+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 3 di 3

Partita IVA e contratto da dipendente

Ultimo Messaggio di Bruno Palmero il:
  1. #1
    User Newbie
    Data Registrazione
    May 2018
    Località
    Saint-Vincent
    Messaggi
    2

    Partita IVA e contratto da dipendente

    Buonasera a tutti,
    mi chiamo Bruno e sono un ingegnere libero professionista, iscritto all'albo e sottoposto ad Inarcassa (la cassa di previdenza Ingegneri e Architetto). Ho una domanda in merito alla mia professione: in questo periodo mi è stato offerto un contratto di lavoro a tempo indeterminato però con la richiesta di mantenere aperta la partita IVA.

    Dal punto di vista della busta paga so che dovrei mettermi d'accordo con il datore di lavoro e quello che percepirei in busta paga sarebbe il netto, senza ulteriore tassazione. Quello che non riesco a capire è cosa succederebbe con la partita IVA: di base so che Inarcassa non mi permetterebbe di rimanere iscritto e dovrei iscrivermi alla Gestione Separata INPS. Da varie pagine web ho letto che dovrei versare il 4% all'INPS, il 4% ad Inarcassa (come contributo integrativo che andrebbe "perso") ottenendo una fattura di questo tipo (e ipotizzando regime ordinario)

    1) Imponibile 1000 €
    2) INPS 4% 40 €
    3) Inarcassa 4% (1+2) 41,6 €
    4) IVA 22% (1+2+3) 237,95 €
    5) Fattura lorda (1+2+3+4) 1319,55 €
    6) Ritenuta d'acconto 20% (1+2) 208 € (nel caso di fatture nei confronti di società o professionisti con partita IVA)
    7) Fattura netta (1+2+3+4-6) 1111,55 €

    Il dubbio però è sulla tassazione: su alcuni siti si legge che la tassazione sul reddito risulta pari al 25,72%... Se ipotizzassi di emettere solo una fattura di 1000 € di imponibile come sopra quanto dovrei versare all'INPS sotto forma di tasse?

    Scusate in anticipo per il quesito ma il mio commercialista non mi è di aiuto (ho chiesto un consulto e ha glissato, non molto elegantemente).


    Cordiali Saluti
    BP

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    termoli
    Messaggi
    795
    Ciao Bruno e benvenuto nel forum,
    mi pare di ricordare che Inarcassa non preveda la doppia contribuzione. Una volta assunto come dipendente Inarcassa ti cancellerà e non sarai tenuto a versare nessun contributo.
    L'iscrizione alla gestione separata prevede aliquota al 24% per chi è iscritto ad altra forma pensionistica (come i dipendenti).
    Tieni presente che se non aderisci al regime forfettario il reddito da partita Iva si cumula con quello da dipendente.
    Chiedi tutto e di più al tuo commercialista!
    Saluti
    MODConsulenza Fiscale
    Antonio Cariello - Commercialista www.montiseram.it

  3. #3
    User Newbie
    Data Registrazione
    May 2018
    Località
    Saint-Vincent
    Messaggi
    2
    Buongiorno Ascariello,
    grazie per le informazioni. Il fatto che si possa cumulare il reddito da partita IVA con quello da dipendente potrebbe avere risvolti interessati: ho sul sito Inarcassa che, se non si raggiunge la soglia minima di 15548 € l'INPS non accredita i versamenti dell'anno lavorato. Capire se i due possono sommarsi potrebbe essere utile: tra l'altro ho letto che non è possibile ricongiungere i versamenti in Gestione Separata INPS con altri.

    Ho sempre più l'impressione che la soluzione mista non sia molto buona... Aspetto altri pareri e nel frattempo cerco di capire con il mio commercialista (anche se la prima volta è stato evasivo). Se scopro qualcosa di nuovo mi faccio vivo.


    Saluti
    BP

+ Rispondi alla Discussione

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.