+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 45 di 45

Inviare newsletter con Libero, Gmail, ecc... Possibile?

Ultimo Messaggio di bago il:
  1. #1
    Utente Premium L'avatar di ForumDonne
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    720

    Inviare newsletter con Libero, Gmail, ecc... Possibile?

    Ciao a tutti, scusate la domanda un pò banale.
    Ma è possibile inviare delle newsletter con Gmail o similari?

  2. #2
    Utente Premium L'avatar di Nazzareno
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Milano
    Messaggi
    330
    Segui Nazzareno su Twitter Aggiungi Nazzareno su Google+ Aggiungi Nazzareno su Facebook Aggiungi Nazzareno su Linkedin Visita il canale Youtube di Nazzareno
    Dipende, se hai tanta pazienza o pochissimi indirizzi, ce la si può fare, diciamo con attività pressochè manuale sia nella fase di registrazione delle iscrizioni, sia nella fase di invio, sia nella fase di gestione delle cancellazioni e delle email errate.
    Se superi i 100 indirizzi di destinazione, meglio cercare qualche altre soluzione.

  3. #3
    Utente Premium L'avatar di ForumDonne
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    720
    Si, ho oltre 2000 indirizzi email a cui spedire... mi sa tanto che mi toccherà installare una mod (mi pare che esista per phpBB3), ma non ne ho nessuna pratica purtroppo.
    Grazie mille per la risposta.

  4. #4
    User L'avatar di agiuffrida
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    60
    per 2000 indirizzi diventa impossibile gestire il tutto con google o similari, l'unica cosa che ci tengo a segnalarti è che utilizzando soluzioni come Mod il rischio di finire in spam è realmente troppo alto..
    queste soluzioni non prevedono schedulazioni duranti l'invio e i provider ricevendo numerose email dallo stesso indirizzo ip dopo poco ti bannano......specialmente per invio di moli elevate di email....
    sarebbe meglio demandare l'invio a servizi dedicati.
    angelogiuffrida.it marketing-web.it

  5. #5
    Utente Premium L'avatar di ForumDonne
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    720
    Me ne potresti nominare qualcuno?

  6. #6
    User L'avatar di agiuffrida
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    60
    ascolta io ho collaborato con SitoVivo, poi c'è MailUp dell'amico Nazzareno, ContactLab e tanti altri che fanno proprio questo.

    Forse nel tuo caso però è meglio che ti interfacci con una agenzia che utlizzi questi strumenti.

    Se vuoi anche a titolo personale (dato che ho diversi strumenti validi da offrirti) potrei prepararti una offerta a riguardo senza nessun impegno.
    angelogiuffrida.it marketing-web.it

  7. #7
    Utente Premium L'avatar di dif79
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Località
    Perugia
    Messaggi
    59
    Con mailup o contactlab vai sul sicuro, uso con l'azienda con la quale lavoro tali programmi e ci troviamo benissimo. Oppure ti affidi direttamente ad aziende che fanno invio di DEM inviandogli tu il matariale da spedire con il target e il subjet e loro effettuano l'invio.
    Naturalmente tutto ciò ha un costo ma non eccessivo.

  8. #8
    Utente Premium L'avatar di ForumDonne
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    720
    Chi mi sa indicare i prezzi "indicativi" per appoggiarsi a queste agenzie?
    Come vengono retribuiti? Ad invio? O come? Scusate ma non me ne intendo proprio....

  9. #9
    Utente Premium L'avatar di dif79
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Località
    Perugia
    Messaggi
    59
    Tutto dipende dal volume di invio, con contactlab paghi una cifra e hai un certo numero di invio.
    Potresti affidarti per esempio all'invio con siti tipo email, libero se non sbaglio con email 10.000 contatti quindi 10.000 email inviate costa 200 euro.

    Incrementi il tuo guadagno e poi ti affidi a mailup o contactlab.
    Ciao Fabrizio

  10. #10
    Utente Premium L'avatar di ForumDonne
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    720
    Non credo 200€ ad invio.... vero??

  11. #11
    Utente Premium L'avatar di dif79
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Località
    Perugia
    Messaggi
    59
    Se ti interessa ti faccio un preventivo veloce per l'invio di una dem viso che con la mia azienda ci occupiamo di questo.
    Fammi sapere

  12. #12
    Utente Premium L'avatar di dif79
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Località
    Perugia
    Messaggi
    59
    Collaboro con una grossa azienda e ci occupiamo di web marketing anche noi realizziamo dem e ci occupiamo anche dell'invio. Se tu hai già una dem pronta e vuoi inviarla ti faccio sapere quant'è il prezzo, dimmi anche a quanti nominativi vuoi che venga inviata.
    Ciao
    Fabrizio

  13. #13
    Utente Premium L'avatar di ForumDonne
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    720
    Non ho una dem pronta, ma per il numero di utenti siamo intorno ai 2000 (poco più).

  14. #14
    Utente Premium L'avatar di dif79
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Località
    Perugia
    Messaggi
    59
    noi partiamo da 5000 contatti però ti consiglio almeno 10000 se vuoi facciamo noi la grafica ci occupiamo di tutto noi.
    fammi sapere.

  15. #15
    User Newbie
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    2
    Ti ho inviato un messaggio in privato per la soluzione di cui hai bisogno (2000 email / campagna - € 0,00 di canone - € 0,00 di attivazione). Fammi sapere

  16. #16
    Utente Premium L'avatar di dif79
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Località
    Perugia
    Messaggi
    59
    e bravo marketingbuzzer: concorrenza sleale...
    buona fortuna
    non voglio partecipare ad una gara di appalto, volevo solo aiutare forumdonne al suo progetto.
    CMQ il prezzo nostro è 10.000 email 250 euro più la realizzazione grafica.
    Ciao

  17. #17
    User L'avatar di agiuffrida
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    60
    Perchè concorrenza sleale? ognuno promuove i suoi servizi nelle forme e nei prezzi che ha....

    :=)

    Cmq è giusto poter condividere nel forum diverse possibilità commerciali...
    angelogiuffrida.it marketing-web.it

  18. #18
    Utente Premium L'avatar di dif79
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Località
    Perugia
    Messaggi
    59
    assolutamente si,
    la mia è stata una battuta.
    Ognuno è libero di proporre ogni sua soluzione commerciale
    Ciao

  19. #19
    User Newbie
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    2

  20. #20
    User Newbie
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Messaggi
    1

    Limite 100 invii gmail imap-tutela account

    Ciao a tutti.

    Ho bisogno di due informazioni.

    1) Se con gmail imap ho il limite di inviare una stessa mail a 100 destinatari "alla volta" e questo significa che posso inviare anche "giornalmente" la stessa mail a più di 100 persone purché la spezzi in gruppi di max 100 destinatari a invio, qual è il limite massimo giornaliero? Ad esempio posso ripetere l'invio della mail DESTINATA SEMPRE A 100 DESTINATARI per 20 volte in un giorno, inviando di fatto 2000 mail cumulative in una giornata?

    2) Ho letto che se non si accese al proprio account neanche una volta in 9 mesi, si rischia la chiusura dell'account. Per accesso cosa significa che bisogna accedere almeno una volta in nove mesi tramite web o è sufficiente scaricare e quindi accedere normalmente tramite outlook?

    grazie.

  21. #21
    User
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    44
    Citazione Originariamente Scritto da ForumDonne Visualizza Messaggio
    Ciao a tutti, scusate la domanda un pò banale.
    Ma è possibile inviare delle newsletter con Gmail o similari?
    Scusatemi, ma la domanda di partenza non ha a che fare con le vostre proposte commerciali, che mi sembra possano confondere non poco ForumDonne, che non ha chiesto un servizio di DEM, cioè l'invio di email commerciali agli indirizzi del vostro database.

    ForumDonne ha una sua lista personale di indirizzi...

    ForumDonne, dovresti aggiungere maggiori dettagli per capire se puoi installare sul tuo sito un software di gestione della TUA mailing list.
    Anche io sto cercando qualcosa del genere e per ovviare ad eventuali problemi di ban mi sto anche informando su servizi resi da terzi con i quali puoi gestire le TUE mailing list presso di loro.

    Le proposte che ti sono state fatte finora (DEM - Direct Email Marketing) erano proposte in base alle quali tu fornisci un banner o una pagina pubblicitaria che reclamizza il tuo sito e i signori la spediscono agli indirizzi email che hanno nel loro database. Ecco perchè ti hanno fatto prezzi in base al numero di indirizzi ai quali spedire la pubblicità per il tuo sito...

    Tra l'altro ForumDonne, stai attenta/o a non cedere per nessuna ragione gli indirizzi email che hai nel tuo database a terze persone a meno che questa possibilità non sia espressamente contemplata nei termini d'uso e disposizioni sulla privacy che hai fatto accettare alle persone che ti hanno comunicato il proprio indirizzo email.
    Ultima modifica di aranciagood; 06-04-09 alle 20:49

  22. #22
    Utente Premium L'avatar di ForumDonne
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    720
    Ciao aranciagood,
    ti ringrazio per il post.
    Infatti io chiedevo se esiste un sistema per inviale delle newsletter ai propri iscritti, senza cedere a terzi gli indirizzi email, ma da gestire io personalmente.
    Ovviamente parlo di una newsletter grafica, che secondo me raggiunge conversioni molto molto più alte, di un semplice testo scritto.... io uso vbulletin.... magari qualcuno mi sa aiutare.

  23. #23
    User
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    44
    Anche io sto cercando un gestore di mailing list e so che ne esistono. Anni fa ne usai uno ottimo che non trovo più.

    Per quanto riguarda il tuo problema specifico, ci sono certamente programmi che puoi impostare con il server in entrata ed in uscita di un indirizzo email (virgilio, yahoo, gmail, hotmail, ecc...) ed usarlo per le mailing list.
    La ricezione e l'invio di email funziona pressapoco come Outlook, Outlook Express e qualunque altro client di posta.

  24. #24
    Utente Premium L'avatar di bago
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    735
    @ForumDonne

    Con gmail è possibile inviare newsletter ma direi scomodo se devi mandarle a più di 10 persone.

    Riguardo il commento di aranciagood mi sembra che in linea di massima i servizi di invio newsletter che ti sono stati offerti non fossero su loro utenti ma proprio servizi in ASP (application service provider) o, come alcuni preferiscono, in SaaS (Software as a service).

    Il motivo per cui si trovano molti ASP/SaaS in questo settore è che installare un programma sul proprio pc ed inviare con la propria ADSL è sempre meno una soluzione accettabile poichè i provider (sia il vostro che quello di chi riceve) cercano sempre di più di mettere i bastoni nelle ruote a questa soluzione.

    La gestione di blacklist, feedback loop, tecniche di autenticazione come SPF/DKIM, corretta configurazione dei reverse e corretta impostazione degli header si complica sempre di più e quindi nascono sempre nuove soluzioni che cercano di semplificare questo lavoro.

    Come "prova" ti porto il fatto che chi di mestiere fa programmi per inviare newsletter (www sendblaster.it) poi si trova a dover vendere anche il servizio SMTP (www servicesmtp.it) per poter gestire alcune delle problematiche che l'utente anche esperto fa fatica a gestire nella quotidianità.

    In italia ci sono numerosi servizi, più o meno economici, che ti permettono di registrarti e provare il servizio in versione demo (più o meno castrata).

    Per fare un elenco di alcuni che mi vengono in mente (ordine alfabetico)
    www infomail.it
    www magnews.it
    www mailarea.net
    www mailplanet.it
    www mailup.it
    www voxmail.it

    Alcuni, poi, offrono servizi gratuiti per inviare newsletter, ma l'utilizzo di questi richiede un occhio di riguardo, ti invito a leggere questo:
    emailmarketingblog.it/tags/invio-newsletter-gratis

  25. #25
    User
    Data Registrazione
    May 2005
    Messaggi
    691
    Salve,

    Per chi già possiede un vps per conto suo, cosa consigliate: acquistare il singolo sw per email marketing o affidarsi ad una Saas?

    Nel primo caso, posso utilizzare come parametro smtp, quello del mio provider di riferimento? ossia non alice per collegarmi ad internet, ma direttamente il mio provider (mail.miodominio.com)?

    Nel secondo caso, chi mi garantisce che la mole dei dati, non venga utilizzata da terzi per motivi commerciali? A chi appartiene la proprietà del database?

  26. #26
    Utente Premium L'avatar di bago
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    735
    Nel caso degli SaaS le condizioni di servizio dovrebbero chiaramente dire che cosa viene fatto con il tuo database.

    Nel link che ho messo nel post precedente (invio newsletter gratis) faccio notare come alcuni servizi di invio gratuiti si prendano il diritto di inviare email commerciali ai tuoi iscritti mentre altri no.

  27. #27
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    212
    Ho sempre pensato che inviare email ai propri utenti fosse un' operazione gratuita. Se esistono soluzioni solo a pagamento, come fanno quei blog che devono inviare via Email i post ai loro iscritti? Spendono una fortuna con tali servizi? 10000 invii a 200 euro mi sembra un costo alto, che incide in maniera non indifferente per una certa parte di campagne pubblicitarie via email.. cosa mi dite a riguardo?

  28. #28
    User
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    44
    Io, modestamente, credo che chiunque possa gestire una mailing list autonomamente.
    Credo solo che ci voglia un pò di tempo per imparare, così come si è imparato a gestire un sito con utenti che sono va via cresciuti di numero.
    Così come studiamo SEO per ottimizzare sito, credo sia sufficiente dedicarsi anche allo studio dell'invio di email di massa per evitare di finire nelle black list e si può gestire il proprio pacchetto utenti in totale autonomia.
    Personalmente diffido da chi opera nel settore dell'email marketing quando tenta di insinuare il dubbio che le difficoltà sono numerose ed insormontabili.
    Certo, ognuno promuove la propria attività, ma ritengo che un webmaster che si è fatto da solo possa benissimo essere in grado di acquisire nozioni sull'email marketing e restare autonomo.
    Anzi, mi sorprende come molti webmaster non diano il valore che spetta al proprio numero di iscritti non tanto come utenti del sito, ma proprio come target di possibili operazioni di direct email marketing che vadano al di fuori dell'attività tipica del loro sito.
    Perchè fare gestire ad altri e a pagamento ciò che ognuno può gestire per conto proprio a costo zero?

  29. #29
    Utente Premium L'avatar di bago
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    735
    Se 200€ per 10000 invii "incide in maniera non indifferente" significa che probabilmente non paghi una persona che faccia il copy e che non analizzi i tuoi destinatari per cercare di migliorare la loro risposta e soddisfazione, etc,etc... Tutto dipende da quanto valgono per te quei 10000 iscritti e cosa scrivi.

    Per spostarsi si può usare l'aereo, che si paga, la macchina che puoi comprarla o usare un taxi, la bici che costa molto meno o i piedi che non costano niente ;-)

    Credo sia difficile generalizzare e stabilire a priori che andare a piedi è meglio che usare l'aereo (o viceversa).

    Le difficoltà di fare email marketing non sono affatto insormontabili, ma c'è un costo che si deve sostenere per risolvere al meglio tutte le problematiche.

    Non sai cos'è SPF? Beh, probabilmente un 10-15% dei tuoi iscritti riceverà la tua email nella cartella spam e non in quella inbox. In funzione di quanto vale questo fatto deciderai se studiare cos'è SPF o se rivolgerti a qualcuno.

    Se conosci la posta elettronica e se sai fare un po' il sistemista te la puoi cavare con un po' di studio e un po' di tempo in più.

    La mia unica obiezione ad aranciagood è che gestire in casa non ha costo zero. Ha un costo che può essere superiore o inferiore che usuare un servizio esterno in funzione di tanti parametri. A meno che tu non consideri il tuo tempo un "non costo", in questo caso in qualche mese puoi diventare probabilmente esperto a sufficienza per fare il tutto senza altri costi.

    Lo stesso vale per tutti i servizi: dedicato, vps o shared hosting? managed o unmanaged? Perchè non un computer dietro alla propria ADSL? Qualunque soluzione prendi ci sono costi vivi (che paghi) e il tuo tempo (o di chi paghi per farlo).

    Confermo comunque che QUASI chiunque possa fare in autonomia quasi tutto (se sei un programmatore puoi scriverti quasi qualunque software a gratis) e che con voglia e tempo senza bisogno di grossi investimenti puoi fare tutto. Se invece hai bosogno di consegnare centinaia di migliaia di email in poche ore a quel punto servono anche investimenti.

    Devi inviare una newsletter a 1000 utenti una volta al mese per 10 mesi? Secondo il prezzo di marcolin0 spendi 200€... Quanto vale il tuo tempo? In quanto tempo puoi fare la stessa cosa "in proprio" ?

    Io sono un programmatore ma molti software li compro fatti, non perchè non sia capace ma perchè mi costerebbe troppo in termini di tempo (tempo = denaro) scrivermi tutto.

  30. #30
    Utente Premium L'avatar di Nazzareno
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Milano
    Messaggi
    330
    Segui Nazzareno su Twitter Aggiungi Nazzareno su Google+ Aggiungi Nazzareno su Facebook Aggiungi Nazzareno su Linkedin Visita il canale Youtube di Nazzareno
    Concordo con Bago. Aggiungo che il fare internamente può equivalere al costo zero solo se il costo di una propria ora di lavoro è tendente a zero.

    Certo, per inviare (e farli recapitare in inbox) 1000 email sono capaci tutti con relativo basso sforzo, e anche inviarne 1.000.000 in qualche modo alla fine non è così difficile, basta un programmino da 30$ (vedi gli spammer).

    Come in tutte le cose va valutato l'interesse negli aspetti che possono fare la differenza, classici del make or buy, ad esempio:

    - quanto mi costa fatto in casa?
    - quanto mi costerà in manutenzione?
    - quanto mi costa in infrastruttura?
    - qual'è il time to market?
    - quanto è affidabile?
    - quanto è critica l'attività di invio?
    - come misuro i risultati (deliverability, open rate, ctr, abuse reports...)?
    - quanto è flessibile nel caso di sviluppi futuribili?
    - quanto è integrabile con altre applicazioni interne/esterne?
    - qual'è il costo iniziale e quale il costo annuale?
    - quali sono i limiti?
    - quali sono i rischi?

  31. #31
    User
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    44
    E' chiaro a tutti che non intndevo affatto che servizi come quello di mailup sono assolutamente inutili.
    Ho solo detto che non mi sembra che quello dell'email marketing sia un campo che richieda necessariamente l'intervento di terzi, ma che è anche possibile fare da sè.
    Inoltre è ovvio che se faccio da solo qualcosa a costo zero non vuol affatto dire che il lavoro che ho dovuto fare non ha un valore, anzi...
    Avendo circa 10.000 utenti e dovendo inviare una mail a settimana, per un totale di 40.000 email mensili e considerando quanto mi costerebbe rivolgermi a terzi, ho perfettamente chiaro quanto NON ho speso, cioè quanto è valso il mio lavoro...
    Queste considerazioni, ovviamente, nascono solo dal fatto che personalmente ritengo altissimi e ingiustificati i costi di un'invio di email fatto tramite terzi. Si, il servizio ha un valore, ma ritengo che attualmente sia esageratamente sovrastimato e dovuto all'assenza di maggiore offerta.
    Per concludere, in queste situazioni di mercato è meglio spendere 1.000 euro in valore lavoro proprio (quello che ho chiamato costo zero) che non provoca uscite monetarie e genera un risparmio in denaro reale pari ad almeno 100 volte tanto il valore del lavoro impiegato...
    E' vero che in ogni campo la conoscenza specialistica ha un valore e dei costi, ma qui stiamo parlando di trasmissione di dati elettronici che avvengono con un click e mi pare che 200 Euro per 10.000 email siano davvero eccessivi, a prescindere da tutti i ragionamenti giusti e sbagliati che possiamo fare sul lavoro e sul valore della conoscenza.
    Semplicemente manca offerta.
    Sarebbe sufficiente che si affacciassero 10 nuovi fornitori di questo servizio e, grazie alla concorrenza, verrebbe fuori il suo vero valore.
    Viviamo in un periodo in cui puoi occupare gigabites di memoria fornita gratuitamente in una marea di settori (youtube, email provider, flickr), in cui oltre alla conoscenza per la costruzione delle piattaforme multi utente ci sono costi enormi per lo stoccaggio fisico dei dati, per le connessioni ed i server che devono essere altamente performanti e mi deve sembrare normale pagare 200 Euro per un click con cui inviare pochi kilobites a 10.000 indirizzi di posta elettronica che, tra l'altro, sono pure indirizzi da me forniti? Pochi mega di trasmissione in un mondo in cui ogni giorno alcuni scaricano e si scambiano nel giro di qualche ora gigabites di dati con una connessione casalinga...
    No, non mi pare congruo. Opinione personale.
    Inoltre, se si trattasse di DEM con utenti forniti da terzi, potenziali clienti che mi porteranno guadagni, quanto dovrebbe costare ogni invio?
    Mi ripeto, manca l'offerta.
    Ogni volta avrei la percezione di aver bruciato 200 Euro in un colpo.
    Ultima modifica di aranciagood; 05-06-09 alle 18:00

  32. #32
    Utente Premium L'avatar di bago
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    735
    Guarda che di concorrenza ce ne è tanta.. fai una ricerca "servizio invio newsletter" e vedi quanti ne trovi e quandi comprano annunci adwords.

    Se pensi che veramente si possa fare il tutto a un decimo del costo probabilmente hai conoscenze che chi è nel settore non ha e quindi ti consiglierei di mettere su un business su questo.

    Mi pare che il business dell'email marketing sia stato stimato in circa 2 miliardi di dollari nel 2008.

    Se veramente sapessi come vendere il servizio ad un decimo non ci penserei due volte a lanciarmi nel business e acquisire in breve una fetta di quei 2 miliardi di dollari, soprattutto se fossi convinto che c'è mancanza di concorrenza.

  33. #33
    Utente Premium L'avatar di bago
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    735
    Citazione Originariamente Scritto da aranciagood Visualizza Messaggio
    Pochi mega di trasmissione in un mondo in cui ogni giorno alcuni caricano e si scambiano nel giro di qualche ora gigabites di dati con una connessione casalinga...
    No, non mi pare congruo. Opinione personale.
    pochi mega di trasmissione? Paragonare un servizio di email marketing a un servizio di trasferimento dati mi sembra paragonare mele con pere?

    Il fatto che il servizio venga erogato su internet non va certo tradotto come "sarebbe gratis ma devo pagare la banda".

    Con lo stesso ragionamento itunes dovrebbe vendere i brani a 1€ per ogni 100GB (che è quello che pago la banda su uno dei miei fornitori)

  34. #34
    User
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    44
    Se dobbiamo discutere lo dobbiamo fare con onestà intellettuale, non per sostenere per forza la nostra tesi col risultato di parlare di tutto e di niente allo stesso tempo.

    Se intendi email marketing nella sua accezione più vasta, comprendendo tutto il settore, hai perfettamente ragione, Ma io sto parlando di un caso specifico che sicuramente rappresenta non una fetta della torta, ma solo un briciolo: l'invio di email a un elenco di indirizzi da me fornito.

    Se ci mettiamo in mezzo servizi pubblicitari aggiunti (progettazione delle email, della grafica, degli slogan pubblicitari e della comunicazione), studi sulla profilazione e targhetizzazione, ottimizzazione dei costi, fornitura di elenchi di indirizzi email, stiamo parlando cose che vanno ben oltre e che hanno un valore esorbitante, che nulla ha a che vedere con l'invio di email ad una mia lista di indirizzi.

    Se fossi nel campo dell'email marketing vero e proprio, nel senso più ampio del termine, probabilmente non avrei assolutamente tempo da trascorrere qui a parlare con te...

    Inviare 1.000 email a 1.000 miei indirizzi, evitando di essere classificato come spammer, ritengo che sia nelle capacità mie e di tantissime altre persone.
    Coi 200 Euro vado al ristorante... :-)

  35. #35
    Utente Premium L'avatar di bago
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    735
    Citazione Originariamente Scritto da aranciagood Visualizza Messaggio
    Inviare 1.000 email a 1.000 miei indirizzi, evitando di essere classificato come spammer, ritengo che sia nelle capacità mie e di tantissime altre persone.
    Coi 200 Euro vado al ristorante... :-)
    Purtroppo non ti seguo più. Hai parlato di 10000 email per 200€, adesso mi parli di 1000email per 200€.

    Quante email vorresti poter mandare, "onestamente", con 200€?

    Quali servizi, oltre all'invio vero e proprio, dovrebbero, nella tua definizione di "onesto", essere inclusi in quei 200€? (gestione bouce, reinvii multipli in caso di errori temporanei, tracking aperture e clic con statistiche, mail merging, gestione abuse reports, altro che non mi viene in mente?)

    PS: 200€ per il ristorante? Quasi tutte le persone che conosco sono in grado di prepararsi di mangiare da sole per molto meno! ;-)
    Ultima modifica di bago; 05-06-09 alle 18:50

  36. #36
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    212
    Davvero ottimale mi sembra la soluzione offerta da mailup: si paga non a singolaemail inviata, ma in base alla velocità di invio diqueste ultime ( che va necessariamente a occupare banda ). Per un invio che non sia una tantum, mi sembra veramente la scelta migliore da fare. Inoltre offre un mese diprova gratuito del servizio. Qualcuno ha esperienze con questa compagnia?

  37. #37
    User
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    44
    Citazione Originariamente Scritto da bago Visualizza Messaggio
    Purtroppo non ti seguo più. Hai parlato di 10000 email per 200€, adesso mi parli di 1000email per 200€.

    Quante email vorresti poter mandare, "onestamente", con 200€?

    Quali servizi, oltre all'invio vero e proprio, dovrebbero, nella tua definizione di "onesto", essere inclusi in quei 200€? (gestione bouce, reinvii multipli in caso di errori temporanei, tracking aperture e clic con statistiche, mail merging, gestione abuse reports, altro che non mi viene in mente?)

    PS: 200€ per il ristorante? Quasi tutte le persone che conosco sono in grado di prepararsi di mangiare da sole per molto meno! ;-)
    C'è stato un piccolo fraintendimento. Intendevo 1.000 email, ma erano sottintesi 10 invii in base ad una precedente ipotesi fatta in un altro post.
    200 Euro per solo 1.000 email sarebbe stato il culmine dell'esagerazione. A quel punto è meglio decidere di consegnarle di persona, porta a porta...

    Volendo fare un esempio in base alla mia percezione ed alle mie necessità, ipotizzando 5.000 indirizzi email (miei) per tre invii mensili, mi sembrerebbe giusto un contratto con canone annuale di 120 Euro + pagamento di ogni invio con un prezzo per migliaia, ad esempio 1,5 Euro per mille indirizzi.
    Praticamente pago il canone contrattuale annuale e ad ogni invio di 5.000 email pago 7,5 Euro, che mensilmente sarebbero 22,50 Euro per i tre invii (15.000 mail), che annualmente sarebbero 270 Euro per i 36 invii totali.
    Alla fine sarebbero 390 Euro in totale in un anno per l'invio di 180.000 mail.

    Un sistema del genere troverebbe largo riscontro tra coloro che non hanno budget altissimi e che, considerato il ragionevole canone annuale e la possibilità di pagare un'addizionale commisurata al numero di email spedite di volta in volta, potrebbero gestirsi al meglio. Il costo è in un certo senso "spalmato" durante l'anno.
    Il fornitore ha una parte fissa sicura (il canone di 120 Euro, anche in caso di inutilizzo del servizio) ed entrate aggiuntive secondo il carico richiesto.
    Nel caso specifico è come dire che per le mie 15.000 email mensili, divise in tre blocchi da 5.000, spenderei 32,50 Euro al mese.

    Così mi sembra ragionevole. Una politica del genere farebbe affluire al fornitore tutti i piccoli webmaster che non utilizzano il servizio perchè assolutamente fuori dalla loro portata (viste le poche esigenze) e i medi webmaster che a costi ragionevoli preferirebbero utilizzare tale servizio anzichè, come fanno in molti, provvedere per conto proprio...

  38. #38
    Utente Premium L'avatar di bago
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    735
    Citazione Originariamente Scritto da aranciagood Visualizza Messaggio
    Alla fine sarebbero 390 Euro in totale in un anno per l'invio di 180.000 mail.
    Il pacchetto da 200.000 crediti di VOXmail costa (al momento) 600 euro... quindi un 50% in più di quello che secondo te sarebbe onesto ma sottolineo che, forse dal tuo punto di vista più importante, per riuscire a costare così devi anticipare l'intero importo di un anno.. altrimenti comprando pacchetti con un numero inferiore di crediti spenderesti di più (d'altro canto la non esistenza di canoni ti lascia molto libero di sperimentare prima e poi comprare il pacchetto più grosso una volta verificato il servizio).

    Sinceramente da come avevi posto il problema della mancanza di concorrenza pensavo ti aspettassi cifre molto più basse. Alcuni provider utilizzano la banda come metrica di vendita, ma credo sia solo perchè su qualche fattore deve pur basarsi un listino e loro hanno reputato la velocità di invio uno degli indicatori più interessanti, ma questo non significa che la banda sia il loro unico costo (probabilmente hanno stimato sia la cosa che più correttamente "semplifica" la curva del loro costo, o che commercialmente funzionava meglio, Nazzareno potrà approfondire se vuole).

    E' difficile calcolare il costo esatto di ogni parte del servizio ma dovessi indicarlo a spanne direi che il costo dell'invio puro (cpu + banda) è una piccola parte del costo totale. Direi che, in proporzione, (rimanendo su costi tecnici di erogazione) influiscono di più il tracciamento delle aperture (ed erogazione contenuti remoti: immagini) e gestione dei bounce per un motivo fondamentale: l'invio lo fai su tue macchine, con i tempi e le modalità che preferisci, cercando di caricare al meglio la macchina per ottimizzare il flusso di invio mentre aperture e bounce arrivano quando pare a loro, tipicamente ammucchiati in determinati momenti e con centinaia/migliaia di connessioni contemporanee: per inviare 100000 email in un giorno basta forse la potenza di calcolo di un cellulare ed una connessione nemmeno troppo veloce.. ma la mattina del giorno dopo, quando 50000 di quei 100000 a cui hai scritto aprono l'email tutti tra le 8 e le 9 ti trovi a dover dare immagini, css remoti e tracciare aperture e clic per 50000 utenti contemporanei: qui il cellulare non ce la fa più e se tardi a rispondere avrai utenti che non vedono più le immagini e non vengono correttamente "tracciati". Se per colpa di un singolo destinatario il tuo IP/dominio finisce in blacklist dovrai intanto perdere tempo a scoprirlo (molti non se ne accorgono nemmeno) e risolvere (si perdono varie ore a volte per una singola questione di abuse/blacklist) e, altro costo (o meglio mancato guadagno) alcuni destinatari non avranno ricevuto il messaggio (magari il messaggio era una promozione di un viaggio e magari hai venduto 2 viaggi in meno per colpa di 40 email non consegnate per colpa della blacklist).

  39. #39
    User
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    44
    Mettiamola così.
    Leggendo attentamente il listino di voxmail, nel mio caso specifico vado su premium edition, noto che ogni mia newsletter mi costerebbe 40 Euro a botta.
    Inaccettabile per un mio discorso di costi/benefici e credo sia così per tantissimi altri webmaster. Il budget lo consente, ma la soluzione non è economica.

    Ok, mi dirai, più crediti acquisti più risparmi. In realtà è un cane che si morde la coda, perchè un investimento "anticipato" di 600 Euro per 200.000 crediti è escluso...

    Però, andando nel merito di ciò che hai detto, è evidente che nel listino si passa da un costo di 8 Euro per migliaia (5.000 crediti) a 2,4 Euro per migliaia (500.000 crediti).
    Bene, è normale che si incentivi l'acquisto di una quantità maggiore di crediti. Il sistema è tipico di moltissimi settori. Più compri, più ti sconto il prezzo. In tal modo seleziono pochi clienti, ma sui quali posso fare grande affidamento.

    Di contro, sempre restando nel merito di ciò che hai dettagliatamente spiegato, per il tipo specifico di servizio quel listino ha un enorme controsenso. Se da una parte mi spieghi che più email invii e più il server deve lavorare anche dopo l'invio, a causa del tracciamento, ecc... ecc..., dall'altra la riduzione del prezzo per mole di crediti acquistata va contro qualunque calcolo di banda, consumo, prestazioni ecc... ecc... che fin qui hai considerato.

    Posto che anche con la mail numero 500.000 di certo tu ci guadagni, a meno che non mi vuoi dire che a un certo punto lavori in perdita, perchè non ci crederebbe nemmeno il più stupido degli stupidi, è chiaro che 2.4 Euro per mille email è comunque un prezzo "sostenibile" che ti garantisce comunque un guadagno.

    Benissimo.
    Mi sembra lampante che, dettagli della specifica strategia commerciale a parte, il divario tra 2,40 Euro e 8 Euro è talmente eccessivo che non è possibile conciliarlo con la spiegazione sui costi per il fornitore.

    E' normale che si tenda sempre a premiare acquisti maggiori con riduzione del prezzo, ma c'è un controsenso evidente quando si giustifica un prezzo altissimo per minimi quantitativi, soprattutto in un tipo di servizio in cui se aumenta il carico di lavoro, tu tendi a ragiungere i limiti del server.

    Di solito è al contrario.
    Cioè, io fornitore premio acquisti maggiori proprio quando più vendo e più ammortizzo i miei costi base. A quel punto tutto ciò che produco mi costa molto meno e posso abbassare i prezzi, MA PERCHE' MI SI ABBASSANO I COSTI (per esempio, il software che uso è oramai pagato, non mi costa di più se io produco di più, quindi lo sto ammortizzando egregiamente e posso abbassare i miei prezzi di vendita, perchè non devo comprare un altra licenza).
    Nel tuo caso, più lavoro fai fare al server, più rischi che ti si impalli, con la conseguenza che se hai nuovi clienti sei costretto a comprare un nuovo server, aumentare la banda disponibile, potenziare i processori, AUMENTARE I TUOI COSTI, anzichè solo ammortizzare quelli già sostenuti...
    Pertanto, come puoi mai giustificare un abbassamento dei prezzi di listino da 8 Euro a 2,4 Euro per questo tipo di servizio? Devi ammettere che il divario è troppo alto ed assolutamente ingiustificato, anzi un palese controsenso...

    Nozioni di economia politica...

  40. #40
    Utente Premium L'avatar di bago
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    735
    nel tuo esempio c'era un canone di 120€, quindi un utente che invia 1 email l'anno paga 120€ a mail. uno che ne invia molte tende a pagare il costo per email di 1.5€/per mille email.

    Quindi anche nel tuo esempio esisteva l'incentivo a comprare di più, solo che era distribuito differentemente.

    In ogni caso all'aumentare del volume i costi si abbassano perchè il singolo referente ha un costo, la singola fattura ha un costo. Non ci crederai ma riceviamo più telefonate da chi spende 40€ che da chi ne spende 1000 e più. E' il compromesso necessario a non voler mettere canoni. E poi c'è anche una politica di prezzo orientata alla semplicità piuttosto che al rapporto prezzo/costo.

    Più lavoro facciamo fare ai server meglio è, in realtà, e gli invii numerosi ci costano meno di quelli poco numerosi perchè tipicamente sono gli stessi dati inviati/cachati maggiormente. Ovviamente nessuno impedisce a quello da 500000 di mandare 500000 email completamente differenti in 500000 momenti differenti, ma questo di fanno non succede e quindi la statistica fa si che da quello di 500000 non ci si perda anche se in casi estremi ci si potrebbe perdere tranquillamente.

    Una volta che è fatto l'investimento in infrastruttura per gestire un volume di 1 milione di email al giorno in proporzione costa molto meno colui che invia a 100000 una singola newsletter rispetto a 100 che inviano 1000 newsletter.

    Il resto fa parte di meccanismi interni che non sarebbe nemmeno furbo da parte mia stare a svelare visto che qui ci sono anche tutti i concorrenti, non credi?

    VOXmail è nato pochi mesi fa e non pretendo di avere conoscenze di economia come le tue, ma se tu veramente credi che ci siano tutti questi margini e mi sembra di capire tu abbia sostenuto sia banale fare tutto questo veramente dovresti cimentarti nella vendita. Offriamo anche versioni per agenzie che ti permettono di vendere a quanto ti pare, e il CPM è spesso più basso del pacchetto più grosso!

    Pensa quanto margine ti puoi fare comprando a 1-2CPM e vendendo con il meccanismo che più ti aggrada (ad esempio quello del canone da 120€+ costo per mail).

    Immaginavo, e l'avevo scritto, che probabilmente per te lo scoglio era il costo anticipato, ma purtroppo siamo ancora piccolini. Appena ne avremo le capacità aggiungeremo anche sistemi per fare contratti annuali con addebito mensile di 1/12 del costo così da agevolare chi non può uscire di cassa di così tanto ma è disposto a legarsi per 12 mesi in cambio di un'ottimo sconto.

  41. #41
    Utente Premium L'avatar di Nazzareno
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Milano
    Messaggi
    330
    Segui Nazzareno su Twitter Aggiungi Nazzareno su Google+ Aggiungi Nazzareno su Facebook Aggiungi Nazzareno su Linkedin Visita il canale Youtube di Nazzareno
    Interessante discussione, aggiungo che in Italia pur non essendoci grossa concorrenza (gli operatori seri si contano sulle dita), abbiamo i prezzi largamente più bassi che in UK, Germania o Francia.

    Anche prendendo come riferimento gli USA, dove la concorrenza è sfrenata, vedrai che dietro offerte allettanti da 9$ al mese si celano tanti trucchetti per cui a fine mese scopri la tua carta di credito è stata spremuta molto più del previsto. Non per niente siamo riusciti a prendere diversi clienti anche in quel mercato così competitivo, solo con l'effetto del passa-parola.

    I costi di un ESP comprendono anche l'attività di supporto, monitoraggio, delisting, whitelisting, sviluppo continuo del prodotto oltre ovviamente all'infrastruttura, che può costare quasi zero se uso componenti open source, ma può salire anche molto se uso server clusterizzati, san, ridondanze, sistemi di monitoring, di backup ecc ecc.

    L'idea di pagare per ogni messaggio inviato non ci è però mai piaciuta, per questo ci siamo inventati la modalità a banda.

    Ad esempio nel tuo caso, per risparmiare, potresti accontentarti di una banda limitata, dilazionando gli invii in più ore. Ad esempio con una velocità di invio che ti garantisce 10.000 email di 10KB inviate in 28 ore, pari a ben 1KB/s di banda, puoi pagare un canone annuale di 336,00 euro (+ eventuali opzioni), che ti permette di inviare - virtualmente se spedisci tutti i giorni - oltre a 3 milioni di email all'anno. Puoi fare le tue simulazioni sul nostro sito, dove trovi un calcolatore di banda.

    Poi ognuno è ovviamente libero di decidere di investire il proprio tempo o il proprio denaro, per arrivare al risultato desiderato!
    Ultima modifica di Nazzareno; 06-06-09 alle 15:23

  42. #42
    User
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    44
    Vorrei aggiornare con la mia esperienza personale chi fosse interessato alla gestione in proprio di mailing list.

    Dopo due mesi di invii di blocchi di 5.000 email, con tre invii mensili, posso ufficialmente dire che non sono in alcuna black list.

    Faccio presente che inizialmente le mie mail andavano nelle cartelle antispam dei vari provider di indirizzi email, credo perchè fino ad un paio di mesi fa ho fatto invii di massa a circa 4.000/4.500 indirizzi divisi in blocchi da 1.000 o da 500.

    Da quando ho impostato l'invio in blocchi da 10 email, uno ad uno i vari provider mi hanno tolto dalle cartelle antispam. Per ogni spedizione l'operazione dura un'ora e mezza, mentre prima il server impiegava una ventina di minuti in meno.
    Aggiungo che oltre agli invii di massa il sito quotidianamente genera un certo numero, non calcolato, di invii di messaggi dal sito quando gli iscritti si registrano, si contattano o intervengono nel mio forum.

    Insomma, basta settare un invio di poche mail alla volta con un ritardo di qualche secondo tra l'uno e il successivo, oltre all'uso di un linguaggio attento e evitando la ripetizione di parole "sensibili" nella mail (viagra, sesso, postepay, gratis), perchè chiunque possa gestire per conto proprio la mailing list del suo sito. Col tempo sono gli stessi provider che ti tolgono dalle black list senza che sia necessario contattarli o dare loro spiegazioni. Secondo me ero solo in una sorta di "sand list" come quella di Google per il PR, cioè una lista di siti/server sotto osservazione.

    Ho fatto dei check con Virgilio, Hotmail e compagnia bella, Gmail, Yahoo, Email.it

    Ripeto, prima le mail dal mio sito andavano nelle loro cartelle antispam, adesso non più.

    E' evidente che basta comportarsi bene e ti premiano...

    Diffidate da chi vi infonde timori sul fatto che se fate da soli finite nelle black list e che il rischio che accada è molto alto.
    Non è assolutamente vero.

    Ho comunque deciso di prendere un software a pagamento per monitorare bene ogni invio, ma costa poco. Evito di pubblicizzarlo anche perchè non so ancora come funziona.
    Intanto, lo ribadisco, chiunque può benissimo fare da solo.
    Questa la mia esperienza diretta.
    Ultima modifica di aranciagood; 22-06-09 alle 17:47

  43. #43
    Utente Premium L'avatar di bago
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    735
    Ogni servizio di cui tu abbia bisogno puoi farlo in autonomia imparando come si fa oppure puoi affidarti ad un professionista: credimi non c'è quasi nulla che non si può imparare e se c'è qualcuno che lo fa di mestiere significa che non è impossibile, ed anzi, per quasi tutti i mestieri, se li impari riuscirai a soddisfare le tue esigenze meglio di quanto possa un professionista che diversamente da te conoscerà meno le tue esigenze.

    Posso portarti un esempio non informatico che forse fa capire: ogni tanto la gente "gira" le ruote dell'auto per far consumare in maniera uniforme le anteriori e le posteriori. Beh, molta gente non sa fare a cambiare una ruota e quindi non pensa di farlo da solo, e io potrei spiegare che è banale cambiare una ruota e la macchina va benissimo cambiandosele da soli, però non darei un consiglio ottimale. Se il cambio lo fai per ottimizzare i consumi dovresti sapere che è meglio andare da un professionista che può preoccuparsi di verificare le convergenze, alternativamente con una mancata convergenza le gomme si consumeranno molto prima e dovrai cambiarle prematuramente. Probabilmente non ti accorgi nemmeno del danno che stai ottenendo per voler risparmiare il costo delle convergenze, ma non significa che non ci sia.

    Sinceramente non sono in grado di capire esattamente cosa intendi per "blocchi da X mail": non so se parli di numero di recipient per transazione email o di numero di transazioni email in una connessione smtp o di connessioni smtp in un determinato tempo. Non mi è nemmeno chiaro se stai usando un smtp del tuo provider o stai inviando direttamente dalla tua adsl e quindi non so giudicare se effettivamente la soluzione che hai trovato sia valida o ti dia solamente l'illusione di essere valida.

    Rimane il fatto che per un po' di tempo confermi di aver inviato in una maniera sbagliata e che molte delle tue email finivano nella cartella spam: questo mi sembra già indicativo del fatto che non è così banale e che è vero che bisogna preoccuparsi della deliverability in maniera più o meno approfondita in funzione del valore che diamo al singolo ricevente. Una azienda potrebbe aver perso migliaia di euro facendo l'errore che hai fatto tu, non credi?

    Se usi la bici per fare 200 metri e trovare gli amici non ti preoccuperai di scegliere le gomme giuste, i rapporti giusti, la dimensione giusta della bici, etc, ma questo non significa che bisogna diffidare di chi consiglia di preoccuparsene. Se esponi le tue necessità otterrai i consigli più adatti.

    Per un test concreto che ho appena effettuato posso per esempio confutare il tuo suggerimento di non usare la parola sesso che da prove concrete risulta essere una leggenda metropolitana:
    www voxmail.it/blog/2009/05/29/sesso-droga-e-filtri-antispam
    Certo non ci vuole un genio per fare l'esperimento qui sopra e darsi le risposte in autonomia, ma di queste cose ce ne sono centinaia e se nel tuo business l'invio di email è un fattore molto importante allora un professionista può fare la differenza avendo già le risposte pronte.

  44. #44
    Utente Premium L'avatar di Nazzareno
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Milano
    Messaggi
    330
    Segui Nazzareno su Twitter Aggiungi Nazzareno su Google+ Aggiungi Nazzareno su Facebook Aggiungi Nazzareno su Linkedin Visita il canale Youtube di Nazzareno
    Ciao Aranciagood,

    certamente tutti sono in grado di inviare con successo delle email, ci mancherebbe. C'è chi però si è accorto che usando un sistema dedicato, può ottenere un tasso di apertura e di click superiore. In alcune situazioni basta un +5% di conversioni a volte per giustificare un qualunque investimento. Per altri anche il 10% non cambia nulla, quindi il discorso può cadere. Per i perfezionisti, una buona configurazione del server che spedisce infatti è solo una piccola parte del lavoro.

    Altri approfondimenti sono impossibili senza avere sotto mano un tuo messaggio e senza conoscere l'IP da cui invii. Ti consiglio comunque di fare un giro sui sistemi di reputazione (oggi sempre più utilizzati dai sistemi antispam) come SenderScore, SenderBase e RreputationAutorithy.

  45. #45
    Utente Premium L'avatar di bago
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    735
    Citazione Originariamente Scritto da aranciagood Visualizza Messaggio
    Col tempo sono gli stessi provider che ti tolgono dalle black list senza che sia necessario contattarli o dare loro spiegazioni.
    Spesso i provider non gestiscono le black lists in prima persona ma si appoggiano a servizi di liste e reputazione esterni, a volte miscelando i risultati opportunamente.

    Nel caso delle blacklist di IP, raramente si esce da una blacklist senza fare niente, quindi reputo la tua "impressione"/"conclusione" sbagliata.

    Se invece hai verificato di essere stato listato in una blacklist e poi essere scomparso sarebbe utile sapere il nome della blacklist e in ogni caso il ragionamento vale solo se l'IP di invio è solo tuo, altrimenti sarebbe anche piuttosto normale che il gestore dell'IP dell'SMTP server con il quale invii (il tuo provider?) abbia fatto lui le procedure per uscire dalla blacklist.

    Più probabilmente, però, le tue email non venivano intercettate da alcuna blacklist ma piuttosto da qualche filtro antispam che controllava mittente e destinatario e numero di destinatari. Come ho scritto prima dal tuo messaggio non si capisce che cosa intendi per blocco di email e come inviavi tali messaggi ma se mandavi una singola email a più destinatari (A / CC / CCN) allora è piuttosto normale che finisse in spam quando questi erano numerosi.

+ Rispondi alla Discussione

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.