+ Rispondi alla Discussione
Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 16 a 30 di 35

Regime dei minimi e intrastat. Non obbligatorio?

Ultimo Messaggio di ContiPronti il:
  1. #16
    Moderatore L'avatar di michelini
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Cittadella (Padova)
    Messaggi
    1,146
    Occorre iscriversi al Vies per fare acquisti intracomunitari in regime dei minimi.
    Altrimenti si dovrà acquistare come privato e cioè con addebito dell'iva del Paese del formitore, senza poi che sia necessario versare l'iva italiana e inviare l'Intrastat.
    Postato via Mobile

  2. #17
    User
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    101
    ma vale solo per gli acquisti quindi? per vendere invece (esempio link)? per adsense ecc.

    Grazie

  3. #18
    Moderatore L'avatar di michelini
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Cittadella (Padova)
    Messaggi
    1,146
    Rileggi cortesemente le risposte date ad inizio thread.
    Ne abbiamo più volte discusso.
    MODPartita Iva
    DOTTORE COMMERCIALISTA www.mauromichelini.it
    Consulenza contabile e fiscale anche on-line a distanza

  4. #19
    User
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    101
    inizialmente si parlava di intrastat? adesso di Vies.

    mi scusi ma non capisco bene. è la stessa cosa?

    grazie e mi scusi ancora

  5. #20
    Moderatore L'avatar di michelini
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Cittadella (Padova)
    Messaggi
    1,146
    Per le vendite UE i minimi non fanno intrastat.
    Postato via Mobile

  6. #21
    User
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Messaggi
    51
    Se può essere utile:



    "Ai fini delle operazioni con soggetti domiciliati in altri Paesi dell'Unione Europea, i contribuenti minimi sono considerati "operatori economici sottoposti al regime delle piccole imprese" di cui agli artt. 281-292 della Direttiva 2006/112/CE. Le tipologie di operazioni che si possono presentare sono le seguenti:
    • soggetto "minimo" italiano che acquista beni da un soggetto IVA situato un un altro Paese dell'Unione Europea: il soggetto italiano integra la fattura comunitaria con l'applicazione dell'IVA italiana, la versa e presenta il modello INTRASTAT relativo agli acquisti intracomunitari di beni;
    • soggetto "minimo" italiano che vende beni ad un soggetto IVA situato un un altro Paese dell'Unione Europea: il soggetto italiano effettua un'operazione interna senza addebito dell'imposta, quindi non presenta la dichiarazione INTRASTAT;
    • soggetto "minimo" italiano che acquista servizi da un soggetto IVA situato un un altro Paese dell'Unione Europea: il soggetto italiano integra la fattura comunitaria con l'applicazione dell'IVA italiana, la versa e presenta il modello INTRASTAT relativo agli acquisti intracomunitari di servizi;
    • soggetto "minimo" italiano che vende servizi ad un soggetto IVA situato un un altro Paese dell'Unione Europea: il soggetto italiano effettua un'operazione interna senza addebito dell'imposta, quindi non presenta la dichiarazione INTRASTAT. "

  7. #22
    User
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    101
    si ho capito che non si deve fare l'intrastat...ma il VIES è la stessa cosa? non c'entra?

  8. #23
    User L'avatar di Marcodea
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Messaggi
    71
    Perdonatemi, ma in regime dei minimi mi sembra che una clausola per rimanerci sia quella di non fare esportazione.
    Questo è quello che mi dice anche la mia commercialista, leggendo un pò in giro ci sono molte idee confuse, chi dici che vendere in Europa non è esportazione, non essendoci dogana ecc..

    C'è qualcosa di uffciale da parte dell'AdE che chiarisce questo punto ?

    Saluti Marco.

  9. #24
    Moderatore L'avatar di michelini
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Cittadella (Padova)
    Messaggi
    1,146
    Non serve nulla di ufficiale dall'Agenzia delle Entrate, visto che la norma sul punto è chiara e nella definizione di esportazione non rientrano le cessioni/prestazioni intracomunitarie.
    Sono i fondamentali dell'iva

    In merito al VIES, questo è l'elenco ove sono iscritti i soggetti passivi IVA italiani, autorizzati ad effettuare operazioni intracomunitarie.
    Chi è iscritto può fare tali operazioni e come conseguenza, salvo l'eccezione dei minimi sopra ricordata, devono, fra l'altro, essere presentati periodicamente i modelli Intrastat.
    Consiglio: rinvolgetevi ad un commercialista, non sono questioni semplici o banali.
    MODPartita Iva
    DOTTORE COMMERCIALISTA www.mauromichelini.it
    Consulenza contabile e fiscale anche on-line a distanza

  10. #25
    OEJ
    OEJ è offline
    Esperto
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    1,834
    Confermo.
    Un paio di precisazioni/ribadimenti, che non guastano mai: per le operazioni intracomunitarie (che i minimi possono tranquillamente fare) gli acquisti vanno comunicati con Intrastat, le cessioni no.
    Per il VIES si presenta un'apposita istanza di iscrizione ma, bene che vada, occorre attendere 30 giorni prima di poter operare.
    Commercialista on line: vai su www.reteimprese.it/studioaymerich

  11. #26
    User
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    101
    ma il regime dei minimi si deve iscrivere al VIES per vendere spazi pubblicitari in Europa??

    non ho ben capito questo...mi scusi

  12. #27
    OEJ
    OEJ è offline
    Esperto
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    1,834
    Chi acquista o vende beni o servizi verso clienti o fornitori residenti in altre nazioni dell'Unione Europea deve essere iscritto al Vies, che si tratti di operazioni abituali o una tantum. Il regime contabile non è rilevante.
    Commercialista on line: vai su www.reteimprese.it/studioaymerich

  13. #28
    User Newbie
    Data Registrazione
    Mar 2012
    Località
    Ravenna
    Messaggi
    1
    Buongiorno, sono appena iscritta anche se da tempo leggo questo forum.
    Ho la partita Iva aperta a febbraio 2011 con il regime dei minimi e rientro ancora in questo regime.
    È da ieri che rileggo questo topic e cerco di trovare la risposta al mio problema con l'Intrastat. Vendo online e spedisco in Italia ed Europa. Non compro fuori dall'Italia ma lo scorso anno ho pagato le fatture mensili ad Ebay. Lunedì scorso mi è arrivata la RID del commercialista con € 82,50 di Intrastat da pagare. Ho chiesto chiarimenti su come fosse stata calcolata la spesa e a tutt'oggi non mi ha saputo dare tante spiegazioni, solo che l'importo è riferito a luglio/agosto/settembre 2011. Mi ha anche detto che il 12 di marzo dovro' pagare ancora la stessa cifra per i mesi ottobre/novembre/dicembre 2011.
    Il calcolo loro non lo sanno fare e si sono affidati ad un'agenzia di spedizioni e mi han detto che se voglio risparmiare posso farmi la denuncia da sola ma che loro non sanno dirmi come fare.
    Io vorrei fare questa denuncia da sola ma è da ieri che cerco in rete notizie sulla legge e su tutto il resto. Inoltre vorrei sapere se e quanto dovro' pagare in futuro perchè sto' vendendo pochino e non potrei permettermi anche € 82,50 tutti i mesi. Sono agitata per via dell'importo che è quasi corrispondente all'importo delle fatture Ebay.
    Grazie e se avete un link da suggerirmi ne sarei felice.
    Ultima modifica di Mirna; 02-03-12 alle 16:05

  14. #29
    User Newbie
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Località
    VIGEVANO
    Messaggi
    1

    quale numero fattura indicare in intra servizi ricevuti per i minimi?

    Buongiorno a tutti! anch'io mi sono appena iscritta anche se da tempo seguo il forum....@Mirna....l'importo che hai pagato per la compilazione della dichiarazione intra per il 3° trimestre 2011 è la tariffa richiesta dal delegato alla presentazione...non è un importo che ha alcuna relazione con il valore delle fatture....puoi provare a richiedere preventivi ad altri ( ti assicuro che sono molto varie) oppure puoi presentare da sola la dichiarazione ma devi rivolgerti ad un ufficio doganale e chiedere spiegazioni su come ottenere chiavi ecc. dall'Agenzia delle Dogane per poter operare esclusivamente in via telematica ( è una procedura un poco complicata e non sempre l'agenzia doganale ha voglia di fornirti spiegazioni esaustive...!!!)

  15. #30
    User
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    101

    la soluzione. Che ne pensate adesso?

    Regime dei super Minimi e registrazione Vies: se SOLO vendi non va fatta!!!


    Documento agenzia delle entrate:

    " 6 Adempimenti
    6.1. I contribuenti che applicano il regime fiscale di vantaggio, agli effetti dell’imposta
    sul valore aggiunto, oltre agli adempimenti previsti dall’articolo 7 del D.M. 2 gennaio
    2008:
    a) sono obbligati a manifestare preventivamente la volontà di effettuare acquisti
    intracomunitari, all’atto della presentazione della dichiarazione di inizio attività
    o successivamente, per essere inclusi nell’archivio VIES, ai sensi dell’articolo 35, comma 2, lett. e-bis) del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre
    1972, n. 633 6, come modificato 27, del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78."


    Non parla di operazioni intracomunitarie, ne di vendite...


    E poi :

    I contribuenti in regime dei Minimi che emettono fatture a clienti intracomunitari non hanno l’obbligo di inviare il Modello INTRASTAT per la comunicazione delle operazioni ai fini dell’IVA se effettuano cessioni di beni e/o di servizi effettuate nei confronti di soggetti passivi comunitari come l’Irlanda, la Spagna, Francia ecc.

    Tali operazioni, non essendo considerate cessioni intracomunitarie ma interne senza diritto di rivalsa dell’IVA non obbligano il contribuente alla compilazione dell’elenco INTRASTAT.

    Pertanto, la dicitura da inserire nella fattura per chi effettua cessioni intracomunitarie:

    “l’operazione non costituisce cessione di servizi intracomunitari ai sensi dell’art 41 comma 2 bis decreto legge 30/08/1993 n. 331″


    - Fatture Intracomunitarie emessa dai Contribuenti Minimi: Modello INTRASTAT per chi acquista beni/servizi

    I contribuenti minimi che vogliono acquistare servizi e beni da clienti intracomunitari devono integrare la fattura di acquisto indicando aliquota e imposta e procedere al versamento dell’imposta entro il 16°giorno del mese successivo a quello in cui hanno effettuato l’operazione, indicando il codice tributo corrispondente al codice periodico IVA del mese di riferimento. Non è però necessario annotare la fattura nei registri contabili ma l’IVA non può essere portata in detrazione in riferimento alla fattura integrata.



    Inoltre, è obbligatorio per i contribuenti minimi che acquistano servizi e beni intracomunitari:

    comunicare preventivamente la volontà di effettuare acquisti intracomunitari, all’atto della presentazione della dichiarazione di inizio attività o successivamente, per essere inclusi nell’archivio VIES


    Mentre sono Esonerati:

    dall’obbligo di effettuare la comunicazione telematica delle operazioni rilevanti ai fini dell’imposta sul valore aggiunto

    dall’obbligo di comunicare all’Agenzia delle Entrate, i dati relativi alle operazioni effettuate nei confronti di operatori economici aventi sede, residenza o domicilio in Paesi a fiscalità privilegiata, Paesi Black List

    Esonero dall’obbligo di certificare i corrispettivi qualora svolgano le attività previste dall’articolo 2 del decreto del Presidente della Repubblica 21 dicembre 1996, n. 696.

+ Rispondi alla Discussione
Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.