+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 4 di 4

spese vitto sostenute in itinere - regime dei minimi -

Ultimo Messaggio di michelini il:
  1. #1
    User Newbie
    Data Registrazione
    May 2015
    Località
    venaria reale
    Messaggi
    2

    spese vitto sostenute in itinere - regime dei minimi -

    Salve
    Sono un operatore sanitario in regime dei minimi e v
    orrei porre un quesito sulla detraibilità delle spese per vitto sostenute nel corso della propria attività lavorativa.

    Attualmente lavoro al mattino presso il domicilio dei miei pazienti privati ed il pomeriggio presso una struttura privata.

    I miei pazienti risiedono nei comuni limitrofi alla mia residenza, comunque in un raggio di max 30 Kilometri.
    Per il pranzo non mi è possibile rientrare a casa e pertanto consumo il pasto in un locale nei pressi dell'ultimo paziente di giornata (che varia di giorno in giorno), prima di recarmi presso la struttura privata in cui lavoro al pomeriggio.

    Ho letto la normativa sul regime dei minimi ed in particolare quanto asserito nella circolare dell’agenzia delle entrate nr 7/E del 28/01/2008, nel quesito qui sotto riportato:
    e) Quesito: In attesa del decreto ministeriale che chiarirà i requisiti di inerenza, possiamo considerare deducibili oltre alle spese per omaggi di valore unitario inferiore a 50 euro anche quelle per cene e alberghi di ammontare non superiore al predetto importo?

    Risposta: Tenendo conto della particolarità del regime dei minimi che prevede una modalità semplificata di determinazione del reddito ai sensi del comma 104, si ritiene che non possano trovare applicazione le specifiche norme del TUIR che limitano la deducibilità di taluni costi. Conseguentemente anche le spese per omaggi, vitto e alloggio potranno essere portate in deduzione per l’intero importo pagato semprechè la stretta inerenza delle stesse all’esercizio dell’attività d’impresa o di lavoro autonomo sia dimostrabile sulla base di criteri oggettivi. La deducibilità dei costi e delle spese sostenute ai fini della determinazione del reddito dei soggetti minimi, infatti, è comunque subordinata alla circostanza che gli stessi siano inerenti all’attività esercitata.

    Le spese di vitto di cui sopra, debitamente documentate da fattura possano essere considerate inerenti l’attività esercitata in quanto sostenute nell’itinere del proprio lavoro?
    (ovviamente esiste una documentazione a supporto delle prestazioni effettuate, prima fra tutte le fatture emesse ai pazienti)
    Grazie

    E-fisio


  2. #2
    Moderatore L'avatar di michelini
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Cittadella (Padova)
    Messaggi
    1,188
    Se si riesce a dimostrare l'inerenza, il costo è da intendere come deducibile.
    MODPartita Iva
    DOTTORE COMMERCIALISTA www.mauromichelini.it www.studiobusatta.it
    Consulenza contabile e fiscale anche on-line a distanza

  3. #3
    User Newbie
    Data Registrazione
    May 2015
    Località
    venaria reale
    Messaggi
    2
    Ma il costo così sostenuto, documentato e giustificato (fattura al cliente, scheda paziente ecc ecc) può essere considerato ragionevolmente "inerente"?
    Grazie
    Efisio

  4. #4
    Moderatore L'avatar di michelini
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Cittadella (Padova)
    Messaggi
    1,188
    Sì ma deve essere dimostrato con l'attività svolta in quei luoghi.
    MODPartita Iva
    DOTTORE COMMERCIALISTA www.mauromichelini.it www.studiobusatta.it
    Consulenza contabile e fiscale anche on-line a distanza

+ Rispondi alla Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.