+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 2 di 2

[Convegno GT 2006] - google, spam e matematica

Ultimo Messaggio di Giorgiotave il:
  1. #1
    Esperta L'avatar di nelli
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Firenze
    Messaggi
    2,036
    Segui nelli su Twitter Aggiungi nelli su Facebook Aggiungi nelli su Linkedin

    [Convegno GT 2006] - google, spam e matematica

    Dopo gli interventi in web marketing e quelli in blogosfera, rieccomi in posizionamento.



    Fare un post sull’intervento di Enrico Altavilla, Low, è piuttosto difficile.. ma ci provo . In caso di imprecisione chiedo scusa all’autore e gli chiedo eventualmente di correggere / integrare.
    Faccio i miei complimenti personali alla sua mappa logico-mentale con cui ha esposto la relazione. Semplice, diretta, efficace.


    La relazione “Google, spam e matematica” era come dice il titolo centrata sullo spam.


    Enrico ha iniziato la sua relazione parlando dei quality raters: questa nuova figura emersa nel 2005 (grazie allo scoop di un famoso blog) che ha spostato l’attenzione sul controllo umano delle serp, distogliendola dagli algoritmi. In realtà tutti i Mdr hanno sempre avuto un apporto umano (yahoo, msn) ma la novità è che anche Google ne faccia uso.

    L’inserimento dell’apporto umano nell’information retrieval ha cambiato la concezione dello spam. Con la preoccupazione di tutti i seo, il fattore umano è entrato nelle logiche antispam.

    Enrico ha parlato di EWOQ, lo strumento usato dai quality raters per valutare le query, compararle e stabilire cosa sia spam e cosa no.

    Con una focalizzazione sui primi 10 risultati.
    Una delle cose emerse è la casualità delle valutazioni: chiunque può essere beccato!
    Attualmente l’analisi antispam è quindi un mix di algoritmi automatizzati e di valutazioni umane.


    Fra le molteplici e interessanti considerazioni di Enrico una di quelle più affascinanti è legata al concetto di machine learning: un motore di ricerca “avanzato” come google vede nell’analisi antispam più uno strumento per imparare che per punire. (lo si capisce anche dalla durata limitata delle azioni di bannaggio).

    Altra considerazione interessante: l’emergere del concetto di reputazione (simile al trustrank). E’ meno importante ciò che fa il sito, ma importa ciò che ha fatto il web master di quel sito.

    Ci sarebbero molte altre cose da dire.. ma sono “top secret” !
    Scherzi a parte, spero che l’autore sia invogliato ad aggiungere qualcosa.
    e che gli utenti vogliano commentare, domandare, intervenire.



    Il mio blog di web marketing: www.elenafarinelli.it

  2. #2
    L'avatar di Giorgiotave
    Data Registrazione
    Oct 2004
    Località
    Monasterace
    Messaggi
    42,813
    Visita il canale Youtube di Giorgiotave
    E' stato un intervento molto interessante e sarebbe il caso di approfondire alcuni concetti che potrebbero giovare al settore SEO.

    Promuovere una Cultura SEO non è facile, sono felice che si parli di Quality Rater, così riusciamo a sensibilizzare di più i Webmaster/Seo sulla scrittura dei loro contenuti
    SMConnect 2019: l'evento per i professionisti del Digital Marketing arriva nella sua edizione più avanzata di sempre!

+ Rispondi alla Discussione

LinkBacks (?)

  1. 03-01-07, 20:49

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.