Era il 29 Ottobre del 1969, eravamo appena stati sulla Luna. Mentre tutto il mondo alzava gli occhi al cielo e, per la prima volta, si osservava verso un'unica grande direzione, qualcuno stava progettando un sistema per connettere questa umanità sempre e per sempre. Qui da noi.

Circa 3 mesi dopo la missione Apollo 11, un'altra, ma non meno importante missione, andò a buon fine. Quella del primo collegamento della storia tra l'Università della California (Los Angeles) e il SRI ovvero l'Istituto di ricerca di Stanford.

Naque Internet che ha cambiato le nostre vite per sempre.

Qui viene raccontata la storiella:

"We set up a telephone connection between us and the guys at SRI...," Kleinrock ... said in an interview: "We typed the L and we asked on the phone,

"Do you see the L?"
"Yes, we see the L," came the response.
"We typed the O, and we asked, "Do you see the O."
"Yes, we see the O."
"Then we typed the G, and the system crashed"...

Yet a revolution had begun"...
Qui invece l'articolo di Repubblica "Internet compie cinquant'anni. E non fu pensata per la guerra".

A questi uomini straordinari dobbiamo più di quanto possiamo immaginare.

A Joseph Robnett Licklider, lo psicologo che voleva l'Intergalactic Computer Network: una biblioteca universale.
A Larry Roberts, che realizzò il sogno di Licklider.
A Leonard Kleinrock, Paul Baran e Donald Davies che teorizzarono la trasmissione di dati.
Wes Clark per gli studi sugli Interface Message Processor.
A Vinton Cerf e Bob Kahn per il Tcp/Ip (Transmission control protocol/Internet protocol).
A Dwight David Eisenhower che voleva la rete di Scienziati.
A Charles Herzfeld, direttore dell'agenzia Arpa che dice "Arpanet non è nata con l'obiettivo di creare un sistema di comando e controllo in grado di sopravvivere a un attacco nucleare. Realizzare un tale sistema era una necessità dell'esercito, ma non era una missione dell'Arpa."
A Tim Berners Lee per il web.

E a tanti tanti altri. Dovremmo fare una grande lista.

E dovremmo dirci che siamo solo all'inizio e che oggi ci attendono sfide ancora più grandi.