+ Rispondi alla Discussione
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 50 di 65

Tutto sull'HTTPS è un fattore di ranking per Google!

Ultimo Messaggio di Juanin il:
  1. #1
    L'avatar di Giorgiotave
    Data Registrazione
    Oct 2004
    Località
    Monasterace
    Messaggi
    40,180
    Visita il canale Youtube di Giorgiotave

    Tutto sull'HTTPS è un fattore di ranking per Google!

    Nell'ultimo FastForward dicevo: è dal 2006 che Google dice che ha 200 fattori di ranking, ma non sono 200, ne ha fatte di innovazioni in questi anni!

    Ecco che ieri l'HTTPS è diventato un fattore di ranking, colpendo meno dell'1% delle query a livello mondiale.

    Facciamo attenzione, ci sono più punti di questa vicenda che vorrei toccare.

    Da dove viene data la notizia e da chi.
    Questa volta non è stato usato né TwitterGoogle Plus. E non è stato Matt Cutts o John Mueller a dare la notizia.

    Il tutto viene annunciato sul blog Webmaster Central, postato da Zineb Ait Bahajji e Gary Illyes. Lavorano nel team Webmaster Trends Analysts.

    Matt Cutts fa parte del Search Quality Team.
    John Mueller del Webmaster Trends Analyst.

    Ci sono tanti altri team e tante altre qualifiche dentro Google come Smartphone search engineer, Developer Programs Tech Lead (Maile Ohye), Webmaster Tools team, Webmaster Outreach Team e tanti tanti altri.

    Alcuni lavorano per migliorare la ricerca. C'è chi ci lavora più direttamente e chi più indirettamente.

    Quello che voglio dire però è: non diamo per scontato che sia Matt Cutts o John Mueller ad avere la parola finale su:
    - implementare un fattore di ranking
    - comunicare all'esterno con i webmaster le cose importanti

    Una delle cose che più contesto a Google è che, oggi come oggi, c'è bisogno di un referente, di una voce, di un luogo in cui vengono fatte in modo ufficiale tutte le comunicazioni.

    Ad oggi questa comunicazione sull'HTTPS viene fatta su un canale ufficiale, molte altre, non meno importanti di questa, sono state fatte in altri luoghi da altre persone non consentendoci un aggiornamento uguale per tutto il settore.


    Per quale motivo l'HTTPS è diventato un fattore di ranking?
    Domanda complessa.

    Giacomo Pelagatti, profetizzando questa cosa, si pose delle domande su chi veramente ne beneficerà e che cosa importa veramente a Google inc.

    Enrico Altavilla risponde che a volte ci possono essere cosa fatte non per un beneficio diretto ma che comunque giocano un importante ruolo nelle strategie di business e marketing.

    La domanda che mi sono posto io è: ma come si arriva a una decisione del genere? Chi è che decide alla fine dentro Google per quanto riguarda questi aspetti?

    Perché se da un lato Matt Cutts deve fare in modo di non far trapelare alcune informazioni perché in questi anni c'è stata una linea di comunicazione durissima, dall'altro Matt fa parte del Search Team Quality.

    Fa parte del Team che ha la decisione finale? Secondo me no, ma avrà un ruolo molto molto determinante su alcune questioni, ma non tutte.

    Prendiamo Google Plus. Google Plus ha effettuato modifiche scavalcando il Team di YouTube perché ad un certo punto all'interno dell'azienda Google il "social network" era diventato molto importante. Più volte ha tentato di scavalcare anche "Google Search", ma in questi anni sono state fatte tante modifiche e secondo me una certa mediazione da parte del Search Team Quality ha fatto in modo che non si facessero gravi errori.

    Un commento del tipo i link da Google Plus sono utili per la SEO sarebbe stato un autogoal e visto che chiunque dentro Google dice la propria e ne spara una, non sarebbe stato difficile ottenere una dichiarazione di questo tipo.

    Quindi...chi è che decide?

    Perché secondo me se a uno dei Team gli sta a cuore un progetto come può essere l'HTTPS (che è un protocollo fantastico eh) e quindi l'idea dietro piace e prende piede, anche se dal punto di vista SEO può apparire una cavolata, magari non c'è nessuno in grado di sollevare obiezioni tali da non permettere che questo accada.

    Cioè, Matt sui link da Google Plus potrebbe dire: per favore, sono anni che lottiamo contro lo spam, una cosa del genere non si può fare. Ma contro l'HTTPS secondo me nessuno ha obiezioni.

    Pensateci, potrebbe essere molto più semplice di come l'immaginiamo.


    È un annuncio "politico"?
    Enrico Altavilla è andato giù duro:
    Detesto questo modo di agire. Profondamente. La devono piantare di cambiare gli algoritmi di ranking per finalità politiche, anche se le finalità politiche sono teoricamente a buon fine.

    E' la seconda volta che dicono "terremo in considerazione questo aspetto, ma pochissimo, lo facciamo giusto per farvi credere che ci sia un reale vantaggio così da indurvi ad implementare sta roba".

    Al solito, si guardano bene da dare dettagli su chi beneficerà di sta novità. Si applica all'intero mondo o inizialmente solo a query da Google.com? Boh. Intanto l'annuncio è mondiale.

    Inoltre: chi beneficerà di questa novità e come? Hanno usato la stessa espressione del passato "prenderemo in considerazione", che non significa niente.
    Quando dice che è la seconda volta, probabilmente si riferisce alla velocità come fattore di ranking.

    Io ricordo anche altre volte col senno di poi (che è la scienza esatta):
    - il +1 negli strumenti per webmaster di Google: comunicazione implicita
    - l'authorship, anche qui implicito

    Ma sono convinto che con il senno di poi saremmo in grado di trovarne tante.


    Cosa cambia per la SEO ora?
    A questa domanda si potrebbe rispondere con una risata.

    Premesso che globalmente colpisce meno dell'1% delle query mondiali (e qui mi viene in mente Marco Quadrella che si stupisce sempre quanto ci allarmiamo per cose che colpiscono veramente poco rispetto ad altre che colpiscono più del 50% delle ricerche, come la Freschezza)...io ad una domanda del genere ho risposto così:

    Parliamo di circa 1% delle ricerche, non tutte. Le query informative sicuramente non saranno toccate, probabilmente quelle commerciali.
    Credo sia un annuncio molto più politico che di sostanza, non mi aspetto grosse fluttuazioni.
    E Andrea Pernici aggiunge:
    Va considerato come ogni altro fattore. Se è una cosa utile per il tuo pubblico fallo altrimenti no.

    Chi usa HTTPS avrà vantaggi SEO?
    Rispondo io: si, in meno di quell'1% delle query, dove quindi serve assolutamente e dove ovviamente i nostri competitor non lo hanno.

    Quindi...NO perché tutti usano l'HTTPS dove serve e presto anche dove non serve. E comunque, anche quelli che ancora non lo avevano dove serviva, lo avranno presto.

    Perché questa è anche diseducazione e concordo con Enrico quando dice:
    I've never been a fan of teaching people to do a good thing for the wrong reasons. That's not how you educate people.
    Non si è mai visto un fattore di ranking su un qualcosa del tipo: o lo hai o non lo hai. Un qualcosa di così concreto.

    Questo è un ON/OFF, o c'è il protocollo o non c'è.

    Quindi anche se è un fattore di ranking, sarà azzerato perché lo avremo tutti. È un fattore di ranking nonsense.

    Ah ovviamente anche da Google hanno detto che chi usa l'HTTPS avrà vantaggi SEO. Chi lo ha detto? Chi ha creato il post? Mueller? Matt Cutts? No...un altro ancora...e che due scatole

    Si tratta di Pierre Far, qui:
    +Enrico Altavilla Yes, it a small boost right now, which could mean a higher ranking
    A parte che non è possibile rispondere a domande di questo tipo in luoghi non ufficiali, non mi stancherò mai di dirlo, presto questo sarà un non fattore di ranking da depennare perché appunto, lo avremo tutti.


    Roba Tecnica
    A parte i commenti interessanti di Stefano Gorgoni (un certificato SSL richiede un IP unico.... e la lira s'impenna...) e Giovanni Sacheli (ci sono anche certificati distribuiti per shared hosting, ma come dici... s'hadappagà!) sul post di Martino Mosna, vi segnalo un post veramente interessante di Giacomo Pelagatti dove parla di costi, implementazioni, errori sull'HTTPS che lui ha fatto per il suo sito.

    Un bel case study

    Qui la conferenza con Ilya Grigorik e Pierre Far su HTTP del 26 Giugno 2014.



    L'ironia
    Enrì, si vede che non l'hai presa bene eh?
    Un post su plus apre con "
    Donations to charity as a ranking signal"


    C'è chi invece l'ha presa bene, come Maurizio Ceravolo:
    Breaking news: Google sta per lanciare un nuovo servizio
    Un contatto mio interno di Google, mi ha girato questa cattura, che mostra un nuovo servizio che Google sta per lanciare. Dopo Google Domains, il colosso di Mountain View intende vendere anche i certificati SSL, il cui mercato sta per crescere enormemente a seguito delle recenti notizie.
    Il dominio nella cattura http://ssl.google.com/ sembra non essere ancora attivo pubblicamente. Il mio contatto mi ha detto che entro una settimana sarà attivo per inviti, come è loro prassi solita.


    Miglior commento di Francesco D'Agostino:
    E tra l'altro ho letto su uaired che se compri il certificato da Amazon vieni penalizzato :-D

    Italia vs Lingua Inglese
    Non dite che in America sono avanti. Non lo dite mai più. Non dite che ci sono tecniche avanzate che dicono solo gli Americani...perché molte di queste sono spam puro.

    Reazioni di chi parla la lingua inglese: e vai! Figo! Bellissimo! Un web più sicuro! Ma che bello!
    Reazioni Italiane: cavolata, per piacere, è giusto usarlo solo se serve, colpisce pochi risultati, mossa politica, ora migrano perché lo dice Google e non perché serve davvero.

    Non siamo noi i pecoroni che seguiamo alla lettera tutto quello che fa e dice Google.

    Abbiamo una grande cultura SEO con un grande spirito critico nato da tutti questi anni di informazione fatta sull'argomento, con pochi trukki da streghe e molta sostanza culturale nata da qui, 2005, Forum GT, Enrico Altavilla.

    Influencer non è colui che ha tante persone che lo seguono sui social, ma è di solito un first mover che viene seguito/imitato nelle cose che fa e non in quelle che dice.



    [Update] Guida alla Migrazione da HTTP a HTTPS



    Io per scherzo avevo suggerito ad Andrea Pernici di creare qualcosa di tecnico, qualche altro utente sul forum lo aveva chiesto, ed ecco una guida per Migrare il sito da HTTP a HTTPS a costo zero con un occhio alla SEO
    Ultima modifica di Giorgiotave; 12-08-14 alle 13:36
    Giorgio Taverniti Blog. FastForward: su YouTube ogni Martedì!

    Tutta la SEO in 23 ore: 9 diversi moduli tematici, 34 lezioni, questo è il Videocorso SEO del 2017!


  2. #2
    L'avatar di Giorgiotave
    Data Registrazione
    Oct 2004
    Località
    Monasterace
    Messaggi
    40,180
    Visita il canale Youtube di Giorgiotave
    Giovanni Tafuri ha commentato su Facebook:
    Giorgio Tave e se non fosse un fattore on-off ma con le dovute sfumature? Quindi chi è il CA ed il tipo di Certificato che hai ad incidere? Pensa ad uno che vuol fare aquisti online in modo sicuro, in quel caso se cerco un qualsiasi articolo se ho un certificato più autorevole e con più garanzie non è detto che incida nello stesso modo di chi ha un certificato casalingo o di pari valore.
    Mia risposta:

    Non credo perché hanno già dato indicazioni sui passi da seguire:

    Here are some basic tips to get started:

    • Decide the kind of certificate you need: single, multi-domain, or wildcard certificate
    • Use 2048-bit key certificates
    • Use relative URLs for resources that reside on the same secure domain
    • Use protocol relative URLs for all other domains
    • Check out our Site move article for more guidelines on how to change your website’s address
    • Don’t block your HTTPS site from crawling using robots.txt
    • Allow indexing of your pages by search engines where possible. Avoid the noindex robots meta tag.


    Mentre Alessandro Binello ‏(trimball) su Twitter:

    @giorgiotave Letto. Visioni interessanti. Secondo me ci stanno guidando verso la loro visione del web. Giusto o sbagliato che sia. #https

    E io condivido molto questo pensiero
    Ultima modifica di Giorgiotave; 07-08-14 alle 17:43
    Giorgio Taverniti Blog. FastForward: su YouTube ogni Martedì!

    Tutta la SEO in 23 ore: 9 diversi moduli tematici, 34 lezioni, questo è il Videocorso SEO del 2017!


  3. #3
    L'avatar di Giorgiotave
    Data Registrazione
    Oct 2004
    Località
    Monasterace
    Messaggi
    40,180
    Visita il canale Youtube di Giorgiotave
    Segnalo inoltre un articolo di Emanuele Vaccari che contiene informazioni aggiuntive sull'uso del canonical.

    Tra le altre cose su Google+ Emanuele mi segnala un upgrade alle linee guida di Google: Use HTTPS to protect your site and your users (ma visto che sto linkando Google con la chiave esatta è spam? ah no..c'è il nofollow..).

    Le linee guida di Google sono molto specifiche
    Giorgio Taverniti Blog. FastForward: su YouTube ogni Martedì!

    Tutta la SEO in 23 ore: 9 diversi moduli tematici, 34 lezioni, questo è il Videocorso SEO del 2017!


  4. #4
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    Rimini
    Messaggi
    147

    Pazzesco

    Anche negli USA ci sono opinioni molto aperte e scettiche su questa mossa di google, basta guardare la raccolta fatta da SEL: http://searchengineland.com/seo-indu...g-boost-199510

    Quello che mi terrorizza è (cito:

    But over time, we may decide to strengthen it, because we’d like to encourage all website owners to switch from HTTP to HTTPS to keep everyone safe on the web.

    Vogliono decidere il bello ed il cattivo tempo, insomma.

  5. #5
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Aug 2013
    Località
    Milano
    Messaggi
    618
    Segui lucolo su Twitter Aggiungi lucolo su Google+ Aggiungi lucolo su Linkedin
    I tuoi 3d sono davvero completi Giorgio, complimenti anche per i dettagliati riferimenti ed il tipo di analisi. Seguo con grande interesse.

  6. #6
    User L'avatar di salvatore79
    Data Registrazione
    May 2010
    Località
    Rende
    Messaggi
    335
    Segui salvatore79 su Twitter
    Per come conosco HTTPS e SSL e l'uso che se nefa, trovo imbarazzante il comunicato di Google, perchè spiega poco e male un concetto probabilmente più semplice di quel che sembra:

    1) HTTPS è un piccolo fattore di ranking (qualsiasi cosa significhi fattore di ranking, a questo punto), che riguarderà (dice il comunicato stesso) meno dell'1% delle query, una percentuale infinitesimale per non dire ridicola... Sì, certo, "poi si estenderà", ma quando esattamente? Quando tutti i webmaster del mondo saranno plagiati a comprarsi dei certificati inutili per i loro blog fotografici o per i loro trovaprezzi? Mi sembra poco realistico, per non dire ridicolo, invitare tutti i siti farne uso: a meno che, ovviamente, non sia una mossa di marketing che anticipi il fatto che mettano a commercializzare la loro versione di OpenSSL con annesso hosting SSL

    2) HTTPS è un fattore di ranking, al limite, per i siti di e-commerce (infatti HTTPS non ha senso su altri tipi di siti: che lo metti a fare su pagine pubblicamente accessibili?), non per quelli generalisti; neanche tutti i siti di ecommerce, di fatto, visto che i grossi tipo PayPal sono già da anni attrezzati con HTTPS. A questo punto fai un bollettino per la sicurezza, se parli di HTTPS come fattore di ranking il minimo che puoi aspettarti è un effetto boomerang tipo: siti in WP in HTTPS che credono di non dover curare più la sicurezza e si lamentano perchè non sono primi su Google, da cui segue la nota trafila virale: non capisco che succede, Google-cattivo, sindrome complottarda "google-magna-magna" che ben conosciamo. La colpa qui, pero', mi pare esclusivamente di quel comunicato, fuori bersaglio come pochi.

  7. #7
    User L'avatar di espertoseoofficial
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    Terni
    Messaggi
    60
    Segui espertoseoofficial su Twitter Aggiungi espertoseoofficial su Google+ Aggiungi espertoseoofficial su Facebook Aggiungi espertoseoofficial su Linkedin Visita il canale Youtube di espertoseoofficial

    Pura politica

    Io mi baso su quello che vedo e che ho visto negli anni e sono veramente poche le cose e le nicchie che hanno influenzato i mercati mondiali, figuriamoci il nostro, google.it, che è la spazzatura totale per eccellenza.

    Concordo su tutta la linea con Giorgio, anche se a molti sembrerà strano , ma da quando ha cambiato approccio, mi somiglia così tanto che lo farei ambasciatore di me stesso. (sviolinata di stima, ma quando ci vuole ci vuole).

    Anche quello che dice Altavila, come sempre molto più tangibile rispetto ai più, sembra essere quanto più di realistico ci sta dietro a questo annuncio.

    Bellissime anche le frasi e gli approcci scherzosi, come quello di Maurizio , sempre attento alle HeadLine ad effetto

    Ma se c'è una cosa di cui sono certo, è che a parte il fatto che è estate e che magari si ha tutti un pochino più di tempo per rimettere insieme idee e strategie, garantisco che che dove c'è la sostanza vera e non il qualunquismo da SERP, non si fanno tutti questi discorsi.

    Non per questo dico di provenire dal Black Hat Forum, anzi, vengo semplicemente dal mio studio (che presto avrà un'altra sede finalmente, ho visto altra location giusto stasera "MEGA OT SENZA SENSO"), dove fino a poche ore fa non stavo facendo altro che caricare un cms, riempirlo di roba "strafattabene", almeno per me e per il target di riferimento, l'ho vista indicizzarsi in pochi minuti solo con un link dal mio sito, senza manco passare per WMT O altre robe di Google; niente analytics, niente social, ma solo qualità, LSA e velocità. Il server messo al posto giusto e via per altri progetti.

    Fatto questo, passo per Google Plus, anche se mi aveva avvisato già della cosa Dav Prevosto, che aveva letto in giro, mentre io non ne avevo ancora avuto il tempo, e mi ritrovo non qui, ma su blog "di settore", gruppi in Facebook e post in G+, i commenti e le presupposizioni più assurde e sgangherate, su un qualcosa che Giorgio ha sintetizzato in una riga, come Flash ne "Gli Incredibili": Se tutti sono super è come se nessuno lo fosse.

    Non devo aggiungere altro, se non un consiglio a chi ancora, nonostante so che qualunque relatore conosco, qualunque corso viene frequentato, consiglia sempre che la migliore scuola è il testing a proprie spese. Spendere si, anche donando qualcosa a tanti sviluppatori che ce la mettono tutta a creare plugin e cazzi vari per inetti totali del codice, me compreso. Spendere significa anche non fare, ma solo leggere e commentare a vanvera su cose di cui non si sa nemmeno la provenienza, per cui tanto meno il futuro. Chi lo fa sta sprecando tempo, per cui sta spendendo soldi e risorse e se pensa di fregare qualcuno perchè ha trovato una risorsa free, non sa ancora che quella risorsa gli avrà fatto perdere un sacco di tempo. BASTA, PERCHE' QUESTO E' UN ALTRO ARGOMENTO SU CUI SI POTREBBE PARLARE PER ORE.

    Ma leggere Gt Forum da un po' di tempo a questa parte invece, è sicuramente l'investimento più alto che ognuno possa fare.

    Fatto questo però, tornate a FARE, e non cercate qualuno che dice l'esatto contrario o la pensa diversamente, come quello che ha il raffreddore e vorrebbe sentirsi dire che passerà senza prendere manco un'aspirina.

    FATE e condividete (il giusto si intende , non esagerate), ma dico ai molti qualunquisti da SERP, nuovo nome da assegnare ai non SEO secondo me, di non aggrapparsi a tutti gli animali domestici o in via di estinzione che si trovano negli annunci di Google, per giustificare la propria incapacità.

    La SEO è una grande occasione, non sprecatela!
    Ultima modifica di espertoseoofficial; 08-08-14 alle 01:31
    DEMO realizzata con PageKit: pagekit . espertoseo . it

  8. #8
    User Newbie L'avatar di Emanuele Vaccari
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Località
    Modena
    Messaggi
    4
    Salvatore, penso che tu sia più vicino di quanto non creda alla realtà quando dici che questo ranking factor si estenderà magicamente nel momento in cui Google lancerà una sua simpatica soluzione di hosting.
    Si, è ridicolo se ci pensi, ma non lo sono state tante delle ultime mosse di bigG ? Mi pare che Google si stia evolvendo in modo differente dal passato, con un occhio di riguardo verso il business. Che ci sia stato qualche scossone interno nei team? Io non seguo molto le logiche interne dell'azienda, ma la mia sensazione è questa. Di certo non era una Onlus neanche prima, ma ho troppo spesso l'amaro in bocca.

    Intendiamoci, non è questione di volerci vedere a tutti i costi del marcio, di "gomblotto!", ma mi aspetto solo il peggio a questo punto, e lo dico con molto dispiacere. Spero di venir smentito e che la certificazione rimanga un fattore di ranking solo per siti YMYL, dove ha un senso, ma riguardo alla tua domanda "che lo metti a fare su pagine pubblicamente accessibili" ti ha risposto indirettamente Mueller su Plus parlando con un altro utente:

    "Alcuni webmaster dicono di avere solamente un “sito vetrina”, come un blog, che non ha bisogni di essere messo in sicurezza. Questo ragionamento non tiene conto dei due immediati benefici ottenuti come proprietario del sito:

    Integrità dei dati: solo servendo il sito in sicurezza puoi garantire che nessuno stia alterando il modo in cui i tuoi contenuti vengono ricevuti dai tuoi utenti. Quante volte hai acceduto ad un sito tramite una rete aperta in un hotel e hai ricevuto pubblicità che non ti aspettavi di trovare? Questa è una manifestazione visibile del problema, ma può presentarsi in modi molto più subdoli.
    Autenticazione: come possono gli utenti essere certi che il sito è veramente il sito che dice di essere. Immagina tua sia un sito vetrina che da consigli finanziari o medici. Se operassi in un sito del genere, vorrei assicurare ai miei lettori che i consigli che stanno leggendo sono genuinamente miei e non di qualcun’altro che pretende di essere me.
    Oltre a questo, i tuoi utenti avranno benefici ovvi ( e altri meno ovvi)."

    Io ci leggo un "mettere le mani avanti". Spero di sbagliarmi.


    [OT]Ci volevo giusto un link di Giorgio per farmi uscire dal lurking [/OT]

  9. #9
    User Newbie
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Località
    Valencia (Spagna)
    Messaggi
    2
    Ciao Giorgio... non essere così cattivo con i nostri amici americani.
    Non tutti hanno reagito applaudendo con le orecchie, anzi!, vedi qui alcune delle loro reazioni: searchengineland.com/seo-industry-tweets-reactions-googles-ssl-ranking-boost-199510

  10. #10
    L'avatar di Giorgiotave
    Data Registrazione
    Oct 2004
    Località
    Monasterace
    Messaggi
    40,180
    Visita il canale Youtube di Giorgiotave
    Salve ragazzi,

    mi fa piacere leggervi, nei social le discussioni di perdono e portano poco valore, sinceramente non vedo l'ora di fare l'upgrade al forum gt così postare sul forum non sarà pesante come ora.

    Passo velocemente due commenti, poi più tardi anche gli altri

    Citazione Originariamente Scritto da Travolution Visualizza Messaggio
    Quello che mi terrorizza è (cito:

    But over time, we may decide to strengthen it, because we’d like to encourage all website owners to switch from HTTP to HTTPS to keep everyone safe on the web.

    Vogliono decidere il bello ed il cattivo tempo, insomma.
    Ciao Travolution,

    l'imposizione è gravissima. Negli ultimi anni sono diventati molto più arroganti e mi dispiace, ma non tutti dentro Google sono così.

    Io nel corso degli anni ho conosciuto persone veramente in gamba dentro Google e molto aperte e hanno tutta la mia stima.

    L'imposizione ai webmaster in questo modo non mi piace, non mi è mai piaciuta e mai mi piacerà


    Citazione Originariamente Scritto da Travolution Visualizza Messaggio
    Anche negli USA ci sono opinioni molto aperte e scettiche su questa mossa di google, basta guardare la raccolta fatta da SEL: http://searchengineland.com/seo-indu...g-boost-199510

    Citazione Originariamente Scritto da gfiorelli1 Visualizza Messaggio
    Ciao Giorgio... non essere così cattivo con i nostri amici americani.
    Non tutti hanno reagito applaudendo con le orecchie, anzi!, vedi qui alcune delle loro reazioni: searchengineland.com/seo-industry-tweets-reactions-googles-ssl-ranking-boost-199510
    Ciao anche a Gianluca, finalmente sul forum eh!

    No lo so, però quella che fa search engine land è una raccolta. Rappresenta una parte di quelli che si sono espressi in lingua inglese.

    Non volevo essere cattivo, ho estremizzato. È ovvio che ci sono personaggi che l'hanno presa come noi, volevo evidenziare il fatto che da noi TUTTI l'hanno presa in un determinato modo. Se non proprio TUTTI, nel campo SEO siamo vicini al 100%.

    Se leggi i commenti su Google Plus o sul post ufficiale, invece, in lingua inglese ci sono molti SEO entusiasti.

    Anche in lingua inglese una buona percentuale non l'ha presa bene, ma da noi è molto di più.

    Certo il nostro mercato è più piccolo, è più facile far girare determinati pensieri, però è un segno molto positivo dal mio punto di vista

    Scusate se sono stato duro oppure ho estremizzato, ci sono SEO in lingua inglese che stimo molto, volevo solo evidenzia il fatto che per quanto riguarda la cultura SEO non siamo indietro per niente...ultimamente ho letto un pò di Italiani dire che in America ci sono tecniche super-avanzate e in Italia non se ne parla (sono poi tecniche spam, quindi giustamente non ne parliamo).

    Se vogliamo trattare questo argomento però, io ci sto, che qualcuno apra una discussione e mi elenchi tutte le super-tecniche avanzate Americane, io ho una buona memoria della storia della SEO in Italia
    Giorgio Taverniti Blog. FastForward: su YouTube ogni Martedì!

    Tutta la SEO in 23 ore: 9 diversi moduli tematici, 34 lezioni, questo è il Videocorso SEO del 2017!


  11. #11
    User
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    torino
    Messaggi
    20
    Segui achille baudino su Twitter Aggiungi achille baudino su Google+ Aggiungi achille baudino su Facebook Aggiungi achille baudino su Linkedin
    ciao Giorgio e tutti gli altri. Una domanda per voi esperti: secondo voi, quell' 1% di query attualmente toccate da questa "innovazione", a cosa si riferisce? Intendo: sono query legate ad un settore specifico? Sono query fatte da utenti di una certa area geografica? Sono query che riguardano le ricerche con determinate keywords?
    Ultima modifica di achille baudino; 08-08-14 alle 12:14

  12. #12
    User Newbie
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Località
    Valencia (Spagna)
    Messaggi
    2
    Ah Giorgio!... lo so benissimo che non sei tra quelli che non sopportano "gli americani" solo perché sono americani (o britannici). Come pure sai bene come anch'io, che pur frequento e sono parte attiva nelle loro comunità SEO, allo stesso tempo sono tra quelli che maggiormente spinge i SEO e web marketers italiani (e spagnoli, sapete che vivo in Spagna e che è un po' la mia seconda "patria") più bravi a dire la loro anche in quelle comunità.

    Lo faccio, e ritorno a invitare tutti a farlo, per vari motivi che nulla hanno a che fare con l'americanofilia :

    1) perché mi fa arrabbiare vedere SEOs in lingua inglese messi sugli altari perché "scoprono" cose di cui noi parliamo da tempo... e così il merito se lo pigliano loro retro-alimentando (anche senza volerlo in modo diretto) una certa idea per cui la SEO è una cosa americana e che i professionisti di altri paesi sono a un livello inferiore;
    2) perché prendersela con gli "americani" perché proclamano come scoperte eccezionali cose per noi sono ovvie non ha molto senso se non siamo attivi anche in quelle comunità condividendo e confrontando conoscimento. Non si può chiedere di essere riconosciuti se non si partecipa e se nessuno al di fuori dei confini nazionali ci conosce;
    3) perché ogni volta che qualcuno - italiano o spagnolo - ha partecipato attivamente in conversazioni non triviali con le comunità USA/UK ho sempre visto un'ottima accoglienza da parte dei SEO USA/UK, un riconoscimento da parte loro e una voglia di apprendere e riconoscere che non sono i re del mambo. Potrei citare il mio caso, ma potrebbe essere preso come atto di narcisismo, quindi suggerisco persone come Aleyda Solís, Enrico stesso con i suoi posts su G+ o il nostro Andrea Pernici
    4) Il mercato SEO è globale. Più ci facciamo conoscere fuori dai confini più il mercato ci apprezza (con motivo), e più opportunità di business abbiamo. Nel mio caso, per esempio, solo un 20% dei miei clienti sono italiani e spagnoli... non che fuori i clienti siano migliori, ma se uno non vuole avere solo super piccole imprese in portfolio per tutta la vita...
    5) Gli "americani" non sono più avanzati di quanto possiamo essere noi, ma sanno comunicare le cose con maggior efficacia. Se si vuole avere un certo grado di influenza, allora, è logico pensare che partecipare anche nella loro comunità può portare solo vantaggi in quanto a diffusione delle nostre esperienze.

    Tutto qui

    p.s.: gli americani non usano tecniche più avanzate di quelle che abbiamo noi, ma proviamo a parlare di tools: perché non esistono tools in commercio che non siano stati creati in USA/UK nella sua gran parte? O perché non si aprono al pubblico quei tools che sicuramente tutti abbiamo creato per esigenze di lavoro? Anche perché poi ci lamentiamo che i tools USA/UK non prendono in considerazione il mercato italiano (tra l'altro è un'ovvia scelta di priorità di mercato).

  13. #13
    User L'avatar di salvatore79
    Data Registrazione
    May 2010
    Località
    Rende
    Messaggi
    335
    Segui salvatore79 su Twitter
    Citazione Originariamente Scritto da Emanuele Vaccari Visualizza Messaggio
    Salvatore, penso che tu sia più vicino di quanto non creda alla realtà quando dici che questo ranking factor si estenderà magicamente nel momento in cui Google lancerà una sua simpatica soluzione di hosting.
    Si, è ridicolo se ci pensi, ma non lo sono state tante delle ultime mosse di bigG ? Mi pare che Google si stia evolvendo in modo differente dal passato, con un occhio di riguardo verso il business.
    [...]
    Ciao Emanuele, sì, hai colto perfettamente il senso della questione per come l'ho posta, per cui non aggiungo altro.

    Ad un certo punto Google può imporre regole assurde o poco condivisibili sulle politiche di link (se metti più di X nofollow ti banno dai miei risultati, non ripetere le keywords ecc), ma non può, davvero, stabilire quali debbano essere gli standard del WEB, il W3C studia queste cose da decenni e mi pare un po' arrogante una presa di posizone del tipo "invitiamo TUTTI ad attrezzarsi con HTTPS". Tanto più, come secondo me presto avverrà, se ti vendono servizi di loro proprietà con la vaga promessa di averne dei vantaggi commerciali (una cosa talmente sfrontata che addirittura l'antitrust italiano avrebbe qualcosa da dire ).

    Quando vedremo i primi siti in WordPress o Joomla essere indicizzati con https capiremo che siamo alla frutta, che altro dire...

  14. #14
    L'avatar di Giorgiotave
    Data Registrazione
    Oct 2004
    Località
    Monasterace
    Messaggi
    40,180
    Visita il canale Youtube di Giorgiotave
    Citazione Originariamente Scritto da achille baudino Visualizza Messaggio
    ciao Giorgio e tutti gli altri. Una domanda per voi esperti: secondo voi, quell' 1% di query attualmente toccate da questa "innovazione", a cosa si riferisce? Intendo: sono query legate ad un settore specifico? Sono query fatte da utenti di una certa area geografica? Sono query che riguardano le ricerche con determinate keywords?
    Ciao Achille,
    dal mio punto di vista sono chiavi sensibili...come quelle legate alle banche e all'e-commerce.

    Citazione Originariamente Scritto da gfiorelli1 Visualizza Messaggio
    5) Gli "americani" non sono più avanzati di quanto possiamo essere noi, ma sanno comunicare le cose con maggior efficacia. Se si vuole avere un certo grado di influenza, allora, è logico pensare che partecipare anche nella loro comunità può portare solo vantaggi in quanto a diffusione delle nostre esperienze.
    Assolutamente concordo su tutto, specialmente sul partecipare io concordo 100%


    Citazione Originariamente Scritto da gfiorelli1 Visualizza Messaggio
    p.s.: gli americani non usano tecniche più avanzate di quelle che abbiamo noi, ma proviamo a parlare di tools: perché non esistono tools in commercio che non siano stati creati in USA/UK nella sua gran parte? O perché non si aprono al pubblico quei tools che sicuramente tutti abbiamo creato per esigenze di lavoro? Anche perché poi ci lamentiamo che i tools USA/UK non prendono in considerazione il mercato italiano (tra l'altro è un'ovvia scelta di priorità di mercato).
    Secondo me per le stesse ragioni per cui qui non abbiamo un Google, un Facebook, un Booking, uno Zalando, un Pinterest, un Twitter, una Apple...

    Qualche tool sta arrivando in lingua italiana per il mercato italiano e sono convinto che se continuiamo così tra qualche anno ne avremo un pò anche nostri..

    Però capisco il punto, hai ragione eh, però parliamo di due cose diverse
    Giorgio Taverniti Blog. FastForward: su YouTube ogni Martedì!

    Tutta la SEO in 23 ore: 9 diversi moduli tematici, 34 lezioni, questo è il Videocorso SEO del 2017!


  15. #15
    L'avatar di Giorgiotave
    Data Registrazione
    Oct 2004
    Località
    Monasterace
    Messaggi
    40,180
    Visita il canale Youtube di Giorgiotave
    Citazione Originariamente Scritto da lucolo Visualizza Messaggio
    I tuoi 3d sono davvero completi Giorgio, complimenti anche per i dettagliati riferimenti ed il tipo di analisi. Seguo con grande interesse.
    Grazie Lucolo

    Citazione Originariamente Scritto da espertoseoofficial Visualizza Messaggio
    Concordo su tutta la linea con Giorgio, anche se a molti sembrerà strano , ma da quando ha cambiato approccio, mi somiglia così tanto che lo farei ambasciatore di me stesso. (sviolinata di stima, ma quando ci vuole ci vuole).
    Che bello!!!

    Citazione Originariamente Scritto da espertoseoofficial Visualizza Messaggio
    Ma leggere Gt Forum da un po' di tempo a questa parte invece, è sicuramente l'investimento più alto che ognuno possa fare.
    Questo mi fa molto piacere


    Citazione Originariamente Scritto da Emanuele Vaccari Visualizza Messaggio

    [OT]Ci volevo giusto un link di Giorgio per farmi uscire dal lurking [/OT]
    Ora trovo tutti i lurker e linko i loro articoli

    Citazione Originariamente Scritto da salvatore79 Visualizza Messaggio
    Ad un certo punto Google può imporre regole assurde o poco condivisibili sulle politiche di link (se metti più di X nofollow ti banno dai miei risultati, non ripetere le keywords ecc), ma non può, davvero, stabilire quali debbano essere gli standard del WEB, il W3C studia queste cose da decenni e mi pare un po' arrogante una presa di posizone del tipo "invitiamo TUTTI ad attrezzarsi con HTTPS". Tanto più, come secondo me presto avverrà, se ti vendono servizi di loro proprietà con la vaga promessa di averne dei vantaggi commerciali (una cosa talmente sfrontata che addirittura l'antitrust italiano avrebbe qualcosa da dire ).
    Esatto, io spingo molto verso il W3C in questi casi.

    Citazione Originariamente Scritto da salvatore79 Visualizza Messaggio
    Quando vedremo i primi siti in WordPress o Joomla essere indicizzati con https capiremo che siamo alla frutta, che altro dire...
    Secondo me ci sono già
    Giorgio Taverniti Blog. FastForward: su YouTube ogni Martedì!

    Tutta la SEO in 23 ore: 9 diversi moduli tematici, 34 lezioni, questo è il Videocorso SEO del 2017!


  16. #16
    User L'avatar di salvatore79
    Data Registrazione
    May 2010
    Località
    Rende
    Messaggi
    335
    Segui salvatore79 su Twitter
    @GiorgioTave ahahaha sì, probabile

  17. #17
    L'avatar di Giorgiotave
    Data Registrazione
    Oct 2004
    Località
    Monasterace
    Messaggi
    40,180
    Visita il canale Youtube di Giorgiotave
    Citazione Originariamente Scritto da salvatore79 Visualizza Messaggio
    @GiorgioTave ahahaha sì, probabile


    Tony Meraglia mi segnala questo:


    Oh ragazze e ragazzi, prenderà una piega mostruosa
    Giorgio Taverniti Blog. FastForward: su YouTube ogni Martedì!

    Tutta la SEO in 23 ore: 9 diversi moduli tematici, 34 lezioni, questo è il Videocorso SEO del 2017!


  18. #18
    Esperto L'avatar di cionfs
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    Taranto
    Messaggi
    2,860
    Aggiungi cionfs su Facebook
    Personalmente è da gennaio che penso di attivare l'https sul mio forum principalmente per 2 motivi:

    1. Credevo influenzasse il ranking
    2. Essendo un forum con username e password ho pensato che, essendoci dati "privati", dovesse essere implementato. Un pò come succede per le transazioni dove ci sono i dati sensibili potrebbe essere un fattore non poco rilevante.

    Se ho scritto cavolate ditemelo pure, tanto male che vada devo una birra a Giorgio.

  19. #19
    User Newbie L'avatar di Emanuele Vaccari
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Località
    Modena
    Messaggi
    4
    Citazione Originariamente Scritto da salvatore79 Visualizza Messaggio
    Ciao Emanuele, sì, hai colto perfettamente il senso della questione per come l'ho posta, per cui non aggiungo altro.

    Ad un certo punto Google può imporre regole assurde o poco condivisibili sulle politiche di link (se metti più di X nofollow ti banno dai miei risultati, non ripetere le keywords ecc), ma non può, davvero, stabilire quali debbano essere gli standard del WEB, il W3C studia queste cose da decenni e mi pare un po' arrogante una presa di posizone del tipo "invitiamo TUTTI ad attrezzarsi con HTTPS". Tanto più, come secondo me presto avverrà, se ti vendono servizi di loro proprietà con la vaga promessa di averne dei vantaggi commerciali (una cosa talmente sfrontata che addirittura l'antitrust italiano avrebbe qualcosa da dire ).

    Quando vedremo i primi siti in WordPress o Joomla essere indicizzati con https capiremo che siamo alla frutta, che altro dire...
    Salvatore, ti sei espresso talmente bene che ho sentito la necessità di citarti nel mio post a riguardo della vicenda
    www.emanuelevaccariweb.it

  20. #20
    Esperto L'avatar di ettore
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Torre Pellice
    Messaggi
    19
    Aggiungi ettore su Facebook Aggiungi ettore su Linkedin
    Il fatto che Google inviti==>spinga==>obblighi (storicamente sempre in quest'ordine) i webmaster ad adottare soluzioni di un qualsiasi tipo per ottenere migliori risultati non è tanto un complotto semisegreto, ne un comportamento in qualche modo contestabile. E' una strategia evidente e sotto certi aspetti necessaria per una struttura come Google che non è più da tempo un semplice strumento di ricerca. Il Web 2.0 si è ormai addentrato in quel Web 3.0 in cui i processi di co-creazione sono alla base di un utilizzo dinamico e condiviso dei documenti pubblicati (qualsiasi), associati ad informazioni e dati (metadati) che ne specificano il contesto semantico in un formato adatto all'interrogazione e all'interpretazione. Https diventa una necessità, non una imposizione, mentre ci si muove ancora oltre, verso il WebOS, verso il Middleware che implicherà una massiccia rete di interazioni altamente intelligenti, ovvero, verso quella ipotesi ancora molto poco definita che è il Web 4.0.

    Che questa sia una occasione eccezionale per gli Hosting Provider per proporre SSL a tutti è palese, come d'altra parte era palese che si scatenasse la caccia al cliente da parte di molti provider per proporre caselle PEC quando sono diventate obbligatorie.

    Di fatto, non amo che qualcuno mi dica come devo vestirmi. Ma se stiamo andando verso una nuova Era Glaciale, il fatto che Google inviti==>spinga==>obblighi a vestire il cappotto pesante se si vuole accedere al suo ristorante è in parte sospetto di interessi (magari poi mica tanto nascosti) vedendo aprire un megastore di abiti speciali marchiati "G" di fronte al ristorante, ma guardando le cose con serenità è fondamentalmente un modo per evitare/prevenire che nel ristorante si trovino prima o poi cadaveri congelati di avventori in T-shirt ai tavoli.

    Altro discorso è ovviamente il verificare se questo cappotto pesante, pardon, Https diffuso, venga gestito in modo coerente (non comporti cadute irrazionali di PR che facciano arretrare di posizione per keywords precedentemente ben posizionate -- ma dalle prime analisi non pare sia così, aspettiamoci comunque "stranezze" -- non sia eccessivamente complesso -- ma perlomeno ad oggi nom mi pare, e per quel poco non è forse un motivo per attrezzarsi con offerte interessanti verso i clienti? -- non sia eccessivamente costoso -- ed all'inizio magari si un poco, ma quando diventerà uno standard diffuso non sarà più costoso/penalizzante -- insomma abbiamo di che discutere in futuro non poco.

  21. #21
    User L'avatar di espertoseoofficial
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    Terni
    Messaggi
    60
    Segui espertoseoofficial su Twitter Aggiungi espertoseoofficial su Google+ Aggiungi espertoseoofficial su Facebook Aggiungi espertoseoofficial su Linkedin Visita il canale Youtube di espertoseoofficial
    In effetti Ettore direi che per noi una cosa interessante è anche trasformare questo messagio in qualcosa di vendibile anche ai clienti, come lo è stato il discorso della segnalazione dei cookie obbligatoria. Pochi euro per un buon numero di clienti possono essere un bel fatturare, ma anche un motivo per stringere anche i rapporti.
    DEMO realizzata con PageKit: pagekit . espertoseo . it

  22. #22
    User L'avatar di salvatore79
    Data Registrazione
    May 2010
    Località
    Rende
    Messaggi
    335
    Segui salvatore79 su Twitter
    Citazione Originariamente Scritto da Emanuele Vaccari Visualizza Messaggio
    Salvatore, ti sei espresso talmente bene che ho sentito la necessità di citarti nel mio post a riguardo della vicenda
    Grazie, non ho visto il tuo post pero'.... link?

    La pagina di CloudFlare è demenziale, vai a spiegarlo adesso...

  23. #23
    L'avatar di Giorgiotave
    Data Registrazione
    Oct 2004
    Località
    Monasterace
    Messaggi
    40,180
    Visita il canale Youtube di Giorgiotave
    Ciao Ettore,

    a questa visione aggiungo quella di Stefano Quintarelli:
    ho solo io la percezione che Google stia progressivamente assomigliando sempre piu' ad una sovra-autorità, privata, sovranazionale ?non so quanto queste mosse siano sagge.
    finchè si trattava di mettersi contro ai paesi per aspetti fiscali, la reazione era tutto sommato contenuta (facciamo un international ruling e dacci i soldi).
    Non la ha solo lui quella visione, ovviamente dipende dai vari settori del web.

    Tra noi SEO e Marketer è un pò di tempo che diciamo di stare attenti perché per certi versi Google ha superato le nazioni e nessuno se ne è reso conto 

    Secondo me ci sono una serie di problematiche:

    1. quella comunicativa, c'è bisogno che Google crei un posto ufficiale dove comunicare tutto
    2. quella educativa, io sostengo che bisogna assolutamente puntare a un web più educativo se vogliamo migliorare le cose. Quando Google attiva le cose di default, crea ignoranza. Da questo punto di vista, "obbligare" le persone a passare all'HTTPS perché è un fattore di ranking, crea ignoranza. Più o meno così la pensa Altavilla che ho citato nel primo post
    3. esiste il W3C. Ok, qui stiamo parlando di un fattore di ranking di motore di ricerca di proprietà, quindi fa come gli pare giusto? Si può essere, può essere un caso border-line, ma Google di fatto si comporta come quello che detta le regole del Web. Io vorrei che fosse diversamente, che magari questo movimento sia fatto in modo più o meno coordinato con altre realtà del web, sulla traccia di Schema.org, Sitemap, Robots.txt ma tutti allo stesso tavolo con il W3C e altri.


    Almeno queste per me sono le cose più problematiche!

    Giorgio

    p.s. Ettore scusa se sono intervenuto nella tua firma rimuovendo l'immagine, può essere solo di 120x20 per il tuo profilo
    Giorgio Taverniti Blog. FastForward: su YouTube ogni Martedì!

    Tutta la SEO in 23 ore: 9 diversi moduli tematici, 34 lezioni, questo è il Videocorso SEO del 2017!


  24. #24
    User L'avatar di salvatore79
    Data Registrazione
    May 2010
    Località
    Rende
    Messaggi
    335
    Segui salvatore79 su Twitter
    Citazione Originariamente Scritto da ettore Visualizza Messaggio
    Il fatto che Google inviti==>spinga==>obblighi (storicamente sempre in quest'ordine) i webmaster ad adottare soluzioni di un qualsiasi tipo per ottenere migliori risultati non è tanto un complotto semisegreto, ne un comportamento in qualche modo contestabile. E' una strategia evidente e sotto certi aspetti necessaria per una struttura come Google
    Chiaro, del resto non vedo nulla di male nel content marketing in generale: produci articoli, comunicati, guide e simili sul "cosa serve" una tecnologia e poi inviti le persone ad acquistarla, nulla di evil per me: pero' qui, permettimi, parliamo di un qualcosa di diverso. Dire che tutti i siti hanno bisogno di HTTPS è sbagliato, punto, non c'è criterio logico che possa sostenere una cosa del genere se non, come dicevo, il fatto che stiano per lanciare un "GoogleSSL".

    Non stiamo dicendo che Google abbia sostenuto "usate tutti PHP che ASP è brutto", "usate server dedicati che vi posizionate prima", che sono affermazioni faziose quanto facilmente smentibili dalla pratica: qui stiamo dicendo che Google ha emanato un comunicato profondamente sbagliato dal punto di vista tecnologico, che finirà per creare problemi alle sue stesse attività di indicizzazione, peraltro (esempio: i duplicati http/httpS come li trattiamo?)

    È in questo modo di esprimersi che risiede il problema: del resto, se avessero detto qualsiasi altra cosa tra gli esempi ipotetici che ho citato, avremmo fatto ironia sulla cosa, magari, ma si sarebbe chiusa lì: adesso, invece, l'effetto sarà molto più grave, per non dire devastante.

    E questo perchè è errato dire che HTTPS serve a tutti i siti per renderli più sicuri, quando sappiamo bene che le misure di sicurezza dei siti passano da SSL solo in casi specifici ed a certe condizioni, esempio: transazioni monetarie, passaggio di dati sensibili, certificati autentici.

    Questa semplificazione markettara che ne sta uscendo fuori mette i brividi...

  25. #25
    User L'avatar di espertoseoofficial
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    Terni
    Messaggi
    60
    Segui espertoseoofficial su Twitter Aggiungi espertoseoofficial su Google+ Aggiungi espertoseoofficial su Facebook Aggiungi espertoseoofficial su Linkedin Visita il canale Youtube di espertoseoofficial
    Ciò che sostiene il Quinta è pura realtà dei fatti. Ma noi, italiani.., abbiamo la capacità di fare qualcosa? Quando anche Moz dal suo conto si è visto segnalare come un sito spam?

    La questione purtroppo è politica e non è risolvibile in termini di capacità o ideali.

    Uno dei pochi modi per risolverla sarebbe coinvolgere un parlamentare con un minimo di palle, andrebbe benissimo anche il Quinta sia chiaro, che sia portavoce delle nostre paure e smuova qualcosa a livello Europeo.

    Purtroppo chi finoggi si è occupato di arginare l'espansione di Google è qualcuno che non conosce le nostre retrospettive e la percezione che si può avere aldilà del puro interesse personale. Il tutto perchè mi sembra che se si vuole allargare il discorso, non ci si può più basare solo su Google o Facebook e sui nostri profili personali, ma bisogna anche pensare a cosa potrebbe accadere per i nostri figli o noi stessi fra qualche anno.

    Io come sempre ci starei a fare qualunque cosa. Penso anche che il topic potrebbe cambiare troppo connotati se mi inoltro in questa cosa per cui meglio non eccedere
    DEMO realizzata con PageKit: pagekit . espertoseo . it

  26. #26
    Moderatore L'avatar di gianrudi
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Località
    ventimiglia
    Messaggi
    1,088
    Ciao a tutti, stimolato da questa interessantissima discussione ho provato a portare un mio sito su https, cosa che mi ha sollevato alcuni dubbi che spero non vadano (troppo) off topic. E' la prima volta che affronto il tema, perciò potrei anche dire qualche inesattezza o peggio, sperando nelle vostre cortesi precisazioni.

    L'operazione tecnica di installazione di SSL e attivazione del servizio sulla porta 443 mi ha richiesto circa mezz'ora di tempo (su Centos, compreso il tempo di cercare la documentazione e capire come si fa) e ora il sito di prova è visibile su https.

    Quindi direi che il problema non dovrebbe essere tanto il passaggio a https in se stesso, in realtà semplicissimo e perfettamente gratuito se si usa un certificato autogenerato, quanto il fatto che poi il browser segnala che "Il certificato di sicurezza presentato dal sito Web non è stato emesso da un'Autorità di certificazione disponibile nell'elenco locale.", appunto perchè ho generato autonomamente il certificato in fase di installazione.

    Ovviamente nessuno vuole che i suoi utenti siano bloccati da un tale messaggio, per cui il problema indubbiamente c'è ma secondo me non riguarda https in se stesso quanto piuttosto l'autorevolezza del certificato. E' vero che una cosa implica l'altra ma forse conviene distinguerle, perchè per esempio la protezione crittografica non è data dal certificato più o meno autorevole ma dal protocollo TLS, che in sè sarebbe appunto gratuito.

    Il fatto è che se vogliamo usare https, i browser ci obbligano a usare certificati emessi da autorità di certificazione, e quando google ci consiglia-impone https ci vediamo costretti a comprare almeno i certificati che non ci fanno fare brutta figura sui browser.

    Non lo so, forse è la stessa cosa ma io non vedo tanto un futuro in cui dovremo avere tutti https quanto un futuro in cui dovremo essere tutti certificati, cosa che presenta anche altre implicazioni, dato che da un breve giro sui venditori di certificati mi pare di capire che ce ne sono di vari livelli, con barretta verde o senza barretta verde, e a prezzi decisamente diversi.

    Detto questo, il mio parere è che https dovrebbe avere senso dovunque ci siano dati realmente sensibili e utenti che inseriscono password (compresi i siti in wordpress o altro cms), in quanto provvede alla crittazione dei dati in transito sulla rete , mentre mi riesce difficile capirne l'utilità per i siti che si limitano a fornire contenuti. Il rischio per questi ultimi di subire attacchi man-in-the-middle mi sembra una forzatura, per usare un termine gentile.
    Ultima modifica di gianrudi; 09-08-14 alle 20:17

  27. #27
    User Newbie L'avatar di Emanuele Vaccari
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Località
    Modena
    Messaggi
    4
    Che Google sia una potenza che supera di gran lunga la sovranità delle singole nazioni (a braccetto con l'economia, e in questo periodo direi che abbiamo ottimi esempi a riguardo) e che sia pericolosamente fuori controllo è purtroppo sempre più lampante. E qua parliamo di un'iniziativa tutto sommato innocua rispetto a quello che potrebbe potenzialmente scatenare. Un azienda privata è in grado di influenzare come vengono fruite le informazioni di tutto il mondo, indirizzare l'attenzione delle persone partendo dai loro bisogni. Purtroppo con un potere del genere, la storia ci insegna, non può che finire male. Sono troppo melodrammatico?

    @Salvatore: il post lo trovi linkato al post #3 di questo thread (non voglio spammare il link )!
    www.emanuelevaccariweb.it

  28. #28
    Moderatore L'avatar di gianrudi
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Località
    ventimiglia
    Messaggi
    1,088
    Devo rettificare il mio post precedente, quando l'ho scritto pensavo che per usare https fosse necessario comprare un certificato da una Autorità Certificativa, mentre poi ho appreso che è possibile averlo gratuitamente facendone richiesta. Ne ho provato uno gratis e a quanto pare funziona: il browser non dà messaggi e qualifica il mio sito come sicuro.

    Questo mi rassicura sotto due profili: prima di tutto perchè il passaggio da http a https sembrerebbe un'operazione semplice e praticamente a costo zero (dico sembrerebbe perchè non l'ho mai fatto su un sito operativo e qualche complicazione può sempre sorgere), e poi perchè fa pensare che non sia il business dei certificati a spingere Google in questa direzione.

    Infatti può essere facile, puntando sul ranking, convincere i webmaster a mettere https anche sui siti che non ne hanno nessun bisogno, ma sarà difficile se non impossibile convincerli a pagare per comprare un certificato quando possono avere lo stesso risultato scaricandone uno gratis.
    Se il fattore di ranking rimane di tipo on-off, essendoci la scelta tra pagare il certificato o non pagarlo, è logico pensare che chi non avrà necessità specifiche se lo scaricherà gratis.

    Escluso il business non saprei dire cosa spinge Google a premere in questa direzione, personalmente mi dà molto fastidio l'atteggiamento pedagogico di chi ti dice cosa devi fare per il tuo bene, e su questo devo dissentire con chi riteneva accettabile l'obbligo del cappotto nell'era glaciale. Va detto anche che sul tema della sicurezza questo atteggiamento sembra diventato quasi la regola non solo da parte di Google, una specie di pedaggio che tocca pagare, come quelli che ti chiedono una password con lettere maiuscole minuscole e caratteri speciali e poi ti obbligano pure a cambiarla ogni sei mesi, magari su un sito dove non transita neppure un centesimo.
    Ultima modifica di gianrudi; 10-08-14 alle 22:17

  29. #29
    Utente Premium L'avatar di bmastro
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    1,932
    Bene, a questo punto mi aspetto qualche tutorial.
    Top Web Hosting - Il Web Hosting ideale per chi ha più siti internet

  30. #30
    User L'avatar di salvatore79
    Data Registrazione
    May 2010
    Località
    Rende
    Messaggi
    335
    Segui salvatore79 su Twitter
    Citazione Originariamente Scritto da gianrudi Visualizza Messaggio
    [...] pensavo che per usare https fosse necessario comprare un certificato da una Autorità Certificativa, mentre poi ho appreso che è possibile averlo gratuitamente facendone richiesta. Ne ho provato uno gratis e a quanto pare funziona: il browser non dà messaggi e qualifica il mio sito come sicuro. [...]
    In realtà, che io sappia, se usi un certificato gratuito per garantire al client che il sito sia davvero chi dice di essere (misura anti-phishing, per capirci) la sua "garanzia" diventa molto relativa: in effetti la potenza dei certificati risiede nell'alta affidabilità di un terzo "super partes", che è quasi sempre a pagamento. I certificati gratis, per quanto utilizzabili, sono da sempre visti con sospetto anche dai browser più scassati: ed è difficile che chi metta a disposizione un servizio del genere non si faccia prendere dalla tentazione di farlo pagare, se mi permetti

    Non sono molto d'accordo, inoltre, che il passaggio da http a https sia indolore, inoltre, perchè mi è capitato di essere indicizzato erroneamente su Google per URL https anzichè http, e vi garantisco che recuperare la situazione non è affatto agevole. Va bene essere costretti a seguire politiche di link / di contenuto perchè sennò Google dice che spammiamo o facciamo i furbi, ma essere costretti - di fatto - ad adottare una tecnologia solo perchè "così è più sicuro" è molto semplicistico, farebbe prendere un colpo a qualsiasi sistemista e ricorda situazioni da monopolio Microsoft anni 90.

    Del tipo: sì, "ha detto Papà Google" che con HTTPS sto al sicuro... pero' pensavo, secondo te devo cambiare la mia password attuale da "password" a "12345"? (cit. Balle Spaziali )

    Citazione Originariamente Scritto da gianrudi Visualizza Messaggio
    Escluso il business non saprei dire cosa spinge Google a premere in questa direzione, personalmente mi dà molto fastidio l'atteggiamento pedagogico di chi ti dice cosa devi fare per il tuo bene
    Riassunto della discussione in poche parole

  31. #31
    Moderatore L'avatar di gianrudi
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Località
    ventimiglia
    Messaggi
    1,088
    Citazione Originariamente Scritto da bmastro Visualizza Messaggio
    Bene, a questo punto mi aspetto qualche tutorial.
    Per ottenere il certificato gratuito ho cercato 'free ssl digital certification' su google e ho seguito le istruzioni per il certificato free di class 1 sul primo sito dei risultati organici (con l'immagine di un coltellino svizzero in home).
    Non so se ci siano anche altre CA che offrono certificati gratuiti, questo comunque l'ho provato e sembra funzionare.
    Sullo stesso sito si trovano anche le istruzioni per l'installazione sui vari sistemi (alla voce 'How to install' nel menu di sinistra).

    Citazione Originariamente Scritto da salvatore79 Visualizza Messaggio
    In realtà, che io sappia, se usi un certificato gratuito per garantire al client che il sito sia davvero chi dice di essere (misura anti-phishing, per capirci) la sua "garanzia" diventa molto relativa
    Comunque permette di installare un protocollo https che provvede a crittografare i dati in transito e impedisce attacchi man-in-the-middle, che è la garanzia necessaria alla stragrande maggioranza dei siti, e per molti pure sovrabbondante.
    Poi se uno crede necessario offrire altre garanzie ai suoi utenti, può benissimo pagarsi un certificato più prestigioso, magari con la barretta verde, ma google non lo considera un fattore di ranking aggiuntivo, dato che è di tipo on-off. Per quanto riguarda il ranking, google considera il certificato gratuito esattamente come quello più prestigioso, almeno allo stato delle attuali conoscenze.

    Citazione Originariamente Scritto da salvatore79 Visualizza Messaggio
    I certificati gratis, per quanto utilizzabili, sono da sempre visti con sospetto anche dai browser più scassati
    Il mio sito di prova mostra il lucchetto grigio e dice "La connessione con questo sito web è sicura" su tutti i browser. Non so cos'altro dovrebbe fare un browser nè cosa voglia dire che vede alcuni certificati con sospetto.

    Citazione Originariamente Scritto da salvatore79 Visualizza Messaggio
    Non sono molto d'accordo, inoltre, che il passaggio da http a https sia indolore
    Sì, su questo ho parecchi dubbi anch'io, infatti mi riservo di studiare bene la cosa prima di fare qualsiasi mossa sui siti operativi. Invece per quelli nuovi credo che non dovrebbero esserci problemi a farli direttamente in https.
    A proposito, il pagerank non compare sui siti in https?

    Citazione Originariamente Scritto da salvatore79 Visualizza Messaggio
    ed è difficile che chi metta a disposizione un servizio del genere non si faccia prendere dalla tentazione di farlo pagare, se mi permetti
    Verissimo, come si può vedere dalle varie offerte di https a pagamento, ma non è certo colpa delle Ca che offrono i certificati gratis, e neanche di Google.
    Ultima modifica di gianrudi; 11-08-14 alle 15:15

  32. #32
    Moderatore L'avatar di Juanin
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Bologna
    Messaggi
    4,550
    Segui Juanin su Twitter Aggiungi Juanin su Google+ Aggiungi Juanin su Facebook Aggiungi Juanin su Linkedin Visita il canale Youtube di Juanin
    Citazione Originariamente Scritto da bmastro Visualizza Messaggio
    Bene, a questo punto mi aspetto qualche tutorial.
    Buon divertimento
    http://seoblog.giorgiotave.it/migraz...ttp-https/4861


  33. #33
    L'avatar di Giorgiotave
    Data Registrazione
    Oct 2004
    Località
    Monasterace
    Messaggi
    40,180
    Visita il canale Youtube di Giorgiotave
    Citazione Originariamente Scritto da Juanin Visualizza Messaggio
    Non ti si può dire una cosa per scherzo che la fai eh

    Complimenti, la aggiungo in alto al primo post
    Giorgio Taverniti Blog. FastForward: su YouTube ogni Martedì!

    Tutta la SEO in 23 ore: 9 diversi moduli tematici, 34 lezioni, questo è il Videocorso SEO del 2017!


  34. #34
    Utente Premium L'avatar di bmastro
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    1,932
    Citazione Originariamente Scritto da Juanin Visualizza Messaggio
    Accidenti, sei un fenomeno.
    Capisco essere veloci, ma tu esageri.
    Top Web Hosting - Il Web Hosting ideale per chi ha più siti internet

  35. #35
    User L'avatar di websources
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Località
    Firenze
    Messaggi
    37
    Interessante. Gestisco un blog e qualche giorno fa avevo quasi deciso di buttarmi a pesce sulla notizia con un articolo abbastanza de fuego seppur ho lasciato stare vista la mia scarsa indole aggressiva e ancora più scarsa polemica.

    Leggendo però il blog di Google mi si sono rizzati i capelli in testa (e sono pelato stile palla da biliardo quindi pensate un pò) per le due semplicissime domande che mi sono subito spuntate:

    • Come sappiamo l'https è un protocollo lento, molto più del normale http, e già adesso che le query https interessano solo l'1% possono occorrere dai 2 ai 3 secondi in più per aprire una pagina https. Ipotizzando arrivino al 5% di query che interessano l'https (non ci credo neanche se lo vedo) quanto tempo occorrerà per aprire le pagine? Un paio di ore? Di più? Un WE intero? Non lo so ma non penso saremo molto lontani.
    • A ri come sappiamo la velocità del sito è un fattore, dicono ... se ci credono anche non lo so ..., determinante. Non pare anche a voi che con sta mossa Google voglia provare a chiudere un buco da una parte aprendone però uno bello grosso dall'altra?


    In conclusione che bisogno c'è di forzare tutti a creare delle connessioni sicure? E tutta quella miriade di siti che per loro stessa natura non hanno niente da proteggere? Il socket secure layer (ssl appunto) è un protocollo che serve a trasmettere dati criptati quindi con sta mossa costringono, almeno ci provano, tutti ma proprio tutti quanto meno a implementare un qualche sistema di login per avere qualcosa da trasmettere con quel protocollo o in Google, mi sembra un'ipotesi poi non così campata per aria visto la paranoia in merito ai contenuti che regna sovrana la dentro, pensano che l'ssl serva per impedire il copia/incolla di un testo?

  36. #36
    L'avatar di Giorgiotave
    Data Registrazione
    Oct 2004
    Località
    Monasterace
    Messaggi
    40,180
    Visita il canale Youtube di Giorgiotave
    Salvatore Capolupo ha segnalato un problema relativo ai guadagni Adsense
    Giorgio Taverniti Blog. FastForward: su YouTube ogni Martedì!

    Tutta la SEO in 23 ore: 9 diversi moduli tematici, 34 lezioni, questo è il Videocorso SEO del 2017!


  37. #37
    User
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    40
    Intanto, su un sito, a seguito dei grossi scossoni all’algoritmo dei giorni scorsi, mi sto ritrovando in SERP dei risultati con “https“.
    È inutile dire che cliccando si va su una pagina di errore dello stesso google che indica qualcosa che non va sulla connessione.
    Aspettiamo e vediamo cosa succede....

  38. #38
    Moderatore L'avatar di Juanin
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Bologna
    Messaggi
    4,550
    Segui Juanin su Twitter Aggiungi Juanin su Google+ Aggiungi Juanin su Facebook Aggiungi Juanin su Linkedin Visita il canale Youtube di Juanin
    Il problema dei guadagni AdSense in teoria dovrebbe essere temporaneo e solo nella fase iniziale dove viene fatto il deep crawl del sito HTTPS.

  39. #39
    User
    Data Registrazione
    Feb 2005
    Messaggi
    526
    Scusatemi
    ma utilizzare un certificato HTTPS (su server Windows) non rallenta la navigazione dell'utente?
    Qualcuno sa qualcosa in merito ?

    A mio parere il certificato SSL sarebbe da attivare solo dove vengono trattati i dati dei visitatori quindi nelle pagine dei moduli di contatto, nelle pagine del carrello di un ecommerce, nella pagina di login.
    Ovviamente se la form del login si trova su tutte le pagine del sito, penso che sia necessario un certificato su tutto il sito.

  40. #40
    User
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Udine
    Messaggi
    76
    Riesumo la discussione perchè mi è capitato un fatto assai strano...
    Gestisco un e-commerce completamente in HTTPS e recentemente una ditta che si occupa di SEO e posizionamento mi ha consigliato di rimuovere il certificato. Perchè? "Perchè HTTPS rende difficoltosa la link building"
    Qualcuno ha avuto esperienze negative nel posizionare siti HTTPS? Oppure potete spiegarmi l'affermazione di cui sopra?

  41. #41
    Moderatore L'avatar di Juanin
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Bologna
    Messaggi
    4,550
    Segui Juanin su Twitter Aggiungi Juanin su Google+ Aggiungi Juanin su Facebook Aggiungi Juanin su Linkedin Visita il canale Youtube di Juanin
    Mi sembra una bella idiozia questa della link building.

  42. #42
    L'avatar di Giorgiotave
    Data Registrazione
    Oct 2004
    Località
    Monasterace
    Messaggi
    40,180
    Visita il canale Youtube di Giorgiotave
    Citazione Originariamente Scritto da Juanin Visualizza Messaggio
    Mi sembra una bella idiozia questa della link building.
    Anche secondo me, ma avete avuto cali?

    John Mueller ha detto che non ci saranno problemi (che poi non significa niente ).
    Giorgio Taverniti Blog. FastForward: su YouTube ogni Martedì!

    Tutta la SEO in 23 ore: 9 diversi moduli tematici, 34 lezioni, questo è il Videocorso SEO del 2017!


  43. #43
    User L'avatar di krikali
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    La spezia
    Messaggi
    10

    HTTPS si HTTPS no

    Citazione Originariamente Scritto da Giorgiotave Visualizza Messaggio
    Anche secondo me, ma avete avuto cali?

    John Mueller ha detto che non ci saranno problemi (che poi non significa niente ).

    Ciao a tutti,
    dopo il convegno GT siamo tornati a casa con l'ansia da HTTPS, in soldoni cosa consigliate di fare?
    Per le agenzie web credo che sia un lavoro non da poco...come diceva qualcuno prima di me...che bisogno c'è di forzare tutti a creare delle connessioni sicure...mah!

    La penalizzazione sarà così importante?...Così tanto davvero da costringerci all'acquisto di certificati su tutti i siti dei nostri clienti?
    John Mueller al convegno mi è sembrato abbastanza categorico...e quindi la risposta mi sembrerebbe si...

    fatemi sapere cosa ne pensate!




    http://twitter.com/#!/krikali

  44. #44
    Moderatore L'avatar di Juanin
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Bologna
    Messaggi
    4,550
    Segui Juanin su Twitter Aggiungi Juanin su Google+ Aggiungi Juanin su Facebook Aggiungi Juanin su Linkedin Visita il canale Youtube di Juanin
    L'unico problema non è l'influenza sul ranking che è praticamente nulla, ma sul fatto che il Team di Chrome sta proponendo di marcare come "NON SICURI" i siti non in HTTPS.

    Questo significa che i nostri siti (se Chrome procederà sulla sua linea - e credo di sì) saranno inaccessibili se erogati su HTTP.

    Il mio consiglio è di iniziare a fare allenamento con qualche migrazione di test e certificato free per essere pronti al momento del bisogno. Iniziate anche a fare allocare un budget ai clienti spiegando la cosa visto che Chrome conta ben oltre il 60% di utilizzo in Europa.

  45. #45
    User L'avatar di krikali
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    La spezia
    Messaggi
    10
    grazie mille,
    hai qualche link ufficiale dal team di Chrome che spiega questa novità?
    http://twitter.com/#!/krikali

  46. #46
    Moderatore L'avatar di Juanin
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Bologna
    Messaggi
    4,550
    Segui Juanin su Twitter Aggiungi Juanin su Google+ Aggiungi Juanin su Facebook Aggiungi Juanin su Linkedin Visita il canale Youtube di Juanin
    Già linkato nel post.

  47. #47
    User L'avatar di krikali
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    La spezia
    Messaggi
    10
    grazie sorry
    http://twitter.com/#!/krikali

  48. #48
    Moderatore L'avatar di zackmckacken
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    426
    Segui zackmckacken su Twitter Aggiungi zackmckacken su Google+ Aggiungi zackmckacken su Facebook
    Ciao, a mio modesto parere, dipende anche dalla tipologia del sito. Se gestisco un blog personale ove pubblico solo informazioni personali, difficilmente avrebbe senso un https. Discorso diverso per ecommerce, in cui l'https potrebbe essere indice di sicurezza e affidabilità. C'è da vedere in questo contesto come la pensano gli investitori di Adwords o AdSense, solo per dirne una, che potrebbero essere danneggiati dalla mancata visualizzazione di siti non sicuri. E i siti più autorevoli che non intendono adeguarsi all'https? Onestamente credo poco nelle migrazioni di massa. Ma se davvero dovesse essere indispensabile, di sicuro verranno introdotte soluzioni affidabili, veloci e a buon prezzo (o almeno lo spero )
    MODLink Popularity e Network - Leggi di me su Giannip.com. - Gruppo Facebook: Guest Post

  49. #49
    User L'avatar di JACKO'S WEBSOLUTIONS
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Località
    Trento
    Messaggi
    474
    Impensabile portare tutti i siti su protocollo sicuro...a che serve un blog con HTTPS?
    A parte che le cifre per un buon HTTPS sono abbastanza alte. I servizi simil "free" spesso lasciano i siti con quel brutto messaggio di connessione non sicura, che ti invita ad uscire dal sito.
    Cloudflare ha lanciato UNIVERSAL SSL, un progetto che punta ad offrire gratuitamente il protocollo agli iscritti, avendolo testato su vari network (ed essendo ancora non completo) vi dico in partenza che è pressocchè inutile (se non dannoso): a volte finisce col bloccare i css, a volte parte un redirect che ti rimanda su altri siti ecc...

    Piuttosto sarà molto probabile che metteranno un badge, come han fatto per i siti mobile friendly.
    Ultima modifica di JACKO'S WEBSOLUTIONS; 23-12-14 alle 01:25

  50. #50
    Moderatore L'avatar di Juanin
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Bologna
    Messaggi
    4,550
    Segui Juanin su Twitter Aggiungi Juanin su Google+ Aggiungi Juanin su Facebook Aggiungi Juanin su Linkedin Visita il canale Youtube di Juanin
    Se non credete a come la vede Google leggete anche questo.

    Ovviamente sono praticamente tutti contrari, ma alla fine volenti o nolenti tutti si dovranno adeguare e inizieranno a piovere certificati Free. Vedrete.

    Ci risentiamo tra qualche mese

+ Rispondi alla Discussione
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.