Giorgiotave.it

Condividiamo idee e conoscenza dal 2003...
...dopo 17 anni una Nuova Storia sta per nascere
Scopri di più
+ Rispondi alla Discussione
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 51 a 79 di 79

Lavoro all'estero, tasse in Italia?

Ultimo Messaggio di AntonioMarrone il:
  1. #51
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    184
    Citazione Originariamente Scritto da claudio838 Visualizza Messaggio
    Ok , ma la mia domanda cruciale era: posso lavorare per una ditta italiana che mi pagherebbe su conto estero senza aprire partita IVA e dichiarare i redditi sempre in Italia , o è necessario aprire partita IVA? grazie mille
    Poichè ancora vivi in italia devi aprire partita iva in italia, una volta che tu sarai stabilito in guatemala allora si può pensare a procedere chiudendo la partita iva italiana e aprirne una in guatemala. Io se fossi il commercialista della ditta sconsiglierei di effettuare versamenti periodici in un conto corrente di un paese black list senza avere una adeguata documentazione a supporto ( fatttura/ricevuta estera).
    Consulenza Fiscale e Tributaria

  2. #52
    User Newbie
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Località
    reggio emilia
    Messaggi
    3
    Citazione Originariamente Scritto da ClaudioL Visualizza Messaggio
    Poichè ancora vivi in italia devi aprire partita iva in italia, una volta che tu sarai stabilito in guatemala allora si può pensare a procedere chiudendo la partita iva italiana e aprirne una in guatemala. Io se fossi il commercialista della ditta sconsiglierei di effettuare versamenti periodici in un conto corrente di un paese black list senza avere una adeguata documentazione a supporto ( fatttura/ricevuta estera).
    Quindi, per capirci, lei come "stabilito" intende, avendo spostato la residenza in Guatemala e non avendola quindi più in Italia?
    Anche solo vivendo quindi in Guatemala ma mantenendo la residenza in Italia sarei obbligato ad aprire partita IVA in Italia per poter lavorare?
    grazie mille

  3. #53
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    Treviso
    Messaggi
    1
    Mi chiamo Salvatore, ed è la prima volta che scrivo in un forum. Scusamtemi il mio italiano, ma sono nato in Germania è non ho mai studiato la lingua italianan. Vivo dal 1997 in Italia. Mi occupo di progetti per impianti industriali.
    Sto per accettare una proposta di una azienda con sede in svizzera. Io manterei la mia residenza in Italia (Treviso), quindi L’assunzione sarà con un contratto svizzero. Mi hanno già illustrato che percepisco un salario netto, già tassato secondo la legislatura svizzera, vuol dire sia le tasse per lo stato svizzero (1° pilastro), sia contributi per la pensione (2° pilastro). Inoltre con l’accordo bilaterale tra Italia e Svizzera posso mantenere la previdenza INAIL in Italia (tessera sanitaria, ecc) - ecco, non so se è vero questo. La mia domanda è la seguente: lo stipendio mi verrà corrisposto sul mio conto abituale in Italia, 1. devo dichiarare il reddito in Italia? 2. come verrà effettuato il calcolo della tassazione?
    Ecco un’altro punto importante. Il mio lavoro lo svolgerò al 90 % presso i clienti, vuol dire RUSSIA, USA, CINA, in pratica tutto il mondo. Vado in Svizzera solo per riunione progetti, cmq poche volte.
    Magari mi potete dare qualche aiuto per capire meglio la situazione.
    Grazie mille
    Salvatore

  4. #54
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    viareggio
    Messaggi
    1
    Buongiorno ,
    Il mio quesito è questo : io lavoro per una compagnia di navi crociera che battono bandiera portoghese (ibero cruiseros )
    Sono residente in Italia ma lavoro per 8 mesi all'estero ... in Portogallo pago le tasse mentre in Italia mi hanno detto che non devo pagarle e quindi risulto disoccupato ... è realmente così ?

  5. #55
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    184
    Citazione Originariamente Scritto da rosarioemanuele Visualizza Messaggio
    Buongiorno ,
    Il mio quesito è questo : io lavoro per una compagnia di navi crociera che battono bandiera portoghese (ibero cruiseros )
    Sono residente in Italia ma lavoro per 8 mesi all'estero ... in Portogallo pago le tasse mentre in Italia mi hanno detto che non devo pagarle e quindi risulto disoccupato ... è realmente così ?
    Non risulti disoccupato in italia, risulti un lavoratore all'estero. In base agli accordi contro le doppie imposizioni vigenti tra Italia e Portogallo, l'art 15, sancisce che:
    "...le remunerazioni relative a lavoro subordinato svolto a bordo di navi o di aeromobili utilizzati in traffico internazionale sono imponibili nello Stato contraente nel quale è situata la sede della direzione effettiva dell'impresa."

    In poche parole se la tua azienda ha sede in Portogallo paghi per legge le tasse in Portogallo.
    Consulenza Fiscale e Tributaria

  6. #56
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    pescara
    Messaggi
    2
    Salve a tutti, mi chiamo Francesco e mi sono imbattuto in questo forum che non conoscevo e che stò trovando davvero interessante perchè stò cercando informazioni in quanto ho ricevuto un offerta di lavoro all'estero. In pratica lavoro in Italia per una multinazionale, sono assunto con un contratto interinale Ggroup... Sono già stato in trasferta all'estero(in Croazia) per uno startup ed ora mi han proposto di andare li per un anno. Sarebbe sospeso il mio contartto in Italia e me ne farebbero uno con Adecco Croatia la quale retribuzione si andrebbe a sommare ad una diaria ecc...Nella proposta si fa riferimento a quote lorde chiaramente ma siccome per me questa è una decisione importante stò cercando di valutare e quantificare bene il tutto. La mia domanda è: essendo un contratto fatto da Adecco Croatia quale imposizione verrebbe applicata e come funziona per quanto riguarda i contributi previdenziali ed i diritti? Si baserebbe tutto sul sistema Croato oppure essendo io anagraficamente residente in Italia c'è un trattamento particolare? Vi ringrazio anticipatamente!

  7. #57
    User Newbie
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Località
    Taranto
    Messaggi
    1
    Salve a tutti continuo a leggere e rileggere forum su questo problema delle tasse

    Ho lavorato più di 183 giorni in un altro stato(convenzionato) con residenza in Italia, sono stato pagato da un datore di lavoro residente all'estero e con base fissa nel suddetto stato.

    Ora, devo fare la dichiarazione dei redditi ? pagherò le tasse ?



    Questo Stato ci vuole ignorante..Non c'è informazione, se vai alle agenzie o agli uffici riguardanti non sanno neanche che giorno è...e poi pretendono....

    Grazie per un eventuale risposta

    *P.s. StickTogether
    Ultima modifica di Angelo16; 06-02-13 alle 01:21 Motivo: dimenticanza

  8. #58
    User Newbie
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Località
    Roma
    Messaggi
    1
    Salve,
    ho questo problema.

    Sono dipendente di un'impresa italiana e da una società di consulenza estera (diversa da quella per la quale lavoro abitualmente) mi è stata chiesta un'attività spot in un Paese del Medioriente, attività che dovrebbe durare qualche mese (meno di 6 comunque).
    Avrei intenzione di farmi pagare estero su estero e in dollari e mi chiedevo se e come debbano essere conteggiati i guadagni da questa attività e quindi, se e come pagare le tasse (se dovute) in Italia.
    In effetti si tratterebbe di andare qualche giorno al mese in Medioriente, fare alcune attività e venire pagato per queste.
    Spero di essere riuscito a spiegarmi.
    Grazie a chiunque potrà darmi qualche informazione.

  9. #59
    User Newbie
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Località
    Formigine (MO)
    Messaggi
    1
    Buongiorno a tutti,

    complimenti per il forum molto interessante. Credevo di essermi chiarita, ma poi mi sono confusa di nuovo!

    Mia situazione:
    - Vivo e lavoro in UK da piu' di 10 anni
    - mai iscritta all'AIRE (quindi per lo stato italiano risulto disoccupata, ancora a carico di mia madre e residente in Italia)
    - per gli UK risulto residente in UK, in quanto domiciliata e pagato le tasse in UK da + di 10 anni
    - da Gennaio 2013 ho aperto una partita IVA in UK in quanto sono lavoratrice autonoma in UK da 3-4 anni (agente rappresentante in UK per aziende Italiane con sede in Italia, che mi pagano un servizio e commissioni su un cc business inglese)
    - In UK possiedo un auto (non possiedo immobili o altro)
    - ho sempre vissuto in affitto tranne negli ultimi due anni che ho vissuto nella casa UK del mio compagno, che tra 1 mese metteremo in affitto e quindi dovro' decidere se trovarmi un B&B o uno studio flat mio per il periodo trascorso in UK per lavoro (+ di 184 gg)
    - In Italia non possiedo immobili (ma possiedo un'auto cointestata con il mio partner dove vivo quando sto in Italia: domiciliato a MODENA, quidni indirizzo diverso dalla mia residenza italiana a Trieste dove sono originaria!)
    - non pago tasse in italia ne faccio dichiarazione dei redditi in Italia in quanto non ci lavoro
    - negli ultimi 2 anni ho percepito piccole somme di denaro sul conto italiano (inferiori a €5000) da aziende italiane per lavoro svolto e dichiarato in UK

    Sono perseguibile penalmente? dovrei fare dichiarazione in italia anche se non ci lavoro? A quale cavillo e pena burcratica vado in contro?

    Stavo pensando di iscrivermi all'AIRE per ovviare al problema fiscale italiano (mai fatto un po' per pigrizia, e un po' perche' non ne ho mai sentito una vera necessita' in quanto venire in italia per rinnovare documenti o per votare non mi e' mai stato un problema), ma sono indecisa e non so che fare, anche perche' stando ora spesso in Italia con il mio compagno potremmo decidere di comprare una casa qua.. ma ce' anche la speranza che lui si decida un giorno a trasferirsi pure lui in UK.. ma al momento non ne ha alcuna intenzione..

    C'e' qualcuno che mi puo' delucidare un po' ?

    Grazie mille
    MP
    Ultima modifica di ManuPava; 24-02-13 alle 10:05

  10. #60
    User Newbie
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Località
    Puglia
    Messaggi
    1
    Citazione Originariamente Scritto da Leopollo Visualizza Messaggio
    Buongiorno a tutti!

    Io mi trovo invece a vivere una situazione leggermente diversa da quelle descritte precedentemente (e forse un po' più "rara"):io sono cittadino Italiano residente in Italia e a breve potrei essere assunto da un'azienda inglese per continuare a svolgere la mia professione in Italia ma percependo una retribuzione direttamente dal Regno Unito.
    La domanda è: a che tipo di tassazione vado incontro? Premesso che credo di aver capito che comunque continuando ad essere residente in Italia e, soprattutto, continuando a lavorare in Italia, dovrò continuare a pagare al Governo Italiano esattamente le stesse tasse che pago attualmente come qualunque dipendente italiano, mi chiedo se il mio futuro reddito sarà assoggettato a trattenute ulteriori (magari all'origine) da parte del Governo Britannico!!! Dovrò pagare le tasse 2 volte?!?!?! nel caso in cui effettivamente ci fosse qualche trattenuta all'origine da parte del Governo Britannico, in che porzione inciderebbe su un ipotetico "stipendio lordo annuo"?
    Soprattutto: come verrà gestito il versamento dei contributi pensionistici INPS? Sarà l?INPS a richiederli direttamente all'azienda inglese? Oppure sarò io a dover prevedere versamenti "volontari"? In tal caso potrò anche astenermi dal momento che l'azienda inglese prevede già il versamento di contributi ad un fondo pensione britannico?
    Per finire qualcuno mi saprebbe dire se sia possibile (o ancora meglio scontato) che, lavorando io in Italia, l'azienda inglese mi assuma in accordo ad un CCNL italiano (con tutte le tutele e normative del caso)?

    Grazie mille in anticipo a chiunque mi volesse aiutare a sanare questi miei dubbi.

    Ciao Leopollo,

    Io mi trovo esattamente nella tua stessa situazione. La mia ditta a Londra a rilasciato un NT code per cui dovrei pagare solo le tasse in Italia ma rimane sempre aperta la questione dei contributi all'INPS? Ho consultato 3 commercialisti che sembrano tutti dire che non dovrei pagarli in Italia, ma nessuno mi e' sembrato del tutto convinto. Tanto meno l'INPS che non ha capito nulla della mia situazione!! Volevo sapere se sei riuscito a risolvere il problema?
    PS: l'azienda mi ha assunto con un contratto UK.

    Attendo tue notizie, grazie!

    chachy

  11. #61
    User
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    Milano
    Messaggi
    53
    Buongiorno,
    dovrebbe chiedere alla Sua azienda se è disposta a sottoscrivere un contratto di diritto italiano.
    In questo modo si risolve ogni questione anche a livello contributivo (INPS) ed assicurativo (INAIL),
    oltre che fiscale (IRPEF).
    cordiali saluti,

  12. #62
    User Newbie
    Data Registrazione
    May 2013
    Località
    Brescia
    Messaggi
    1

    Lavorare negli USA con visto L1-B. Devo pagare tasse in Italia?

    Ciao,
    questo il mio caso sul quale chiedo un consiglio in quanto non so come comportarmi.

    Lavoro per una compagnia americana da 4 anni, base in California, e tra 2 mesi mi trasferisco la' col visto L1-B, con la moglie (in Italia lascerò solo una casa ma sara' inabitata e con tutto disattivato).
    In quanto a tasse là pagherei molto meno (29%) ma poi comunque qui col 730 andrei a pagare il restante delle tasse per arrivare a quello che pago adesso (attorno al 42%).
    Mi han detto che l'unico modo per non pagarle è di non avere più la residenza qui. Ma per avere la residenza là significa avere la green card (....o sbaglio?!?!?) So che per la green card dovrei aspettare anni ed anni, quindi mi chiedevo se veramente avevo bisogno della Green Card per poter pagare le tasse solo in USA e non doverle pagare piu' qui.

    Grazie dei vostri consigli!

  13. #63
    User Newbie
    Data Registrazione
    May 2013
    Località
    milano
    Messaggi
    2
    Salve a tutti... spero che mi possiate aiutare circa una questione che a fatica il mio commercialista sembra non riuscire a chiarire.
    Ho ricevuto una proposta di lavoro da un'azienda tedesca, per la quale dovrei operare (come dipendente) come country manager (responsabile commerciale) per l'Italia. Quindi sarei stipendiato dalla Germania pur rimanendo residente in Italia.
    Che succede per il discorso contributivo? E per mantenere lo stipendio netto di 35000 € annui, quanto dovrei pretendere dall'azienda tedesca (lordo e netto)?
    Un grazie in anticipo per l'attenzione e per la vostra eventuale risposta

  14. #64
    User
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    Milano
    Messaggi
    53
    Buongiorno,
    ho molti clienti tedeschi e con tutti sono riuscita a far assumere il dipendente con contratto italiano.
    Chiaramente bisogna essere pazienti e spiegar loro la normativa facendo i confronti del caso.
    Per il dipendente l'assunzione con contratto tedesco rischia di diventare un grosso svantaggio sopratutto in termini di contributi
    (verrebbero versati in Germania o non versati del tutto).

  15. #65
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Località
    trapani
    Messaggi
    1
    Salve mio fratello ha lavorato nel 2012 in Germania dal 01 giugno al 31 dicembre presso una ditta come grafico, preciso che non ha mai cambiato la residenza dunque risulta in Italia anche se tutt’oggi lavora ancora in Germania.
    Gli hanno dato una sorta di certificazione di quello che ha guadagnato in Germania riassumo le voci: cifra totale lorda=14500,00
    Imposta sul reddito = 1640,14
    Tassa di solidarietà per la Germaina del ‘est = 90,15
    Pensione (parte del datore) = 1421,00
    Pensione (parte del lavoratore) = 1421,00
    Assicurazione sanitarie = 1189,00
    Assicurazione in caso di non autosufficienza=177,63
    Disoccupazione = 217,50

    Cosa deve fare in Italia? Deve fare l’unico 2013 se si in quale quadro e rigo deve indicare l’importo. Quale somma deve indicare, quella lorda?
    Ha credito d’imposta?
    Deve fare anche la dichiarazione in Germania?
    Grazie in anticipo.
    Saluti.

  16. #66
    edi
    edi è offline
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Località
    roma
    Messaggi
    1

    Lavoro all'estero ,domicilio in italia con abitazione

    Da 2 anni lavoro in AUSTRIA, pago le tasse in questo stat0.Dal 24 Aprile 2013 mi sono iscritto all'AIRE.Vorrei sapere come mi devo comportare con la Dichiarazione dei redditi MoDELLO UNICO anno 2012 dovendo riscuotere dei crediti dell'anno 2011 e avere delle detrazioni sui lavori dell'immobile di mia propietà situato in ITALIA e ivi domiciliato.Grazie e un cordiale saluto

  17. #67
    User Newbie
    Data Registrazione
    Nov 2013
    Località
    San Giorgio di Mantova
    Messaggi
    1
    In realtà molto si capisce dal documento che trovate qui: finanze.it/export/download/dipartimento_pol_fisc2/Spagna08_it.pdf .
    Io mi sono fatto uno schema per vedere se verificavo i vari requisiti in stile algoritmo, è così? si o no? se sì guarda questo, se no quest'altro, e alla fine dovrò fare la doppia contribuzione, cioè pagare le tasse in spagna che verranno dedotte dalle tasse che pago dopo in italia.

    il mio caso. Vivo in italia, lavoro in spagna per una società spagnola, ho casa, auto, famiglia e figlio in italia e comunque in italia ci vivo (e ancora preferisco).
    Quindi il mio reddito principale, cioè lo stipendio spagnolo, è imponibile in Spagna (Art. 15 commi 1 e 2).
    I miei beni immobili (casa), cioè il mio reddito immobiliare è imponibile in Italia (Art. 6)
    Il domicilio fiscale è in Italia (Art. 4 comma 2 lettera a).

    Beh... dai... spero di essere stato utile a qualcuno... anche se vi dico... devo verificare con il commercialista perchè io sono solo ingegnere...

    Ciao belli

  18. #68
    User Newbie
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Località
    milano
    Messaggi
    2

    Possibilità di lavorare- trasferimento delle persone fisiche e giuridiche

    [...]
    Ultima modifica di vnotarfrancesco; 12-12-13 alle 07:09 Motivo: Spam

  19. #69
    Esperto L'avatar di criceto
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    4,071
    Troopo conciso, spiegati meglio.
    Sorcettoroditore

  20. #70
    User Newbie
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Località
    bologna
    Messaggi
    1
    Ciao a tutti!
    Vorrei chiedere per un consiglio per la mia situazione, Ho lavorato in Belgio per un periodo di 8 mesi al 2012, dove ho pagato le tassse e ho presentato la dicchiarazione dei redditti . Lo stesso anno nei mesi non lavorativi ho percepito la disovcupazione in Italia .
    Secondo il commercialista dovrei fare la dicchiarazione dei redditti anche in Italia presentando il CUD del INPS e il CUD del da Belgio per evitare la doppia impostazione.
    Il mio problema e' che in Belgio finiscono di lavorare sulla mia dichiarazione dei redditi a gennaio 2014 e in Italia lultima data per fare la dichiarazione e' dec 2013... quindi per differenza di qualche settimana ho questo problema..
    Temo che se faccio la dichiarazione in Italia senza il certificato finale da Belgio che dimostra la cifra finale di tasse pagate gia' li' (45% sul lordo) mi faranno pagare le tasse di nuovo anche in Italia...
    Avete qualche consiglio da darmi ?
    Grazie!

    Eliya

  21. #71
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Località
    mondo
    Messaggi
    1

    rientro di capitali

    Buon giorno e complimenti per il sito.

    Io ho lavorato come dipendente in Svizzera per alcuni anni e ho aperto un conto bancario la.
    Io non posseggo niente: no auto no casa e nemmeno un conto in Italia.
    Ora da alcuni anni lavoro sulle barche da diporto con bandiera estera e sono anche fisicamente la maggior parte del tempo al estero.
    Sono a conoscenza del fatto che non sono tenuto a pagare le tasse in Italia perche sono soggetto alla tassazione della bandiera della barca dove lavoro.
    Ora siccome non vivo piu in Svizzera la banca mi ha chiesto di spostare l´indirizzo di posta in Italia.
    Cosa posso fare per portare i miei capitali in italia dimostrando al governo Italiano di non essere un evasore e rischiare qualche conseguenza?
    Sinceramente non dovrei essere intimorito perche credo di essere nel giusto ma l´aria che tira in questo momento in italia e´ di caccia al bandito e prima di essere condannato e poi assolto dopo qualche hanno vorrei fare le cose per bene.

    Grazie per il suo aiuto
    Mac

  22. #72
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Località
    Brighton
    Messaggi
    2

    Risiedo all'estero ma vorrei lavorare in italia

    Salve a tutti.
    Sono settimane che cerco informazioni riguardanti le tasse in italia.
    Vivo e risiedo in inghilterra da molti anni, sono iscritta all'aire e sono una libera professionista e pago le tasse qui in inghilterra.
    Come libera professionista, ho deciso di lavorare in italia 4/5 giorni al mese.
    La commercialista dei miei genitori ha detto che forse non c'e'bisogno di aprire la partita iva in italia ma di rilasciare le ricevute ed aggiungerle a quelle inglesi e pagare le tasse inglesi. Il problema e'che non ne era sicura e sto ancora aspettando che mi dia una risposta che non arriva.
    Qualcuno mi potrebbe aiutare a capire come funziona?
    Grazie mille

  23. #73
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2014
    Località
    bologna
    Messaggi
    1
    Ciao a tutti,sono nuovo qui e avrei un gran bisogno del vostro aiuto. La mia domanda e' molto semplice.. Nel caso si sia diventati evasori involontari,lavorando all estero ma essendo ancora con la residenza in italia..se in italia dichiaro di aver reddito zero...( perche' in effetti in italia ho reddito zero... ) e' possibile che il governo italiano venga a conoscenza del fatto che ho un reddito in italia? so che e' una brutta domanda..ma di pagare doppie tasse proprio non mi va... vi prego illuminatemi!
    grazie
    Alessandro

  24. #74
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    1
    Salve, hai mai avuto risposte?



    Citazione Originariamente Scritto da Carlotta83 Visualizza Messaggio
    Salve a tutti.
    Sono settimane che cerco informazioni riguardanti le tasse in italia.
    Vivo e risiedo in inghilterra da molti anni, sono iscritta all'aire e sono una libera professionista e pago le tasse qui in inghilterra.
    Come libera professionista, ho deciso di lavorare in italia 4/5 giorni al mese.
    La commercialista dei miei genitori ha detto che forse non c'e'bisogno di aprire la partita iva in italia ma di rilasciare le ricevute ed aggiungerle a quelle inglesi e pagare le tasse inglesi. Il problema e'che non ne era sicura e sto ancora aspettando che mi dia una risposta che non arriva.
    Qualcuno mi potrebbe aiutare a capire come funziona?
    Grazie mille

  25. #75
    ip
    ip è offline
    User Newbie
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Località
    verona
    Messaggi
    3

    Residente in Italia e dipendente al 40&% in Svizzera, devo fare la VD?

    Gentilissimi,
    leggo il post di drastikkkk e vorrei aggiungere la mia voce alla sua. Anche io risiedo in Italia e lavoro in Ticino, ho un regolar permesso G. Il mio contratto è annuale ed è al 40% e pago tutte le tasse in Svizzera come residente in Italia. Devo dichiarare altro in Italia? La banca Svizzera dove mi viene addebitato los stipendio mi ha mandato un'informativa relativa ai nuovi accordi sul segreto bancario tra Italia e Svizzera in cui mi chiedono i documenti della dichiarazione fiscale in Italia. In alternativa propongono di aderire alla Voluntary disclosure. E' una documentazione che hanno mandato a tutti i cileni, non capisco se mi deve interessare. Non c'è una soglia di stipendio e di ore lavorative sotto il quale non si è interessati dalla questione?
    Spero di ricevere un vostro gentile aiuto,
    grazie in anticipo



    Citazione Originariamente Scritto da drastikkkk Visualizza Messaggio
    Buon giorno a tutti!
    Ho letto questa lunga ed interessante conversazione e vorrei fare una domanda anch'io per quanto riguarda la "doppia imposizione" delle tasse sul lavoro effettuato all'estero...spero davvero che qualcuno di voi possa aiutarmi.

    Sono un ragazzo italiano (con residenza in italia) e lavoro da un paio di anni circa in Canton Ticino come "collaboratore scientifico temporaneo" (solo 7 mesi all'anno) con regolare permesso di lavoro temporaneo ("Permesso L") della durata del contratto...ma ogni anno non si sa se l'anno dopo verrò riconfermato.

    Pago le tasse regolarmente nel paese in cui lavoro (ho le imposte alla fonte su ogni busta paga) e vorrei chiedere se anch'io devo pagare le tasse in Italia per il mio lavoro svolto in Svizzera. Lavorando 7 mesi all'anno, supero i 183 giorni che nei precedenti post avete scritto...

    Il mio stipendio non è uno stipendio "normale" con il quale si potrebbe vivere in Svizzera, infatti alloggio (con regolare "permesso di alloggio") dalla mia ragazza di cittadinanza svizzera che molto gentilmente mi ospita e così dividiamo le spese...Non potrei permettermi neanche un affitto con quello che prendo perchè corrisponderebbe, come potere d'acquisto, ad 800 euro al mese in Italia....se poi mi tocca pagare anche doppie tasse, allora paradossalmente ci guadagno di più a rimanere a casa con i miei senza lavorare.

    Per il fisco italiano, infatti, risulto ancora a carico dei miei genitori, non avendo un lavoro fisso e abbastanza remunerato da potermi rendere autonomo.

    Spero che possiate aiutarmi a capire questa cosa e a risolverla al più presto, nel frattempo vi ringrazio a priori per le eventuali risposte...

  26. #76
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jun 2015
    Località
    treviso
    Messaggi
    1
    Buongiorno,

    Vorrei avere qualche consiglio. A breve andrò a vivere all'estero fuori dalla comunità europea. In questo momento in Italia ho un lavoro un'appartamento con mutuo qualche soldino (pochi) messo da parte e il 50% della casa di mia mamma dove lei attualmente ci abita. Vorrei chiudere tutto qui in italia perchè non penso di ritornare e comunque non vorrei tenere aperto troppe cose le quali vivendo all'estero mi porterebbero problemi a gestire e tasse da pagare. Il mio tentativo sarà quello di mettere in vendita l'appartamento e nel caso non riuscissi a venderlo in breve tempo forse valutare di affittarlo. Immagino che devo affidare il tutto ad un'agenzia. Non so cosa fare con il conto nel senso che è da li che il mio mutuo è appoggiato e mi sembrerebbe sonveniente chiuderlo almeno fino a quando ho il mutuo e poi? Una volta che sono all'estero e che mi sono iscritta all'aire e che ho fatto la dichiarazione per il 2015 essendo proprietaria dell'immobile di mia madre e sperando che mi sono liberata dell'altro appartamento devo fare ancora la dichiarazione? Se vi vengono in mente altre info tecniche di cui non ho preso in considerazione grazie se me lo fate notare.

  27. #77
    User Newbie
    Data Registrazione
    Oct 2015
    Località
    padova
    Messaggi
    2

    Lavoro in svizzera 5 mesi l'anno

    ciao a tutti
    lavoro in svizzera solo in inverno
    ho letto che devo denunciare il reddito in Italia solo se lavoro almeno 180 giorni
    Quindi se lavoro solo 150 giorni non devo dichiarare nulla?
    grazie

  28. #78
    User Newbie
    Data Registrazione
    Oct 2015
    Località
    padova
    Messaggi
    2
    lavoro in Olanda come professionista e quindi ho la partita IVa
    pago le tasse in Olanda per questo lavoro che faccio per 8 mesi l'anno
    ho anche la residenza in Olanda
    ma nei mesi estivi lavoro in Italia come accompagnatore turistico
    ho la residenza anche in Italia
    come conciliare le due cose?
    grazie

  29. #79
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2016
    Località
    Bangkok
    Messaggi
    1

    Rimpatrio dopo aver lavorato da dipendente all'estero

    Buongiorno a tutti,

    io lavoro in Thailandia da quasi 4 anni. Ho 56 anni e son padre di famiglia.
    Mio figlio (maggiorenne) mi ha seguito ed ora lavoriamo insieme, mentre le mie due figlie e mia moglie sono rimaste in Italia perche' inizialmente non sapevo quanto sarebbe durata quest'esperienza.

    La mia domanda e':

    il giorno in cui decidessi di tornare in Italia, portando con me quel che sono riuscito ad accumulare grazie ad anni di sacrificio, qual e' la situazione che andrei ad incontrare?

    Vivo a Bangkok per un totale di 11 mesi all'anno, pero' non sono ancora iscritto all'A.I.R.E. a differenza di mio figlio.

    Rientrando in Italia mi aspetta un decurtamento dei miei risparmi da parte del fisco italiano oppure no?
    E nel caso in cui sia cosi, qual e' la procedura da seguire ed i documenti da presentare per dimostrare che in questo periodo in tempo ho lavorato, e quindi ho gia' pagato le tasse, qui in Thailandia?

    Vi ringrazio anticipatamente per il vostro contributo e gentilezza.

+ Rispondi alla Discussione
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.