+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 17 di 17

Recessione socio snc ? Cosa devo fare?

Ultimo Messaggio di Socia72 il:
  1. #1
    User L'avatar di veke87
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    181

    Recessione socio snc ? Cosa devo fare?

    Salve ho postato una settimana fa un topic simile e mi scuso anticipatamente se ne apro un altro , tuttavia ho una certa urgenza di avere un parere esterno dal commercialista societario ( poichè in stretti contatti con un socio della societa con cui non vado d'accordo ) .

    Siamo 3 soci aventi la stessa quota societaria. L'attività è stata aperta il 20 febbraio 2008 ma per motivi personali miei e sopratutto a causa della mala gestione di uno dei soci che a volte ostacola il raggiungimento degli obiettivi prefissati, è venuta a mancare da parte mia la fiducia per questo socio.

    Essendo la società a tempo determinato ( 2030 ) Si è reso necessario per me trovare una giusta causa che potrebbe coincidere perfettamente con i motivi per cui voglio recedere.

    A questo punto ho saputo che bisogna mandare una raccomandata A.R. senza busta:
    • 1 x ogni socio
    • 1 in sede legale
    • 1 in camera di commercio
    Correggetemi se sbaglio ...

    Una volta mandate tutte le raccomandate come devo procedere? qualcuno potrebbe cortesemente aiutarmi con i seguenti quesiti?:
    1. Le spese notarili sono a carico del socio recedente?
    2. Percepirò i guadagni dal momento in cui mando la raccomandata a tutti?
    3. Dovendo dare un preavviso di almeno 6 mesi dovro pagare l'inps anche per questi 6 mesi?
    4. Una volta andati dal notaio è obbligatorio cambiare il capitale sociale abbassandolo?
    Grazie a tutti coloro che mi aiuteranno.

  2. #2
    Esperto L'avatar di shapur
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Eraclea (VE)
    Messaggi
    1,187
    Segui shapur su Twitter Aggiungi shapur su Facebook Aggiungi shapur su Linkedin Visita il canale Youtube di shapur
    Se in atto costitutivo non è previsto il il recesso, puoi solo cedere la tua quota sociale ad un terzo soggetto (magari socio), salvo il consenso degli altri soci.
    In bocca al lupo.
    Avvocato presso il Foro di Venezia
    www.eraclea.us www.avvocati.venezia.it

  3. #3
    Bax
    Bax è offline
    Esperto
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    385
    A prescindere dalle previsioni statutarie e dalla durata della società esiste la possibilità di recedere per giusta causa nelle società di persone. Attualmente per individuare le fattispecie di giusta causa bisogna appellarsi alla giurisprudenza e alla dottrina. La procedura che hai descritto per il recesso è corretta.
    Le spese notarili sono a carico della società.
    La riduzione del capitale sociale è una delle possibilità di liquidazione, ma questo riguarda solo i soci superstiti.
    Il termine previsto dall'art. 2289 c.c. è di 6 mesi dallo scioglimento del rapporto.
    Direi proprio che i contributi siano dovuti fino a quando lo scioglimento ha avuto effetto.
    Ultima modifica di mister.jinx; 24-09-09 alle 21:53 Motivo: maiuscole, punto :-)

  4. #4
    Esperto L'avatar di shapur
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Eraclea (VE)
    Messaggi
    1,187
    Segui shapur su Twitter Aggiungi shapur su Facebook Aggiungi shapur su Linkedin Visita il canale Youtube di shapur
    La giusta causa non è da ravvedersi in un semplice dissenso o una qualsiasi discordia. Solo la dottrina (Graziani, Ferrara-Corsi) parlano di giusta causa per dissidio insanabile fra i soci.
    Dal narrato non mi pare comunque che ne sussistano presupposti.

    Se il recesso non è fondato, la società può farne dichiarare l'inefficacia, con ogni conseguenza sul punto, comrpesa la soccombenza nelle spese.
    Attenzione quindi con l''esercizio facile del diritto di recesso: può diventare un arma a doppio taglio nelle mani degli avversari.
    In bocca al lupo.
    Ciao
    Avvocato presso il Foro di Venezia
    www.eraclea.us www.avvocati.venezia.it

  5. #5
    User
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    32
    Giusta causa possono essere ad esempio una variazione dei compensi dei soci (ovviamente svataggiosa e non giustificata), la sopravvenuta impossibilità di raggiungere lo scopo societario, la morte di un socio se la società è stata contratta per tutta la vita di un socio ecc...
    Ora se la causa non cè puoi sempre fare in modo che si venga a creare. (ovviamente non ho pensato all'ultima ipotesi).

  6. #6
    User
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    53
    Ho letto che il recesso può essere liberamente esercitato se la società è a tempo indeterminato oppure se la durata della società è abbastanza lunga da considerarla comunque a tempo indeterminato.

    Qual'è la valutazione che occorre fare per stabilire se creare una società a tenmpo interminato oppure no?
    Sono valutazioni di natura econimica?


    Grazie

    Saluti

  7. #7
    Esperto L'avatar di shapur
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Eraclea (VE)
    Messaggi
    1,187
    Segui shapur su Twitter Aggiungi shapur su Facebook Aggiungi shapur su Linkedin Visita il canale Youtube di shapur
    Ciao.
    La società è a tempo indeterminato quando non è prevista una scadenza al rapporto sociale in statuto o atto costitutivo.
    Ciao
    Avvocato presso il Foro di Venezia
    www.eraclea.us www.avvocati.venezia.it

  8. #8
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    3
    Buona sera ,vorrei chiedere un consiglio per risolvere il mio problema:ho costituito una società snc al 50% con un'altra persona circa 3 mesi fa,s ma evidentemente per lei non si trattava del lavoro giusto poichè due ettimane fa si è rifiutatata di aprire le serrande del ristorante di cui siamo soce declinando a parole ogni responsabilità e mettendomi così nell'impossibilità di lavorare. Cosa posso fare? O devo fare ? Ringrazio infinitamente Nicol90

  9. #9
    Esperto L'avatar di shapur
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Eraclea (VE)
    Messaggi
    1,187
    Segui shapur su Twitter Aggiungi shapur su Facebook Aggiungi shapur su Linkedin Visita il canale Youtube di shapur
    Riciao.
    La socia si è eclissata?
    Il pubblico esercizio è di propeità della società??
    Vuoi elimnare la socia? Uscire dalla società??
    Fammi sapere e poi vediamo il da farsi.
    Ciao.
    Avvocato presso il Foro di Venezia
    www.eraclea.us www.avvocati.venezia.it

  10. #10
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    3
    Ok si lei è andata via dicendondo di non voler più saperne nulla.
    Si tratta di un affitto di azienda .
    Io vorrei solo continuare a lavorare ma non sono disposta a liquidare la sua quota che è quanto mi viene richiesto, visto che non ho provocato io il problema anzi io in questi giorni di chiusura ho ricevuto un danno sia di immaggine che economico

  11. #11
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    3
    Un giorno ha detto semplicente di voler chiudere e basta, anzi aveva gia iniziato a fare i documenti per la recesione, a me non e mai arrivata nessuna raccomandata.
    La nostra e un affitanza d'azienda, compreso il locale.
    Io vorrei solo continuare a lavorare.
    Oggi chiede di essere liquidata
    ma io ho perso economicamente e anche come immagine
    Ultima modifica di Leonov; 25-09-09 alle 12:54 Motivo: Invio doppio. Maiuscole.

  12. #12
    Esperto L'avatar di shapur
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Eraclea (VE)
    Messaggi
    1,187
    Segui shapur su Twitter Aggiungi shapur su Facebook Aggiungi shapur su Linkedin Visita il canale Youtube di shapur
    La puoi escludere dalla società. Devi però rivolgerti ad un legale per depositare ricorso avanti il tribunale.
    Ciao.
    Avvocato presso il Foro di Venezia
    www.eraclea.us www.avvocati.venezia.it

  13. #13
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    3
    Buonasera a tutti e complimenti per il forum che trovo molto interessante.
    Approfitto per esporvi la mia situazione:
    sono socio assieme ad altri quattro di una s.n.c. artigiana costituita nel 1979 e siamo tutti amministratori. Ho raggiunto la pensione ed ho problemi di ernie discali ed atrosi varie che mi creano molta difficoltà a lavorare; io avevo pensato di recedere dalla società però gli altri soci sia per motivi di firme bancarie sia per la situazione economica difficile, non sono d'accordo. Premetto che non ho grandi pretese nella liquidazione della quota e mi adatterei, infatti da un valore stimato di 230.000 euro mi accontenterei di 100.000 euro. Nel contratto è contemplato il recesso con la clausola di non svolgere attività in concorrenza, cosa che non ho senz'altro intenzione di fare..
    Avreste qualche consiglio da darmi?
    Vi ringrazio fin d'ora per l'attenzione.

  14. #14
    Esperto L'avatar di shapur
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Eraclea (VE)
    Messaggi
    1,187
    Segui shapur su Twitter Aggiungi shapur su Facebook Aggiungi shapur su Linkedin Visita il canale Youtube di shapur
    Ciao, sarebbe opportuno vedere l'atto costitutivo e le sue modifiche. In alternativa vorrei leggere almeno la clausola che ammette il diritto al recesso. La puoi ricopiare?
    Grazie mille.
    CIao.
    A.
    Avvocato presso il Foro di Venezia
    www.eraclea.us www.avvocati.venezia.it

  15. #15
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    3
    Innanzitutto una buona serata a tutti ed un grazie all'Avvocato per l'attenzione.
    L'atto costitutivo nella sostanza è rimasto lo stesso; l'articolo che riguarda il recesso è così formulato:
    "Le quote sociali e parte di esse sono inalienabili senza il consenso di tutti i soci i quali, a parità di condizioni, conservano il diritto di prelazione. Inoltre viene stabilito che nel caso di recesso di un socio questi, per un periodo di due anni, non potrà svolgere alcuna attività concorrente o similare a quella della società, nè sotto forma di ditta individuale nè in società con altri, su tutto il territorio della provincia di Ravenna, senza che ciò gli sia consentito unanimamente dai soci della società."
    Come ho già detto, la mia intenzione sarebbe quella di cancellarmi da artigiano e smettere di lavorare, cosa che forse potrebbe essere in parte fattibile se non fosse che, rimanendo socio e non essendo più costantemente presente nell'ambiente di lavoro, non sarei partecipe ed al corrente della gestione della società, che ha in corso alcuni leasing per acquisto macchinari ed un leasing per l'acquisto del capannone senza contare i vari fidi bancari.
    Scusate se mi sono dilungato ma pensavo che, dopo aver lavorato sodo per dieci ore al giorno sabato mattina compreso, per trent'anni (sono uno dei soci fondatori) mi fosse riconosciuta la possibilità di uscire dalla società con un minimo di riconoscenza.
    Un saluto a tutti.

  16. #16
    Bax
    Bax è offline
    Esperto
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    385
    Non dovrebbe essere un problema recedere, nella misura in cui i motivi di salute che compromettono la resa del lavoro possono essere qualificati come giusta causa. Non conosco la tua età (hai parlato di 30 anni di lavoro e presumo tu abbia maturato il diritto alla pensione) ma anche questa potrebbe essere un elemento che giustifica un abbandono del vincolo sociale.
    La clausola che hai citato è di prelazione e riguarda gli altri soci una volta che uno ha esercitato il recesso. Il fatto che tu abbia poteri amministrativi non impedisce di esercitare il recesso che è un diritto riconosciuto nei casi previsti dallo statuto e dal codice civile

  17. #17
    User
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    31
    Salve..ho bisogno di un approfondimento per quanto riguarda il recesso di un socio nelle snc. Fermo che nel caso l'atto costitutivo preveda una durata a tempo determinato e che non esista una giusta causa non si possa recedere. E' ammissibile il caso di recesso concordato con l'altro socio oppure è possibile cedere le quote all'altro unico socio? Sto cercando una soluzione, e preferibilmente quella meno dispendiosa per la società, per uscire dalla società, tenuto conto che c'è un ottimo rapporto di lavoro con il mio socio. Inoltre, vorrei evitare troppi passaggi dal notaio, per cui la mia idea sarebbe quella di recedere (senza atto notarile) o cedere le quote (con atto notarile), in modo che il mio socio a scadenza dei 6 mesi possa sciogliere la società senza dover andare dal notaio.
    Qualcuno può aiutarmi? Grazie!!!
    PS Spero di essere stata chiara..con questa inondazione di informazioni ho cercato di essere breve...forse senza successo!

+ Rispondi alla Discussione

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.