+ Rispondi alla Discussione
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 50 di 79

Google Segnala link a pagamento, e ora?

Ultimo Messaggio di ishita22 il:
  1. #1
    User L'avatar di Battiterra
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    221

    Google Segnala link a pagamento, e ora?

    Leggo nella bacheca degli strumenti per webmaster

    "Aiutaci a garantire la massima qualità dei risultati di ricerca di Google.

    Ci impegniamo molto per restituire i risultati più pertinenti per ciascuna ricerca effettuata. A tale scopo, invitiamo i responsabili dei siti a creare contenuti diretti e facilmente comprensibili sia dagli utenti che dai motori di ricerca. Purtroppo, non tutti i siti web hanno a cuore gli interessi degli utenti. Alcuni titolari di siti tentano infatti di "acquistare PageRank™" sotto forma di link a pagamento ai propri siti. L'acquisto di link per migliorare il PageRank vìola le nostre norme sulla qualità.
    Per rilevare i link a pagamento, Google utilizza diversi metodi, incluse tecniche algoritmiche. Apprezziamo inoltre le informazioni provenienti dai nostri utenti. Se sei a conoscenza di un sito che acquista o vende link, puoi segnalarlo compilando i campi di seguito. Esamineremo la tua segnalazione e useremo i dati da te inviati per migliorare la nostra funzione di rilevamento algoritmico di link a pagamento"
    segue un form per "sbirrare" sul link a pagamento

    e moh che succede, la rivoluzione? Alcuni ne usciranno rovinati, penso ad esempio a Text Links Ads e LinkLift che basano il proprio business proprio su queste attività

    p.s. ho postato qui perchè è la sezione direttamente interessata dal problema, eventualmente spostate.

  2. #2
    Banned L'avatar di Napster
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Roma!
    Messaggi
    731
    XD!

    Non credo che riescano a capire se io quell'link l'ho comprato o il webmaster è un mio amico e mi ha voluto linkare!XD

  3. #3
    User L'avatar di Battiterra
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    221
    si in generale quello è molto difficile, però di fronte a sezioni come questa oppure a servizi come quelli linkati sopra insomma non è difficle fare due più due.. non capisco però il perchè di questa scelta da parte di google, visto che la vendita di link a pagamento è una pratica straconsolidata a livello globale

  4. #4
    Non iscritto L'avatar di Evi|A|ivE
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    171
    Strano che questa discussione sia passata inosservata.
    "Nulla da dichiarare"?

    Il motivo ufficiale è che la politica di gUgol di cercare di dare risultati pertinenti e rilevanti, basata anche e oserei dire in gran parte dai link (pagerank, truskrank), non puo essere, cito testualmente, "giocata" da un link comprato.

    Quindi stando a cio che si legge in un post di Cutts, il "reato" non è vendere o comprare un link, ma farlo per acquisire PR e anchor rilevanti da siti con trust elevato.

    Nulla vieterebbe di vendere un link e dotarlo di rel=nofollow.
    Resta da vedere quanti effettivamente cerchino da un link in una home "pesante" solo di veicolare traffico e non vantaggi al fine del posizionamento.

    Viene sollevata l'obiezione "Ma i controlli sono manuali e diretti? Cosa accade se compro un link verso un mio competitor e poi lo segnalo?"
    A detta di Cutts le segnalazioni servono per acquisire esempi per meglio realizzare un algoritmo di valutazione, quindi non sembra ci sia l'intenzione di rendere la segnalazione una sorta di "taglia" cui consegue una penalizzazione manuale, anche se l'apporto umano pare sia rilevante.

    Sempre nell'articolo si legge che le segnalazioni da parte di utenti autenticati (da pannello webmaster tool in pratica) abbiano un peso maggiore.
    credo ovviamente per avere piu controllo sul "chi segnala cosa", e allontanare l'ipotesi di segnalaizoni selvagge volte a screditare concorrenti piuttosto che cercare di migliorare il metodo di calcolo di PR e rilevanza links.

    L'articolo cui mi riferisco è questo

    Edito e aggiungo: la conseguenza per un sito che vende è l'abbassamento del trust assegnatoli. Non mi pare di aver letto di conseguenze per i linkati, se non uno scontato NON passaggio di PR e apporto anchor/link.
    Ultima modifica di Evi|A|ivE; 19-06-07 alle 19:41

  5. #5
    User
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    55
    ehm scusate la poca esperienza...

    ma a questo punto se io avessi un ristorante e mi prendo uno spazio+link a pagamento su uno dei tanti siti che li elencano e che magari hanno un banner a rotazione in prima pagina...per cercare di farmi + pubblicità con un portale rischio di perdere posizionamento nel mio sito principale perchè è evidente che ho acquistato uno spazio+link su un portale che come lavoro fa proprio pubblicità settoriale?
    E tutti quelli che stanno usando sto modello di businness...devono cominciare a pensare che sono sempre più a riskio?

  6. #6
    Non iscritto L'avatar di Evi|A|ivE
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    171
    Parla di links testuali spacciati come links naturali.
    Per gUgol, e ci ha basato la sua forza , conta tantissimo cio che gli altri dicono.
    Le referenze, come nella vita reale.

    Io ho un sito, un ristorante. Ho dei prezzi ottimi, la gente ci è venuta e parlottando di ristoranti scrive "Io son stato da Peppiniello Lo Zozzone ch eè un ottimo ristorante a belluno" ho avuto la giusta ricompensa per il mio operato. Un link.

    Poi arrivi te (faccio un esempio..) con un sito penoso e compri un link da un bel portalone che sui link basa il suo business.
    La tua referenza è oggettivmente piu pesante della mia che viene magari da un blog personale. Eppure non è vero che sei meglio di me!

    Ecco cosa vuole combattere. La mercificazione del PR e del valore intrinseco di un link e del suo anchor.
    Se voglio vendere link o comprarli solamente per veicolare traffico e visitatori, basta porre nel link l'attributo "rel=nofollow".
    Un utente non lo vede, sbircia il link, lo clicca e tu hai un visitatore.
    Il motore legge nofollow e passa oltre.
    Non becchi pr, link in entrata.. ma solo utenza.

  7. #7
    User Attivo L'avatar di sughero3
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Firenze
    Messaggi
    1,041
    Segui sughero3 su Twitter Aggiungi sughero3 su Google+ Aggiungi sughero3 su Facebook Aggiungi sughero3 su Linkedin
    ...mmmm se davvero fossero in grado di capire che vende links non chiederebbero ai wm di "fare la spia"
    Allena la mente alla tolleranza.

  8. #8
    User Attivo L'avatar di sughero3
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Firenze
    Messaggi
    1,041
    Segui sughero3 su Twitter Aggiungi sughero3 su Google+ Aggiungi sughero3 su Facebook Aggiungi sughero3 su Linkedin
    In effetti un paio di considerazioni mi nascono spontanee. Ad esempio non ci sono dubbi che il mercato si regge sulla pubblicità, sia esso “tradizionale” sia la new economy (internet).

    La richiesta di google di segnalare i siti che vendono links a pagamento, quindi pubblicità, mi riporta alla mente il periodo pre-google, quando per aumentare le visite di un sito ci si affidava agli scambi banner o a siti che organizzavano rotazioni banner con rapporto 2:1 o 3:1 …

    Infatti google non è contrario alla pubblicità, ovvero ad acquistare o vendere links, basta che questi abbiano il tag nofollow o siano in javascript … insomma non devono passare PR o TR, ma solo utenti.

    Mi pare altrettanto ovvio che chi investe una certa somma in pubblicità con l’acquisto di links testuali è ovvio che vuole sfruttare al massimo questo suo investimento, quindi perché mai dovrebbe accettare il tag nofollow?

    L’unica maniera sarebbe quella, da parte di chi vende links o banner, potrebbe essere quella di fare 2 prezzi, che so, un link testuale senza il tag nofollow costa 1000 euro (cifre a caso ovviamente) mentre lo stesso link con il tag nofollow costa 100 euro … in tal caso chi è interessato solo al passaggio degli utenti risparmierebbe un bel po’ di soldi invogliando l’acquisto …
    Ma è proponibile una cosa del genere? … mha ….

    Mi chiedo anche il perché un webmaster dovrebbe denunciare un sito che compra links … lo fa solo perché vuole aiutare google ne suo intento di offrire serp più pulite agli utenti, oppure vuol far fuori un competitor o semplicemente un tizio che gli sta antipatico?

    Ultima domanda: è possibile verificare quali sono i siti penalizzati da google perché vendono links? … ed è altresì possibile scoprire se un link è depotenziato? … ci sono tool in tal senso?
    Allena la mente alla tolleranza.

  9. #9
    Utente Premium L'avatar di runen
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    578
    Citazione Originariamente Scritto da sughero3 Visualizza Messaggio
    Ultima domanda: è possibile verificare quali sono i siti penalizzati da google perché vendono links? … ed è altresì possibile scoprire se un link è depotenziato? … ci sono tool in tal senso?

    Questo interesserebbe molto anche a me.
    Mi occupo di medioevo

  10. #10
    User
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    60
    Citazione Originariamente Scritto da runen Visualizza Messaggio
    Questo interesserebbe molto anche a me.
    Ecco, anche io - che in questi giorni sono alla ricerca di un minimo posizionamento, come ho spiegato qui: http://www.giorgiotave.it/forum/web-...cliente-2.html, non vorrei incappare in qualche fatale errore e penalizzarmi ancora prima di cominciare - sono molto interessata alla risposta.
    Val

  11. #11
    User L'avatar di linuxmafiait
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Messaggi
    178
    Credo proprio che è molto più facile penalizzare il sito che vende link e non il sito che acquista, oltre al fatto che chiunque poi si ritrovi con un sito che ha la possibilità di penalizzare gli altri solo linkandoli ha un potere enorme e ricattatorio tipo camorra
    La penalizzazione massima che può attuare google è azzerare il PR del sito linkante e di conseguenza annientare il trust rank fino ad oggi accumulato in modo che i link da quel sito non abbiano un peso rilevante, a limite può penalizzarlo con una -950 e farlo sparire dalle serp in modo da renderlo inutile completamente.

  12. #12
    Non iscritto L'avatar di Evi|A|ivE
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    171
    Nell'articolo si parla di abbassamenti del trust del sito che vende.
    Lui perde Trust, i link che vende valgono meno (con l'obiettivo ,credo, da parte di GG di farli valere ZERO), chi ha il link non nota l'aumento di PR ne una crescita sostanziale nelle SERP.
    ergo si brucia il venditore.. e chi compra si ritrova ad aver pagato con soldi buoni.. un link che vale meno di una firma in forum.
    O almeno cosi mi pare di capire.

  13. #13
    User L'avatar di linuxmafiait
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Messaggi
    178
    Citazione Originariamente Scritto da Evi|A|ivE Visualizza Messaggio
    Nell'articolo si parla di abbassamenti del trust del sito che vende.
    Lui perde Trust, i link che vende valgono meno (con l'obiettivo ,credo, da parte di GG di farli valere ZERO), chi ha il link non nota l'aumento di PR ne una crescita sostanziale nelle SERP.
    ergo si brucia il venditore.. e chi compra si ritrova ad aver pagato con soldi buoni.. un link che vale meno di una firma in forum.
    O almeno cosi mi pare di capire.
    Quoto in pieno anche perchè effettivamente è l'unico ragionamento logico che si possa fare sull'argomento

  14. #14
    User Attivo L'avatar di sughero3
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Firenze
    Messaggi
    1,041
    Segui sughero3 su Twitter Aggiungi sughero3 su Google+ Aggiungi sughero3 su Facebook Aggiungi sughero3 su Linkedin
    insomma si naviga a vista e/o in base alla propria esperienza, conoscenti, amici compiacenti ecc...

    in tutto ciò intravedo un'ingiustizia di fondo ... se hai le conoscenze giuste potrai avere link (pagando sottobanco) che appariranno del tutto spontanei e naturali ... se invece sei il sig. nessuno devi sperare che l'investimento che hai fatto non venga azzarato ...

    ma non era meglio fare il tutto alla luce del sole?

    ... oppure creare una lista di siti dove non comprare perché "sgamati" da google ...
    lo so, lo so ... ma la mia è solo una provocazione

    Citazione Originariamente Scritto da linuxmafiait Visualizza Messaggio
    Credo proprio che è molto più facile penalizzare il sito che vende link e non il sito che acquista, oltre al fatto che chiunque poi si ritrovi con un sito che ha la possibilità di penalizzare gli altri solo linkandoli ha un potere enorme e ricattatorio tipo camorra
    La penalizzazione massima che può attuare google è azzerare il PR del sito linkante e di conseguenza annientare il trust rank fino ad oggi accumulato in modo che i link da quel sito non abbiano un peso rilevante, a limite può penalizzarlo con una -950 e farlo sparire dalle serp in modo da renderlo inutile completamente.
    cmq se io fossi google terrei d'occhio anche il sito che compra, perché se lo ha fatto una volta può rifarlo una seconda ... anzi è un buon modo per scoprire altri siti che vendono links ...

    tutto ciò è pazzesco! ... come si fa a lavorare in una situazione simile?
    speriamo che trovino un altro sistema per valutare un sito, questo dei BL fa acqua da tutte le parti
    Ultima modifica di sughero3; 21-06-07 alle 08:12
    Allena la mente alla tolleranza.

  15. #15
    User
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Messaggi
    228
    Citazione Originariamente Scritto da sughero3 Visualizza Messaggio
    cmq se io fossi google terrei d'occhio anche il sito che compra, perché se lo ha fatto una volta può rifarlo una seconda ... anzi è un buon modo per scoprire altri siti che vendono links ...
    Esatto: Se ho comprato un link, è probabile che ne abbia gia acquistati e che ne acquisterò altri. Dunque, intravedo un effetto domino pericoloso ...

    Citazione Originariamente Scritto da sughero3 Visualizza Messaggio
    tutto ciò è pazzesco! ... come si fa a lavorare in una situazione simile?
    speriamo che trovino un altro sistema per valutare un sito, questo dei BL fa acqua da tutte le parti
    Secondo me, se google applicasse questo "schema" senza tante cautele si ritroverebbe con il web quasi "azzerato". Ma poi alla fine questa è una delle tante guerre tra ricchi e poveri. Raga se dovete segnalare siti che vendono iniziate almeno dai giganti ...

    ===

    Secondo me l'approccio al problema è sbagliato ... ovvero sarebbe meglio se google avesse fatto la guerra ai siti che usano network di siti appositamente creati a fini di posizionamento. In fin dei conti, secondo me, se un tizio e caio acquistano link significa che sono "imprenditori" che scommettono sulla bontà del proprio progetto imprenditoriale ... Cioè, almeno io non comprerei mai a 100 euro al mese un link per spingere uno spam engine che mi verrà sgamato (e buttato fuori dagli indici) dopo qualche giorno ...
    Ultima modifica di AlbertoSeo; 21-06-07 alle 10:45
    Lorem ipsum sport sit amet ...

  16. #16
    User Attivo L'avatar di sughero3
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Firenze
    Messaggi
    1,041
    Segui sughero3 su Twitter Aggiungi sughero3 su Google+ Aggiungi sughero3 su Facebook Aggiungi sughero3 su Linkedin
    Citazione Originariamente Scritto da AlbertoSeo Visualizza Messaggio
    Esatto: Se ho comprato un link, è probabile che ne abbia gia acquistati e che ne acquisterò altri. Dunque, intravedo un effetto domino pericoloso ...



    Secondo me, se google applicasse questo "schema" senza tante cautele si ritroverebbe con il web quasi "azzerato". Ma poi alla fine questa è una delle tante guerre tra ricchi e poveri. Raga se dovete segnalare siti che vendono iniziate almeno dai giganti ...

    ===

    Secondo me l'approccio al problema è sbagliato ... ovvero sarebbe meglio se google avesse fatto la guerra ai siti che usano network di siti appositamente creati a fini di posizionamento. In fin dei conti, secondo me, se un tizio e caio acquistano link significa che sono "imprenditori" che scommettono sulla bontà del proprio progetto imprenditoriale ... Cioè, almeno io non comprerei mai a 100 euro al mese un link per spingere uno spam engine che mi verrà sgamato (e buttato fuori dagli indici) dopo qualche giorno ...
    come ti quoto volentieri
    Allena la mente alla tolleranza.

  17. #17
    Esperto L'avatar di Stuart
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Località
    Torino
    Messaggi
    3,877
    Citazione Originariamente Scritto da AlbertoSeo
    In fin dei conti, secondo me, se un tizio e caio acquistano link significa che sono "imprenditori" che scommettono sulla bontà del proprio progetto imprenditoriale ...
    La considerazione di per sè non fa una piega, ma per la logica del funzionamento (e della filosofia) di Google è proprio il consegnare le serp nelle mani bucate degli "imprenditori" che si vuole evitare.

    Già mesi orsono lamentavo il fatto che il mercato della compravendita di link era fatto di persone che non sanno vendere e di persone che non sanno comprare. L'ordine che Google avrebbe dovuto portare nel web non contemplava la sventurata ipotesi che un webmaster, raggiunto PR4 in home page, si mettesse a monetizzare indiscriminatamente un valore, di fatto di proprietà del motore californiano, a casino online, siti di finanza, agriturismi, giochi flash, hotel roma, virtual girls ecc ecc ecc...

    Tutti insieme appassionatamente, 30 cuori in affitto, il Grande Fratello in migliaia di footer, sidebar, tutti rigorosamente "Sponsored links", tutti rigorosamente off topic, tutti rigorosamente keyword keyword keyword.

    Un mercato ignorante, privo della consapevolezza di sè ma con un vago senso di colpa. Non poteva mica andare avanti all'infinito.

    Già adesso gli algoritmi di Google sono in grado di "appendere" ai link in uscita tutte le informazioni di cui necessita per dare più o meno rilevanza alla risorsa linkata. Già adesso un link "Hotel Roma" posto su una pagina che parla di Giochi in Flash vale pressochè zero. Ipoteticamente Google potrebbe da un momento all'altro decidere di ignorare gli anchor text, magari molte serp ne guadagnerebbero anche.

    Ma Google non vuole privare gli amati/odiati webmaster del loro potere di voto (voto che si compone anche dell'anchor text) e allora vuole affinare gli artigli e fare un po' di pulizia. Gli servono dati, esempi, pattern, per affinare gli algoritmi. Chiedendo aiuto direttamente ai webmaster, può fare molto prima.

    Per chi vende link, e viene beccato, pare non ci siano conseguenze a livello di ranking. Perde semplicemente il diritto di voto, il trust e il Pr che può passare tramite collegamento ipertestuale.
    Per chi li compra, al di là di eventuali penalizzazioni/rimozioni coatte dal db decise più o meno automaticamente, l'effetto è quello della perdita di N-Link in entrata, dove N è il numero di link acquistati. Basta questo, specie per chi acquista con sistematicità e un po' dove capita, per droppare sensibilmente o drasticamente.


    .Stuart
    210720082115

  18. #18
    User Attivo L'avatar di sughero3
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Firenze
    Messaggi
    1,041
    Segui sughero3 su Twitter Aggiungi sughero3 su Google+ Aggiungi sughero3 su Facebook Aggiungi sughero3 su Linkedin
    permettimi di dissentire cordialmente

    non condivido il tuo modo di considerare le cose, infondo è stato lo stesso google a dare valore ai links, un valore eccessivo, quasi non conta più nulla il contenuto di un sito, basta avere i BL giusti e il gioco è fatto ...

    sono anche convinto che se google fosse in grado di scovare i venditori di links (il 70% dei siti da pr 5 in poi) con il solo ausilio dei suoi algoritmi non starebbe a chiedere il cosiddetto aiuto ai webmaster ...

    con questo google è un sito privato e come tale può fare quello che vuole, senza dare spiegazioni a nessuno, ma noi siamo qui per capire e per scambiarci opinioni ... nulla di più nulla di meno

    PS. non penso che il terrorismo verbale (se compri un link butti i soldi e rischi di essere bannato) fermerà il già florido mercato della compravendita dei links, meglio rischiare che rimanere in 1000 pagina, penseranno moltissimi wm magari con siti interessanti ma privi di BL ad alto tust ...
    Ultima modifica di sughero3; 21-06-07 alle 13:31
    Allena la mente alla tolleranza.

  19. #19
    Non iscritto L'avatar di Evi|A|ivE
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    171
    Citazione Originariamente Scritto da sughero3 Visualizza Messaggio
    permettimi di dissentire cordialmente
    basta avere i BL giusti e il gioco è fatto ...
    Ecco, credo che cosi il significato di "BL giusto" acquisti un senso!

    PS. non penso che il terrorismo verbale (se compri un link butti i soldi e rischi di essere bannato) fermerà il già florido mercato della compravendita dei links,
    Bannato no, ma il comprare un link senza avere un vantaggio.. chi lo fara?
    Tu compreresti un link dal sito X sapendo che non ti passa PR e che non conta neanche come link?
    Ripeto, su un sito con alto traffico un link puo fare comodo. Non ti passa pr ma ti puo passare un visitatore.
    Poi non capisco il problema. Non mi pare che nessuno si sia lamentato perche i bannerini AS & company non passano ne pr ne concorrono al conteggio dei links.. eppure la gente paga ed aderisce come inserzionista.

    Credo sia questione di definizione: non sara piu possibile (o si cerca di ..) comprare PR e links pesanti, perche certe cose incidono sul posizionamento.
    Mi sembra cosi normale che non capisco il perche ci si sia arrivati solo ora O_o

  20. #20
    Esperto L'avatar di Stuart
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Località
    Torino
    Messaggi
    3,877
    Citazione Originariamente Scritto da sughero3
    permettimi di dissentire cordialmente
    Ok

    Citazione Originariamente Scritto da sughero3
    non condivido il tuo modo di considerare le cose, infondo è stato lo stesso google a dare valore ai links, un valore eccessivo, quasi non conta più nulla il contenuto di un sito, basta avere i BL giusti e il gioco è fatto ...
    Il link model era (ed è) lo strumento più valido per conferire democraticità al ranking delle pagine web su Google.
    1. Sei importante perchè molti webmaster ti citano.
    2. Sei autorevole perchè molti webmaster autorevoli ti citano.
    3. Sei rilevante (per determinate ricerche) perchè molti webmaster rilevanti (per determinate ricerche) ti citano.
    La sommatoria di questi 3 elementi dà vita al Pagerank, che è un algoritmo prettamente quantitativo (pur con gli aggiornamenti che ha subìto negli anni)
    Se a questi 3 elementi aggiungi quello fondamentale, che è la spontaneità della citazione, allora hai un link che avrà enorme impatto anche ai fini del posizionamento.

    Basterebbe questa piccola -e neanche complicata- consapevolezza per dare vita ad un mercato di compravendita link sostenibile e tollerato (paradossalmente persino utile) da Google: il pagamento di un costo VS una menzione pseudo-spontanea di una risorsa.

    Invece non è così, e credo tu non sia così ingenuo da non aver mai notato quali aberrazioni molti webmaster riescono a dar vita nei footer dei loro siti

    Sul "BL giusto" (comprato o meno), si potrebbe discutere per ore. Ti basti sapere, ad esempio, che la maggior parte dei link che vedo nei siti, che anche mia nonna riconoscerebbe come venduti, solo una minimissima parte potrebbe essere definita "BL giusto".
    In maggior parte sono tentativi di accrescere il PR e forzare la keyword popularity del documento / sito linkato.

    Ed è il fenomeno che Google, sui suoi server sovrano, sta cercando di contrastare.

    Citazione Originariamente Scritto da sughero3
    sono anche convinto che se google fosse in grado di scovare i venditori di links (il 70% dei siti da pr 5 in poi) con il solo ausilio dei suoi algoritmi non starebbe a chiedere il cosiddetto aiuto ai webmaster ...
    No, gli algoritmi non sono in grado di scovare la natura onerosa degli outbound di un documento. Ci mancherebbe. Forse i motori di ricerca del film "Minority Report" ci riuscirebbero, ma attualmente la chiaroveggenza non è una feature implementata da Google (pare ci stiano lavorando, però... )

    Tuttavia sono in grado di stabilire, con ottime probabilità di azzeccarci, la spontaneità di un link. E vi riescono, grosso modo, analizzando topic e subtopic del documento che contiene l'outbound, verificando la coerenza dell'anchor text dell'outbound e della risorsa linkata con il documento linkante, analizzando la posizione e la formattazione del link all'interno del documento, analizzando eventuali link vicini.

    Non a caso i link "migliori" sono quelli inseriti in una porzione di testo. In questo modo il documento, anche se in misura minima, parlerà "anche" dell'argomento del link e della risorsa linkata.

    Detto questo, siccome non sono assolutamente contrario al comprare link (ritengo che comprare link sia sbagliato, ma saper comprare link è una skill che deve avere un buon seo) vi lascio con una chicca di seomoz.org, una lettura vi consentirà qualche buon acquisto Google (and idiot) proof

    525,600 Metrics - How do you measure a link?


    .Stuart
    210720082115

  21. #21
    User Attivo L'avatar di sughero3
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Firenze
    Messaggi
    1,041
    Segui sughero3 su Twitter Aggiungi sughero3 su Google+ Aggiungi sughero3 su Facebook Aggiungi sughero3 su Linkedin
    Detto questo, siccome non sono assolutamente contrario al comprare link (ritengo che comprare link sia sbagliato, ma saper comprare link è una skill che deve avere un buon seo) vi lascio con una chicca di seomoz.org, una lettura vi consentirà qualche buon acquisto Google (and idiot) proof
    messa così la faccenda ha un altro sapore ...

    certo ci sono moltissimi wm allo sbaraglio ed altrettanti venditori che non sanno vendere ...

    ma queste alberazioni dovrebbe correggerle il mercato (come in una pubblicità tradizionale, se è fatta male e diretta al target sbagliato è destinata a fallire) ... capisci cosa intendo?

    il fatto è che chi avrà soldi e conoscenze (tecniche e amici degli amici) riuscirà ad avere un link spontaneo a pagamento
    ... per gli altri :
    1. soldi buttati dalla finestra
    2. perdita di posizionamento o altre "punizioni" by google
    3. ambedue le cose
    la mia convinzione è lasciare che sia il mercato a decidere chi merita, ovvero la pubblicità (perché di questo si tratta) non puoi fermarla senza creare grosse disparità di trattamento ... parere personale si capisce
    Ripeto, su un sito con alto traffico un link puo fare comodo. Non ti passa pr ma ti puo passare un visitatore.
    Poi non capisco il problema. Non mi pare che nessuno si sia lamentato perche i bannerini AS & company non passano ne pr ne concorrono al conteggio dei links.. eppure la gente paga ed aderisce come inserzionista.
    non sono affatto contrario al mercato dei bannerini, l'importante è sapere cosa aspettarsi dal banner o link testuale che vai a comprare ... se ti serve traffico qualificato da quel sito ok, ma se oltre al traffico vuoi anche che passi pr il discorso cambia
    Ultima modifica di sughero3; 22-06-07 alle 07:33
    Allena la mente alla tolleranza.

  22. #22
    Esperto L'avatar di Stuart
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Località
    Torino
    Messaggi
    3,877
    Citazione Originariamente Scritto da sughero3
    la mia convinzione è lasciare che sia il mercato a decidere chi merita, ovvero la pubblicità (perché di questo si tratta) non puoi fermarla senza creare grosse disparità di trattamento ... parere personale si capisce
    Sono assolutamente d'accordo. Ogni mercato (qualsiasi esso sia), anche il più selvaggio e deregolamentato, compie prima o poi una sorta di selezione darwiniana dei suoi player: chi "sa fare" il mercato rimane, chi "non sa fare" il mercato viene tagliato inesorabilmente fuori.

    Perchè ho detto che il mercato della compravendita di links non ha consapevolezza di sè (cfr post precedente)? Perchè fino a che non vi è sufficiente educazione alla vendita e all'acquisto, e fino a che non ci si rende conto che si è TUTTI (anche chi non compra e non vende link) interconnessi sul web e che basta che anche un solo sito subìsca l'annullamento degli outbound per fare danni a catena, allora questa selezione naturale non potrà avvenire; perchè non vi è una chiara percezione di chi sbaglia cosa e quali conseguenze ci possono essere.

    Indipendentemente dallo psicoterrorismo di Google (e conseguente incitamento alla delazione, a cui sono generalmente contrario) chi ritiene di saper comprare, deve informare chi non sa vendere, chi sa vendere deve informare chi non sa comprare.

    Non ci vuole molto, tutto sommato. Forse basta un'attitudine meno fortemente legata all'allungamento della barretta verde (inutile, se si punta solo alla quantità) e alla mera ricerca di link keyword-rich (inutili, se si punta solo alla quantità).


    .Stuart
    210720082115

  23. #23
    User L'avatar di watanabe77
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    76
    Faccio una piccola considerazione, il concetto in se non è sbagliatissimo a mio avviso, però l'unica cosa seria che può fare google in tal senso è quella di creare una sorta di black list di siti che vendono link e impostare il proprio algoritmo in modo tale da non valorizzare (a livello di tr) il link che provengono da questa lista.
    Per il resto mi sembra del tutto inopportuno penalizzare i siti che vendono link o quelli che li comprano.
    link2me.it: professional network e marketplace

  24. #24
    Non iscritto L'avatar di Evi|A|ivE
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    171
    Ma chi ha parlato di penalizzare? O_o
    Sara noioso ripeterlo sino alla nausea ma...
    .. ma i link si vendono (e si comprano) perche G da importanza al giudizio positivo di altre persone/siti.
    Se un sito sta in una paginetta perche ha portato soldi , allora NON ha tutto il valore che avrebbe uno stesso link messo li perche rimanda ad una pagina importante e rilevante.

    Se poi vogliamo chiamare "penalizzazione" l'abbassamento del trust di un sito perche vende links.. allora siamo alla frutta!

    Scusate, ma ve lo vedete un prof che si lamenta perche l'hanno licenziato dopo che si è scoperto che ... vendeva voti?

    Il trust, il PR, cazzi e mazzi Mr G li assegna.. ma son "cosa sua".
    Se da ad un sito il cartellino "sito autorevole", e poi vede che questo sitarello usa il titolo ottenuto per fare un business (cosa ch edi per se non sarebbe affatto male, anzi sarebbe un premio per una buona condotta :P), E PER rovinargli le SERP.. cosa c'è di strano nel togliergli la possibilita di far passare per rilevante un sito che di rilevante al massimo ha solo la disponibilita economica per farsi pubblicita?
    Che usi , con quei soldi, i normalissimi circuiti. O forse sarebbe troppo evidente che si fa "pubblicita"? Molto meglio una segnalazione che sa di "consiglio fidato" vero?

    Io lo vedo come un incitamento ad operare con trasparenza.
    Oltre al fatto che magari scremera il mercato da chi non sapeva come operare.. ma vista l'oggettiva semplicita (di messa in atto eh.. non parlo dell'ottenimento dei risultati) raccoglieva proseliti.
    Che iniziavan a far danni

  25. #25
    User L'avatar di watanabe77
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    76
    Citazione Originariamente Scritto da Evi|A|ivE Visualizza Messaggio

    Io lo vedo come un incitamento ad operare con trasparenza.
    Oltre al fatto che magari scremera il mercato da chi non sapeva come operare.. ma vista l'oggettiva semplicita (di messa in atto eh.. non parlo dell'ottenimento dei risultati) raccoglieva proseliti.
    Che iniziavan a far danni
    A pensar male si potrebbe dire che g preferisca spostare su adwords quelli che sono disposti a pagare per dei link...no?
    link2me.it: professional network e marketplace

  26. #26
    Non iscritto L'avatar di Evi|A|ivE
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    171
    Eh no, i links li non passano ne pr ne conteggiano come links.
    basta che un link venduto (stando a cio che dice Cutts) abbia un bel rel=nofollow e passa la paura.
    Solo che non passa il pr e il link in piu.. cosa che evidentemente è il vero problema e la vera fonte di malumore.
    Per la serie "uff nn ci fanno piu rubacchiare (quel valore in piu per un link in piu).
    Ma son valutaizoni mie personali, anche se credo siano comuni e condivisibilissime.

  27. #27
    User L'avatar di watanabe77
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    76
    Citazione Originariamente Scritto da Evi|A|ivE Visualizza Messaggio
    Eh no, i links li non passano ne pr ne conteggiano come links.
    basta che un link venduto (stando a cio che dice Cutts) abbia un bel rel=nofollow e passa la paura.
    Solo che non passa il pr e il link in piu.. cosa che evidentemente è il vero problema e la vera fonte di malumore.
    Per la serie "uff nn ci fanno piu rubacchiare (quel valore in piu per un link in piu).
    Ma son valutaizoni mie personali, anche se credo siano comuni e condivisibilissime.
    Hai ragione, però se compro link è probabile che non riesca a scalare le serp in altri modi, se mi bruciano pure la compravendita, essendo uno abituato ad investire, capace che sposto il budget su adwords...
    Sono solo locubrazioni mentali... forse...
    :-)
    link2me.it: professional network e marketplace

  28. #28
    Esperto
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Cesena
    Messaggi
    1,318
    Citazione Originariamente Scritto da watanabe77 Visualizza Messaggio
    Hai ragione, però se compro link è probabile che non riesca a scalare le serp in altri modi, se mi bruciano pure la compravendita, essendo uno abituato ad investire, capace che sposto il budget su adwords...
    Sono solo locubrazioni mentali... forse...
    :-)
    Scusami ma non e' il titolare d'azienda che si mette a pensare "AdWords o Acquisto Link".
    E' il responsabile che suggerisce: "Dammi i soldi per AdWords", oppure "Dammi i soldi che compro link", oppure "Dammi i soldi che compro banner/newsletter/altro nel sito di Watanabe", oppure "Dammi i soldi che pago Stuart".



    Se Bruci tutti i link comprati ci saranno siti che scendono (potenziali acquirenti), e siti che salgono (ora che sono in prima pagina col ***** che compro pubblicità a google)...

    Sempre e solo 10 sono in prima pagina... che gli cambia a Google?

  29. #29
    User L'avatar di watanabe77
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    76
    Citazione Originariamente Scritto da Stefano Visualizza Messaggio
    Scusami ma non e' il titolare d'azienda che si mette a pensare "AdWords o Acquisto Link".
    E' il responsabile che suggerisce: "Dammi i soldi per AdWords", oppure "Dammi i soldi che compro link", oppure "Dammi i soldi che compro banner/newsletter/altro nel sito di Watanabe", oppure "Dammi i soldi che pago Stuart".



    Se Bruci tutti i link comprati ci saranno siti che scendono (potenziali acquirenti), e siti che salgono (ora che sono in prima pagina col ***** che compro pubblicità a google)...

    Sempre e solo 10 sono in prima pagina... che gli cambia a Google?
    Non ti seguo molto, ma vorrei precisare che la mia era una mezza battuta, non voglio insinuare nulla di tutto ciò... in ogni caso per rispondere alla tua domanda, chi decide come spendere i soldi credo sia indifferente, l'importante è che l'azienda paghi.
    Dici che ci sono sempre 10 in prima pagina, è vero, ma dipende chi c'è, se sul termine "fotografia" (che mi è tanto caro) c'è Canon è una cosa, se c'è il mio sitarello amatoriale di fotografie è un'altra.
    Quindi tornando alla mia "locubrazione" se oggi un grosso brand compra link per essere primo, e con il nuovo filtro i suoi link non gli producono effetto sul posizionamento magari potrebbe decidere di passare ad adwords. No?

    Ti faccio un esempio molto pratico, io gestisco un sito di hotel. Oggi come oggi se compro link su adwords mi costano moltissimo, e quindi per avere un ROI maggiore preferisco acquistare link su portali di settore (per i quali il cpc è + basso rispetto a google)
    Se domani il portale dove compro link sparisce dalle prime posizioni, a beneficio di "chebellovivereinhotel.amateur" , a quel punto se voglio avere visibilità in rete non mi resta altro che pagare direttamente google o chi per lui (oltre evidentemente a ottimizzare il mio sito).
    link2me.it: professional network e marketplace

  30. #30
    Esperto
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Cesena
    Messaggi
    1,318
    Citazione Originariamente Scritto da watanabe77 Visualizza Messaggio
    Ti faccio un esempio molto pratico, io gestisco un sito di hotel. Oggi come oggi se compro link su adwords mi costano moltissimo, e quindi per avere un ROI maggiore preferisco acquistare link su portali di settore (per i quali il cpc è + basso rispetto a google)
    Se domani il portale dove compro link sparisce dalle prime posizioni, a beneficio di "chebellovivereinhotel.amateur" , a quel punto se voglio avere visibilità in rete non mi resta altro che pagare direttamente google o chi per lui (oltre evidentemente a ottimizzare il mio sito).
    Provo a schematizzare quello che voglio dire, così forse è più chiaro.

    1) In prima pagina per qualsiasi ricerca ci stanno sempre e solo 10 posizioni.
    Tradotto in termini pratici significa che la classica battuta che si fa (non tu, ma in genere) in questi casi non ha senso.
    Cioé dire "Google mi ha buttato giù perché così mi costringe a comprare AdWords" vista dagli occhi di GG non ha senso.
    Forse tu comprerai AdWords, sicuramente chi è in prima pagina al posto tuo non lo farà (e se lo faceva, smette).
    Ovvero, a parte chi è piazzato, tutti gli altri sono potenziali clienti... ed il numero di chi è piazzato è sempre e comunque una costante.
    Tradotto nei termini di adwords: non cambia assolutamente nulla.


    2) Se non ha più senso comprare link, questi soldi li spendo (forse) dove voglio.
    Il sito che comprava i link, certo che può decidere di acquistare adwords, come può decidere di non spendere, di comprare banner, DEM, o di pagare un SEO per ottimizzare il suo sito.

    Oltretutto, secondo me, se la sua logica era quella di comprare link, tra tutte le soluzioni possibili quella che mi pare la più probabile è pagare un SEO (semplicemente perché pagare un SEO non gli fa cambiare di una virgola la logica che stava utilizzando prima).

    Se invece decide di comprare adv, perché deve far guadagnare proprio chi gli ha rotto il suo giochino?


    3) Se la key è realmente competitiva, in prima pagina non c'è un hobbista.
    Quanto pensi che ci metta una persona a fare business se si ritrova (suo malgrado ) in prima pagina con hotel?
    Se non ne ha voglia lui, credi che non ci sia nessuno pronto a staccargli un assegno?


    4) Mettiamo che il nostro amico decida per adwords, che succede?
    AdWords è un sistema ad asta, se lui decide che vuole comparire, significa cha fa salire la base d'asta..... quindi?
    Quindi facilmente ci sarà qualcun altro che decide che per lui non ne vale più la pena, e si mette a comprare banner, DEM, SEO.


    5) Il mercato è interconnesso.
    Rendiamoci conto che se un click da adwords costasse 0,001 centesimi, non esisterebbe un solo SEO professionista!!!
    Come non esisterebbero i banner, ed i portali che vendono pubblicità (non ci sarebbero i margini per farne un lavoro).
    Se Google alza i prezzi, tutti gli altri possono alzare i prezzi, e se non lo fanno, portano via clienti ad adwords (quindi GG non guadagna).

    Smettiamola di vedere negli altri "il nemico", il nemico del web è chi lavora male, chi vende pacchi, chi promette e non mantiene.
    Questi soggetti fanno perdere fiducia in internet, tutti gli altri (google compreso), più guadagnano e più alzano le prospettive di TUTTI gli operatori seri.

  31. #31
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Italia
    Messaggi
    1,461
    Citazione Originariamente Scritto da Evi|A|ivE Visualizza Messaggio
    Eh no, i links li non passano ne pr ne conteggiano come links.
    basta che un link venduto (stando a cio che dice Cutts) abbia un bel rel=nofollow e passa la paura.
    Solo che non passa il pr e il link in piu.. cosa che evidentemente è il vero problema e la vera fonte di malumore.
    Per la serie "uff nn ci fanno piu rubacchiare (quel valore in piu per un link in piu).
    Ma son valutaizoni mie personali, anche se credo siano comuni e condivisibilissime.
    io non sono molto d'accordo, e se ne era già parlato in un altro thread.

    Cutts dice:
    1) aggiungere un nofollow ai links
    o
    2) farli finire in una landing page e farla escludere con robots.txt

    La proposta 2) mi sembra risibile e impraticabile (vallo a dire a tizio il salumiere che deve far creare a un suo webmaster ... webmaster che roba che l'è??! ... una landing page (dopo ventiminuti che gli spieghi che vuol dire forse, e dico forse, lo capisce)... etc...)

    Chi vende e acquista links NON SONO SEMPRE Seo, ma esistono comuni mortali che vendono e acquistano links, senza sapere nulla di SEO.

    Nella prima ipotesi, io dovrò fare presente al mio ipotetico cliente che dovrò aggiungere un codice al link per IMPEDIRE che ciò lo avvantaggi nei motori di ricerca.

    TRA L'ALTRO... apro una parentesi
    Noi pensiamo sempre a Google, ma mettere un nofollow significa autoescludere quel link da algoritmi di ranking di TUTTI i motori di ricerca
    ... chiudo parentesi

    Ma soprattutto, come era già stato fatto notare, se io ho un sito di un albergo di ROMA? Come piffero faccio a farlo salire se non compro links in altri siti?!?!?

    Chi è che si mette a scrivere del mio hotel ?!? che mi dà dei BL genuini e spontanei?
    E se ho un hotel a 2 stelle?
    Il sito del mio albergo a 2 stelle, merita meno di quello a 5 stelle con la recensione "spontanea" sulla Repubblica, Touring Club, Corriere o chissà cos'altro?
    Dico, senza fare troppi moralismi, che male c'è ad investire in un politica di BL?

    Tolto questo, come ottengo la visibilità in questo caso?

    Per me è molto semplice:
    AdWords !!!
    Voilà... in Prima pagina, a lato della SERP... o nelle pagine dei siti AdSense.

    E poi come facevo notare altrove.
    Perchè farsi segnalare i SITI che VENDONO links o COMPRANO links e non i links direttamente? Voi non sarete maliziosi, ma io un pò lo sono (chi ci dice per esempio che poi non verranno penalizzati in un qualche modo i SITI che VENDONO?).

    Mettendosi nei panni del SEO Cattivo, che ci vuole poi ad aggirare il problema... Non vendo/compro più un link per ottenere vantaggi in SERP? Bene, allora vendo/compro una finta recensione tanto per non correre rischi, e siamo sempre a capo, in questo modo però togliamo dalla luce del sole il mercato dei links. Ma che cosa abbiamo ottenuto così? A mio modesto avviso, rotto le scatole a chi potenzialmente sfruttava gli spazi di libertà lasciati aperti da Google, che ora giustamente (ma non lo condivido) reclama il monopolio per un certo tipo e settore di mercato.

    Comunque certi siti di un certo livello credo che continueranno a vendere links, indipendentemente da Google e dalla SERP, anche perchè alla fine spesso sono questi quelli che portano i CONTATTI pesanti, quelli che contano e non certo Google con la sua SERP piena di spam fino al midollo.

    Il social network, il Wiki (e gli hanno fatto mettere il nofollow, per combattere un presunto SPAM, scelta per me criticabile) e altri strumenti credo che rimpiazzeranno, pur con tutti i loro difetti, tra non moltissimo (spero e credo) il concetto del motore di ricerca, che ormai perde da ogni dove, e non è un caso che Google si stia muovendo pesantemente in altre direzioni.

    Per me ci facciamo troppo condizionare da Google nella progettazione dei nostri siti, quel canone del sito perfetto comincia a stonare un pò, anche se ovviamente il SEO è una professione che ha la sua ragion d'essere proprio in tutto ciò che è SE Friendly... provocatoriamente penso che bisognerebbe cominciare a ragionare su come sostituire quell'acronimo SE, con qualcosa di diverso (in prospettiva ovviamente).

    AI
    Ultima modifica di archeoita; 23-06-07 alle 04:29

  32. #32
    User Attivo L'avatar di sughero3
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Firenze
    Messaggi
    1,041
    Segui sughero3 su Twitter Aggiungi sughero3 su Google+ Aggiungi sughero3 su Facebook Aggiungi sughero3 su Linkedin
    Citazione Originariamente Scritto da Stuart Visualizza Messaggio
    Sono assolutamente d'accordo. Ogni mercato (qualsiasi esso sia), anche il più selvaggio e deregolamentato, compie prima o poi una sorta di selezione darwiniana dei suoi player: chi "sa fare" il mercato rimane, chi "non sa fare" il mercato viene tagliato inesorabilmente fuori.

    Perchè ho detto che il mercato della compravendita di links non ha consapevolezza di sè (cfr post precedente)? Perchè fino a che non vi è sufficiente educazione alla vendita e all'acquisto, e fino a che non ci si rende conto che si è TUTTI (anche chi non compra e non vende link) interconnessi sul web e che basta che anche un solo sito subìsca l'annullamento degli outbound per fare danni a catena, allora questa selezione naturale non potrà avvenire; perchè non vi è una chiara percezione di chi sbaglia cosa e quali conseguenze ci possono essere.

    Indipendentemente dallo psicoterrorismo di Google (e conseguente incitamento alla delazione, a cui sono generalmente contrario) chi ritiene di saper comprare, deve informare chi non sa vendere, chi sa vendere deve informare chi non sa comprare.

    Non ci vuole molto, tutto sommato. Forse basta un'attitudine meno fortemente legata all'allungamento della barretta verde (inutile, se si punta solo alla quantità) e alla mera ricerca di link keyword-rich (inutili, se si punta solo alla quantità).


    .Stuart
    bhé Stuart che dire? ... hai detto cose goiuste su cui è difficile non essere concordi

    il fatto è che non credo sia facile "educare" i migliaia di migliaia di webmaster che popolano il web .... possiamo augurarcelo e, nel nostro piccolo, fare un minimo di informazione ...
    a me pare una battaglia persa .... di più nun so
    Citazione Originariamente Scritto da watanabe77 Visualizza Messaggio
    Faccio una piccola considerazione, il concetto in se non è sbagliatissimo a mio avviso, però l'unica cosa seria che può fare google in tal senso è quella di creare una sorta di black list di siti che vendono link e impostare il proprio algoritmo in modo tale da non valorizzare (a livello di tr) il link che provengono da questa lista.
    Per il resto mi sembra del tutto inopportuno penalizzare i siti che vendono link o quelli che li comprano.
    mi ripeto ... se io fossi google e decidessi di fare quello che dici (come pare stia facendo) non mi limiterei a depotenziare i libks di un sito avvezzo alla vendita, ma depotenzierei anche tutti i links che puntano verso un sito avvezzo all'acquisto ... ma di questo passo dove andremo a finire?

    in pratica nemmeno i links "buoni" avranno più valore per chi viene "pizzicato" a fare commercio "illecito" di links ... ergo la fine del web? (è una provocazione naturalmente, ma gli scenari possibili non sono affatto rosei se non subentra il buon senso da parte di tutti, google in primis)
    Citazione Originariamente Scritto da watanabe77 Visualizza Messaggio
    A pensar male si potrebbe dire che g preferisca spostare su adwords quelli che sono disposti a pagare per dei link...no?
    ... e a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca (Andreotti docet)
    Ultima modifica di sughero3; 23-06-07 alle 05:03
    Allena la mente alla tolleranza.

  33. #33
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Italia
    Messaggi
    1,461
    Concordo con voi su questo, anche se io ci vedo un pò di interesse non disinteressato nel motus di Google.

    ciao
    AI

  34. #34
    User Attivo L'avatar di sughero3
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Firenze
    Messaggi
    1,041
    Segui sughero3 su Twitter Aggiungi sughero3 su Google+ Aggiungi sughero3 su Facebook Aggiungi sughero3 su Linkedin
    Citazione Originariamente Scritto da archeoita Visualizza Messaggio
    io non sono molto d'accordo, e se ne era già parlato in un altro thread.

    Cutts dice:
    1) aggiungere un nofollow ai links
    o
    2) farli finire in una landing page e farla escludere con robots.txt

    La proposta 2) mi sembra risibile e impraticabile (vallo a dire a tizio il salumiere che deve far creare a un suo webmaster ... webmaster che roba che l'è??! ... una landing page (dopo ventiminuti che gli spieghi che vuol dire forse, e dico forse, lo capisce)... etc...)

    Chi vende e acquista links NON SONO SEMPRE Seo, ma esistono comuni mortali che vendono e acquistano links, senza sapere nulla di SEO.

    Nella prima ipotesi, io dovrò fare presente al mio ipotetico cliente che dovrò aggiungere un codice al link per IMPEDIRE che ciò lo avvantaggi nei motori di ricerca.

    TRA L'ALTRO... apro una parentesi
    Noi pensiamo sempre a Google, ma mettere un nofollow significa autoescludere quel link da algoritmi di ranking di TUTTI i motori di ricerca
    ... chiudo parentesi

    Ma soprattutto, come era già stato fatto notare, se io ho un sito di un albergo di ROMA? Come piffero faccio a farlo salire se non compro links in altri siti?!?!?

    Chi è che si mette a scrivere del mio hotel ?!? che mi dà dei BL genuini e spontanei?
    E se ho un hotel a 2 stelle?
    Il sito del mio albergo a 2 stelle, merita meno di quello a 5 stelle con la recensione "spontanea" sulla Repubblica, Touring Club, Corriere o chissà cos'altro?
    Dico, senza fare troppi moralismi, che male c'è ad investire in un politica di BL?

    Tolto questo, come ottengo la visibilità in questo caso?

    Per me è molto semplice:
    AdWords !!!
    Voilà... in Prima pagina, a lato della SERP... o nelle pagine dei siti AdSense.

    E poi come facevo notare altrove.
    Perchè farsi segnalare i SITI che VENDONO links o COMPRANO links e non i links direttamente? Voi non sarete maliziosi, ma io un pò lo sono (chi ci dice per esempio che poi non verranno penalizzati in un qualche modo i SITI che VENDONO?).

    Mettendosi nei panni del SEO Cattivo, che ci vuole poi ad aggirare il problema... Non vendo/compro più un link per ottenere vantaggi in SERP? Bene, allora vendo/compro una finta recensione tanto per non correre rischi, e siamo sempre a capo, in questo modo però togliamo dalla luce del sole il mercato dei links. Ma che cosa abbiamo ottenuto così? A mio modesto avviso, rotto le scatole a chi potenzialmente sfruttava gli spazi di libertà lasciati aperti da Google, che ora giustamente (ma non lo condivido) reclama il monopolio per un certo tipo e settore di mercato.

    Comunque certi siti di un certo livello credo che continueranno a vendere links, indipendentemente da Google e dalla SERP, anche perchè alla fine spesso sono questi quelli che portano i CONTATTI pesanti, quelli che contano e non certo Google con la sua SERP piena di spam fino al midollo.

    Il social network, il Wiki (e gli hanno fatto mettere il nofollow, per combattere un presunto SPAM, scelta per me criticabile) e altri strumenti credo che rimpiazzeranno, pur con tutti i loro difetti, tra non moltissimo (spero e credo) il concetto del motore di ricerca, che ormai perde da ogni dove, e non è un caso che Google si stia muovendo pesantemente in altre direzioni.

    Per me ci facciamo troppo condizionare da Google nella progettazione dei nostri siti, quel canone del sito perfetto comincia a stonare un pò, anche se ovviamente il SEO è una professione che ha la sua ragion d'essere proprio in tutto ciò che è SE Friendly... provocatoriamente penso che bisognerebbe cominciare a ragionare su come sostituire quell'acronimo SE, con qualcosa di diverso (in prospettiva ovviamente).

    AI
    Citazione Originariamente Scritto da archeoita Visualizza Messaggio
    Concordo con voi su questo, anche se io ci vedo un pò di interesse non disinteressato nel motus di Google.

    ciao
    AI
    in larga parte condivido il tuo ragionamento
    Allena la mente alla tolleranza.

  35. #35
    Esperto
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Cesena
    Messaggi
    1,318
    Citazione Originariamente Scritto da sughero3 Visualizza Messaggio
    se io fossi google ... non mi limiterei a depotenziare i libks di un sito avvezzo alla vendita, ma depotenzierei anche tutti i links che puntano verso un sito avvezzo all'acquisto ... ma di questo passo dove andremo a finire?

    in pratica nemmeno i links "buoni" avranno più valore per chi viene "pizzicato" a fare commercio "illecito" di links ... ergo la fine del web?
    Se "depotenzi" tutti i link, nella pratica, ottieni lo stesso sistema che abbiamo oggi.

    Se invece depotenzi tutti i link solo dei siti che vendono link, ottieni lo stesso risultato che otterresti modificando qualsiasi parametro di ranking.
    Alcuni siti salgono, altri siti scendono e le tecniche e le strategie SEO si modificano... fine.
    Questo è quello che succede di continuo ogni tot mesi.


    Citazione Originariamente Scritto da sughero3 Visualizza Messaggio
    ergo la fine del web?
    So che questa frase è una provocazione, ma come frase ha senso solo se sottintende un valore ed un'importanza basilare a google stesso.... e questo è falso.

    Google oggi è in una situazione è in grado di spostare equilibri, muovere miliardi.... ma il web esisteva prima di GG e continuerebbe ad esistere anche senza GG.


    Ergo se GG lavora "tutto sommato bene" continua ad essere il numero uno, se viceversa commette troppi errori...

    Lo so che vista da oggi sembra una cosa impossibile, ma se torni indietro di qualche anno (mica tanti, solo qualche anno) l'indiscusso numero uno al mondo era Yahoo....

  36. #36
    Esperto L'avatar di nbriani
    Data Registrazione
    May 2005
    Località
    Guadalajara, Mexico
    Messaggi
    1,944
    Segui nbriani su Twitter Aggiungi nbriani su Google+ Aggiungi nbriani su Facebook Aggiungi nbriani su Linkedin Visita il canale Youtube di nbriani
    Citazione Originariamente Scritto da Stuart Visualizza Messaggio
    Non poteva mica andare avanti all'infinito.
    Questa la frease che mi è piaciuta di piu' nella discussione ...

    Come molti elementi creati ad hoc o semplicemente presi in considerazione nell'enorme sforzo necessario a realizzare una accettabile organizzazione dei miliardi di documenti in rete... anche il "link" è giunto ormai ad una svolta... (e nonostante i tentativi di tenerlo in vita , dovrà ormai essere affiancato e sorretto da nuovi fattori, per continuare a garantire qualità e autorevolezza... è il "social" il prox candidato? o saranno "gli utenti" stessi?) .

    L' Information retrieval della rete rimane infatti, uno dei pochi ambiti dove l'organizzatore dei contenuti è costretto a lottare quotidianamente con una moltitudine di dispettosi sabotatori...

    Immaginate un povero bibliotecario a cui qualche gruppo di simpatici buontemponi si diverta a mescolare le carte: sposta le etichette sui libri, muove gli scaffali, o cambia le copertine dei libri.... prima o poi dovrà ricorrere a misure estreme se vorrà continuare a garantire una minima qualità alla classificazione e alla ricerca dei propri libri... che so' murare gli scaffali, chiuderli con vetrine a chiave, usare etichette olografiche, chiedere i documenti agli utenti, pagare guardie giurate che sorveglino le stanze... ecc ecc

    Prima c'erano i Meta TAG che se fossero stati usati correttamente sarebbero ancora molto importanti se non fosse che il keyword stuffing ha raggiunto velocemente livelli impensabili, poi si è cercato di ingannare gli spider con cloaking di ogni tipo e testi nascosti e per fermarli, oggi, non sono bastati algoritmi evoluti, ma si è dovuto ricorrere a migliaia di persone messe a spulciare serp in ogni nazione del mondo ...finalmente pareva che con l'importanza data a Link e Citazioni "Trust-based" (quindi elementi esterni , fuori controllo dei singoli simpatici webmaster) si fosse giunti ad un elemento garanzia di qualità... e invece....

    E' dovuto passare solo qualche anno in piu' perchè ci organizzassimo anche li'... accordi, scambi link, le prime vendite... fino ad arrivare ai giorni nostri con intere centrali dedite alla vendita dei link, società e business nati allo scopo... cosi' di nuovo il nostro bibliotecario si è visto a rischio di veder rovinato tutto il lavoro...

    Ma che poteva fare Google? Che ha l'anima stessa del suo algoritmo, motore primordiale dell'immenso successo planetario che ha ottenuto negli anni, basata sul concetto di "link" e sulla qualità dei suoi risultati?

    Non c'entra NULLA adword (mio giudizio spassionato e personale) ma c'entra il buon senso è la qualità delle serp, che , certamente insieme a molti altri aspetti piu' business-oriented, rimane pur sempre il "core" di un MDR.

    Google NON vieta la vendita di link o di banner o di pubblicità in genere, non è proibito per legge e ci ha offerto una semplicissima soluzione ... il "No Follow" !

    Qualunque (poi mi spiego meglio) portale o sito che sia potrà tranquillamente continuare a vendere link, banner e pubblicità senza nessun rischio...

    A meno che....

    a meno che il link, la pubblicità, il banner , venduto non abbia semplicemente lo scopo di INGANNARE GLI ALGORITMI DEI MOTORI DI RICERCA CHE CONSIDERANO IL NUMERO E LA QUALITà DEI LINK IMPORTANTI.

    ( Anche il concetto di "spontaneità" è stato un valore fondante di una certa cultura internet, humus" della nascita della rete e perchè no di google... penso per esempio al grande valore dato un tempo a DMOZ (directory gestita da volontari, priva di inserzioni a pagamento) , anche se oggi persino quella ha visto perdere il suo valore a causa dell'uso distorto che ne è stato poi in parte fatto... avrebbero potuto scegliere una qualsiasi altra directory a pagamento, no? )

    Questa è la verità... e trovo assolutamente legittimo che google ma comunque qualunque altro motore prendano proprie contromisure! Avrebbero potuto farlo tranquillamente senza nemmeno avvisare no?

    - Tutti i portali che veicolano, per la qualità dei loro contenuti, molte visite e traffico "importante" potranno tranquillamente continuare a farlo (chi metteva banner su repubblica per il PR che ha? ...mi auguro nessuno) .

    - Tutti i portali verticali che veicolano traffico ridotto ma altamente targhettizzato perchè possessori di contenuti specifici, magari originali, ma certamente di qualità, potranno tranquillamente continuare a farlo, perchè quello è il motivo migliore per mettere una pubblicità su di loro...

    - e poi non mi venite a dire che chi fa "Brand promotion" si preoccuperà di un "No Follow", oppure che occuparsi di web marketing significhi soltanto Pay per click o PR....

    - infine che non sia meglio domani che sarà premiato nelle serp organiche chi ha "molti amici" rispetto a oggi che rischiamo di premiare piu' facilmente chi ha "molti soldi"


    e allora,mi chiedo, Ma chi ha tanta paura del "No FOLLOW" ?


    (io delle risposte ce l'ho... )



    Nicola

    p.s scusate la prolissa passione dell'intervento..
    Ultima modifica di nbriani; 23-06-07 alle 12:09

  37. #37
    Non iscritto L'avatar di Evi|A|ivE
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    171
    Citazione Originariamente Scritto da archeoita Visualizza Messaggio
    Chi vende e acquista links NON SONO SEMPRE Seo, ma esistono comuni mortali che vendono e acquistano links, senza sapere nulla di SEO.
    appunto, se non sono SEO difficilmente lo faranno perche gli si "alza al baRetta" o si beccano un anchor pesante in piu su un sito trust.
    O sono ignoranti solo per cio che gli conviene?
    quelli li chiamo generalmente "gnorri"
    Nella prima ipotesi, io dovrò fare presente al mio ipotetico cliente che dovrò aggiungere un codice al link per IMPEDIRE che ciò lo avvantaggi nei motori di ricerca.
    Beh, sino ad ora lo si è fatto dicendo che avvantaggiava. Se si paragonava al cosa al comprare un voto, una patente, una referenza, magari rendeva l'idea.
    Ma forse era scomodo
    Ma soprattutto, come era già stato fatto notare, se io ho un sito di un albergo di ROMA? Come piffero faccio a farlo salire se non compro links in altri siti?!?!?
    Osservazione inutile. Se gli altri comprano links dallo stesso sito siete punto a capo. ma con tot euro in meno in tasca. Mboh..
    Chi è che si mette a scrivere del mio hotel ?!?
    Lo stesso che scrivera su ituoi competitors. Non capisco come ci possa essere ancora qualcuno che quando si parla di web pensa al suo sito.
    Dico, senza fare troppi moralismi, che male c'è ad investire in un politica di BL?
    Nulla, portera traffico.
    Tolto questo, come ottengo la visibilità in questo caso?
    come tutti gli altri.
    Perchè farsi segnalare i SITI che VENDONO links o COMPRANO links e non i links direttamente? [/quote]
    perche se provano a fare un algoritmo devono pur testarlo su qualche caso eclatante. immagini cosa accadrebbe se sguinzagliassero il bottarello con le nuove direttive... "per provare"? e se non funge? allora si che son dolori.
    allora vendo/compro una finta recensione tanto per non correre rischi, e siamo sempre a capo
    E' la stessa cosa. se il link è stato comprato, non alza il pr/linkPopularity.
    Comunque certi siti di un certo livello credo che continueranno a vendere links, indipendentemente da Google e dalla SERP, anche perchè alla fine spesso sono questi quelli che portano i CONTATTI pesanti
    Ben vengano!
    Per me ci facciamo troppo condizionare da Google nella progettazione dei nostri siti
    Beh, non sono io che sbatto i piedi perche G non mi fa piu comprare credibilita... fregatene!

  38. #38
    Esperto L'avatar di Stuart
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Località
    Torino
    Messaggi
    3,877
    Sarà una delle mie sporadiche seo-paranoie, ma guardando la situazione nel suo insieme, ho come il sospetto che la guerra contro il link selling / link buying, Google, la stesse preparando da un bel po'.

    Una probabile cronistoria logica:

    Fine gennaio:

    http://www.mattcutts.com/blog/algori...lebomb-impact/
    http://googlewebmastercentral.blogsp...oglebombs.html (c'è anche un commento di Jacopo "Scangilli" Gonzales che non avevo mai notato )

    Ridotto drasticamente l'effetto Googlebombing (alias: fai salire un documento, qualsiasi esso sia, per una determinata keyword, linkandolo da svariati documenti usando quella keyword come àncora).

    Ufficialmente viene reso (quasi!) impossibile il poter dare del fallito al politico di turno, o defecare su un portale made in italy decisamente troppo costoso.

    Nella pratica viene ridotto anche il Googlebombing che tutti quanti desideriamo per i nostri siti, ossia farci linkare da centinaia di siti con la chiave "Hotel Roma" e salire spudoratamente nelle serp.

    Rapidamente tutte le Googlebomb che avevo piazzato in giro per il web smettono di funzionare. Cerco Stuart is damn fuc*in' hot e non mi trovo più. Il classico miserable failure manco a parlarne.

    Passa un mese, qualche tweaking dell'algoritmo e torno a trovarmi, ma solo se mi cerco tra virgolette "Stuart is damn fuc*in' hot". Insomma, ci stanno lavorando.

    Ora, a periodi alterni, alcune funzionano magnificamente (con o senza virgolette), altre vengono bellamente ignorate. Un probabile criterio di tutto ciò, lo sto ancora studiando (non che ci perda le giornate, sia chiaro).

    3 mesi dopo:

    http://www.mattcutts.com/blog/how-to-report-paid-links/

    Q: Can you give me some more background on how Google views paid links?

    A: Absolutely. Start with this post from 2005. It’s a pretty good review of our policies at the time (e.g. link sellers can lose trust, such as their ability to flow PageRank/anchortext. Also, we’re open to semi-automatic approaches to ignore paid links, which could include the best of algorithmic and manual approaches.

    Ora. Se aggiungiamo a questo anche la capacità algoritmica di Google di rilevare la non-spontaneità e la non-topicità di un link, c'è una relazione tra i due eventi? Secondo me sì.

    Indipendentemente dal fatto che il mio ragionamento sia giusto o sbagliato, c'è qualcuno che mi segue?


    .Stuart
    210720082115

  39. #39
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Italia
    Messaggi
    1,461
    [quote=Evi|
    E' la stessa cosa. se il link è stato comprato, non alza il pr/linkPopularity.
    [/quote]

    ma tu come fai a sapere se un link è stato comprato o meno?
    Scommettiamo che se segnalo a google il fatto che moltissime riviste-quotidiani-giornali (con PR pesante) VENDONO i loro servizi, su siti e personaggi, Google non penalizzerà quei link?
    E' prassi comune... compri una pubblicità, magari nella versione cartecea, ma non solo, e ti fanno l'articolo.
    Tu credi che google andrà a dire a Repubblica, mettete il nofollow nei vostri articoli?

    Per me la maggior parte dei links che ci sono in giro SONO VENDUTI e ACQUISTATI - ovviamente sto parlando di links a società commerciali - se questo discorso venisse messo in pratica seriamente e senza guardare in faccia a nessuno, troveremmo in testa che so... il sito di un appassionato, anzichè quella del produttore-venditore.
    Segnaliamo tutti i siti a Google e poi vediamo come si muove questo fantomatico bot algoritmicizzato.

    Io non sto dicendo che Google VIETA la vendita di links, ci mancherebbe, ma sottolineo un atteggiamento che per me non va nella direzione "umanitaria" di pulire le SERP, come ritengono molti di voi.

    Comunque si vedrà... per me tutte queste certezze non ci sono (nemmeno per quello che penso io)

    ciao
    AI
    Ultima modifica di archeoita; 23-06-07 alle 14:51

  40. #40
    Non iscritto L'avatar di Evi|A|ivE
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    171
    archeoita, il tuo discorso non fa una grinza. Ed è cio che pensano tantissimi.
    L'errore, o meglio "la differenza" dato che non posso dire cosa sia giusto o sbagliato, è di fondo.

    ancora, sino alla nausea: G ha da sempre basato le sue classificazioni sui links.
    Sin qui ci siamo? Ok.
    Nascono i SEO. Che fanno? Notano ed annotano cio che a G fa piacere, lo esasperano (o almeno i piu bravi lo enfatizzano semplicemente) ed ecco che il sito va su.
    Sottolineo "Va su", non "diventa rilevante". e questo a G fa girar le pelotas.

    Esaminiamo le seguenti frasi:
    "google vuol penalizzare un sito che riceve un link da uno piu pesante.
    Inoltre penalizza il sito linkante togliendogli il trust e la possibilita di dare peso a chi linka, cosa ingiusta perche quel trust se l'è guadagnato con il tempo.

    "google vuole togliere il boost dato ad un sito che riceve un link da uno piu pesante.
    Inoltre diminuisce la forza del suo "referenziare", cosa giusta in quanto ha palesemente dimostrato di farne cattivo uso favorendo l'inquinamento del calcolo del ranking"

    Queste due affermazioni sono entrambe vere, e spero non ci siano dubbi in merito.

    Una viene detta da chi con la compravendita dei links ci campa.
    La seconda da chi si rompe di trovarsi in prima pagina siti che valgono poco o nulla ma sul quale è stato investito denaro.

  41. #41
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Italia
    Messaggi
    1,461
    Citazione Originariamente Scritto da nbriani Visualizza Messaggio
    Non c'entra NULLA adword (mio giudizio spassionato e personale) ma c'entra il buon senso è la qualità delle serp, che , certamente insieme a molti altri aspetti piu' business-oriented, rimane pur sempre il "core" di un MDR.
    beh io non credo che AdWords e la SERP non siano due discorsi strettamente collegati.
    Che interesse ha Google a far sì che in testa alla SERP (massima visibilità) ci siano siti che sono lì grazie ad un mercato di links e popolarità che non passa tramite loro?


    Citazione Originariamente Scritto da nbriani Visualizza Messaggio
    Google NON vieta la vendita di link o di banner o di pubblicità in genere, non è proibito per legge e ci ha offerto una semplicissima soluzione ... il "No Follow" !
    Non esiste solo Google però.

    Voglio portare all'estremo un certo ragionamento.

    Se io scrivo in un forum, in un blog, in un altro sito ESCLUSIVAMENTE per alzare il PR del mio sito, quindi senza portare un reale contributo alla rete, perchè quel link dovrebbe avere più peso di un link comprato?
    E' moralmente inaccettabile comprare un link, mentre lo è registrarsi su un forum inviare un messaggio di "spam" (tra virgolette) e poi lasciarlo?

    Io non credo che esistano davvero i links spontanei, soprattutto nei confronti di aziende commerciali.

    A questo punto eliminamo il peso dei links nella SERP e così evitiamo di dare l'impressione che c'è chi può e chi non può.
    Per me è proprio il concetto di MDR che non va più ed è superato, per quanto si studino algoritmi complessi, non si riuscirà mai ad ottenere un risultato "giusto" nella ricerca.

    Ovviamente Google ha tutto il diritto di fare le sue scelte, e non ha senso nasconderlo, siamo un pò debitori del suo spirito pionieristico (almeno quello delle origini, ora sinceramente io non lo ritrovo più).

    ciao
    AI

    PS.
    Io non ho mai pensato all'acquisto di links (cosa che faccio raramente) in termini di SERP, ma solo di contatti diretti, però in queste mosse vedo qualcosa che non mi piace e ci tengo a sottolinearlo

  42. #42
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Italia
    Messaggi
    1,461
    Citazione Originariamente Scritto da Evi|A|ivE Visualizza Messaggio
    archeoita, il tuo discorso non fa una grinza. Ed è cio che pensano tantissimi.
    L'errore, o meglio "la differenza" dato che non posso dire cosa sia giusto o sbagliato, è di fondo.

    ancora, sino alla nausea: G ha da sempre basato le sue classificazioni sui links.
    Sin qui ci siamo? Ok.
    Nascono i SEO. Che fanno? Notano ed annotano cio che a G fa piacere, lo esasperano (o almeno i piu bravi lo enfatizzano semplicemente) ed ecco che il sito va su.
    Sottolineo "Va su", non "diventa rilevante". e questo a G fa girar le pelotas.

    Esaminiamo le seguenti frasi:
    "google vuol penalizzare un sito che riceve un link da uno piu pesante.
    Inoltre penalizza il sito linkante togliendogli il trust e la possibilita di dare peso a chi linka, cosa ingiusta perche quel trust se l'è guadagnato con il tempo.

    "google vuole togliere il boost dato ad un sito che riceve un link da uno piu pesante.
    Inoltre diminuisce la forza del suo "referenziare", cosa giusta in quanto ha palesemente dimostrato di farne cattivo uso favorendo l'inquinamento del calcolo del ranking"

    Queste due affermazioni sono entrambe vere, e spero non ci siano dubbi in merito.

    Una viene detta da chi con la compravendita dei links ci campa.
    La seconda da chi si rompe di trovarsi in prima pagina siti che valgono poco o nulla ma sul quale è stato investito denaro.
    scusa ma in quello che ho scritto che cosa vedi che non va?
    Sto dicendo secondo te che è giusto usare questa tecnica in modo indiscriminato?

    Io sto dicendo, fino alla noia: perchè un link non apparentemente comprato devere avere più peso di uno comprato ufficialmente (in modo non ipocrita e alla luce del sole)?
    Credi che il SEO "disonesto" si farà dei problemi a trovare links "spontanei" senza comprarli UFFICIALMENTE da qualche sito o in qualche forum?

    Il problema dello SPAM in SERP secondo te si riduce tutto alla vendita-acquisto di LINKS? Per me la cosa non sta in piedi.
    Penalizzando questi links, e questi siti si risolve il problema?
    Io non credo.
    Se il problema è lo SPAM in genere (e credo che sia il problema più rilevante) perchè introdurre questa nuova funzione e incitare alla delazione i vari SEO (che accorreranno con l'illusione di poter buttare giù qualche sito rivale)... per provare un algoritmo?... per me le loro prove le possono fare tranquillamente anche senza un'azione del genere, che ha e vuole avere un forte impatto emotivo.
    In testa alle SERP io continuo a vedere moltissimi siti che usano tecniche non consentite... questi sono il vero problema, altro che il commercio di links.
    Per me si penalizza solo chi prima lo faceva in modo onesto, e ripeto, alla luce del sole, e poi, sottolineo, tra i cosiddetti links spontanei c'è davvero poco di spontaneo, a questo punto mettiamo nofollow ovunque (cosa che io ritengo più giusta) e risolviamo il problema (scherzo ovviamente)

    AI
    Ultima modifica di archeoita; 23-06-07 alle 15:24

  43. #43
    Non iscritto L'avatar di Evi|A|ivE
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    171
    Citazione Originariamente Scritto da archeoita Visualizza Messaggio
    scusa ma in quello che ho scritto che cosa vedi che non va?
    Sto dicendo secondo te che è giusto usare questa tecnica in modo indiscriminato?
    Noooo!
    ho detto infatti che il tuo discorso non fa una grinza!
    Se leggi bene l'articolo, gli esempi riportano siti che hanno negli "sponsorizzati" sitarelli che non hanno nulla a che vedere con chi linka.
    Dato che no nci è ancora dato di sapere l'impatto che cio avra (ne la misura in cui verra implementato) magari si potebbe non drammatizzare troppo la cosa e sperare (o credere a ragione) che i link comprati o venduti saranno considerati "cattivi" in certi casi, o se non altro "piu o meno " cattivi in base a metri di giudizio.
    Magari nel caso del turismo si renderanno conto che è fisiologico comprarli, perch efa parte d lemercato. Un po meno se i nun sito di cellulari vendo un link a casaccio, anch ea chi vende medicine, casino, mutande di flanella ecc..

  44. #44
    Esperto
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Cesena
    Messaggi
    1,318
    Citazione Originariamente Scritto da archeoita Visualizza Messaggio
    beh io non credo che AdWords e la SERP non siano due discorsi strettamente collegati.
    Che interesse ha Google a far sì che in testa alla SERP (massima visibilità) ci siano siti che sono lì grazie ad un mercato di links e popolarità che non passa tramite loro?
    Tema già risposto nella pagina precedente.


    Citazione Originariamente Scritto da archeoita Visualizza Messaggio
    Io non credo che esistano davvero i links spontanei, soprattutto nei confronti di aziende commerciali.
    Solo in questo forum, quanti link esistono verso google?

    Google è un'azienda commerciale... o mi dici che secondo te google ha pagato per averli?


    Ok, questo è un esempio estremo, ma passa in rassegna ogni azienda conosciuta (di auto, di software, di quello che ti pare).

    Passa in rassegna anche ogni sito/portale che vende qualcosa, e quindi è un'azienda...
    Mi vuoi dire che Libero.it ha PR 7 perché ha comprato migliaia di link?


    Secondo me parti da una base sbagliata... esistono tantissimi motivi per linkare un'azienda.
    Certo, se il sito dell'azienda è solo una vetrina... in questo caso o compri link o pappa.


    Anche un sito di Hotel può fare operazioni di web marketing utili a creare una link popularity, ma per farlo deve creare una risorsa, è questa la logica che sta seguendo google.

    Certo, è più semplice comprare un link che, invento, creare un contest su cui far discutere le persone e stimolare curiosità ed interesse.
    Perché il sito di un hotel di Roma non può creare una guida turistica alla capitale?
    Rimanendo in queste "banalità", magari realizzandola in più lingue e spingendola su portali italiani ed esteri?
    Pensi che i portali generalisti non abbiamo fame di news fresche da pubblicare tutti i giorni?


    Ti sottolineo, se è in grado l'hobbista di creare risorse utili/simpatiche/curiose, lo è a maggior ragione l'azienda, se non altro perché ha più fondi a disposizione.

  45. #45
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Italia
    Messaggi
    1,461
    Citazione Originariamente Scritto da Evi|A|ivE Visualizza Messaggio
    Magari nel caso del turismo si renderanno conto che è fisiologico comprarli, perch efa parte d lemercato. Un po meno se i nun sito di cellulari vendo un link a casaccio, anch ea chi vende medicine, casino, mutande di flanella ecc..
    Mah... speriamo che usino davvero un pò di buon senso.

    ciao
    AI
    Ultima modifica di archeoita; 23-06-07 alle 15:44

  46. #46
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Italia
    Messaggi
    1,461
    Citazione Originariamente Scritto da Stefano Visualizza Messaggio
    Mi vuoi dire che Libero.it ha PR 7 perché ha comprato migliaia di link?
    O Telecom.it o 187.it (peccato che la loro popularity sia dovuta a citazioni per disservizi, lamentazioni, denunce etc... PR7 perchè ne parlano male ).

    Secondo me parti da una base sbagliata... esistono tantissimi motivi per linkare un'azienda.
    Certo, se il sito dell'azienda è solo una vetrina... in questo caso o compri link o pappa.
    Tantissimi motivi?
    Tipo?
    Io lavoro per due importanti pelletterie che operano a livello nazionale ed internazionale (sono marchi pesanti).
    Ti assicuro che nell'80% ricevono citazioni in articoli di riviste online di settore, blogs etc... PERCHE' PAGANO (e il sito non è solo una vetrina) non certo perchè il redattore di quel giornale si alza un giorno e dice... toh... oggi scriviamo un articolo su Pinco Pallino.
    Stesso discorso per i negozi online.
    Ricevono links, perchè stringono dei rapporti commerciali con quelle aziende, spesso a condizioni non del tutto favorevoli per loro (ma per esserci questo ed altro).

    Perché il sito di un hotel di Roma non può creare una guida turistica alla capitale?
    Rimanendo in queste "banalità", magari realizzandola in più lingue e spingendola su portali italiani ed esteri?
    Pensi che i portali generalisti non abbiamo fame di news fresche da pubblicare tutti i giorni?
    E con quali soldi creano questa risorsa?
    Ma ti sembra un percorso alla portata dell'hotel a 1 stella di Civitavecchia?

    Ti sottolineo, se è in grado l'hobbista di creare risorse utili/simpatiche/curiose, lo è a maggior ragione l'azienda, se non altro perché ha più fondi a disposizione.
    L'hobbista ha spesso tempo libero da dedicare, l'azienda deve metterci soldi (tanti) e personale.
    Io devo ancora trovarne di clienti così. Ne ho convinto uno, ma proprio perchè ha molte risorse da investire, altrimenti la vedo dura con l'artigiano o il commerciante.
    Che la strada sia questa sono d'accordo (e credo che sia l'unico modo per aumentare il ROI), ma il discorso che facevo non c'entra molto con questo.

    ciao
    AI
    Ultima modifica di archeoita; 23-06-07 alle 15:48

  47. #47
    Esperto
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Cesena
    Messaggi
    1,318
    Citazione Originariamente Scritto da archeoita Visualizza Messaggio
    Io lavoro per due importanti pelletterie che operano a livello nazionale ed internazionale (sono marchi pesanti).
    Ti assicuro che nell'80% ricevono citazioni in articoli di riviste online di settore, blogs etc... PERCHE' PAGANO non certo perchè il redattore di quel giornale si alza un giorno e dice... toh... oggi scriviamo un articolo su Pinco Pallino.
    Stesso discorso per i negozi online.
    Ricevono links, perchè stringono dei rapporti commerciali con quelle aziende, spesso a condizioni non del tutto favorevoli per loro (ma per esserci questo ed altro).

    E con quali soldi creano questa risorsa?
    Ma ti sembra un percorso alla portata dell'hotel a 1 stella di Civitavecchia?

    L'hobbista ha spesso tempo libero da dedicare, l'azienda deve metterci soldi (tanti) e personale.
    Io devo ancora trovarne di clienti così.
    Bene, ArcheoIta, partiamo da un concetto di base.


    In prima pagina, chi ci deve stare?
    Non "chi ci vuole stare", o "chi io vorrei che ci fosse" ma proprio, chi ci deve stare?

    Se il sito di un artigiano NON ha risorse utili alle persone.... perché deve essere in prima pagina?

    E' questa la lamentela?
    Che senza risorse utili nel sito questo va in fondo alle serp?
    Che non riesco a convincere il cliente a pagare di più?
    Che i soldi per un link si trovano, ma per altro no?

  48. #48
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Italia
    Messaggi
    1,461
    Citazione Originariamente Scritto da Stefano Visualizza Messaggio
    Solo in questo forum, quanti link esistono verso google?

    Google è un'azienda commerciale... o mi dici che secondo te google ha pagato per averli?
    a proposito...
    credo che ci sia il nofollow

    AI

  49. #49
    Esperto
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Cesena
    Messaggi
    1,318
    Citazione Originariamente Scritto da archeoita Visualizza Messaggio
    a proposito...
    credo che ci sia il nofollow

    AI
    Controlla il codice, il nofollow è posizionato solo su link interni, non in quelli in firma, o in quelli dei post.

  50. #50
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Italia
    Messaggi
    1,461
    Citazione Originariamente Scritto da Stefano Visualizza Messaggio
    Se il sito di un artigiano NON ha risorse utili alle persone.... perché deve essere in prima pagina?
    Non ho mai detto questo, ma seguendo il tuo ragionamento non dovrebbe esserci nemmeno quello di XY solo perchè ha grandissima visibilità, al di fuori della rete, ma un sito assolutamente inutile (come quello di tante case di MODA).

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano Visualizza Messaggio
    E' questa la lamentela?
    Che senza risorse utili nel sito questo va in fondo alle serp?
    Che non riesco a convincere il cliente a pagare di più?
    Che i soldi per un link si trovano, ma per altro no?
    Io, ripeto ancora, dico solo che nell'individuazione dello SPAM si vuole agire solo in una direzione, facendo finta che esistano link "spontanei" mentre nella maggior parte delle volte non lo sono, e che si vuole penalizzare un'azione che fino a ieri era lecita (acquisto-vendita links per SERP) e che ora non lo è più, e, mentre chi prima operava in modo "disonesto" (si fa per dire), esagerando, ora semplicemente lo farà in modo sotterraneo e non visibile, e non cambierà assolutamente nulla (se non penalizzare chi vendeva e comprava alla luce del sole e che io NON CONSIDERO "DISONESTO", per quanto anch'io preferisca muovermi diversamente)

    Tutto qui... non pretendo però di avere ragione la mia è solo una opinione, tra l'altro un pò esterna a questo mondo, anche se sto ultimamente cercando di informarmi, grazie anche a questo splendido forum

    AI
    Ultima modifica di archeoita; 23-06-07 alle 16:11

+ Rispondi alla Discussione
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.