+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 14 di 14

Consiglio del commercialista: passare da artigiano a SRL

Ultimo Messaggio di info_tributi il:
  1. #1
    User
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Cento
    Messaggi
    24

    Consiglio del commercialista: passare da artigiano a SRL

    Ciao a tutti,
    io ho la partita IVA da artigiano e sono un programmatore web.
    Dopo 5 anni di attività comincio ad avere dei fatturati abbastanza elevati.
    A fronte della mia disperazione per la mole di tasse da pagare, stamattina la commercialista mi ha proposto di diventare SRL a partire dal 2014.

    Mi ha illustrato il vantaggio fiscale della tassazione al 30% rispetto l'attuale che è oltre il 50%.
    La parte pensionistica non cambierà rispetto all'attuale situazione.
    Siccome faccio molti km posso usufruire di rimborsi kilometrici e sui pasti che sono esentasse.
    Mi ha pure detto che i costi di gestione da parte sua sarebbero più alti ma cercherà di non far lievitare troppo il suo attuale compenso.
    Infine c'è un costo iniziale per il notaio ma c'è margine per avere un buon prezzo.

    Io da ignorante dico che, trovato un socio, le cose non sembrano affatto male.
    Dovrò tenere registrate più cose (tipo i viaggi) ma mi pare un buon compromesso.
    Voi cosa ne pensate? Devo chiedere altre cose?

    Grazie.

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    Napoli
    Messaggi
    425
    Aggiungi info_tributi su Facebook Aggiungi info_tributi su Linkedin
    Salve Nulele,
    sicuramente dal punto di vista della tassazione il passaggio ad una srl comporta dei vantaggi.
    Quello che posso permettermi di consigliarti è di prendere in considerazione la costituzione di una srl semplificata evitando cosi di versare i compensi notarili e diritti di bollo.
    MODConsulenza Fiscale
    Commercialista Online
    Sito web: www.tuocommercialista.com - Email: [email protected]

  3. #3
    User
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Cento
    Messaggi
    24
    Ciao,
    in effetti avevo già sentito di questa forma societaria (è quella che si avvia con 1€, giusto!?) ma non ci avevo pensato. Chiederò alla commercialista cosa ne pensa ed intanto mi documento meglio.

    Grazie per la risposta!

  4. #4
    User L'avatar di Studio_Emmi
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Catania
    Messaggi
    827
    Segui Studio_Emmi su Twitter Aggiungi Studio_Emmi su Google+ Aggiungi Studio_Emmi su Facebook
    I vantaggi di una società di capitali sono legati più alla limitazione della responsabilità che alla tassazione. Vero è che l'imposizione della SRL (e società di capitali in genere) è fissa al 27,5% (tralasciando IRAP) ma ci sono 3 fattori da considerare:

    1) in caso di distribuzione utili (caso raro per piccole SRL) questi verranno ulteriormente tassati in misura del 50% circa dell'utile già tassato e andranno comunque a confluire nel reddito personale;

    2) va comunque pagata l'INPS se il socio è lavoratore (e anche se amministratore con compenso);

    3) se non si distribuiscono gli utili si devono in qualche modo prelevare i soldi dalla società stessa (busta paga, fattura), quindi andranno comunque a confluire sul reddito personale;

    Tutto ciò ovviamente se non si preferisce lasciare tutti i ricavi nella società, ma non vedo poi come poter fare delle spese personali, visto che società e persona fisica sono comunque separate.

    In sintesi: in ogni caso se si vuole "prelevare" i ricavi della società bisogna assoggettarli a tassazione come persona fisica in qualche modo, quindi il risparmio è relativo (non so nemmeno se ci possa essere un effettivo risparmio, non è possibile valutarlo a priori). Non ho nemmeno considerato i costi vivi ulteriori (309 euro di tassa cc.gg. annua, diritto camerale raddoppiato, bolli vari ad es. per vidimazione libri sociali).
    Detto ciò all'aumentare dei volumi/redditi è sempre opportuno valutare l'opzione societaria, ma più per la componente relativa alla responsabilità personale e al "prestigio" (anche di fronte a banche e fornitori) che ad un risparmio in termini di imposte.
    Saluti

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    Napoli
    Messaggi
    425
    Aggiungi info_tributi su Facebook Aggiungi info_tributi su Linkedin
    Su “carta” sono d’accordo con Studio Emmi. Nella pratica…”forse”
    Comunque si nulele, è quella tanto pubblicizzata “ad un euro” . Io non sono tanto a favore su questo tipo di società, più che altro perché non c’è un sostanziale vantaggio se non sui ridotti costi iniziali.
    Però se si è propensi a costituire una SRL tanto vale valutare la SRLS.
    MODConsulenza Fiscale
    Commercialista Online
    Sito web: www.tuocommercialista.com - Email: [email protected]

  6. #6
    User
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Cento
    Messaggi
    24
    Anche la mia commercialista mi vuole proporre la SRL tradizionale.
    Le ho chiesto di dimostrarmi perchè sia meglio di quella semplificata visto che la seconda, come già detto, ha un avvio più economico!
    Per il discorso dei vantaggi fiscali rispetto alla responsabilità/prestigio non saprei... io le ho solo posto il problema che con l'attuale tassazione fatico seriamente a risparmiare e lei mi ha proposto l'SRL.

    Le porrò tutte le vostre osservazioni e vediamo cosa mi risponde.

    Grazie a tutti.

  7. #7
    User
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    94
    Idem, anche il mio commercialista mi suggerisce il passaggio da ditta individuale a SRL unipersonale.

    Personalmente, però fatico molto a vederne i vantaggi fiscali.
    Premetto che ho un reddito molto alto, intorno ai 300 - 400.000 euro annnui, che sono tassati con l'aliquota marginale del 43% + 3% di contributo di solidarietà sui redditi sopra ai 300.000. Confrontato con il 27.5% dell'IRES parrebbe a prima vista più conveniente la società, ma solo se non distribuisco gli utili. Il guaio, viene quando si distribuiscono gli utili, che - dopo essere stati tassati una prima volta come IRES - confluiscono per circa la metà nell'imponibile IRPEF, e quindi sono tassati una seconda volta con gli scaglioni IRPEF. Alla fine, o gli utili restano nella società ( e che ci fo? ) oppure per poterli spendere a beneficio mio personale devo prima ridistribuirmeli come utile e quindi ritassarli una seconda volta come IRPEF.

    In tutte le simulazione che ho fatto, ridistribuendo gli utili, se va bene ci vado in pari, ma più realisticamente arrivo ad una tassazione superiore rispetto a quella come ditta individuale.

    Dove è dunque questa convenienza fiscale? Se non distribuisco gli utili la tassazione è minore, ma restano in pancia alla società; quando poi voglio utilizzarli a fini personali, devo distribuirmeli come utile e a quel punto arriva la mazzata.

  8. #8
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Nov 2012
    Località
    Padova
    Messaggi
    252
    Mi aggancio anch'io a questa situazione, la mia idea che sto valutando con commercialista/inps sarebbe quella di tenerle aperte entrambe.
    1. DITTA INDIVIDUALE, in cui faccio solo la prestazione di opera intelettuale, per la società e per clienti marginali
    2. SOCIETA srl commerciale, socio unico, amministratore ma non lavoratore. In questa società lavorano 3 persone che fanno commercio in più settori, tra cui quello web. Nel caso del web, io verrei retribuito con fattura per la prestazione di opera intelettuale, e come me altri soggetti esterni che contribuiscono alla esecuzione dei progetti (copyrighter, traduttori,etc), gli utili societari verrebbero tassati solo come IRES ma non come INPS, in quanto non sono lavoratore ma solo amministrazione. L'attività di gestione dell'azienda viene lasciata a un dipendente della società.
    In questo modo si potrebbe lasciare capitalizzare l'SRL per futuri investimenti ed essere tassati solo in caso di distribuzione degli utili.
    Che ne pensate? Come posso dimostrare all'INPS che il titolare dell'impresa individuale di fatto non lavora per la società commerciale?


    *********************
    Fonte sito INPS
    Per i soci lavoratori di S.r.l., iscritti alle Gestioni Previdenziali degli Artigiani e dei Commercianti, la base imponibile, fermo restando il minimale contributivo, è costituita dalla parte del reddito d’impresa dichiarato dalla S.r.l. ai fini fiscali ed attribuita al socio in ragione della quota di partecipazione agli utili, prescindendo dalla destinazione che l’assemblea ha riservato a detti utili e, quindi, anche se non distribuiti ai soci (importo del rigo RN1 meno l’ importo del rigo RN5 del modello Unico società di capitali, rapportato alla quota di partecipazione del socio indicata nel quadro RO). Questa base imponibile rileva, comunque, non oltre il limite del massimale contributivo.

  9. #9
    User L'avatar di Studio_Emmi
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Catania
    Messaggi
    827
    Segui Studio_Emmi su Twitter Aggiungi Studio_Emmi su Google+ Aggiungi Studio_Emmi su Facebook
    Salve erise, in questo caso non vedo problematiche di sorta, la contestazione potrebbe riguardare a mio avviso la "prestazione d'opera intellettuale". In ogni caso non sei tenuto a versare i contributi fissi se già vi sono dipendenti che prestano la loro opera nella società.
    Inoltre versando già (presumo) contributi con la ditta individuale non ti verrà richiesta una doppia contribuzione (a meno che sia amministratore con busta paga).

  10. #10
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Nov 2012
    Località
    Padova
    Messaggi
    252
    Grazie della risposta studio emmi, quello che voglio evitare è che la base imponibile inps diventi l'utile societario, perché su ipotetici 100.000 euro andrei a pagare 20.000 euro di contributi, da come è indicato dall inps, esatto?

  11. #11
    User L'avatar di Studio_Emmi
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Catania
    Messaggi
    827
    Segui Studio_Emmi su Twitter Aggiungi Studio_Emmi su Google+ Aggiungi Studio_Emmi su Facebook
    Nel caso di socio lavoratore ovviamente si, ma nel caso previsto visto che vi sono già lavoratori nella società si potrebbe solo esserne amministratori. fermo restando che in caso di controlli l'INPS potrebbe contestare la non iscrizione alla gestione commercianti o la non contribuzione nel caso in cui il socio presti la sua opera effettivamente nella società e non ne sia solo amministratore.
    Saluti

  12. #12
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Nov 2012
    Località
    Padova
    Messaggi
    252
    Citazione Originariamente Scritto da Studio_Emmi Visualizza Messaggio
    fermo restando che in caso di controlli l'INPS potrebbe contestare la non iscrizione alla gestione commercianti o la non contribuzione nel caso in cui il socio presti la sua opera effettivamente nella società e non ne sia solo amministratore.
    Saluti
    Sono iscritto alla gestione commercianti con la ditta individuale (pago i 4 bollettini da circa 800 euro + i contributi aggiuntivi in base al reddito), ma come posso dimostrare che svolgo solo l'attività di amministratore? Lavorerei cmq nella stessa sede perchè condividiamo gli stessi uffici.

  13. #13
    User
    Data Registrazione
    Apr 2011
    Località
    Bologna
    Messaggi
    36
    Discussione un po' vecchiotta, ma mi permetto di aggiungere che purtroppo un commercialista avrà sempre l'interesse a consigliare una SRL perché si mette in tasca 4-5000€ annui anziché 800-1000.

  14. #14
    Moderatore
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    Napoli
    Messaggi
    425
    Aggiungi info_tributi su Facebook Aggiungi info_tributi su Linkedin
    Citazione Originariamente Scritto da Giovanni Minganti Visualizza Messaggio
    Discussione un po' vecchiotta, ma mi permetto di aggiungere che purtroppo un commercialista avrà sempre l'interesse a consigliare una SRL perché si mette in tasca 4-5000€ annui anziché 800-1000.
    Questo è vero ma poi, a conti fatti, se le imposte saranno più alte, il cliente lo perdi! Quindi passi prima da 800 a 4000 e poi a zero. Secondo te conviene dare consigli sbagliati?
    MODConsulenza Fiscale
    Commercialista Online
    Sito web: www.tuocommercialista.com - Email: [email protected]

+ Rispondi alla Discussione

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.