Buongiorno a tutti,
Preambolo per chiarire la situazione: abito in una casa indipendente che è servita da un piccolo acquedotto privato che viene rifornito da una vicina sorgente.
La tubazione che serve casa mia attraversa un terreno privato adiacente la casa.
L'acquedotto in questione, per problemi di manutenzione/costi di gestione/età del gestore/etc., cesserà l'attività e quindi mi vedo costretto ad allacciarmi all'acquedotto "pubblico".
Le tubazioni dell'acquedotto pubblico, e di conseguenza anche il punto di presa che mi sarà assegnato, si trovano a monte del terreno rispetto a casa mia e per questioni tecniche non è possibile riutilizzare la tubazione già presente inoltre la tubazione ora è per un primo tratto in comune con un'altro fabbricato mentre dovrei sostituirla con una nuova che vada direttamente dal punto di presa alla casa senza deviazioni.
Veniamo ora ai miei dubbi:

1) esistendo già la servitù di passaggio dell'attuale tubazione può il proprietario del fondo negarmi l'autorizzazione alla sostituzione dei tubi?

2) il fatto che l'attuale servitù sia relativa ad un tubo unico per un primo tratto che poi si sdoppia mentre le nuove saranno fondamentalmente 2 tubi separati può essere motivo ostativo?

3) Le nuove tubature devono necessariamente ripercorrere lo stesso tracciato delle vecchie per mantenere la servitù?

Grazie mille a chiunque possa aiutarmi