+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 44 di 44

Scambio Link: come viene penalizzato!

Ultimo Messaggio di fradefra il:
  1. #1
    Esperto L'avatar di nbriani
    Data Registrazione
    May 2005
    Località
    Guadalajara, Mexico
    Messaggi
    1,944
    Segui nbriani su Twitter Aggiungi nbriani su Google+ Aggiungi nbriani su Facebook Aggiungi nbriani su Linkedin Visita il canale Youtube di nbriani

    Scambio Link: come viene penalizzato!

    Se ne parla da tempo... i link ottenuti tramite scambio link con altri webmaster hanno un peso minore. Di piu' ...un massiccio e/o organizzato scambio link porta a penalizzazioni anche del sito.

    Mi chiedevo come Google potesse capire quali erano scambi link e quali no, pensando alle verifiche e al dispendio di risorse che avrebbe dovuto utilizzare quotidianamente nel calcolo dei pesi dei BL... (tipo per ogni BL controllare se ne esiste uno inverso, magari da doc diversi di uno stesso dominio, ecc ecc ma per i III livelli? e le triangolazioni?...)

    Poi oggi ho letto uno degli utlimi post di Matt Cutts.. questo e ho capito che la cosa è davvero semplicissima!!! Basta venir segnalati .... , si , lo so , si sapeva della novità, ma io non avevo capito che stavolta non si tratta soltanto di segnalare siti che dichiarano sulle proprie pagine di fare scambio link, ma addirittura è possibile segnalare le mail che lo propongono!!!

    Quoto Cutts che parla di un caso particolare:


    I did find a spam report where someone forwarded an email that appeared to be from mysolitaire.com:
    >From: “MySolitaire Jewelry” <xxxx@mysolitaire.com>

    >To: <xxxxxx @xxxxxxxxxx.org>

    >Subject: Link Exchange Request from MySolitaire

    >Date: Wed, 4 Jan 2006 11:59:47 -0500

    >

    >Dear Sir / Madam

    >

    > I am writing to see if you would be interested

    >in setting up reciprocal links.

    >

    > We offer a unique and extensive line of

    >Diamonds and Jewelry. Thousands of brides,

    >grooms and other customers view our site every

    >month as they plan their weddings, engagements

    >and gifting ideas. Our Diamonds and Jewelry

    >Links page is a direct link off our home page.

    >Currently, we have less than 50 outgoing links

    >in each category.

    >

    > The information and services offered on your

    >site would be of great value to our visitors,

    >and I believe, your visitors would find great

    >value in our site. Because our two web sites are

    >complementary rather than competitive, we see

    >the synergy here as an opportunity for our

    >mutual benefit.

    >

    > To exchange links with us either enter the code below onto your site:

    >

    > <a href=’http://www.mysolitaire.com/diamondearrings/’ target=_blank><b>

    > Diamond Earrings, Diamond Stud Earrings,

    >Diamond Studs, Diamond Hoops, Diamond

    > Chandelier Earrings, Diamond Threader Earrings</b><br /> Diamond Earrings,

    > Diamond Stud Earrings, Diamond Studs, Diamond Hoops, Diamond Chandelier

    > Earrings, Diamond Threader Earrings at a great value. Only available at

    > MySolitaire.com

    >

    > ….

    >

    > Mxxxx Fxxxxxxxxx

    > MySolitaire

    Bè a qualcuno rimane qualche dubbio? A questo punto è chiaro che anche inviare email pur personalizzate e ben scritte a webmaster "non conosciuti" di siti "collegati" e di argomenti affini, possa essere estremamente rischioso....


    Nicola
    Ultima modifica di nbriani; 08-05-07 alle 13:53

  2. #2
    User L'avatar di joker197cinque
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Messaggi
    150
    Citazione Originariamente Scritto da nbriani Visualizza Messaggio
    Se ne parla da tempo... i link ottenuti tramite scambio link con altri webmaster hanno un peso minore. Di piu' ...un massiccio e/o organizzato scambio link porta a penalizzazioni anche del sito.
    Nicola

    Uhm...ero rimasto che la penalizzazione fosse a seguito di VENDITA di link, non anche per lo scambio. Che male c'è nello scambiare dei link?

  3. #3
    Esperto
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Cesena
    Messaggi
    1,318
    Citazione Originariamente Scritto da nbriani Visualizza Messaggio
    Bè a qualcuno rimane qualche dubbio? A questo punto è chiaro che anche inviare email pur personalizzate e ben scritte a webmaster "non conosciuti" di siti "collegati" e di argomenti affini, possa essere estremamente rischioso....


    Nicola
    A me rimane un dubbio: se segnalo a google tutti i miei competitor, che succede?

    Non lo voglio fare, quello che mi chiedo è: come per i link, se un sito penalizzato mi linka non succede nulla, perché se qualcuno mi segnala, in assenza di prove palesi, dovrei essere penalizzato?

  4. #4
    Non iscritto
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    794
    Ragazzi, non confondiamo uno scambio di due o tre link, normali tra partner aziendali, ad esempio, col fatto che siamo in 500 ed abbiamo link incrociati tra ognuno di noi.

    Tecnicamente è impossibile (a parte che ci sono sistemi che consentono di fissare un rating, comunque), ma umanamente è semplicissimo. Basta guardare i siti :-)

    Google non penalizza gli scambi link. Penalizza gli scambi link sistematici, di massa e organizzati solo per alzare artificialmente la Link Popularity.

    Poi qualcuno può pensare che gli scambi link servano a passarsi traffico, ma questa è una barzelletta a cui non crederebbe neppure mia figlia di 5 anni.
    Il traffico si genera, ma non è questa la motivazione per cui la gente si avvale di questi sistemi e Google lo sa.

  5. #5
    Esperto
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Cesena
    Messaggi
    1,318
    Citazione Originariamente Scritto da fradefra Visualizza Messaggio
    Ragazzi, non confondiamo uno scambio di due o tre link, normali tra partner aziendali, ad esempio, col fatto che siamo in 500 ed abbiamo link incrociati tra ognuno di noi.

    Tecnicamente è impossibile (a parte che ci sono sistemi che consentono di fissare un rating, comunque), ma umanamente è semplicissimo. Basta guardare i siti :-)

    Google non penalizza gli scambi link. Penalizza gli scambi link sistematici, di massa e organizzati solo per alzare artificialmente la Link Popularity.

    Poi qualcuno può pensare che gli scambi link servano a passarsi traffico, ma questa è una barzelletta a cui non crederebbe neppure mia figlia di 5 anni.
    Il traffico si genera, ma non è questa la motivazione per cui la gente si avvale di questi sistemi e Google lo sa.
    Quindi stai dicendo: io segnalo il tuo sito a google per scambio link , google fa una serie di controlli e, solo se trova prove palesi ti penalizza.

    Quindi se penalizza, automaticamente penalizza tutta la catena di scambio, giusto?


    Questo argomento mi interessa perché io ho molti link esterni...
    Cosa dovrei fare?
    Ogni 6 mesi li ricontrollo tutti per vedere se questi siti sono "regolari"?

  6. #6
    Esperto L'avatar di nbriani
    Data Registrazione
    May 2005
    Località
    Guadalajara, Mexico
    Messaggi
    1,944
    Segui nbriani su Twitter Aggiungi nbriani su Google+ Aggiungi nbriani su Facebook Aggiungi nbriani su Linkedin Visita il canale Youtube di nbriani
    Citazione Originariamente Scritto da fradefra Visualizza Messaggio
    Ragazzi, non confondiamo uno scambio di due o tre link, normali tra partner aziendali, ad esempio, col fatto che siamo in 500 ed abbiamo link incrociati tra ognuno di noi.

    Infatti.... al massimo il valore di quei due o tre link potrebbe essere molto minore , ma NON vengono penalizzati i siti in se... cosa che viceversa appare probabile quando (una volta beccati ) lo scambio fosse sistematico (come nell'esempio riportato dentro il Post di matt Cutts, quel sito aveva centinaia di pagine dove divideva i siti con cui scambiava link, addirittura per categoria ( a mo' di directory ) dove conteneva a 50 i link in uscita per invogliare gli scambi)


    Nicola

  7. #7
    Non iscritto
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    794
    Citazione Originariamente Scritto da Stefano Visualizza Messaggio
    Quindi stai dicendo: io segnalo il tuo sito a google per scambio link , google fa una serie di controlli e, solo se trova prove palesi ti penalizza.

    Quindi se penalizza, automaticamente penalizza tutta la catena di scambio, giusto?


    Questo argomento mi interessa perché io ho molti link esterni...
    Cosa dovrei fare?
    Ogni 6 mesi li ricontrollo tutti per vedere se questi siti sono "regolari"?
    Infatti una strategia corretta implica proprio che i link siano scelti in modo accorto. Scegli siti che ti paiano più affidabli, siti istituzionali, grandi aziende, ecc. Gente che non cambia faccia dall'oggi al domani o che sparisce nel nulla.

    Il controllo ovviamente è necessario e non solo per i motori di ricerca.

  8. #8
    User L'avatar di Archetipo
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Messaggi
    242
    Citazione Originariamente Scritto da fradefra Visualizza Messaggio
    Infatti una strategia corretta implica proprio che i link siano scelti in modo accorto. Scegli siti che ti paiano più affidabli, siti istituzionali, grandi aziende, ecc. Gente che non cambia faccia dall'oggi al domani o che sparisce nel nulla.

    Il controllo ovviamente è necessario e non solo per i motori di ricerca.
    Tutti con le braccia aperte ad aspettare lo scambio link?

    Se sono siti affidabili e con un certo peso NON ti c....o nemmeno di striscio...
    C'è una stitichezza di fondo...una sorta di presunzione e snob...
    e questo capita tanto + il sito è importante..
    Ma quanti siti istituzionali sono disposti ad uno scambio link?
    Tantomeno le grandi aziende..hmmmmm

    Cmq, lo scambio link è una conseguenza del sistema di google
    ovviamente è google stesso che porta a questa giungla...
    il discorso di segnalare siti che giocano sullo scambio link
    è uno solo : ADWORDS
    gira sempre e solo tutto sui soldi....
    se vuoi farti trovare usa la pubblicità di google
    e non sistemi "scorretti" per aumentare la link pop.
    che benefattori.....
    mi sbaglio a vedere sempre l'inghippo dietro l'angolo? mah....
    Ultima modifica di Archetipo; 08-05-07 alle 17:07
    foto hdr : fotografie in alta gamma dinamica

  9. #9
    Non iscritto
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    794
    Citazione Originariamente Scritto da Archetipo Visualizza Messaggio
    Tutti con le braccia aperte ad aspettare lo scambio link?

    Se sono siti affidabili e con un certo peso NON ti c....o nemmeno di striscio...
    C'è una stitichezza di fondo...una sorta di presunzione e snob...
    e questo capita tanto + il sito è importante..
    Ma quanti siti istituzionali sono disposti ad uno scambio link?
    Tantomeno le grandi aziende..hmmmmm

    Cmq, lo scambio link è una conseguenza del sistema di google
    ovviamente è google stesso che porta a questa giungla...
    il discorso di segnalare siti che giocano sullo scambio link
    è uno solo : ADWORDS
    gira sempre e solo tutto sui soldi....
    se vuoi farti trovare usa la pubblicità di google
    e non sistemi "scorretti" per aumentare la link pop.
    che benefattori.....
    mi sbaglio a vedere sempre l'inghippo dietro l'angolo? mah....
    Ok, so che sono una sorta di alieno a pensarla così, ma perché tutto sul Web deve essere facile?

    Chiaro che se uno vuol solo fare un accordo del tipo "io ti do un link, tu me ne dai un altro" le cose saranno quasi impossibili. Ma è il metodo ad essere sbagliato.

    Di gente che ti metta un link ne trovi quanta ne vuoi, purché la cosa non si fermi lì. Per inciso, questo è il motivo per cui ai motori gli scambi link non piacciono. Perché sanno che dietro non v'è sostanza, non v'è reale partnership, non c'è nulla di nulla.

    Ti faccio un esempio. Se mi chiedi un link offrendomene uno in cambio, io rifiuto. Rifiuto anche se tu mi paghi.
    Se invece tu mi offri una collaborazione, io scrivo sul tuo sito, tu scrivi sul mio, allora lo scambio di link lo accetto. Ovviamente è un esempio. Lo so che non funziona sempre.

    Quello che voglio dire è che l'approccio non deve essere sempre "ottengo il massimo col minimo sforzo". Proprio questo, combattono i motori.

    Nella vita reale, se tu dovessi fare un accordo con qualcuno, impiegheresti meno? No, probabilmente. Perché sul Web deve essere più facile?

    Capire questa cosa, secondo me, consente di capire l'anima dei motori. I motori cercano la corrispondenza con la realtà. Non vogliono darei ai navigatori solo delle finzioni. Come si diceva cinque anni fa, non vogliono la ciliegina. Vogliono la torta.

  10. #10
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Messaggi
    237
    Si ma il discorso di fondo resta sempre un'altro e cioè che non si può dare un peso così rilevante alla popolarità da links (qualunque sia la fonte).

    Matt Cutts è molto simpatico, perchè ogni tanto se ne esce con queste trovate da moralista, quando un sistema cosi sbagliato, basato eccessivamente sulla popolarità e basta lo hanno creato loro...

    Siete un motore evoluto cosi come dite?? Bene... allora iniziate a catalogore in siti web... creando serp che mostrino l'elenco dei siti IN BASE ALLA REALE QUALITA' del sito....

    Purtroppo io posso fare un sito stupendo da mille e una notte.. contenuti originali, utilissimo all'utente ma se NON HO LA "POPOLARITA'" gg non mi caga nemmeno di striscio...

    Allora il discorso è questo:

    I signori di Google, davvero pensavano che nel web esistono link spontanei? Ci saranno pure... ma in settori competitivi te li puoi scordare...

    Allora la popolarità la acquisto comprando link? No... comprare link è una pratica scorretta...

    Allora che faccio? contatto un sito per vedere di collaborare? No... mi sa che Matt Cutts ha detto che anche le mail... non vanno bene...

    Ultima ipotesi... che dite? per essere piu popolare vado a pagare... su adwords 3 euro a clic?

    Mi sa che su quest'ultima ipotesi... Matt Cutts non si incazza..

    E' vero il discorso della torta ... Ma posso dirti per esperienza personale che ci sono molte torte ancora in magazzino... che nessuno può gustare... a causa della scarsa "popolarità" del pasticciere...

    Il discorso è che se mentre prima una torta buona magari te la mettevano in vetrina gratis, oggi, come è giusto che sia, il web è diventato un business e la vetrina non la regalano a nessuno...

    Quindi... sono da penalizzare quelli che scambiano centinaia e centinaia di link... ma un modo per aumentare sta benedetta popolarità il sign. Cutts ce lo indichi chiaramente.. o meglio ancora.. che si sviluppino algoritimi dove i link non contano più niente... e tutto si basa sull'effettiva "qualità delle torte"

    Scusate lo sfogo...
    Buona giornata...
    Ultima modifica di netdream; 08-05-07 alle 19:47

  11. #11
    Non iscritto
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    794
    Dai netdream, non te la prendere, che ti rovini il fegato e la torta non puoi più mangiarla

  12. #12
    Moderatore L'avatar di trancedesigner
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Brescia
    Messaggi
    619
    Segui trancedesigner su Twitter Aggiungi trancedesigner su Google+ Aggiungi trancedesigner su Facebook Aggiungi trancedesigner su Linkedin Visita il canale Youtube di trancedesigner
    Citazione Originariamente Scritto da netdream Visualizza Messaggio

    Ultima ipotesi... che dite? per essere piu popolare vado a pagare... su adwords 3 euro a clic?

    Mi sa che su quest'ultima ipotesi... Matt Cutts non si incazza...
    ECCO! concordo in pieno.

    Saranno i miei quarant'anni ma maliziosamente penso che sia ufficialemte (vedi linee guida), sia ufficiosamente (vedi M.C.), tutto porta alla conclusione che (per settori competitivi) l'imbuto porta ai 3 euro a click.

    Nulla da obiettare, i motori sono aziende che fatturano e che devono fatturare i fantastilioni di zio Paperone per cui mi accodo a Fradefra... non prendiamocela

    Achille
    Mia mamma dice che non sono bello ma simpatico...

  13. #13
    Esperto L'avatar di Karapoto
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Località
    Gallipoli
    Messaggi
    4,871
    Collaborazioni con siti attinenti e seri non potranno mai portare penalizzazioni, basta fare le cose seriamente.

    Google, francamente, mi ha talmente rotto le scatole che ormai lo considero solo come statistica ma non sto facendo nulla per rendermi più appetibile a lui.

    Faccio un passo indietro e faccio come quando non sapevo assolutamente nulla di seo e sem, mi metto dalla pèarte dell'utente e mi chiedo cosa vogliono loro e cosa vorrei io, 9 su 10 ci prendo e la popolarità cresce senza andare a cercare di scardinare sto motore...

  14. #14
    Utente Premium
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Messaggi
    237
    Citazione Originariamente Scritto da fradefra Visualizza Messaggio
    Dai netdream, non te la prendere, che ti rovini il fegato e la torta non puoi più mangiarla
    Si hai ragione... Non permetterò a Matt Cutts di rovinare la mia voglia di "cose buone" :mangia:



  15. #15
    Esperto L'avatar di Everfluxx
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Località
    Subpadania
    Messaggi
    1,257
    Citazione Originariamente Scritto da nbriani Visualizza Messaggio
    Mi chiedevo come Google potesse capire quali erano scambi link e quali no, pensando alle verifiche e al dispendio di risorse che avrebbe dovuto utilizzare quotidianamente nel calcolo dei pesi dei BL... (tipo per ogni BL controllare se ne esiste uno inverso, magari da doc diversi di uno stesso dominio, ecc ecc ma per i III livelli? e le triangolazioni?...)
    Enrico Altavilla: Tra i webmaster è uso scambiarsi link per far apparire i propri siti web più "popolari" agli occhi degli algoritmi dei motori di ricerca. Avendo a disposizione un grafo del Web, esiste attualmente la tecnologia per individuare link reciproci tra i siti o addirittura pattern di link circolari (A > B > C > A)?

    Sebastiano Vigna: Sì, questo è relativamente banale. Può non essere banale farlo per una distanza significativa, perché l'individuazione dei cicli che passano per A richiede una visita, che è lineare nel numero di link del grafo. Se però ci interessano, diciamo, i cicli più corti di cinque link, la faccenda è decisamente più semplice, grazie al fatto che il web ha un grado positivo medio (il numero di link verso altre pagine) piuttosto basso. Invito chiunque fosse interessato alla cosa a scaricarsi uno snapshot di .it e fare una prova con WebGraph.

    motoricerca.info, "Intervista a Sebastiano Vigna", 12 luglio 2005
    Citazione Originariamente Scritto da LowLevel Visualizza Messaggio
    -Sono plausibili le politiche di scambio a tringolo per far sembrare spontanei dei link? (A linka B e B link C).
    Le puoi fare a triangolo, a quadrilatero, a pentagono, a stella, come ti pare... gli algoritmi per l'analisi della neighbourhood sono molto sofisticati, ormai.

    Non è lo scambio, ad essere cercato dai motori, ma l'appartenenza a zone isolate (o abbastanza isolate) del Web.
    Tenuto conto che individuare i pattern caratteristici dello scambio link (più o meno "camuffato") è algoritmicamente banale (vedi sopra), e che Google dispone di una discreta potenza di calcolo... direi che ce n'è a sufficienza per ritenere plausibile che Google non si affidi unicamente alle segnalazioni/spam report degli utenti più zelanti. Quelle, semmai, verranno date in pasto agli algoritmi per testarli e migliorarli.

    Citazione Originariamente Scritto da joker197cinque Visualizza Messaggio
    Uhm...ero rimasto che la penalizzazione fosse a seguito di VENDITA di link, non anche per lo scambio. Che male c'è nello scambiare dei link?
    Non c'è niente di male nello scambiare link, entro limiti ragionevoli. Ciò che viene penalizzato è lo scambio eccessivo ed estensivo di link unicamente (o prevalentemente) a fini SEO: leggi cosa ha scritto Matt Cutts in proposito.

    Resta il fatto che dal punto di vista dei motori di ricerca i link unidirezionali (gratuiti e spontanei) sono molto meglio dei link reciproci che nove volte su dieci sono frutto di baratto. E questa considerazione non vale solo per gli inbound link, ma anche per gli outbound link... E i SEO lo sanno bene.

    Da cui i vari linking schemes per far apparire (ai motori di ricerca) come unidirezionali link che in realtà non lo sono. Sistemucci la cui efficacia ha avuto una vita molto breve.
    Ultima modifica di Everfluxx; 09-05-07 alle 01:41 Motivo: Corretto errori nei quote.

  16. #16
    User L'avatar di Archetipo
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Messaggi
    242
    Citazione Originariamente Scritto da Everfluxx Visualizza Messaggio
    Non c'è niente di male nello scambiare link, entro limiti ragionevoli. Ciò che viene penalizzato è lo scambio eccessivo ed estensivo di link unicamente (o prevalentemente) a fini SEO

    Resta il fatto che dal punto di vista dei motori di ricerca i link unidirezionali (gratuiti e spontanei) sono molto meglio dei link reciproci che nove volte su dieci sono frutto di baratto.
    1- Chi stabilisce quali sono i limiti ragionevoli? 5 links? 10links? 50 links?

    2- Come fai a piazzare un sito nuovo su una key senza SEO ?

    3- La favola dei links spontanei... metti un video di un cretino che gira a 300 km/h in moto con slalom tra le macchine sul tuo sito e vedrai quanti links spontanei....

    Come faccio ad avere links spontanei su : forniture odontoiatriche ?

    Ah si.. usando il social bookmarking.. magari su Segnalo o su Oknotizie immagino una marea di gioiosi navigatori che con immenso giubilo linkano
    il mio articolo sull'importanza delle attrezzature per dentisti....

    oppure metto un bel video di un tipo che si rompe tutti i denti e prendo spunto descrivendo quanto è importante il dentista...ecc

    Diciamo la verità... ci sono argomenti che si prestano e altri no...
    Quello che esula dal mondo internet-web-video-contenuti ad effetto
    quindi lavoro-professionalità nicchie di mercato particolari NON si prestano
    a links spontanei....
    foto hdr : fotografie in alta gamma dinamica

  17. #17
    Esperto L'avatar di Everfluxx
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Località
    Subpadania
    Messaggi
    1,257
    Citazione Originariamente Scritto da Archetipo Visualizza Messaggio
    1- Chi stabilisce quali sono i limiti ragionevoli? 5 links? 10links? 50 links?
    Non è tanto il numero di link che conta in questo caso, ma la loro tipologia (qualità) e struttura. E ovviamente questo tipo di analisi sono i motori di ricerca a farle (automaticamente).

    2- Come fai a piazzare un sito nuovo su una key senza SEO ?
    "Senza SEO" in effetti la vedo dura...
    Ma la buona SEO è l'esatto opposto dello spamming (l'estremo a cui tendono le tecniche finalizzate a ottenere risultati facili in poco tempo). Un'attivà SEO seria oggi richiede competenze, tempo e --non ultimo-- una certa dose di creatività.

    3- La favola dei links spontanei... metti un video di un cretino che gira a 300 km/h in moto con slalom tra le macchine sul tuo sito e vedrai quanti links spontanei....
    Se il tuo sito avesse un target di motociclisti, potrebbe essere un'ottima idea per un viral.

    Come faccio ad avere links spontanei su : forniture odontoiatriche ?
    Per questo esistono i SEO.

    Ah si.. usando il social bookmarking.. magari su Segnalo o su Oknotizie immagino una marea di gioiosi navigatori che con immenso giubilo linkano
    il mio articolo sull'importanza delle attrezzature per dentisti....
    Servirebbe comunque a poco: i link dai siti che hai citato hanno tutti rel=nofollow.

    Diciamo la verità... ci sono argomenti che si prestano e altri no...
    Quello che esula dal mondo internet-web-video-contenuti ad effetto
    quindi lavoro-professionalità nicchie di mercato particolari NON si prestano
    a links spontanei....
    Si prestano meno, forse. Tutto sta nel rendere i contenuti di un sito (o una parte di essi...) linkworthy, cioè degni di essere linkati. Fatto questo, il resto viene da sé. O quasi.
    Ultima modifica di Everfluxx; 09-05-07 alle 02:55

  18. #18
    Esperto L'avatar di petro
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Piacenza
    Messaggi
    599
    Citazione Originariamente Scritto da Everfluxx Visualizza Messaggio
    Citazione Originariamente Scritto da Archetipo Visualizza Messaggio
    Diciamo la verità... ci sono argomenti che si prestano e altri no...
    Quello che esula dal mondo internet-web-video-contenuti ad effetto
    quindi lavoro-professionalità nicchie di mercato particolari NON si prestano
    a links spontanei....
    Si prestano meno, forse. Tutto sta nel rendere i contenuti di un sito (o una parte di essi...) linkworthy, cioè degni di essere linkati. Fatto questo, il resto viene da sé. O quasi.
    Non posso non quotare Everfluxx.

    Ci sono argomenti che si prestano molto ad essere linkati "così come sono" (in tal caso, si ha la massima resa con la minima spesa) ma tutti gli altri argomenti possono comunque essere "manipolati" per ottenere una discreta link popularity di partenza.


    Forniture odontoiatriche, per dire, è uno di questi: è chiaro che nessuno o quasi linkerà mai spontaneamente un catalogo per dentisti.

    Che fare allora? Quella del video del tizio che si rompe tutti i denti è un'idea, sei sulla buona strada

    Ma quando parlo di "manipolare" gli argomenti intendo: prendi il tuo tema, pensa all'idea "popolare" più vicina ed attinente che riesci ad immaginare, e lavora su quello.

    Qualche esempio? Beh, potresti fare un articolo un po' out-of-focus e parlare delle cose che rendono maggiormente attraente una persona (che "tira" sempre come argomento)... in questo caso, si può non parlare del sorriso (magari a trenta denti)? Ovviamente in questo modo non otterrai molti link con anchor text "forniture odontoiatriche", ma qualunque link tu ottenga in questo modo avrai cominciato a lavorare sulla link popularity.

    Altrimenti, che ne dici della classifica dei percorsi di studio maggiormente redditizi... come non citare l'odontoiatria? Una community di studenti sarebbe ben lieta di far girare (con link) una lista ben argomentata di questo tipo.

    Paradossalmente, potresti perfino pensare ad un video su una seduta da incubo vissuta da un odontoiatrafobo, con qualche effetto comico finale a sorpresa dopo una seduta terrificante (ecco magari però quello la metti su un dominio diverso da quello del cliente dentista eh ).

    Il limite sul numero di esempi possibili è dato solo dalla creatività di ciascuno. E se proprio è la creatività che manca, basta tirar fuori dal cappello, qualche vecchia notizia ad effetto, o al limite inventarsela di peso: metaforicamente parlando l'uomo che addenta il cane fa sempre parlare di sè, anche se l'uomo non esiste - e quando non esiste a volte è pure meglio: se se ne riparla per la seconda volta per smentire la prima, si fa nuovo giro di link

    Una volta creato il contenuto (ancora meglio, I contenuti) che si prestano ad essere linkati spontaneamente, si è a metà del lavoro: poi... arriva il "quasi" che diceva Everfluxx
    Affinchè questi contenuti vengano notati e il loro potenziale di "linkabilità" venga espresso, essi vanno promossi nei luoghi, con i modi e nei momenti adatti.
    Di solito è qui che arriva la parte difficile, ma non è ancora finita: poi bisogna anche far fruttare i link eventualmente ottenuti. Eh già perché finchè si tratta degli argomenti linkabili "così come sono", diciamo che questa parte "si fa da sè", altrimenti per far sì che quei link alla classifica dei percorsi di studio redditizi migliorino effettivamente il ranking per forniture odontoiatriche, c'è da lavorare di fino... ed è anche questo che significa fare SEO, secondo me.

    Ma la parte prima, beh quella è PURO DIVERTIMENTO
    Ultima modifica di petro; 09-05-07 alle 04:08 Motivo: leggibilità

  19. #19
    User
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    Napoli
    Messaggi
    71

    In troppi a parlare del nulla

    Ovviamente "i troppi" non siete voi del forum ma le migliaia di persone che si occupano di SEO in tutto il mondo e che sparano teorie senza sapere minimamente cosa facciano realmente i motori di ricerca. Ovviamente mi infilo anch'io in questo forbito gruppo.
    Questa situazione di sapere/non sapere non si è verificata per puro caso. Chi ha scritto il codice per i motori di ricerca ha fatto di tutto per rendere difficile la comprensione degli algoritmi... ma nulla è impossibile.
    Il comportamento dei motori può essere compreso solo tramite una simulazione che prenda in considerazione tutte le ipotesi, idee, teorie.
    Ovviamente il problema, anch'esso creato apposta, è che i tempi per verificare i risultati sono lunghi ma se partecipiamo in tanti ad una simulazione coordinata su numerosi siti web dove ognuno agisce esclusivamente su una sola variabile potremmo essere in grado, dopo un primo passaggio, di identificare quali variabili siano + o - importanti.
    In una seconda fase si potrebbero iniziare a combinare le variabili e verificare i risultati.
    Dopo 3 o 4 passaggi si potrebbero tirare fuori un bel po di "certezze".

    Scusate il delirio sono un po stanco visto l'orario.

  20. #20
    User L'avatar di Archetipo
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Messaggi
    242
    Citazione Originariamente Scritto da petro Visualizza Messaggio
    E se proprio è la creatività che manca, basta tirar fuori dal cappello, qualche vecchia notizia ad effetto, o al limite inventarsela di peso: metaforicamente parlando l'uomo che addenta il cane fa sempre parlare di sè, anche se l'uomo non esiste - e quando non esiste a volte è pure meglio: se se ne riparla per la seconda volta per smentire la prima, si fa nuovo giro di link
    Ho avuto un "insight" dopo il tuo post...
    la mia creatività mi ha suggerito questa idea : un bel sito di articoli INVENTATI notizie ad effetto FASULLE storie nate dai sogni delle persone,
    le più incredibili leggende metropolitane...
    Un'orgia di fantasie per plasmare su misura contenuti utili al SEO? oppure
    fornire un'ubriacatura di realizzazioni mentali create dai meandri delle mente umana?
    Non penso che i sofisticati algoritmi di google siano in grado di comprendere
    se il contenuto di un articolo corrisponde alla realtà!!!
    E poi...come non contare sull'originalità e unicità di storie completamente inventate?
    Bene..ora non mi resta che trovare il dominio giusto....
    pallaweb.it ...
    raccontaunabugia.com
    storieinventate.com

    qualche suggerimento?
    foto hdr : fotografie in alta gamma dinamica

  21. #21
    Utente Premium L'avatar di micky
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    di fronte al pc
    Messaggi
    4,026
    Citazione Originariamente Scritto da idibiasi Visualizza Messaggio
    Ovviamente "i troppi" non siete voi del forum ma le migliaia di persone che si occupano di SEO in tutto il mondo e che sparano teorie senza sapere minimamente cosa facciano realmente i motori di ricerca. Ovviamente mi infilo anch'io in questo forbito gruppo.
    Questa situazione di sapere/non sapere non si è verificata per puro caso. Chi ha scritto il codice per i motori di ricerca ha fatto di tutto per rendere difficile la comprensione degli algoritmi... ma nulla è impossibile.
    Il comportamento dei motori può essere compreso solo tramite una simulazione che prenda in considerazione tutte le ipotesi, idee, teorie.
    Ovviamente il problema, anch'esso creato apposta, è che i tempi per verificare i risultati sono lunghi ma se partecipiamo in tanti ad una simulazione coordinata su numerosi siti web dove ognuno agisce esclusivamente su una sola variabile potremmo essere in grado, dopo un primo passaggio, di identificare quali variabili siano + o - importanti.
    In una seconda fase si potrebbero iniziare a combinare le variabili e verificare i risultati.
    Dopo 3 o 4 passaggi si potrebbero tirare fuori un bel po di "certezze".

    Scusate il delirio sono un po stanco visto l'orario.
    Io personalmente propendo più per essere studiati dai motori di ricerca e non di studiarli noi, anche perchè quell'isolamento di variabili di cui parli è pura utopia in un universo caotico qual è la rete. La logica è la vera signora del posizionamento .

    Everfluxx avevo letto l'intervista che hai citato, e in verità si tratta di un pattern di scambio banale, un ciclo chiuso. Finchè si considera lo scambio link come vettore di informazione ipertestuale in un sistema isolato di qualsiasi dimensione è chiaro che l'individuazione è relativamente banale (disponendo di risorse di calcolo che non sono così potenti come pensi realtivamente all'estensione mostruosa della rete, ed usandole effettivamente).

  22. #22
    User
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    Napoli
    Messaggi
    71

    Beh essere studiati

    Essere studiati dai motori di ricerca è alla base di quello che ho scritto. Dopo che il motore di ricerca "ti ha studiato" produce un risultato (quello che a noi interessa). Se invece di "farlo studiare" su un solo sito lo si fa fare su N siti, creati apposta con contenuti riguardanti lo stesso argomento ma con "variabili" diverse sicuramente si creerà una graduatoria nelle SERP. Simulando si possono apprendere molte cose.
    Ad esempio ho fatto una prova di posizionamento su una keyword inesistente linkando un sito in particolare. Google (ormai è risaputo) ha premiato il sito che ha ricevuto il link. MSN invece ha messo al primo posto il sito che ha fornito il link. Sono piccolezze che fanno riflettere... Tante piccolezze potrebbero tirare fuori un modello matematico affidabile

  23. #23
    User L'avatar di Lumpi
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Italia
    Messaggi
    127
    Citazione Originariamente Scritto da idibiasi Visualizza Messaggio
    Ad esempio ho fatto una prova di posizionamento su una keyword inesistente linkando un sito in particolare. Google (ormai è risaputo) ha premiato il sito che ha ricevuto il link. MSN invece ha messo al primo posto il sito che ha fornito il link.
    Ho fatto una prova simile, risultato:
    GG mette il sito linkato(nel quale non compare l'ancor) prima del linkante (rispettivamente 2 e 3 posizione)
    Y elenca solo il sito linkato
    msn non elenca nessuno dei 2

    Citazione Originariamente Scritto da idibiasi Visualizza Messaggio
    Sono piccolezze che fanno riflettere... Tante piccolezze potrebbero tirare fuori un modello matematico affidabile
    Vero, ma che gran lavoro però

    Valentino

  24. #24
    Esperto L'avatar di Micgaw
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Località
    Torino
    Messaggi
    281
    Citazione Originariamente Scritto da petro Visualizza Messaggio
    Ovviamente in questo modo non otterrai molti link con anchor text "forniture odontoiatriche", ma qualunque link tu ottenga in questo modo avrai cominciato a lavorare sulla link popularity.
    E a questo punto il discorso diventa purtroppo abbastanza ambiguo. In teoria i link spontanei dovrebbero farti salire sulla base del contesto dove sono stati messi. Purtroppo, per adesso google giudica la pertinenza semantica dei link prima sulla base di anchor text e poi sulla base del contesto nella quale il link viene messo. Diciamo la verità: un link spontaneo nel 75% dei casi verrà messo così come http://www.miosito.it/titolo . Quindi se non includiamo esattamente il kw in URL (questo è poco probabile,almeno quando vogliamo seguire tutte le linee guida: creare testi, titoli naturali e ottenere link spontanei) anche se otteniamo i link la sua pertinenza verrà significamente abbassata (vista la mancanza di anchor giusto).

    Un altro discorso che non viene gestito molto bene da google: la pagina che ottiene più link spontanei in molti casi non è una pagina commerciale. Quindi un buon seo dovrebbe creare le pagine non commerciali, ottenere i link, e poi fare un link dalla pagina non-commerciale alla pagina che vuole che salga. Però anche in questo caso google sembra preferire tanti link alla pagina commerciale con anchor più giusto, anzi che uno sbattimento di creare un contenuto non-commerciale e poi provare a trasformarlo in una buona posizione. Basta guardare il settore turistico, purtroppo chiunque voglia essere sulla prima pagina deve veramente giocare ai limiti delle regole white-hat (non dico superarle, però bisogna tenere conto che l'idea di google e la realizazzione di questa idea per vari motivi sono e saranno sempre due cose un po’ diverse).

    Per quanto riguarda i link spontanei, faccio ancora un altro discorso:

    Abbiamo 4 esperti di seo, Giorgio, Nicola, Michal, Stefano che hanno un blog. Giorgio parlava nel suo blog di Michal, a Michal è piaciuto il post di Nicola e l'ha commentato, Nicola e Stefano si sono resi conto che Giorgio e Michal parlavano di una tematica che a loro interessa particolarmente e volevano citare tutti due. Alla fine Michal ha visto che viene citato da tutte le parti e vuole far vedere che il post del suo blog era così interessante che ha stimolato la discussione negli altri blog, linkando tutti e 3 i blog di Giorgio, Nicola, Stefano.

    Cosa hanno fatto i 4 signori? Hanno scambiato 4 link tra i loro siti con sangue freddo. Anzi sono stati bastardi, perche tutti i link sono stati inseriti nel contesto giusto, pare spontaneo. Oppure hanno fatto un discorso puramente spontaneo, giustamente citando i loro discorsi?

    Il blog va ancora bene, dove si può indovinare il valore dei post dal contesto (i post sono testuali, attraverso IR si può indovinare la loro tematica). Però se parliamo di tools, oppure di video che non hanno tanto testo, possono essere linkati spontaneamente o no?

    Sono tutti i discorsi che Google deve valutare e delle quali noi dobbiamo tenere conto. Il principio sbagliato è partire dall'idea che nel mondo esiste la giustizia e che la teoria è la stessa cosa che la pratica. Purtroppo non è quasi mai così. Per salire facciamo sempre fatica, e sempre ci chiederemo se per caso quello che stiamo facendo non supera già le regole del gioco. Perché le regole chiare e tonde non esistono.
    Ultima modifica di Micgaw; 17-07-07 alle 19:36

  25. #25
    User L'avatar di laboo
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    469
    Citazione Originariamente Scritto da Micgaw Visualizza Messaggio
    E a questo punto il discorso diventa purtroppo abbastanza ambiguo. In teoria i link spontanei dovrebbero farti salire sulla base del contesto dove sono stati messi. Purtroppo, per adesso google giudica la pertinenza semantica dei link prima sulla base di anchor text e poi sulla base del contesto nella quale il link viene messo. Diciamo la verità: un link spontaneo nel 75% dei casi verrà messo così come http://www.miosito.it/titolo . Quindi se non includiamo esattamente il kw in URL (questo è poco probabile,almeno quando vogliamo seguire tutte le linee guida: creare testi, titoli naturali e ottenere link spontanei) anche se otteniamo i link la sua pertinenza verrà significamente abbassata (vista la mancanza di anchor giusto).

    Un altro discorso che non viene gestito molto bene da google: la pagina che ottiene più link spontanei in molti casi non è una pagina commerciale. Quindi un buon seo dovrebbe creare le pagine non commerciali, ottenere i link, e poi fare un link dalla pagina non-commerciale alla pagina che vuole che salga. Però anche in questo caso google sembra preferire tanti link alla pagina commerciale con anchor più giusto, che è però uno sbattimento creare un contenuto non-commerciale e poi provare a trasformarlo in una buona posizione. Basta guardare il settore turistico, purtroppo chiunque voglia essere sulla prima pagina deve veramente giocare ai limiti delle regole white-hat (non dico superarle, però bisogna tenere conto che l'idea di google e la realizazzione di questa idea per vari motivi sono e saranno sempre due cose un po’ diverse).

    Per quanto riguarda i link spontanei, faccio ancora un altro discorso:

    Abbiamo 4 esperti di seo, Giorgio, Nicola, Michal, Stefano che hanno un blog. Giorgio parlava nel suo blog di Michal, a Michal è piaciuto il post di Nicola e l'ha commentato, Nicola e Stefano si sono resi conto che Giorgio e Michal parlavano di una tematica che a loro interessa particolarmente e volevano citare tutti due. Alla fine Michal ha visto che viene citato da tutte le parti e vuole far vedere che il post del suo blog era così interessante che ha stimolato la discussione negli altri blog, linkando tutti e 3 i blog di Giorgio, Nicola, Stefano.

    Cosa hanno fatto i 4 signori? Hanno scambiato 4 link tra i loro siti con sangue freddo. Anzi sono stati bastardi, perche tutti i link sono stati inseriti nel contesto giusto, pare spontaneo. Oppure hanno fatto un discorso puramente spontaneo, giustamente citando i loro discorsi?

    Il blog va ancora bene, dove si può indovinare il valore dei post dal contesto (i post sono testuali, attraverso IR si può indovinare la loro tematica). Però se parliamo di tools, oppure di video che non hanno tanto testo, possono essere linkati spontaneamente o no?

    Sono tutti i discorsi che Google deve valutare e delle quali noi dobbiamo tenere conto. Il principio sbagliato è partire dall'idea che nel mondo esiste la giustizia e che la teoria è la stessa cosa che la pratica. Purtroppo non è quasi mai così. Per salire facciamo sempre fatica, e sempre ci chiederemo se per caso quello che stiamo facendo non supera già le regole del gioco. Perché le regole chiare e tonde non esistono.
    quoto al 100%.
    sicuramente una visione più realistica del discorso scambio link.

  26. #26
    User L'avatar di rconocchia
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    154

    scambi link

    Citazione Originariamente Scritto da laboo Visualizza Messaggio
    quoto al 100%.
    sicuramente una visione più realistica del discorso scambio link.
    sono d'accordo anche io su questa questione per cui diventera' sempre piu' difficile ottenere link da altri siti, ma il punto resta sempre lo stesso e cioe' la qualita'
    e' molto tempo che sto lavorando su due siti e dopo numerose ore di lavoro tantissime pagine create originali e con informazioni utili all'utente finalmente sto vedendo i primi risultati del mio lavoro. Uno di questi siti infatti e' stato inserito in dmoz e alcuni forum hanno linkato il mio sito per la rilevanza delle informazioni inserite.
    E' chiaro che tutto questo comporta un grande lavoro ma alla fine penso che ripaga.

  27. #27
    Non iscritto
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    794
    Citazione Originariamente Scritto da rconocchia Visualizza Messaggio
    sono d'accordo anche io su questa questione per cui diventera' sempre piu' difficile ottenere link da altri siti, ma il punto resta sempre lo stesso e cioe' la qualita'
    e' molto tempo che sto lavorando su due siti e dopo numerose ore di lavoro tantissime pagine create originali e con informazioni utili all'utente finalmente sto vedendo i primi risultati del mio lavoro. Uno di questi siti infatti e' stato inserito in dmoz e alcuni forum hanno linkato il mio sito per la rilevanza delle informazioni inserite.
    E' chiaro che tutto questo comporta un grande lavoro ma alla fine penso che ripaga.

    Non solo diventerà più difficile, ma presto o tardi non servirà più a nulla. La strada della Link Popularity non durerà per sempre

  28. #28
    Utente Premium L'avatar di micky
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    di fronte al pc
    Messaggi
    4,026
    Citazione Originariamente Scritto da fradefra Visualizza Messaggio
    Non solo diventerà più difficile, ma presto o tardi non servirà più a nulla. La strada della Link Popularity non durerà per sempre

    e quali sono le alternative che tu pensi saranno anteposte ad essa?

  29. #29
    Non iscritto
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    794
    Citazione Originariamente Scritto da micky Visualizza Messaggio
    e quali sono le alternative che tu pensi saranno anteposte ad essa?

    Ad esempio la diffusione del brand (con accorgimenti vari a protezione), l'uso dello stesso, ecc. ecc.

    Anche la scelta fatta dagli utenti sulle SERP la vedo messa bene.

    Vedo bene anche tutti quei parametri legati alla fidelizzazione, dove intercettabili.

    Altre possibilità possono emergere dai dati che i motori stanno acquisendo sui visitatori mediante i tanti tool che distribuiscono e che sono di fatto un canale informativo enorme, di dati continuamente in viaggio.

  30. #30
    Utente Premium L'avatar di micky
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    di fronte al pc
    Messaggi
    4,026
    Citazione Originariamente Scritto da fradefra Visualizza Messaggio
    Ad esempio la diffusione del brand (con accorgimenti vari a protezione), l'uso dello stesso, ecc. ecc.

    Anche la scelta fatta dagli utenti sulle SERP la vedo messa bene.

    Vedo bene anche tutti quei parametri legati alla fidelizzazione, dove intercettabili.

    Altre possibilità possono emergere dai dati che i motori stanno acquisendo sui visitatori mediante i tanti tool che distribuiscono e che sono di fatto un canale informativo enorme, di dati continuamente in viaggio.

    d'accordissimo su queste cose che magari avranno un peso crescente, ma dire che
    "Non solo diventerà più difficile, ma presto o tardi non servirà più a nulla."
    francamente, con tutto il rispetto, credo sia troppo .

  31. #31
    Non iscritto
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    794
    Citazione Originariamente Scritto da micky Visualizza Messaggio
    d'accordissimo su queste cose che magari avranno un peso crescente, ma dire che
    "Non solo diventerà più difficile, ma presto o tardi non servirà più a nulla."
    francamente, con tutto il rispetto, credo sia troppo .

    Beh, chiaramente ho le mie motivazioni, ma hai ragione tu... è solo un'opinione.

    Ne riparliamo tra un paio d'anni?

  32. #32
    Esperto
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Cesena
    Messaggi
    1,318
    Citazione Originariamente Scritto da micky Visualizza Messaggio
    d'accordissimo su queste cose che magari avranno un peso crescente, ma dire che
    "Non solo diventerà più difficile, ma presto o tardi non servirà più a nulla."
    francamente, con tutto il rispetto, credo sia troppo .
    Ti spiego come la vedo.

    Se io ho bisogno di un carrozziere seguo questa scaletta.

    1) ho un carrozziere di fiducia?, se si vado da lui, se no vado al punto 2

    2) mi metto a pensare se qualche mio amico mi può dare un consiglio. Se si seguo il suo consiglio, se no passo al punto 3

    3) apro le pagine gialle e vedo cosa trovo



    Quando si apre un nuovo settore io non posso avere un professionista di fiducia, come è altamente improbabile che lo abbia anche un mio amico, quindi seguo le "pagine gialle".

    Eppure più passa il tempo, e più questo "nuovo settore" diventerà consolidato.
    In un settore consolidato ci sono dei marchi conosciuti, ci sono delle mie esperienze dirette e indirette... insomma, del consiglio di un elenco cartaceo non me ne faccio un tubo!


    Ovviamente nel mio esempio le pagine gialle sono i motori di ricerca.
    Finché tutti i siti di un settore (es. Hotel) sono sconosciuti a tutti, io andrò su GG a cercare un sito di Hotel.
    Poi quando questi siti iniziano a costruirsi un brand io inizio a saltare GG per scrivere direttamente venere.com o chi per lui.

    Ovvero: quando su internet la maggior parte dei settori avrà dei brand consolidati ti porterà più traffico una pubblicità sul portale XY piuttosto che un piazzamento su GG.

  33. #33
    Utente Premium L'avatar di micky
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    di fronte al pc
    Messaggi
    4,026
    giustissimo anche tutto questo, solo che stai trascurando che i brand si costruiscono inizialmente anche e soprattutto con la popolarità ed i backlink che possono contare pur meno ma addirittura annullarsi di valore significherebbe monopolio: il link è una forma di voto, ora traffico, preferiti ed apprezzamento in generale sono altri collegi elettorali, ma i backlink non possono passare da senatori a rubagalline !
    Poi Francesco proprio tu non eri uno dei principali detrattori del tempo di permanenza degli utenti sui siti (solo per fqre un esempio)? A quali altri fattori oggettivi ti riferiresti (se vuoi dirlo naturalmente)?

  34. #34
    Esperto
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Cesena
    Messaggi
    1,318
    Citazione Originariamente Scritto da micky Visualizza Messaggio
    giustissimo anche tutto questo, solo che stai trascurando che i brand si costruiscono inizialmente anche e soprattutto con la popolarità ed i backlink che possono contare pur meno ma addirittura annullarsi di valore significherebbe monopolio
    Off line non esiste il link, eppure non sono tutti monopoli


    La link popularity è solo un modo (tra mille) di costruire un brand e, se pensi hai nomi più grossi di oggi su internet, scopri che nella maggior parte dei casi il loro successo è dovuto al passaparola!

    In questi nomi, la link popularity è una conseguenza del passaparola, non un effetto.

  35. #35
    Utente Premium L'avatar di micky
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    di fronte al pc
    Messaggi
    4,026
    In questi nomi, la link popularity è una conseguenza del passaparola, non un effetto.
    Certo ed è proprio per questa conseguenza (che a volte è anche causa di una creazione di brand) che un motore di ricerca può assurgerla a fattore regina

  36. #36
    Esperto
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Cesena
    Messaggi
    1,318
    Citazione Originariamente Scritto da micky Visualizza Messaggio
    Certo ed è proprio per questa conseguenza (che a volte è anche causa di una creazione di brand) che un motore di ricerca può assurgerla a fattore regina
    Ma dicendo così rischi di saltare un pezzo importante: se per te il sito X o il sito Y sono indifferenti ti fai dire da qualcun altro su che sito andare (che sia un motore o che sia un amico).

    Quando invece per te c'è differenza tra il sito X ed il sito Y, a quel punto vai dritto sul sito che tu scegli... con buona pace dei consigli.


    In un mondo (il web) in cui il sito X e quello Y per me iniziano ad essere realmente differenti, diminuisco l'utilizzo dei motori...

    Se ad esempio questo forum andasse in 50esima pagina di google io neppure me ne accorgerei, e tu?

  37. #37
    Utente Premium L'avatar di micky
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    di fronte al pc
    Messaggi
    4,026
    sì è vero, non me ne accorgerei. Ma sono casi diversi. Non mi potete venire a dire che il peso dei backlink verrà azzerato solo perchè si consolideranno dei giganti sul web paventando addirittura la scomparsa dei motori di ricerca. Usciranno sempre più nicchie, ambiti, nuova documentazione ed i backlink, a mio avviso, giocheranno un ruolo importante, non da primedonne, ma pur sempre importante . Poi ripeto citatemi i fattori che ritenete alternativi ad essi indipendentemente dalla storia delle realtà monopolistiche e se mi convincete cambio tranquillamente idea !

  38. #38
    Esperto L'avatar di pieropan
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    Aree tribali del nordest
    Messaggi
    230
    Citazione Originariamente Scritto da micky Visualizza Messaggio
    Poi ripeto citatemi i fattori che ritenete alternativi ad essi indipendentemente dalla storia delle realtà monopolistiche e se mi convincete cambio tranquillamente idea !
    Ciao, provo io.
    L'uso dei link, ad esempio, e non la loro pura esistenza. E il comportamento utente dopo aver visitato il sito segnalato dal link.
    Quando si dice che prima o poi verrà superata la LP, non si intende -immagino- che l'algoritmo non considererà più i link... questo non è semplicemente possibile. Senza link non esiste web.
    Quello che cambierà è il modo di guardarli: il link viene usato con soddisfazione? Bueno! Nessuno lo considera e chi lo usa fa subito retromarcia? Malo!

    Ecco, anche solo un approccio di questo genere rende sorpassata tutta la scienza sulle matrici di link a fini di posizionamento.

    Persuaso?

    Ciao.
    Pieropan

  39. #39
    Utente Premium L'avatar di micky
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    di fronte al pc
    Messaggi
    4,026
    Citazione Originariamente Scritto da pieropan Visualizza Messaggio
    Ecco, anche solo un approccio di questo genere rende sorpassata tutta la scienza sulle matrici di link a fini di posizionamento.

    Persuaso?
    Molto molto meglio . Ma siamo sicuri che un approccio di questo genere non sia già in atto? Personalmente accetto scambi link, quando li faccio, solo se mi inseriscono il link nel primo paragrafo o in una zona del testo ben visibile ecc. Rifiuto qualsiasi accozzaglia di link ammassati. La vera regina del posizionamento sui motori di ricerca è la logica! Quando la stessa non potrà essere mitigata da nessun impedimento algoritmico e di risorse, si avrà il motore di ricerca perfetto ed i parametri potranno essere estratti direttamente dal nostro cervello più che dalle serp. In gran parte è già così, ed a mio avviso è contro ogni logica dire che il fattore backlinking conterà 0 in futuro, per questo ero perplesso, tutto qui .

    Quale sarebbe "la scienza sulle matrici di link a fini di posizionamento"?

  40. #40
    Esperto L'avatar di pieropan
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    Aree tribali del nordest
    Messaggi
    230
    Infatti, io penso che siano gia' su questa strada da un pezzo. Ho dei casi in cui è evidente che i link sono "santificati" dall'uso degli utenti, ma è difficile isolare la cosa e imputarla ad un solo aspetto.

    Per "scienza sulle matrici di link" intendo quella vasta parte del SEO hatless che si è incaricata in questi anni di studiare l'effetto delle matrici sul posizionamento, vuoi per capire, vuoi per forzare ed individuare i pattern penalizzati e crearne di non intercettabili.
    Ho una autentica ammirazione per chi si è cimentato con le matrici di link, la stessa che provo per i monaci tibetani che fanno i mandala e poi li disfano.
    Insomma, far girare i neuroni è una attività che è sempre premio a se stessa, anche (e tanto più) se priva di applicazioni pratiche.

    Ciao.
    Pieropan

  41. #41
    Esperto L'avatar di beke
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Firenze
    Messaggi
    1,316
    Citazione Originariamente Scritto da fradefra
    Altre possibilità possono emergere dai dati che i motori stanno acquisendo sui visitatori mediante i tanti tool che distribuiscono e che sono di fatto un canale informativo enorme, di dati continuamente in viaggio.
    Micky, non sottovalutare questo aspetto della cosa che a mio avviso è fondamentale.

    Qualche anno fa i motori avevano a disposizione molti meno dati di quanti ne abbiano adesso, e non parlo solo del mero numero di documenti indicizzati, pensa a tutto lo storico dei comportamenti degli utenti sulle serp e dei dati di traffico accumulati attraverso i servizi gratuiti messi a disposizione degli utenti.

    Proprio l'aumento dei servizi fruibili attraverso la toolbar di Google ha (secondo me, ovvio) il chiaro scopo di allargare il bacino di "installazioni avanzate" che permettono il tracciamento della navigazione.

    L'ossessione per la barretta verde, fatta dilagare ad arte anche in ambiti ben più vasti del "club dei SEO" o presunti tali, vista in questa luce fornisce un'ottima risposta alla domanda: "perchè quel particolare parametro è stato reso pubblico?".

    Risposta (mia): Per poter analizzare, in modo più diretto di quanto permetta la sola(!!!) analisi della matrice dei link del grafo del web, il vero traffico degli utenti, che, se ci pensi bene, è il vero parametro, la vera "popularity", stavolta non dedotta, bensì misurata (anche se a campione).

    Ogni mezzo (Google analytics) che consenta a Google di avere maggiori informazioni sul reale traffico dei documenti che deve valutare è oro purissimo dal suo punto di vista e vale molte volte tutti i soldi che è disposto a spendere per acquisire tecnologie che gli permettano di assoldare eserciti di delatori più o meno consapevoli.


  42. #42
    Esperto
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Cesena
    Messaggi
    1,318
    Citazione Originariamente Scritto da micky Visualizza Messaggio
    Non mi potete venire a dire che il peso dei backlink verrà azzerato solo perchè si consolideranno dei giganti sul web paventando addirittura la scomparsa dei motori di ricerca.
    Nessuna scomparsa dei motori di ricerca.


    Io guardavo semplicemente la cosa da un'ottica diversa, e mi stavo chiedendo: "qual è il vero obiettivo?".

    Se tu hai un sito, il tuo obiettivo NON è mai "essere primo", ma avere utenti, e ancora di più avere conversioni.


    Oggi uno dei metodi più economici ed efficaci per raggiungere questo obiettivo è lavorare sui motori di ricerca, ma domani.....


    Se i motori perderanno una parte (importante) della loro efficacia ed io ho centrato il mio business solo sui motori....

    Viceversa se io ho creato un vero marchio (brand) divento indipendente dai motori, sia oggi, sia domani.

    Tutto qui.


    Poi, permettimi, è ovvio che il valore dei BL nel tempo cambia: è già cambiato e tutto lascia pensare che continuerà a farlo.


    A presto,

  43. #43
    Utente Premium L'avatar di micky
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    di fronte al pc
    Messaggi
    4,026
    interessanti tutte le vostre considerazioni. Dalle stesse desumo che la link popularity, come si desume dalla logica peraltro, rimarrà il fattore fondamentale, solo che i link e la popolarità verranno in gran parte filtrati e giudicati in relazione al traffico prodotto, al tempo di permanenza post click ecc.
    Se io investo il mio tempo nel rendere popolare il mio sito, e gli conferisco buoni contenuti, comunque lo stesso si avvantaggerà rispetto a coloro che sperano solo nei buoni contenuti passivamente; è come il concetto della pubblicità, chi la fa vende, chi va di sola sostanza fa fortuna molto più lentamente.
    Questo è un OT , comunque ripeto mi sembra che le vostre considerazioni sul traffico ed altri fattori vadano sempre a parare verso il concetto del backlink perfetto, un' ulteriore scrematura dei link buoni insomma (quello che produce traffico o "interesse")! Ma sembra quasi che questi fattori siano il mezzo per valutare un link e non un mezzo per saltare il giudizio tramite il link stesso. Magari ci sarà il super link ed il link che vale 0, ma secondo me per la natura stessa del web non cambierà moltissimo così come i gradi di giudizio degli automi che ne governano l'ordinamento (le ultime parole famose... )

    gradi di giudizio degli automi che ne governano l'ordinamento (bella questa peccato che l'ho sciupata così )
    Ultima modifica di micky; 20-07-07 alle 01:43

  44. #44
    Non iscritto
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    794
    Porto avanti anche io un pezzetto di discorso.

    Come dice pieropan, la LP non è che non conterà più, ma non conterà più come ora, asetticamente e puramente numerica (che per altro, già da un pezzo non è più così).

    La LP è un voto, questo lo abbiamo detto. Ora di voti se ne aggiungono altri, però, che prima non esistevano o non venivano considerati.

    Molti SEO, per esempio, non farebbero mai un articolo un comunicato o una qualunque forma di testo su un sito che poi non gli consente di inserire un link verso quello che si sta promuovendo. Questo è grave.

    Io metto testi, invece, anche dove non ho diritto a link e sfrutto appunto l'effetto branding. Quando scrivo maisazi.com (uno dei miei brand), senza link, il posizionamento del sito sta complessivamente migliorando. Dirò di più, in certi casi il link è meglio non metterlo proprio, si ottiene di più.

    Il motivo è difficile da vedere con un approccio basato sull'ipertesto puro, ma si acquisisce all'istante pensando alla Comunicazione in quanto tale.

    La link popularity è solo un modo per certificare un riferimento. Ogni volta che un motore, però, può certificare il riferimento in altro modo, il voto è stato espresso.

    Proseguo spostando leggermente il focus.

    Branding non significa notorietà, come alcuni pensano. Non va collegato al numero di citazione, come può essere con la LP.

    Fare branding significa inventare (sì, esatto, inventare) una storia che può essere reale o no, ma che deve essere percepita come reale perché soddisfacente un desiderio.

    L'attività di branding significa quindi costruire piano piano una storia fatta di eventi, di fatti, di scritti, di idee, di approvazioni e negazioni. Piano piano quel brand diventa un pezzo del mondo, come una casa, una automobile, una nuvola o un fulmine.

    Questo i motori lo sanno ed ad oggi hanno molti modi per seguire la creazione di questa storia, vedere le ripercussioni che la stessa ha sul mondo (sia off-line, sia on-line) e registrare i voti collegati, le preferenze, ecc. ecc.

    Facciamo qualche esempio?

    Un navigatore su un motore di ricerca cerca maisazi (bingo!)

    Un navigatore su un motore di ricerca cerca un tema a caso e sceglie una news in cui c'è scritto Maisazi nel title o nella description (bingo)

    Maisazi puntualmente esce con eventi, in modo periodico, mai aggressivo ed ognuno di questi ha una sua piccola storia (bingo)

    Maisazi crea dei "sotto-brand" come Maisazi Compra, Maisazi Food Event, Maisazi Party, ecc, ecc. Ognuno di questi crea un piccolo ciclone di fatti, eventi, link, ricerche brandizzate sui motori, ecc. ecc.

    Ecco che maisazi diventa brand, nel tempo e tutto ciò che fa diventa in automatico più importante e lui stesso lo diventa.

    Ovviamente con grande presunzione ho usato uno dei miei brand, ma la cosa sarebbe molto più chiara con brand aziendali.

    Facciamo una scommessa?

    Ci mettiamo d'accordo con IBM e facciamo un nuovo sito, su un nuovo dominio, senza LP ma che sia di proprietà, visibilmente, di IBM. Scommettiamo che in un anno ce lo troviamo in testa a tutti i motori di ricerca per le chiavi che ci interessava rendere visibili?

+ Rispondi alla Discussione

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.