+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 2 di 2

Mi conviene aprire una partita IVA?

Ultimo Messaggio di Contabile il:
  1. #1
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    1

    Mi conviene aprire una partita IVA?

    Salve a tutti, sono una nuova iscritta quindi chiedo scusa se ho sbagliato "corsia di immissione"!!!

    Scrivo in quanto ho un quesito da porre a tutti voi.
    Sono un tecnico cosmetologo, l'azienda presso cui ho lavorato fino a poco fa con un contratto a progetto mi ha ora proposto di lavorare come consulente esterno per la stesura di dossier e report.
    Premetto che non è stata una scelta dell'azienda, che dopo il contratto a progetto mi avrebbe assunto a tempo indeterminato, ma mia.
    Lavorare comeconsulente esterno per loro mi permetterebbe un guadagno netto di circa 15.000 euro netti.
    Il fatto è che mi hanno detto di aprirmi una Partita IVA.
    So che non costa nulla aprirla ma vorrei capire più nello specifico quelli che sarebbero pro e contro con un guadagno annuale come il mio.
    Ho provato a visitare il sito delle agenzie delle entrate ma mi sono persa...quante tasse dovrei pagare? Tra INPS, IRPEF mi rimarrebbe più o meno del 50%?
    Ringrazio tutti fin da ora....
    Paolo se hai letto rispondimi please!

  2. #2
    Banned L'avatar di Contabile
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    Gioia Tauro
    Messaggi
    785
    Ciao e benvenuta!

    Potresti adottare il RFA (Regime Fiscale Agevolato) ma solo nel caso in cui l'attività che andrai ad intraprendere stesura di dossier e report non sia una prosecuzione del rapporto di co.co.pro che avevi prima.

    Ti riporto in sintesi il RFA

    Il regime fiscale agevolato per le nuove iniziative economiche è previsto per le persone fisiche che avviano una nuova attività, imprenditoriale (anche sotto forma di impresa familiare), o di lavoro autonomo (professionisti).
    E’ applicabile per il primo anno dell’iniziativa e per i due successivi.
    Quindi, la durata dell’agevolazione è al massimo di tre anni.
    Chi l’utilizza non paga l’IRPEF e le relative addizionali (comunali e regionali), bensì un’imposta sostitutiva, nella misura fissa del 10% sul reddito conseguito (ricavi meno costi al netto di IVA).
    REQUISITI
    1. Il richiedente deve essere una persona fisica che intende iniziare un’impresa (ditta individuale) o un’attività di lavoro autonomo (professionista).
    2. I compensi (per i professionisti) o i ricavi (per le imprese) annuali non devono superare i seguenti limiti:
      • € 30.987,41 per i lavoratori autonomi;
      • € 30.987,41 per le imprese che hanno per oggetto la prestazione di servizi;
      • € 61.974,83 per le imprese che hanno per oggetto altre attività.
        In particolare, nel caso di superamento dei suddetti limiti è prevista la decadenza dell’agevolazione ed il reddito conseguito viene tassato nei modi ordinari:
        • dall’anno successivo, se i limiti sono superati, ma non oltre il 50%;
        • dallo stesso anno d’imposta, se i limiti di cui sopra sono superati di oltre il 50%.
    3. L’attività che si vuole svolgere deve essere nuova in senso assoluto e cioè:
      • l’interessato non deve aver esercitato nei tre anni precedenti attività d’impresa, professionale o artistica, neppure in forma associata o familiare;
      • l’attività che si va ad iniziare non deve essere il proseguimento di un’altra attività svolta in precedenza, anche sotto forma di lavoro dipendente, collaborazione o lavoro autonomo.
    4. È necessario che siano osservati tutti gli adempimenti di carattere previdenziale (iscrizione all’INPS, etc…), assicurativo (INAIL, etc…) ed amministrativo (licenze, autorizzazioni, etc…).
    Agevolazioni
    Facilitazioni che spettano a chi comunica l’adesione, avendone i requisiti, al regime fiscale agevolato per le nuove attività:
    1. Tassazione ridotta. Il regime speciale prevede un’imposizione fissa del 10% in luogo del pagamento dell’IRPEF e delle sue addizionali (comunali e regionali). Il 10% è calcolato sul reddito d’impresa o di lavoro autonomo e, quindi, sui ricavi (o compensi per i professionisti) al netto delle spese e dei costi. La tassazione ridotta del 10% avviene nella normale dichiarazione annuale dei redditi ed il versamento dell’imposta sostitutiva dell’IRPEF si esegue con il modello F24 presso Banche e Poste, indicando il codice tributo 4025. Il reddito d’impresa o di lavoro autonomo, essendo tassato con aliquota sostitutiva del 10%, non va incluso nel reddito complessivo calcolato ai fini IRPEF, sfuggendo in tal modo all’ordinaria (e più gravosa) imposizione fiscale delle persone fisiche.
      Attenzione però, perché questa speciale tassazione di favore, sostitutiva di quella ordinaria, impedisce l’utilizzo in dichiarazione delle detrazioni fiscali (per carichi di famiglia e per oneri) previste per l’IRPEF. Pertanto, il risparmio fiscale è più accentuato qualora il contribuente possa comunque far valere le suddette detrazioni dichiarando altri tipi di reddito, diversi da quello d’impresa o di lavoro autonomo per il quale beneficia della riduzione del carico fiscale.
    2. Versamento in unica soluzione dell’IVA. La tassazione ridotta di cui al punto precedente riguarda solo l’IRPEF, per cui le altre imposte vanno regolarmente versate. Tuttavia questo regime agevolato consente di versare l’IVA dovuta, anziché alle ordinarie scadenze periodiche, in unica soluzione in sede di dichiarazione annuale. Inoltre, si è esonerati anche dall’obbligo del versamento annuale dell’acconto IVA, la cui scadenza è fissata, per tutti gli altri contribuenti, il 27 dicembre di ogni anno.
    3. Semplificazione degli obblighi contabili. Il regime agevolate per le nuove attività esonera dalla registrazione e tenuta delle scritture contabili obbligatorie per:
      • l’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF);
      • l’imposta regionale sulle attività produttive (IRAP);
      • l’imposta sul valore aggiunto (IVA).
    E’ comunque sempre obbligatoria l’emissione, se prevista, di fatture, ricevute e scontrini, nonché la conservazione dei documenti emessi e ricevuti.
    1. Eliminazione della ritenuta d’acconto. Il sostituto d’imposta che paga ricavi o compensi all’impresa o professionista in regime agevolato per nuove attività non deve assoggettare a ritenuta d’acconto gli importi pagati. Chiaramente, per comunicare al sostituto d’imposta questa condizione, il contribuente rientrante nel regime agevolato deve rilasciare allo stesso una dichiarazione dalla quale risulti la loro particolare situazione di tassazione ridotta e sostitutiva dell’IRPEF.
    2. Tutoraggio. Chi gode del regime agevolato per nuove attività può (non c’è l’obbligo) chiedere all’Agenzia delle Entrate assistenza per gli adempimenti fiscali formali cui è soggetto. Quest’assistenza richiede l’espletamento dei seguenti passi fondamentali:
      • presentazione istanza d’assistenza e tutoraggio;
      • richiesta del codice PIN d’accesso e della password;
      • installazione del necessario software;
      • invio periodico dei dati fiscali all’Agenzia delle Entrate (tutor);
      • recepimento dei modelli e delle indicazioni predisposte dal tutor.
    3. Credito d’imposta. I richiedenti il tutoraggio, avendo necessità di un personal computer per assolvere le incombenze di comunicazione che esso implica, beneficiano di un credito d’imposta, per l’acquisto di computer, modem e stampante, pari al 40% del loro costo, con un massimale di € 309,87.

+ Rispondi alla Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.