+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 27 di 27

E-commerce: quale piattaforma scegliere

Ultimo Messaggio di mercato-io il:
  1. #1
    Esperto L'avatar di giuseppemorelli
    Data Registrazione
    Dec 2016
    Località
    Riccione
    Messaggi
    19
    Segui giuseppemorelli su Twitter Aggiungi giuseppemorelli su Linkedin

    E-commerce: quale piattaforma scegliere

    Ciao a tutti,
    mi chiamo Giuseppe e sono uno sviluppatore Magento Certificato con circa 10 anni di esperienza.
    Dopo molti anni di sviluppo e varie esperienze (con ogni tipo di realtà - dalla più piccola a vari "big") vorrei aprire una discussione qui nel forum di Giorgio Taverniti per cercare di dare un punto di riferimento (lato tecnico) su quale piattaforma e-commerce scegliere
    in base al proprio business.


    Le mie esperienze si basano su 4 piattaforme:
    - magento (versione 1 e 2 - sia community che enterprise)
    - prestashop
    - wordpress - woocommerce
    - shopify (NON enterprise)




    Ho iniziato a guardare Sylius ma ancora non ho avuto esperienze concrete, quindi non so darti feedback a riguardo.




    PREMESSA
    Se non hai un business plan, un catalogo già "semi organizzato" e un gestionale (fra fatturazione elettronica e corrispettivi/scontrini elettronici è difficile lavorare senza) non iniziare. Questi sono requisiti fondamentali.
    E alla domanda: "ma la gestione ordini lo fa l'e-commerce" la risposta è NO (per lo meno per il discorso fatturazione elettronica e corrispettivi). Ad ognuno il proprio mestiere




    PRESTASHOP
    Un buon entry level per e-commerce che richiedono personalizzazioni di ogni tipo.
    Ci sono molti moduli per integrare facilmente vari servizi esterni o personalizzare il sito.
    Lo stack di sviluppo è abbastanza semplice e non richiede molti pre-requisiti.


    QUANDO USARLO
    Le personalizzazioni da fare sono molte sia per prodotti, categorie, ordini o integrazioni e non si prevede una crescita esponenziale ma lineare, quindi c'è tutto il tempo eventualmente di fare un cambio piattaforma.
    La scalabilità non è su singolo servizio ma in toto. La cache ad esempio non è gestita su redis ma su file questo significa che si mette in piedi un sistema multinodo la cartella della cache deve essere condivisa con tutti i nodi (e non è molto performante).




    WOOCOMMERCE
    Facile nell'installazione, configurazione e utilizzo.
    Esistono già molti moduli per poter "partire" senza grossi problemi.


    Le integrazioni con servizi esterni/gestionali risultano a mio avviso un po' macchinose o per lo meno non molto standard.
    Di fatto sono dei semplici script che leggono/scrivono nel database.


    QUANDO USARLO
    A mio avviso può essere usato per fare dei POC (Proof of Concept) o un sito "al volo" per testare il mercato, ma non può essere una piattaforma "stabile" per il business.
    Wordpress è nato per fare blog/siti "vetrina", non per essere un e-commerce
    La sua struttura a e-commerce (con prodotti, categorie ed ordini) è una forzatura.


    Il suo attuale sostituto è shopify a mio avviso.




    SHOPIFY
    Piattaforma Saas (Software as a Service) che permette senza praticamente nessuna conoscenza di programmazione di poter creare un e-commerce solo con un'interfaccia grafica.
    Ha un buon set di API per potersi integrare con molti servizi esterni.


    QUANDO USARLO
    Se i prodotti/servizi che vendi non richiedono personalizzazioni particolari (o servizi accessori come spedizioni con calcoli iper complessi), questo può essere un punto di partenza o la tua piattaforma.
    I canoni non sono elevatissimi e nessun pensiero per server.




    MAGENTO
    Dalla versione 2 lo stack tecnologico dietro è diventato di alto livello.
    Molto difficile sviluppare da una singola figura (full stack), per lo meno se si vogliono ottenere buoni risultati soprattutto lato seo/google.
    Lato sistemistico serve tutto un sistema di deploy adeguato altrimenti ad ogni nuova modifica il sito va offline per 5 minuti (discorso che va approfondito).
    Se non si utilizzano le suite di test probabilmente alla N modifica si romperà qualcosa e il debug non avrà mai fine.
    L'utilizzo di moduli terzi va sempre revisionato perchè potrebbero abbassare le performance o anche li rompere qualcosa.




    QUANDO USARLO
    Le personalizzazioni da fare sono molte sia per prodotti, categorie, ordini o integrazioni ma (a differenza di prestashop) hai un business plan che prevede una crescita e quindi serve un sistema scalabile.
    Il tuo budget di permette di partire con 4 zeri solo per la parte tecnica.




    CONCLUSIONI


    In tutto questo ci sono un sacco di eccezioni da valutare ma in generale non fate l'errore grossolano che tutti gli imprenditori pieni di ego hanno: "il mio sito deve essere bello". NO, bello non vuol dire che vende. Il bello poi è molto ma molto relativo.
    Sei un brand di moda? Nessuno compra una maglietta da 100 euro solo perchè il tuo sito è bello, ma perchè la tua comunicazione del brand è molto efficace.

    Il budget poi è una parte da non sottovalutare.
    Nel business plan il calcolo che mediamente viene fuori è un 30 / 70.
    30 tecnico
    70 marketing e comunicazione

    Si, avete letto giusto: se non vendete la colpa al tecnico gliela puoi dare per un 30%.
    Avere 100 al page speed non ti fa vendere di più se il tuo customer care è arrogante, i prezzi sono altissimi e non vuoi fare i resi dei prodotti.




    Altra cosa: queste sono le mie esperienze e non voglio imporre il pensiero. Pensi che wordpress sia la piattaforma per te? Benissimo, nessuno lo vieta ma cerca sempre di pensare in grande e di come poter scalare in modo facile. Il cambio piattaforma con un business in corsa è sempre un problema e devi saper "tenere botta" a cambiamenti drastici.

    ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


    Aggiungete per ogni piattaforma le vostre esperienze e opinioni in modo da avere una sorta di feedback generale.
    Grazie a tutti


    ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


    TOPIC SUCCESSIVI:
    - quali sono i requisiti che il fornitore tecnologico deve avere per sviluppare con una determinata piattaforma
    - e-commerce: come organizzare la parte tecnica dopo il lancio del sito (ovvero: il sito è online e adesso?)
    - "mi hanno fregato, sono dei fuffaroli": come rimediare ai datti di "finti" professionisti

  2. #2
    Esperto L'avatar di merlinox
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Località
    Rovigo, Italy
    Messaggi
    247
    Segui merlinox su Twitter Aggiungi merlinox su Google+ Aggiungi merlinox su Facebook Aggiungi merlinox su Linkedin
    Dalla mia piccola esperienza, soprattutto con siti in magento, la vera piaga si chiama TTFB.
    Dietro ciò ci sono le più svariate risposte delle agenzie, che NON condivido perché di alcune mi vergogno io.
    Google ritiene un TTFB veloce <200ms.
    Io sono buono e mi accontento di <500ms.

    Però ormai mi pare di essere su #utopia.

    Grazie.
    Merlinox http://blog.merlinox.com
    COO & SEO a Studio Cappello

  3. #3
    L'avatar di Giorgiotave
    Data Registrazione
    Oct 2004
    Località
    Monasterace
    Messaggi
    42,416
    Visita il canale Youtube di Giorgiotave
    Ciao Giuseppe,
    grazie della condivisione.

    Ho invitato anche altri a farlo è un lavoro importante. Significa passare la conoscenza a chi verrà. È fondamentale.

    Creerò in rilievo, più avanti, una raccolta delle migliori discussioni di questa sezione e metterò questa e le altre.

    Grazie a nome di tutta la community!

    Stiamo facendo un grande lavoro per i professionisti che verranno

    Il Forum GT si rinnova: nuova struttura di categorie, notifiche impostabili che finalmente funzionano e nuove regole per i link e immagini!

  4. #4
    NDB
    NDB è offline
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jul 2018
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    3
    Aggiungi NDB su Linkedin
    Bella carrellata Giuseppe, chiara e concisa.

    Prenderò come spunto tutti i paragrafi per riportare la mia opinione a riguardo.

    - SYLIUS

    provato in locale. La piattaforma è molto valida. Il punto di forza è che è basato interamente su Symfony. Questo permette una personalizzazione facilitata per chi sviluppa con questo framework.

    Su LinkedIn scrissi a riguardo un articolo ("il miglior ecommerce del mondo"... si, il titolo è un pò "marketing", ma per rendere il concetto)


    Sostanzialmente ho cercato di mettere in evidenza il rapporto che esiste tra sviluppatore Symfony e relativo e-commerce più che tra "installatori di e-commerce" e piattaforme.

    Questo perchè nel mercato è vero che ci sono professionisti come te che sviluppano moduli e customizzazioni (diciamo, la parte che io chiamo "tecnica") ma ci sono moltissime "web agency specializzate in e-commerce" che fanno il semplice lavoro di installare l'ecommerce, personalizzarlo (cioè fare il setup, non la customizzazione) e che chiedono decine di migliaia di euro. Per le customizzazioni vanno dai terzisti e qui scattano i problemi.

    Giusto come precisazione.

    Al momento della mia prima installazione Sylius non aveva una parte dedicata al B2B e sulla parte dei pagamenti mancavano alcune cose (soprattutto sulla parte dei pagamenti continuativi).

    - SULLA PREMESSA

    Sul discorso business plan e catalogo semi-organizzato non sono d'accordo, perchè questo aspetto dipende esclusivamente da quale sia il business e da come imposti il marketing.

    Per come la vedo io si può partire anche con un prodotto (con un business plan da usare in casi molto ristretti che sicuramente, visto che usi Magento, sono quelli in cui operi tu).

    Sul discorso gestionale concordo. Il fatto di poter integrare il modulo di fatturazione trae spesso in inganno: le features per la contabilità e le relative problematiche devono essere armonizzate con il flusso logistico ed il (la?) customer care, anche con il marketing se vogliamo.

    Affidare ad un modulo la parte di fatturazione è un errore strategico perchè i moduli non sono all'altezza della situazione (per nessuno degli e-commerce in elenco). Meglio una cosa a parte che si prende, se proprio si vuole, le anagrafiche o i dati macro dal sistema di fatturazione web. Comunque sia, tutta la parte contabile va SEMPRE gestita FUORI dall'ecommerce, con il minimo delle integrazioni necessarie allo scopo.

    Parlo per esperienza su Arca e Symfony (con un B2B creato ad hoc...) e scambio dati via JSON.

    - PRESTASHOP

    Provato per diverso tempo in locale (un paio di mesi)

    vale lo stesso discorso di Sylius. Prestashop è basato sui componenti di Symfony. L'architettura è quella e la documentazione è chiara (anche quella di Symfony è fatta molto bene, il che aiuta parecchio). Si può lavorare in modo efficace grazie al pattern MVC.

    Prezzo dei moduli abbordabile (non tutti).

    Non lo definirei un "entry-level" però, perchè con i moduli presenti ci sono centinaia di funzioni, anche piuttosto complesse e la stragrande maggioranza non differiscono poi tanto da quelle di Magento. Confrontati pari-pari rispetto alla mia ricerca operativa.

    Sul discorso del multinodo non ho capito.

    - WOOCOMMERCE

    Usato in produzione per diversi anni.

    Wordpress ha la sua architettura. Il New York Times per esempio è fatto in Wordpress. Ha tutta una sua logica (che a me non piace molto, soprattutto sulle viste, che sono a mio parere pessime).

    Non lo definirei un sito per fare le cose "al volo". Dipende molto dal contesto.

    Woocommerce è molto forte ad esempio sulla parte dei prodotti virtuali (quindi zero shipping) e questa forza è data dalla stabilità e dai 3/4 moduli canonici che permettono una configurazione abbastanza personalizzata ma che copre un range molto ampio di utilizzo.

    Il costo dei moduli è inferiore.

    Lo ritengo un prodotto stabilissimo per il business, ma solo per determinati tipi di business (prodotti virtuali)

    - SHOPIFY

    Mai provato, quindi non saprei proprio che dire. Personalmente non farei MAI un e-commerce con una piattaforma SaaS. Poi va a gusti (forse è una para mia, ma così, d'istinto, mi da sempre una brutta sensazione...).

    - MAGENTO

    Provato la demo e letto la documentazione. Non lo conosco, di fatto. Le mie impressioni (molto superficiali)
    1) Quello che percepisco è che è molto potente, ma dalle mie ricerche ho letto che beve risorse come una spugna soprattutto quando si scala. Qui puoi aiutarci tu sicuramente a capire come "ottimizzarlo".
    2) i moduli costano un botto
    3) ho letto la documentazione per customizzare le viste e l'ho trovata un po' troppo articolata per i miei gusti. Sicuramente tu che lo conosci a fondo puoi giostrarti la cosa come vuoi, ma io, da quasi-neofita di Magento ho letto la documentazione e dopo mezz'ora ho chiuso tutto.
    4) molto potente la parte usability area admin (su di me ha un peso).
    5) degno di nota è l'acquisizione da parte di Adobe: un supporto non indifferente in proiezione futura (soprattutto lato integrazione dei loro tools)


    - HOSTING

    Magento e Prestashop richiedono molte più risorse hardware, soprattutto quando si scala. WooCommerce può scalare, diciamo, nel numero di prodotti/servizi vendibili, quindi il problema non si pone perchè il core dei prodotti virtuali è solo quello.

    - BLOG

    Molto importante inoltre per Woocommerce è la possibilità di integrare strumenti di marketing testati e molto stabili (e anche piuttosto sicuri) tipici di Wordpress. Per esempio vendere un prodotto in un post è facilissimo (esempio banale ma è per rendere l'idea).

    - BUDGET

    assolutamente d'accordo con te sul 30/70

    Sul discorso dei prezzi secondo me è tutto relativo. Il prezzo alla fine deve almeno coprire le spese, se no non ha senso fare un e-commerce (regola se vuoi ancora più basica ma spesso sottovalutata grazie all'entusiasmo con cui si fa e-commerce per la prima volta pensando di diventare Amazon in 6 mesi... colpa anche un po' della stampa di settore che fa credere che con l'e-commerce si diventa ricchi, mentre l'ecommerce non è altro che la proiezione digitale di un mindset aziendale che già c'è).

    - DATABASE

    Ultimo problema, non di poco conto: tutti questi database sono MySQL based e per avere NoSQL bisogna stravolgere il sistema. Lo trovo un grandissimo limite sotto tanti punti di vista, soprattutto prestazionale perchè quando, ad esempio, hai molti prodotti, con diverse features e filtri collegati il sistema va ottimizzato ad hoc, mentre con un NoSQL sarebbe tutto MOLTO più facile.

    - UI DEL BACKEND

    Dovrebbero portare tutti i pannelli in SPA o PWA, perchè sono molto più usabili e rubano meno tempo quando si lavora. Woocommerce, per esempio, ha da poco Vue Connect per gestire il front-end... ma manca tutta la parte di admin.
    Ultima modifica di NDB; 26-07-19 alle 13:04

  5. #5
    User L'avatar di mirkonetit
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    Busto Arsizio
    Messaggi
    81
    Segui mirkonetit su Twitter Aggiungi mirkonetit su Google+ Aggiungi mirkonetit su Facebook Aggiungi mirkonetit su Linkedin
    Direi che concordo su tutta la linea con Giuseppe, poi secondo me c'è sempre da aggiungere l'opzione CMS dedicato con il quale puoi ottimizzare tutta la struttura adattandola all'esigenza del cliente.. ovvio che in quel caso i tempi si allungano.
    E' importante poi ricordare che uno che installa un Magento non necessariamente è un guru.. quindi far sempre attenzione al professionista a cui ci si affida.. ho visto certe cose...
    Ah, per chi ha due prodotti consiglio sempre una bella landing in html con un bel bottone paga con paypal!

  6. #6
    User L'avatar di CAYGRI.com
    Data Registrazione
    Oct 2018
    Località
    Milano
    Messaggi
    44
    True Sad Story:

    Soldi!

    Insieme alla progettazione del piano seo, post sviluppo.
    Sviluppatore Magento Prestashop e Woocommerce Caygri.com

  7. #7
    Esperto L'avatar di giuseppemorelli
    Data Registrazione
    Dec 2016
    Località
    Riccione
    Messaggi
    19
    Segui giuseppemorelli su Twitter Aggiungi giuseppemorelli su Linkedin
    Grazie per la risposta NDB (Nicola)
    ti rispondo alle varie questioni per dei concetti da non sottovalutare

    Citazione Originariamente Scritto da NDB Visualizza Messaggio

    Sulk discorso business plan e catalogo semi-organizzato non sono d'accordo, perchè questo aspetto dipende esclusivamente da quale sia il business e da come imposti il marketing.

    Per come la vedo io si può partire anche con un prodotto (con un business plan da usare in casi molto ristretti che sicuramente, visto che usi Magento, sono quelli in cui operi tu).
    Non avere un business plan è come aprire il negozio e aspettare che i clienti arrivino. Oppure pubblicare il sito "e poi si vedrà".
    Il business plan è l'obiettivo dell'attività che si andrà a fare. Senza il break even (punto di pareggio) non puoi monitorare la tua attività e di conseguenza sia sviluppo che marketing "sparano" attività a caso.
    Il marketing non ti può tarare i budget campagne e la parte sviluppo non ti può suggerire le modifiche più efficaci.

    Citazione Originariamente Scritto da NDB Visualizza Messaggio


    - PRESTASHOP

    Provato per diverso tempo in locale (un paio di mesi)

    vale lo stesso discorso di Sylius. Prestashop è basato sui componenti di Symfony. L'architettura è quella e la documentazione è chiara (anche quella di Symfony è fatta molto bene, il che aiuta parecchio). Si può lavorare in modo rapido grazie al pattern MVC.

    Prezzo dei moduli abbordabile.

    Non lo definirei un "entry-level" però, perchè con i moduli presenti ci sono centinaia di funzioni, anche piuttosto complesse e la stragrande maggioranza non differiscono poi tanto da quelle di Magento. Confrontare pari-pari rispetto alla mia ricerca operativa.

    Sul discorso del multinodo non ho capito.
    Per la parte hosting si farà un topic a parte.
    Per il discorso entry level: la mia esperienza è fino alla 1.6 (quindi pre symfony), di fatto però non ho ancora trovato suite per test o scalabilità nei server.
    Tutto ciò che è senza sistemi di test per me è un entry level. Google inizia ad essere esigente nel frontend (amp, pwa). Perchè non deve essere lo stesso nel backend?
    Sylius ad esempio obbliga i moduli ad avere dei test in BDD altrimenti non vengono "accettati" come codice di qualità.

    Avere una disciplina nello sviluppo impone uno standard qualitativo.
    Senza, si è solo persone "che provano a fare cose" o "installatore di cose".


    Citazione Originariamente Scritto da NDB Visualizza Messaggio
    - WOOCOMMERCE

    Usato in produzione per diversi anni.

    Wordpress ha la sua architettura. Il New York Times per esempio è fatto in Wordpress. Ha tutta una sua logica (che a me non piace molto, soprattutto sulle viste, che sono a mio parere pessime).

    Non lo definirei un sito per fare le cose "al volo". Dipende molto dal contesto.

    Woocommerce è molto forte ad esempio sulla parte dei prodotti virtuali (quindi zero shipping) e questa forza è data dalla stabilità e dai 3/4 moduli canonici che permettono una configurazione abbastanza personalizzata ma che copre un range molto ampio di utilizzo.

    Il costo dei moduli è inferiore.

    Lo ritengo un prodotto stabilissimo per il business, ma solo per determinati tipi di business (prodotti virtuali)
    Il concetto che vorrei far passare è: la piattaforma è nata per altro, non facciamogli fare cose che non sono di sua competenza. Come quando mi chiedono di fare un blog dentro Magento (nel senso con la sua struttura): NO, per i blog c'è worpdress. Si usano 2 piattaforme distinte

    Citazione Originariamente Scritto da NDB Visualizza Messaggio
    - DATABASE

    Ultimo problema, non di poco conto: tutti questi database sono MySQL based e per avere NoSQL bisogna stravolgere il sistema. Lo trovo un grandissimo limite sotto tanti punti di vista, soprattutto prestazionale perchè quando, ad esempio, hai molti prodotti, con diverse features e filtri collegati il sistema va ottimizzato ad hoc, mentre con un NoSQL sarebbe tutto MOLTO più facile.
    Magento. nello specifico per la ricerca è passato ad elasticsearch. Per il salvataggio e gestione la vedo ancora lunga come cosa....



    Ottima discussione comunque, grazie per il tuo contributo.



    PS.
    Da notare i NO che scrivo per far capire che se sei arrivato al punto che puoi dire NO al cliente, allora stai facendo un buon lavoro.

  8. #8
    NDB
    NDB è offline
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jul 2018
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    3
    Aggiungi NDB su Linkedin
    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    Grazie per la risposta NDB (Nicola)
    ti rispondo alle varie questioni per dei concetti da non sottovalutare



    Non avere un business plan è come aprire il negozio e aspettare che i clienti arrivino. Oppure pubblicare il sito "e poi si vedrà".
    Il business plan è l'obiettivo dell'attività che si andrà a fare. Senza il break even (punto di pareggio) non puoi monitorare la tua attività e di conseguenza sia sviluppo che marketing "sparano" attività a caso.
    Il marketing non ti può tarare i budget campagne e la parte sviluppo non ti può suggerire le modifiche più efficaci.
    Non sono d'accordo, come ho scritto. "Senza il break even (punto di pareggio) non puoi monitorare la tua attività". Certo che si può. Dipende come lo fai. Se tu conosci solo questo modo è implicito che senza questo modo non puoi, ma ci sono altri modi. Questo intendo.

    Sono perfettamente consapevole che questo mio discorso sembroi controintuitivo, ma non intendo discuterne (almeno, non qui). Rispetto la tua posizione e la capisco. Io ho un approccio TOTALMENTE differente.


    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    Per la parte hosting si farà un topic a parte.
    Lo leggerò volentieri.

    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    Tutto ciò che è senza sistemi di test per me è un entry level.
    Eh, per me no.

    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    Google inizia ad essere esigente nel frontend (amp, pwa). Perchè non deve essere lo stesso nel backend?
    Sylius ad esempio obbliga i moduli ad avere dei test in BDD altrimenti non vengono "accettati" come codice di qualità.
    Non ho capito qual'è il punto. Ma non è importante. Io mi riferisco alla parte dell'admin che deve essere sviluppata con un backend (a livello di architettura) che permetta di far passare solo i dati (stile React per capirci).

    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    Avere una disciplina nello sviluppo impone uno standard qualitativo.
    Senza, si è solo persone "che provano a fare cose" o "installatore di cose".
    Sono d'accordo.


    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    Il concetto che vorrei far passare è: la piattaforma è nata per altro, non facciamogli fare cose che non sono di sua competenza. Come quando mi chiedono di fare un blog dentro Magento (nel senso con la sua struttura): NO, per i blog c'è worpdress. Si usano 2 piattaforme distinte
    ok. Ho intuito una cosa differente dal tuo messaggio iniziale. Per questo ho specificato che "dipende da quello che devi fare".


    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    Magento. nello specifico per la ricerca è passato ad elasticsearch. Per il salvataggio e gestione la vedo ancora lunga come cosa....
    Buono a sapersi.

    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    Ottima discussione comunque, grazie per il tuo contributo.
    Grazie a te

  9. #9
    NDB
    NDB è offline
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jul 2018
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    3
    Aggiungi NDB su Linkedin
    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    Grazie per la risposta NDB (Nicola)
    ti rispondo alle varie questioni per dei concetti da non sottovalutare



    Non avere un business plan è come aprire il negozio e aspettare che i clienti arrivino. Oppure pubblicare il sito "e poi si vedrà".
    Il business plan è l'obiettivo dell'attività che si andrà a fare. Senza il break even (punto di pareggio) non puoi monitorare la tua attività e di conseguenza sia sviluppo che marketing "sparano" attività a caso.
    Il marketing non ti può tarare i budget campagne e la parte sviluppo non ti può suggerire le modifiche più efficaci.
    Non sono d'accordo, come ho scritto. "Senza il break even (punto di pareggio) non puoi monitorare la tua attività". Certo che si può. Dipende come lo fai. Se tu conosci solo questo modo è implicito che senza questo modo non puoi, ma ci sono altri modi. Questo intendo.

    Sono perfettamente consapevole che questo mio discorso sembroi controintuitivo, ma non intendo discuterne (almeno, non qui). Rispetto la tua posizione e la capisco. Io ho un approccio TOTALMENTE differente.


    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    Per la parte hosting si farà un topic a parte.
    Lo leggerò volentieri.

    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    Tutto ciò che è senza sistemi di test per me è un entry level.
    Eh, per me no.

    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    Google inizia ad essere esigente nel frontend (amp, pwa). Perchè non deve essere lo stesso nel backend?
    Sylius ad esempio obbliga i moduli ad avere dei test in BDD altrimenti non vengono "accettati" come codice di qualità.
    Non ho capito qual'è il punto. Ma non è importante. Io mi riferisco alla parte dell'admin che deve essere sviluppata con un backend (a livello di architettura) che permetta di far passare solo i dati (stile React per capirci).

    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    Avere una disciplina nello sviluppo impone uno standard qualitativo.
    Senza, si è solo persone "che provano a fare cose" o "installatore di cose".
    Sono d'accordo.


    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    Il concetto che vorrei far passare è: la piattaforma è nata per altro, non facciamogli fare cose che non sono di sua competenza. Come quando mi chiedono di fare un blog dentro Magento (nel senso con la sua struttura): NO, per i blog c'è worpdress. Si usano 2 piattaforme distinte
    ok. Ho intuito una cosa differente dal tuo messaggio iniziale. Per questo ho specificato che "dipende da quello che devi fare".


    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    Magento. nello specifico per la ricerca è passato ad elasticsearch. Per il salvataggio e gestione la vedo ancora lunga come cosa....
    Buono a sapersi.

    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    Ottima discussione comunque, grazie per il tuo contributo.
    Grazie a te

  10. #10
    hub
    hub è offline
    User
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Località
    Varese
    Messaggi
    720
    Ciao @giuseppemorelli, gran bella e utile discussione.

    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    Wordpress è nato per fare blog/siti "vetrina", non per essere un e-commerce
    Giusto, però poi si è evuluto e non poco, oggi non è più un CMS per gestire blog o siti vetrina.

    Io non sono un grandissimo estimatore di WooCommerce tuttavia questo alimenta circa il 30% degli ecommerce a livello mondiale, cioè parliamo di numeri enormi, dai negozi online con qualche centinaio di prodotti e poche centinaio di transazioni fino a strutture molto complesse.

    WooCommerce è scalabile, permette infinite personalizzazioni a livello di funzioni e uno dei suoi punti di forza è la facilità con cui si gestiscono i prodotti, le offerte, ordini, resi, magazzino anche con integrazioni e sincronizzazioni con database esterni e gestionali più o meno complessi.

    La questione è che chi parla di WooCommerce, e lo propone, basa il discorso sull'aspetto economico come primo punto di forza: "WooCommerce è open source quindi è gratis".
    Ma questa è una sciocchezza e lo stesso ragionamento causa poi scelte assolutamente sbagliate ad esempio riguardo l'Hosting: se WooCommerce è gratis ti pare che verrai a spendere più di 60 Euro l'anno?

    Un altro luogo comune: "fino a 500 / 1.000 prodotti ti consiglio WooCommerce, oltre e meglio usare piattaforme più professionali"

    Anche questo è un ragionaento sbagliato, semmai sono il numero di transazioni al minuto il primo fattore da considerare se vogliamo intraprendere un ragionamento costruttivo col nostro potenziale cliente, subito dopo il numero di prodotti che viaggia di pari passo con il numero di variazioni di prodotto, quest'ultimo un aspetto che pochi prendono fin da subito in considerazione, ed è un errore molto grave: grande brand con 100 prodotti stimando qalcune migliaia di transazioni al minuto, e ogni singolo prodotto ha minimo 50 variazioni / combinazioni, tra taglie e colori.
    In fase di creazione del prodotto è qui che entra in gioco un servizio Hosting dedicato, perché WooCommerce di suo può gestire infinite combinazioni (per chi obiettasse che genera al massimo 50 variazioni a step voglio ricordare che questo è un limite impostato di default, ma può essere aumentato, in quanto si basa sull'utilizzo minimo con un Hosting condiviso e con poca RAM: 128MB / 256MB)

    Tornando sul numero di prodotti, Automattic dichiara pubblicamente che non esiste nessun limite:
    We’ve seen instances of shops with 100,000+ products listed, handling thousands of transactions per minute. In those cases, they had great hosting support and their own developer team focused on optimization.
    https://docs.woocommerce.com/documen...-scaling-faqs/

    Chiaro per fare questo è obbligatorio un servizio di Hosting con grandi prestazioni ma anche la parte tecnica ha un suo enorme valore, un ecommerce che gestisce 100.000 prodotti e con migliaia di transazioni potrà mai essere gestito tecnicamente da una singola persona?

  11. #11
    User L'avatar di mirkonetit
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    Busto Arsizio
    Messaggi
    81
    Segui mirkonetit su Twitter Aggiungi mirkonetit su Google+ Aggiungi mirkonetit su Facebook Aggiungi mirkonetit su Linkedin
    Una cosa che mi sembra ovvia (anche dalla discussione in corso) è che bisogna utilizzare la piattaforma corretta in base all'esigenza, il budget disponibile e l'obiettivo che ci si impone.

    Ovvio che WP è nato per il blog e non per l'e-commerce (li voleva puntare la mia battuta sulla pagina HTML e paga con PayPal)

    Magento molto esoso in termini di risorse...

    Il problema fondamentale è che comunque si tratta di prodotti, sottolineo "prodotti", che devono assolvere a tante esigenze, e almeno il 50% non sono quelle del cliente.. quindi magari per ottenere 2 non fa 1+1 ma 2+3-7+4...
    altre funzioni invece mancano e tocca al developer andare a fare il giro lungo per ottenere il risultato.

    Quello che mi chiedo è perché si stia abbandonando l'idea di fare un prodotto ad hoc.

    Spesso mi sento dire: "se ti trasferisci ai Caraibi passo tutto ad un altro.." beh mi piacerebbe vedere l'altro dopo un po' di personalizzazioni...

    Per quanto riguarda i nosql (conosco mongodb) non sempre sono così elastici.. magari inizierei a farmi il dubbio su PHP... Linguaggio sempre m no performante... Provato nodejs (ma devi essere sincero il problema e star dietro agli aggiornamenti).. per ora direi il top Go.. ma poco conosciuto

    Detto questo, massimo rispetto per chi lavora su queste piattaforme con impegno.. il problema forse è che la maggior parte dei clienti (e delle agenzie che ti chiamano perché non sanno più come gestire, magari avendo già fatto casino) utilizzare questi CMS è una "sicurezza di continuità" ed un risparmio di costi

    P.s.: stamane ho visto un tema personalizzato WP in cui per modificare una porzione di testo devi modificare in hardcode la pagina del template ... Ehm

  12. #12
    L'avatar di Giorgiotave
    Data Registrazione
    Oct 2004
    Località
    Monasterace
    Messaggi
    42,416
    Visita il canale Youtube di Giorgiotave
    Si sta sviluppando una gran bella discussione, grazie veramente a tutti. Sarebbe bello, ma quasi impossibile, fare una sintesi. È bello leggervi.

    Ho spostato il post di Alessandro dove segnalava la piattaforma Madcommerce qui.

    Ci teniamo molto a mantenere ordinate e pulite le discussioni, senza annunci o risposte che non c'entrano con il topic principale. La stessa cosa facciamo con i flame e altre robe che sono sempre lontane dai nostri valori e dal perché è nato questo forum (lo dico perché non vorrei mai che arrivasse qualcuno a urlare, gli daremmo il benservito subito ).

    Continuate pure e scusate l'intrusione da Off Topic.
    Il Forum GT si rinnova: nuova struttura di categorie, notifiche impostabili che finalmente funzionano e nuove regole per i link e immagini!

  13. #13
    User L'avatar di maarlok
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Località
    Brescia
    Messaggi
    47
    Era ora, finalmente una discussione seria sull'ecommerce. Impossibile raggiungere un livelllo cosi elevato su Facebook. E' bello approfondire e sentire il parere di veri esperti che ci lavorano da anni e possono dare il loro contributo alla community. Grazieeee! Continuate cosi

  14. #14
    Esperto L'avatar di giuseppemorelli
    Data Registrazione
    Dec 2016
    Località
    Riccione
    Messaggi
    19
    Segui giuseppemorelli su Twitter Aggiungi giuseppemorelli su Linkedin
    Cerco di aggiungere dei concetti che credo siano stati fraintesi o non spiegati bene.

    COMPONENTI DI UN PROGETTO WEB (servizi)
    - frontend (apache/nginx + php)
    - cache
    - database
    - file condivisi (nfs) - immagini

    Al 99.99% sia wordpress che prestashop vengono configurati su una singola macchina.
    Magento è nato per suddividere il codice in queste componenti descritte.

    Con wordpress e prestashop puoi avere una parte dedicata alle immagini ma sono sistemi che scrivono su file e che quindi in un sistema multinodo creano problemi.


    SCALABILITA'
    Un progetto è scalabile quando posso aggiungere togliere le risorse "fisiche" in modo automatico senza offline.

    Il sistema attuale migliore (di cui sto facendo esperienza da poco) è Kubernetes.
    Altrimenti c'è sempre il discorso cloud, ma molto spesso si ha l'offline allo scalare del database.

    Wordpress non è scalabile
    Prestashop non è scalabile
    (o per lo meno lo fanno molto male)

    La scalabilità è il concetto per cui io aumento le risorse solo nel servizio che necessita (senza offline).
    Un sistema multinodo è quello che risolve il tutto, ma anche la piattaforma deve essere predisposta per farlo.


    MODULARITÀ
    Questo è il concetto quando è scritto "posso personalizzare quello che voglio, modifico quello che vuole il cliente".
    La modularità è la possibilità di modificare la piattaforma senza stravolgere le altre componenti.
    Più un sistema è modulare e più è complesso da gestire.

    La dipendenza tra moduli è il problema principale che c'è solitamente.


    TECNICHE DI SVILUPPO e PATTERN DI SVILUPPO
    Tralasciando il linguaggio di programmazione, esistono tecniche di sviluppo e pattern di sviluppo.

    I patterna più utilizzati sono:
    - TDD Test driven development (magento non al 100%)
    - BDD Behaviour drive development (sylius)
    - DDD Domain drive development (magento - progetto MSI multi source inventory)

    Pattern di sviluppo:

    - observer (prestashop + magento)
    - factory (magento)
    - interceptor (magento)

    Se siete sviluppatori e non conoscete (non dico per forza utilizzare) tecniche e pattern di sviluppo, la vostra valutazione della piattaforma sarà basata su un discorso molto molto personale (perchè magari vi piace, perchè vi trovate bene).
    Non sarà mai un discorso oggettivo.


    CREARE UN PROGETTO DA ZERO
    Parliamone: sono 20 anni che sento sempre questa cosa.
    Domanda: se una community medio grande decide di investire tempo personale in un progetto a livello globale un motivo credo che ci sia.
    Se fare una piattaforma ecommerce fosse stato così semplice, a quest'ora ce ne sarebbero a milioni (di fatto sono pochi big).

    Caso inverso invece per i cms: la concorrenza a wordpress sta arrivando a livelli molto alti. Io ad esempio sono passato a Grav (flat file cms basato su symfony).


    Vi invito a guardare tutte le "riunioni" settimanali del gruppo di ingegneri di magento: youtube.com/channel/UCUsdK3NnJ0LqhNJCrJDdiug
    1 anno per sviluppare il modulo Multi source inventory con tecnica DDD: non sono pazzi o pignoli. Il loro codice è pura poesia per uno sviluppatore.


    Prossimamente poi aprirò gli altri topic.

    TOPIC SUCCESSIVI:

    - quali sono i requisiti che il fornitore tecnologico deve avere per sviluppare con una determinata piattaforma
    - e-commerce: come organizzare la parte tecnica dopo il lancio del sito (ovvero: il sito è online e adesso?)
    - "mi hanno fregato, sono dei fuffaroli": come rimediare ai datti di "finti" professionisti
    - contribuire a progetti opensource: come e quando farlo

  15. #15
    Moderatore L'avatar di Sermatica
    Data Registrazione
    Sep 2016
    Località
    Maleo
    Messaggi
    4,171
    Aggiungi Sermatica su Facebook
    Ciao
    personalmente, oltre agli ottimi interventi fatti, voglio aggiungere che prima dello Shop è necessario pianificare il Business. So che lo avete detto ma vorrei ribadirlo e mi piacerebbe che Agenzie Web e Professionisti non vendano Shop su Magento a 50.000€ e poi dicono al cliente che se vogliono la Seo, Google Ads, GMB, mantenimento Shop devono pagare a parte altre migliaia di € a parte.

    Un agenzia seria avviserebbe il cliente e farebbe un preventivo per almeno un anno all inclusive. Quindi bene parlare di Cache, Hosting, Magento vs Prestashop ma la chiarezza, e onesta, nella vendita è indispensabile.
    MODHelp Center: consigli per il tuo progettoMODE-Commerce
    Consulente con P.IVA: SEO / SEM / Google Business / Amazon - Sermatica.it


  16. #16
    User L'avatar di mirkonetit
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    Busto Arsizio
    Messaggi
    81
    Segui mirkonetit su Twitter Aggiungi mirkonetit su Google+ Aggiungi mirkonetit su Facebook Aggiungi mirkonetit su Linkedin
    Comprendo quello che dici, io personalmente tengo sempre i costi divisi e, per un e-commerce soprattutto, do un piano di investimento (collegato alla strategia). Purtroppo parecchie agenzie (per fortuna non tutte) badano più alla resa del momento che al vantaggio della rendita nel tempo. Io ho clienti che continuo a seguire da vent'anni e vi garantisco che la rendita è parecchia... certo che se se pensi che il tuo cliente non tira 2 anni allora lo strozzi e guadagni.. ma questa non è mai stata la mia filosofia.. io voglio crescere con i miei clienti e vederli crescere vuol dire business per loro e una crescita a livello di "benessere" per tutti... io penso sempre che internet, come ogni mestiere, serva a far crescere il mondo che mi circonda (pare quasi una frase da miss italia... lma la penso così)

  17. #17
    Esperto L'avatar di giuseppemorelli
    Data Registrazione
    Dec 2016
    Località
    Riccione
    Messaggi
    19
    Segui giuseppemorelli su Twitter Aggiungi giuseppemorelli su Linkedin
    Citazione Originariamente Scritto da Sermatica Visualizza Messaggio
    Ciao
    personalmente, oltre agli ottimi interventi fatti, voglio aggiungere che prima dello Shop è necessario pianificare il Business. So che lo avete detto ma vorrei ribadirlo e mi piacerebbe che Agenzie Web e Professionisti non vendano Shop su Magento a 50.000€ e poi dicono al cliente che se vogliono la Seo, Google Ads, GMB, mantenimento Shop devono pagare a parte altre migliaia di € a parte.

    Un agenzia seria avviserebbe il cliente e farebbe un preventivo per almeno un anno all inclusive. Quindi bene parlare di Cache, Hosting, Magento vs Prestashop ma la chiarezza, e onesta, nella vendita è indispensabile.
    Ciao Semantica,
    detto così però potrei anche fare lo stesso discorso lato SEO/Marketing dicendo: lavora soltanto a risultato e non con consulenza. Quindi zero risultati -> no pagamento (ed il risultato deve rientrare della spesa della campagna).
    Altrimenti viene fuori sempre la discussione:
    - tecnico accusa marketing che fanno campagne a caso e sprecano soldi
    - marketing accusa tecnico perchè il sito non è performante e quindi google lo penalizza e quindi la SEO non funziona e le campagne non rendono

    Vedo che fai il consulente marketing: riporta il tuo metodo così da far capire anche la parte marketing come funziona
    Tecnico e Marketing dovrebbero coesistere quindi suggerire in modo costruttivo e non solo "accusatorio" senza sapere come funziona.


    Quindi:
    Gli ecommerce magento costano perchè lo stack tecnologico dietro è molto complesso, purtroppo il mercato è sempre "rovinato" per via di qualche mela marcia (i famosi "installatori di cose").
    Il costo lavorando in Agile diventa semplice: giorni x costo giornata. Il costo giornata è alto e le giornate non sono mica 10, ma in alcuni casi anche 100.

    Per il discorso chiarezza ho iniziato la discussione su alcuni requisiti da avere per sviluppare in magento2 http://www.giorgiotave.it/forum/e-co...eve-avere.html



    Domanda provocatoria tecnica

    Siete specializzati in una piattaforma.
    Arriva un cliente che vuole fare un progetto per quella piattaforma ma sapete che non è adatta a lui.

    Lo rifiutate?
    Se si, per quante volte?

    Da freelance è facile rifiutare, da azienda con dipendenti io dico che almeno 1 progetto viene preso in carico lo stesso (e lo fanno fare agli junior).
    La realtà è questa non prendiamoci in giro.

  18. #18
    hub
    hub è offline
    User
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Località
    Varese
    Messaggi
    720
    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    Da freelance è facile rifiutare
    ...
    La realtà è questa non prendiamoci in giro.
    Ciao, non so quanti anni hai di lavoro in questo settore, rifiutare un cliente era fattibile fino a 20 anni fa. La realtà, oggi, è che 9 freelance (e 3/4) su 10 se ne sbattono se la piattaforma richiesta dal cliente non è adatta a lui.
    Perché un conto è mettere in discussione il cliente su alcune sue scelte mettendo in bilancio la possibilità di perdelo, ma rifiutare un lavoro per il motivo da te ipotizzato direi che è irreale.

  19. #19
    Esperto L'avatar di giuseppemorelli
    Data Registrazione
    Dec 2016
    Località
    Riccione
    Messaggi
    19
    Segui giuseppemorelli su Twitter Aggiungi giuseppemorelli su Linkedin
    Citazione Originariamente Scritto da hub Visualizza Messaggio
    Ciao, non so quanti anni hai di lavoro in questo settore, rifiutare un cliente era fattibile fino a 20 anni fa. La realtà, oggi, è che 9 freelance (e 3/4) su 10 se ne sbattono se la piattaforma richiesta dal cliente non è adatta a lui.
    Perché un conto è mettere in discussione il cliente su alcune sue scelte mettendo in bilancio la possibilità di perdelo, ma rifiutare un lavoro per il motivo da te ipotizzato direi che è irreale.
    Ho esperienza decennale in Magento (sono partito nel 2009 con la 1.5 ma c'è chi l'ha fatto ancora prima).
    Nello specifico come settore e-commerce Magento la scarsità di sviluppatori è a livelli molto alti: freelance ce ne sono molto pochi e le aziende sono sempre sotto organico.

    Ti invito a leggere questo: https://www.bitbull.it/blog/marketin...ella-scarsita/
    Magento Backend Developer - www.giuseppemorelli.net

  20. #20
    hub
    hub è offline
    User
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Località
    Varese
    Messaggi
    720
    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    Bell'articolo ma è il punto di vista di Bitbull, un'azienda con una 20ina di collaboratori. Siamo agli antipodi se parliamo di freelance, che risultano la maggioranza di chi opera nel settore.

    Più o meno lo stesso identico punto di vista di agenzie come Aquest, qui più di 70 tra collaboratori e dipendenti: https://www.aquest.it/
    Aquest può certamente decidere di rifiutare un cliente sulla base di un progetto non adatto a lui, così come potrebbe convincere il cliente a desistere, se volesse.

    Freelance specializzati in Magento sono al contrario pochissimi, qui in Italia soprattutto, e il motivo è abbastanza ovvio: un freelance che si specializza, si organizza, in Magento avrà poco lavoro e quel poco lo occuperà a tempo pieno e il fattore tempo (pieno) per un freelance è un rischio d'impresa altissimo. Un freelance con specializzazioni in Magento fa bene a collaborare con Bitbull, in realtà non ha molte possibilità.
    All'estero non ho idea se le cose vanno allo stesso modo.

  21. #21
    Esperto L'avatar di giuseppemorelli
    Data Registrazione
    Dec 2016
    Località
    Riccione
    Messaggi
    19
    Segui giuseppemorelli su Twitter Aggiungi giuseppemorelli su Linkedin
    Citazione Originariamente Scritto da hub Visualizza Messaggio
    Bell'articolo ma è il punto di vista di Bitbull, un'azienda con una 20ina di collaboratori. Siamo agli antipodi se parliamo di freelance, che risultano la maggioranza di chi opera nel settore.

    Più o meno lo stesso identico punto di vista di agenzie come Aquest, qui più di 70 tra collaboratori e dipendenti: https://www.aquest.it/
    Aquest può certamente decidere di rifiutare un cliente sulla base di un progetto non adatto a lui, così come potrebbe convincere il cliente a desistere, se volesse.

    Freelance specializzati in Magento sono al contrario pochissimi, qui in Italia soprattutto, e il motivo è abbastanza ovvio: un freelance che si specializza, si organizza, in Magento avrà poco lavoro e quel poco lo occuperà a tempo pieno e il fattore tempo (pieno) per un freelance è un rischio d'impresa altissimo. Un freelance con specializzazioni in Magento fa bene a collaborare con Bitbull, in realtà non ha molte possibilità.
    All'estero non ho idea se le cose vanno allo stesso modo.
    Mi sembra di capire che tu non sia uno sviluppatore (e se si, di sicuro non Magento) se mi scrivi così.

    un freelance che si specializza, si organizza, in Magento avrà poco lavoro e quel poco lo occuperà a tempo pieno e il fattore tempo (pieno) per un freelance è un rischio d'impresa altissimo
    Davvero? Pensi che ci sia poco lavoro? Ricevo di media 10-15 richieste al mese di nuovi lavori (fra clienti e collaborazioni) e di fatto l'70%-80% li devo "scartare" perchè non posso gestirli e non so nemmeno chi consigliare perchè non c'è nessun altro (aziende poi non ne parliamo). (e non spendo nulla in pubblicità o similari).
    Certo che il fattore tempo è rischio d'impresa ed è per questo che teoricamente il tuo fatturato "per vivere bene" non si deve basare su 20 giornate/mese ma su 10 max 15. Così in caso di imprevisti hai 5 giorni mese di "copertura".

    Un freelance con specializzazioni in Magento fa bene a collaborare con Bitbull, in realtà non ha molte possibilità.
    E quindi quale sarebbe il problema in questa affermazione?
    Una persona può scegliere: avere clienti diretti o avere delle collaborazioni.
    Per magento2 però avere clienti diretti (con buoni progetti) è controproducente perchè è quasi impossibile essere specializzati al giorno d'oggi fra frontend e backend (i famosi Full stack).
    Per come è scritto sembra che se si collabora con Aziende (da freelance) è come se fosse la morte.

    All'estero non ho idea se le cose vanno allo stesso modo.
    All'estero è identico, stessa carenza di personale. Già ho collaborato con aziende estere, stessa cosa.


    L'ho scritto anche nelle altre discussioni: http://www.giorgiotave.it/forum/e-co...eve-avere.html
    Non dovresti seguire un progetto Magento2 da solo, ma almeno in 2 (lato tecnico).
    Magento Backend Developer - www.giuseppemorelli.net

  22. #22
    User L'avatar di CAYGRI.com
    Data Registrazione
    Oct 2018
    Località
    Milano
    Messaggi
    44
    Creare un progetto da zero, secondo me è un eresia! Ormai anche grandi aziende non spendono più tutti quei soldi!
    Sviluppatore Magento Prestashop e Woocommerce Caygri.com

  23. #23
    hub
    hub è offline
    User
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Località
    Varese
    Messaggi
    720
    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    di sicuro non Magento se mi scrivi così.
    L'ho già scritto in un'altra discussione, mi interessa moltissimo Magento, sono iscritto all'area certificazioni, ma è tutto fermo e i motivi principali sono legati a quanto ho scritto precedentemente, il primo è il fattore tempo, il secondo si avvicina molto alla considerazione di @CAYGRI:

    Citazione Originariamente Scritto da CAYGRI.com Visualizza Messaggio
    Creare un progetto da zero, secondo me è un eresia! Ormai anche grandi aziende non spendono più tutti quei soldi!
    che è un'affermazione terribile, da non dover leggere mai, tuttavia è molto realistica.
    A un certo punto ho seguito una strada che per quanto mi riguarda è la migliore e la più equilibrata cioè concentrarmi sullo sviluppo di applicazioni web e abbandonare sia i siti web in generale ma anche i progetti ecommerce, evidentemente perché tu puoi pensare di fare delle scelte poi alcune si concretizzano e altre le devi abbandonare.
    Ma ribadisco che pur considerando Magento la migliore piattaforma ecommerce mi lascia un po' perplesso tutto questo gran lavoro disponibile di cui parli.
    E riprendendo l'affermazione di @CAYGRI in cui mette in evidenza il fatto costo, credo che le grandi aziende preferiscano piuttosto progetti custom, o esseere guidati nella scelta in questo senso, a parità di costi, anzi spendendo meno, piuttosto che considerare Prestashop o WooCommerce e così via su questi livelli, quindi parlo per mia personale esperienza ma mi è capitato spesso ascoltare ragionamenti di questo tipo: ma quanto mi costerebbe un progetto custom, in PHP, Phyton etc (i linguaggi li aggiungo io), per farlo funzionare come vorrei io e che mi costi il meno possibile?

    Ovvio che per grandi progetti complessi, per i colossi delle vendite, i costi di sviluppo da zero sarebbero nettamente più alti rispetto alla scelta di Magento, oltre che per quanti bravi nello sviluppo difficilmente si potrebbe raggiungere la solidità e robustezza di Magento, direi impossibile.

    Tuttavia, "voglio mettere online i miei 20.000 prodotti e pensavo di usare Aruba Ecommerce, devo solo iscrivermi e pagare 250 Euro l'anno, dominio e Hosting inclusi, infine far caricare da un mio dipendente tutti prodotti, finito."


  24. #24
    Moderatore L'avatar di Sermatica
    Data Registrazione
    Sep 2016
    Località
    Maleo
    Messaggi
    4,171
    Aggiungi Sermatica su Facebook
    Ciao Giuseppe Morelli,
    forse mi sono espresso male ma mirkonetit ha capito perfettamente quello che dico. La questione è molto semplice e chiara, se vendi uno Shop ad una azienda la devi informare che ci saranno costi per mantenerlo attivo ecc. ecc. E' una questione etica e non tecnica.

    Il cliente che accetta di comprare lo Shop da un agenzia deve avere ben chiaro il costo che dovrà avere. Se poi tu vendi solo lo Shop lo avvisi semplicemente che dovrà fare anche Ads, Seo, Caricare i Prodotti ecc. ecc.
    MODHelp Center: consigli per il tuo progettoMODE-Commerce
    Consulente con P.IVA: SEO / SEM / Google Business / Amazon - Sermatica.it


  25. #25
    User
    Data Registrazione
    Apr 2019
    Località
    roma
    Messaggi
    15
    il discorso non è tanto la piattaforma ma le vie di pubblicizzazione.

  26. #26
    Esperto L'avatar di giuseppemorelli
    Data Registrazione
    Dec 2016
    Località
    Riccione
    Messaggi
    19
    Segui giuseppemorelli su Twitter Aggiungi giuseppemorelli su Linkedin
    Citazione Originariamente Scritto da mercato-io Visualizza Messaggio
    il discorso non è tanto la piattaforma ma le vie di pubblicizzazione.
    Ciao mercato-io,
    certamente la parte pubblicità ha la sua importanza (come scritto per me è un 70%) ma in qualche modo andrà realizzato l'e-commerce.
    Il topic è proprio su avere feedback e consigli da parte di tutti sul tipo di piattaforma (indifferentemente se ha successo o meno).

    Il tuo commento mi sembra un po' off-topic. Magari possiamo aprire un'altra discussione sulle tecniche di successo per e-commerce (come pubblicizzarlo al meglio).
    In quell'ambito non sono esperto, magari puoi aiutare tu con quel topic.
    Magento Backend Developer - www.giuseppemorelli.net

  27. #27
    User
    Data Registrazione
    Apr 2019
    Località
    roma
    Messaggi
    15
    Citazione Originariamente Scritto da giuseppemorelli Visualizza Messaggio
    Ciao mercato-io,
    certamente la parte pubblicità ha la sua importanza (come scritto per me è un 70%) ma in qualche modo andrà realizzato l'e-commerce.
    Il topic è proprio su avere feedback e consigli da parte di tutti sul tipo di piattaforma (indifferentemente se ha successo o meno).

    Il tuo commento mi sembra un po' off-topic. Magari possiamo aprire un'altra discussione sulle tecniche di successo per e-commerce (come pubblicizzarlo al meglio).
    In quell'ambito non sono esperto, magari puoi aiutare tu con quel topic.
    intendevo piu' che altro che forse si inizia vendendo su piattaforme che offrono un mercato già pronto pagando delle percentuali di provvigioni... anche se con le provvigioni di oggi e i cinesi che vendono è difficile fare margine.

+ Rispondi alla Discussione

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.