+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 20 di 20

artigianato occasionale e fisco

Ultimo Messaggio di VRAI il:
  1. #1
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    1

    artigianato occasionale e fisco

    buongiorno, ho appena scoperto il vostro forum e chissà che qualcuno non riesca a fare luce nel caos di risposte -una il contrario dell'altra ovviamente- che ho ricevuto finora..

    io svolgo una piccolissima attività di produzione di borse, e vorrei chiaramente venderle; alla camera di commercio mi hanno detto che se vendo solo oggetti prodotti da me faccio artigianato e non commercio, e che quindi non ho bisogno di una licenza da parte loro.

    però quando io vendo a un privato una borsa, per es. in un mercatino, sono tenuta a rilasciargli una qualche forma di ricevuta? mi è stato detto che, poichè non raggiungerò mai i 5000 euro annui, e la mia attività è occasionale, potrei fargli una ricevuta con ritenuta d'acconto (ma a un privato? dovrei chiedergli per 35 euro di andare a versare la ritenuta?!).
    se vendo senza rilasciare nulla sono fuori legge, immagino?
    inoltre in questo ipotetico mercatino posso esporre solo le mie borse o posso tenere anche le borse di una collega, senza che lei sia materialmente presente?

    altro problema: vorrei farmi un sito e pubblicare le foto delle borse, ma posso farlo?

    altro ancora, importante: ho trovato un paio di negozi che accetterebbero le mie borse in conto vendita, ma poichè non ho partita iva non sanno se possono farlo.. Possono tenere in esposizione i miei prodotti? io posso emettere uno scritto in cui dichiaro che le ho lasciate in conto vendita? cosa devo emettere a ricevuta dei pagamenti?

    Mi rendo conto che sono un sacco di domande ma ho decisamente delle grosse lacune e non riesco a venirne a capo.

    grazie mille se qualcuno avrà testa per districare il problema!

  2. #2
    User Newbie
    Data Registrazione
    Aug 2008
    Messaggi
    3
    CIao Giara, mi sono appena iscritta e ho trovato nel tuo messaggio il mio stesso problema.
    Io realizzo, per hobby, oggetti artigianali e dato che piacciono ho deciso di venderli ai vari mercatini e sagre, ma non so come regolarmi per le ricevute!
    Tu ti sei informata nel frattempo?
    E' vero che per gli oggetti realizzati personalmente non è necessario emettere nessuna ricevuta'
    Grazie

  3. #3
    Consiglio Direttivo L'avatar di lorenzo-74
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,519
    Segui lorenzo-74 su Twitter Aggiungi lorenzo-74 su Facebook
    Ciao qiara, ciao lalla47 e Benvenute nel Forum GT

    provo a rispondere ad entrambe

    però quando io vendo a un privato una borsa, per es. in un mercatino, sono tenuta a rilasciargli una qualche forma di ricevuta? mi è stato detto che, poichè non raggiungerò mai i 5000 euro annui, e la mia attività è occasionale, potrei fargli una ricevuta con ritenuta d'acconto (ma a un privato? dovrei chiedergli per 35 euro di andare a versare la ritenuta?!).
    se vendo senza rilasciare nulla sono fuori legge, immagino?
    Per quanto riguarda le prestazioni occasionali (o vendite occasionali nel vostro caso) il limite dei 5000 euro non rappresenta la soglia di passaggio da occasionale a continuativo.
    Una vendita occasionale può essere fatta per un numero limitatissimo di pezzi; a mio avviso quello che vorrebbe fare qiara non può definirsi "occasionale" (spiego il perchè più avanti)

    potrei fargli una ricevuta con ritenuta d'acconto (ma a un privato? dovrei chiedergli per 35 euro di andare a versare la ritenuta?!).
    In caso di rilascio della ricevuta ad un privato, in questa non dovrà essere riportata la ritenuta d'acconto; sarà quindi una semplicissima ricevuta riportante il solo importo della vendita.

    inoltre in questo ipotetico mercatino posso esporre solo le mie borse o posso tenere anche le borse di una collega, senza che lei sia materialmente presente?
    Beh... dovresti essere in grado di spiegare alla G.d.F, in caso di controllo, che quelle borse non sono tue; sinceramente se intendi operare con vendita occasionale non aggraverei la situazione, tenendo borse anche di altri

    altro problema: vorrei farmi un sito e pubblicare le foto delle borse, ma posso farlo?
    In questo caso il sito internet sarebbe proprio la prova della non occasionalità della tua attività; la legge tra l'altro per i siti a scopo di lucro richiede l'inserimento della partita iva nella homepage.

    altro ancora, importante: ho trovato un paio di negozi che accetterebbero le mie borse in conto vendita, ma poichè non ho partita iva non sanno se possono farlo.. Possono tenere in esposizione i miei prodotti? io posso emettere uno scritto in cui dichiaro che le ho lasciate in conto vendita? cosa devo emettere a ricevuta dei pagamenti?
    Non saprei sul conto vendita; probabilmente per un paio di borse si potrebbe anche fare; se è in realtà prassi abituale, come sopra, devi operare con partita iva.

    Direi comunque che l'attività di vendita ai mercatini + sito internet + conto vendita presso negozi sia difficilmente definibile come occasionale.

    Io realizzo, per hobby, oggetti artigianali e dato che piacciono ho deciso di venderli ai vari mercatini e sagre, ma non so come regolarmi per le ricevute!
    .....
    E' vero che per gli oggetti realizzati personalmente non è necessario emettere nessuna ricevuta'
    emetterai ricevute di vendita occasionale senza ritenuta d'acconto; rilasciare ricevuta è richiesto sempre, anche per la produzione di prodotti propri; quelle ricevute poi ti serviranno per la dichiarazione dei redditi e dovranno essere conservate per eventuali controlli.
    Ps... ovviamente sempre se si tratta di vendite occasionali (sporadiche e per un numero limitato di pezzi)...

    Spero di avervi chiarito un pò le idee.
    se avete altri dubbi chiedete pure!

    Ciao
    Ultima modifica di lorenzo-74; 24-08-08 alle 12:07

  4. #4
    User Newbie
    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    1
    Buongiorno, e grazie in anticipo.
    mi aggiungo per vedere se fosse possibile risolvere un problema che ho, molto simile ai casi precedentemente descritti.
    Dovrei fare delle foto per un piccolo evento. Queste foto verranno comprate sul momento, per ogni stampa ci sarà ovviamente un prezzo.
    Dovrò evidentemente rilasciare una ricevuta, ma non so esattamente come fare.
    Il fatto è che io sono un lavoratore dipendente (impiegato) del settore commercio, dunque del privato.
    Si tratta di una evento del tutto occasionale, direi unico.


    Grazie a chi dovesse risovlere il mio dubbio.
    Saluti
    Antonio

  5. #5
    Bax
    Bax è offline
    Esperto
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    385
    Suggerisco uno spunto su questi vecchi post che comunque ogni tanto mi ritornano attuali.
    Bisogna fare attenzione al fatto che attività artigianali svolte non come attività prevalente, ma altresì in presenza di un rapporto di lavoro dipendente da parte del titolare dell'impresa o socio di società di persone non vengono riconosciute al momento dell'iscrizione all'albo artigiani in quanto la normativa è chiara e indica un'incompatibilità tra queste attività.
    Tuttavia non è esclusa la possibilità di svolgere ugualmente tali attività qualora non sussistano requisiti particolari per lo svolgimento. In tal caso rimane il dubbio di valutare se il soggetto verrà iscritto in una sezione commercianti o meno. Il dubbio non è certo da sottovalutare perchè da ciò dipende il regime previdenziale attribuito.

  6. #6
    User Newbie
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Località
    Verona
    Messaggi
    2
    [/quote]
    quelle ricevute poi ti serviranno per la dichiarazione dei redditi e dovranno essere conservate per eventuali controlli.
    [/quote]


    Scusa se mi aggancio a questo argomento....
    Ma le ricevute in che modo serviranno? Vuol dire che prima di darle ai clienti ne devo fare una copia, e poi presentarle al commercialista o caaf quando vado a fare la denuncia dei redditi?

  7. #7
    Bax
    Bax è offline
    Esperto
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    385
    Se tu sei il prestatore la risposta è sì.

  8. #8
    User Newbie
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Località
    Torino
    Messaggi
    1
    buongiorno, ho una domanda simile alle precedenti: io ho un contratto di lavoro da dipendente (commessa, contratto commercio) e realizzo confezioni sartoriali, prima solo per amiche, adesso anche per amiche di amiche ecc... avrei bisogno di aprire una partita IVA per il secondo lavoro, che non supera per ora i 2000 euro annui, anche perchè vorrei aprire un sito internet e pubblicizzarmi un po' di più, anche in qualche negozio. Quale tipo di partita IVA dovrei aprire, per poter rilasciare le ricevute, fermo restando che ho già un lavoro da dipendente che per il momento non intendo lasciare?

  9. #9
    Bax
    Bax è offline
    Esperto
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    385
    Citazione Originariamente Scritto da maura confezioni Visualizza Messaggio
    ***
    Potresti aprire una ditta individuale indicando come attività la vendita di prodotti in internet anche se propriamente non sarebbe l'inquadramento più corretto. In alternativa puoi studiare la costituzione di una società artigiana, ma serve sempre qualcuno che deve essere e che possa essere inquadrato come tale. Altrimenti la commissione provinciale per l'artigianato è molto probabile che non accetterà la richiesta di iscrizione all'albo.
    Ultima modifica di lorenzo-74; 11-01-12 alle 09:58 Motivo: quote inutile

  10. #10
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    arona
    Messaggi
    2

    mercatini! prestazione occasionale

    Salve a tutti,
    Mi risulta che facendo i mercatini artigianali "di oggetti" nei vari comuni, si paga una tantum per l'esposizione e non c'è nessun obbligo nel pagare altri soldi sotto qualche forma di tassa!!! chiaramente non si possono esporre i cartellini con i prezzi e naturalmente risulta una vendita occasionale!! detto questo mi chiedevo se corrispondesse al vero!!!! un altra cosa molto importante dove ho dei forti dubbi!!! è questa! se aprissi un sito internet, dove espongo delle foto "come un album fotografico" dei vari oggetti creati, con delle diciture dove faccio riferimento ai mercatini dove espongo occasionalmente, sarebbe legale essendo solo un album fotografico in sostanza???
    Grazie!

  11. #11
    Bax
    Bax è offline
    Esperto
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    385
    Citazione Originariamente Scritto da mixfer Visualizza Messaggio
    ***
    Trovo una certa difficoltà a definire attività occasionale quella in cui si svolga con una certa frequenza l'attività di commercio ambulante. E' una valutazione che tralascio. La presenza di un sito internet dedicato all'esposizione potrebbe, in una ipotesi forse abbastanza remota, essere ritenuto un indizio di un'attività organizzata e quindi difficilmente qualificabile come occasionale.
    In ogni caso anche i redditi ottenuti da questo genere di attività svolta non abitualmente sono assogettati ad IRPEF e qualificati come redditi diversi. Non so da dove derivi la convinzione che "basta pagare una tantum per l'esposizione". Quello di cui parli è riferito a una tassa di occupazione del suolo pubblico ed eventualmente una tassa sui rifiuti che sono tributi locali e che non hanno niente a che vedere con le imposte sui redditi.
    Ultima modifica di lorenzo-74; 11-01-12 alle 10:00 Motivo: quote inutile

  12. #12
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    arona
    Messaggi
    2
    In effetti ho sempre pensato che i mercatini artigianali, fossero senza obbligo di tasse!! o meglio.. pensavo che pagando la piazzola si fosse pagato il diritto per quel giorno, di vendere occasionalmente i propri prodotti artigianali!! leggendo quanto ha scritto lei, posso dedurre che dovrò al momento della dichiarazione dei redditi!! denunciare i soldi ricavati!! quindi ai mercatini non rilascerò nessuno scontrino giusto??? o esiste un modo per lasciare una ricevuta????
    grazie.

  13. #13
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Trieste
    Messaggi
    1
    Ho letto questa discussione con molto interesse e vorrei sapere come posso regolarmi per poter organizzare dei corsi di cake design.
    Sono un impiegata part-time nel settore commercio e a tempo perso per hobby realizzo torte decorate per amici.
    Mi è stato chiesto molte volte di fare dei corsi dimostrativi di decorazione, per fare questi corsi però dovrei chiedere ai partecipanti una quota per riuscire a far rientrare gli eventuali costi di organizzazione ed eventualmente guadagnarci qualche soldino.
    Come posso fare per essere in regola?
    potrei emettere una semplice ricevuta che poi però dovrei dichiarare nella dichiarazione dei redditi 730?
    Potrei eventualmente collaborare con qualche associazione e in che modo?
    Oltretutto realizzo anche delle vere e proprie "sculture" da mettere sopra le torte (come riproduzione di vari soggetti i cartoni animati).
    Fino ad adesso ho racimolato pochi soldini ma non vorrei mai che l'amico dell'amico che mi fa fare una scultura di zucchero sia un finaziere !!!
    attendo una vostra risposta e mi complimento per il bellissimo forum.

  14. #14
    User Newbie
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    firenze
    Messaggi
    1
    Ciao a tutti, mi sono appena iscritta perchè mi sembra che questo forum sia molto interessante e ben fatto.
    Credo anche di aver trovato la sezione giusta per porre questo quesito.
    Da un paio di anni, mi diletto a fare dei mercatini dell'artiginato vendendo delle mie creazioni di cucito creativo avvalendomi del cosidetto art. 4.
    Negli ultimi mesi però, voci discordanti hanno sollevato un po' di dubbi sul fatto che questo si possa ancora fare... ho intepellato delle associazioni di categoria ma sembra che anche loro non abbiano le idee chiare...
    E' possibile che per fare una decina di mercatini in un anno ed incassare (bada bene dico incassare e non guadagnare) circa 1.000-1.500 € di debba aprire la partita IVA? Questo non sarebbe poi un grande dramma se non fosse che, solo per cominciare, anche se non vendi niente hai circa 2.000 € di contributi INPS da pagare?!?!?
    In questo modo ci abbligano ad annullare la creatività ed il divertimento di fare questi mercatini che sono quasi esclusivamente un passatempo ed un modo di socializzare. E' possibile che anche in rete non si trovino notizie e regole precise? Ringrazio fin d'ora chiunque sia in grado di aiutarmi e possa nel qual caso fare riferimento a normative precise. GRAZIE!!

  15. #15
    User Newbie
    Data Registrazione
    Mar 2012
    Località
    Forlì
    Messaggi
    1

    Info aggiornate

    Buongiorno e innazittutto grazie per aver accettato la mia isrizione!
    Vi scrivo per avere delle informazioni aggiornate sul discorso "Hobbisti e Mercatini".
    Ho letto le varie discussioni, mi sono informata privatamente e in quanto hobbista e frequentatrice di mercatini mi sorgono molti dubbi.
    1). La dichiarazione sostitutiva di notorietà che io tengo sempre nel portafoglio e che presento (con relativa marca da bollo) ai comuni (che peraltro non tutti accettano ma solo pochi, nonostante permettano agli hobbisti la partecipazione agli eventi) è la domanda di occupazione di suolo pubblico?
    2). Quando partecipo ai mercatini , rilascio delle ricevute generiche su cui è riportato l'importo della transazione. Ma mi chiedo se questa procedura, unitamente alla domanda sostitutiva, basti in caso di eventuali controlli da parte della finanza per provare che vendo occasionalmente e per provare soprattutto che le cifre incassate giornalmente non superano i 250 euro.
    3). proprio quelle ricevute generiche saranno poi valide da allegata al 730 per provare che quei proventi non raggiungono neanche lontanamente il limite max stabilito in 5000 euro annui?
    4). E' possibile per me, privata, aprire un conto vendita c/o negozi per esporre e vendere regolarmente? e che documenti dovrei preparare?
    5). Mi è stato chiesto di tenere delle dimostrazioni per i clienti di un ristorante (come servizio aggiuntivo per attirare clientela). Posso farlo, magari rientrando nell'ambito della prestazione occasionale (preparando anche in questo caso le relative documentazioni)? ...più che altro mi chiedo se posso percepire un piccolo compenso o se devo farlo a titolo gratuito perchè la legge non lo permette.

    Scusate se vi ho tempestato di domande....ma dai vari Enti non ho ricevuto risposte esurienti, i Comuni non sono assolutamente informati in materia e navigando nel web ho trovato una marea di informazioni discordanti!!! non so che pesci prendere!!!

    Grazie!!

  16. #16
    User Newbie
    Data Registrazione
    Mar 2012
    Località
    bergamo
    Messaggi
    1
    buongiorno a tutti, ho anche io delle domande simili sull'argomento e spero che qualcuno mi possa aiutare......

    per hobby produco dei piccoli oggetti di bigiotteria e similari, ho trovato un sito carino che e' una specie d'incrocio tra e-bay e facebook dove le persone postano delle idee regalo e altre che cercano idee regalo....se un idea porposta piace e qualcuno la compra, questi paga al sito l'importo proposto e riceve un cupon per ritirare l'oggetto. Chi ha proposto l'oggetto riceve un bonifico con l'importo decurato del 'costo del servizio' del sito.

    Se volessi vendere qualche oggetto come mi dovrei comportare fiscalmente? Premetto che ho un lavoro a tempo indeterminato e che gli oggetti che venderei sono di importi inferiori ai 50€, l'importo che copre poco piu' che le spese dei materiali.....

    Mi hanno chiesto di fare un mercatino degli hobbisti/artigianato con altre amiche che documenti dobbiamo avere? ...penso che sia l'unico mercatino che faremo, quindi questa e' sicurmante un attivita' occasionale.....dobbiamo fare delle ricevute ed in caso di che tipo? Avete dei fax simili dei documenti e delle eventuali ricevute da fare?
    Le ricevute vanno poi consegnate al caaf per il 730?

    Grazie mille

  17. #17
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Arese
    Messaggi
    8

    Pittrice nel tempo libero

    Mi dispiace non dare nuove informazioni, ma devo unirmi al coro delle persone che chiedono chiarimenti.

    Sono dipendente pubblico part time e nel tempo libero mi piace dipingere.

    Ho un sito dove espongo i miei quadri (solo espongo, non ci sono prezzi) e dove ho messo i link alle pubblicazioni di manuali e libri illustrati che ho realizzato mediante il sito di self publishing "LULU".
    Preciso che sul sito di LULU i guadagni sono già "netti" e non superano le 3 o 4 unità vendute all'anno da cui ricavo al massimo 3 o 4 euro a unità.

    Sono parecchi anni che non partecipo a mostre mercato, ma mi piacerebbe farlo.
    Mi chiedo in che modo dovrei risultare per essere in regola?
    Dovrei aprire partita iva, o dovrei fare delle ricevute in ritenuta d'acconto? O delle semplici ricevute? E vanno poi dichiarate nella denuncia dei redditi?
    Dove?

    Grazie dei chiarimenti
    Chiara

  18. #18
    User Newbie
    Data Registrazione
    Apr 2013
    Località
    Roma
    Messaggi
    1

    Prodotti handmade su leparche

    Buonasera a tutti/e
    Vi è stato risposto in modo corretto da molti utenti per quanto concerne le normative in materia contributiva. Leparche è un e-commerce che stà adempiendo a tutte le fasi dello start-up in questi giorni e conta di farsi una notevole pubblicità in occasione della fiera internazionale dell'artigianato che per info si terrà a Firenze dal 20 al 28 febbraio 2013. Tutte coloro che hanno difficoltà a gestire le vendite o incrementarle, possono visitare il sito (che momentaneamente è ancora under construction) non essendosi ancora costituita la società, ma è parzialmente funzionante. E' possibile registrarsi all' e-commerce ed inserire a titolo gratuito, se detentori di un conto paypal, i propri oggetti di artigianato o prodotti alimentari (in questo caso è necessario avere un'attività regolata da norme come quelle stabilite dall' HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points, letteralmente «Analisi del Pericolo e Punto Critico di Controllo» che monitorizza il processo produttivo). Il limite che può essere gestito con ricevuta, senza necessariamente essere iscritti alla CCIAA ed avere la P.IVA è fissato a 5.000 € se rientra come vendita occasionale ritenuta opera d'ingegno (propria) e non commercio di prodotti altrui. Sarà un piacere per noi, ospitare le vostre creazioni! (spero di non aver fatto gaffe considerando l'ora tarda).

  19. #19
    User Newbie
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Località
    milano
    Messaggi
    1
    Buongiorno a tutti.
    Anch'io ho un problema particolarissimo.
    Ho già un negozio di souvenir con partita iva e registratore di cassa. vorrei vendere oggetti fatti da me e, occasionalmente, oggetti artigianali fatti da donne senza lavoro (invece che acquistarli dalla Cina o da grossisti..). Come giustifico la presenza di questi manufatti nel mio negozio? In conto vendita? e come li scarico? con scontrino iva al 22%. E le mie creazioni? mi 'autofatturo'?? grazie.

  20. #20
    User Newbie
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Località
    crema
    Messaggi
    1
    Buondì a tutti è la prima volta che scrivo su questo forum... vi spiego insegno cucito presso delle associazioni e vengo pagata con una sorta di rimborso spese, molte però delle mie alunne mi chiedono dei corsi aggiuntivi a casa.. è possibile fare corsi a casa? se si che iter burocratico devo seguire?
    Grazie mille!!!

+ Rispondi alla Discussione

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.