+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 7 di 7

Streaming musicale su YouTube come su Spotify: rottura o evoluzione?

Ultimo Messaggio di Anna Covone il:
  1. #1
    Non iscritto
    Data Registrazione
    Jun 2012
    LocalitÓ
    Bologna
    Messaggi
    2,784

    Streaming musicale su YouTube come su Spotify: rottura o evoluzione?

    Da qualche settimana si vociferava sull'intenzione di Google di creare un servizio simile a quello che fa oggi Spotify e di usare a questo fine proprio YouTube. Colgo l'occasione per parlarne qui nel forum citando l'articolo scritto oggi da Matteo Aldamonte sul blog di giorgiotave.it.

    I servizio Ŕ

    Gratis nellĺascolto dei file musicali online, a pagamento nel momento in cui lĺutente desidera il download.
    Sembra che tutto sia pronto per il lancio e vadano finalizzati solo gli accordi con i produttori musicali.

    Le mire espansionistiche di Google nel mondo del web non sono certo un mistero, giÓ con YouTube Movie trapelava da Google la visione di YouTube non solo come piattaforma di video sharing ma come vero e proprio incubatore di contenuti audiovisivi. Pensiamo alle possibilitÓ di noleggio, agli Original Channels e all'arrivo di YouTube anche nelle TV.

    Voi cosa ne pensate? Questo nuovo servizio si integrerÓ in maniera armoniosa con YouTube, quasi come inevitabile evoluzione di un sito che viene prevalentemente utilizzato per l'ascolto di musica, oppure andrÓ a destabilizzare un equilibrio giÓ abbastanza scosso dalle radicali trasformazioni della piattaforma avvenute negli ultimi mesi?

    Fatemi sapere,

    Anna

  2. #2
    Non iscritto
    Data Registrazione
    Jun 2012
    LocalitÓ
    Bologna
    Messaggi
    2,784
    Anche Wired pubblica un articolo per discutere la notizia. Secondo Wired:

    I margini di successo, almeno potenziali, ci sarebbero tutti. Basti pensare che YouTube, che conta qualcosa come circa 800 milioni di visitatori al mese, si Ŕ giÓ trasformato, almeno in buona parte, in una piattaforma per ascoltare musica, tanto che qualcuno lo ha soprannominato la nuova Mtv.
    Inoltre, in quanto al sistema di pagamento, si specifica che:

    La nuova opzione offerta dal sito di Google prevederebbe musica distribuita gratis (o meglio, pagata attraverso il sistema degli annunci pubblicitari) o con un abbonamento che preveda di accedere ai contenuti saltando i fastidiosi ads.

  3. #3
    User L'avatar di Jecks
    Data Registrazione
    Jan 2013
    LocalitÓ
    sanremo
    Messaggi
    167
    Aggiungi Jecks su Google+ Aggiungi Jecks su Facebook Visita il canale Youtube di Jecks
    L'idea Ŕ buona, ma all'atto pratico, per l'ascoltatore non credo che cambierÓ molto. GiÓ ora ognuno ha le proprie playlist e se vuole acquistare il brano nella maggior parte dei casi c'Ŕ il link a itunes. Probabilmente la loro idea Ŕ quella di vendere direttamente i brani e tagliare fuori quest'ultimo e ci stanno giÓ provando con un discreto successo tramite google play che sarebbe la versione per android di itunes.
    Ultima modifica di Anna Covone; 08-03-13 alle 11:03 Motivo: Maiuscola iniziale ;)

  4. #4
    Non iscritto
    Data Registrazione
    Jun 2012
    LocalitÓ
    Bologna
    Messaggi
    2,784
    Citazione Originariamente Scritto da Jecks Visualizza Messaggio
    Probabilmente la loro idea Ŕ quella di vendere direttamente i brani e tagliare fuori quest'ultimo e ci stanno giÓ provando con un discreto successo tramite google play che sarebbe la versione per android di itunes.
    Interessante questa tua riflessione. Credo anche io che YouTube voglia gestire, pian piano, tutto da solo. La partnership con iTunes Ŕ stata una necessitÓ ma non Ŕ una situazione soddisfacente per Google che ha ambizioni ben pi¨ totalizzanti.

    Io mi chiedo, chissÓ se ci sarÓ una nuova sezione di YouTube adibita allo streaming musicale? Comunque non credo sia qualcosa che riusciranno ad implementare in pochissimo tempo anche se hanno dichiarato che praticamente Ŕ giÓ "tutto pronto".

    A.

  5. #5
    User L'avatar di Jecks
    Data Registrazione
    Jan 2013
    LocalitÓ
    sanremo
    Messaggi
    167
    Aggiungi Jecks su Google+ Aggiungi Jecks su Facebook Visita il canale Youtube di Jecks
    Visti i litigi dell'ultimo anno c'era da aspettarsi un progressivo divorzio tra apple e google.
    Quello che spero Ŕ che non creino un nuovo portale dedicato solo allo streaming musicale, ma che lo implementino totalmente in youtube. A me piacciono le cose "all-in-one".

  6. #6
    Non iscritto
    Data Registrazione
    Jun 2012
    LocalitÓ
    Bologna
    Messaggi
    2,784
    Citazione Originariamente Scritto da Jecks Visualizza Messaggio
    Quello che spero Ŕ che non creino un nuovo portale dedicato solo allo streaming musicale, ma che lo implementino totalmente in youtube.
    Si, infatti Ŕ lo stesso mio timore: mi dispiacerebbe uno YouTube spezzettato. Purtroppo ancora nessuna anticipazione, la curiositÓ dovrÓ attendere . Uff.

    Ciao,
    A.

  7. #7
    Non iscritto
    Data Registrazione
    Jun 2012
    LocalitÓ
    Bologna
    Messaggi
    2,784
    Ciao Jecks,
    praticamente questo articolo di Punto-informatico.it ha risposto a molte delle nostre domande.
    Per quanto riguarda il lato economico, Google:

    avrebbe intenzione di applicare due diversi modelli di consumo in streaming dal Tubo. Ci sarebbe infatti una versione gratuita, ma supportata dalla pubblicitÓ e una versione a pagamento totalmente priva di inserzioni. In sostanza, il portalone di Mountain View andrebbe a rivaleggiare con i principali protagonisti (Spotify e Pandora) dell'ascolto in streaming di musica digitale.
    Per Punto-informatico.it la creazione di un servizio di streaming musicale da parte di Google/YouTube andrebbe a creare:

    un fossato incolmabile per qualsiasi altro possibile concorrente sul terreno della videomusica e non solo online
    Molto interessanti le conclusioni che rispondono alla mia domanda se vedere tutto ci˛ come una rottura oppure un'evoluzione:

    Per quasi 8 anni la musica ha circolato in maniera gratuita nella forma del video attraverso YouTube, e a lungo questo Ŕ stato il modo pi¨ efficace per ascoltare rapidamente e in streaming qualsiasi cosa (in certi paesi ancora lo Ŕ). Tutto ci˛ ha creato meme musicali dalle finalitÓ imprevedibili, ha cambiato i modelli di business e adesso influisce sulla classifica musicale pi¨ importante (fatto che a cascata provocherÓ altri cambiamenti). Per questo motivo ora la decisione di portare il servizio da un'altra parte e renderlo uno streaming pi¨ semplice, essenziale e per certi versi funzionale (tempi di caricamento pi¨ rapidi, miglior interfaccia) non pare come un passo indietro ma, anzi, uno in avanti anche per il mondo del video stesso, che ne subirÓ le conseguenze.
    Io mi trovo in accordo con la conclusione finale dell'articolo e sono curiosissima di vedere come funzionerÓ il tutto e quali nuove possibilitÓ ci potranno essere anche per i singoli musicisti. Sicuramente ci saranno mercati che risentiranno di questa espansione di Google/YouTube; altri invece verranno inglobati nel sistema e potranno trarne beneficio. Sicuro Google non poteva rimanere a guardare e perdersi questa fetta di mercato.

    In merito alla questione Google Play, leggo invece qui che:

    Google lancerÓ due servizi di streaming a sottoscrizione: uno dal marketplace Google Play per smartphone e tablet Android; e uno dalla piattaforma di video condivisioneYouTube.
    Ciao,
    A.
    Ultima modifica di Anna Covone; 10-03-13 alle 18:26

+ Rispondi alla Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB Ŕ Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] Ŕ Attivato
  • Il codice [VIDEO] Ŕ Attivato
  • Il codice HTML Ŕ Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.