+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 28 di 28

Confindustria decide l'espulsione per chi paga il pizzo alla mafia

Ultimo Messaggio di Vampiretta il:
  1. #1
    Esperto L'avatar di Andrez
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Sull'isola del giorno prima
    Messaggi
    8,801

    Confindustria decide l'espulsione per chi paga il pizzo alla mafia

    Sembra chi finalmente qualcosa stia mutando.

    Dopo decenni di connivenze più o meno tacite ed attuate in varie forme, anche la Confindustria siciliana accetta l'indicazione della direzione nazionale della Confindustria e si dichaira disponibile ad espellere i suoi membri che accettino di pagare il pizzo.

    Gli imprenditori che non si ribellano, chi accetta di pagare la mafia, sarà espulso dalla Confindustria.

    Per rendere più praticabile la svolta, è la Confindustria Regionale stessa che chiede l'intervento dell'esercito.


    Mi sembra avere gli aspetti di una svolta; secondo voi?

  2. #2
    Lkv
    Lkv è offline
    Esperto L'avatar di Lkv
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Località
    Sardinia, IT
    Messaggi
    1,719
    Se a questa iniziativa si accompagnera' un impegno serio contro chi chiede il pizzo, e per proteggere e aiutare veramente chi denuncia coraggiosamente gli estortori, allora si, puo' essere un intervento che si muove nella giusta direzione. Spero che possa servire da stimolo.


    Il web e' un organismo vivente, la solidarieta' e' la sua anima!

  3. #3
    Utente Premium L'avatar di Vampiretta
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,631
    Bhe mi sembra buono a patto che dietro ci sia un aiuto e un sostegno verso chi viene ricattato e costretto a pagare il pizzo. Altrimenti che senso ha? Cornuti e mazziati?

    Mi piacerebbe sapere come si muovono per aiutare, giù ci sono alcune associazioni che già lavorano, certo è che se si aggiungesse e desse manforte la Confindustria sarebbe ottimo.

    Se resta una mera espulsione, non ne vedo l'utilità, li si abbandona ancor di più.

  4. #4
    Esperta L'avatar di pikadilly
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Old City
    Messaggi
    7,256
    Segui pikadilly su Twitter Aggiungi pikadilly su Google+ Aggiungi pikadilly su Facebook
    E' una buona cosa, ma di certo metterà molte persone davanti ad un bivio.
    Mettiamoci nei panni di una persona a cui è stato chiesto il pizzo, si troverà a dover decidere tra il lavoro e la vita.
    Sembra che in certe zone dei avere più coraggio a vivere.
    Di sicuro è un bel passo avanti.

  5. #5
    Utente Premium L'avatar di Vampiretta
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,631
    Diciamo che da un netto segnale anche dall'alto e questo è senz'altro ottimo!!!

  6. #6
    Utente Premium L'avatar di Newser
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Calabria
    Messaggi
    184
    Si, bello, utile

    maaaaa...

    Però, perché prima di mandar via chi paga il pizzo non si comincia a mettere fuori da Confindustria l'imprenditore condannato per mafia? Ce ne sono. Basta guardare a Caltanissetta
    Quella frase è estrapolata da questo articolo

    Detta da Lirio Abbate, uno che è sotto assedio

    Cioè, rendiamoci conto eh.

    E' sotto assedio perchè i carabinieri hanno intercettato una telefonata tra alcuni mafiosi che stavano per farlo fuori, stavano per ucciderlo. Lui ha la scorta.

    Ma nessuno è arrestato. E queste telefonate...ce ne sono troppe oramai.

    Ci vuole una retata (come San Luca?). Un retata Globale con almeno 100.000 persone in galera in tutto il SUD-CENTRO-NORD, almeno. E tutte con l'ergastolo. E non deve uscire nessuno, mai più. Allora ci sarà speranza. Allora la gente avrà fiducia.

    Ed ogni minimo contatto mafioso deve essere severamente punito. Con anni ed anni di galera.

    Le leggi contro la mafia devono essere molto più dure e i colpevoli devono lavorare in cella per pagare il sostegno.

    Allora, risorgerà la società civile.

    Ma lui, Lirio Abbate, è un morto che cammina. Come tanti altri
    Lottare per la legalità potrebbe rendere la Calabria bella anche d'inverno.

  7. #7
    Utente Premium L'avatar di Vampiretta
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,631
    Come diceva Falcone si muore quando si è soli, speriamo che Abbate non resti solo davvero. Altro che confindustria etc etc.

  8. #8
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    8
    Leggi che si basano su questo principio per me non sono antimafia.

    A Palermo l'onorevole Borsellino ha
    chiamato a riunione un personaggio di Confindustria
    per discutere altre soluzioni su questo versante.

    A Palermo anche l'imprenditore Libero Grassi sosteneva di
    denunciare chi pagava, per me si sbagliava, non sò se
    questo era sostenuto anche dai magistrati Falcone e Borsellino,
    magari non rendendosi bene di ciò che comminerebbe una
    legge del genere, qualche momento di confusione può
    capitare, è bene accorgersi dall'errore.

    Non dobbiamo tenere ai soldi secondo me, facciamo un esempio:
    se io fossi un bambino di 10 anni (imprenditore) e un'altro di 4 anni
    (estortore) mi ruba un giocattolo (pizzo) che fà dovrei litigarci?
    Non sarebbe meglio lasciarci prendere il giocattolo (pizzo) e aspettare che
    poi siano i suoi genitori (le autorità) a restituirmelo.
    Certo può capitare che i genitori si tengano il giocattolo e io non liveda più, ma qui le autorità almeno ho sentito dire che quando a qualcuno viene trovata la refurtiva dei reati che hanno commesso, essa viene restituita al proprietario.

    Perciò se dobbiamo morire secondo me è meglio che muoriamo per un altro motivo, non per il rifiuto di pagare, forse per aver denunciato.

    Ma ora l'imprenditore deve fare i conti anche con questa legge che secondo quanto ho capito mette in confusione, perche non specifica bene.

    L'autorità deve reagire a questo ma ormai nello stato forse il fenomeno mafioso è sempre + tollerato come fattore equilibrante delle politiche internazionali.
    Avremmo bisogno d'altro non certo di queste leggi, a mio parere.
    Un saluto da Gioacchino.
    Ultima modifica di Lkv; 10-09-07 alle 17:23

  9. #9
    gio
    gio è offline
    User
    Data Registrazione
    Feb 2005
    Messaggi
    36
    Quindi tu percaso preferisci che sia consentito di pagare il pizzo.


    [...]


    e, visto che ci giurerai che non solo non è così, [...] tenta ancora a convincerci che pagare la mafia significa combatterla e che questo è progresso, benessere e civiltà in Sicilia.

    che fin'ora non ci hai convinti
    Ultima modifica di Lkv; 10-09-07 alle 17:38 Motivo: calma
    Gio per tutti.

  10. #10
    Lkv
    Lkv è offline
    Esperto L'avatar di Lkv
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Località
    Sardinia, IT
    Messaggi
    1,719
    Ciao Percaso, benvenuto nel Forum GT. Volevo fare alcune precisazioni. E dirti il mio punto di vista.

    Citazione Originariamente Scritto da Percaso Visualizza Messaggio
    Leggi che si basano su questo principio per me non sono antimafia.
    Non e' una legge ma un regolamento interno della Confindustria. Probabilmente non combatte la mafia, ma e' un segno di svolta, riconosce l'esistenza del problema e chiede quindi l'intervento dello Stato (anche con l'esercito, cosi' e' stato detto in qualche intervista).
    Concordo, le soluzioni sono altre, vanno trovate e messe in atto, ma una presa di posizione della Confindustria era necessaria.

    Citazione Originariamente Scritto da Percaso Visualizza Messaggio
    A Palermo anche l'imprenditore Libero Grassi sosteneva di denunciare chi pagava
    Intendevi gli estorsori? Non era e non e' una questione di denaro, vi sono persone che rischiano la vita, non per il loro denaro, ma per cercare di riportare la legalita' nella propria terra, perche' ritengono che ribellarsi alla mafia sia possibile, anche con piccole azioni individuali, e che la normalita' puo' esistere anche li. Denunciare chi porta l'illegalita' e' un atto di tutto rispetto.

    Per riprendele il tuo esempio dei bambini, direi che se il bambino che subisce l'ingiustizia denunciasse il fatto alle autorita', e queste intervenissero prontamente, anche tu concorderesti che sarebbe questo il modo giusto di reagire.

    Il fatto che le autorita' non sempre intervengono, o lo fanno in modo non sufficiente non significa che non bisogna rivolgersi a loro, ma che bisogna far si che si impegnino maggiormente.


    Il web e' un organismo vivente, la solidarieta' e' la sua anima!

  11. #11
    Admin L'avatar di GameOver
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    --
    Messaggi
    537
    ... Non sarebbe meglio lasciarci prendere il giocattolo (pizzo) ...
    Buonasera Percaso.

    Dalla sua parabola potrebbe apparire una velata istigazione a delinquere.

    Certo lei intendeva altro.

    Nel caso lo definisca qui chiaramente.

    In mancanza, la legge vigente non consente ai forum di ospitare messaggi che istigano a delinquere e dovremo editare il suo enunciato.
    Regole del ForumGT Per eventuali commenti si prega di usare i pvt
    Un filtro efficace pulisce rifiuti, scorie e detriti infetti, lasciando il resto limpido e trasparente.

  12. #12
    Esperto L'avatar di kaisersose
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Barcellona
    Messaggi
    1,115
    Ricordiamoci anche che in Italia se non fosse per il giudice Falcone, la giustizia non la manco considerava la mafia come un entità unica, ma processava i singoli reati e imputati.

    Credo che sia quello il passo fondamentale che ha permesso di iniziare e contrastare la mafia, si confindustria ha avuto una buona idea,
    pero ricordiamo anche che difficilmente i mafiosi vanno da Montezemolo a chiedere il pizzo, l'altro giorno qua da me hanno dato fuoco alla macchina di un gestore di una pompa di benzina che con tanti sacrifici e sforzi ha rinnovato la struttura, gli hanno anche tagliato le pompe della benzina.

    Ora che fare con questo poveraccio? io lo conosco è un bravo padre di famiglia che a tante persone faceva anche la benzina a "credito", magari i tanti ragazzi che a volte non avevano le 10 euro per fare benzina in macchina, ( si da noi succede anche questo)
    vi assicuro che se ci vivi dentro è molto diverso da chi la vede come Montezemolo, l'imprenditore quasi sempre conosce chi e stato se non lo denuncia dovra pagare il pizzo altrimenti lo denuncia e la sua vita finisce.
    Perchè è triste ma è la realtà, non puoi espellere uno che paga il pizzo( intendo chi paga non chi se la fa coi mafiosi e sono tanti) sapendo benissimo che la sua vità è rovinata, sapendo che lo Stato fara un processo farsa che parte con 10 anni in primo grado e finisce con l'assoluzione in cassazione, sapendo che gli estorsori saranno liberi di fare quello che vogliono e di continuare a fare i mafiosi.
    Non è facile vivere in quesa situazione, una decisione come questa di confindustria è sicuramente fatta con tutte le buone intenzioni del mondo ma in questo momento, con le attuali leggi e per come funziona la legge italiana, è un suicidio(in tutti i sensi) per qualsiasi imprenditore,poi lo stato non riesce a proteggere i giudici figuriamoci il 90% deli imprenditori che pagano il pizzo al sud.
    Ci vuole una svolta come quella che fece Falcone, ma la vedo dura,pensiamo alla mia Calabria, abbiamo il consiglio regionale con piu indagati di tutta l'europa!!!!
    e poi le conseguenze le deve pagare un benzinaio o un qualsiasi imprenditore, come se il colpevole di tutto fosse lui? No , mi spiace ma non sono d'accordo.
    I politici e quelli come Montezemolo fanno solo parole e dichiarazioni in tv,
    le persone come Nicola Gratteri, Eugenio Facciolla, Luigi de Magistris e tanti altri lottano ogni giorno contro la mafia e sono da sempre in trincea rischiando la vita ogni giorno, mettono dentro i mafiosi e la legge Italiana li rimette in libertà dopo un paio d'anni,figuriamoci una piccola denuncia d iun piccolo imprenditore.
    Di recente dalle mie parti hanno risolto il caso di un bambino ucciso per sbaglio 30 anni fa da dei mafiosi!!!
    beh questo vuol dire lottare contro la mafia,
    l'iniziativa di confindustria non basta, anzi da sola porta solo svantaggi agli imprenditori.
    Non è possibile che uno con la seconda elementare come provenzano e riina, possano aver portato la mafia nei palazzi o nei grandi appalti(insieme alla droga l'attività piu redditizia e quella preferita di provenzano, che ha permesso alla mafia di diventare cio che oggi), se cio e successo è grazie ai politici compiacenti che lo hanno permesso, in Sicilia come in Calabria, eppure molti di questi politici ancora sono nel parlamento o nei consigli regionali, allora prima espelliamo i politici che hanno avuto a che fare con la mafia, poi facciamo lo stesso per gli industriali e imprenditori e infine puniamo chi decide di pagare il pizzo, ma oggi coem oggi io la vedo come una proposta inaccettabile e la vedo come una svolta negativa perchè sfiducia tutti gli impreditori che vivono al sud e non sono importanti e ricchi come Montezemolo $ company.
    ma spero con tutto il cuore di sbagliarmi e di sentire qualcuno che mi dirà,
    "Hai visto che ti sei sbagliato?".

  13. #13
    Esperto L'avatar di Andrez
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Sull'isola del giorno prima
    Messaggi
    8,801
    Ciao Kaisersose
    ...e grazie per questo tuo franco e crudo sfogo.

    Ho aperto questo topic convinto di aver colto un segnale nuovo; non sono i politici e nemmeno quelli come Montezemolo stavolta, e nemmeno qualche Ministro o Governo, nè qualche Giudice d'assalto.

    Stavolta sono la maggioranza degli imprenditori siculi ad aver fatto questa scelta.

    Per anni la Confindustria sicula ha rifiutato questa indicazione che veniva da Confindustria Nazionale.

    Ora qualcosa è cambiato.

    Non so cosa, e non facciamoci illusioni, che addirittura potrebbe pure rientrare stà cosa, ma qualcosa è cambiato.

    Non resta che stare a vedere cos'è che ha spinto la maggioranza degli Imprenditori siciliani, di quella Confindustria siciliana che raccoglie senz'altro anche i rappresentanti dei grandi potentati mafiosi, a prendere questa decisione.

  14. #14
    Esperto L'avatar di kaisersose
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Barcellona
    Messaggi
    1,115
    Si concordo anche io sul fatto che qualcosa stia realmente cambiando e speriamo che lo stato e le sue leggi tutelino chi reagisce a questo sopruso orrendo che è quello di imporre il pizzo.
    Ma bisogna cambiare insieme,cittadini stato e imprenditori, per evitare di avere qualche altro eroe come falcone o borsellino.

    Non sapevo che l'iniziativa fosse partita dagli imprenditori,
    però mene compiaccio e come vedi sono contento di poter ammettere un mio primo sbaglio di valutazione, spero di continuare a sbagliarmi, perchè come avrete ben capito la delusione, almeno parlo di me stesso, è tanta da farmi vedere il tutto in maniera negativa,
    spero un giorno di vedere la mia cara Calabria risorgere e diventare ciò che merita , una terra felice fatta di persone oneste e lavoratrici, come in fondo la stragrande maggioranza degli italiani.

    Uniti si vince!

  15. #15
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    8
    Salve nel mio post, non parlavo soltanto dell'iniziativa di confindustria, infatti parlo di "leggi del genere".
    Non sò quanto conviene stare in confindustria ma più che altro mi riferivo al fatto che vogliono creare un sistema di prevenzione che chiamano antiraket e a mio parere non lo è.

    Libero Grassi era pro a leggi che penalizzassero chi pagava il pizzo certamente. Io no, e spiego un altro modo di contrasto.

    Ecco io qui nel forum ho espresso il mio pensiero che probabilmente non è semplice da capire ma credetemi è indirizzato al bene.
    Il bene per me è il rispetto del prossimo e delle autorità.


    Citazione Originariamente Scritto da gio Visualizza Messaggio
    Quindi tu percaso preferisci che sia consentito di pagare il pizzo.


    [...]


    e, visto che ci giurerai che non solo non è così, [...] tenta ancora a convincerci che pagare la mafia significa combatterla e che questo è progresso, benessere e civiltà in Sicilia.

    che fin'ora non ci hai convinti
    Per favore, vi invito a leggere bene il mio messaggio nel quale non invito la gente a fare reati o a non combattere questo fenomeno.
    Non dico che sia consentito di pagare il pizzo ma nemmeno che chi per qualche motivo sia obbligato a farlo o per paura o per altri motivi, sia punito, poi un'altra cosa è pagare servizi alla mafia.
    Infatti può succedere che qualche imprenditore paghi il pizzo per paura di vedere la moglie o in propri figli in pericolo.
    Io sono di Palermo e qui l'estortore in passato ha ucciso.

    Secondo me questa azione mafiosa del pizzo può essere contrastata meglio, nel senso che se viene un estortore e ti chiede di pagare se non vuoi subire danni alla persona, dico che sarebbe un ottima risposta quella di dargli cosa vuole, anzi anche qualcosina in più, però l'imprenditore dovrebbe avere l'obbligo morale di informare le autorità.
    Mentre esiste una legge che imputa reato di favoreggiamento chi paga il pizzo, senza accertare i fatti che portano al pagamento.
    Ecco può succedere che chi è oppresso può trovare la strada della richiesta d'aiuto alle autorità ancora più difficile perche deve fare i conti anche da leggi del genere.

    Spero di essere stato chiaro, ma ancor meglio lo sono stato nell'Esempio che ho fatto dei bambini, rileggilo.

    Spero che chi legge non pensi che istighi a delinquere.
    Odio la mafia, l'oppressione, il male in genere.
    Ultima modifica di Lkv; 10-09-07 alle 21:10 Motivo: unito

  16. #16
    Admin L'avatar di GameOver
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    --
    Messaggi
    537
    Ecco può succedere che chi è oppresso può trovare la strada della richiesta d'aiuto alle autorità ancora più difficile perche deve fare i conti anche da leggi del genere.

    Spero di essere stato chiaro
    La ringrazio per la precisazione.
    Regole del ForumGT Per eventuali commenti si prega di usare i pvt
    Un filtro efficace pulisce rifiuti, scorie e detriti infetti, lasciando il resto limpido e trasparente.

  17. #17
    Lkv
    Lkv è offline
    Esperto L'avatar di Lkv
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Località
    Sardinia, IT
    Messaggi
    1,719
    Ciao Percaso, adesso capisco meglio cosa hai scritto. Per cui essendoti chiarito gia' con un post non e' stato necessario pubblicare anche il tuo terzo post, dove ribadivi il tuo pensiero gia' esternato.

    Tutto chiarito, grazie della precisazione.

    In effetti e' triste che l'Italia abbia bisogno di eroi, meglio sarebbe se non ce ne fosse il bisogno.
    Ma proprio grazie agli eroi c'e' chi ha potuto trovare un po' di coraggio, almeno per denunciare gli aguzzini, che resta un atto eroico dato il modo in cui funziona il sistema giustizia in Italia. Speriamo che come ha scritto kaisersose un giorno finalmente si possa: "cambiare insieme, cittadini stato e imprenditori, per evitare di avere bisogno di qualche altro eroe come Falcone o Borsellino".


    Il web e' un organismo vivente, la solidarieta' e' la sua anima!

  18. #18
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    8
    Cmq, penso che se facciamo il nostro dovere rispettando le autorità per come è destinato il mondo ci saranno altri uccisi.
    Però è meglio morire facendo il proprio dovere che non, poi arriverà il giudizio di Dio e ognuno avrà la sua retribuizione.
    Saluti.

  19. #19
    Utente Premium L'avatar di Vampiretta
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,631
    Io comprendo il messaggio di Percaso ma non può essere assolutamente accetabile.

    E' purtroppo verissimo che in certi luoghi, vivere, costruirsi un attività, scendere anche solo a mangiare un gelato in piazza vogliano dire avere coraggio e che parlare è semplice se non si vive in quei contesti e in quelle situazioni.

    Ma se non insegnamo ai nostri giovani, con le nostre stesse azioni che è il singolo cittadino a fare la differenza con le proprie azioni e scelte, ci voranno sempre più eroi che verranno di nuovo abbandonati dalla società e dallo Stato come è già successo per chi ha cercato di lottare contro la mafia ed è morto.

    Quello della Confindustria è un segnale, è ovvio che deve essere accompagnato dall'appoggio a chi denuncia, a chi ha paura di farlo ma vorrebbe, appoggiare per esempio le associazioni antiracket che in alcune parti di Italia svolgono il lavoro che dovrebbe fare lo Stato a loro rischio e pericolo.

    Proprio Falcone che avete nominato diceva: "Perchè una società vada bene, si muova nel progresso, nell'esaltazione dei valori della famiglia, dello spirito, del bene, dell'amicizia, perchè prosperi senza contrasti tra i vari consociati, per avviarsi serena nel cammino verso un domani migliore, basta che ognuno faccia il suo dovere".

    Non si può pensare di dire che l'omertà (perchè di questo si tratta, anche se per paura e terrore comprensibili) aiuta la lotta contro la mafia.

  20. #20
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    8
    Citazione Originariamente Scritto da Vampiretta Visualizza Messaggio
    Quello della Confindustria è un segnale, è ovvio che deve essere accompagnato dall'appoggio a chi denuncia, a chi ha paura di farlo ma vorrebbe, appoggiare per esempio le associazioni antiracket che in alcune parti di Italia svolgono il lavoro che dovrebbe fare lo Stato a loro rischio e pericolo.

    Proprio Falcone che avete nominato diceva: "Perchè una società vada bene, si muova nel progresso, nell'esaltazione dei valori della famiglia, dello spirito, del bene, dell'amicizia, perchè prosperi senza contrasti tra i vari consociati, per avviarsi serena nel cammino verso un domani migliore, basta che ognuno faccia il suo dovere".

    Non si può pensare di dire che l'omertà (perchè di questo si tratta, anche se per paura e terrore comprensibili) aiuta la lotta contro la mafia.
    Ciao Vampiretta, accetto il tuo sentimento di fastidio che hai contro questo fenomeno che non è solo in Sicilia ma sparso nel mondo.
    Ma avvolte mi capita spesso di trovarmi diviso nell' azione da tenere contro tale fenomeno.
    La mafia ha anche le sue relazioni internazionali e nazionali, apparati statali avvolte sono scesi a compromessi con la mafia e questo è detto dai media.
    Quindi è giusto che si condivida il fatto che ognuno debba fare il proprio dovere, ma esiste un dovere da cittadino che è diverso in qualcosa da quello di un'autorità, ad esempio un cittadino non può arrestare nessuno, o non può dirigere un'operazione di polizia a meno che non diventi qualcuno di autorevole ma ci vuole tempo e principalmente permessi.Quindi qual è il dovere di cittadino e quello dello Stato?

    Vedo male il fatto che si dica di contrastare la mafia e non provare a distruggerla, per me è assurdo che si chieda un impegno ai cittadini se poi le autorità fanno affari con la mafia visto il volume d'affari e chissa per quali altri motivi, ma a loro volta anche i cittadini fanno affari o accettano la mafia come se dovrebbe esserci e basta.

    Ora siamo abbastanza divisi alcuni vogliamo sconfiggere la mafia, stà a vedere con quale mezzi, ed altri ne accettano l'esistenza nel proprio territorio secondo forse un programma, ma resta il fatto che la mafia o meglio l'immoralità dilagano sempre di più.

    L'unica via è imparare a comportarsi bene e combattere avendo come punto di riferimento un buon esempio.

    Quando propongo di abolire quella legge che accusa di favoreggiamento chi paga il pizzo è una forma di dovere che esprimo verso il popolo e lo stato.
    Praticamente una legge del genere chiude di più il commerciante o imprenditore sotto la morsa del raket, che avrebbe interesse a non fare più azioni palesi magari e al tempo stesso potrebbe aumentare la forza oppressiva giocando anche sul fatto che l'imprenditore sia gravato anche da questo fatto.

    Il male non è solo mafia ma è anche altro, il nostro dovere è combatterlo quindi è inevitabile che ci scontriamo anche con il fenomeno mafioso, sia per non essere mafiosi sia per guerreggiare contro il fenomeno.

    [...]
    Ultima modifica di Lkv; 14-09-07 alle 15:58 Motivo: messaggio non pertinente

  21. #21
    User L'avatar di Yeast
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Messaggi
    29
    Lodevole e importante l'iniziativa di Confindustria Sicilia di espellere gli associati che pagano il pizzo. Però, sapete quante sono le imprese associate a Confindustria? Ad es. nella provincia di Catania? E' possibile leggere il dato direttamente dal sito di www.assind.ct.it: 600 imprese associate e 150 imprese aggregate con un numero di addetti che supera le 13mila unità. Secondo l'ultimo censimento ISTAT dell'industria e dei servizi (2001) in provincia di Catania esistono 55.799 imprese per 224.846 addetti. Per cui a Catania, Confindustria rappresenta poco più dell'1% dell'intero sistema produttivo provinciale. Credo che la situazione non sia diversa nel resto della Sicilia. Il problema rimane serio e temo che l'iniziativa di Confindustria resti limitata: di grande portata mediatica ma di scarso risultato pratico. Spero davvero di sbagliarmi. Spero che un sassolino smuova uno stagno paludoso.

  22. #22
    Utente Premium L'avatar di Vampiretta
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,631
    Io concordo che il cittadino può fino ad un certo punto, ma il problema della mafia non è solo di ordino pratico, di mettere in carcere, etc c'è dietro anche tutto un fenomeno culturale che deve cambiare. E non può cambiare con i carri armati in città.

    Se anni fa la magia faceva affari con gli organi statali e con i politici, ora i mafiosi sono loro stesso in alcuni casi politici. Ha fatto un "salto di qualità" non indifferente. E in questo per quanto mi riguarda ci entriamo anche noi cittadini, in base a chi mandiamo a governarci. So che molti non sono daccordo su questa affermazione ma ion no riesco a pensarla diversamente.

    Lo Stato deve agire, deve fare il suo dovere, è essenziale, importante e moralmente corretto. Ma il cittadino deve fare la sua parte.

    Finchè voteremo gente per avere la raccomandazione, per avere il posto di lavoro, la pensione di invalidità abusiva, una mano per il figlio disoccupato, o per mandare avanti l'impresa etc etc daremo modo alle mafie tutte di prenere spazio sul proprio terreno. Sicuramente c'è gente che decide di pagare il pizzo perchè ha paura e terrore, ma c'è anche tanta gente che si ritrova il proprio tornaconto seppur minimo, ma non fa altro che far pascere le associazioni mafiose.


  23. #23
    Esperto L'avatar di Andrez
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Sull'isola del giorno prima
    Messaggi
    8,801
    Qualcosa sembra continui a muoversi, e con maggiore convinzione stavolta.

    Palermo si ribella al racket
    Gli imprenditori: basta col pizzo


    Al teatro Biondo di Palermo non c'era un posto vuoto, a differenza di 3 anni fa quando Confindustria ed i Magistrati di ANM organizzarono il primo Convegno su mafia & racket che andò deserto.

    Erano tutti là a ringraziarli per averli liberati da Provenzano e dai Lo Piccolo.

    E sorgono iniziative nuove, come il Decalogo del bravo commerciante da contrapporre a quello del bravo mafioso dei LoPiccolo:
    "Caro collega, non intrattenere rapporti di alcun tipo con persone sospette, respingi subito ogni richiesta estorsiva, non pensare di trattare con i mafiosi e soprattutto non gestire da solo momenti e decisioni così delicate. L'associazione antiracket che abbiamo costruito serve per aiutarti affinché sia tu stesso a toglierti dagli impicci".


    E adesso gli industriali chiedono persino l'iscrizione ad Addiopizzo quell'associazione di giovani che una notte di tre anni fa tappezzarono Palermo con degli adesivi con su scritto:

    "Un popolo che paga il pizzo è un popolo senza dignità".

    contro il pizzo cambia i consumi

    209 imprenditori e commercianti pizzo-free
    9105 consumatori che li sostengono con i loro acquisti
    15 associazioni che appoggiano la campagna
    92 scuole coinvolte nella formazione antiracket
    1573 messaggi di solidarietà da tutto il mondo

    Ultima modifica di Andrez; 11-11-07 alle 11:18

  24. #24
    Utente Premium L'avatar di Vampiretta
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,631
    Mi sembra una vincita di una bella battaglia, davvero una bella cosa, qualcosa si smuove finalmente.

    Speriamo si possa anche vincere la guerra alle mafie.

  25. #25
    Esperto L'avatar di Andrez
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Sull'isola del giorno prima
    Messaggi
    8,801
    Evidentemente la Confindustria in Sicilia si sta muovendo in modo non molto apprezzato dalla mafia.

    A Caltanissetta la scorsa notte un raid vandalico ne ha distrutto la sede; hanno pure rubato CD, file e dati degli iscritti.

    Il Presidente degli industriali siciliani Lo Bello fa un'ulteriore passo avanti, dichiarando che espellerà gli imprenditori che in seguito a sentenze giudiziarie risultino collusi.

    Questo ci fa pensare dunque che sino ad ora, imprenditori collusi e pregiudicati per mafia hanno fatto tranquillamente parte dell'organizzazione industriale.

    Sembrano decisi a muoversi.
    A Lo Bello è stata assegnata la scorta.

  26. #26
    Utente Premium L'avatar di Vampiretta
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,631
    Purtroppo è brutto sapere che succedono questi fatti, ma così si ha la certezza che qualcosa si sta smuovendo, che fastiodo lo si sta dando.

    E' però brutto pensare che cmq il sistema mafioso è accettato anche da grandi organizzazioni. Ora speriamo davvero li mettano al bando!

  27. #27
    Esperto L'avatar di Andrez
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Sull'isola del giorno prima
    Messaggi
    8,801

    Punto Pizzo Free

    Continuano le iniziative degli imprenditori di Palermo contro la mafia.

    A Palermo è nato il primo "Punto Pizzo Free", un supermercato che presenta esclusivamente prodotti provenienti da commercianti e produttori che hanno pubblicamente preso posizione contro la mafia, ribellandosi al sistema delle estorsioni ed aderendo al Comitato Addiopizzo.

    Il comitato Addiopizzo presenta la "lista di consumo critico", l'elenco pubblico con i 241 nomi di commercianti ed imprenditori che hanno detto no alla mafia, opponendosi al racket delle estorsioni.
    Così i cittadini di Palermo possono sapere e scegliere dove comprare senza di fatto foraggiare le organizzazioni mafiose locali.
    Ultima modifica di Andrez; 04-03-08 alle 10:36

  28. #28
    Utente Premium L'avatar di Vampiretta
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,631
    Capperi mi sembrano iniziative straordinarie, daltronde quando si dice l'unione fa la forza. Se si mette all'angolo la mafia con fatti concreti prima o poi qualcosa cambierà. Questi imprenditori hanno tutta la mia stima perchè sicuramente è facile parlare di lotta alla mafia non vivendo in territori tormentati da questa piaga, più difficile è combatterci tutti i giorni!!!

+ Rispondi alla Discussione

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.