+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 8 di 8

Prestazioni occasionali nel nuovo regime dei minimi

Ultimo Messaggio di studionicola il:
  1. #1
    User
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    roma
    Messaggi
    88

    Prestazioni occasionali nel nuovo regime dei minimi

    Vorrei porre alla vs. attenzione alcuni quesiti sui compensi derivanti da prestazioni occasionali all'interno del nuovo regime dei minimi 2012.

    1) L'ammontare massimo delle ricevute, che è pari a 5.000 €,
    va semplicemente sommato a quello delle fatture ordinarie?

    2) E se sì, bisogna sempre rientrare nei 30.000 € previsti dal regime?

    3) Oppure quello delle prest. occ. è un reddito extra che non rileva ai fini della dichiarazione delle tasse, essendoci già le ritenute d'acconto?

    4) Se si sfora il tetto dei 5.000 €, cosa bisogna fare? Si fuoriesce dal regime?

    5) E' vero che in ciascuna ricevuta per prest. occ. va indicato obbligatoriamente il numero totale di giorni in cui è stata effettuata la prestazione? Anche si trattasse di una consulenza svolta a casa propria?

    Grazie sempre

  2. #2
    User
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    roma
    Messaggi
    88
    Ripropongo la discussione...

    Vorrei porre alla vs. attenzione alcuni quesiti sui compensi derivanti da prestazioni occasionali all'interno del nuovo regime dei minimi 2012.

    1) L'ammontare massimo delle ricevute, che è pari a 5.000 €,
    va semplicemente sommato a quello delle fatture ordinarie?

    2) E se sì, bisogna sempre rientrare nei 30.000 € previsti dal regime?

    3) Oppure quello delle prest. occ. è un reddito extra che non rileva ai fini della dichiarazione delle tasse, essendoci già le ritenute d'acconto?

    4) Se si sfora il tetto dei 5.000 €, cosa bisogna fare? Si fuoriesce dal regime?

    5) E' vero che in ciascuna ricevuta per prest. occ. va indicato obbligatoriamente il numero totale di giorni in cui è stata effettuata la prestazione? Anche si trattasse di una consulenza svolta a casa propria?

  3. #3
    Moderatore L'avatar di studionicola
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,220
    Segui studionicola su Twitter Aggiungi studionicola su Facebook
    Le prestazioni occasionali non è da sommarsi alle fatture emesse con partita iva. Le prestazioni occasionali sono da indicarsi in altro quadro del modello Unico (redditi occasionali RL) contro quadro CM (regime dei minimi).
    Non concorrono, quindi, al raggiungimento dei famosi 30.000 euro di limite.

  4. #4
    User
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    roma
    Messaggi
    88

    Prestazioni occasionali nel nuovo regime dei minimi

    Molte grazie per la risposta.

    Ho letto/sentito che nella ricevuta va indicato il numero totale di giorni nel quale la prestazione si è svolta.
    Ciò vale anche nel caso di libera professione?
    Devo, cioè, indicare il numero (fittizio) di giorni che presumibilmente mi sono serviti per completare il lavoro?

    Saluti

  5. #5
    User L'avatar di passariello.alfonso
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Località
    Caserta
    Messaggi
    443
    Aggiungi passariello.alfonso su Facebook
    Mi intrometto nella discussione, da quanto ho capito oltre ai 30.000€ il regime dei mini offre la possibilità di fare ritenute fiscali per un totale di 5000€ ?

    Grazie
    ]Seguimi sui Social per Consigli e altro ->Alfonso Passariello

  6. #6
    Consiglio Direttivo L'avatar di lorenzo-74
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,234
    Segui lorenzo-74 su Twitter Aggiungi lorenzo-74 su Facebook
    Alfonso, si, ma a patto che le prestazioni occasionali non c'entrino assolutamente nulla con l'attività esercitata con partita iva.
    Se è un'escamotage per rimanere entro i 30000 euro è una pratica che può essere sanzionata di brutto.

  7. #7
    User
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    roma
    Messaggi
    88
    Citazione Originariamente Scritto da lorenzo-74 Visualizza Messaggio
    Alfonso, si, ma a patto che le prestazioni occasionali non c'entrino assolutamente nulla con l'attività esercitata con partita iva.
    Se è un'escamotage per rimanere entro i 30000 euro è una pratica che può essere sanzionata di brutto.
    Questa precisazione è sicuramente importante.

    Peraltro ho appreso da alcuni miei colleghi che, purché non si tratti dell'attività prevalente, è invero possibile effettuare prestazioni occasionali nell'ambito di quelle attività indicate con "altre attività esercitate" nel modello per l'apertura della P.I.
    Ti chiedo se puoi darmi un tuo parere su questo punto.

    Sempre restando in tema:
    ti risulta che, pure nel caso che venga emessa da libero prof., la ricevuta debba recare il numero totale di giorni nei quali la prestazione si è presumibilmente svolta?

    Grazie per l'attenzione.

  8. #8
    Moderatore L'avatar di studionicola
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,220
    Segui studionicola su Twitter Aggiungi studionicola su Facebook
    Non mi risulta prevista per legge l'indicazione del numero di giorni inerenti la prestazione. E', però, certamente consigliato compilare le ricevute indicando quanto più possibile dettagliatamente l'oggetto (e quindi anche la durata) della prestazione svolta.

+ Rispondi alla Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.