+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 32 di 32

Io ò, tu ài, egli à ed essi ànno...

Ultimo Messaggio di Leonov il:
  1. #1
    Consiglio Direttivo
    Bibliotecario
    L'avatar di Leonov
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    Nella Biblioteca e nel Wiki del Forum gt
    Messaggi
    10,958

    Io ò, tu ài, egli à ed essi ànno...

    Avete letto bene; l'ho scritto proprio così.

    E lo ripeto:

    Io ò, tu ài, egli à ed essi ànno...

    Che cosa vuol dire? Andiamo, non ditemi che non l'avete capito...

    Ok, vi aiuto con degli esempi:

    – Io ò una fidanzata incantevole.

    – Tu ài un Mac molto efficiente.

    – Egli à appena ordinato una spuma ghiacciata.

    – Essi ànno davvero fortuna, con le carte.


    Ora ditemi, ma senza barare e senza cercare prima in Rete: secondo voi è un errore ortografico ciò che è scritto nel quote e che, forse impazzendo, ho ribadito per ben due volte (tre, se ci mettiamo anche gli esempi)?

    In fondo, in questa sezione è giusto anche discutere delle bestialità e degli errori più comuni, quelli da evitare a ogni costo.


    [Sempre che siano errori...]


    Aspetto le vostre opinioni.
    MODLingua Italiana; Semantica MODBiblioteca GT WIKIDirettore Operativo --- Bibliosaurus ModSenior – Bibliotecario del Forum gt. Al vostro servizio.
    Regole della Casa --- Il Forum gt cerca nuovi Moderatori. Entra a far parte della squadra!
    Sono con te, sei con me.

  2. #2
    ModSenior L'avatar di vnotarfrancesco
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Torino
    Messaggi
    14,291
    Segui vnotarfrancesco su Twitter Aggiungi vnotarfrancesco su Google+ Aggiungi vnotarfrancesco su Linkedin
    Senza barare e senza cercare in rete?

    La prima cosa che ho pensato è all'effetto di qualche bevanda alcolica oppure a cattive frequentazioni nel Fetish Café, tuttavia vista la tua insistenza e ai precedenti, il beneficio del dubbio era il minimo, e, adesso nutro più di qualche dubbio.

    Non ce la faccio, vado a controllare.
    Edit:
    Ultima modifica di vnotarfrancesco; 10-09-10 alle 17:02
    MODSeo e Tecnologie
    Per consigli e strategie SEO seguimi su Google Plus +Valerio Notarfrancesco - Twitter
    Seconda edizione Seo Power

  3. #3
    ModSenior L'avatar di marcocarrieri
    Data Registrazione
    Jul 2009
    Località
    Rovigo
    Messaggi
    16,005
    Sembra una sorta di regola.
    ò=Ho
    è=He (Anche se non esiste).
    ì=Hi e cosi via...

    Una sorta di algoritmo per compattare le parole? Eh eh...

    Lettera accentata = H + lettera senza accento???

  4. #4
    Consiglio Direttivo
    Bibliotecario
    L'avatar di Leonov
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    Nella Biblioteca e nel Wiki del Forum gt
    Messaggi
    10,958
    Nessun altro che voglia dire la sua?

    Coraggio, coraggio! Non siate timidi, ragassuoli e ragassuole!


    Cosa è accaduto secondo voi pochi post fa? Vi lascio qualche opzione:

    A) Il Bibliotecario si è bevuto il cervello: ormai assediato da formule e nozioni di Fisica, sragiona del tutto e scrive orrori in Italiano.
    B) Io ò etc. si può scrivere tranquillamente; provateci a casa.
    C) La tastiera del computer di Leonov ha dentro un micidiale "vàirus" che potrebbe rendere presto incomprensibile ogni suo scritto.
    D) L'Italiano ha dentro il suo corpo segreti che nemmeno osereste immaginare ().
    E) L'Italiano à dentro il suo corpo segreti che nemmeno osereste immaginare ().
    F) Opzione un po' così, alla boia d'un Giuda.
    G) Questo thread è tutto uno scherzo per attirare gonzi in area "Semantica" e tra poco tiriamo fuori il cartello "Scherzi ad Arte"...
    H) In base all'algoritmo ipotizzato da Marco, questa opzione sarà ora rinominata "opzione Í)".


    E allora, che ne dite?
    MODLingua Italiana; Semantica MODBiblioteca GT WIKIDirettore Operativo --- Bibliosaurus ModSenior – Bibliotecario del Forum gt. Al vostro servizio.
    Regole della Casa --- Il Forum gt cerca nuovi Moderatori. Entra a far parte della squadra!
    Sono con te, sei con me.

  5. #5
    ModSenior L'avatar di vnotarfrancesco
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Torino
    Messaggi
    14,291
    Segui vnotarfrancesco su Twitter Aggiungi vnotarfrancesco su Google+ Aggiungi vnotarfrancesco su Linkedin
    Io non ho resistito e sono andato a cercare la soluzione; non l'avrei mai detto e avrei votato ( G )
    Vedo ogni cosa viral.
    MODSeo e Tecnologie
    Per consigli e strategie SEO seguimi su Google Plus +Valerio Notarfrancesco - Twitter
    Seconda edizione Seo Power

  6. #6
    Consiglio Direttivo L'avatar di lorenzo-74
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,234
    Segui lorenzo-74 su Twitter Aggiungi lorenzo-74 su Facebook
    In prima battuta mi è venuta da pensare la lettera A

    Poi, pensando al soggetto che ho di fronte, probabilmente l'avrà scovati da qualche pubblicazione di una determinata sottosezione di un Dipartimento dell'Accademia della Crusca, che descrive un presunto rinvenimento di un plico polveroso in una dependance di un Sottosegretario del Sommo Dante Alighieri!

  7. #7
    Consiglio Direttivo
    Bibliotecario
    L'avatar di Leonov
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    Nella Biblioteca e nel Wiki del Forum gt
    Messaggi
    10,958
    Citazione Originariamente Scritto da lorenzo-74 Visualizza Messaggio
    In prima battuta mi è venuta da pensare la lettera A
    È un'ipotesi che à pieno diritto di cittadinanza.



    Prometto in ogni caso che tutto sarà chiarito e, nel caso si sia trattato di un vile scherzo ai vostri danni da parte mia, che mi sottometterò docilmente a ogni punizione [] che vorrete infliggermi.


    [Sempre che il plico polveroso evocato da Lorenzo non esista davvero... ]


    Altre opinioni da appuntare? Altri utenti che vogliono fornire una loro idea sul tema?

    A quest'ora potreste aver fatto ricerche su Internet e scoperto tutto, ma se avete resistito alla tentazione e volete intervenire con un piccolo, estemporaneo post di commento sarete i benvenuti.

    Ò tanta voglia di sapere che ne dite della mia proposta – anche perché potrei aver deciso di lanciare proprio io, oggi, dalle colonne di gt, una campagna per cancellare l'acca dalla coniugazione del verbo "avere". Ci avete pensato?
    MODLingua Italiana; Semantica MODBiblioteca GT WIKIDirettore Operativo --- Bibliosaurus ModSenior – Bibliotecario del Forum gt. Al vostro servizio.
    Regole della Casa --- Il Forum gt cerca nuovi Moderatori. Entra a far parte della squadra!
    Sono con te, sei con me.

  8. #8
    ModSenior L'avatar di vnotarfrancesco
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Torino
    Messaggi
    14,291
    Segui vnotarfrancesco su Twitter Aggiungi vnotarfrancesco su Google+ Aggiungi vnotarfrancesco su Linkedin
    Dissidente
    Comunque non ài tutti i torti e penso che molti scolari sosterrebbero la tua candidatura a premier del movimento per l'abolizione della H.
    MODSeo e Tecnologie
    Per consigli e strategie SEO seguimi su Google Plus +Valerio Notarfrancesco - Twitter
    Seconda edizione Seo Power

  9. #9
    Moderatore L'avatar di redsector
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Varese
    Messaggi
    1,295
    ò che si scherza?
    Ho guardato sul dizionario e non v'è traccia di spiegazioni.
    Immagino sia una grafia accettata, ma ignoro

  10. #10
    ModSenior L'avatar di vnotarfrancesco
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Torino
    Messaggi
    14,291
    Segui vnotarfrancesco su Twitter Aggiungi vnotarfrancesco su Google+ Aggiungi vnotarfrancesco su Linkedin
    Ma ài trovato i documenti originali del '700 dell'Accademia della Crusca in qualche avventuroso viaggio tra gli scaffali di una biblioteca là dove nessun uomo è mai giunto prima oppure ài la grammatica del Petrocchi datata 1900 in versione originale?

    "Agli studiosi, a quelli che in ogni manièra consulterànno il dizionario, dirò qui alcune ragioni sostanziali e i mièi intendimenti ..."
    MODSeo e Tecnologie
    Per consigli e strategie SEO seguimi su Google Plus +Valerio Notarfrancesco - Twitter
    Seconda edizione Seo Power

  11. #11
    Consiglio Direttivo
    Bibliotecario
    L'avatar di Leonov
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    Nella Biblioteca e nel Wiki del Forum gt
    Messaggi
    10,958
    Orbene, signori e signore, credo sia giunto il momento di svelare il mistero. Vi ho (vi ò) lasciati anche troppo sulla graticola ad attendere.


    Cominciamo dalla premessa: l'indicativo presente del verbo avere, come tutti sappiamo, si scrive così:

    Io ho
    Tu hai
    Egli / Ella ha
    Noi abbiamo
    Voi avete
    Essi hanno
    Chiediamoci però: che ruolo ha quell'acca nelle prime tre persone singolari (ho, hai, ha) e nella terza plurale (hanno)?

    L'acca in quella posizione ha valore puramente diacritico – serve cioè a differenziare la scrittura del verbo avere dalle parole o congiunzione, ai preposizione articolata, a preposizione semplice e anno sostantivo – e non si pronuncia mai nel parlato, a meno che non si stia usando un tono scherzoso, caricaturale o volutamente errato.

    Insomma, si scrive "io ho" e si pronuncia /'io o/; idem per "tu hai" grafico contro /tu 'ai/ fonetico, "egli ha" vs. /'egli a/ e infine "essi hanno" che si dice /'essi 'anno/ (nel precedente, le sbarrette delimitano la pronuncia e l'apostrofo precede la sillaba o la vocale su cui cade l'accento nella pronuncia: è una convenzione dei linguisti).


    Perché allora la scrittura non si conforma alla pronuncia, nella quale dell'acca diacritica non c'è traccia?

    Qui entra in gioco l'etimologia: il verbo "avere" e tutte le voci della sua coniugazione derivano dal verbo latino habere (ind. pres. habeo, habes, habit, habemus, habetis, habent), con l'acca ben visibile come si può leggere chiaramente.

    Ciò non di meno, se in latino l'acca in avere ha un senso pieno e comprensibile, non lo ha in Italiano se non in forma di relitto grafico – tanto è vero che essa è semplicemente scomparsa in tutto il resto della coniugazione verbale (ad es. ci sono: abbiamo, avete, avevo, aveva, ebbi, ebbero, avessero, avremmo, etc.) per restare invece solo nelle quattro voci del presente indicativo.


    Volete la riprova di ciò? Cercate sul vocabolario il verbo riavere, che di avere è un composto evidente con il prefisso "ri-"; scoprirete che la coniugazione in questo caso recita:

    Io riò
    Tu riai
    Egli / ella rià
    Noi riabbiamo
    Voi riavete
    Essi rianno
    e dell'acca diacritica non v'è traccia.


    Nel corso della storia evolutiva della nostra lingua nazionale ciclicamente i linguisti e gli esperti di grafematica si sono interrogati sull'opportunità di mantenere il relitto grafico o di trovare una soluzione alternativa per eliminarlo del tutto anche da ho, hai, ha e hanno; la proposta meglio strutturata di siffatto rinnovamento risale al 1911, quando nel II Congresso della Società Ortografica Italiana il grammatico Petrocchi propose di effettuare la seguente sostituzione formale:

    Io ho --> Io ò
    Tu hai --> Tu ài
    Egli ha --> Egli à
    Essi hanno --> Essi ànno
    la quale, per il tramite del segnaccento, differenzia gli omografi e impedisce le confusioni ad esempio tra o congiunzione e ò voce verbale.

    Delle avventure della forma accentata parla il celebre linguista Bruno Migliorini nella sua Storia della Lingua Italiana (Sansoni, 1963), citato a più riprese nella fondamentale Grammatica Italiana di Luca Serianni (per i tipi della Garzanti e della UTET).


    A questo punto val la pena di porsi la domanda: che ne è stato di quella proposta? L'hanno respinta o l'hanno accolta?

    Si potrebbe pensare, dal momento che tutti qui continuiamo a scrivere ho, hai, ha e hanno, che il buon Petrocchi si sia visto accolto da un livoroso lancio di ortaggi al momento della sua prolusione nel 1911, e che la Società Ortografica Italiana abbia rinviato al mittente l'idea bollandola come irricevibile.

    Invece non è andata così: la proposta è stata accolta, però poi non ha mai attecchito davvero (non l'hanno recepita in modo uniforme nel corpo docente delle scuole, non l'hanno adottata le case editrici se non con rarissime eccezioni, non se ne sono preoccupati gli intellettuali).

    Qual è allora lo status attuale delle forme "io ò" etc.?

    Esse sono grafie ortograficamente corrette o comunque non erronee, che però sono considerate poco comuni, di tono basso e popolare, rarissimamente rinvenibili nel corpus scrittorio.

    Fa ad esempio eccezione, come si può leggere in questo articolo dell'Accademia della Crusca, il Dizionario Bompiani delle Opere e dei Personaggi, che ha adottato le grafie alternative accentate «con un risparmio – scrive l'editore – di un centinaio di pagine».


    Riassumendo: le forme "io ò" per "io ho" etc. si possono usare in ogni contesto (anche la scrittura sorvegliata), ma è raccomandabile farlo con prudenza e se si è certi di rivolgersi a qualcuno che sia in grado di cogliere il sottile "gioco ortografico" – apprezzandolo o meno, non importa – e prepararsi a strabuzzamenti d'occhi dell'interlocutore.

    Provateci a casa, insomma.

    E al professore di scuola che corregge il vostro bambino segnando "egli à" come errore raccontate pure del 1911, di Petrocchi (e di Ferdinando Martini, che insegnava alla Normale di Pisa e combatté per la soluzione accentata) e di un tempo in cui prosperava la Società Ortografica Italiana e si discuteva seriamente di revisioni formali della nostra bellissima lingua nazionale.


    Alla prossima.

    MODLingua Italiana; Semantica MODBiblioteca GT WIKIDirettore Operativo --- Bibliosaurus ModSenior – Bibliotecario del Forum gt. Al vostro servizio.
    Regole della Casa --- Il Forum gt cerca nuovi Moderatori. Entra a far parte della squadra!
    Sono con te, sei con me.

  12. #12
    ModSenior L'avatar di marcocarrieri
    Data Registrazione
    Jul 2009
    Località
    Rovigo
    Messaggi
    16,005
    Beh dai pero ci ero andato vicino indirettamente...
    Non ho vinto niente? :P

  13. #13
    Utente Premium L'avatar di zami
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Messaggi
    145
    Interessante Leonov... ma le trovi tutte!

    Solo che neanche puntandomi una pistola alla tempia mi convincerai a scrivere in questo modo...
    (Beh con la pistola o per un milione di euro forse sì ma non per altro!).

    Confesso che se dovessi scrivere "riavere" mi rifiuterei di usare la forma corretta e metterei l'h pure lì!

    Comunque è una curiosità soddisfatta, ma pensa te quante se ne imparano..
    Più conosco gli animali, più capisco le persone.

  14. #14
    Esperto L'avatar di Acconto
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    638
    Che bella lezione!!!!
    Sognare non è reato!!!! www.studioserrao.it

  15. #15
    L'avatar di Giorgiotave
    Data Registrazione
    Oct 2004
    Località
    Monasterace
    Messaggi
    37,680
    Visita il canale Youtube di Giorgiotave
    Wow!

  16. #16
    Moderatore L'avatar di lazzo85
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Sarzana (SP) / Fosdinovo (MS)
    Messaggi
    1,077
    Segui lazzo85 su Twitter Aggiungi lazzo85 su Google+ Aggiungi lazzo85 su Facebook Aggiungi lazzo85 su Linkedin
    Allora quella volta non meritavo l'insufficienza!!!
    Lo dicevo io che la professoressa stava sbagliando...
    Chissà quanti bei voti mi sono perso!?!

  17. #17
    Moderatore L'avatar di overclokk
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Persiceto (BO)
    Messaggi
    2,971
    Segui overclokk su Twitter Aggiungi overclokk su Google+
    Devo seguire più spesso questa sezione, si imparano cose interessanti sulla lingua Italiana, per esempio oggi ò imparato un niuovo/vecchio uso del verbo avere .

  18. #18
    Moderatore L'avatar di redsector
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Varese
    Messaggi
    1,295
    Bello, non ne avevo mai sentito parlare.
    Sicuramente sarebbe più comodo e più utile, anche perchè, a quando si legge in giro, l'h è sempre un optional

  19. #19
    User L'avatar di alle
    Data Registrazione
    May 2011
    Località
    Modena
    Messaggi
    31
    Interessantissimo!!
    Adoro la lingua italiana!

  20. #20
    Moderatore L'avatar di SeoDart
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    A metà strada tra sogni e realtà
    Messaggi
    260
    C'era un tempo in cui si scriveva come si parlava, ovvero la grafia tentava di essere più fedele possibile ai suoni.
    Ora si parla in un modo e si scrive nelle stesso modo (o quasi) di cent'anni fa.
    Forse nell'italiano è poco evidente ma in inglese lo è di più.
    Cinquantanni fa la regina pronunciava land /lɛnd/ ora lo pronuncia come /lænd/.
    Ho la certezza che una ventina di anni fa pronunciavate delle parole in modo diverso da quello che fate ora. Specialmente per le doppie che i bambini difficilmente pronunciano ma si imparano tardi.

  21. #21
    Moderatore L'avatar di overclokk
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Persiceto (BO)
    Messaggi
    2,971
    Segui overclokk su Twitter Aggiungi overclokk su Google+
    La lingua è in costante evoluzione, è normale, guarda tutti quei ragazzini che scrivono la K al posto della C o della Q, fra due generazioni dovremo comprare un nuovo vocabolario

  22. #22
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    Empoli
    Messaggi
    2
    Caro Leonov,niente traveggole,sbronze,sniffate e via sbarellando! E' sufficiente avere qualche annetto di più di quelli che ànno postato diverse ipotesi,dubbi etc. Il fatto è che questo modo di scrivere il presente indicativo del verbo avere è caduto in disuso,perche',a mio parere, la grammatica italiana è piuttosto ostica alla maggioranza,docenti,giornalisti,gente comune ( basta scorrere i giornali, i post dei vari forum...per rendersi conto) per cui nella lodevole intenzione di non creare ulteriore confusione tra l'uso dell'accento e la acca, si è preferito l'uso di quest'ultima,sperando in un uso più italianamente corretto, ma paradossalmente, per la maggioranza,non si usa nè l'una nè l'altra

  23. #23
    Consiglio Direttivo
    Bibliotecario
    L'avatar di Leonov
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    Nella Biblioteca e nel Wiki del Forum gt
    Messaggi
    10,958
    Considerazioni condivisibili, Apamul.

    Condivisibili e amare, purtroppo: abbiamo una lingua i cui primi alfieri non sono più in grado di curare e portare ai suoi livelli più alti.

    Un gran peccato, perché il nostro è un idioma che è stato in grado di dare contributi significativi all'Arte e alla Scienza durante un lungo arco temporale. Eredità meravigliosa che, di questo passo, rischia di andare perduta per sempre.
    MODLingua Italiana; Semantica MODBiblioteca GT WIKIDirettore Operativo --- Bibliosaurus ModSenior – Bibliotecario del Forum gt. Al vostro servizio.
    Regole della Casa --- Il Forum gt cerca nuovi Moderatori. Entra a far parte della squadra!
    Sono con te, sei con me.

  24. #24
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    Empoli
    Messaggi
    2

    Le amare considerazioni

    Lungi da me incendiare la discussione,ma la tua risposta ha toccato un mio tasto dolente, a dir poco! L'amara considerazione è : se NOI ITALIANI trattiamo la nostra lingua così, come si evidenzia da tutto quello che ci viene propinato dall'informazione,scritta e parlata,non dobbiamo meravigliarci se anche il nostro patrimonio culturale sta' facendo la fine che e' sotto gli occhi di tutti e non mi riferisco ai terremoti soltanto! Mi angoscio al pensiero della cultura occidentale,alla quale abbiamo cosi fortemente contribuito,in una prospettiva prossima ventura,quando altri, con culture diverse,anche se "occidentalizzati" non avendo il nostro retroterra culturale non "capiranno" e trovandosi in posizione dominante potranno disfarsi di tutto ciò che e' lontano dal loro sentire.Speriamo ciò non debba mai avvenire o perlomeno che ci diano il tempo di far capire loro Giotto,Mozart,Manzoni,Shakespeare...

  25. #25
    User Newbie
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Località
    Firenze
    Messaggi
    1
    Ho notato questa interessante discussione. Mi permetto di far notare una cosa: Leonov, scrivendo il post, pare che faccia risalire tal maniera di scrivere la coniugazione del verbo avere al 1911 con il II Congresso della Società Ortografica Italiana. Tale data pare ampiamente errata.
    Saluti.

  26. #26
    Consiglio Direttivo
    Bibliotecario
    L'avatar di Leonov
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    Nella Biblioteca e nel Wiki del Forum gt
    Messaggi
    10,958
    Salve Ilmoscerino.

    Pungolato dalle tue parole, ho riletto il mio post; non mi è sembrato di ritrovarvi l'affermazione che il Petrocchi avesse proposto la forma accentata e priva di h come fosse stata una sua invenzione (invece di una semplice richiesta di accogliere nel novero delle forme accettate dalla grammatica una serie di grafie già presenti di fatto nel corpo della letteratura e della produzione scritta).

    Apprezzo tuttavia la precisazione, che mi ha permesso di rivedere il testo e ricordare l'episodio, a mio parere tra i più simpatici nella storia della nostra lingua.


    Per approfondimenti ulteriori:

    http://lellobrak.blogspot.it/2008/09...ogica-nel.html (con un tono lievemente meno accomodante di quello offerto dalla mia esposizione)

    http://www.homolaicus.com/linguaggi/verbo-avere.htm (con piccola bibliografia)


    MODLingua Italiana; Semantica MODBiblioteca GT WIKIDirettore Operativo --- Bibliosaurus ModSenior – Bibliotecario del Forum gt. Al vostro servizio.
    Regole della Casa --- Il Forum gt cerca nuovi Moderatori. Entra a far parte della squadra!
    Sono con te, sei con me.

  27. #27
    Esperto L'avatar di euroroscini
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    179
    A distanza d'un anno, pardon!... Al solito rivendico 'il proprio gusto', che è puro estetismo. Per me l'a/verbo accentata è grafia brutta ché nel pronunciarla non si nota (per quanto l'acca aspirata toscaneggiante non sarebbe tanto da sottovalutare). Perché brutta?... Perché mi riempe/decora lo spazio più una lettera alfabetica – qui l'acca per altro importante – che uno striminzito accento che è, semmai, corredo a lettera. Poi scrivere l'a/accentata per distinguerla da verbo a preposizione è 'visibilmente' tautologico: cioè inutile/ripetitivo/ozioso, quindi brutto. Difatti la lettera alfabetca 'a' – per definizione – è aperta come è l'accento grave che le si vorrebbe appiccicare sopra. (Ricordo che gli accenti grave e acuto, che poniamo soltanto sulle nostre vocali 'e' ed 'o', aprono/chiudono la loro pronuncia; ma la 'a' è appunto esente da questa minuzia di segno – l'accento – se non per le parole tronche. Questo però è altro discorso.)

  28. #28
    Consiglio Direttivo
    Bibliotecario
    L'avatar di Leonov
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    Nella Biblioteca e nel Wiki del Forum gt
    Messaggi
    10,958
    La tua argomentazione à senz'altro dei punti di interesse.

    A proposito dei diacritici ò personalmente una posizione diversa, ma essa scaturisce e trae vigore dalla mia formazione professionale: nel mio mondo, un punto sovrascritto, un arpione, una barretta, un accento, una tilde o una freccia trasformano enormemente il carattere del simbolo che corredano, ed è bene non confondere quantità omografe potenzialmente diverse.


    Parlando di diacritici, tuttavia, ribadisco la mia domanda alla comunità dei programmatori: vorrei una risposta definitiva sul perché qualcuno in passato à stabilito la regola per la quale, sulle tastiere per computer, le "a" intrinsecamente gravi abbiano per l'appunto il segnaccento grave (corretto), mentre le "i" e le "u" non possano averlo acuto, come dovrebbe essere vista la loro natura vocalica, almeno in italiano.

    Questa asimmetria mi disturba profondamente, e mi accodo alla falange dei resistenti (Gabrielli, Silvestro ecc.) che pongono attenzione alla direzione del segnaccento anche e soprattutto di quelle vocali che non oscillano in pronuncia aperta/chiusa. Nei documenti che scrivo faccio il possibile per porvi rimedio, e in un vecchio studio di rimappatura della tastiera che avevo predisposto i tasti "ì" e "ù" erano rimpiazzati dai loro corrispondenti corretti "í" e "ú" — con il Mac è agevole sistemare queste e altre caratteristiche della tastiera.


    Mi domando però come mai, in un'epoca in cui ormai le macchine potrebbero gestire e risolvere problemi assai piú complessi di questo, ci si ostini a lasciar correre sulle tastiere italiane un cosí sesquipedale errore.
    MODLingua Italiana; Semantica MODBiblioteca GT WIKIDirettore Operativo --- Bibliosaurus ModSenior – Bibliotecario del Forum gt. Al vostro servizio.
    Regole della Casa --- Il Forum gt cerca nuovi Moderatori. Entra a far parte della squadra!
    Sono con te, sei con me.

  29. #29
    Esperto L'avatar di euroroscini
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    179
    Sì, è discorso divergente il mio!... Se non altro perché mi sono convinto, a mano a mano che sento tanto vociare mediatico (televisione, cinema, teatro, internet) che la qualità d'una lingua si misura dalla sua scrittura, non dalla sua pronuncia: la scrittura ne è l'anima – sorta di noumeno – e la voce ne è la manifestazione – sorta di fenomeno.

    Ora – a modo mio – estrapolo due parole significanti dall'arcipelago linguistico: fonetica e morfologia; a cui gente intelligente e colta (intendo certi 'Accademici') ha amato ed ama appoggiarsi 'parassitariamente', materializzandosi in discipline e cattedre, accademie e consigli, titoli ed encomi (sorvolo sulle monumentali scaffalature dei rispettivi tomi posticci/conseguenziali così poco letterari).

    Ma di tutto questo rumore linguistico distillo, sia pure fosse una miseria, la mia vocazione al segno. Che vedo bene e mi resta saldo. E non al modo in cui lo stesso ascolto e mi vola via a seconda di come spiri il vento delle parlate innumerevoli.

    Dunque per me l'accento (per seguitare a chiacchierar sull'argomento) grave o acuto che sia, circonflesso all'insù o all'ingiù, con tutta la marea d'altri “diacritici” (parola per me purtroppo maleodorante)... – ovvero tutti quei segnetti fastidiosi, spesso velenosi/quasi sempre inavvertibili, aguzzi come punte d'istrice e ricci di mare – beh per me lui/l'accento, con tutto questo continente minuto di sgorbietti pseudo/grafici che gli tiri appresso, appartiene alla fonetica. Che è l'arte (semplifico) del pronunciar bene ma sempre all'incirca fatalmente le parole d'una lingua/la mia compresa. Mentre l'acca – lettera a dir poco magnificente del nostro vecchio alfabeto ormai maggiorato di k, j, w e x – la faccio appartenere alla morfologia...

    La quale invece – quest'ultima – mi rappresenta il reticolo strutturale, sia pure utilizzando in quantità ristretta l'accento stesso, della lingua che scrivo/leggo. Dove devo pur saper distinguere il verbo dalla congiunzione, il tempo dell'anno dai soldi che s'hanno in tasca, e la sillabazione averne misura scandendo il metro dei versi e mantenere il senso logico in frasi e frasi mediante, ecco!...L'ortografia – punto, virgola, due punti, etc. – che pur minima graficamente anch'essa è sostanziale (per favore!).

    Intrinsecamente grave è espressione carina. Ma perché l'accento fonico, la i e la u, dovrebbero averlo acuto per la loro natura vocalica?

    Ciao con sommo rispetto per la diversità assoluta fra due modalità d'intendere la stessa cosa, Euro
    Ultima modifica di euroroscini; 12-05-14 alle 09:21

  30. #30
    Consiglio Direttivo
    Bibliotecario
    L'avatar di Leonov
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    Nella Biblioteca e nel Wiki del Forum gt
    Messaggi
    10,958
    Salve Euro.

    Sulla differenza che sottolinei tra fonetica e morfologia non saprei cosa rispondere; non è il mio campo, ma forse qualche paziente linguista — non necessariamente pomposo accademico, ma ricercatore animato da genuina passione per la conoscenza — potrebbe darci una mano.

    Se ci siete, battete il proverbiale colpo.


    Su questo, invece,

    Citazione Originariamente Scritto da euroroscini Visualizza Messaggio
    Intrinsecamente grave è espressione carina. Ma perché l'accento fonico, la i e la u, dovrebbero averlo acuto per la loro natura vocalica?
    credo di poter rispondere, grazie alle belle parole di Paolo Matteucci, che di mestiere credo faccia come me il Fisico, ma a differenza di me è capace di discutere di lingua italiana con una competenza enormemente superiore.

    Passo quindi la parola a lui, dal suo documento (http://www.achyra.org/matteucci/files/iu.pdf), un gioiellino che invito tutti a leggere nella sua interezza:


    Partiamo dalla fone(ma)tica. Com’è noto, il sistema vocalico dell’italiano può essere schematicamente rappresentato dal seguente trapezio:

    -- i ————————— u ----
    -- e (é) ————— o (ó) ----
    -- E (è) ———— O (ò) -----
    ------------ a ----------------

    (a livello fonetico, esistono altri due foni, intermedi, rispettivamente, tra [e] e [E], e tra [o] e [O]: ciò è irrilevante ai fini di questa discussione, ma cfr. Canepàri 1999, §2.2). «Quindi, l’accento acuto ‹ ́› indica vocale (piú) chiusa, quello grave ‹`› vocale (piú) aperta; e l’uso piú raffinato aderisce alla realtà fonetica, preferendo í, ú, é, ó (chiuse), è, ò, à (aperte), sebbene sia piú frequente trovare é, ó, ì, ù, è, ò, à, soprattutto a causa delle limitazioni delle tastiere tradizionali» (Canepàri 1999, pp. 15–6)... E potremmo fermarci qui: il lettore genuinamente obiettivo non necessita davvero d’ulteriori spiegazioni.


    La posizione dei sostenitori della grafie ì e ù è ben riassunta dal Serianni, che si rifà a Camilli & Fiorelli (1965), pp. 119 e 183–6: «Quanto alla forma dell’accento grafico, acuto ( ́.) o grave (`.), lo schema piú raccomandabile [...] è il seguente:

    à, ì, ù, è, é, ò, ó

    Ossia grave –secondo l’accentazione tradizionale degli ossitoni nella tipografia italiana antica– nei tre casi in cui non si può distinguere tra diversi gradi di apertura (à, ì, ù) e acuto e grave a seconda che si vogliano indicare /e/, /o/ oppure /E/, /O/» (Serianni 1989, p. 58) –anche se poche righe dopo il grammatico correttamente aggiunge: «Un altro sistema accentuativo oggi in uso prevede l’accento acuto per tutte le vocali chiuse (í, é, ú, ó) e il grave per tutte le aperte (à, è, ò)»

    [...]

    Un tale sistema [quello in cui si usi un accento di un tipo solo], perfettamente appropriato per una lingua come lo spagnolo che ha solo cinque fonemi vocalici (e difatti usa un unico accento grafico, quello acuto), risulta inadeguato per l’italiano che ne ha sette, presentando un’opposizione /e/ ∼ /E/ in parole come pésca (attività) e pèsca (frutto), e un’opposizione /o/ ∼ /O/ in altre quali bótte (recipiente) e bòtte («percosse»). Di qui la necessità d’introdurre, in tempi recenti, un secondo tipo d’accento (quello acuto), mutuato dal francese.

    In effetti, in ispagnolo si potrebbe anche adoperare, a mo’ d’accento grafico, un semplice punto sottoscritto, non essendoci opposizione fonologica tra, e.g., la [e] di queso e la [E] di tierra, «tassofoni» (i.e. «allofoni combinatòri») del fonema spagnolo /e/ –e questo perché[e] ricorre solo in determinate posizioni, e [E] nelle rimanenti (e in quelle soltanto).

    Riconosciuto, quindi, il fatto che un sistema «biaccentuativo» è piú appropriato per l’italiano, si sarebbe dovuto far le cose fino in fondo, anziché a metà, come troppo spesso succede in Italia, magari semplicemente per «venire incontro» al partito dei tradizionalisti,che avrebbe voluto il mantenimento dell’accento grave in tutti i contesti.

    Ne è risultata una convenzione ortografica incoerente, ambigua o –perlomeno– innecessariamente complicata (qui, sí, «senza necessità»), che, invece di consistere in un’unica regola (accento grave per le vocali [piú] aperte, acuto per quelle [piú] chiuse), facilmente deducibile anche per lo studioso che non conosca il sistema vocalico dell’italiano, costringe a contorsioni mentali non indifferenti.

    Che sia realmente cosí, che cioè una tale convenzione sia anche logicamente (oltreché foneticamente) poco felice, è talmente ovvio che non ci sarebbe nemmeno bisogno di dimostrarlo. E tuttavia, proprio perché non vogliamo lasciare adito a dubbi, procederemo ora –a beneficio del lettore piú pignolo– alla «dimostrazione» di quest’ovvietà.

    [Segue dimostrazione logica formale della coerenza del sistema accentuativo proposto, ndr.]

    Vediamo ora in quanti modi possiamo raggruppare i fonemi vocalici dell’italiano standard. Le due dimensioni che risultano evidenti dal trapezio vocalico sono l’elevazione (del dorso della lingua o apertura) e l’avanzamento/arretramento (sempre del dorso della lingua). Cosí, bisecando orizzontalmente il trapezio, abbiamo immediatamente che /E a O/sono vocali [piú] basse (o aperte), mentre /i e o u/ sono [piú] alte (o chiuse). Tagliando,invece, il trapezio longitudinalmente, deduciamo che /i e E/ sono vocali anteriori, /O o u/ posteriori, mentre /a/ è centrale. Ovviamente, potremmo ulteriormente raffinare questa suddivisione e dire, e.g., che /E/ è anteriore semi-bassa, ma ciò non è d’alcun’utilità in quest’esercizio, che ricerca la semplicità, non la complessità.

    C’è un’altra direzione, non evidente dal trapezio, lungo la quale possiamo suddividere le nostre vocali, che è l’arrotondamento (labiale). Tuttavia, quest’ultimo non aggiunge nulla di significativo, ché in italiano sono arrotondate solo e soltanto le vocali posteriori /O o u/, e cioè (in italiano standard) «posteriorità ⇔ arrotondamento».

    [Altri dettagli formali della prova logica.]

    Esplicitamente: dal sistema {í é è à ó ò ú} dedurrò, logicamente, che i fonemi rappresentati dai grafemi í é ó ú condividono una caratteristica fonetica comune (che sappiamo essere la chiusura), mentre i rimanenti (rappresentati da è à ò) ne condividono una diversa(l’apertura, appunto). Ragionevolmente dedurrò anche che è é e ò ó, pur appartenendo a due diverse categorie, rappresentano due fon(em)i «vicini»... Tutte conclusioni che sappiamo essere vere. Non solo: se inoltre sappiamo che i fonemi in questione sono proprio /i eE a O o u/ (con tutte le loro caratteristiche fonetiche), è facile rendersi conto che possiamo univocamente identificare i grafemi dati con questi fonemi nel modo «corretto».

    [...]

    Per completezza, menzioniamo qui brevemente altri due sistemi accentuativi per l’italiano che sono ormai desueti o il cui impiego è oggi in forte regresso. Oltre al sistema «standard», a quello che qui si predilige e che potremmo chiamare«fonetico» e al sistema «tradizionale», che prevede l’accento grave in ogni contesto, ne esiste un altro piú antico (cinquecentesco), che potremmo definire «alessandrino», che è alla base di quello tradizionale e, sull’esempio del greco classico, prevedeva l’accento acuto all’interno della parola e quello grave alla fine. [...] Questo è il sistema impiegato, ad esempio, nella prima edizione del Vocabolariodegli Accademici della Crusca (1612). Esiste infine un quinto sistema accentuativo, che potremmo definire –a seconda dei punti di vista– «glottologico» o «assurdo», per il quale si ha í è é á ò ó ú. Esso trovale sua ragion d’essere (se di «ragione» si può parlare) nella glottologia, dove, secondo una vecchia convenzione, l’accento acuto indica la vocale accentata, ma si noti allora l’incoerenza rappresentata da è ò, nonché la solita scelta foneticamente poco felice d’accomunare/i a u/.

    Ultima modifica di Leonov; 12-05-14 alle 13:26
    MODLingua Italiana; Semantica MODBiblioteca GT WIKIDirettore Operativo --- Bibliosaurus ModSenior – Bibliotecario del Forum gt. Al vostro servizio.
    Regole della Casa --- Il Forum gt cerca nuovi Moderatori. Entra a far parte della squadra!
    Sono con te, sei con me.

  31. #31
    Esperto L'avatar di euroroscini
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    179
    Bravo Leonov!... so che se t'impunti in una argomentazione, sei almeno/almeno documentato: ah che persona seria!! Sfugge tuttavia al tuo 'Matteucci' che esisto anche io... Anzi fammi il piacere se puoi: comunicagli che sto lavorando intensamente (sulla base delle sei cuspidi dell'OTTAEDRO – la figura che riassume la mia filosofia) su un sesto sistema accentuativo dell'unica/autentica/definitiva lingua italiana ad saecula. (E già che sto a sbracarmi in comunicazioni di livello...) t'informo altresì che sto per proporre a tutta la 'comunità dei programmatori informatici' una nuova serie di emoticon altamente simbolici, sorprendenti (lo saranno), perfettamente adeguati a questa mia accentatura rivoluzionaria/da sballo.
    Ultima modifica di euroroscini; 12-05-14 alle 17:40

  32. #32
    Consiglio Direttivo
    Bibliotecario
    L'avatar di Leonov
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    Nella Biblioteca e nel Wiki del Forum gt
    Messaggi
    10,958
    Non mancherò di passare la voce.

    La comunità tutta si farà trovare pronta a ricevere, vagliare, e — perché no? — accogliere con entusiasmo la tua ottaedrica proposta.


    Per parte mia ho sempre amato le forme appena esotizzanti del dodecaedro (mi pare fosse il simbolo dell'etere, per Aristotele), ma finché si resta nei solidi platonici, e non si scivola nelle proteiformi figure disponibili nel catalogo di Schläfli, sono sempre felice.


    A bientôt.
    MODLingua Italiana; Semantica MODBiblioteca GT WIKIDirettore Operativo --- Bibliosaurus ModSenior – Bibliotecario del Forum gt. Al vostro servizio.
    Regole della Casa --- Il Forum gt cerca nuovi Moderatori. Entra a far parte della squadra!
    Sono con te, sei con me.

+ Rispondi alla Discussione

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.