+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 9 di 9

Poesia di classe :)

Ultimo Messaggio di cantodinverno il:
  1. #1
    Moderatrice User Attivo L'avatar di cantodinverno
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Taranto
    Messaggi
    1,107
    Segui cantodinverno su Twitter Aggiungi cantodinverno su Google+ Aggiungi cantodinverno su Facebook Aggiungi cantodinverno su Linkedin Visita il canale Youtube di cantodinverno

    Poesia di classe :)

    Vi ricordate i "bei" tempi della scuola, dove si imparavano le poesie a memoria? . Bene, oggi vi propongo di segnalare qualche poesia che vi è rimasta nel cuore in quell'epoca o che vi ispira qualcosa. Come al solito, chiuderò io con Zio Leo (quindi chi tocca Leopardi è morto ). Buona poesia a tutti!!!

  2. #2
    Non iscritto
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    Bologna
    Messaggi
    3,178
    La mia preferita è Pianto Antico di Carducci ! La conoscevo benissimo a memoria, adesso fatico un pò...

    Comunque meno male che c'è internet e posso fare una query su Google ed eccola qui nella sua piena bellezza:

    L'albero a cui tendevi
    la pargoletta mano,
    il verde melograno
    Dà bei vermigli fiori
    Nel muto orto solingo
    Rinverdì tutto or ora,
    E giugno lo ristora
    Di luce e di calor.
    Tu fior de la mia pianta
    Percossa e inaridita,
    Tu de l'inutil vita
    Estremo unico fior,
    Sei ne la terra fredda,
    Sei ne la terra negra;
    Né il sol piú ti rallegra
    Né ti risveglia amor.

  3. #3
    Moderatrice User Attivo L'avatar di cantodinverno
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Taranto
    Messaggi
    1,107
    Segui cantodinverno su Twitter Aggiungi cantodinverno su Google+ Aggiungi cantodinverno su Facebook Aggiungi cantodinverno su Linkedin Visita il canale Youtube di cantodinverno
    Ottima scelta anzi...Aulica .

  4. #4
    Non iscritto
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    Bologna
    Messaggi
    3,178
    Hihihi

    Ora son curiosa di sentire i ricordi degli altri!!
    La poesia recitata a tavola in piedi sulla sedia...

  5. #5
    Non iscritto
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    Bologna
    Messaggi
    3,178
    Incredibile... stamattina mi sono svegliata con questa poesia nella testa, sarà il cattivo tempo che non vuole andarsene... sarà la Pasqua che si confonde con il natale... quello che è sicuro è che si tratta di una di quelle poesie che si annidano nel cuore in tenera età, appunto ai tempi di scuola, e non ti abbandonano più....
    Non ho voglia
    di tuffarmi
    in un gomitolo
    di strade

    Ho tanta
    stanchezza
    sulle spalle

    Lasciatemi così
    come una
    cosa
    posata
    in un
    angolo
    e dimenticata
    Qui
    non si sente
    altro
    che il caldo buono
    Sto
    con le quattro
    capriole
    di fumo
    del focolare.

    Natale - G. Ungaretti

  6. #6
    Moderatrice User Attivo L'avatar di cantodinverno
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Taranto
    Messaggi
    1,107
    Segui cantodinverno su Twitter Aggiungi cantodinverno su Google+ Aggiungi cantodinverno su Facebook Aggiungi cantodinverno su Linkedin Visita il canale Youtube di cantodinverno
    Ungaretti è molto gettonato: non si scappa .

  7. #7
    Non iscritto
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    Bologna
    Messaggi
    3,178
    Ma tu pensa che strano che mi son svegliata proprio con quei versi, come se il caro Ungaretti mi fosse venuto in sogno

  8. #8
    Moderatrice User Attivo L'avatar di cantodinverno
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Taranto
    Messaggi
    1,107
    Segui cantodinverno su Twitter Aggiungi cantodinverno su Google+ Aggiungi cantodinverno su Facebook Aggiungi cantodinverno su Linkedin Visita il canale Youtube di cantodinverno
    Che bello .

  9. #9
    Moderatrice User Attivo L'avatar di cantodinverno
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Taranto
    Messaggi
    1,107
    Segui cantodinverno su Twitter Aggiungi cantodinverno su Google+ Aggiungi cantodinverno su Facebook Aggiungi cantodinverno su Linkedin Visita il canale Youtube di cantodinverno
    Una poesia che forse non si studia più in tempo di relativa pace, ma bellissima, è "Uomo del mio tempo" di Quasimodo.

    Sei ancora quello della pietra e della fionda,
    uomo del mio tempo. Eri nella carlinga,
    con le ali maligne, le meridiane di morte,
    - t’ho visto – dentro il carro di fuoco, alle forche,
    alle ruote di tortura. T’ho visto: eri tu,
    con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio,
    senza amore, senza Cristo. Hai ucciso ancora,
    come sempre, come uccisero i padri, come uccisero
    gli animali che ti videro per la prima volta.
    E questo sangue odora come nel giorno
    quando il fratello disse all’altro fratello:
    - Andiamo ai campi. – E quell’eco fredda, tenace,
    è giunta fino a te, dentro la tua giornata.
    Dimenticate, o figli, le nuvole di sangue
    salite dalla terra, dimenticate i padri:
    le loro tombe affondano nella cenere,
    gli uccelli neri, il vento, coprono il loro cuore.

+ Rispondi alla Discussione

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.