+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 30 di 30

Recupero crediti come fare?

Ultimo Messaggio di Avv. Luciano Cdi il:
  1. #1
    User
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    104

    Recupero crediti come fare?

    Ciao a tutta la lista .
    Io ho il seguente problema.

    Ad ottobre del 2007 ho svolto la mia attività di consulente informatico prestato ad una ditta che chiamerò con un nome fittizio per ovvi motivi.

    La ditta in questione XYZ mi ha ingaggiato per svolgere il lavoro presso il cliente finale 123 con il regime della partita iva .

    Il pagamento della mia consulenza era presso l'azienda XYZ a 60 giorni e il contratto durava 3 mesi.

    A dicembre io vengo tolto dal Cliente 123 prima della fine anno per ferie natalizie e la ditta XYZ si informa su questa cosa per tempo.

    Il 31 dicembre , data di scadenza , della 1 fattura di ottobre (60 gg D.F.F.M.)
    la ditta XYZ dicono che sotto le feste hanno problemi a fare il pagamento che devono riorganizzare tutto la situazione amministrativa e che mi pagheranno nei primi di Gennaio.

    Per farla breve i soldi dei 3 mesi non li ho mai ricevuti .
    Ho contratto firmato , ore di lavoro effettute (rapportino) consuntivate firmate dal cliente e dalla ditta XYZ come prova e fatture ricevute dalla ditta xyz.

    La situazione è che tramite avvocato abbiamo provveduto al decreto ingiuntivo da parte del tribunale della mia città .
    Non si sono opposti al tribunale entro i 40 giorni e si dovrebbe arrivare a giorni per il precetto esecutivo cioè al pignoramento dei beni prima patrimoniali e poi immobili.

    Ma io ho le tasse da pagare per quei 3 mesi.
    C'è un modo più celere per avere il mio giusto compenso?
    So difatti che la ditta XYZ non è tenuta a dire se ha o meno i soldi ma che bisogna sapere che banca di appoggio hanno o dove eseguono regolarmente i pagamenti per l'affitto e quant'altro.

    Come posso fare viste le tasse imminenti?
    Un modo per denunciarli più rapido esiste?
    E se mi rivolgessi allo sportello della guardia di finanza?
    Che dite?

    Grazie a coloro sapranno darmi un indicazione per risolvere il mio annoso problema!!

    Ciao.

  2. #2
    Esperto
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Merate
    Messaggi
    217
    Purtroppo non mi risulta esista un sistema più rapido.

  3. #3
    User
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    104
    Citazione Originariamente Scritto da Giberavv Visualizza Messaggio
    Purtroppo non mi risulta esista un sistema più rapido.
    E dicono purtroppo che nemmeno è sicuro al 100% il risultato anche se io sono arrivato alla fase finale del precetto esecutivo

    E' veramente desolante la situazione delle scappatoie di chi non paga il lavoro fatto in Italia ...

    E se mi rivolgessi alla guardia di finanza ad esempio, denunciando l'azienda che mi deve soldi per un lavoro fatto , timbrato e approvato dal tribunale di xxxx come riscatto credito meritorio?



    Boh..

    Grazie comunque della risposta

  4. #4
    User
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    104
    Scusate se ripropongo facendo un floor up .
    Ma nessuno ha qualche altre idea?

    Non si può portare la ditta indicata in sede legale davanti ad un giudice.
    La situazione è grave.
    io devo pagare tasse per soldi mai avuti e loro
    che non hanno pagato adirittura faranno profitto scaricando l'iva al 20%.

    Io sono andato a lavorare per loro 10 ore al giorno.

    Ho guadagnato circa 15mila euro teorici ma non ho mai visto un euro!!

    come si fa?
    Oltre la procedura standard del recupero credito posso denunciarli
    legalmente in modo da farli arrivare a presentarsi ad un tribunale?

    Altrimenti posso anche rivolgermi allo sportello della Guardia di Finanza denunciando la cosa?

    Entro 30 giorni dovro' pagare le tasse con un credito mio attivo pari a ZERO!

  5. #5
    Esperto
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Merate
    Messaggi
    217
    Nessuno può essere costretto a presentarsi davanti ad un Tribunale.
    In teoria anche l'imputato di un procedimento penale può rinunciare a comparire (ma non può rinunciare alla difesa tecnica obbligatoria per legge).
    Se si è già alla fase finale di un precetto esecutivo (immagino trattasi in realtà di un precetto notificato a seguito del quale non si sa dove fare l'esecuzione), loro hanno già rifiutato di presentarsi davanti ad un giudice.
    Anche perchè c'è già stato un decreto ingiuntivo non opposto.
    Per cui sarebbe opportuno cercare (magari con l'aiuto di una società di investigazione) di avere informazioni su dove si trovano dei soldi da andare a prendere (che so, clienti della ditta dove sia possibile pignorare crediti, conto corrente, beni della ditta) e fare l'esecuzione.
    Teoricamente la riforma del c.p.c. impone al debitore, in sede di pignoramento immobiliare, di dichiarare dove si trovano beni aggredibili e la dichiarazione falsa costituisce reato penale. Solo che nessuno ha tempo per occuparsene.

  6. #6
    User
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    104
    Grazie Giberavv,
    devo dire che questa è la risposta che avevo avuto in giro e la tua , non fa altro che confermarmi quello che più o meno già sapevo senza grandi certezze.

    Ora che so come funziona dovrò si trovare un collega che lavora per loro e sapere se viene pagato e su quale conto.

    Ti confermo che si tratta di un precetto notificato e che anzi è ancora in fase di approvazione . L'avvocato ha detto che ci vorrano un paio di settimane circa e dato che il decreto ingiuntivo non ha avuto oppisizione al 99,9% il giudice confermera' il precetto.

    Commento solo una tua frase che dimostra che sei un professionista serio con il buonsenso aggiunto alla tua professione:

    Citazione Originariamente Scritto da Giberavv
    Teoricamente la riforma del c.p.c. impone al debitore, in sede di pignoramento immobiliare, di dichiarare dove si trovano beni aggredibili e la dichiarazione falsa costituisce reato penale. Solo che nessuno ha tempo per occuparsene.
    Già. E' proprio vero che in Italia per i debitori e per gli evasori le leggi sono molto blande.. direi troppo .
    Cosi' come nelle situazioni di mobbing legate al mondo del lavoro .

    Siamo indietro rispetto a paesi come Francia,Germania,Spagna, Inghilterra di almeno 15 anni e come mi ha detto "confidenzialmente" il mio stesso avvocato molto spesso lui si sente frustrato perchè in tantissime situazione
    ha veramente le mani legati di fronte a tanta prepotenza e sfacciataggine di chi è in torto!

    Grazie 1000.
    GianluAneN

  7. #7
    User L'avatar di blaze++
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Parma / Marsala
    Messaggi
    73
    Secondo me l'esecuzione è la via più "veloce".
    Non ha senso "trascinarlo in tribunale" anche perchè quando il decreto ingiuntivo diventa definitivo è un titolo esecutivo e dunque lo notifichi insieme al precetto e se non ti pagano procedi al pignoramento.

    Invece, circa le tasse, le mie "vaghe" reminiscenze di diritto tributario, mi portano a dire che per i liberi professionisti vale il principio di cassa e nonquello di competenza: percui paghi le tasse solo su crediti riscossi e "scarichi" solo su fatture pagate

    Correggetemi se sbaglio

  8. #8
    User
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    104
    Citazione Originariamente Scritto da blaze++ Visualizza Messaggio
    Secondo me l'esecuzione è la via più "veloce".
    Non ha senso "trascinarlo in tribunale" anche perchè quando il decreto ingiuntivo diventa definitivo è un titolo esecutivo e dunque lo notifichi insieme al precetto e se non ti pagano procedi al pignoramento.
    Si giusto ma il mio problema è che la società X che deve pagarmi ricordo che il giorno del colloquio me l'hanno fatto dentro una specie di ufficio con cui apparte qualche quadro di bottega appeso non c'era proprio niente.
    Al massimo li dentro puoi pignorare i soldi per una pizzata con amici non il relativo del mio onorario lavorato.

    Comunque sia ho trovato un cliente per cui sono fornitori attualmente e per cui dovrebbero avere i dati bancari aperti e li allora si che saranno dolori (per loro).


    Citazione Originariamente Scritto da blaze++ Visualizza Messaggio
    Invece, circa le tasse, le mie "vaghe" reminiscenze di diritto tributario, mi portano a dire che per i liberi professionisti vale il principio di cassa e nonquello di competenza: percui paghi le tasse solo su crediti riscossi e "scarichi" solo su fatture pagate

    Correggetemi se sbaglio

    Da quanto anche io ho capito e malgrado un solo anno di attività a partita iva , quello che hai detto è giustissimo.
    Solo che io sono inquadrato con le nuove tipologie di partita iva per i liberi professionisti, ossia piccolo imprenditore.

    Ed essendo quindi impresa il principio di cassa decade e percio' o incassato o non incassato devo pagare le tasse ahimè

    Il consiglio di mio padre, che ne sa tanto di tutto dato che ha 40 anni di lavoro alle spalle a p.iva . è di far chiudere l'iva a commercio dalla commercialista e di farla riaprire come libero professionista solamente , visto che io svolgo attività solo di consulenza.

    In pratica le ultime iniziative di regime iva sembrano una "fregatura".

    Grazie della risposta.
    A dire il vero mi sento vicino alla soluzione travagliata del mio caso e non vedo l'ora perchè sono estenuato dal caos provocatomi da chi non è onesto e non ne paga nemmeno le conseguenze.

    [...]

    Ciao

  9. #9
    User L'avatar di blaze++
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Parma / Marsala
    Messaggi
    73
    Ti capisco,
    solo che purtroppo se il pignoramento non va a buon fine perchè non c'è nulla da pignorare, l'unica soluzione è presentare l'istanza di fallimento, il che vuol dire che prima verranno soddisfatti i creditori privilegiati ed alla fine, se avanza qualcosa, i chirografari.

    In estrema sintesi: se i soldi non ci sono non c'è nulla da fare!

    In Italia siamo arrivati al punto che anche un consulente, per stare mezzo tranquillo, dovrebbe consultare il bilancio delle società clienti prima di eseguire una prestazione.

    Ti auguro buona fortuna!

  10. #10
    User
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    104
    Citazione Originariamente Scritto da blaze++ Visualizza Messaggio
    Ti capisco,
    solo che purtroppo se il pignoramento non va a buon fine perchè non c'è nulla da pignorare, l'unica soluzione è presentare l'istanza di fallimento, il che vuol dire che prima verranno soddisfatti i creditori privilegiati ed alla fine, se avanza qualcosa, i chirografari.
    si questo l'ho saputo anche io. Io sarei , anzi risulto come cliente priveligiato.
    Ma c'è una novita inattesa e che può portarmi al risultato finale che attendo da tempo. Ho scoperto una cosa .
    Non dico ancora nulla per bieca scaramanzia

    Citazione Originariamente Scritto da blaze++ Visualizza Messaggio
    In estrema sintesi: se i soldi non ci sono non c'è nulla da fare!

    In Italia siamo arrivati al punto che anche un consulente, per stare mezzo tranquillo, dovrebbe consultare il bilancio delle società clienti prima di eseguire una prestazione.
    Già condivido appieno e non solo .
    Per fare bene il consulente ti serve non solo il commercialista ma un avvocato e ultima novita il tributarista .
    Sto fornendomi di tutte queste cose ma a che prezzo??? salato!! :|
    Comunque il bilancio di una società non è sempre visibile ed è un dato sensibile quindi devi andare ad intuito .
    Purtroppo la cosa non è circoscritta alla sola Italia.
    Ultimamente sto avendo problemi anche con una società estera
    mah...
    Ti auguro buona fortuna![/quote]

    Grazie ne ho bisogno

    Ciao

  11. #11
    User
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    104
    Vi Aggiorno , in particolare per coloro che mi hanno risposto : blaze++, giberavv , sulla mia situazione.

    Fianlmente il decreto ingiuntivo è diventato esecutivo .

    Ora non rimane che il recupero crediti previsto.

    Per fortuna per il timbro finale non ho dovuto aspettare mesi ma adesso
    essendo "sotto tasse" vorrei recuperarli in pochi giorni.

    La notizia che avevo per recuperare i crediti era che il cliente finale della società X per cui ho lavorato ha le coordinate bancarie della società di intermediazione che non mi ha pagato.

    Ma non vogliono collaborare con me e il mio avvocato

    Non resta che agire per via traverse tramite conoscenti e altri consulenti per cui hanno lavorato per recuperare questi soldi necessari tra l'altro per le mie tasse.

    La società X mi deve circa 15-20mila euro per l'anno 2007!!

    Vi ho aggiornato e se avete un consiglio su come recuperare il credito nel più breve tempo possibile senza procedere al pignoramento dei beni , dite pure.

    A me che l'esecuzione del recupero crediti mi porta a casa una bicicletta
    un mobile o un paio di portatile non mi interessa moltissimo

    Voglio quello che mi aspetta di diritto, i soldi del lavoro effettuato.

    Idee?

    Ciao

  12. #12
    Esperto
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Merate
    Messaggi
    217
    Purtroppo, a potere, la soluzione migliore è pignorare il conto corrente o un altro credito in denaro. Oltre al fatto che il pignoramento del conto corrente rompe molto le balle all'azienda perchè la banca blocca i flussi di credito.

  13. #13
    User
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    104
    Citazione Originariamente Scritto da Giberavv Visualizza Messaggio
    Purtroppo, a potere, la soluzione migliore è pignorare il conto corrente o un altro credito in denaro. Oltre al fatto che il pignoramento del conto corrente rompe molto le balle all'azienda perchè la banca blocca i flussi di credito.

    Ciao Giberavv , Finalmente l'ultimo timbro da parte del tribunale è arrivato.
    Purtroppo dopo le tasse del 16 giugno

    adesso tramite agenzia investigativa cercheremo il c/c dell'indagato e visto che non si è opposto in nessuna misura nè alla diffida , nè al decreto ingiuntivo e non può farlo più visto che è diventato precetto esecutivo,
    preleverò dal suo conto l'intero importo . {almeno spero}

    questo qui ( e in senso generale le piccole ditte di intermediazione del lavoro ) sono pesci piccoli . Inoltre lui è proprio un rubagalline.
    Non credo che una banca seria si voglia impelagare per un contribuente del suo calibro.. non credo proprio...

    comunque sia adesso è arrivata la parte più difficile .
    La ricerca dei dati su di lui (clienti, c/c, beni immobili)
    Abbiamo già trovato i suoi dati anagrafici e di residenza..

    speriamo bene...

  14. #14
    User
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    104
    tanto per tenere aggiornati (soprattutto per chi ci capiterà dopo di me)

    La fase adesso è attiva e ho ingaggiato un agenzia di investigazioni (che per motivi di pubblicità non posso nominare) per rintracciare il c/c
    della società disonesta (o del suo amministratore unico).

    Da qui a 90 giorni potrò portare a termine questo triste episodio.

    Non faccio pronostici .. ovviamente ..

  15. #15
    User
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    104
    Bene vi tengo aggiornati su questa faccenda anche per chi capitera' in futuro .. ma io intanto conto di risolverla.
    Mi hanno risposto a suo tempo giberavv e blaze++ ma volentieri se qualcun altro ha da suggerirmi lo faccia pure .. che non vedo l'ora di chiudere questa faccenda.

    allora
    riassumendo . questa societa' mi deve tot euro.
    ho fatto decreto ingiuntivo+precetto esecutivo e non si sono opposti .
    ho pagato un agenzia privata di investigazioni per sapere il loro c/c e me l'hanno trovato ma dopo l'invio del precetto da parte del mio avvocato
    la banca ha risposto che il creditore ha si un conto risultante alla societa' srl che mi deve i soldi ma che tale conto è in rosso.
    E non credo che un amministratore di una banca seria MPS possa permettersi il lusso di mentire di fronte ad un documento timbrato da un prefetto di un tribunale di giustizia.
    senonche' l'avvocato stesso della ditta srl che mi deve i soldi si è messo in contatto con il mio e per evitare ripercussioni gravi per la ditta stessa vuole pagarmi la meta' dell'importo a stralcio di ogni pretesa.
    La cosa mi fa alquanto innervosire anceh se comunque è un risultato buono (piuttosto di non averli mai)

    Ma... veniamo alle possibilita' di recupero

    Citazione Originariamente Scritto da Giberavv Visualizza Messaggio
    Nessuno può essere costretto a presentarsi davanti ad un Tribunale.
    In teoria anche l'imputato di un procedimento penale può rinunciare a comparire (ma non può rinunciare alla difesa tecnica obbligatoria per legge).
    Se si è già alla fase finale di un precetto esecutivo (immagino trattasi in realtà di un precetto notificato a seguito del quale non si sa dove fare l'esecuzione), loro hanno già rifiutato di presentarsi davanti ad un giudice.
    Anche perchè c'è già stato un decreto ingiuntivo non opposto.
    Per cui sarebbe opportuno cercare (magari con l'aiuto di una società di investigazione) di avere informazioni su dove si trovano dei soldi da andare a prendere (che so, clienti della ditta dove sia possibile pignorare crediti, conto corrente, beni della ditta) e fare l'esecuzione.
    Teoricamente la riforma del c.p.c. impone al debitore, in sede di pignoramento immobiliare, di dichiarare dove si trovano beni aggredibili e la dichiarazione falsa costituisce reato penale. Solo che nessuno ha tempo per occuparsene.
    Questo è buono e lo chiedero' al mio avvocato
    inoltre sapete indicarmi un agenzai di investigazioni seria che possa dirmi se hanno altri conti collegati e non mi faccia spendere una follia.
    La prima mi ha dato solo il conto relativo all'azienda ma era in rosso e mi ha detto di pagare altri soldi per una ricerca piu' accurata su conti collegati ad essa.
    ho pagato oltre 500euro.

    Citazione Originariamente Scritto da blaze++ Visualizza Messaggio
    Secondo me l'esecuzione è la via più "veloce".
    Non ha senso "trascinarlo in tribunale" anche perchè quando il decreto ingiuntivo diventa definitivo è un titolo esecutivo e dunque lo notifichi insieme al precetto e se non ti pagano procedi al pignoramento.

    Invece, circa le tasse, le mie "vaghe" reminiscenze di diritto tributario, mi portano a dire che per i liberi professionisti vale il principio di cassa e nonquello di competenza: percui paghi le tasse solo su crediti riscossi e "scarichi" solo su fatture pagate

    Correggetemi se sbaglio
    Sul fatto delle tasse mi trovi concorde e per fortuna ho fatto la modifica con il mio commercialista riguardo la tipologia della mia partita iva
    e quindi per ora non avendo incassato per competenza diciamo che ho recuperato iva + tasse

    ma adesso sto pensando se accettare il loro compromesso oppure cercare i loro c/c collegati o per terzi.

    Ma qualcuno sa come fare a portarli davanti ad un giudice e fargli dire dove hanno quello che mi devono?

    e se li minacciassi di denunciarli alla GdF??

    qualsiasi idea è ben accetta perchè sono stato derubato di lavoro di 3 mesi di partita iva e sono incavolatissimo su questa cosa.

    Ciao,
    Grazie
    Ultima modifica di GianluAneN; 04-09-08 alle 18:47

  16. #16
    User L'avatar di mar.ares
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Milano
    Messaggi
    10
    non posso che ribadire quanto già detto dagli altri, il pignoramento presso terzi è la soluzione migliore....
    scusa la domanda ma questa agenzia ti ha fornito della documentazione scritta circa l'esito della sua ricerca oppure una relazione orale.
    Grazie Ares

  17. #17
    User
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    104
    Citazione Originariamente Scritto da mar.ares Visualizza Messaggio
    non posso che ribadire quanto già detto dagli altri, il pignoramento presso terzi è la soluzione migliore....
    scusa la domanda ma questa agenzia ti ha fornito della documentazione scritta circa l'esito della sua ricerca oppure una relazione orale.
    Grazie Ares

    Citazione Originariamente Scritto da Giberavv Visualizza Messaggio
    Purtroppo, a potere, la soluzione migliore è pignorare il conto corrente o un altro credito in denaro. Oltre al fatto che il pignoramento del conto corrente rompe molto le balle all'azienda perchè la banca blocca i flussi di credito.
    @Ares: si che mi ha fornito una documentazione.
    Su tale documentazione c'era il c/c della societa', un auto di proprieta' di piccola cilindrata e una in leasing (quindi non di proprieta'),
    e un immobile anch'esso in affitto (mi sembra).
    abbiamo agito in prima istanza sul c/c legato alla societa' ma il risultato come detto è stato che il c/c era in rosso .
    L'agenzia investigativa mi ha detto che per trovare c/c collegati alla persona (amministratore unico della societa' che mi deve i soldi) ci vuole piu' tempo e un ulteriore pagamento.
    non ho chiesto quanto ci voglia sia in termini di tempo e di denaro ma non vorrei spendere altri soldi inutilmente.
    Sto cercando di muovermi da solo per trovare presso quale cliente finale stiano lavorando dato che nel campo del lavoro IT ho molti colleghi e quindi sicuramente uno di loro sa dove sono ora.
    Altrimenti stavo pensando di indagare sulla finanziaria del leasing dell'auto oppure sempre di minacciarli di denuciarli alla GdF che forse non mi dara' nessun euro indietro a me ma almeno gli mette paura per farmi dare quanto dovuto senza chiamare la cavalleria pesante..
    del resto come si dice
    " a mali estremi , estremi rimedi" .. se loro rubano io uso l'intimidazione
    .. non è bello difatti andare a lavorare per 3 mesi e non essere pagato!!

    Citazione Originariamente Scritto da blaze++ Visualizza Messaggio
    Ti capisco,
    solo che purtroppo se il pignoramento non va a buon fine perchè non c'è nulla da pignorare, l'unica soluzione è presentare l'istanza di fallimento, il che vuol dire che prima verranno soddisfatti i creditori privilegiati ed alla fine, se avanza qualcosa, i chirografari.

    In estrema sintesi: se i soldi non ci sono non c'è nulla da fare!

    In Italia siamo arrivati al punto che anche un consulente, per stare mezzo tranquillo, dovrebbe consultare il bilancio delle società clienti prima di eseguire una prestazione.

    Ti auguro buona fortuna!
    La quota che mi devono non è abbastanza per chiedere il fallimento della societa'.. diciamo difatit che è al limite.
    Questi si sono studiati tutto nei minimi dettagli.
    segno che questa "procedura" da delinquenti autorizzati l'hanno già testata svariate volte...............
    No comment!

  18. #18
    User L'avatar di mar.ares
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Milano
    Messaggi
    10
    Citazione Originariamente Scritto da GianluAneN Visualizza Messaggio
    La quota che mi devono non è abbastanza per chiedere il fallimento della societa'.. diciamo difatit che è al limite.
    Questi si sono studiati tutto nei minimi dettagli.
    segno che questa "procedura" da delinquenti autorizzati l'hanno già testata svariate volte...............
    No comment!
    Scusa, ma se sei al pelo per richiedere il fallimento e trovi altri debitori perchè non fate una domanda congiunta?
    Ares Maringolo

  19. #19
    User
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    104
    Citazione Originariamente Scritto da mar.ares Visualizza Messaggio
    Scusa, ma se sei al pelo per richiedere il fallimento e trovi altri debitori perchè non fate una domanda congiunta?
    se sapessi chi sono gli altri debitori.. ma notizie di loro non ce ne sono..
    sul web si trova solo che cercano personale come hanno fatto anche con me ma nemmeno una traccia del cliente finale.
    Ecco perchè i vari motori di ricerca lavoro le ditte IT non ti dicono mai quale sia il cliente finale ma ti fanno fare al max un colloquio per vedere se vali per quel "tipo" di lavoro.

    E' tutto un ingranaggio ben oliato...

    ma basta trovare una rotella fuori posto e tutto salta...
    per ora nada.

  20. #20
    User L'avatar di mar.ares
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Milano
    Messaggi
    10
    allora in bocca al lupo
    Ares Maringolo

  21. #21
    User
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    30
    Ormai sei in ballo in caso di pignoramento negativo proponi istanza di fallimento.

    Le transazioni al 50% si propongono all'inizio delle azioni non con il precetto notificato.

    Una transazione conveniente è al 75/80%.
    A disposizione,

    LS

  22. #22
    User
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    104
    il mio avvocato asserisce che la cifra non è abbastanza da proporre istanza di fallimento.

    per quanto riguarda il pignoramento io sarei pure d'accordo ma non riesco a trovare un conto verso terzi sul quale prelevare.

    E' assurdo che io che sono il cliente devo fare questa ricerca per conto mio
    ma allo stesso tempo non posso ora cambiare l'avvocato perchè l'ho già pagato e non ho altri soldi da dare a chiunque..

  23. #23
    User
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    30
    Per l'istanza di fallimento controllo.
    In effetti, con una cifra così "bassa" il Tribunale potrebbe non concederlo.
    In ogni caso, bisognerebbe vedere se con il Fallimento metteranno mano al portafoglio o applicchino la teoria ... muoia sansone e tutti i filistei....

  24. #24
    User
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    104
    Citazione Originariamente Scritto da LegalSpecialist Visualizza Messaggio
    Per l'istanza di fallimento controllo.
    In effetti, con una cifra così "bassa" il Tribunale potrebbe non concederlo.
    In ogni caso, bisognerebbe vedere se con il Fallimento metteranno mano al portafoglio o applicchino la teoria ... muoia sansone e tutti i filistei....

    si questo è quello che volevo fare io anche perchè conoscendo il tipo (molto vanitoso e che gira fregando da anni consulenti ignari)
    non credo che adotti la seconda teoria che hai detto
    ma piuttosto la prima.

    ti contatto in pvt appena mi libero dalla mole di lavoro odierna

  25. #25
    User
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    104
    Vi informo che ahimè siamo alla fase finale del tutto


    aiutemi ,perchè stavolta mentre per le tasse ho sistemato gli errori del precedente comm.sta
    qiui su questa causa sto accettando il compromesso
    ossia la metà del pagamento che tra spese legali e tasse pagateci sopra
    e spese per 3 mesi di lavoro (pranzo telefono benzina) ci vado solo in pari.

    Io ricordo che ho l'atto di ingiunzione diretta per riavere tutto ma l'avvocato non mi da la situazione e sta patteggiando.

    trovo tutto questo ingiusto perchè prendere il 50% dopo aver speso tutti questi soldi mi sembra un furto a delinquere (con compreso l'avv.!)

    lui insiste con il fatto che gli telefonano e dicono che non hanno un euro e che possono darmi la metà a rate. dopo tutto quello che abbiamo fatto???

    ci prendo solo la metà?

  26. #26
    User
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    104
    Citazione Originariamente Scritto da GianluAneN Visualizza Messaggio
    si questo è quello che volevo fare io anche perchè conoscendo il tipo (molto vanitoso e che gira fregando da anni consulenti ignari)
    non credo che adotti la seconda teoria che hai detto
    ma piuttosto la prima.

    ti contatto in pvt appena mi libero dalla mole di lavoro odierna

    Siamo arrivati al dunque alla stretta finale.
    apparte la precedente in cui loro asseriscono che non hanno un euro per pagare i debiti (cosa non vera ma non appurabile)
    abbiamo trovato un altro consulente a cui devono una cifra che sommata alla mia fa superare la soglia per chiedere il fallimento.

    A parte che l'altro avvocato non vuole fare causa comune alla nostra per chiedere il fallimento ma tutelare solo il suo cliente creditore verso la societa' che ci ha derubato nello stesso progetto di lavoro.
    E non capisco il perchè... quando assieme potremmo incastrarlo meglio.

    la mia domanda ora è questa?

    essendo io e anche l'altro consulente creditore priveligiati,
    se , avendo gli estremi per farlo, chiediamo il fallimento
    la società che ci deve i soldi prima di fallire non deve
    PER FORZA pagare i debiti con i creditori prima di chiudere?

    E' cosi' per legge?

    Grazie a tutti coloro che mi risponderanno.

  27. #27
    User L'avatar di hotdeluxe
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Località
    world
    Messaggi
    48
    Che disastro di paese è l'itaGlia.

    Se fai una riflessione ti accorgi che:
    lo Stato vuole solo la sua parte di soldi
    allo Stato non frega niente della tua situazione
    gli avvocati a volte non sanno che pesci pigliare ma a volte fanno "cartello" per rendere le pratiche molto lunghe e dispendiose
    i commercialisti...idem come sopra
    chi procura debiti agli altri di solito se la passa molto ma molto bene
    le banche sono tutto, meno che trasparenti

    Io comunque avrei usato un'altro metodo...non molto ortodosso ma molto efficace nel breve periodo.

    Buona fortuna

  28. #28
    User
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    104
    grazie hotdeluxe. non ti credere che non sto pensando ad altri metodi..
    comunque in questo caso lo stato c'entra ben poco anzi direi nulla.

    praticamente è andata cosi'. una societa' di consulenza informatica chiama una societa' di intermediazione che assolda vari consulenti free lance (o liberi professionisti per dirla in italiano).
    questi vengono pagati tramite fattura a gettone presenza come dei specialisti.
    la societa' paga la societa' di intermediazione totalmente per tutto il lavoro e per la somma di tutti i consulenti e la societa' di intermediazione non ha pagato noi.

    e' vero però che lo stato non fa nulla in tutto cio' ossia
    non tutela nessun lavoratore e anzi ci fa pagare delle spese legali per una causa che non dovrebbe nemmeno farsi a mio modo di vedere dato che è lampante il furto e che basterebbe andare dal comando di carabinieri sotto casa per farsi riavere tutti i soldi e mettere al gabbio questa gente.

    ma purtroppo sembra che tale fatto non consista reato in Italia,
    oppure questo gioco del pignoramento giova a tanta gente meno che al lavoratore stesso che non ha nemmeno voce in capitolo.


    assurdo ma fino a che le cose non vengono regolamentate l'italia sara' sempre quel posto che dici tu e io sono pienamente d'accordo con te.

    perchè non si regolamenti il tutto ad esempio con delle transazioni automatiche fatte da banca societa' a banca lavoratore all'inzio di un qualsiasi contratto co. co. pro. , a progetto , a p.iva o qualsi voglia e simili
    questo non si sa ma evidentemente
    nessuno prova una soluzione perchè forse conviene ai piani alti tenere tutto cosi' e sappiamo o possiamo immaginare il perchè...

    (((

  29. #29
    User Newbie
    Data Registrazione
    May 2011
    Località
    palermo
    Messaggi
    1
    scusa, ma alla fine come è andata a finire? sei riuscito a recuperare qualcosa, fammi sapere anch'io ho un problema simile al tuo, sono cascato in un furbo che mi ha fregato, e non ha niente intestato, l'unica strada che penso di percorrere e quella di poter rintracciare qualche deposito bancario o postale, tramite qualche investigatore, dammi qualche consiglio ciao e grazie.

  30. #30
    User L'avatar di Avv. Luciano Cdi
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    Napoli
    Messaggi
    103
    In caso di recupero crediti se si dispone di un titolo esecutivo la strada migliore da perseguire è il pignoramento presso terzi ...ovvero andare a pignorare conti correnti o crediti che il debitore vanta verso terzi...qualunque agenzia investigativa fornisce servizi circa la ricerca di tali informazioni

+ Rispondi alla Discussione

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.