+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 44 di 44

Sito di un albergo - quali caratteristiche?

Ultimo Messaggio di Skrotty il:
  1. #1
    Esperto
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Sorrento
    Messaggi
    168

    Sito di un albergo - quali caratteristiche?

    Quali sono le caratteristiche per fare un sito efficace di una struttura che offre ospitalità?

    Provo a dire la mia senza approfondire i vari punti, per il momento, in attesa del vostro contributo.

    Sito chiaro ed immediato. Sono da evitare strutture troppo complesse e menu di navigazione diffilmente interpretabili.

    Cura della parte fotografica (troppo spesso gli albergatori si improvvisano fotografi...)

    Informazioni chiare sui servizi e sulle condizioni di vendita

    Informazioni turistiche e di supporto al turista per come muoversi e cosa vedere - mettere in evidenza gli eventi e le manifestazione di particolare interesse

    Evidenziare chiaramente i punti di forza e l'esclusività della struttura

    Stimolare l'utente con l'offerta di pacchetti e soluzioni che lo coinvolgano

    Una mappa chiara ed indicazioni su dove è posizionata la struttura e su come arrivare

    Modulo di richiesta disponibilità ben visibile e con i campi essenziali (è inutile richiedere troppo notizie all'utente in questa fase)

    Booking on line (utilizzare il sistema come complemento al sistema di richiesta disponibilità ed informazioni)

  2. #2
    Esperta L'avatar di Fuffissima
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    935
    Ottimo riassunto, che ne dite di aggiungere un esempio di eccellenza per ogni punto evidenziato da zero81?

    Inizio con il punto 2 - Cura della parte fotografica
    Vi segnalo un caso interessante di esplorazione delle camere a disposizione dei clienti attraverso le fotografie messe a disposizione sul sito Travelocity.

    Buona la luminosità generale dell'immagine, ottime le composizioni che, attraverso la presenza di piccoli particolari (es il pc aperto), danno vita alla camera altrimenti troppo asettica.
    Forse la presenza di una persona sulla scena avrebbe potuto aiutare il cliente a prefigurarsi in quella situazione
    I'm Nothing™ - -> NON CLICCARE <-

  3. #3
    Esperto L'avatar di Calogero Dimino
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Roma
    Messaggi
    706

    Re: Sito di un albergo - quali caratteristiche?

    Citazione Originariamente Scritto da zero81
    Informazioni turistiche e di supporto al turista per come muoversi e cosa vedere - mettere in evidenza gli eventi e le manifestazione di particolare interesse
    Svilupperei delle vere e proprie aree tematiche.

    Da un lato appunto gli intinerari da seguire, escursioni, immersioni etc...

    D'altra parte si potrebbero fornire info (se il territorio lo permette) su:

    cultura
    arte
    divertimento
    sport
    terme
    gastronomia


    Inoltre aggiungerei la possibilità di mandare cartoline elettroniche dal sito e scaricare screensever (se fatti bene naturalmente)


    Oltre alla foto una visita virtuale o delle webcam non sarebbero male. Soprattutto la webcam da un senso di maggiore credibilità.
    Tempo fa ho visto un sito di una struttura in montagna con delle webcam che facevano vedere lo stato dell'ambiente e la presenza della neve... le foto non avrebbero dato lo stesso effetto.

  4. #4
    Utente Premium
    Data Registrazione
    May 2006
    Messaggi
    376
    Creare uno o più siti "satellite" specifici per la località in cui si trova la struttura ricettiva.
    Questo permette di "alleviare" il sito principale da key quali la località o eventuali attrazioni (artistiche e culturali, monumanti, ecc...).


  5. #5
    Moderatore L'avatar di esteban
    Data Registrazione
    May 2005
    Località
    Pietra Ligure
    Messaggi
    3,201
    quali sono i fattori esterni che influenzano maggiormente il potenziale cliente?
    Per esperienza personale il meteo del TG5
    a parte gli scherzi la web cam è un ottimo mezzo, spiegare all'utente cosa possono fare e vedere.
    Sempre prendendo come dato di fatto che la base del sito sia fatta bene.

    Ci sono tanti servizi free (anche a pagamento) che mettono il meteo nel proprio sito per ovviare al problema tv.
    Passiamo alle foto, fatte benissimo, possibilmente non ingannevoli, il 360 è una figata.
    Enfatizzare le offerte, cercando di far tornare gli utenti spesso invogliandoli, trasformandoli in clienti affezionati.
    Creare delle landing anzi dei siti satelliti, per le key di "contorno".
    Cartine del posto ben fatte con il come arrivare etc...
    Cmq zero81 ha specificato bene i punti importanti.

    Ah altra cosa moooolto importante sono i testi, soprattutto la descrizione degli hotel, so che si vorrebbe fare testi perfetti per il posizionamento, ma l'utente non ha molta voglia di leggere poemi greci, sintetizzati, con tutto quello che si offre ma abbelliti con parole di contorno.

    naturalemente IMHO
    ste

  6. #6
    Esperta L'avatar di nelli
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Firenze
    Messaggi
    2,036
    Segui nelli su Twitter Aggiungi nelli su Facebook Aggiungi nelli su Linkedin

    Re: Sito di un albergo - quali caratteristiche?

    Riprendendo l'elenco proposto da zero81 farei una lista e come dice fuffissima inviterei chi vuole a fornire esempi di siti o parti di siti ben fatti. unico appunto: ok a e-card, webcam, landing, siti satelliti, moduli interattivi e quant'altro.. ma partirei da un livello BASE per i siti di hotel con poca dimestichezza di web e budget limitato. per quelle strutture lì, come dovrebbe essere fatto il sito?
    ovviamente poi più cose carine ci si mettono meglio è..

    secondo voi esiste un menu standard del tipo : le camere, i prezzi, photogallery, dove siamo ecc ecc oppure no?
    seguite delle regole nell'ordine del menù ?


    tornando alla lista di zero81 vediamo quali sono i punti importanti..(se ne vengono in mente altri, aggiungiamoli)

    1) menu e navigazione del sito chiaro ed immediato.

    2) Cura della parte fotografica . ottime le osservazioni di fuffissima e di esteban.

    3) Informazioni chiare sui servizi e sulle condizioni di vendita (come fare a prenotare, a disdire, penalità ecc)

    4) Informazioni turistiche e di supporto al turista per come muoversi e cosa vedere: eventi, itinerari, e tutte le cose suggerite da calogero dimino

    5) Evidenziare chiaramente i punti di forza e l'esclusività della struttura

    6) inserire offerte speciali, last minute e altro

    7) Una mappa chiara ed indicazioni su dove è posizionata la struttura e su come arrivare. Mettere sia un'immagine che una descrizione testuale su come arrivare.

    8 ) Modulo di richiesta disponibilità ben visibile e con i campi essenziali (è inutile richiedere troppo notizie all'utente in questa fase) + Booking on line (utilizzare il sistema come complemento al sistema di richiesta disponibilità ed informazioni) Il booking online solo per chi offre questo servizio.

    9) i testi! (grazie esteban) il testo scritto in maniera comprensibile, chiara, semplice. spesso si arriva nella home di un hotel e non c'è scritto praticamente nulla. non dico di fare una spappardellata di testi, ma una sintesi invitante scritta col linguaggio giusto, che faccia venire voglia di entrare nel sito.

    10) a questo punto farei un ulteriore punto (scusate il gioco di parole) come dovrebbe essere la home page? (ok meriterebbe una discussione a sè..)
    la home di un hotel come dovrebbe essere? qualche bella foto e un bel testo? oppure le offerte speciali? altro?? ripeto: stiamo parlando di un sito di una struttura medio-piccola non di un portale.

    ciao
    Il mio blog di web marketing: www.elenafarinelli.it

  7. #7
    User Attivo L'avatar di Ranius
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Stresa
    Messaggi
    1,004
    la home page di un hotel la vedo bene con una massimo due foto fatte bene,1 buon testo descrittivo sia della struttura sia delle possibilità e divertimento e di relax che si hanno a disposizione in quella struttur!

    non ripeto i punti sopra perché sono tutti fantastici e corretti di conseguenza evito di ripetere la minestra


  8. #8
    Utente Premium
    Data Registrazione
    May 2006
    Messaggi
    376
    Per me la home page dovrebbe essere "importante ed essenziale", nel senso che deve presentare 2 o 3 foto significative della struttura o del paesaggio circostante.

    La home deve trasmettere l'emozione (come del resto tutto il sito) della vacanza. Alcuni miei ospiti hanno commentato del mio sito "sembra di essere già in vacanza navigando sul sito...".

    Poi, la home dovrebbe avere il logo/nome della struttura ben in vista e le bandierine per la scelta della lingua.
    Se proprio si vuole scrivere qualche testo (che rimandi direttamente al meteo, alle offerte speciali, ecc...) lo scriverei in inglese.

    Niente altro.

  9. #9
    Esperta L'avatar di Fuffissima
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    935
    Considerando la home page come una pagina dalla quale entreranno parte dei navigatori di un sito (tutti coloro che non arrivano attraverso landing o welcome page "secondarie"), potrebbe essere utile progettare la home come una vera e propria landing page con tutti gli elementi del caso.

    Perchè relegare gli elementi più motivanti per l'utente a pagine secondarie e non riassumere i punti salienti nella pagina principale?
    Perchè propinare una "pagina limbo" quando potremmo sfruttare anche questa occasione per proporre la nostra offerta e dare inizio al percorso di conversione vero e proprio fin da questa fase?

    Gli elementi essenziali in una home page dunque, oltre al logo e alle importantissime immagini di supporto, sono i messaggi testuali.

    Progettare il contenuto testuale di una pagina di entrata, sia essa la home o una qualsiasi landing, significa mettere in evidenza tutte quelle informazioni in grado di influenzare la scelta dell'utente ovvero l'offerta, le caratteristiche distintive rispetto alla concorrenza e i principali vantaggi per i futuri clienti.
    Se l'utente è incuriosito dalla proposta e desidera avere maggiori informazioni, potrà liberamente visitare il resto del sito

    In fondo non è proprio presentando subito e chiaramente i punti salienti della loro offerta (conditi a dovere con immagini spettacolari) che i grandi portali turistici propongono i loro prodotti al pubblico?
    I'm Nothing™ - -> NON CLICCARE <-

  10. #10
    User
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    35
    ho visto 2 cose interessanti ultimamente...

    1
    una web agency ha realizzato delle welcomepage in html per un hotel (servizio di posizionamento)

    l'albergatore gli ha commissionato anche il restiling del sito che è stato fatto in flash dalla stessa web agency!!!!!

    questo vuol dire essere bastard....dentro e sfruttare l'incapacità di intendere dell'albergatore per vincolarselo vita natural durante

    2
    un'altra web agency realizza siti per alberghi con musica introduttiva e inserisce il contatore shynistat free per monitorare le visite....

    su 43 visite le pagine viste sono 55..... forse perchè chi pensa alle vacanze lo fa in ufficio con il computer aziendale e vuole evitare di farsi scoprire mentre lo fa!

  11. #11
    Esperto L'avatar di luca
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Emilia
    Messaggi
    558
    Segui luca su Twitter Aggiungi luca su Google+ Aggiungi luca su Facebook Aggiungi luca su Linkedin
    Aggiungo pochi punti oltre alla lista fatta da Nelli

    1) Ultimamente vedo, sempre più spesso, piccoli video introduttivi della struttura ricettiva.
    Oramai costa poco farli e danno buoni feedback

    2) Le Referenze, il guestbook o cose simili
    sono estremamente importanti per gli hotel...

    Perchè non fare in modo che i clienti stessi siano i migliori "promotori"?
    Ovviamente queste pagine vanno fatte con cura estrema in modo da dare la massima credibilità possibile, altrimenti viene da pensare che siano fasulli.

    No a programmi per i guestbook automatici (che attirano storni di spammatori inferociti) e fanno fare magre figure,

    si a guestbook fatti con criterio,
    con il maggior numero possibile di dati del cliente (ovviamente con il loro pieno consenso), possibilmente con delle foto (quando qualcuno ci mette la faccia la fiducia sale...),
    e se possibile "sfruttare" gli ospiti famosi ...

  12. #12
    Moderatore L'avatar di esteban
    Data Registrazione
    May 2005
    Località
    Pietra Ligure
    Messaggi
    3,201
    fin qui sono daccordo con voi ma fino ad un certo punto...

    il guestbook rimane un'arma a doppio taglio... e per un hotel è troppo rischioso metterlo soprattutto perché molti (ripeto molti non tutti) hotel in italia sfruttano fino all'impossibile la struttura omettendo lavori di ristrutturazione che permetterebbero feedback positivi.
    un esempio:
    tempo fa sono andato in un hotel a roma 3 stelle facente parte delle strutture "quality hotel", visto che ne ho uno anch'io abbiamo pensato di andare sul sicuro... bé di quality c'era solo la targhetta e basta, un hotel fatiscente al 3° piano di una palazzina con camere malridotte ed un servizio ancora più scadente... (contando che eravamo in B&B).

    Il guestbook va bene, ma va inserito in base alla struttura che si pubblicizza, se ce ne fosse stato uno ne avrei dette di tutti i colori per quel albergo.

  13. #13
    Esperto L'avatar di luca
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Emilia
    Messaggi
    558
    Segui luca su Twitter Aggiungi luca su Google+ Aggiungi luca su Facebook Aggiungi luca su Linkedin
    beh se quello che c'è alla base è pessimo si può fare poco ....

    se il servizio è pessimo hanno un costo in partenza

    Supponendo un buon servizio
    il guestbook è un'ottima soluzione,
    particolarmente attraente per gli anglosassoni...
    ma ovviamente DEVE essere credibile... Molto credibile

    se la tua esperienza fosse stata positiva ed avessi scritto un commento positivo nel loro guestbook
    sarebbe stato un vantaggio per la loro credibilità....

  14. #14
    Esperta L'avatar di Fuffissima
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    935
    Chiaramente il webmarketing può poco di fronto ad un prodotto scadente su tutti i fronti, ma in tutti quei casi in cui qualcosa di positivo c'è, questa disciplina ha il compito di mettere in evidenza quelle caratteristiche (a volte poche) che interessano il visitatore e che caratterizzano l'offerta differenziandola rispetto agli altri competitor, dal prezzo contenuto a qualsiasi servizio accessorio che altre strutture non offrono oppure non segnalano sul proprio sito.

    La scelta di avvalersi di uno strumento di promozione come il guestbook dovrebbe essere fatta con cognizione di causa, soprattutto da parte degli operatori che non rispettano uno standard qualitativo minimo o che non hanno un riscontro positivo sul servizio offerto da parte dei propri clienti.
    In entrambi i casi credo che sia importante aiutare il proprio cliente a prendere coscienza della situazione e a guidarlo nella scelta della soluzione più adeguata.

    Per continuare questa interessante discussione e aggiungere carne al fuoco, vi segnalo uno splendido thread aperto ormai quasi un anno fa, ma assolutamente da leggere, in cui Giorgio e molti altri forumisti navigati che operano in questo settore hanno dato il loro contributo nell'accurata analisi del sito di una struttura per l'accoglienza dal punto di vista della comunicazione al turista.
    I'm Nothing™ - -> NON CLICCARE <-

  15. #15
    Esperto L'avatar di luca
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Emilia
    Messaggi
    558
    Segui luca su Twitter Aggiungi luca su Google+ Aggiungi luca su Facebook Aggiungi luca su Linkedin
    certo Fuffissima pienamente daccordo con te...
    e anche il guestbook, fatto con cognizione di causa, rientra in quel post da te segnalato... aiuta ad emozionare...

    porto alcuni esempi, secondo me molto riusciti, giusto per illustrare meglio quanto da me detto:

    Hotel Austrialiano "molto country" in una regione dove si girano molti film
    guestbook con ospiti eccellenti e foto in linea con lo stile del sito che contribuisce a rafforzare
    http://www.prairiehotel.com.au/guestbookframe.htm

    Guestbook di una struttura italiana
    struttura di classe ... guestbook di classe
    o se preferite
    struttura di charme ... guestbook di charme
    http://www.villailpoggiale.it/strutt...tbook&leng=ENG

    Piccola struttura a gestione familiare
    guestbook familiare con foto dove appare sempre uno della famiglia
    da una forte idea dell'ospitalità (ed alcune foto fatte dagli ospiti sono pure meglio delle foto proprie del sito - tipo quella dove si tuffa in piscina con panorama di San Gimignano)
    e scannerizzazione del libro cartaceo
    http://www.torreprima-holidays.it/li...li-ospiti.html

    e soprattutto questi guestbook sopra elencati danno FORTE CREDIBILITA'
    non viene da pensare che siano fasulli...

    se si devono vendere emozioni
    certamente questi piccoli particolari aiutano (di certo da soli non bastano)

  16. #16
    Utente Premium
    Data Registrazione
    May 2006
    Messaggi
    376
    Anche secondo me il GuestBook è un'arma a doppio taglio, in particolare (partendo dal presupposto che si tratta di un buon hotel) se i messaggi sono un pò "datati", cioè che risalgono a molto tempo fa.
    Il GuestBook è una buona idea se viene spesso aggiornato inserendo nuovi commenti in modo da dare un impressione più positiva al visitatore.

    Ho tolto il GuestBook dal mio sito qualche anno fa, perchè la maggior parte dei miei ospiti, pur essendo stati bene, una volta tornati a casa non scrivevano messaggi sul GuestBook.

    Allora ho cambiato strategia, chiedendo ai miei ospiti (alcuni lo hanno fatto spontaneamente) di scrivere una recensione alla mia struttura su uno dei portali turistici del loro paese.

    Così facendo ho aumentato la credibilità dei messaggi, in quanto un sito straniero non si può controllare nè modificare (cosa che si può fare invece col proprio guestbook...), inoltre per molti stranieri sono più affidabili le informazioni recepite nella loro lingua e nei siti dei propri paesi, fatti da persone della loro stessa nazionalità.

    Non bisogna inoltre dimenticare che nella maggior parte di questi siti di turismo, assieme alle recensioni, viene inserito un link al proprio sito con evidenti vantaggi in termini di indicizzazione sui motori di ricerca.


  17. #17
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    9

    Arrivo in ritardo ...

    .. ma volevo dare il mio contributo perke in questo campo ci lavoro da anni.
    Guardate questo sito www.hotelgiorgione.com ... nel 2005 ha venduto oltre il 90% delle proprie camere con il proprio sito!! Ha completamente eliminato tour operator e qualsiasi intermediario online ed offline dal proprio business. DATI REALI ... analizzando il sito molto bene ... si capisce perke vende.
    Il complesso di cose che lo fa vendere è uuna miscela di web design, marketing internet, supporto tecnologico.
    Una serie di piccole cose ... quasi ovvie quando vengono dette ma che assieme fanno il risultato; faccio un piccolo esempio prendendo un link a caso proposto da un partecipante del forum .. il sito www.hcaldana.com.
    Perke tu che lo hai fatto nella prima pagina non mostri gia l'hotel in maniera chiara ( non con le fotine fatte da un dilettante che hai a lato) e non dai delle informazioni sulla struttura??? cosa pensi che voglia il turista per prenotare??? pensi che gli interessino in bannerini che hai messo sotto?? Poi .. i colori e lo stile del sito rispecchiano la struttura??? il sito del resto è la hall online dell'albergo .. pensa quant contenti sarebbero gli utenti di sapere che quelle sensazioni che il sito gli ha trasmesso li ritrova poi nell'hotel ... questo è il primo passo per la fidelizzazione.
    La prima pagina qui serve solo a scegliere la lingua mi sembra e per poki altri link .. perke non fai una prima pagina in italiano, che sara il tuo mercato di riferimento, e poi in ogni pagina lasci la possibilita alle persone di scegliere la propria?? intanto almeno non li costringi a fare un click in piu per avere le prime informazioni.
    Poi ... io turista il rpodotto che compero degli alberghi è principalmente la camera ... non ho trovato un link nella prima pagina che me le mostri ... devo cercarlo passando in una serie di sottomenu che riskiano di farmi perdere. Ma i turisti spendolo i loro soldi per la camera principalmente!!!
    etc etc etc ... stufiatevi il sito che vi ho linkato sopra ... poi andate nell'azienda che li fa ( miei ex datori di lavoro ) e vedete cosa fanno!!!

  18. #18
    User L'avatar di matadero
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Lucca - La Spezia
    Messaggi
    237

    misure struttura per accessibilità...

    Oltre a trucchi e trucchetti per vendere di più, vorrei sottolineare una caratteristica che può portare più professionalità ma anche turisti alle vostre strutture.
    Avendo fatto un corso sul turismo accessibile (mi sembra che per i siti si parli molto di acessibilità, come se fosse diventata quasi una moda legata allo stile minimalista e non pensando a chi effettivamente ne trarrà vantaggio) mi è stato sottolineato dell' importanza di inserire in siti ecc.. i riferimenti ai dati legati all'accessibilità (tipo la larghezze delle porte) sotto forma di caratteristica della struttura (evitando magari di inserire troppi cartellini con sedie a rotelle, cani ecc, per far sentire la gente diversa) in modo che chiunque , e veramente chiunque, possa verificare le caratteristiche che cerca senza dover fare domande aggiuntive o spostarsi su altri siti se non menzionate (non è bello contattare le strutture per raccontare i propri problemi) e vi assicuro che chi ha qualsiasi tipo di disabilità (anche un allergia alimentare potrebbe esserlo) viaggia e non ha sempre voglia di fare 1000 richieste...

    bye

  19. #19
    Esperto
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Sorrento
    Messaggi
    168

    sono d'accordo

    Citazione Originariamente Scritto da matadero
    Oltre a trucchi e trucchetti per vendere di più, vorrei sottolineare una caratteristica che può portare più professionalità ma anche turisti alle vostre strutture.
    Avendo fatto un corso sul turismo accessibile (mi sembra che per i siti si parli molto di acessibilità, come se fosse diventata quasi una moda legata allo stile minimalista e non pensando a chi effettivamente ne trarrà vantaggio) mi è stato sottolineato dell' importanza di inserire in siti ecc.. i riferimenti ai dati legati all'accessibilità (tipo la larghezze delle porte) sotto forma di caratteristica della struttura (evitando magari di inserire troppi cartellini con sedie a rotelle, cani ecc, per far sentire la gente diversa) in modo che chiunque , e veramente chiunque, possa verificare le caratteristiche che cerca senza dover fare domande aggiuntive o spostarsi su altri siti se non menzionate (non è bello contattare le strutture per raccontare i propri problemi) e vi assicuro che chi ha qualsiasi tipo di disabilità (anche un allergia alimentare potrebbe esserlo) viaggia e non ha sempre voglia di fare 1000 richieste...

    bye
    Mi trovi d'accordo su questo argomento e tenterei di estenderlo.

    In effetti, si può tranquillamente verificare che gran parte dei siti di alberghi e di strutture legate all'offerta di ospitalità...sono tutti uguali!!!

    Eppure parliamo di strutture che per le loro caratteristiche, servizi e posizione sono naturalmente diverse tra di loro.

    Non si capisce perchè la comunicazione si appiattisce dimenticando che dall'altra parte del monitor c'è un utente che ha delle aspettative, dei bisogni, delle necessità.

    Trovo giusto, quindi, nella gestione dei contenuti da proporre tenere presente tutte le possibilità di approccio all'utente in relazione ai suoi bisogni ed alle caratteristiche della struttura.

    Il punto fondamentale è che si parte dal prodotto "albergo" e non dalle persone che ne usufruiranno. Si dimentica che ci stiamo rivolgendo ad un turista che è "condizionato" nella sua scelta da una moltitudine di fattori. E cosa si fà...??? a queste persone ci si rivolge tutti allo stesso modo dimenticando che dire o non dire certe cose potrebbe rappresentare un momento fondamentale per la conversione da visitatore a cliente.

  20. #20
    User L'avatar di matadero
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Lucca - La Spezia
    Messaggi
    237
    Si, è proprio il concetto che volevo esprimere io, ed inoltre più informazioni si danno più si ha possibilità di trasformare i visitatori in clienti.
    Naturalmente, le informazioni dettagliate, le può dare chi può "permetterselo" nel senso, solo strutture create intorno ad ogni tipo di turista possono "vantare" questo tipo qualità, se un accomodations è di poco valore, conviene che "mascheri" nel miglior modo possibile queste pecche...
    Ed infatti ,secondo me, + informazioni=+clienti vale nel caso di qualità,e chi ce l'ha conviene dichiararla perchè il turista potrebbe vedere in un sito con poche informazioni, appunto, un sito che non ne dà perchè non ne ha o vuole "mascherare"...
    per un albergo penso che massime informazioni+ foto dettagliate sia il meglio....certo, se si parla di un albergo famosissimo 5 stelle, può farsi anche un sito in flash come biglietto da visita che il nome fà già tutto....
    ...quindi il discorso dipende anche dalla tipologia di "prodotto" che si ha da "vendere"...
    bye

  21. #21
    User
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    18
    Io aggiungerei anche i video in base alla mia esperienza maturata nello sviluppo e nel marketing di siti e portali turistici ho visto negli ultimi tempi un incremento delle prenotazioni o della scelta di una struttura grazie alla presenza dei video. Questo è dovuto perchè l'utente ha la sensazione di visitare l'albergo. Per il resto basta guardarsi le statistiche per capire che ciò che gli utenti guardano in primo luogo sono le offerte poi le immagini ecc. Ma quest'ultimo varia in base alla categoria dell'albergo e quindi al nostro target di riferimento.

  22. #22
    Esperta L'avatar di Fuffissima
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    935
    Citazione Originariamente Scritto da matadero
    Naturalmente, le informazioni dettagliate, le può dare chi può "permetterselo" nel senso, solo strutture create intorno ad ogni tipo di turista possono "vantare" questo tipo qualità, se un accomodations è di poco valore, conviene che "mascheri" nel miglior modo possibile queste pecche...
    Lo scarso valore offerto dalla permanenza in una struttura di fascia bassa non equivale necessariamente all'assenza di elementi motivanti nei messaggi promozionali presentati nel sito: se ad una mancanza di comfort si affianca una qualunque caratteristica che sia in grado di differenziare l'offerta (dal prezzo estremamente contenuto all'abbondanza delle porzioni della favolosa colazione fatta in casa offerta al mattino), si potrebbe comunque mettere in evidenza un plus potenzialmente discriminante per un certo tipo di clienti particolarmente sensibile verso quei punti di forza.
    I'm Nothing™ - -> NON CLICCARE <-

  23. #23
    Esperto
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Sorrento
    Messaggi
    168
    Citazione Originariamente Scritto da Fuffissima
    Lo scarso valore offerto dalla permanenza in una struttura di fascia bassa non equivale necessariamente all'assenza di elementi motivanti nei messaggi promozionali presentati nel sito: se ad una mancanza di comfort si affianca una qualunque caratteristica che sia in grado di differenziare l'offerta (dal prezzo estremamente contenuto all'abbondanza delle porzioni della favolosa colazione fatta in casa offerta al mattino), si potrebbe comunque mettere in evidenza un plus potenzialmente discriminante per un certo tipo di clienti particolarmente sensibile verso quei punti di forza.
    quoto in pieno!

    l'importante è mettere in evidenza i punti di forza. Ricordiamoci che il processo decisionale è influenzato e influenzabile da una moltitudine di fattori. Fondamentale è, appunto differenziare l'offerta in ragione delle caratteristiche della propria struttura.

  24. #24
    User L'avatar di matadero
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Lucca - La Spezia
    Messaggi
    237
    Citazione Originariamente Scritto da Fuffissima
    Lo scarso valore offerto dalla permanenza in una struttura di fascia bassa non equivale necessariamente all'assenza di elementi motivanti nei messaggi promozionali presentati nel sito: se ad una mancanza di comfort si affianca una qualunque caratteristica che sia in grado di differenziare l'offerta (dal prezzo estremamente contenuto all'abbondanza delle porzioni della favolosa colazione fatta in casa offerta al mattino), si potrebbe comunque mettere in evidenza un plus potenzialmente discriminante per un certo tipo di clienti particolarmente sensibile verso quei punti di forza.
    si...è quello che comunque sostenevo...
    intendevo qualità non in senso di lusso , ma di punti che possono atrarre un turista..

  25. #25
    User L'avatar di 18andLiFe
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Correggio
    Messaggi
    215
    Personalmente credo che sia fondamentale (per quanto sia difficile essere obiettivi e super partes) pensare da cliente.

    Riprendo una frase di estaban, modificandola leggermente:

    quali sono i fattori che influenzano maggiormente il potenziale cliente?
    Partendo dai capisaldi, credo che, sostanzialmente, all'utente che arriva sul sito di un albergo, interessino 3 cose principali:

    1. qualità complessiva dell'albergo (qui rientrano i servizi offerti e il tour fotografico delle stanze, della hall e dell'esterno)
    2. prezzi chiari, eventuali sconti/promo/lastiminute, e, booking online
    3. dislocazione della struttura: vicinanza al centro storico/mare/piste da sci...
    Ogni albergo dovrebbe far emergere i suoi punti di forza, già nella homepage.

    Ed è chiaro che la dislocazione geografica (mare, monti, città d'arte) influirà in maniera pesante sui modi di presentazione generali.

    Tutto il resto, per quanto utile ed interessante, lo vedo come valore aggiunto ma non cruciale.

    Informazioni turistiche, aree tematiche, webcam, guestbook.

    In particolare le aree tematiche le vedo solo come utilità di contorno.

    Secondo me siamo troppo abituati a cercare questo tipo di informazioni altrove (vedi portali tematici) che non siano quelli degli alberghi.

    E' proprio una sorta di forma mentis.

    In linea di principio sarebbe fantastico riunire in un sito quello che posso trovare leggendone 3 (prenotazione alberghiera, informazioni sulla città, meteo ecc...): ma è difficile farlo percepire!

    Come esempio riporto il sito web di un hotel noto a molti di voi

    http://www.hoteladriatico.it/it/
    Lo trovo esemplificativo di quanto detto sopra: potrebbe essere potenziato (ed incentivato) il sistema di booking, attraverso diciture che parlino in maniera evidente ed esplicita di sconti se prenoti online.


  26. #26
    Esperta L'avatar di nelli
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Firenze
    Messaggi
    2,036
    Segui nelli su Twitter Aggiungi nelli su Facebook Aggiungi nelli su Linkedin
    sono molto contenta di vedere che questa discussione ha ripreso piede (forse averla messa in rilievo nei topic più interessanti di web marketing è servito) sia perchè nuovi utenti che allora non c'erano ora contribuiscono ottimamente (18&life, matadero e altri) sia perchè lo scenario sta cambiando e con quello le possibilità.

    ho letto che qualcuno parlava di guestbook e qualcun altro rispondeva che era meglio far scrivere alle persone recensioni spontanee nei loro siti..
    ecco, penso che oggi, in un'ottica web 2.0, possa essere cruciale per un hotel riuscire a far parlare di sè positivamente nei blog e nei siti dei suoi clienti..
    saper fare un buon lavoro di public relationship in rete puo' determinare il successo per un hotel. saper monitorare e intervenire con moderazione e intelligenza nei forum e nei blog dei viaggiatori e dei turisti per caso.. è una mossa strategica.

    per quanto riguarda le caratteristiche del sito ne abbiamo dette tante.. in effetti testi e immagini usate bene fanno il 90% del lavoro.
    video e feedback di vario tipo aiutano..
    e quoto tutti coloro che hanno sottolineato l'importanza di saper individuare e valorizzare i propri punti di forza.
    soprattutto nella home (mi piace l'idea di fuffissima di considerare la home una landing!)
    avere un hotel con camere di "livello basso" non è una cosa negativa di per sè. è negativo quando si vuole vendere quello che vale poco, spacciandolo per qualcosa che vale molto.
    ma se si è sinceri e onesti verso il cliente, si puo' raggiungere il proprio target (ad es. giovani studenti squattrinati, oppure turisti alternativi del genere avventure nel mondo..) e avere l'hotel sempre pieno.
    se poi a un prezzo (e ammettiamo servizio) basso, aggiungiamo dei benefit non economici ma di sicuro impatto (la vicinanza a qualcosa di cruciale, la gentilezza del personale, la colazione abbondante e fatta in casa come dice fuffissima, la completezza di info contestuali sia sul sito che dal vivo, ecc) il nostro obiettivo è facilmente ottenibile.
    Il mio blog di web marketing: www.elenafarinelli.it

  27. #27
    Esperto
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Sorrento
    Messaggi
    168
    Citazione Originariamente Scritto da nelli
    ho letto che qualcuno parlava di guestbook e qualcun altro rispondeva che era meglio far scrivere alle persone recensioni spontanee nei loro siti..ecco, penso che oggi, in un'ottica web 2.0, possa essere cruciale per un hotel riuscire a far parlare di sè positivamente nei blog e nei siti dei suoi clienti.. saper fare un buon lavoro di public relationship in rete puo' determinare il successo per un hotel. saper monitorare e intervenire con moderazione e intelligenza nei forum e nei blog dei viaggiatori e dei turisti per caso.. è una mossa strategica.
    ecco questo aspetto mi sembra molto interessante e sono pienamente convinto che l'attenzione ed il controllo della reputazione di una struttura possa essere decisivo.

    Mi chiedo se gli albergatori ed affini siano consapevoli di tutto ciò. Gli scenari stanno cambiando attribuendo un notevole peso ad elementi fin qui trascurati. Non possiamo parlare più di dettagli o particolari ma l'aspetto della gestione di quello che si dice in rete mi sembra fondamentale.

    Come procedereste se foste un albergatore (in parte Nelli ha già risposto)...altri contributi?

  28. #28
    Esperta L'avatar di Fuffissima
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    935
    Citazione Originariamente Scritto da zero81
    ecco questo aspetto mi sembra molto interessante e sono pienamente convinto che l'attenzione ed il controllo della reputazione di una struttura possa essere decisivo.
    Non solo si tratta di un fattore decisivo per influenzare le scelte di alcuni particolari target nel presente, ma in futuro assumerà un'importanza crescente subendo però le influenze di eventuali "pecche" documentate nel passato troppo spensierato di alcuni operatori sprovveduti.

    Su questo tema e su altri trend di questo settore, un mesetto fa è comparso un interessante post nel blog di TSW del quale consiglio vivamente la lettura
    I'm Nothing™ - -> NON CLICCARE <-

  29. #29
    Esperto
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Sorrento
    Messaggi
    168
    Citazione Originariamente Scritto da Fuffissima
    Su questo tema e su altri trend di questo settore, un mesetto fa è comparso un interessante post nel blog di TSW del quale consiglio vivamente la lettura
    Interessante e si ricollega ad una discussione che avevo aperto, senza successo , sul futuro delle "ricerche".

    Credo che questi nuovi scenari "costringano" coloro che offrono ospitalità (e non solo...) ad rivolgere ad internet il giusto rispetto.

    Prima si parlava di controllo e gestione dei contenuti che si generano sulla rete grazie ai vari canali che abbiamo visto elencati ottimamamente nel post sul blog di TSW. Sono convinto che chi vive di questa reputazione debba cominciare a preoccuparsi della gestione del cliente dal momento della richiesta fino a quando l'ospite non esce dalla propria struttura (non sempre questo che sembra essere scontato in effetti lo è).

    Sapere che il cliente insoddisfatto è un propagatore di opinioni che hanno un peso determinante costringe l'albergatore ha curare ogni particolare nell'approccio e nella gestione del cliente. Come dire meglio prevenire che...curare!

  30. #30
    User
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    18
    Io considererei il cliente fin dalla partenza e non solo durante la sua permanenza in albergo per esempio se leggiamo i rapporti istat sulle vacanze degli italiani e non solo evinciamo alcuni dati utili su come gli italiani vanno in viaggio e quindi in base a dove è ubicato il nostro albergo ma anche ovviamente in base all'esperienza sappiamo i nostri clienti come ci raggiungono; auto, treno, aereo e di conseguenza promozionare dei servizi che li aiutino anche in questa fase. Ad esempio con la geolocalizzazione si possono creare offerte mirate a seconda di dove mi collego e se so che c'è un volo da dove si collega il cliente a dove si trova la mia struttura turistica posso indicarglielo se non fare addirittura un pacchetto volo + hotel. Poi ci si inventa quel che si vuole il limite come sempre è solo la fantasia.

  31. #31
    User L'avatar di marinobac
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Dovadola
    Messaggi
    35
    Segui marinobac su Twitter Aggiungi marinobac su Google+ Aggiungi marinobac su Facebook Aggiungi marinobac su Linkedin

    I siti degli hotel

    Citazione Originariamente Scritto da nelli
    Riprendendo l'elenco proposto da zero81 farei una lista e come dice fuffissima inviterei chi vuole a fornire esempi di siti o parti di siti ben fatti. unico appunto: ok a e-card, webcam, landing, siti satelliti, moduli interattivi e quant'altro.. ma partirei da un livello BASE per i siti di hotel con poca dimestichezza di web e budget limitato. per quelle strutture lì, come dovrebbe essere fatto il sito?
    ovviamente poi più cose carine ci si mettono meglio è..
    ciao
    Vorrei fermare la vostra attenzione su due elementi che mi sembrano interessanti:
    1) le immagini nei siti di hotel,
    2) i siti di hotel.

    Punto primo: la tecnologia digitale ha inevitabilmente spinto il fai-da-te ai suoi massimi (?) livelli. Fotografi in erba (nipoti, figli, parenti e amici) si dilettano nell'arte fotografica a danno di tutti, a cominciare da chi le immagini deve usarle professionalmente.

    Le ambientazioni nei siti di hotel sono praticamente inesistenti, le camere e le hall sono vuote come in caso di allarme guerra chimica, eccetera eccetera. Tuttavia spesso per non dire sempre ciò che manca è il "prodotto".

    Gli hotel offrono servizi analoghi e non c'è verso di strappare qualche parola di più ai titolari che si inventano le offerte al telefono del tipo "a san valentino B&B a 120 euro x 2 persone con cena romantica".

    E' il prodotto che manca, non le pagine ed i link sui siti. E' il servizio particolare che manca, quel tanto di speciale che rende un hotel unico e speciale, non sono i siti ad essere sbagliati, sono i titolare degli hotel che non hanno fantasia. E quando "manca il prodotto" nessun sito può inventarselo, pena la "iperpromessa" cioè quella lista di link e pagine ed immagini royalty free che fanno sembrare tutto più glamour di quello che è in realtà.

    Punto secondo: i siti degli hotel...vedi punto primo.

    Grazie.

  32. #32
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    9

    Albergatori e WebMarketing

    Sono pienamente d'accordo con Marinobac; nella mia esperienza come consulente webmarketing per hotel, ho constatato quanto gli hotel siano "atrofizzati" nelle loro azioni dal rapporto che hanno attualmente con i tour operator o agenzie che li intermediano e questo si ripercuote in una serie di errori e manchevolezze che si notano quando, con il loro sito , dovrebbero puntare a vendersi da soli al cliente finale.
    Fare delle foto belle, invitanti e sopratutto fatte da un professionista, come ha detto Marinobac, è un punto difficilmente capiscono , sopratutto le piccole strutture come b&b e piccoli hotel; gli si deve quasi sempre spiegare che l'hotel è forse l'unico prodotto, nell'e-commerce, che il cliente quasi sempre deve acquistare senza poterlo toccare, vedere e che quindi la sua valutazione si basera moltissimo su quello che vede nelle foto.
    Un fotografo professionista sa valorizzare cio che fotografa, senza l'utilizzo di trukki ma solo con una corretta "scenografia" e con l'esperienza nell'uso delle luci.
    Per quel che riguarda la scenografia, come dice Marinobac, molte volte ci capita di vedere foto di stanze si ordinate ma ... quasi irreali da quanto lo sono e poi sopratutto vuote, vuotissime.
    Non è una bella pibblicita mostrare una sala da pranzo vuota, è molto piu convincente e bello mostrare i tavoli apparecchiati e delle persone che se ne servono; lo stesso per le camere, una letto con le lenzuola un po scostate, dei fiori, delle persone all'interno che compiono un' azione ( guardano il panorama se c'e', si sorridono fra loro, etc etc ) toglie quel vuoto claustrofobio che c'e' nelle foto molte volte e le dona un realismo vitale.
    Spero di essermi spiegato.

    Altro punto è quello di abituare gli albergatori a interagine bene con il cliente, sia nuovi che vecchi.
    Ho notato molte volte quanto siano secche e sbagliate nella forma le semplici risposte alle richieste di disponibilità via mail; da quelli che danno una quantita di informazione esagerata confondendo il cliente e nascondendogli quasi i dati che il cliente cerca ( Disponibilita si o no e prezzo ) a quelli che gli dicono semplicemente il prezzo giornaliero che il gcliente a volte trova gia nel sito, costrindendolo a calcolarsi il costo finale!!!!
    Questo è solo un espempio, la maggior parte degli hotel non tiene una mailing list dei clienti ( mailing no spam!!),quello che ce l'hanno non sanno impostare una mail che descriva e invogli il cliente a considerare una particolare offerta.
    Altro esempio, poki siti tenngono e aggiornano una sezione news e eventi nel sito quando invece dare questo servizio a delle persone che vengono da lonttano è un fattore che mette in buona luce l'hotel.
    In generale il meccanismo inconscio che si genera nel cliente in questi casi ( .. anke in noi se ci pensiamo) è: ".. se questo hotel mi sta gia dando dei servizi, delle informazioni ora che non sono ancora loro cliente, vuol dre che mi tratteranno bene".

    Questi ed altri punti denotano come la azienda, la persona che va a fare il sito all'hotel debba far capire alla struttura che il sito è un mezzo da guidare, da far funzionare e non una cosa ferma statica, e che saranno prorio loro, gli albergatori o chi per esse, a doverlo guidare bene.

    Ragazzi comunque questa discussione mi piace e vedo che di idee ne stanno venendo fuori molte ... che ne dite di concretizzarle in un progetto o collaborazione fra di noi che vogliamo seguire questo mercato???
    Attendo risposte.

  33. #33
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    9

    Concordo ...

    Citazione Originariamente Scritto da Fuffissima
    Lo scarso valore offerto dalla permanenza in una struttura di fascia bassa non equivale necessariamente all'assenza di elementi motivanti nei messaggi promozionali presentati nel sito: se ad una mancanza di comfort si affianca una qualunque caratteristica che sia in grado di differenziare l'offerta (dal prezzo estremamente contenuto all'abbondanza delle porzioni della favolosa colazione fatta in casa offerta al mattino), si potrebbe comunque mettere in evidenza un plus potenzialmente discriminante per un certo tipo di clienti particolarmente sensibile verso quei punti di forza.
    Concondo pienamente; il fenomeno voli a basso costo ha mostrato che con una giusta comunicazione si puo vendere un servizio senza i plus delle tradizionali compagnie aeree, ad un prezzo piu basso e acquisendo la fiducia dei clienti ... e in molti casi fgli stessi clienti che usano le compagnie aeree sono gli stessi che prenotano gli hotel ( ... sono 2 parti dello stesso macroprodotto, la vacanza!). Ogni hotel ha generalmente un suo punto di forza, anche i piu semplici come ha detto fuffina cioè la colazione, e bisogna comunicarlo al meglio; gli hotel che non hanno alcun punto di forza ... beh non vendono ora e non sara certo internet a farli vendere.

  34. #34
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    9

    Video e feedback ...

    Citazione Originariamente Scritto da nelli
    sono molto contenta di vedere che questa discussione ha ripreso piede (forse averla messa in rilievo nei topic più interessanti di web marketing è servito) sia perchè nuovi utenti che allora non c'erano ora contribuiscono ottimamente (18&life, matadero e altri) sia perchè lo scenario sta cambiando e con quello le possibilità.

    ho letto che qualcuno parlava di guestbook e qualcun altro rispondeva che era meglio far scrivere alle persone recensioni spontanee nei loro siti..
    ecco, penso che oggi, in un'ottica web 2.0, possa essere cruciale per un hotel riuscire a far parlare di sè positivamente nei blog e nei siti dei suoi clienti..
    saper fare un buon lavoro di public relationship in rete puo' determinare il successo per un hotel. saper monitorare e intervenire con moderazione e intelligenza nei forum e nei blog dei viaggiatori e dei turisti per caso.. è una mossa strategica.

    per quanto riguarda le caratteristiche del sito ne abbiamo dette tante.. in effetti testi e immagini usate bene fanno il 90% del lavoro.
    video e feedback di vario tipo aiutano..
    e quoto tutti coloro che hanno sottolineato l'importanza di saper individuare e valorizzare i propri punti di forza.
    soprattutto nella home (mi piace l'idea di fuffissima di considerare la home una landing!)
    avere un hotel con camere di "livello basso" non è una cosa negativa di per sè. è negativo quando si vuole vendere quello che vale poco, spacciandolo per qualcosa che vale molto.
    ma se si è sinceri e onesti verso il cliente, si puo' raggiungere il proprio target (ad es. giovani studenti squattrinati, oppure turisti alternativi del genere avventure nel mondo..) e avere l'hotel sempre pieno.
    se poi a un prezzo (e ammettiamo servizio) basso, aggiungiamo dei benefit non economici ma di sicuro impatto (la vicinanza a qualcosa di cruciale, la gentilezza del personale, la colazione abbondante e fatta in casa come dice fuffissima, la completezza di info contestuali sia sul sito che dal vivo, ecc) il nostro obiettivo è facilmente ottenibile.
    Un appunto sulla questione feedback e video.
    I feedback è vero sono un'arma a doppio taglio ma :
    1) un hotel che si comporta bene non dovrebbe temerli
    2) sono l'evoluzione del passaparola che in passato sia in passato che ora fa vendere non poke notti agli hotel anke se è di per se una sistema poco controllabile.
    3) se un cliente torna a casa veramente ben soddisfatto i feedbak arrivano e non poki.
    Sul posizionamento dei feedback, sito esterno o sito dell'hotel , io ritengo che il sito dell'hotel sia il punto giusto perke da un fattore in piu nella valutazione dei possibili clienti, ed un fattore che non è poco importante in un mercato dove il cliente deve acquistare basandosi solo sui contenuti del sito!

    I Video ritengo possano essere una buona cosa ma ... forse tecnologicamente è ancora troppo presto. Mettere sul sito un video che debba necessariamente aprirsi in tempi ragionevoli vuol dire costruirlo con una qualità scadente. RICORDIAMOCI POI CHE I MODEM A 56 K SONO ANCORA DIFFUSISSIMI E CHE MOLTE PERSONE ACQUISTANO DALL'UFFICIO.
    Meglio, per ora , risparmiare sul video e spendere quei soldi per un bravo fotografo professionista.

  35. #35
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    9

    Mi piace ...

    Citazione Originariamente Scritto da nonhonick
    Io considererei il cliente fin dalla partenza e non solo durante la sua permanenza in albergo per esempio se leggiamo i rapporti istat sulle vacanze degli italiani e non solo evinciamo alcuni dati utili su come gli italiani vanno in viaggio e quindi in base a dove è ubicato il nostro albergo ma anche ovviamente in base all'esperienza sappiamo i nostri clienti come ci raggiungono; auto, treno, aereo e di conseguenza promozionare dei servizi che li aiutino anche in questa fase. Ad esempio con la geolocalizzazione si possono creare offerte mirate a seconda di dove mi collego e se so che c'è un volo da dove si collega il cliente a dove si trova la mia struttura turistica posso indicarglielo se non fare addirittura un pacchetto volo + hotel. Poi ci si inventa quel che si vuole il limite come sempre è solo la fantasia.
    Questa mi piace nella mia esperienza di consulente con hotel di venezia e sicilia ho visto come sempre piu il cliente si stacchi dal tour operator o dall'agenzia nel caso di viaggi sicuri ( ... chiaro che in birmania magari ci vado con il tour operator ); questa cosa è principalmente dovuta al fatto che i voli low cost hanno mostrato quanto sia semplice, economico e vantaggioso acquistare da chi ti da il servizio.
    Ecco pero che se il cliente acquista anke il prodotto vitto e alloggio su internete, presso l'hotel, gli mancano tutti quei servizi che il tour operator dava ( ... trasporto locale, biglietti per spettacoli o eventi, visite guidate etc etc etc ); a questo punto dovra essere l'hote a cosiderare il fatto di mettere nel suo "catalogo prodotti" anche servizi di questo tipo.

  36. #36
    User L'avatar di matadero
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Lucca - La Spezia
    Messaggi
    237
    Citazione Originariamente Scritto da 18andLiFe
    Come esempio riporto il sito web di un hotel noto a molti di voi

    http://www.hoteladriatico.it/it/
    Lo trovo esemplificativo di quanto detto sopra: potrebbe essere potenziato (ed incentivato) il sistema di booking, attraverso diciture che parlino in maniera evidente ed esplicita di sconti se prenoti online.


    Ma le parole chiavi in cima nella barra grigia danno proprio un senso di qualità e serietà!!!! ehhhhh!!!!
    quel senso che quando uno và sul sito pensa" questo sito è fatto per passione e non per costringermi a tutti i costi ad arrivare qui".
    Secondo me è inutile parlare di un certo tipo di qualità dell' albergo se poi si mettono in bella visione trucchetti di marketing...

  37. #37
    User L'avatar di matadero
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Lucca - La Spezia
    Messaggi
    237
    Citazione Originariamente Scritto da marinobac
    Vorrei fermare la vostra attenzione su due elementi che mi sembrano interessanti:
    1) le immagini nei siti di hotel,
    2) i siti di hotel.

    Punto primo: la tecnologia digitale ha inevitabilmente spinto il fai-da-te ai suoi massimi (?) livelli. Fotografi in erba (nipoti, figli, parenti e amici) si dilettano nell'arte fotografica a danno di tutti, a cominciare da chi le immagini deve usarle professionalmente.

    Le ambientazioni nei siti di hotel sono praticamente inesistenti, le camere e le hall sono vuote come in caso di allarme guerra chimica, eccetera eccetera. Tuttavia spesso per non dire sempre ciò che manca è il "prodotto".

    Gli hotel offrono servizi analoghi e non c'è verso di strappare qualche parola di più ai titolari che si inventano le offerte al telefono del tipo "a san valentino B&B a 120 euro x 2 persone con cena romantica".

    E' il prodotto che manca, non le pagine ed i link sui siti. E' il servizio particolare che manca, quel tanto di speciale che rende un hotel unico e speciale, non sono i siti ad essere sbagliati, sono i titolare degli hotel che non hanno fantasia. E quando "manca il prodotto" nessun sito può inventarselo, pena la "iperpromessa" cioè quella lista di link e pagine ed immagini royalty free che fanno sembrare tutto più glamour di quello che è in realtà.

    Punto secondo: i siti degli hotel...vedi punto primo.

    Grazie.
    Ti quoto in tutto e da prossimo gestore di una adv in toscana, che organizza vacanze sul territorio, e da grafico e fotografo per hobby ti dico che quando ho contatti con la maggior parte di albergatori ecc... gli rifarei non solo il sito, ma gli risistemerei gran parte delle strutture.....a volta anche nelle cose materiali vengono lasciati dei particolari orrendi che basterebbe mezza giornata per sistemare...e mi sono reso conto che molte persone non hanno un minimo di gusto e creatività....forse è anche un bene, altrimente persone come noi non avrebbero + il gusto di dare le proprie "consulenze".....d'altra parte non possono essere tutti creativi, e molti vedono questi ruoili come una cosa inutile e dispendiosa per la loro attività....ma l'immagine è quasi tutto....

  38. #38
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    9
    Citazione Originariamente Scritto da matadero
    Ma le parole chiavi in cima nella barra grigia danno proprio un senso di qualità e serietà!!!! ehhhhh!!!!
    quel senso che quando uno và sul sito pensa" questo sito è fatto per passione e non per costringermi a tutti i costi ad arrivare qui".
    Secondo me è inutile parlare di un certo tipo di qualità dell' albergo se poi si mettono in bella visione trucchetti di marketing...
    Considera una cosa ... se anke le parole chiavi nella barra superiore contribuiscono a dare un corretto e buon posizionamento nei motori di ricerca ... non vedo perche non si debbano usare!! del resto l'hotel fa il sito per verndersi attraverso lo stesso, quindi ben vengano anke i "trukketti di marketing".
    ( .. ah io sono un ex dipendente dell'azienda che ha fatto questo sito ... i risultati sono che tale hotel vende la maggior parte delle notti attraverso il sito, numeri dettagliati non posso dartene ma ... l'azienda che fa questi siti è specializzata in siti per hotel e ... tanto per capirci, non li paghi meno di 10.000 Euro; se in tanti li comperano ... vuol dire che i risultati ci sono no??.)

  39. #39
    User L'avatar di marinobac
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Dovadola
    Messaggi
    35
    Segui marinobac su Twitter Aggiungi marinobac su Google+ Aggiungi marinobac su Facebook Aggiungi marinobac su Linkedin

    Quando il cliente è il nemico da sconfiggere

    Leggo con molto interesse i post di questo forum e premetto che concordo con molti di questi. Tuttavia ho la sensazione, leggendo alcuni commenti, che fra il webmaster/seo ed il titolare della struttura ricettiva debba "naturalmente" instaurarsi una sorta di alleanza ai "danni" del cliente per convincerlo in qualche modo più o meno subdolo o subliminale a prenotare una camera. "Io credo che il cliente scelga per queste ragioni...,Io penso che le cose importanti di un sito siano queste...,".

    Molte opinioni personali a quanto leggo ma nessun dato "che misuri" il target, nessun riferimento a segmentazioni del tgt, nessuna indicazione presa da studi di settore.

    Molto spesso o potrei dire quasi sempre (leggendo i commenti del forum) il proprietario dell'hotel non fornisce o molto mal volentieri lo fa, dati oggettivi, scritti, documenti sulla tipologia dei suoi clienti, chi sono, da dove vengono, che età hanno, che gusti hanno, quanto spendono durante il soggiorno sia dentro che fuori dall'hotel, com'è composta la loro famiglia, ecc. Tuttavia nessuno chiede dati "sensibili" in osservanza alla santa privacy.

    Abbiamo oramai assodato che un sito web di struttura ricettiva deve possedere determinati "punti di interesse" per l'utente. Ma nessuno che supporti le proprie affermazioni con dati certi. Inserire o meno video gallerie che facciano "viaggiare" l'utente all'interno dell'hotel, tanto per dirne una, aumenta la prenotazioni oppure le richieste di informazioni o i visitatori unici? La risposta è spesso affidata a "secondo me l'utente ha la sensazione di trovarsi dentro l'albergo...".

    Le scelte basate su elementi empirici, sembrano avere la priorità perchè, a mio giudizio, non vengono applicati gli stessi strumenti adattoati da anni dalle più importanti agenzie di comunicazione.

    Dove sono le indagini statistiche sul target? Dove sono le ricerche di mercato? Dove sono gli studi di settore? Dove sono i test? Alcuni potrebbero argomentare che i budget dei clienti non permettono di utilizzare strumenti raffinati per conoscere il target a fondo prima di buttarsi nella creazione di siti web o landing pages o campagna ppc. Tuttavia non utilizzare strumenti "scientifici" per l'adozione di scelte strategiche è come comprare una Ferrari e lasciarla in garage perchè non ci sono soldi per la benzina.

    In un mondo dove solo poche aziende riescono ad essere al primo posto fra le scelte dei consumatori, mentre molte sgomitano per acquisire quote di mercato e questo in tutti i settori, dalle patatine alle compagnie aeree, trovare un compromesso fra quello che si vuole e quanto si è disposti ad investire per ottenerlo mi sembra prioritario.

    Il mio intervento tuttavia cerca solo di far emergere il punto che ho illustrato precedentemente. Cercando "esempi di landing page per hotel" su un mdr, il risultato ci conduce invariabilmente alle abusate liste di "dos and donts" per costruire landing page di successo o siti che attirano visitatori come carta moschicida. Questo a dimostrazione che non esistono "luoghi" sul web dove qualcuno si è preso la briga di argomentare scelte strategiche supportate da elementi misurabili. A questo punto mi chiedo come sia possibile dire che una cosa funziona più di un'altra quando non ci sono dati a conferma.

    Grazie,

  40. #40
    Esperta L'avatar di Fuffissima
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    935
    Ciao marinobac, ho letto con piacere le tue osservazioni, toglimi una curiosità, di cosa ti occupi nella vita?

    Citazione Originariamente Scritto da marinobac
    Tuttavia ho la sensazione, leggendo alcuni commenti, che fra il webmaster/seo ed il titolare della struttura ricettiva debba "naturalmente" instaurarsi una sorta di alleanza ai "danni" del cliente per convincerlo in qualche modo più o meno subdolo o subliminale a prenotare una camera. "Io credo che il cliente scelga per queste ragioni...,Io penso che le cose importanti di un sito siano queste...,".
    Come in qualsiasi ambito del marketing, anche nel search engine marketing la persuasione del prospect è un elemento fondamentale per arrivare in fondo al processo di vendita.
    Ti sei mai ritrovato, in questo settore specifico, di fronte a contenuti ai limiti della truffa? Forse ti riferisci solo ai toni utilizzati in questo thread, ma vorrei capire se, rispetto ad altri canali, sui motori di ricerca hai notato contenuti più "aggressivi" nei confronti degli utenti e se si quali.

    Citazione Originariamente Scritto da marinobac
    Molto spesso o potrei dire quasi sempre (leggendo i commenti del forum) il proprietario dell'hotel non fornisce o molto mal volentieri lo fa, dati oggettivi, scritti, documenti sulla tipologia dei suoi clienti, chi sono, da dove vengono, che età hanno, che gusti hanno, quanto spendono durante il soggiorno sia dentro che fuori dall'hotel, com'è composta la loro famiglia, ecc. Tuttavia nessuno chiede dati "sensibili" in osservanza alla santa privacy.
    Credo che il problema sia di ben altra entità, quando si parla di PMI (e non solo, sigh) purtroppo raramente sono correttamente implementati sistemi di CRM in grado di raccogliere e analizzare i dati dei differenti canali di vendita.
    Solitamente il CRM è del tutto separato dal sistema di web analytics e spesso non si è neppure in grado di valutare in maniera univoca se le vendite misurate dall'uno risultano confermate anche dall'altro...

    A volte alcuni dati vengono raccolti ma non si elaborano nè si integrano tra loro rendendo inutile qualsiasi tentativo di interpolazione con i dati delle analisi di settore, peraltro solitamente svolte su country differenti e quindi poco significative.

    Parte del nostro lavoro consiste proprio nell'educare i clienti ad analizzare correttamente i dati in loro possesso, ma ti assicuro che nel belpaese il processo sarà lungo e per nulla indolore in quanto la cultura dell'analisi di mercato è poco diffusa, soprattutto quando si parla di new media.

    Citazione Originariamente Scritto da marinobac
    Abbiamo oramai assodato che un sito web di struttura ricettiva deve possedere determinati "punti di interesse" per l'utente. Ma nessuno che supporti le proprie affermazioni con dati certi. Inserire o meno video gallerie che facciano "viaggiare" l'utente all'interno dell'hotel, tanto per dirne una, aumenta la prenotazioni oppure le richieste di informazioni o i visitatori unici? La risposta è spesso affidata a "secondo me l'utente ha la sensazione di trovarsi dentro l'albergo...".
    Su questa affermazione ho qualcosa da ridire: esistono alcuni amatori che agiscono come tu sostieni, ma è proprio dall'analisi dell'approccio che si può notare la differenza tra un professionista navigato e un semplice appassionato della materia.
    Affidarsi alla pura improvvisazione raramente paga, ma non facciamo di tutta l'erba un fascio; in questo forum sono presenti molti utenti che ogni giorno affrontano con serietà e dedizione le nuove sfide del search engine marketing

    Citazione Originariamente Scritto da marinobac
    Le scelte basate su elementi empirici, sembrano avere la priorità perchè, a mio giudizio, non vengono applicati gli stessi strumenti adattoati da anni dalle più importanti agenzie di comunicazione.
    Concorderai con me che nel settore della comunicazione (nel quale l'attività SEO rientra) quando si parla di piccole realtà ci si possono aspettare alcune limitazioni, non credi?

    Così come per pianificare uno spot in prime time sulle principali emittenti televisive nazionali non affideresti l'attività al filmaker del tuo matrimonio, se hai bisogno di affidare l'attività SEO ad una realtà in grado di gestire budget importanti avendo garanzia di un servizio di qualità elevata e risultati concreti, certamente non potrai rivolgerti alla piccola web agency online appena aperta da un diciottenne appassionato di web che ha scoperto da poco i template di frontpage.

    Citazione Originariamente Scritto da marinobac
    Dove sono le indagini statistiche sul target? Dove sono le ricerche di mercato? Dove sono gli studi di settore? Dove sono i test? Alcuni potrebbero argomentare che i budget dei clienti non permettono di utilizzare strumenti raffinati per conoscere il target a fondo prima di buttarsi nella creazione di siti web o landing pages o campagna ppc. Tuttavia non utilizzare strumenti "scientifici" per l'adozione di scelte strategiche è come comprare una Ferrari e lasciarla in garage perchè non ci sono soldi per la benzina.
    Ananlisi azzeccata, senza budget non ci si possono aspettare risultati e ti assicuro che funziona così per ogni investimento pubblicitario su qualunque canale

    Riprendendo l'esempio della pianificazione dello spot in prime time, è normale che un'operazione del genere abbia un costo che non è alla portata di piccole realtà che invece si rivolgono spesso a piccole webagency che offrono loro servizi SEO.

    Citazione Originariamente Scritto da marinobac
    In un mondo dove solo poche aziende riescono ad essere al primo posto fra le scelte dei consumatori, mentre molte sgomitano per acquisire quote di mercato e questo in tutti i settori, dalle patatine alle compagnie aeree, trovare un compromesso fra quello che si vuole e quanto si è disposti ad investire per ottenerlo mi sembra prioritario.
    Quoto il tuo pensiero, non a caso gran parte delle attività SEO sono vendute attualmente ad un prezzo low cost.

    Citazione Originariamente Scritto da marinobac
    Il mio intervento tuttavia cerca solo di far emergere il punto che ho illustrato precedentemente. Cercando "esempi di landing page per hotel" su un mdr, il risultato ci conduce invariabilmente alle abusate liste di "dos and donts" per costruire landing page di successo o siti che attirano visitatori come carta moschicida. Questo a dimostrazione che non esistono "luoghi" sul web dove qualcuno si è preso la briga di argomentare scelte strategiche supportate da elementi misurabili. A questo punto mi chiedo come sia possibile dire che una cosa funziona più di un'altra quando non ci sono dati a conferma.
    Prima di chiudere ti ringrazio per il tuo contributo a questo dibattito, il tuo intervento porta finalmente un po' di freschezza a questa sezione dove a volte si affrontantano temi delicati in maniera ancora superficiale e decisamente SEOcentrica.

    In merito a quast'ultimo paragrafo, dalla mia esperienza posso dirti che i "dos and donts" nella vita raramente sono applicabili a situazioni molto differenti tra loro e allo stesso modo difficilmente hanno un valore assoluto in un ambiente tanto eterogeneo quanto il web.
    Meglio dotarsi di uno strumento di analisi e valutare il da farsi caso per caso, ma solo a condizione di esserne realmente capaci.
    I'm Nothing™ - -> NON CLICCARE <-

  41. #41
    User L'avatar di marinobac
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Dovadola
    Messaggi
    35
    Segui marinobac su Twitter Aggiungi marinobac su Google+ Aggiungi marinobac su Facebook Aggiungi marinobac su Linkedin
    Ti sei mai ritrovato, in questo settore specifico, di fronte a contenuti ai limiti della truffa? Forse ti riferisci solo ai toni utilizzati in questo thread, ma vorrei capire se, rispetto ad altri canali, sui motori di ricerca hai notato contenuti più "aggressivi" nei confronti degli utenti e se si quali.
    Mi riferisco alle affermazioni presenti in diversi commenti sul genere "...secondo me i clienti di un hotel vogliono questo o quello;...secondo me gli utenti del sito di un hotel sono più interessati a vedere le foto delle camere;...fornire info sul territorio e le occasioni di svago;...ecc...ecc." Ovviamente apprezzo tutti questi contributi ma faccio notare che da queste argomentazioni la parola "cliente" e la domanda "cosa vogliono i clienti di questo hotel?" sono completamente escluse. Ciò mi ha portato ad aprire con un titolo ed una considerazione provocatorie esprimendo la mia idea sul "cliente come nemico" piuttosto che "obiettivo primario ed unico" degno della considerazione iniziale al momento di approntare una qualsiasi strategia. Non a caso mi pare di ricordare che già qualche anno le aziende più attente alla comunicazione hanno soppiantato le famore 4P del marketing con la sola P che indica "persona" cioè il cliente prima di ogni altra considerazione. Grazie all'Internet che mai come prima d'ora possiamo entrare "in casa" del cliente fino a conoscerne "oggettivamente" e non statisticamente il comportamento nei confronti di campagne, ad esempio di DEM. Paradossalmente questo enorme potere, fino ad oggi sconosciuto anche nelle mitiche indagini Nielsen (ricordo che i lettori dei quotidiani sono ancora segmentati in modo molto superficiale, se paragonato a ciò che possiamo sapere degli utenti della rete), questo potere dicevo viene dimenticato così come l'utente stesso ed i suoi desideri. Mentre al primo posto delle "cose da fare" ritornano troppo spesso considerazioni che ho citato.

    Prima di parlare di "cose da mettere" dentro la torta penso sarebbe prioritario sapere chi dovrà mangiarla, visto che questa torta dobbiamo venderla e non mangiarla noi stessi. Il resto è, dico provocatoriamente, di importanza secondaria. Diversamente sono solo elucubrazioni molto invitanti anche ai neofiti di questo mestiere ma che forniranno loro una parvenza di professionalità perchè provengono da "deus ex machina". Adesso che scrivo mi rammento di quanta poca cultura "spesso" abbiano coloro che hanno scoperto l'altro ieri i mostri sacri del web marketing e dichiarino il loro amore per la USP di Reeves che a prodotto, dopo i primi successi , una infinità di flop ma anche tanti emuli sopravvissuti e riprodotti fino ai giorni nostri.

    Per rispondere alla tua prima domanda posso dire che come molti qui campo di web ecomunicazione e che l'acne giovanile è un lontano ricordo.
    Ultima modifica di marinobac; 17-02-07 alle 19:48

  42. #42
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    9

    C'e' molta confusione nel forum ....

    Citazione Originariamente Scritto da marinobac Visualizza Messaggio
    Mi riferisco alle affermazioni presenti in diversi commenti sul genere "...secondo me i clienti di un hotel vogliono questo o quello;...secondo me gli utenti del sito di un hotel sono più interessati a vedere le foto delle camere;...fornire info sul territorio e le occasioni di svago;...ecc...ecc." Ovviamente apprezzo tutti questi contributi ma faccio notare che da queste argomentazioni la parola "cliente" e la domanda "cosa vogliono i clienti di questo hotel?" sono completamente escluse. Ciò mi ha portato ad aprire con un titolo ed una considerazione provocatorie esprimendo la mia idea sul "cliente come nemico" piuttosto che "obiettivo primario ed unico" degno della considerazione iniziale al momento di approntare una qualsiasi strategia. Non a caso mi pare di ricordare che già qualche anno le aziende più attente alla comunicazione hanno soppiantato le famore 4P del marketing con la sola P che indica "persona" cioè il cliente prima di ogni altra considerazione. Grazie all'Internet che mai come prima d'ora possiamo entrare "in casa" del cliente fino a conoscerne "oggettivamente" e non statisticamente il comportamento nei confronti di campagne, ad esempio di DEM. Paradossalmente questo enorme potere, fino ad oggi sconosciuto anche nelle mitiche indagini Nielsen (ricordo che i lettori dei quotidiani sono ancora segmentati in modo molto superficiale, se paragonato a ciò che possiamo sapere degli utenti della rete), questo potere dicevo viene dimenticato così come l'utente stesso ed i suoi desideri. Mentre al primo posto delle "cose da fare" ritornano troppo spesso considerazioni che ho citato.

    Prima di parlare di "cose da mettere" dentro la torta penso sarebbe prioritario sapere chi dovrà mangiarla, visto che questa torta dobbiamo venderla e non mangiarla noi stessi. Il resto è, dico provocatoriamente, di importanza secondaria. Diversamente sono solo elucubrazioni molto invitanti anche ai neofiti di questo mestiere ma che forniranno loro una parvenza di professionalità perchè provengono da "deus ex machina". Adesso che scrivo mi rammento di quanta poca cultura "spesso" abbiano coloro che hanno scoperto l'altro ieri i mostri sacri del web marketing e dichiarino il loro amore per la USP di Reeves che a prodotto, dopo i primi successi , una infinità di flop ma anche tanti emuli sopravvissuti e riprodotti fino ai giorni nostri.

    Per rispondere alla tua prima domanda posso dire che come molti qui campo di web ecomunicazione e che l'acne giovanile è un lontano ricordo.
    Ritengo che vi sia molta confusione in questo forum; non voglio pormi sopra a nessuno ma ho progettato e ralizzato dei siti assieme alla mia ex azienda ed ora continuo con una nuova azienda fondata da me.
    Sono oltre 10 anni che lavoro nel settore "web marketing per hotel" ed molti hotel che ho seguito sono arrivati al 98% delle notti vendute tramite il loro sito internet ( con il guadagni di non aver nessuna commissione da pagare a tour operator).
    Mi dispiace tantissimo vedere scritte delle frasi tipo "fregare il cliente" o "trukketti per il posizionamento sui motori di ricerca".
    Qui non si tratta di fregage nessuno ne i clienti ne i motori di ricerca, si tratta di comunicare sia ai clienti che ai motori chi siamo (parlo come fossi un gestore di hotel) sia ai clienti che ai motori ... in poche parole di COMUNICARE.
    Se un motore di ricerca richiede che matatag, scambio link, parole chiave, etc etc etc siano i fattori che gli permettono di identificare l'argomento del sito e definirne l'impostanza chi sbaglia non è chi fa uso di quete techine ma chi non ne fa uso!! Del resto le regole per il posizionamento dei siti su Google sono pubbliche , almeno parte di esse.
    Per quel che riguarda i clienti, il comunicare è ancora piu importante; non si tratta di raccontare bugie o creare dei "specchietti per allodole" per far cadere nella trappole i clienti; Si tratta invece di raccontare al meglio la propria struttura, valorizzarla per quello che essa è ed il vero problema è che molte volte le strutture hanno dei siti che le peggiorano anziche raccontarle per come sono.
    in 10 anni ho girato piu di 500 strutture e vedere hotel bellissimi, con dei servizi ottimi che nel sito non accennano a nulla di tutto questo o lo mostrano e raccontano in maniera da peggiorarlo e indubbiamente un errore nella comunicazione web dell'azienda.
    Quando ho iniziato 10 anni fa il progetto di seguire SOLO gli hotel per permettere a questi di vendersi da soli attraverso il loro sito, la prima cosa è stata definire e capire qule fosse la comunicazione corretta per un sito di un hotel.
    Quasi tutto quello che abbiamo pensato all'inizio si è rivelato sbagliato ma .... la forza di una buona organizzazione della comunicazione dei siti e il monitoraggio attraverso analisi statistiche ci ha detto cosa cercavano i clienti e cosa volevano. Questo ci ha fatto crescere fino ad arrivare a oltre 700 clienti ( solo hotel/b&b/campeggi ) .. il fatto di dare ai clienti cio che vogliono e di far capire agli hotel che devono semplicemnete imparare a comunicare con i colo clirnti nella maniera piu corretta.

    Mi spiace vedere alcuni termini in questo forum e non perke mi ritengo un esperto ma perke vedo molti che stanno attenti a definire le tecnologie esposte come trukketti e non analizzano le stesse per capire se veramente lo sono o se sono cio che effettivamente serve sia agli hotel, che ai clienti, che ai motori di ricerca.

  43. #43
    User L'avatar di marinobac
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Dovadola
    Messaggi
    35
    Segui marinobac su Twitter Aggiungi marinobac su Google+ Aggiungi marinobac su Facebook Aggiungi marinobac su Linkedin
    Quasi tutto quello che abbiamo pensato all'inizio si è rivelato sbagliato ma .... la forza di una buona organizzazione della comunicazione dei siti e il monitoraggio attraverso analisi statistiche ci ha detto cosa cercavano i clienti e cosa volevano.
    Tralascio di fare considerazioni sul tuo sfogo perchè non ne conosco le ragioni. Mi permetto invece di farti notare che alla fine, cioè dopo che ti sei sfogato e ti sei fatto una bella pubblicità sul forum, hai affermato le stesse cose sulle quali io sto cercando di far fermare l'attenzione.

    Ho evidenziato la parte del tuo discorso che è esattamente il punto fondamentale del mio intervento cioè che l'analisi del target deve venire prima di tutto. A conferma di ciò riporto il tuo passo..."Quasi tutto quello che abbiamo pensato all'inizio si è rivelato sbagliato.."

    Ti faccio inoltre notare che PROPRIO TU nel tuo post del 6 febbraio scrivi di "innoqui" trukketti...
    quindi ben vengano anke i "trukketti di marketing"
    Non volendo polemizzare con nessuno su questo forum (pare sia abitudine di andare OT presto o tardi sui forum italiani), ti faccio i miei auguri, anche se non ne hai bisogno, per il tuo lavoro.
    Ultima modifica di marinobac; 19-02-07 alle 19:34

  44. #44
    User Newbie
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    9

    Mi fraintendi ...

    Citazione Originariamente Scritto da marinobac Visualizza Messaggio
    Tralascio di fare considerazioni sul tuo sfogo perchè non ne conosco le ragioni. Mi permetto invece di farti notare che alla fine, cioè dopo che ti sei sfogato e ti sei fatto una bella pubblicità sul forum, hai affermato le stesse cose sulle quali io sto cercando di far fermare l'attenzione.
    Scusa non era uno sfogo ... erano delle considerazioni e quanto alla pubblicita non mi sembra di aver in nessun modo messo un link della mia attuale azienda ne il nome ne altro ... semmai, indirettamente, c'e' chi ha linkato siti della mia ex azienda.

    Ho evidenziato la parte del tuo discorso che è esattamente il punto fondamentale del mio intervento cioè che l'analisi del target deve venire prima di tutto. A conferma di ciò riporto il tuo passo..."Quasi tutto quello che abbiamo pensato all'inizio si è rivelato sbagliato.."

    Ti faccio inoltre notare che PROPRIO TU nel tuo post del 6 febbraio scrivi di "innoqui" trukketti..
    Mea culpa .. ho usato il termine sbagliato ma comunque spero che ora il mio concetto sia arrivato
    Non volendo polemizzare con nessuno su questo forum (pare sia abitudine di andare OT presto o tardi sui forum italiani), ti faccio i miei auguri, anche se non ne hai bisogno, per il tuo lavoro.
    Neppure io voglio polemizzare pero ... non mi piace quando vengono catalogati come trukketti delle azioni che trukketti non sono; credo nessuno sia qui per "fregare i clienti o google" anke perke prima di tutto siamo pure noi utilizzatori dei motori e degli hotel.
    Cmq sinceramente scusami se ti è sembrato uno sfogo o in qualke modo ti abbia offeso ... l'obbiettivo era tutt'altro.
    Grazie per gli auguri, ne ho bisogno pure io, e ricambio per te ... del resto se siamo qui a discutere e ogni tanto esageriamo, per primo io, vuol dire che nell'argomento ci mettiamo molta passione.

+ Rispondi alla Discussione

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.