Eccola, una YouTube sempre più collaborativa?