+ Rispondi alla Discussione
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 50 di 60

Piattaforma per email marketing

Ultimo Messaggio di bago il:
  1. #1
    User L'avatar di Gianluca M
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Modena
    Messaggi
    862

    Piattaforma per email marketing

    Dispongo di indirizzi email di clienti e potenziali clienti che mi hanno contattato dal 2005 in poi.Cerco applicazione che mi consente invio di email marketing con monitoraggio email inviate,ricevute, lette....Cosa mi suggerite? Grazie
    Sia tool italiani che usa.

  2. #2
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Messaggi
    512
    Ti consiglio ContactLab

  3. #3
    User L'avatar di Gianluca M
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Modena
    Messaggi
    862
    Azienda italiana.I prezzi come si pongono rispetto al mercato?Grazie Tu l'hai utilizzata?

  4. #4
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Messaggi
    512
    La uso da un paio d'anni circa e mi trovo bene.

    Credo che i prezzi siano lievemente sopra la media (ma non sono sicuro non avendo utilizzato altre piattaforme a pagamento).

    Ovviamente dipende molto dai volumi di invio che generi: posso dirti che io pago una media di 0,65 € ogni 1000 mail inviate....ma ho un contratto da circa 3milioni di invii annuali.

    Ovvio che sopra questi volumi il prezzo medio scenda, sotto forse aumenta leggermente (costi di gestione fissi, ecc...).

  5. #5
    User L'avatar di Gianluca M
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Modena
    Messaggi
    862
    Si in effetti sono sopra la media se paragonati a piattaforme statunitensi (+ economiche e si pagano in $) per quelle italiane ho chiesto preventivi ieri. Grazie per gli utili consigli

  6. #6
    Utente Premium L'avatar di Nazzareno
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Milano
    Messaggi
    330
    Segui Nazzareno su Twitter Aggiungi Nazzareno su Google+ Aggiungi Nazzareno su Facebook Aggiungi Nazzareno su Linkedin Visita il canale Youtube di Nazzareno

    invio newsletter

    Attenzione i modelli di prezzo sono differenti:
    - ci sono soluzioni con costo per messaggio (tipo ContactLab)
    - altre con costo che varia a seconda della dimensione della lista
    - altri sono costi una tantum (software/script) che sconsiglio
    - poi c'è MailUp che è l'unico ad avere un costo flat annuale legato alla banda garantita di invio: cioè più i messaggi sono inviati velocemente, più paghi.

    Su quelli legati alla dimensione della lista, c'è da stare attenti ai termini del servizio, perchè ci sono casi molto famosi dove leggendo le noticine, si scopre che c'è un numero limitato di invii mensile.

    Attenzione poi ai costi nascosti e alle limitazioni, che potrebbero rivelarsi solo dopo l'acquisto. Esempi sono per togliere la pubblicità, per caricare le immagini, per inviare messaggi oltre una certa dimensione, per avere report statistici più dettagliati, memorizzare un archivio di newsletter, caricare un elenco di indirizzi ecc.

    Ultima modifica di mister.jinx; 05-01-09 alle 17:17 Motivo: rimosso fullquote.

  7. #7
    User L'avatar di Gianluca M
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Modena
    Messaggi
    862
    Confermo che sto usando Graphicmail sito statunitense mi trovo bene e ormai ho studiato tutto il sito che non è in italiano ma che mi dicono sarà in italiano a breve.Ho scelto la formula di x email al mese da spedire entro 30 gg dall'accreditamento, al bisogno acquisto pacchetti extra.!Buon anno.

  8. #8
    User L'avatar di agiuffrida
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    60
    gianluca ti volevo chiedere che volumi invii e che reportistiche ti fornisco questi di graphicmail, hai mai avuto problemi di spam? è uscita la versione italiana?


    Grazie mille
    angelogiuffrida.it marketing-web.it

  9. #9
    User L'avatar di Gianluca M
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Modena
    Messaggi
    862
    Per la versione italiana mi hanno fatto leggere parti della traduzione, ottimamente tradotte più di 6 mesi fa, ma al momento non è uscita versione italiana.
    Non ho fino ad ora avuto problemi di spam, l'assistenza online è ottima e con orari molto lunghi.
    Non invio molte email, ogni mese circa 3500/4000.
    I report tra l'altro forniscono info numero email inviate, consegnate, aperte (chi le ha aperte indirizzo email), click (dove sono stati fatti e da chi), quelle non cosegnate (i presunti motivi).
    VIene gestista la registrazione, la cancellazione...tutto in automatico
    Spero di aver risposto a tutte le tue domande se ne hai altre dimmi.
    Buon lavoro.

  10. #10
    User L'avatar di agiuffrida
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    60
    Troppo gentile, il mio problema sono i volumi elevati. ti farò sapere più avanti come andrà....
    angelogiuffrida.it marketing-web.it

  11. #11
    User L'avatar di Gianluca M
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Modena
    Messaggi
    862
    temi lo spamming?
    potresti creare gruppi diversi di destinatari con massimo 1000 indirizzi a gruppo ad es.
    la spedizione è un attimo, in questo modo eviti di farne partire troppe insieme.

  12. #12
    User L'avatar di agiuffrida
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    60
    e per 200.000 email al mese faccio 200 invii diversi?


    mi servirebbe un partner tecnico che mi possa automatizzare la schedulazione o che cmq abbia le idee chiare sulla consegna delle mail.

    Sono parecchio a conoscenza delle policy di spam perchè ho lavorato in una azienda che faceva email marketing per mestiere....
    angelogiuffrida.it marketing-web.it

  13. #13
    User L'avatar di Gianluca M
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Modena
    Messaggi
    862
    200 000? gran bel numero.
    prova a sentire loro in chat per assistenza tecnica.
    In alternativa dovresti provare con le aziende italiane tipo mailup.

  14. #14
    User L'avatar di agiuffrida
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    60
    il problema è proprio questo.... le aziende italiane non ha valide soluzioni di deliverability per questi volumi di invii...... il mio cliente è già passato dai più grandi nomi italiani....
    angelogiuffrida.it marketing-web.it

  15. #15
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Messaggi
    512
    Su ContactLab hanno una seria politica per quanto riguarda la deliverability: se un indirizzo riceve un tot di bounce consecutivi (impostabili dal cliente) all'invio successivo la mail non parte nemmeno. Inoltre puoi schedulare l'invio al giorno e ora desiderato.

    Ma forse non intendevi questo quando parlavi di soluzioni di deliverability....

  16. #16
    User L'avatar di Gianluca M
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Modena
    Messaggi
    862
    Per le spedizioni programmate - io non le uso - direi che sono attive anche in graphicmail.
    Hai fatto anche valutazioni di costo?

  17. #17
    User L'avatar di agiuffrida
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    60
    Phate il problema non è la mail che viene marcata come bounce e quindi non più inviata...benzì i provider che ricevendo un gran numero di email non valide in poco tempo(e in questo mi riferivo a valide politiche di schedulazione) rischiano di marcare il mittende come spammer e precludere la consegna di messaggi anche per gli indirizzi validi.
    Chiara la mia spiegazione? ad oggi in italia ti assicuro che non esiste nessun prodotto che gestisca queste problematiche in modo valido.

    Discorso diverso in america dove l'email marketing è almeno 3 anni avanti....
    il problema che le policy attuate dai software americani(stranieri in generale) non sempre offrono una buona deliverability presso i provider italiani (virgilio, libero,etc)....
    angelogiuffrida.it marketing-web.it

  18. #18
    User L'avatar di agiuffrida
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    60
    Il costo è la variabile meno rilevante in relazione ai clienti che mi capita di gestire il problema è le garanzie che i software mi possono dare...
    Ultima modifica di Giorgiotave; 21-02-09 alle 11:45
    angelogiuffrida.it marketing-web.it

  19. #19
    User L'avatar di Gianluca M
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Modena
    Messaggi
    862
    Nel mio piccolo, abbiamo fatto e facciamo sempre test prima di inviarle, anche perchè tra i nostri clienti abbiamo multinazionali, aziende note in Italia e professionisti. Ci teniamo che ricevano le nostre comunicazioni, e che non veniamo tacciati di spammer.
    Ovviamente i volumi sono quelli sopra citati, ma non abbiamo riscontrato problemi particolari se non verso casi rari con protezioni talmente alte, che se invii email con in firma il tuo sito, tornano indietro.

  20. #20
    User L'avatar di agiuffrida
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    60
    l'azienda che sto seguendo ha già avuto brutte esperienze in italia... vediamo che succede..... mi affiderò agli americani... vi farò sapere sperando di essere utile....
    angelogiuffrida.it marketing-web.it

  21. #21
    User L'avatar di Gianluca M
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Modena
    Messaggi
    862
    Ottimo, potrebbe essere un contributo per altri utenti.
    Buon lavoro.
    Ti segnalo che i prezzi sono espressi in $ ma il cambio per loro è 1 a 1, quindi puoi togliere il $ e mettere €.
    Ciao ciao

  22. #22
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Messaggi
    512
    Per quanto ne so io, ContactLab (come le altre aziende serie italiane....e si contano sulle dita di una mano credo...) hanno accordi diretti con i vari provider come Virgilio, Libero, Tiscali, ecc.... per cui gli indirizzi IP da cui inviano sono PULITI, nel senso che non vengono tacciati come spammer anche se inviano 1000 mail al minuto.
    Io non ho mai avuto problemi di questo tipo anche perchè si tratta proprio dell'ABC della deliverability...sarebbe il colmo se queste società fossero considerate spammer dai provider!!! (anche considerato quello che si fanno pagare...)

  23. #23
    Utente Premium L'avatar di Nazzareno
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Milano
    Messaggi
    330
    Segui Nazzareno su Twitter Aggiungi Nazzareno su Google+ Aggiungi Nazzareno su Facebook Aggiungi Nazzareno su Linkedin Visita il canale Youtube di Nazzareno
    La deliverability di un messaggio, cioè la possibilità di non essere bloccati dai filtri antispam, dipende da tre fattori differenti:

    1) Contenuto del messaggio (assenza di link con IP invece che host, bilanciamento tra testo e immagini, assenza di errori html, assenza di keyword particolari...).

    2) Igiene della Lista (iscrizioni confirmed opt-in, cancellazioni immediate in max 2 click, cancellazione automatica degli hardbounce già dopo il primo errore di tipo 5.1.1, gestione delle lamentele, disiscrizione automatica dei feedback loop...).

    3) Architettura di invio (list-unsubscribe header, PTR inversi, SPF, Dkim, abuse contacts registrati, assenza da blacklist, accordi con gli ISP, sottoscrizione di programmi FBL, domain throttling...).

    Dando per scontato che i punti 1 e 2 sono risolti, la scelta del fornitore si può fare facilmente facendo qualche test di invio su ognuno.

    La priorità è inversa rispetto al mio ordinamento. Sempre meno il contenuto è determinante, sopratutto a livello di ISP.

    Non è affatto detto che piattaforme più rinomate, anche estere, con migliaia di clienti siano per forza le più performanti in fatto di deliverability, anche perchè di solito non sono così attente a prendere accordi con gli ISP locali. Basta poi fare un check dei loro IP o dei loro domini sulle principali RBL internazionali per rendersene subito conto.
    Non per niente abbiamo diversi clienti internazionali nel settore gambling, notoriamente più esposto a problematiche di filtraggio, che ci usano addirittura per inviare email singole (transazionali).

    Per chi invece vuole il top in fatto di deliverability, ci sono dei programmi di accreditamento specifico. I più noti nel mondo sono SuretyMail, GoodMail e SenderScore Certified (che ha incorporato Habeas lo scorso anno). Ti posso parlare più approfonditamente dell'ultimo perchè siamo Return Path Official Resellers Partners (unici che io sappia) in Italia.

    Si tratta praticamente di una whitelist internazionale, che ti assicura il recapito sui maggiori provider internaziali (Hotmail, Yahoo, Excite, AOL...) ma non solo: grazie ad accordi con i principali fornitori di piattaforme antispam, usate anche dagli ISP, come Barracuda, Cloudmark, Ironport, SpamAssassin... permettono di evitare il blocco antispam in molteplici situazioni. Un vantaggio ulteriore - ma solo per chi opera in ambito B2C - è quello che su Hotmail le immagini non vengono bloccate di default.

    Certo, non sono gratis. Con 200.000 email inviate al mese ci vorranno circa 1000 euro all'anno.
    Ma attento, non basta pagare per evitare i filtri antispam! Ci sono diversi requisiti da soddisfare, sia lato tecnologia di invio (e qui ci pensiamo noi, a partire dall'attivazione di almeno un IP dedicato per l'invio), sia lato igiene della lista. La cosa positiva è che già la fase di accreditamento, che prevede almeno un mese di monitoraggio attività, consente di far emergere eventuali criticità sommerse. Poi si hanno altri 30 giorni di test gratuito, che consentono di verificare se effettivamente la whitelist incrementa i risultati o no.

    Se comunque i messaggi non hanno una grossa criticità di recapito, già sistemando i primi 3 punti in alto si possono avere eccellenti tassi di deliverability, senza accreditamenti particolari.
    Ultima modifica di Nazzareno; 23-02-09 alle 11:20 Motivo: ortografia

  24. #24
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    6
    Per esperienza posso dire che "gli accordi con i provider" sono roba del passato. Ne abbiamo ancora qualcuno ma per motivi legali o di policy interne la maggior parte vanno a morire. La cosa importante e' avere i numeri di telefono dei vari postmaster e avere una buona "reputazione" personale che ti permetta di collaborare in maniera attiva. :-)

    L'igiene della lista e' FONDAMENTALE... ma e' altrettanto importante monitorare sempre le performance di ciascun Ip.

    Noi abbiamo deciso oramai di migrare -senza costi aggiuntivi- pressoche' tutti i clienti piu' grossi (e sono la maggiorparte) su Ip dedicati in maniera da poter monitorare tutti i maniera migliore.

    Avere una firma Dkim sulle mail (cosa decisamente rara in italia, credo di essere l'unico a farlo) ci permette inoltre di accedere a programmi di FBL abbastanza importanti come quello di yahoo (che storicamente e' uno dei domini piu' rognosi in termini di deliverability).

    Poi sicuramente alcuni programmi di certificazione aiutano :-)

  25. #25
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    6
    Citazione Originariamente Scritto da agiuffrida Visualizza Messaggio
    Phate il problema non è la mail che viene marcata come bounce e quindi non più inviata...benzì i provider che ricevendo un gran numero di email non valide in poco tempo(e in questo mi riferivo a valide politiche di schedulazione) rischiano di marcare il mittende come spammer e precludere la consegna di messaggi anche per gli indirizzi validi.
    Chiara la mia spiegazione? ad oggi in italia ti assicuro che non esiste nessun prodotto che gestisca queste problematiche in modo valido..
    Ma sinceramente non sono d'accordo.
    Come ContactLab abbiamo molto a cuore queste problematiche

    Innanzitutto si parte con un warm-up dell'IP e con invii a bassa velocita' e bassa numerosita' per fare controllo della bonta' della lista.
    Poi si devono adottare delle modalita' di igiene della lista severe (mi risulta che abbiamo le piu' severe in circolazione).
    In questa maniera' gia' con il primo invio o i primi due invii fai una potente pulizia.
    Poi avendo FBL, List Unsubscribe etc etc ripulisci un altro po'...

    A questo punto tendenzialmnete il problema che segnali e' gia' svanito perche' non dovresti avere tassi particolari di indirizzi non validi.

    Pero' volendo basta sortare le mail in uscita in funzione dell'attivita' riscontrata (aperture / click) ed ecco che hai risolto completamente il problema.

    Per mantenere un buon tasso nel tempo consiglio anche un re-opt indi tutti gli utenti inattivi da piu' di 6/12 mesi.
    Cosi' fai pulizia anche di indirizzi che in futuro potrebbero diventare spam trap.

  26. #26
    Utente Premium L'avatar di Nazzareno
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Milano
    Messaggi
    330
    Segui Nazzareno su Twitter Aggiungi Nazzareno su Google+ Aggiungi Nazzareno su Facebook Aggiungi Nazzareno su Linkedin Visita il canale Youtube di Nazzareno
    Ok ma attenzione ad usare un solo IP dedicato ad un solo cliente, perchè così non riesci più a fare domain throttling. Non per fare a chi ce l'ha più grosso, ma 200.000 indirizzi non sono così tanti, abbiamo clienti con liste di 700.000, 950.000 e 1,7 milioni, e ti assicuro che non è necessario andare a comprare servizi all'estero per avere una buona deliverability.

    Dedicare un IP (o una classe di IP come facciamo noi) può avere un senso per altri motivi, ad esempio se non si è certi della reputazione degli altri IP, oppure per firmarli con firma DKIM dedicata costruita su envelope-sender dedicato, o per certificarli con SenderScore... E' vero, alcuni ISP possono bloccare se vedono da un unico IP una mole di indirizzi considerevole, e a questo si può rimediare in due modi:

    1) se usi un IP dedicato, devi limitare il numero di connessioni in parallelo, e limitare il numero di messaggi inviati per singola connessione. In questo caso però potresti non essere in grado di garantire dei tempi di recapito (questo per noi è importante perchè li garantiamo a tutti i clienti a contratto).

    2) se usi una batteria di IP, devi semplicemente spalmare gli invii sui vari smtp. In MailUp oltre all'effetto throttling, poichè offriamo un servizio con canone flat e invii illimitati, si somma l'effetto banda dedicata, poichè ogni cliente ha una propria banda di invio che si traduce in una naturale distribuzione degli invii nel tempo, a seconda del canone pagato.

    Agiuffrida a mio avviso ha ragione, ci sono provider che se hai una lista "sporca" (inteso come alto numero di HardBounce) ti lasciano inviare i primi X messaggi, e ad un certo punto di iniziano a fare reject di tutti i successivi, con un messaggio di errore molto esplicito ("too many unknown users..."). E parlo di provider primari, che usano sistemi antispam seri (tipo Ironport).

    Per questo motivo abbiamo deciso di forzare il blocco dell'invio a tutti gli indirizzi HB già dopo il primo messaggio di errore (non dopo 3 com'era all'inizio). Questo ci ha dato tra l'altro un immediato impulso alla reputation, anche se ovviamente ha sollevato qualche malumore tra i clienti, che rimanevano scocciati dalla "autopulizia" della lista, temendo di perdere indirizzi "sani".

    Se quindi si ha una lista "sporca" o vecchia, consiglio comunque di spezzettare il primo invio in più trance (oppure di usare MailUp con una banda ridotta).

    Tra parentesi, abbiamo da poco preso un grosso cliente, che ha circa 240.000 indirizzi, proprio negli USA. :-)
    Ultima modifica di Nazzareno; 17-03-09 alle 00:00

  27. #27
    User L'avatar di sitovivo
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    14
    Sono daccordo sia con Contactlab (Massimo Fubini) che con Mailup (Nazareno) e confermo che non e' assolutamente vero che in Italia non esistano servizi di alta qualita' (i colleghi sono senza alcun dubbio dei professionisti come i servizi da loro erogati).

    SitoVivo (la mia azienda) fa altrettanto e le direttive di IAB ITALIA sono una serie di regole (appunto italiane) che sarebbe il caso di seguire.

    Invece, diversa e' la storia sulla "mentalita" dei clienti, che troppo spesso vanno educati con la carota e il bastone sulle best-practise.

    Infatti i punti citati da Nazzareno sono spesso trascurati (o meglio i clienti fanno finta di non saperlo...):

    1) Contenuto del messaggio

    2) Igiene della Lista (iscrizioni confirmed opt-in, cancellazioni immediate in max 2 click, cancellazione automatica degli hardbounce già dopo il primo errore di tipo 5.1.1, gestione delle lamentele, disiscrizione automatica dei feedback loop...).

    Chiedendo invece di INVIARE la qualunque a chiunque... con un buon sistema architetturale (come se trovare una ferrari equivalesse a poter far guidare anche un bambino...).
    Fabio Pagano - SitoVivo - Web Marketing

  28. #28
    Utente Premium L'avatar di bago
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    736
    Se questo è diventato un thread dove a distanza di mesi si aggiunge la pubblicità della propria azienda allora perchè no, aggiungo anche la mia.

    VOXmail supporta la disattivazione automatica degli utenti inesistenti al primo errore 5.1.1 (ed, in alcuni casi di server non fedeli alle specifiche, anche altri DSN) o al terzo errore consecutivo di altro genere. In particolare vengono analizzati non solo gli errori ricevuti durante la conversazione SMTP (errori "in protocol") ma vengono anche riconosciuti centinaia di formati di bounce (alcuni server utilizzano un formato mime multipart/report standard, altri hanno formati proprietari, altri credono di usare lo standard ma in realtà formano un messaggio non standard).

    Agiuffrida "assicura" che non esiste alcun prodotto che gestisca correttamente il flusso di email verso i provider e gli errori ricevuti per evitare che una serie di indirizzi inesistenti precluda la consegna verso gli esistenti. Mi pare azzardata come "assicurazione" visto che con il nostro sistema non ci è mai capitato di mancare consegne per quel motivo e quindi per ora devo supporre che le nostre tecniche siano valide.

    Io di solito invito i clienti a provare quei servizi che non hanno costi di setup così che possano misurare in prima persona il tasso di consegna sulla propria lista e non doversi affidare a ipotetici sistemi avanzati che ogni provider dichiara senza poterne dimostrare i risultati effettivi. Si prova un invio su 3-4 servizi differenti e ci si rende conto di quale sia il migliore per continuare. Ricerche super-partes in merito non ne conosco.

    @Agiuffrida: se hai molti utenti su alice e libero ti sarai accorto che i servizi americani non sono eccezionali nel consegnare a questi due "colossi" tutti italiani. Come al solito noi italiani (nel bene e nel male) facciamo le cose di testa nostra e i servizi americani (per cui alice e libero coprono meno dell'1% delle loro consegne) li tengono sicuramente meno in considerazione rispetto ai servizi italiani (per cui questi due provider ricevono almeno il 20-30% delle email uscenti).

    Non credo (ma sto ipotizzando, visto che non mi è capitato in prima persona) che un servizio americano si preoccupi minimamente di una eventuale blacklist interna di fastwebnet.it, ad esempio, e gli errori che riporta non fanno pensare minimamente a blacklists.

    Oppure non credo che un servizio americano si preoccupi del fatto che un paio di settimane fa i server di alice erano sovraccarichi e 2 volte su 3 rifiutavano di ricevere email e quindi magari il normale scheduling poteva fallire la consegna.

    Le differenze non sono enormi e spesso in termini di funzionalità gli internazionali hanno delle belle chicche, ma bisogna mettere tutto sul piatto, a partire dai requisiti fondamentali (consegna dell'email in inbox).

  29. #29
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    3
    Ciao a tutti vi dico la mia esperienza.
    Sono oramai 4 anni che mi occupo di email marketing per una grossa società che fonda proprio in questo strumento il proprio core business.

    Come partner tecnico lavoro con contact lab dopo aver testato quasi tutte le soluzioni tecniche proposte in italia.

    Personalmente per questione di spam se si lavora su utenti italiani sconsiglio soluzioni estere basate su server non italiani.

    Mando in media 200.000 mail ogni 3 giorni e non ho mai avuto ne problemi di spam ne deliverability.
    Considera che per questi volumi con contact lab spedisco il tutto in massimo 30 minuti.

    Hanno una buona assistenza tecnica (in 4 anni mai un problema). Consigliato per chi manda email per uso professionale

    Certo costa un pochettino di più rispetto ad altre soluzioni italiane ma il risultato è garantito.

    Insomma io sono soddisfatto.

    Inoltre offrono report molto dettagliati, una buona gestione della black list e dei bounce, oltre al fatto che ti permettono di tracciare anche le vendite derivanti dall'invio di un dem cosa che quasi nessuno fa.
    Ultima modifica di Leonov; 02-09-09 alle 01:33 Motivo: Per favore, iniziare le frasi con la lettera maiuscola.

  30. #30
    User L'avatar di exaurus
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Napoli
    Messaggi
    349
    Sembra interessante, Angelo. Non conoscevo Contact Lab ...

  31. #31
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    3
    Guarda ti ripeto non ho interessi a dirlo ma secondo me lavorano molto bene.
    Da testare

  32. #32
    Utente Premium L'avatar di Nazzareno
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Milano
    Messaggi
    330
    Segui Nazzareno su Twitter Aggiungi Nazzareno su Google+ Aggiungi Nazzareno su Facebook Aggiungi Nazzareno su Linkedin Visita il canale Youtube di Nazzareno
    Visto che questo post si è riaperto, non posso che confermare: si tratta di un'ottima realtà in grado di fornire servizi di qualità.
    Certo non sono l'unica alternativa in Italia per chi vuole gestire in modo professionale le proprie newsletter (o SMS).

  33. #33
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    3
    Confermo non sono gli unici.
    Poi per esempio dipende molto anche dal numero di email dal tipo di servizio che occorre.

    Inffatti per volumi bassi di email sono cari e conviene altro, che danno la stessa qualità ad un prezzo più basso

  34. #34
    User L'avatar di Gianluca M
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Modena
    Messaggi
    862
    Il problema di server Usa quale può essere per lo spam se la banca dati è autorizzata e da me raccolta in anni di lavoro?

  35. #35
    Utente Premium L'avatar di Nazzareno
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Milano
    Messaggi
    330
    Segui Nazzareno su Twitter Aggiungi Nazzareno su Google+ Aggiungi Nazzareno su Facebook Aggiungi Nazzareno su Linkedin Visita il canale Youtube di Nazzareno
    @angelo: non sono del tutto daccordo, anzi per volumi bassi (cioè pochi invii in un anno) credo possano essere più competitivi di noi. Infatti loro hanno un costo legato al numero di invii, mentre noi abbiamo un canone annuale flat con invii illimitati, quindi a parità di lista più sono gli invii nel corso di un anno e più più essere conveniente un'approccio flat.

    @gianluca M: Può essere la scarsa attenzione rispetto ad eventuali blocchi di operatori nazionali. Ad esempio se Seeweb (un ISP che controlla circa 80.000 domini, prevalentemente italiani) mette in blacklist gli indirizzi IP del provider USA perchè da loro proviene spam (qualche cliente spammoso può capitare a tutti prima o poi), probabilmente non se ne accorgono neppure, e a fronte di una vostra richiesta ("abbiamo delle email bloccate su un ISP italiano") potrebbero intervenire con poca solerzia, visto che cuberebbe molto poco per loro. Gli operatori italiani invece, oltre ad avere - almeno in teoria - la possibilità di accorgersene da soli senza attendere che sia il cliente ad avvisare, probabilmente hanno anche dei contatti diretti per relazionarsi con il provider e risolvere il caso. In altri casi è il provider stesso che avvisa il servizio di invio prima di far scattare un blocco.

    Per una buona deliverability, i vari sistemi di autenticazione (SPF, DKIM...) e di certificazione (ReturnPath...), che comunque anche in Italia offriamo, possono aiutare fino ad un certo punto in questi casi.

  36. #36
    User L'avatar di exaurus
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Napoli
    Messaggi
    349
    Complimenti per la tua obiettività, Nazzareno

  37. #37
    User L'avatar di Gianluca M
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Modena
    Messaggi
    862
    Ciao Nazzareno, in merito ad IP (premetto che non ho interessi economici in merito ma parlo da user) il sw fornisce info su eventuali bounced (corretto?) quindi permette di capire se quell'email ha bloccato ricezione del mio messaggio e il motivo.
    Io non invio molte email quindi sono un piccolo consumer.
    Buon lavoro

  38. #38
    Utente Premium L'avatar di Nazzareno
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Milano
    Messaggi
    330
    Segui Nazzareno su Twitter Aggiungi Nazzareno su Google+ Aggiungi Nazzareno su Facebook Aggiungi Nazzareno su Linkedin Visita il canale Youtube di Nazzareno
    Citazione Originariamente Scritto da Gianluca M Visualizza Messaggio
    ...il sw fornisce info su eventuali bounced (corretto?) quindi permette di capire se quell'email ha bloccato ricezione del mio messaggio e il motivo...
    Dipende: il server di ricezione può anche bloccare il messaggio senza alcuna notifica di errore, nel qual caso tu pensi che sia andato tutto bene, ma in realtà ad una fetta di destinatari non è arrivato nulla. Te ne accorgi solo perchè vedrai tassi di apertura e di click calare senza motivo. Altro caso è quando il messaggio finisce in Posta Indesiderata / Cartella Spam: anche lì non hai alcuna notifica, te ne puoi accorgere solo facendo tanti test su caselle sentinella, oppure con servizi ad hoc tipo Mailbox Monitor di ReturnPath. Comunque prima di adottare soluzioni così elaborate, suggerirei di fare un checkup del proprio server di invio.
    Avevo scritto qualcosa su questo qui sotto: http://blog.mailup.it/2009/01/artico...eliverability/

  39. #39
    User L'avatar di Gianluca M
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Modena
    Messaggi
    862
    Grazie seguo i link per il check.

  40. #40
    User
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Messaggi
    207
    Metto la mia testimonianza da neocliente di mailup.

    Bello semplice e funzionale. Peccato non supporti jscripts
    Ultima modifica di Leonov; 23-09-09 alle 00:15 Motivo: Per favore, iniziare le frasi con la lettera maiuscola.

  41. #41
    User L'avatar di giuggiola
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Rimini
    Messaggi
    57
    Ciao,
    qualcuno ha provato DotMailer? Come vi siete trovati?
    _(^ò^)_giuggiola

  42. #42
    Utente Premium L'avatar di Nazzareno
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Milano
    Messaggi
    330
    Segui Nazzareno su Twitter Aggiungi Nazzareno su Google+ Aggiungi Nazzareno su Facebook Aggiungi Nazzareno su Linkedin Visita il canale Youtube di Nazzareno
    DiegoJC, MailUp non supporta i jscript per scelta: i jscript infatti non funzionano sulla maggiorparte dei client di posta, siano questi web, mobile o software.

    Peggio ancora, a volte sono un indicatore di messaggio pericoloso/spam, per cui potrebbe essere cestinato dal client, spostato nel Junk oppure visualizzato ma tradotto in formato testo e con i link disabilitati.
    Tutti buoni motivi per cui nessuno inserisce mai jscript nelle email, e per cui MailUp non lo permette.

  43. #43
    User L'avatar di omarstyle
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Siracusa
    Messaggi
    46
    Da parecchi mesi è presente in italia questo servizio automatizzato di emai marketing targhet, con campagne promozionali di 5 e 10 mesi, target mirato anche per regione, se ti interessa ancora puoi leggere il post che ho realizzato in merito.

    guadagno-risparmio.com/2009/09/19/come-fare-email-marketing-targhettizzata-senza-prosciugarti-il-budget-annuale/

  44. #44
    User L'avatar di imperatorboy
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Barletta
    Messaggi
    46
    Un servizio gratuito d'email molto buono è email.it e ti da un comodo dominio ([email protected])
    Ultima modifica di Wolf Otakar; 26-10-09 alle 21:57 Motivo: Maiuscola!

  45. #45
    Utente Premium L'avatar di bago
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    736
    Citazione Originariamente Scritto da imperatorboy Visualizza Messaggio
    [***]
    Si sta parlando di piattaforma di emailmarketing e non di fornitore di caselle email.

    Mi sembra che email.it non offra tra i suoi servizi alcun servizio di email marketing tranne la possibilità di contattarli per fare DEM sui loro iscritti (ma questo non mi sembra diverso dall'acquisto di DEM da chiunque altro).
    Ultima modifica di Leonov; 29-10-09 alle 13:16 Motivo: Quote inutile.

  46. #46
    User
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Messaggi
    207
    Nazareno, hai ragione.

    Comunque ormai sono due mesi che vi utilizzo e sono molto soddisfatto
    Ultima modifica di Leonov; 03-11-09 alle 22:48 Motivo: Maiuscola; stile da telefonino.

  47. #47
    User Newbie L'avatar di FabioBert
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    9

    Dove prendo gli indirizzi?

    Buongiorno.....non vorrei iniziare con la frase scontata del tipo "sono nuovo del forum", ma non ne posso fare a meno. E mi piacerebbe anche evitare il "Non sono molto esperto in materia", ma anche in questa circostanza devo arrendermi. Mi svelo! Sono uno scrittore!!!

    Non vi preoccupate non intendo fare pubblicità del mio libro (a meno che non me lo chiediate)

    Ciò che mi interessa è capire se l'e-mail marketing possa essermi utile. Ho la necessità di pubblicizzare il mio libro che è pubblicato su lulu.com. Il web mi sembra molto indicato, dato che il libro si compra proprio on line. La mia domanda è: ma dove li trovo sti benedetti indirizzi e-mail a cui inviare le news letter? Esisrono società che si occupano di gestire (non rivendere) degli indirizzi e-mail, nel rispetto delle leggi? Che consigli potete darmi? Vi sono altre forme di divulgazione sul web oltre all' E-mail marketing? (già sono su Facebook, già provato i google ads).

    Saluti a tutti

  48. #48
    User L'avatar di omarstyle
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Siracusa
    Messaggi
    46
    Ciao Fabio, benvenuto, mi fa piacere che hai pubblicato il tuo libro su Lulu; uscirà anche in versione cartacea o solo online? Attento a leggere le condizioni riportate da Lulu stessa, riguardo ai diritti d'autore, per evitare con del movimenti futuri, di entrare in conflitto con le loro condizioni. Penso che tu possa fare uso di sistemi pubblicitari, c'è ne sono tanti, alcuni molto efficienti, altrii. L'email marketing, a detta di tanti, è uno di quelli più efficaci e funzionali, a patto che sia fatto con criterio e professionalità.

    Certamente esistono Aziende che hanno dei database legali di indirizzi a cui puoi rivolgerti e che creano campagna o generiche o personalizzate su misura, anche se i costi sono un po alti, ma questo anche perchè l'email marketing funziona, sempre se fatto come si deve. Io collaboro con un'azienda che realizza campagne di email marketing personalizzate e professionali, a un prezzo economico rispetto alla media, ma non sto qui a parlarti di questo, anche perchè non me l'hai chiesto

  49. #49
    User Newbie L'avatar di FabioBert
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    9
    Buongiorno a te,

    quindi dovrei rivolgermi prima a chi mi fornisce indirizzi e successivamente a chi mi gestisce la campagna di e-mail marketing. Nel caso della tua azienda (ecco che te lo chiedo), c'è anche la possibilità di accedere agli indirizzi?

    Il nodo della questione sono proprio i destinatari della pubblicità....ho prima necessità di individuarli.

    Attendo notizie, grazie

  50. #50
    User L'avatar di omarstyle
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Siracusa
    Messaggi
    46
    Ci sono Aziende che ti forniscono gli indirizzi legali, e che ti fanno la campagna promozionale allo stesso tempo, come ad esempio puoi vedere in questa pagina:

    guadagno-risparmio.com/2009/11/03/email-marketing-target-spiegazione-pratica-per-utilizzare-il-national-mail-sender/

+ Rispondi alla Discussione
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.