+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 25 di 25

Portali di booking: metodi e sistemi

Ultimo Messaggio di LaTorre79 il:
  1. #1
    User Attivo L'avatar di karedas
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Impruneta (Firenze)
    Messaggi
    1,102

    Portali di booking: metodi e sistemi

    Salve,
    come da titolo avrei alcune domande da porre a voi esperti sul mondo dei portali di booking. Ho spulciato un pò questa sezione e alcune cose mi sono state utili, per altre mi rimangono dei dubbi.

    Considerando quindi i siti di booking già presenti e i metodi più utilizzati, mi piacerebbe apprendere alcune dinamiche tecniche e metodologiche dei più famosi sul mercato (expedia, tripadvisor, booking.com , etc). Il punto di vista richiesto è inteso sia dal punto di vista del visitatore, sia da quello del proprietario, sia da quello dell'amministratore di un eventuale sistema di booking-engine.
    Quindi, partendo da quelle domande più importanti:


    1) Booking-engine - COSTI E GUADAGNI
    Quali sono i metodi di pagamento e quali le fonti di guadagno? Ho letto che ci sono portali che applicano un margine in percentuale sul prezzo finale mostrato sul proprio sito (13%? 15%?). Ho letto anche di altri metodi che mi piacerebbe conoscere con maggior dettaglio (quote fisse annue per l'inserimento della propria struttura? Una richiesta di bonifico da parte della struttura ad avvenuto pagamento del visitatore?)

    Appurando che ciò sia (molto) a grandi linee quello che c'è attualmente sul mercato (correggetemi se sbaglio), quali procedure vengono messe in atto e quali sono quelle più utilizzate e convenevoli da applicare per un portale di strutture ricettive?


    2) Prenotazioni, blocco periodo e overbooking:

    Prendo in considerazione l'esempio della prenotazione istantanea sulla quale ho più dubbi proprio per una questione di dinamiche a me oscure.

    Il visitatore interroga un calendario, sceglie il periodo disponibile e decide di prenotare.
    Blocca il periodo istantaneamente? Aspetta una risposta da parte della struttura che magari convalida i dati della carta di credito?
    Viene richiesto, mediante paypal o simili, di versare un anticipo? Questo anticipo a chi viene bonificato? Al proprietario della struttura turistica o al portale al quale ne tratterrà il proprio margine di ricarico?

    Il proprietario , oppure l'ospite della struttura, ha un margine di tempo per poter confermare o annullare la prenotazione? Cosa comporta e in cosa consiste a quel punto un overbooking generico?


    Tempi di risposta, reperibilità e garanzia:

    Il proprietario della struttura dovesse ricevere la prenotazione da un sito di booking, come può avere il tempo di chiudere e sincronizzare i calendari su tutti quei siti che non sono a sua volta affiliati e impedire che vi siano delle doppie-prenotazioni?

    Lato cliente: Cosa potrebbe comportare l'annullamento preventivo di una prenotazione?


    3) Inserimento della propria struttur
    a
    Ci sono dei pre-requisiti? Ad esempio mi è stato detto che booking.com accetta solo strutture con partita IVA.Per ora mi fermo qui, scusate le domande confusionare ma purtroppo non saprei da dove partire..
    Ultima modifica di karedas; 22-07-11 alle 13:19
    Easysystem- Software and hardware solutions

  2. #2
    User
    Data Registrazione
    May 2006
    Messaggi
    13
    Ciao

    vedo che nessuno ti ha risposto...saranno tutti in ferie..:-)
    Per quanto posso vedo di risponderti io:
    1) per Booking: il cliente alla fine inserirà i dati della carta di credito sul sito di booking stesso. I dati serviranno SOLO a garanzia, il pagamento verrà effettuato in loco dal cliente. L'hotel entro un TOT di tempo dovrà bonificare la cifra delle commissioni a Booking.com
    Lo stesso ad esempio vale per Venere.
    Expedia invece pretende subito il pagamento tramite cdc (carta di credito) e quindi ti riconosce una commissione.
    Qui però non ti so dire come funziona il discorso del pagamento...ovvero se i dati della cdc devono passare prima da te e poi essere girati ad expedia...

    2) una volta che il cliente prenota sul tuo sito tramite Booking, blocca istantaneamente le camere prenotate. Arriva un messaggio alla struttura che tali camere sono state vendute.
    IL PROBLEMA (per esperienza diretta) è proprio quello che dicevi al punto successivo, ovvero: se l'hotel non provvede a modificare la disponibilità effettiva si rischiano gli OVERBOOKING...e questo ti posso assicurare che succede...sia con BOOKING che con EXPEDIA e altri.
    In quel caso l'hotel riprotegge il cliente su un'altra struttura di pari/superiore livello.

    Per quanto riguarda l'annullamento preventivo: ci sono condizioni e condizioni...bisogna vedere cosa impone l'hotel.
    Ti faccio un esempio: in alta stagione, tipo Carnevale di Venezia, l'hotel non sarà disposto ad accettare cancellazioni oppure avrà grandi restrizioni. Invece fuori periodo non ci saranno grossi problemi...


    Quello che proprio non so è: come fa Booking a trasferire i dati delle cdc all'hotel?? Perchè da quello che so i dati delle cdc stesse non possono rimanere nei server nemmeno di Booking, se non con grandissime spese di sicurezza...

    Speriamo che qualcuno ci risponda...

  3. #3
    Moderatore L'avatar di Van Basten
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Messaggi
    1,047
    1) Booking-engine - COSTI E GUADAGNI
    Quali sono i metodi di pagamento e quali le fonti di guadagno? Ho letto che ci sono portali che applicano un margine in percentuale sul prezzo finale mostrato sul proprio sito (13%? 15%?).
    Booking.com arriva a chiedere anche il 20% sulla prenotazione. Io richiedo una quota fissa ogni anno ma non è un sistema che attira molto i clienti perchè logicamente non hanno la percezione delle prenotazioni che gli arrivano. Altrimenti ci sono dei siti che chiedono un fisso per ogni prenotazione o addirittura per ogni contatto (tipo 5€ per ogni prenotazione), devo dire che è la via di mezzo fra la percentuale ed la somma fissa.

    2) Prenotazioni, blocco periodo e overbooking:

    Il visitatore interroga un calendario, sceglie il periodo disponibile e decide di prenotare.
    Blocca il periodo istantaneamente? Aspetta una risposta da parte della struttura che magari convalida i dati della carta di credito?
    Viene richiesto, mediante paypal o simili, di versare un anticipo? Questo anticipo a chi viene bonificato? Al proprietario della struttura turistica o al portale al quale ne tratterrà il proprio margine di ricarico?
    Il visitatore blocca il periodo e paga subito online, e non paga un anticipo ma tutta la somma. Come viene trasferito il denaro non te lo so dire sinceramente.

    Il proprietario , oppure l'ospite della struttura, ha un margine di tempo per poter confermare o annullare la prenotazione? Cosa comporta e in cosa consiste a quel punto un overbooking generico?
    Beh dipende da hotel e portale. Per esperienza personale mi è capitato di essere mandato da un altra parte (e mi sono stati restituiti i soldi) perchè nel frattempo avevano dato via la camera...


    Tempi di risposta, reperibilità e garanzia:

    Il proprietario della struttura dovesse ricevere la prenotazione da un sito di booking, come può avere il tempo di chiudere e sincronizzare i calendari su tutti quei siti che non sono a sua volta affiliati e impedire che vi siano delle doppie-prenotazioni?
    Ci sono dei sistemi integrati web-software, di solito vengono forniti dal portale. Poi dipende da portale a portale.

    3) Inserimento della propria struttura
    Ci sono dei pre-requisiti? Ad esempio mi è stato detto che booking.com accetta solo strutture con partita IVA.
    La P.I. sicuramente, poi c'è chi rifiuta le strutture troppo piccole.
    MODTurismo e Marketing rigondavide.com seo, marketing e montagna

  4. #4
    User
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Località
    Firenze
    Messaggi
    82
    Aggiungi Caffeone su Facebook Aggiungi Caffeone su Linkedin Visita il canale Youtube di Caffeone
    Ciao

    io sono in fase di pre start up col portale e ti dico che se il portale incassa a % sul transato va incontro a beghe di tipo legislativo (solo in Italia) tanto che Booking nata a Pisa ora ha sede a Bruxelles.

    ciao ciao
    www.gohasta.com

  5. #5
    User
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Pescara
    Messaggi
    128
    Ciao ragazzi,

    Citazione Originariamente Scritto da lucrez Visualizza Messaggio
    Quello che proprio non so è: come fa Booking a trasferire i dati delle cdc all'hotel?? Perchè da quello che so i dati delle cdc stesse non possono rimanere nei server nemmeno di Booking, se non con grandissime spese di sicurezza...
    anche a me interessa molto questo aspetto, qualcuno ne sa qualcosa?

  6. #6
    User
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    83

    Portali di booking online

    Provo a chiarire un pò i vari apsetti del problema.
    Innanzitutto va chiarito un aspetto fondamentale: siamo solo una piattaforma di prenotazione online o fungiamo come agenzia viaggi onlne?
    La precisazione è fondamentale per evitare anche problemi giuridici.
    In particolare la piattaforma di booking online offre solo un servizio di prenotazione sul web, cioè un'interfaccia tecnologica che consente il booking online dove gli "attori" principali sono l'utente e la struttura ricettiva.
    In questo caso il "contratto" di prenotazione si intende stipulato tra la struttura e l'utente, il portale resta estraneo alla prenotazione.
    Nel caso di un'agenzia viaggi online invece, tipo Expedia, il contratto di prenotazione o vendita viene stipulato tra utente e agenzia che pertanto per operare ha bisogna della relativa Licenza di Agenzia Viaggi.
    Fatta questa premessa passo a chiarire i diversi punti:
    1) Percentuali e commissioni, queste vengono stabilite liberamente seguendo le leggi del mercato; in particolare più prenotazioni dimostri di poter fare e più alta è la commissione che puoi richiedere all'albergatore. In genere comunque si attestano sul 10% per portali o agenzie che fanno un fatturato limitato, dal 13 al 20% per i portali più importanti. Un'altra differenza esiste tra hotel, residence e villaggi, gli hotel riconoscono in genere la commissione più bassa, il residence la più alta che può arrivare oltre il 25%. Ultima variabile è l'ubicazione della struttura; una struttura di una località famosa concede una commissione inferiore a quella ubicata in una località secondaria.
    2) Prenotazione online, in questa caso, considerando che la disponibilità delle camere è "online" , la prenotazione si intende perfezionata immediatamente. Infatti alla conclusione dell'operazione automaticamente la piattaforma invia alla struttura la conferma della prenotazione dell'utente che a sua volta riceve una mail di conferma dell'accettazione della prenotazione da parte della struttura.
    Da tenere presente che è proprio questa prerogativa della conferma immediata che non fa applicare in questo settore la clausola del ripensamento per gli acquisti online.
    Detto questo preciso che comunque l'utente ha la possibilità di annullare la prenotazione in base alle politiche di cancellazione precisate dalla struttura o dall'agenzia e che devono essere riportate sul portale.
    L'aggiornamento delle disponibilità su vari portali la struttura lo può effettuare automaticamente utilizzando software come i Channel Manager.
    3) Tempi di risposta, come ho già precisato la piattaforma risponde in tempo reale e dà la conferma immediata. La possibilità di annullamento della prenotazione è vincolata alle condizioni generali e in alcuni casi la prenotazione è revocabile pagando una penale.
    4) Requisiti per entrare nei portali, anche questo aspetto segue le leggi del mercato; un' interessante struttura di Venezia non avrà nessun problema a entrare in Booking.com, forse sarà addirittura il portale a chiederlo e per convincerla le proporrà una commissione contenuta e senza vincolo di Allotment. Mentre per una struura modesta situata in una località sconosciuta sarà molto difficile inserirsi in questi portali.
    In conclusione voglio ricordare che una delle problematiche principali del settore è la possibilità per il portale di poter contare su una certa disponibilità di camere delle strutture per questo sarebbe importante al momento della stipulazione del contratto con una struttura, poter inserire l'obbligo di avere un Allotment su un preciso numero di camere.
    Un altro aspetto sono le tariffe delle strutture, la cosidetta "parity rate", il Revenue management, gli sconti, le promozioni, le tariffe non rimborsabili, le convenzioni, etc.,ma questa è tutta un'altra storia.

  7. #7
    User
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Pescara
    Messaggi
    128
    Aggiungo carne al fuoco:
    1. quale può essere una percentuale fisiologica di prenotazioni non andate a buon fine? (noshow, cancellazioni entro e fuori termini, overbooking)
    2. In caso di applicazione di penale, il prelievo sulla carta viene fatto direttamente dalla struttura, giusto? In questo caso, come viene comunicato alla struttura il numero di carta?
    3. Ci sono portali a prenotazioni immediata, altri a "preventivo" con prenotazione successiva. Cosa ne pensate?

    Saluti

  8. #8
    User
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    83

    Portali di booking

    1) In caso di noshow si addebita al cliente la prima notte, negli altri casi la penalità prevista dalle politiche di cancellazione.
    2) La piattaforma conserva i dati della Carta di Credito, questi dati vengono utilizzati dalla struttura per chiedere l'addebito tramite il Pos. A volte la procedura di addebito è macchinosa e viene osteggiata dalle banche.
    3) La differenza sta nel fatto che quelli con prenotazione immediata sono il cosidetto "e-commerce turistico", gli altri no perchè sono semplicemente portali con "prenotazioni su richiesta" che oltre a dare scarsi risultati commerciali richiedono un notevole impegno di tempo per la verifica della disponibilità e delle tariffe.

  9. #9
    User
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Pescara
    Messaggi
    128
    Grazie infox,
    secondo la vostra esperienza, qual è una percentuale fisiologica di prenotazioni non andate a buon fine per i diversi motivi?
    Per quanto riguarda la carta di credito, non viene quindi trasmessa in qualche modo alla struttura, ma direttamente disponibile sulla piattaforma?
    Per quello che ne so, per detenere i dati integrali di una carta di credito, bisogna essere conformi allo standard PCI DSS, che impone delle misure di sicurezza enormi, non ipotizzabili per piccoli portali.

  10. #10
    User
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    241
    Citazione Originariamente Scritto da infox Visualizza Messaggio
    3) La differenza sta nel fatto che quelli con prenotazione immediata sono il cosidetto "e-commerce turistico", gli altri no perchè sono semplicemente portali con "prenotazioni su richiesta" che oltre a dare scarsi risultati commerciali richiedono un notevole impegno di tempo per la verifica della disponibilità e delle tariffe.
    Ciao Infox,

    dai tuoi post noto che hai notevoli conoscenze sul booking on-line, tuttavia, con esperienze annuali nel settore dei portali turistici, contraddico in pieno quanto stai affermando.

    1) il booking on-line viene evitato come la peste dagli utenti accorti (soprattutto da italiani per località italiene). Nonostante i siti di booking si spaccino come quelli che fanno risparmiare, in realtà segnalano circa 1/7 delle strutture realmente disponibili, ed i prezzi non sono certo i migliori.

    2) A meno di non dover prenotare dall'oggi al domani, la richiesta di più preventivi, contattando direttamente le strutture, ed ottenendo i prezzi migliori, le risposte ad eventuali domande, è la soluzione più adottata e preferita.

    Un portale che offre entrambe le possibilità di prenotazione ha questi risultati:

    0,2 % di prenotazioni immediata, e permanenza media quasi sempre di un solo giorno

    10% di prenotazioni con contatto diretto, con permanenza media di una settimana (alla faccia degli scarsi risultati commerciali)

  11. #11
    User
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    83

    Portali di booking

    Salve
    Non so la provenienza dei tuoi dati, ma francamente sono molto differenti da quelli in mio possesso.
    - In assoluo è più facile trovare prezzi bassi da un Tour operator online (Expedia, Logi travel, Booking.com, etc.) perchè grazie alla loro forza commerciale riescono a spuntare tariffe nette molto vantaggiose.
    - Sicuramente il booking online favorisce le prenotazioni di 2/3 giorni, meno quelle di 1 settimana in cui l'utente vuole più rassicurazioni.
    - Le percentuali di 0,2% e 10% a cosa si riferiscono, al traffico, alla mail info, etc.
    - I costi di gestione poi .................................................. .......
    Se tu trasformi il 10% delle mail di richiesta info in prenotazioni, cosa ti viene a costare il tutto; considerando che mediamente la commissione e intorno al 10/13%, cosa rimane al gestore del portale dopo aver sottratto alla commissione i costi di acquisizione cliente (visibilità online, costo impiegata per contatto struttura e calcolo preventivo)?

    Infine ti lascio una riflessione, perchè le strutture ricettive, nonostante la tua "tesi di portali peste" fanno la coda per chiedere l'inserimento nei portali delle agenzie viaggi online pagando commissioni fino al 30% (soprattutto per i mercati esteri), e addirittura inseriscono un link sui loro siti per consentire la prenotazione online degli utenti su queste piattaforme? (tipo booking.com)
    E' chiaro che questi portali non soddisfano l'esigenza di tutti i consumatori, del resto l'e-commerce non è per tutti, c'è chi fa acquisti online con disinvoltura e piena soddisfazione da anni e c'è chi è ancora diffidente perchè ha paura di una fregatura.
    Anche per le strutture ricettive è la stessa cosa, ci sono quelle che credono nel booking online e si organizzano in tal senso inserendosi nei portali e aggiornando sempre la disponibilità online e invece ci sono invece quelle che non vogliono il booking per vari motivi, vogliono contrattare il prezzo direttamente con il cliente, vogliono "selezionare" la clientela, non riescono a tenere aggiornate le disponibilità, hanno un numero ridotto di camere, etc.

    Del resto il mondo è bello perchè è vario!
    Buon lavoro
    In fondo il mondo è bello perchè è vario!
    Buon lavoro

  12. #12
    User
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    241
    Spiego meglio quanto esposto nel mio precedente post.

    Prendi una qualunque località, nella stessa proponi sia strutture prenotabili tramite un servizio di booking on-line (1), sia strutture prenotabili contattando telefonicamente che via e-mail (2).

    Il presupposto è che chi accede alla pagina sia interessato a soggiornare in tale località.

    Per il caso (1) le prenotazioni si concretizzano nello 0,2% dei casi, nel caso 2 nel 10% dei casi.

    Si potrebbe obbiettare che nel caso (1) non bisogna muovere un dito e ci si ritrova con un ospite, nel caso (2) si deve rispondere a 10 persone prima che una diventi ospite.

  13. #13
    User
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    348
    Personalmente manco farei la fatica di mandare l'email a un hotel se ho la possibilita' di prenotare direttamente online.

    Mi sembra che come sempre si debba verificare localita' e tempi.

    Se cerco un'hotel a Firenze per una notte, preferisco prenotare online/telefonare un'email difficile la spedisco.

    Se cerco un'hotel per una settimana di vacanza al mare dopo 358 giorni di lavoro e trovo la struttura che mi soddisfa anche se non ha il booking online gli spedisco un'email .

    Quindi credo che molto dipenda dalla localita' e dalla tipologio della struttura.

  14. #14
    ModSenior L'avatar di vnotarfrancesco
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Torino
    Messaggi
    16,164
    Segui vnotarfrancesco su Twitter Aggiungi vnotarfrancesco su Google+ Aggiungi vnotarfrancesco su Linkedin
    Citazione Originariamente Scritto da wookie Visualizza Messaggio
    Personalmente manco farei la fatica di mandare l'email a un hotel se ho la possibilita' di prenotare direttamente online.
    Da viaggiatore Io invece preferisco proprio mandare una e-mail sia perché scripta manent verba volant, sia perché impiego meno tempo e posso contattare più hotel contemporaneamente.

    Dalle risposte via e-mail e dalla loro celerità capisco (mi piace pensare di poter capire) la professionalità e la disponibilità della struttura ricettiva.

    Un sistema di prenotazione online non mi permette di entrare in rapporto in questo modo.
    Magari sarò strano io, però preferisco un contatto più diretto.
    Naturalmente telefono sempre la settimana prima per assicurarmi che tutto sia apposto.


    Valerio Notarfrancesco
    MODSeo e Tecnologie
    Per consigli e strategie SEO seguimi su Google Plus +Valerio Notarfrancesco - Twitter
    Seconda edizione Seo Power

  15. #15
    User
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    241
    Indirettamente entrambi state confermando esattamente quanto ho scritto, e che verifico ogni giorno nel portale che gestisco.

    Citazione Originariamente Scritto da dirioz Visualizza Messaggio
    A meno di non dover prenotare dall'oggi al domani, la richiesta di più preventivi, contattando direttamente le strutture, ed ottenendo i prezzi migliori, le risposte ad eventuali domande, è la soluzione più adottata e preferita.

    Un portale che offre entrambe le possibilità di prenotazione ha questi risultati:

    0,2 % di prenotazioni immediata, e permanenza media quasi sempre di un solo giorno

    10% di prenotazioni con contatto diretto, con permanenza media di una settimana (alla faccia degli scarsi risultati commerciali)
    Questo mette anche in evidenza come la nicchia del booking online copra solo la parte del "tocca e fuggi".

  16. #16
    User
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    83

    Portali di booking online

    Penso che bisogna fare una distinzione di fondo tra hotel business e hotel per vacanze.
    Sicuramente per le vacanze l'utente richiede più chiarimenti e quindi utilizza la mail o il telefono, se trova questa possibilità.
    Io comunque non credo alle statistiche di Dirioz, qual'è il portale preso in considerazione? Gli utenti arrivano sul portale con gli stessi strumenti di web marketing?
    Personalmente gestisco da anni portali con booking e portali con prenotazioni su richiesta, le mie statistiche, come ho già riportato nei precedenti interventi, sono completamente diverse.
    Le statistiche riportate da Diroz si riscontrano solo nel caso del sito specifico di una struttura ricettiva e non nel caso di un portale.
    Oltretutto gli addetti ai lavori sanno benissimo che nel caso di portali con richiesta di preventivo spesso succede che l'utente contatta e prenota direttamente sul sito della struttura ricettiva.
    Per mia esperienza nel turismo online quello che conta è soprattutto il prezzo.
    Se riesci a spuntare tariffe scontate, il portale fattura, se invece hai le stesse tariffe della struttura, perdi in partenza a meno che non sei booking.com, expedia, etc. che investono milioni di euro su google e quindi sono in grado di essere presenti con tutte le keywords possibili, anche quelle con il nome della struttura, poi grazie alle loro offerte come per esempio "le tariffe non rimborsabili" riescono a proporre prezzi inferiori a quelle ufficiali delle strutture e quindi diventano molto competitivi.
    In questo senso, l'ultimo esempio è quello di groupon e similari, portali che riescono a realizzare anche più di 500 prenotazioni in 1 solo giorno di pubblicità, vendendo online pacchetti scontati anche più del 50% con pagamento immediato con carta di credito.
    Per concludere io penso che oggi avere un portale turistico senza booking online, equivale a realizzare un sito di e-commerce di orologi che, quando l'utente, dopo aver scelto l'orologio di suo gradimento vuole acquistarlo, gli viene detto di inviare una mail di richiesta disponibilità perchè si deve verificare se il prodotto è ancora disponibile.
    Mi sembra che oltre a essere un controsenso commerciale, questo sia anche l'aberrazione dell'e-commerce.
    Saluti

  17. #17
    User
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    83

    Portali di booking online

    A me queste statistiche di Dirioz non mi convincono.
    A meno che non ci troviamo in presenza di un portale che propone soggiorni termali o offerte specifiche per famiglie con bambini, i dati di Dirioz non corrispondono a quelli in mio possesso. Le statistiche di Dirioz corrispondono piuttosto alle performances di un sito di una struttura e non a quelli di un portale.
    Qual'è il nome del portale che offre queste statistiche?
    Come arrivano gli utenti? Si usano strategie promozionali online o altro?
    Oltretutto, dalla mia eperienza ho visto che nel caso di un portale con richiesta di preventivo, molto spesso si verifica che l'utente alla fine del suo iter, prende informazioni dal portale, ma prenota contattando direttamente la struttura ricettiva.
    La vera differenza nel turismo online non la fa il booking o la richiesta di preventivo, ma la fa quasi sempre il prezzo!
    Se hai un potere contrattuale tale che ti permette di offrire pacchetti a tariffe scontate vendi, se hai un portale con le stesse tariffe delle strutture, perdi in partenza.
    A meno che non ti ricavi una nicchia particolare o sei Booking, Expedia, etc. che spendendo milioni di euro riescono a essere presenti su google con tutte le keywords, anche quelle con il nome della struttura.
    Ma anche loro utilizzano la leva del prezzo, infatti tramite le "tariffe non rimborsabili" propongono prezzi decisamente inferiori ai prezzi ufficiali delle stesse strutture ricettive.
    In questo ambito si collocano anche i vari Groupon e similari che riescono a vendere anche oltre 500 prenotazioni in 1 giorno, grazie a pacchetti con tariffe scontate di oltre il 50% che l'utente acquista online con la carta di credito. (alla faccia dello 0,2%).
    In conclusione penso che oggi avere un portale turistico senza booking equivale ad avere un sito di e-commerce di orologi che quando il liente vuole acquistare il modello prescelto, gli viene detto di inviare una mail di richiesta disponibilità perchè si deve verificare se il prodotto è disponibile.
    Oltre a essere un controsenso commerciale mi sembra che questo sia l'aberrazione dell'e-commerce.
    Saluti

  18. #18
    User
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    241
    Citazione Originariamente Scritto da infox Visualizza Messaggio
    In conclusione penso che oggi avere un portale turistico senza booking equivale ad avere un sito di e-commerce di orologi che quando il cliente vuole acquistare il modello prescelto, gli viene detto di inviare una mail di richiesta disponibilità perchè si deve verificare se il prodotto è disponibile.
    Oltre a essere un controsenso commerciale mi sembra che questo sia l'aberrazione dell'e-commerce.
    Saluti
    Le cose sono molto diverse: un conto è un bene che è quello, sia comprato da tizio che da caio, e quindi basta guardare il prezzo, un conto è scegliere tra decine o centinaia di alberghi disponibili.

    Ad ogni modo, giusto per chiarire, dal portale che gestisco è possibile prenotare oltre 5000 strutture utilizzando booking . com (tramite la cosiddetta white label, dalla quale non si capisce che si tratta di booking - mi sono rifiutato di fargli pubblicità al marchio vista la bassissima percentuale di prenotazioni che se ne ricava - ). Le strutture prenotabili tramite booking sono comunque poche rispetto al totale delle strutture pubblicate.

    Il portale permette "purtroppo" anche altri tipi di contatti con le strutture, ed i risultati sono quelli che ho detto.

    Ho collaborato in passato anche con expedia (con pay x click), venere, initalia ... il risultato non cambia, se la gente ha molte proposte non prenota tramite loro.

    Se poi pubblichi solo strutture di booking (come ho visto in tantissimi siti), la percentuale cresce... ma si viaggia comunque sull 1-2% di prenotazioni.

  19. #19
    User
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    83

    Portali di Booking

    Intanto diciamo che nel turismo online, in particolare per un sito di una struttura ricettiva, la percentuale di conversione difficilmente va oltre il 4%, mentre per un portale la percentuale diminuisce.
    Quindi per fare business bisogna avere tante visite, oltre 10.000 visitatori giornalieri. E' chiaro che il tuo portale essendo un white label non riesce a posizionarsi bene nei motori e quindi per ottenere visite deve utilizzare strumenti di pubblicità online costosi tipo il ppc.
    Se poi queste visite generano prenotazioni di 1 o 2 notti e la sua percentuale è del 10% rischia di rimetterci.
    Ma questo non è colpa del booking online ma dell'indeguatezza del tuo sistema di portale.
    Non ho capito infine che cosa fanno gli altri "contatti con le strutture",
    Linkano per caso i siti delle strutture?
    Saluti

  20. #20
    User
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    241
    Le vie del signore sono infinite: credere che la propria via sia quella giusta è lecito, credere che sia la migliore è discutibile, ma credere che sia l'unica è da presuntuosi. Il bello di un forum è quello di poter esprimere le proprie opinioni ed esperienze: esprimere sentenze senza saper nulla di chi c'è dall'altra parte è però un grave errore.

    Citazione Originariamente Scritto da infox Visualizza Messaggio
    Intanto diciamo che nel turismo online, in particolare per un sito di una struttura ricettiva, la percentuale di conversione difficilmente va oltre il 4%, mentre per un portale la percentuale diminuisce.
    Questa è semplicemente la tua opinione. Secondo la mia esperienza, invece, se sono interessato ad una certa località e giungo in un portale che propone un ventaglio completo di proposte (sto lavorando da anni per avvicinarmi a tale situazione), un contatto, dopo aver già filtrato le strutture che interessano, si trasforma più facilmente in prenotazione rispetto al visitatore del singolo sito.

    Citazione Originariamente Scritto da infox Visualizza Messaggio
    Quindi per fare business bisogna avere tante visite, oltre 10.000 visitatori giornalieri. E' chiaro che il tuo portale essendo un white label non riesce a posizionarsi bene nei motori e quindi per ottenere visite deve utilizzare strumenti di pubblicità online costosi tipo il ppc.
    Chi ha mai detto di avere un portale in white label? Per me la white label è un semplice link ad una pagina, no follow per giunta.

    Il tuo "è chiaro", indica semplicemente quanto è chiaro secondo la tua eseprienza: secondo la mia è tutt'altro. Sono nella prima pagina di google con 2271 query, di cui in prima posizione con 599. Dati fornite da strumenti per webmaster, che come ben saprai rappresentano solo una parte del totale. Query che fanno regolarmente gli internauti, non certo query che mi invento io per illudere un potenziale cliente.

    Mai speso un centesimo in ppc.

    Citazione Originariamente Scritto da infox Visualizza Messaggio
    Se poi queste visite generano prenotazioni di 1 o 2 notti e la sua percentuale è del 10% rischia di rimetterci.
    Ma questo non è colpa del booking online ma dell'indeguatezza del tuo sistema di portale.
    Non ho capito infine che cosa fanno gli altri "contatti con le strutture",
    Linkano per caso i siti delle strutture?
    Saluti
    Altra tua pura e semplice opinione. Anche il tgcom ha sputato sentenze negative su wikipedia, il tgcom.........

  21. #21
    User
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Pescara
    Messaggi
    128
    Salve a tutti,
    vorrei provare a ragionare con dati alla mano, ovviamente ognuno per la propria esperienza.
    Io posso dirvi che il mio portale, che lavora solo sulla base di preventivo e successiva prenotazione, realizza il 3% delle prenotazioni.
    Ovviamente le ragioni della mancata realizzazione della prenotazione possono essere tantissime, mancata risposta della struttura, risposta tardiva, non accettazione del preventivo, fino addirittura a indirizzo email del cliente errato e azione dei filtri antispam.

    Ho sempre avuto il dilemma della scelta tra prenotazione immediata e richiesta di preventivo, voi avete dati verificati?

  22. #22
    User
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    83

    Portali di booking online

    Sono d'accordo con te Dirioz che l'esperienza personale è poi quella che conta, ma la mia è solo la risposta argomentata alle tue affermazioni che reputano la richiesta di preventivo come la soluzione migliore rispetto al booking online. Ora poi si scopre che il portale presenta solo il link al whitelabel del booking.
    Ma allora parliamo di un'altra cosa non di un portale di booking online.
    Quando parli di percentuali di trasformazione che parametri prendi in considerazione?
    Per avere un dato obiettivo dovresti tener conto solo delle visite ricevute dal whitelabel e non delle visite totali del portale che invece dovrebbero essere conteggiate per il calcolo della statistica per la richiesta di preventivi.
    Per Faxio posso dire che se il 3% è il rapporto con le visite del sito mi sembra ottimo, se invece è come penso la percentuale di prenotazioni rispetto ai preventivi effettuati è un pò bassa ma in linea con gli scarsi risultati del settore.
    Saluti

  23. #23
    User
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    241
    Citazione Originariamente Scritto da infox Visualizza Messaggio
    la richiesta di preventivo come la soluzione migliore rispetto al booking online
    Non è la migliore, è la preferita (la più usata). Dal lato commerciale, di chi propone il servizio, invece il booking è sicuramente la soluzione migliore: altrimenti perché spederebbero milioni di euro in pubblicità? La pubblicità ha proprio lo scopo di proporre un prodotto come se fosse il migliore.

    Citazione Originariamente Scritto da infox Visualizza Messaggio
    Ma allora parliamo di un'altra cosa non di un portale di booking online.
    Infatti, ho sempre parlato di un ibrido, che permette sia contatti diretti che prenotazioni tramite un servizio di booking. Atrimenti come avrei fatto a paragonare le cose?

    Citazione Originariamente Scritto da infox Visualizza Messaggio
    Quando parli di percentuali di trasformazione che parametri prendi in considerazione?
    La struttura X riceve una richiesta, che probabilità ha che tale richiesta diventi una prenotazione effettiva? Il 10% di cui parlavo. Naturalmente è un valore medio basato su migliaia di strutture. C'è chi ottiene 0% e chi 100%

    Citazione Originariamente Scritto da infox Visualizza Messaggio
    Per avere un dato obiettivo dovresti tener conto solo delle visite ricevute dal whitelabel
    lo 0,2% è già calcolato in quel modo

    Citazione Originariamente Scritto da infox Visualizza Messaggio
    e non delle visite totali del portale che invece dovrebbero essere conteggiate per il calcolo della statistica per la richiesta di preventivi.
    Quella è un'altra statistica ancora.
    Ultima modifica di dirioz; 13-10-11 alle 13:22

  24. #24
    User
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    83

    Portali di booking online

    Mi sembra che alla fine ci stiamo chiarendo. Non capisco perchè per la statistica della conversione delle richieste preventivi fai riferimento al numero di preventivi ricevuti, invece per la statistica del booking fai riferimento alle visite del whitelabel. A rigor di logica sarebbe più logico far riferimento alle visite anche per calcolare la percentuale di conversione delle richieste preventivi.
    A prescindere dalle nostre singole opinioni, è chiaro che un sistema misto non offre una visione obiettiva per poter giudicare l'efficacia dei singoli modelli di business. In questo caso un sistema diventa supporto dell'altro.
    E' un pò come se attualmente si volesse valutare l'efficacia dell'auto a benzina rispetto a quella elettrica; insieme i sistemi formano un'accopiata vincente, singolarmente quella elettrica è perdente perchè offre prestazioni limitate. Così succede nel tuo caso con il whitelabel del booking.
    In pratica il confronto di "redditività complessiva" dei singoli sistemi, booking online e richiesta preventivi, bisognerebbe farlo tra 2 portali distinti con lo stesso traffico, in questo caso come ho avuto modo di chiarire, il booking online porta più guadagno e meno spese di gestione.

  25. #25
    User
    Data Registrazione
    Apr 2011
    Località
    Firenze
    Messaggi
    40
    Citazione Originariamente Scritto da lucrez Visualizza Messaggio
    Quello che proprio non so è: come fa Booking a trasferire i dati delle cdc all'hotel?? Perchè da quello che so i dati delle cdc stesse non possono rimanere nei server nemmeno di Booking, se non con grandissime spese di sicurezza...

    Speriamo che qualcuno ci risponda...
    Booking in fase di attivazione richiede tassativamente una linea dedicata al Fax , senza switch e amenità varie.

    I dati della cdc e le prenotazione vengono comunicati alla struttura SOLO tramite fax.
    Se il fax non dovesse ricevere per problemi alla linea allora verrà inviata un'email , ma penso senza i dati della cdc.

    Infatti nell'extranet di booking puoi vedere le prenotazione senza i dati della cdc.

    Ciao

    Martin

+ Rispondi alla Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.