avviare è quella di grafico pubblicitario si deve provvedere all'iscrizione nell'albo degli artigiani

    domanda 2) indicativamente quale regime contabile è preferibile scegliere? contabilità semplificata (mi pare la più logica), a meno che ci siano le condizioni per fruire del regime agevolato



    risposta: la contabilità semplificata è fisiologica di tale caso, è possibile valutare la possibilità di chiedere il regime agevolato (3 anni) con imposta sostitutiva




    domanda:4) adempimenti fiscali: a parte la liquidazione periodica dell'IVA dal punto di vista delle dichiarazioni dovrò fare, come mi pare di avere capito, il mod. UNICO, la dich. IRAP, la dich. IVA, eventualmente la dich. dei sostituti di imposta (770) se ho dipendenti/collaboratori, comunicaz. annuale IVA, versam. acconto IVA; è corretto?

    risposta: si

    domanda 5) Supponiamo che i ricavi di un anno siano di 20000 euro: da questo come si scomputano i contributi INPS (quadro RR)? come si determina il reddito di lavoro autonomo (RE)? tale reddito imponibile è lo stesso ai fini IRAP (IQ) o quest'ultimo viene calcolato in modo diverso? se sì come? In che modo viene determinato l'imponibile IVA? E' possibile avere un quadro sufficientemente dettagliato di queste operazioni?

    risposta: i redditi di lavoro autonomo di calcolano innanzitutto per cassa ovvero sulla base delle fatture emesse ed incassate da cui si scomputano i costi di pertinenza
    salvo rettifiche che sarebbe troppo lungo elencarti (una per tutti gli oneri finanziari) il reddito IRPEF è lo stesso valore IRAP, il vantaggio sta nel fatto che questo va abbattuto ulteriormente di euro 8.000
    ah dimenticato l'imponibile solitamente è la base di calcolo della fattura a livello dichiarativo è il tuo fatturato annuo


    domanda :6) con il cod. attività 72.60.0 si è soggetti agli Studi di Settore? cosa comporterebbe ciò?

    risposta :si sei soggetto agli studi di settore ciò implica che il tuo fatturato/reddito deve rientrare necessariamente in un trend e in caso di scostamento lo stato richiede l'adeguamento ovvero che il soggetto dichiari maggior reddito (ovviamente maggiori imposte)


    spero di esserti stata di aiuto

    non posso essere più precisa purtroppo
    Ultima modifica di Sasha; 19-10-06 alle 09:31

  3. #3
    Esperto L'avatar di i2m4y
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Como
    Messaggi
    7,947
    Ciao direi che sono d'accordo con quanto ti hanno già risposto aggiungendo che:

    - il 72600 lo accettano in CCIAA direttamente come attività artigiana con descrizione dell'attività prevalente simile a "disegnatore di pagine internet". Da professionisti non serve l'iscrizione CCIAA.
    - oltre a quegli adempimenti mi vengono in mente anche anche il nuovo elenco clienti e fornitori, i versamenti di saldi ed acconti ire, irap e contributi previdenziali
    - i contributi previdenziali pagati si deducono dal reddito complessivo.... logica conseguenza che potrebbe essere impossibile dedurli se si aderisce al regime agevolato nuove iniziative produttive.

    Per il resto, visto che la tua domanda equivale ad insegnarti il mio lavoro per filo e per segno per ciò che riguarda la gestione di professionisti, ti rimando al tuo commercialista di fiducia.

    PS Grazie Sasha degli interventi.

    Paolo

  4. #4
    User
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Messaggi
    14
    Citazione Originariamente Scritto da i2m4y
    Ciao direi che sono d'accordo con quanto ti hanno già risposto aggiungendo che:

    - il 72600 lo accettano in CCIAA direttamente come attività artigiana con descrizione dell'attività prevalente simile a "disegnatore di pagine internet". Da professionisti non serve l'iscrizione CCIAA.
    - oltre a quegli adempimenti mi vengono in mente anche anche il nuovo elenco clienti e fornitori, i versamenti di saldi ed acconti ire, irap e contributi previdenziali
    - i contributi previdenziali pagati si deducono dal reddito complessivo.... logica conseguenza che potrebbe essere impossibile dedurli se si aderisce al regime agevolato nuove iniziative produttive.

    Per il resto, visto che la tua domanda equivale ad insegnarti il mio lavoro per filo e per segno per ciò che riguarda la gestione di professionisti, ti rimando al tuo commercialista di fiducia.

    PS Grazie Sasha degli interventi.

    Paolo

    figurati grazie a te...

    cm

  5. #5
    User
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Messaggi
    14
    Citazione Originariamente Scritto da i2m4y
    Ciao direi che sono d'accordo con quanto ti hanno già risposto aggiungendo che:

    - il 72600 lo accettano in CCIAA direttamente come attività artigiana con descrizione dell'attività prevalente simile a "disegnatore di pagine internet". Da professionisti non serve l'iscrizione CCIAA.
    - oltre a quegli adempimenti mi vengono in mente anche anche il nuovo elenco clienti e fornitori, i versamenti di saldi ed acconti ire, irap e contributi previdenziali
    - i contributi previdenziali pagati si deducono dal reddito complessivo.... logica conseguenza che potrebbe essere impossibile dedurli se si aderisce al regime agevolato nuove iniziative produttive.

    Per il resto, visto che la tua domanda equivale ad insegnarti il mio lavoro per filo e per segno per ciò che riguarda la gestione di professionisti, ti rimando al tuo commercialista di fiducia.

    PS Grazie Sasha degli interventi.

    Paolo

    figurati grazie a te...

    cmq stranamente a me hanno bloccato una pratica perchè tale codice era considerato dalla c.c.i.a.a troppo generico

    sarò stata sfortunata

    alla prossima

+ Rispondi alla Discussione

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.