Buongiorno,
intanto mi scuso anticipatamente nel caso la mia richiesta sia pubblicata in un posto sbagliato.
Vi scrivo perché ho bisogno di una consulenza immobiliare.
Ho una situazione un po' complessa e cercherò di sintetizzare.
Nel 2016 ho acquistato assieme al mio convivente (stesso stato di famiglia) un immobile di cui risulto proprietaria al 50%.
Con scrittura privata ci siamo accordati e ho versato al mio compagno a mezzo bonifici una somma di denaro per aprire la compravendita e affrontare le spese notarili e tutte le altre spese ecc. Diciamo che ho messo tutti i soldi io, mentre il mutuo è stato poi aperto dal mio compagno solo a nome suo.
Inizialmente l'immobile doveva essere intestato in percentuale a quanto investito, ma un errore del notaio un giorno prima del rogito ha comportato questo.
Ora ci stiamo lasciando e volendo "cedere" a lui la mia parte di immobile (50%) vorrei sapere se questo sia possibile e soprattutto come fare e come muovermi per evitare ulteriori pasticci.
Purtroppo avendo usufruito dell'agevolazione prima casa l'idea era quella di non vendere l'immobile prima dei 5 anni. Purtroppo ora la realtà è altra, quindi, visto che sarei io a lasciare la casa e andare in altra città a me interesserebbe solo riavere indietro la somma "prestata", ma non credo che sia così semplice, o sbaglio? Oppure è possibile farla passare come donazione? Come posso muovermi? Scusate le tante domande e l'ignoranza in materia. Spero di essere stata abbastanza chiara e di avere da parte vostra almeno alcune indicazioni su come procedere per non commettere errori.
Grazie mille e buona giornata a tutti.
Lori