+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 26 di 26

Minimi, gestione separata, versamento imposte

Ultimo Messaggio di fiele il:
  1. #1
    User
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    27

    Minimi, gestione separata, versamento imposte

    Salve a tutti.
    Vorrei porvi alcuni quesiti in merito al regime dei contribuenti minimi, tenendo conto dei seguenti presupposti:
    - attualmente ho un contratto a progetto in scadenza il 31 dicembre 2009;
    - sto per aprire la partita iva, in regime dei minimi, con un doppio codice attività (la contabilità sarà unica per le due attività).

    1) Entrambe le attività relative alla partita iva non necessitano di nessuna cassa previdenziale, pertanto sono riconducibili alla gestione separata. Essendo già iscritto alla gestione separata (in quanto lavoratore a progetto), come devo comportarmi? Devo iscrivermi nuovamente aprendo una nuova posizione, oltre a quella già in corso, oppure è sufficiente fare i versamenti dovuti quando sarà il momento?

    2) Collegandomi alla domanda precedente, il mio dubbio è il seguente: la gestione separata è legata a ogni attività/progetto oppure alla persona fisica. Se paradossalmente una persona avesse, che so, 5 contratti a progetto con 5 diversi committenti oltre alla partita iva, sarebbe necessario iscriversi 6 volte alla gestione separata?

    3) Viste le poche incombenze burocratiche di questo regime, pensavo di gestire autonomamente gli aspetti fiscali, relegando unicamente a un CAF la compilazione del modello UNICO (aspetto un po' delicato, visto che ho anche un contratto a progetto e spese sanitarie da scaricare). Una volta presentata la dichiarazione dei redditi, in pratica, cosa devo fare? Procedere al versamento dell'imposta sostitutiva e dei contributi previdenziali tramite F24, giusto? Scusate la domanda probabilmente banale: quando vado al CAF per preparare l'UNICO, mi consegnano loro anche gli F24 già pronti da pagare oppure devo compilarli io in base agli opportuni quadri del modello UNICO dove sono indicati gli importi?

    Grazie a tutti!

  2. #2
    Esperto
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    369
    Io penso che l'iscrizione sia solo una.
    Per le attre cose hai un anno per pensarci, anche per i primi adempimenti, numera solo fatture di acquisto e di entrata (con la matita è meglio) e piano piano ti informi.

  3. #3
    User
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    27
    Ho scritto anche all'INPS ma la risposta era probabilmente una tra quelle standard... Riporto una parte della mail:

    "L’impostazione della norma esclude l’obbligo per i collaboratori di comunicare la stipula di rapporti di collaborazione successivi al primo; viceversa conferma l’obbligo di comunicazione nel caso in cui cambi la tipologia di attività, ovvero da collaboratore, associato o lavoratore autonomo occasionale a libero professionista e viceversa. In tal caso infatti mutano scadenze e modalità di versamento e muta radicalmente il rapporto fra l’ente previdenziale e il lavoratore, soprattutto per quanto riguarda l’obbligo di denuncia e la responsabilità del pagamento dei contributi. Dalla mancanza di un obbligo di iscrizione per le collaborazioni successive discende quindi anche la mancanza dell’obbligo di cancellazione dalla G.S. (msg 7505 del 2/04/08). L’iscrizione alla Gestione Separata non determina la creazione di alcun codice identificativo, in quanto l’iscritto viene identificato tramite il codice fiscale."

    Questo significa che per più contratti a progetto, basta solo una gestione separata. La apre il primo committente e basta, gli altri effettuano semplicementi i consueti versamenti tramite codice fiscale.

    Ci sono ancora dei dubbi riguardo alla libera professione: nella risposta è precisato che bisogna comunicare quando il tipo di attività passa da collaborazione a libera professione, ma non dice cosa bisogna fare quando la libera professione va ad aggiungersi alla collaborazione.

    Ho scritto nuovamente al'INPS per ulteriori chiarimenti, quando mi risponderanno pubblicherò la risposta, magari potrebbe interessare anche ad altri.

    Ciao

  4. #4
    Esperto
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    369
    Si, anche a Me interessa.

  5. #5
    User
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    27
    Stamattina ho parlato al telefono con un funzionario dell'INPS: è stato molto gentile ma soprattutto molto chiaro.

    In breve.
    Se si è già iscritti alla gestione separata in quanto lavoratori a progetto e si vuole avviare un'attività professionale con partita iva contemporaneamente, è comunque necessario e obbligatorio iscriversi nuovamente. Nel modulo da presentare per l'apertura occorrerà semplicemente barrare la casella "professionista" e lasciare vuoto il campo numero 5 (dove si indica il committente). Le due "gestioni separate" procedono parallelamente senza alcun problema: in caso sussistano una o più collaborazioni a progetto, il/ datore/i di lavoro continuerà/anno a versare mensilmente i contributi per voi (2/3 a carico del committente e 1/3 a carico del collaboratore). Per l'attività professionale invece si versano i contributi in sede di dichiarazione dei redditi (100% a carico del professionista).

    L'addetto mi ha inoltre confermato che, anche nel caso di gestione separata e regime dei minimi, è necessario procedere al pagamento dei contributi previdenziali con il meccanismo dei saldi e degli acconti.

    Per quanto riguarda l'attività svolta, sul modulo di iscrizione per la gestione separata è sufficiente indicare quella prevalente (se si esercitano più attività): in sostanza all'INPS non interessa quante attività fate, basta versare i contributi e stop.

  6. #6
    User
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    52
    Sono in una situazione molto simile alla tua: sono assegnista di ricerca (simile a co.co.co con gestione separata divisa 2/3 e 1/3 fra committente e me) ed ho anche una p.iva nel regime dei minimi.

    Ho aperto la seconda gestione separata (per la p.iva) via web dopo aver letto il tuo post, grazie!

    Domanda: come saprai ci sono due diverse aliquote per la gest.separata, una del 24,72% per chi non è iscritto ad altra gestione previdenziale obbligatoria e una del 17% per chi lo è.
    Questo secondo te significa che per i redditi della p.iva possiamo usare l'aliquota del 17% in quanto siamo già iscritti ad "altra" gestione (e paghiamo l'aliquota del 24.72%) come collaboratori?
    Oppure per "altra" gestione si intende una gestione diversa dalla gestione separata INPS.

    Tu come fai?

    Grazie!

  7. #7
    Esperto
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    369
    Io penso diversa dalla separata, anche se hai 2 iscrizioni.
    Aggiungo che in alcuni casi, come per Inarcassa, bisogna chiedere l'esenzione all'iscrizione, anche se ne ha diritto, altrimenti potrebbe succedere che mandano i pagamenti.
    Dato che avete la stessa situazione, vi chiedo se i contributi che vengono detratti dallo stipendio (1/3 di quelli versati e presenti sul CUD) li inserite nell'UNICO per dedurli o l'assegno di ricerca è fantasma anche per l'INPS separata? Ovviamente ho altri redditi da cui poter dedurre tale cifra.
    Ultima modifica di marcoaroma; 14-06-09 alle 16:36

  8. #8
    User
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    27
    Citazione Originariamente Scritto da augu Visualizza Messaggio
    Sono in una situazione molto simile alla tua: sono assegnista di ricerca (simile a co.co.co con gestione separata divisa 2/3 e 1/3 fra committente e me) ed ho anche una p.iva nel regime dei minimi.

    Ho aperto la seconda gestione separata (per la p.iva) via web dopo aver letto il tuo post, grazie!

    Domanda: come saprai ci sono due diverse aliquote per la gest.separata, una del 24,72% per chi non è iscritto ad altra gestione previdenziale obbligatoria e una del 17% per chi lo è.
    Questo secondo te significa che per i redditi della p.iva possiamo usare l'aliquota del 17% in quanto siamo già iscritti ad "altra" gestione (e paghiamo l'aliquota del 24.72%) come collaboratori?
    Oppure per "altra" gestione si intende una gestione diversa dalla gestione separata INPS.

    Tu come fai?

    Grazie!
    Ciao!
    L'aliquota è del 25.72% (è aumentata di un punto percentuale ), in quanto l'altra gestione separata non rientra tra le altre forme previdenziali obbligatorie (come INARCASSA). Anche se tu fossi un lavoratore dipendente pagheresti il 17% (credo, ma non ho mai approfondito perché non è il mio caso).

    Cito dal sito dell'INPS:

    Per gli iscritti alla Gestione separata sono previste due aliquote contributive:
    25,72% per i non iscritti ad altra forma di previdenza obbligatoria oltre alla gestione separata e che non siano pensionati. Il contributo è comprensivo dell'aliquota dello 0,72% per finanziare l'indennità di maternità, l'assegno per il nucleo familiare, l’indennità di malattia e di degenza ospedaliera;
    17% per:
    · i collaboratori e i professionisti iscritti ad altre forme di previdenza obbligatoria;
    · i titolari di pensione diretta, cioè quella derivante da contributi versati per il proprio lavoro;
    · i titolari di pensione di reversibilità.

  9. #9
    User
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    27
    Citazione Originariamente Scritto da marcoaroma Visualizza Messaggio
    Io penso diversa dalla separata, anche se hai 2 iscrizioni.
    Aggiungo che in alcuni casi, come per Inarcassa, bisogna chiedere l'esenzione all'iscrizione, anche se ne ha diritto, altrimenti potrebbe succedere che mandano i pagamenti.
    Dato che avete la stessa situazione, vi chiedo se i contributi che vengono detratti dallo stipendio (1/3 di quelli versati e presenti sul CUD) li inserite nell'UNICO per dedurli o l'assegno di ricerca è fantasma anche per l'INPS separata? Ovviamente ho altri redditi da cui poter dedurre tale cifra.
    Io non sono un assegnista, ma penso di poterti rispondere lo stesso. Quando sei un collaboratore, quella quota di 1/3 va a già ridurre l'imponibile IRPEF. Per lo meno, dalla mia busta paga risulta così...

    Però non sono un commercialista, sono un ingegnere , quindi non fidarti troppo di me
    Ciao!

  10. #10
    Esperto
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    369
    Anch'Io. Grazie. Comunque molti assegni di ricerca come il mio sono cococo esenti IRPEF, quindi se per gli altri già l'INPS è stata detratta dall'imponibile, in questo caso a maggior ragione non si dovrebbe dedurre dal reddito che non crea?!

  11. #11
    User
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    52
    Grazie Gius80, non è una buona notizia, ma lo sospettavo!
    Mi daresti il link preciso sul sito INPS? Io avevo trovato una pagina meno dettagliata sulla gest.separata.

    Per marcoaroma:
    anche il mio assegno di ricerca è esente IRPEF, cosi' come lo era per me la borsa di dottorato prima.
    E' altrettanto vero però che i contributi INPS gestione separata a carico dell'assegnista (1/3 del totale) sono deducibili dal reddito.

    L'università per cui lavoro ogni anno mi manda una lettera con la certificazione dei contributi che sono stati versati di tasca mia, e scrivono: "si rilascia per uso dichiarazione dei redditi (oneri deducibili dal reddito)."

    Anche per la borsa di dottorato era così. E' esente, ma puoi cmq dedurre i contributi dal tuo reddito in fase di dichiarazione (se hai altri redditi, ovviamente, altrimenti il tuo reddito risulta nullo).

    Io per la cronaca li dedurrò dal reddito della mia partita iva con regime dei minimi, perché non ho letto da nessuna parte che i contributi INPS deducibili siano esclusivamente quelli legati all'attività.
    Già non detraggo spese mediche, mutuo, ... almeno i contributi INPS me li deduco.

  12. #12
    User
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    27
    Citazione Originariamente Scritto da augu Visualizza Messaggio
    Grazie Gius80, non è una buona notizia, ma lo sospettavo!
    Mi daresti il link preciso sul sito INPS? Io avevo trovato una pagina meno dettagliata sulla gest.separata.
    Eccolo qui (aggiungi www)
    inps.it/home/default.asp?sID=%3B0%3B4725%3B4730%3B&lastMenu=473 0&iMenu=1&iNodo=4730

    Nella parte in alto della pagina trovi due ulteriori link che rimandano ad approfondimenti (Miniguide e TuttoInps): fai attenzione perché l'aliquota indicata lì è ancora del 24,72%.
    Ciao!

  13. #13
    User
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    52
    Grazie Gius!
    Però scusami, i contributi a saldo del 2008 non devono essere calcolati con l'aliquota del 2008?

    Io pensavo di fare cosi':
    - contributi a saldo 2008: reddito 2008 * 24,72%
    - contributi 1° acconto 2009: reddito 2008 * 25,72% * 40%

  14. #14
    User
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    27
    Citazione Originariamente Scritto da augu Visualizza Messaggio
    ***
    Non saprei...
    Io l'ho aperta pochi giorni fa, quindi dovrò occuparmi di questi dettagli l'anno prossimo. Se vuoi un consiglio pratico, prova a contattare il call center dell'INPS: nel mio caso ho trovato una persona molto competente. Ti dirò di più, mi hanno chiamato loro dopo che gli avevo scritto io dal form presente sul loro sito!
    Ultima modifica di lorenzo-74; 23-06-09 alle 12:13 Motivo: evitiamo di quotare inutilmente

  15. #15
    Esperto
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    369
    Per l'acconto devi fare il 40% dell'INPS che paghi per l'anno prima, cioè INPS 2008 per 0.4, in totale paghi 24,72% * imponibile IRPEF * 1,4.

  16. #16
    Esperto
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    369
    Per augu
    E ti manda il CUD pure? In pratica quella scritta a me non la mandano, però dal CUD vedo che dal lordo tolgono solo l'INPS separata.

  17. #17
    User
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    52
    Nessun CUD, mi mandano solo quella certificazione, che in pratica è una lettera in cui mi dicono quanto hanno versato all'INPS per mio conto e A MIO CARICO (cioè 1/3 del totale da loro versato).

    Come detto, su quella lettera è scritto esplicitamente che me la rilasciano "a scopo dichiarazione dei redditi (oneri deducibili dal reddito)".
    Nel "preambolo" mi ricordano anche che l'assegno di ricerca è esente IRPEF.

    Andando a senso direi che siete voi che dovete dedurre questi contributi da vostri eventuali altri redditi, perché l'università non paga per voi nessuna IRPEF, in quanto l'assegno è esente.
    Ciò è diverso dal caso di un dipendente, a cui il datore di lavoro paga l'IRPEF deducendo i contributi INPS da lui stesso versati.

  18. #18
    User
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    52
    Attenzione, perché come indicato in questo post:

    giorgiotave.it/forum/regime-contribuenti-minimi/113456-calcolo-reddito-per-imposta-sostitutiva-e-inps.html

    i contributi si possono dedurre dal reddito imponibile ai fini dell'imposta sostitutiva del 20%, ma NON dal reddito imponibile per i contributi INPS gest.separata.

    Insomma: non puoi dedurre i contributi dell'anno precedente dalla somma su cui calcoli i contributi per l'anno attuale.

    Uff, sembra un rebus. Domattina dovrò annullare l'F24 che ho fatto poco fa. E farne uno nuovo con 400 euro in + da pagare. Fantastico!

  19. #19
    Esperto
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    369
    Toppa, ho letto l'Unico, lo spiega, mi pare che sia come dice augu, basta trovarlo nelle istruzioni.

  20. #20
    Esperto
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    369
    Il post sopra era relativo a come si calcolano gli acconti.
    Invece relativamente alla deduziono dell'INPS versata per i cococo esenti IRPEF, sono di queste idee:
    1) per i cocopro si dichiara il reddito avendo già tolto l'INPS, quindi tali contributi non si deducono essendo già stato fatto; di conseguenza figuriamoci se non il cococo non mi da reddito IRPEF se li tolgo da un'altra parte; in più il concetto che l'Università non paga l'IRPEF non so se si giusto non ho mai chiesto se lo fa o meno per questi casi, ma è sicuro che Noi non paghiamo l'IRPEF; inoltre non penso che l'IRPEF versata sono soldi per Me ma per lo Stato, quindi anche se non la pagassero non posso pretendere nulla; sarebbe vero se fossero i contributi INPS.
    2) Togliere tali INPS eventuali dal reddito dei minimi mi sembra ulterirmente sbagliato, perchè è vero che non è scritto da alcuna parte il contrario, ma è anche vero che non è scritto da nessuna parte che dal reddito dei minimi si possono togliere i contributi versati per attività diverse da quella professionale, cio il fatto che l'INPS sia come le spese per l'attività dovrebbe seguire il concetto di inerenza all'attività.
    Pareri?

  21. #21
    User
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    52
    Ad un normale dipendente il datore di lavoro paga tutto: IRPEF ed INPS.

    Nel caso dell'assegno di ricerca l'università NON paga l'IRPEF per conto dell'assegnista, perché l'assegno è esente IRPEF e non c'è nulla da pagare.
    Paga però i contributi INPS gest.separata all'assegnista, trattenendone 1/3 della cifra dall'assegno.
    Di fatto quindi, quell'1/3 di contributi è a spese dell'assegnista.

    Se l'assegnista ha altri redditi (l'assegno non figura fra i redditi, perché è esente IRPEF), può dedurre questa spesa di 1/3 dei contributi per l'assegno.
    Come già detto e ripetuto, l'università mi certifica questa cifra e mi "invita" a dedurla dal mio reddito. Non credo che l'università sbagli.

    Per quanto riguarda il fatto di dedurli dal reddito soggetto al regime dei minimi, leggo sulle istruzioni del modello Unico (fascicolo 3, quadro CM):

    "Se l’importo indicato nel rigo CM6 è positivo, nel rigo CM7 (contributi previdenziali e assistenziali), colonna 1, va indicato l’ammontare dei contributi previdenziali e assistenziali versati nel presente periodo d’imposta in ottemperanza a disposizioni di legge."

    Direi che non ci sono dubbi sul fatto che 1/3 dei contributi versati da me per l'assegno di ricerca siano "contributi previdenziali e assistenziali versati nel presente periodo d’imposta in ottemperanza a disposizioni di legge".

    Poi vedremo, alla peggio mi verranno a cercare.

  22. #22
    Esperto
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    369
    Non fa una piega né quello che dici Tu, né le mie deduzioni sulle non deduzioni.
    Se riesco a fare un salto nei prossimi giorni all'Agenzia lo scrivo. Comunque mi hai quasi convinto.

  23. #23
    Esperto
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    369
    Sul discorso INPS da co.co.co. esenti irpef e deducibilità da reddito dei minimi ho risposto qui http://www.giorgiotave.it/forum/cons...co-grazie.html, dove si potrebbe continuare la discussione essendo diciamo più concentrato sull'argomento.

  24. #24
    Non iscritto
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    646
    Dal tenore delle norme, mi sembra, invece, che si possano dedurre i soli contributi versati e dovuti per legge in relazione all'attività esercitata e per la quale si applica, appunto, il regime dei minimi.
    Se si versano i contributi per altri tipi di redditi, essi vanno dedotti dal reddito per il quale sono stati versati o al massimo dal reddito complessivo.

  25. #25
    Esperto
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    369
    Spero di essermi spiegato bene nell'intervento richiamato, appunto dicevo questo. Quindi dai minimi non li deduco.

  26. #26
    User Newbie
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    7

    esempio regime minimi contributi inps unico 2010

    Salve vorrei proporvi questo esempio e sottoporlo alla vostra attenzione. E' il caso di un contribuente che svolge attività professionale con codice atecofin 89.20.23 e che ha aperto partita Iva ad aprile 2009. Lo stesso prevede di chiuderla a dicembre 2009. Premesso che i contributi inps saranno pagati a giugno in concomitanza con la presentazione Unico è corretto secondo voi poterli già dedurre in Unico 2010 ?
    E il credito d'imposta che ne deriva può portarlo a riduzione della stessa inps?
    Dovrà pagare acconti a giugno 2010 premesso che ha chiuso la partita iva a dicembre 2009? Grazie

    Ricavi--------> 25000+ 4% 1000====> 26.000 euro

    costi deducibili---->3000

    base imponibile inps-----> 23.000

    contributi inps---->25,72%*23.000====>5915,6

    base imponibile imposta sostitutiva 20%---> 23.000- inps5915,6====>17.084

    imposta===> 20%*17084====> 3417

    ritenute d'acconto subite 26.000*20%===>5200

    credito di imposta 3417-5200===> 1783

+ Rispondi alla Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.