+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 33 di 33

Definizione di libero professionista?

Ultimo Messaggio di anto1976 il:
  1. #1
    User Newbie L'avatar di lara73to
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    9

    Definizione di libero professionista?

    Ciao a tutti...
    Intanto, infiniti complimenti per il forum...

    Navigando e leggendo i vari argomenti vorrei sapere se esiste e qual'è la definizione di LIBERO PROFESSIONISTA. Visto l'enorme vantaggio che ha
    a livello di INPS, mi chiedevo quali sono le caratteristiche per le quali si
    può dichiarare di essere liberi professionisti, senza esser obbligati ad essere impresa individuale (che prevede minimo 2660 di inps annuali con entrate anche di Zero Euro!).

    Grazie.
    ciao

  2. #2
    Esperto L'avatar di i2m4y
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Como
    Messaggi
    7,947
    Ciao e benvenuto,

    il libero professionista è un lavoratore autonomo, non dipendente o subordinato a nessuno, che presta servizi normalmente a carattere intellettuale, non fa commercio e si autoorganizza senza grande impiego di persone, mezzi o capitali.
    Il riferimento è all'art. 2222 e seguenti del codice civile.
    Altre norme dispongono che talune attività, seppur formalmente rientranti nella definizione che ho dato sopra, siano attività d'impresa e non professionali.
    Ancor diversa e più ristretta è infine la definizione di professionista intellettuale art. 2229 eseguenti.
    Paolo

  3. #3
    User Newbie
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Messaggi
    4
    Ciao e super complimenti per il forum, che ho gia avuto modo di conoscere e apprezzare precedentemente.
    Ho visto la discussione e volevo un piccolo chiarimento.
    Fino ad oggi ero convinto che il "titolo" di libero professionista fosse ad appannaggio di coloro iscritti ad un albo professionale (Ing, Geom, Arch..ecc ecc), ma dalla definizione di i2m4y mi sembra che praticamente un po tutti si possono definire liberi professionisti.
    Se ad esempio io sono un Ingegnere, Architetto, Geologo ecc ecc non iscritto all'albo, ho una partita IVA e collaboro con uno studio, posso definirmi libero professionista o solo lavoratore autonomo??

    Scusate la curiosità.....

    Ciao ciao

  4. #4
    Esperto L'avatar di i2m4y
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Como
    Messaggi
    7,947
    E' prassi e consuetudine definire libero professionista un iscritto all'albo/ordine/collegio per una professione riservata.... ad esempio il dottore commercialista, l'avvocato, il notaio, l'ingegnere, il medico...... (cosiddette professioni liberali).

    Ma non conosco norme che vietino di estendere tale definizione agli altri lavoratori autonomi..... lavoratore autonomo e libero professionista io li uso come sinonimi.

    Paolo

  5. #5
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    1
    Ciao a tutti sono nuovo e voglio subito approfittare dei vostri favori io lavoro in una ditta di carpenteria medio pesante, dal disegno allo sviluppo e realizzazione, in poche parole vorrei sapere se nel mio lavoro esiste una categoria in cui iscriversi come libero professionista visto che gli artigiani mi dicono che l'unico modo di diventare autonomo e' di aprire un impresa grazie ciao

  6. #6
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    2
    Siamo una nuova società di ingegneria (srl) composta da due periti iscritti all'albo professionale e alla cassa di pervidenza della categoria EPPI, siamo entrambi amministratori della società anche se con quote diverse. Vorremmo sapere come possiamo perecepire dei compensi senza busta paga e senza compenso amministratori.

  7. #7
    Banned L'avatar di fabioalessandro
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Pavia/Napoli
    Messaggi
    1,331
    attraverso gli utili

  8. #8
    Esperto L'avatar di i2m4y
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Como
    Messaggi
    7,947
    Raccomando gli utenti di aprire nuovi topic se avete quesiti diversi e di non "sporcare" i topic con argomento diverso dai vs. dubbi.

    Grazie.

  9. #9
    User Newbie
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    3
    Salve,
    a questo punto mi chiedo, dando per assodata l'iscrizione al proprio ordine professionale, avere un partita iva aperta è requisito fondamentale per essere liberi professionisti? O si può esserlo anche con altri tipi di contratto (co.co.co) o prestazioni occasionali...magari anche a titolo volontario e gratuito?
    Ultima modifica di Leonov; 07-11-09 alle 19:22 Motivo: Maiuscole.

  10. #10
    OEJ
    OEJ è offline
    Esperto
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    1,834
    Essere professionista, per definizione, significa occuparsi continuativamente di un'attività, quindi le collaborazioni occasionali sono l'antitesi.

    Le collaborazioni a progetto hanno alcune similitudini con la libera professione (per esempio, l'assenza di vincoli di subordinazione e di orari), ma sono molto più vicine al lavoro dipendente, a cui d'altronde sono fiscalmente assimilate.

  11. #11
    User Newbie
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    3
    Grazie ora è più chiaro...ma, scusate se cado nell'assurdo...si può essere liberi professionisti se si esercita (iscritti regolarmente al proprio ordine professionale) senza partita iva a titolo volontario e gratuito? ad esempio un tirocinio di specializzazione?
    Sto cercando di capire se posso partecipare ad un concorso che richiede:
    essere liberi professionisti ed essere iscritti al proprio ordine professionale da almeno 5 anni. Io sono iscritta da 6 ma ho partita iva da 1.
    Chi ha bandito il concorso non mi ha saputo rispondere!

  12. #12
    OEJ
    OEJ è offline
    Esperto
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    1,834
    Direi che il requisito dei cinque anni riguarda solo la data d'iscrizione all'albo, non l'avvio della libera professione (le due cose non coincidono affatto, molte persone si iscrivono ad un albo e poi, magari, sono assunti come dipendenti... e molti altri esercitano senza alcuna iscrizione).
    Dunque, io credo che tu rispetti il requisito richiesto. Naturalmente, prendi il mio pensiero col beneficio d'inventario, non sono io a decidere!

  13. #13
    User Newbie
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    3
    Grazie, rinforzi il mio pensiero. Staremo a vedere.
    Ultima modifica di Wolf Otakar; 14-11-09 alle 21:49 Motivo: Maiuscola!

  14. #14
    User Newbie
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    1
    Sono nuovo del forum e non sono tanto ferrato su questi argomenti. Ho cambiato sei commercialisti e ho perso un pò la fiducia. Io persto manodopera specializzata su tante tipologie di lavori particolari e sono iscritto come artigiano. A tutt'oggi lavoro par-time per una ditta e ho il regime fiscale , come artigiano sotto i 30.000 €. Il punto è che non ho capito bene la differenza fra libero professionista e ditta individuale. Molti miei lavori sono di breve durata 3/4 giorni e io cerco una tariffa giornaliera , altri avrebbero la durata anche di tre quattro settimane , e qui non so se converrebbe il contratto a progetto. Siccome il prossimo anno volevo riorganizzarmi un pò volevo cercare di capire meglio. I miei sono lavori pericolosi e logoranti in cui me la cavo bene perciò non so se il libero professionista può svolgerli. Non ho molta attrezzatura perchè di solito sono le ditte a mettercela , io penso a organizzarmi il lavoro. Mi scuso , ma è difficile spiegare tutte le tipologie di lavori che faccio , è che credo , siccome sono un singolo che nessun commercialista abbia voglia di spendere tanto tempo per il mio caso. GRAZIE

  15. #15
    OEJ
    OEJ è offline
    Esperto
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    1,834
    La differenza fra imprenditore individuale e libero professionista è che il secondo applica principalmente le sue risorse intellettuali nell'attività, mentre per il primo la prevalenza è legata all'impiego di beni materiali.
    Il che vorrebbe dire che rivolgersi all'avvocato Tizio non è la stessa cosa che rivolgersi all'avvocato Caio, mentre che a venderti una certa merce ci sia Tizio oppure Caio non fa differenza.

    Questo in linea teorica... poi, quando andiamo a vedere le cose nella pratica non è così semplice, le differenze divengono molto sfumate e i dubbi divengono tanti.
    In ogni caso, gli artigiani sono sempre imprenditori e mai professionisti... qui non è questione di interpretazioni, è che la legge (in particolare, il codice civile) lo dice a chiare lettere, e dunque non si scappa.

    Quanto ai commercialisti, come per ogni categoria ci sono quelli disponibili per tutti e quelli che riservano l'attenzione solo ai clienti più grossi. Certo che se ne hai cambiati già sei non hai avuto finora molta fortuna!
    Prova a mettere un annuncio nella sezione "Annunci fisco e leggi", in questo forum ci sono molti bravi professionisti.

  16. #16
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    2
    Ciao a tutti! è il primo posto, ma sono un vostro appassionato lettore.
    Ho spluciato il forum e non ho trovato la mia problematica, che ho deciso di esporre in questo topic perchè credo inerente.
    Da pochi giorni il mio commercialista mi ha aperto la p. iva (ed ero anche contento ;-p), ho chiesto di aprirla con il regime per le nuove attività (lui mi consigliava il forfettone) perchè lo ho reputato più remunerativo. Senza elencare i motivi di questa scelta per non creare un OT dico solo che, tra gli altri, prevedendo il regime il pagamento dell'IRAP e non avendo una organizzazione (lavoro da casa e/o andando presso i clienti, devo acquistare un pc, e sto facendo il comodato d'uso di un auto cointestata tra mio padre e me), volevo non pagare questa imposta. Quando sono andato a leggere il certificato di apertura p. iva ho trovato scritto "tipo soggetto:ditta individuale"; "tipo attività: altre attività non altrove classificate 749099", in pratica farò consulenza. Ho aperta la gestione separata inps già da diversi anni per vari co.co.pro. quindi dovrei usare quella stessa.
    Io credevo mi aprisse una posizione da autonomo, da quello che ho letto nel forum come ditta individuale si ha l'obbligo della contribuzione minima (invece che solo in percentuale, ma poco male perchè almeno mi sarà considerato ai fini della pensione un intero anno di contribuzione), si ha diritto ad eventuali finanziamenti ad hoc, e cos'altro?
    Sono solo queste le differenze??
    La cosa che mi preme sapere di più e che mi fa spaventare molto è: ai fini IRAP avere una ditta individuale al posto di una posizione di autonomo o libero professionista equivale ad avere una stabile organizzazione e quindi manda all'aria la mia sicurezza di non pagare un'imposta che non avrei dovuto pagare altrimenti? Se, quindi, i vantaggi sono più degli svantaggi tra le due posizioni, posso recuperare imputando ad un mero errore, visto che l'apertura è solo di pochi giorni e aprire quella da libero professionista?
    Per favore tranquillizzatemi...sono proprio agitato...
    Piero

  17. #17
    Moderatore L'avatar di michelini
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Cittadella (Padova)
    Messaggi
    1,193
    Non guardare quel certificato perché scrive sempre ditta individuale se non si tratta di società.
    Per l'IRAP il discorso è più articolato e bisogna valutarlo bene quindi consultati con il tuo commercialista.
    MODPartita Iva
    DOTTORE COMMERCIALISTA www.mauromichelini.it www.studiobusatta.it
    Consulenza contabile e fiscale anche on-line a distanza

  18. #18
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    2
    Grazie, allora posso stare tranquillo la dicitura ditta individuale corrisponde a dire libero professionista, quindi non ho obblighi di contribuzione minima ecc.?
    Ora sono più tranquillo!
    Grazie

  19. #19
    Moderatore L'avatar di michelini
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Cittadella (Padova)
    Messaggi
    1,193
    Sì, non preoccuparti, comunque visto che paghi un commercialista, sfruttalo anche per questi dubbi
    MODPartita Iva
    DOTTORE COMMERCIALISTA www.mauromichelini.it www.studiobusatta.it
    Consulenza contabile e fiscale anche on-line a distanza

  20. #20
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    6
    Salve, ho letto il forum e ne approfitto per sottoporre il mio quesito.
    Ho appena aperto la partita IVA per svolgere attività di consulenza in materia di finanziamenti agevolati alle imprese.
    La mia attività consiste nel predisporre le pratiche per far ottenere i contributi pubblici alle imprese. Non esiste un albo presso cui iscrivermi.

    l codice attività è 70.22.09 "Altera consulenza imprenditoriale e altra consulenza amministrativo-gestionale e pianificazione aziendale.

    La mia domanda è se devo iscrivermi o no al Registro delle imprese.

    Il mio commercialista sostiene di no. Mentre una mia amica, anche lei commercialista sostiene di sì, sebbene i professionisti siano esonerati all'iscrizione. Lei sostiene che si definiscono professionisti soli gli iscritti ad un albo professionale. Pertanto la mia attività sarebbe qualificabile come impresa di servizi e, quindi, sarebbe soggetta ad iscrizione.

    Secondo quanto leggo nel forum non è esattamente così restrittiva la definizione di professionista.

    Però un intervento di "i2m4y" che cito testualmente:
    <<il libero professionista è un lavoratore autonomo, non dipendente o subordinato a nessuno, che presta servizi normalmente a carattere intellettuale, non fa commercio e si autoorganizza senza grande impiego di persone, mezzi o capitali.
    Il riferimento è all'art. 2222 e seguenti del codice civile.
    Altre norme dispongono che talune attività, seppur formalmente rientranti nella definizione che ho dato sopra, siano attività d'impresa e non professionali.>>


    esistono delle norme che derogano alla definizione di professionista di cui all'art.2222 del c.c.

    Potrei conoscere queste norme e soprattutto la mia posizione come si configura? Potreste chiarirmi la questione?
    Grazie

  21. #21
    Moderatore L'avatar di michelini
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Cittadella (Padova)
    Messaggi
    1,193
    Secondo me sei libero professionista non iscritto ad albo e non devi iscriverti alla CCIAA.
    MODPartita Iva
    DOTTORE COMMERCIALISTA www.mauromichelini.it www.studiobusatta.it
    Consulenza contabile e fiscale anche on-line a distanza

  22. #22
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    6
    Ancora un'altra cosa. Riguardo ai contributi Inps, a quanto ammontano?

  23. #23
    Moderatore L'avatar di michelini
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Cittadella (Padova)
    Messaggi
    1,193
    Se iscritto alla gestione separata devi versare il 26,72%.
    MODPartita Iva
    DOTTORE COMMERCIALISTA www.mauromichelini.it www.studiobusatta.it
    Consulenza contabile e fiscale anche on-line a distanza

  24. #24
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    6
    altrimenti?
    Io ricordo qualche anno fa che si versava il 19% ... è cambiata la normativa?

  25. #25
    OEJ
    OEJ è offline
    Esperto
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    1,834
    L'aliquota cambia ogni anno, ormai!
    Confermo che anche secondo me non devi iscriverti alla Camera di Commercio, sebbene sia vero che sul concetto di professionista (e, ancor più, di lavoratore autonomo) c'è una confusione enorme nelle leggi.

  26. #26
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    6
    OK.
    ma riguardo ai contributi INPS, oltre alla gestione separata che alternative esistono?

  27. #27
    OEJ
    OEJ è offline
    Esperto
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    1,834
    Nel tuo caso, nessuna... esistono gestioni INPS per i commercianti, per gli agricoltori ecc. ma chiaramente non ti riguardano.

  28. #28
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    5
    Salve a tutti, mi chiamo Marco, e sono un tirocinante. Cercando definizioni di libero professionista ho trovato questo forum.
    La mia domanda è: A mio fratello hanno chiesto di svolgere servizi di consulenza informatica, ovvero,
    - formazione degli impiegati.
    - insegnamento in un accademia privata come web master.
    Per fare ciò, deve richiedere la P.I.? Deve iscriversi come libero professionista?

    Molti di voi che leggeranno il mio post possono pensare:"ma non fai prima a chiedere al tuo Domus?"
    Il problema è che io preferisco avere già una base e non fare la figura del pivello.

    Grazie a tutti per la vostra disponibilità.

  29. #29
    Moderatore L'avatar di michelini
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Cittadella (Padova)
    Messaggi
    1,193
    A mio parere si tratta di libero professionista.
    MODPartita Iva
    DOTTORE COMMERCIALISTA www.mauromichelini.it www.studiobusatta.it
    Consulenza contabile e fiscale anche on-line a distanza

  30. #30
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    5
    E quali sarebbero i costi di questo tipo di attività riguardanti INPS e IRAP?

  31. #31
    Moderatore L'avatar di michelini
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Cittadella (Padova)
    Messaggi
    1,193
    Dipende dal regime fiscale adottato, per quanto riguarda IRPEF e IRAP.
    Se si sceglie il regime dei minimi si ha il 20% di IRPEF senza IRAP.
    Adottando il regime delle nuove iniziative si ha IRPEF al 10% per i primi 3 anni, oltre a IRAP (se si ritiene applicabile nello specifico caso).

    Dal punto di vista previdenziale, va fatta l'iscrizione alla gestione separata INPS.
    MODPartita Iva
    DOTTORE COMMERCIALISTA www.mauromichelini.it www.studiobusatta.it
    Consulenza contabile e fiscale anche on-line a distanza

  32. #32
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    5
    Considerando che guadagnerebbe 2000€ l'anno (estremamente sovrastimato) quale regime dovrebbe scegliere?

  33. #33
    User Newbie
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Località
    Modena
    Messaggi
    3

    differenza fra libero professionista e artigiano

    Salve a tutti, io avrei un quesito importante da proporvi.

    Sono disoccupata e pensavo di aprire qualcosa per conto mio però non mi sò decidere , perchè non vorrei avere delle tasse fisse da pagare dato che non ho ancora un giro di clientela.

    Provengo da una formazione artistica (ho studiato grafica pubblicitaria e decorazione) , quale dei due ruoli è meglio dal punto di vista economico LIBERO PROFESSIONISTA o ARTIGIANO ?


    GRAZIE
    Ultima modifica di lorenzo-74; 01-10-12 alle 10:53 Motivo: ripristino formattazione standard

+ Rispondi alla Discussione

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.