MODELLO 730

Il modello 730 è un modello di dichiarazione dei redditi utilizzabile dai pensionati e da alcune categorie di lavoratori dipendenti. E' stato introdotto nel 1993 per dichiarare i redditi del 1992.

Presenta alcuni vantaggi: è piuttosto semplice da compilare, non richiede calcoli e, soprattutto, permette di ottenere gli eventuali rimborsi direttamente con la retribuzione o con la pensione, in genere tra luglio ed agosto.

Il modello 730 è la dichiarazione preferenziale di tutti quei lavoratori (quindi non solo pensionati o dipendenti, ma ad esempio anche i parasubordinati) che possono usufruire di un datore di lavoro (cioè il sostituto di imposta) ai fini del conguaglio delle imposte).

Con il modello 730, infatti, si possono dichiarare i seguenti redditi:

  o redditi di lavoro dipendente;
o redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente;
o redditi dei terreni e dei fabbricati;
o redditi di capitale;
o redditi di lavoro autonomo per i quali non è richiesta la partita IVA;
o alcuni dei redditi diversi;
o alcuni dei redditi assoggettabili a tassazione separata.


N.B. I lavoratori con contratto di lavoro a tempo determinato per un periodo inferiore all´anno possono presentare il Mod. 730:
o al sostituto d´imposta se il rapporto di lavoro dura almeno dal mese di aprile al mese di luglio 2007;
o ad un centro di assistenza fiscale per lavoratori dipendenti (Caf-dipendenti) o ad un professionista abilitato se il rapporto di lavoro dura almeno dal mese di giugno al mese di luglio 2007 e conoscono i dati del sostituto che dovrà effettuare il conguaglio.

Possono utilizzare il Mod. 730, presentandolo ad un Caf-dipendenti o ad un professionista abilitato, i soggetti che nel 2007 posseggono soltanto redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente di cui all´art. 50, comma 1, lett. c-bis), del Tuir, cioè i redditi di collaborazione coordinata e continuativa, almeno nel periodo compreso tra il mese di giugno e il mese di luglio 2007 e conoscono i dati del sostituto che dovrà effettuare il conguaglio.

Il modello può essere presentato entro il 30 aprile al proprio sostituto d'imposta (il datore di lavoro o l'ente pensionistico) se quest'ultimo ha comunicato entro il 15 gennaio di voler prestare assistenza fiscale, oppure ad un Caf - dipendenti o ad un professionista abilitato entro il 31 maggio.
Le date sono soggette annualmente a modifiche.

Il modello è composto dal frontespizio, per l´indicazione dei dati anagrafici, e da alcuni quadri:

QUADRO A - redditi dei terreni
Deve essere compilato da coloro che possiedono a titolo di proprietà, enfiteusi, usufrutto o altro diritto reale dei terreni.

QUADRO B - redditi dei fabbricati
Deve essere compilato da coloro che possiedono a titolo di proprietà, usufrutto o altro diritto reale dei fabbricati.

QUADRO C - redditi di lavoro dipendente e assimilati
E' diviso in 3 sezioni:
1. nella prima si indicano i redditi di lavoro dipendente, di pensione e i redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente per i quali sono previste le deduzioni dal reddito;
2. nella seconda, vanno indicati tutti gli altri redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente per i quali non sono previste le ulteriori deduzioni;
3. nella terza, vanno indicati l´ammontare delle ritenute, delle addizionali regionale e comunale all´Irpef relative ai redditi indicati nelle prime due Sezioni nonché l´acconto dell´addizionale comunale all´Irpef per l´anno successivo.

QUADRO D - altri redditi
Il quadro D è diviso in due Sezioni:
o nella prima, vanno indicati i redditi di capitale, i redditi di lavoro autonomo e i redditi diversi;
o nella seconda, vanno indicati i redditi soggetti a tassazione separata.

QUADRO E - oneri e spese
Composto da quattro sezioni, in questo quadro vanno indicati tutti gli oneri che è possibile portarti in deduzione o in detrazione.

SEZIONE I - Oneri soggetti alla detrazione d´imposta del 19%

____-- spese sanitarie: la detrazione viene calcolata solo sulle spese eccedenti l'importo di EUR 129,11;
____-- interessi passivi sui mutui ipotecari contratti per l'acquisto dell'abitazione principale: la detrazione spetta su di un importo massimo di EUR 3.615,20;
____-- premi di assicurazione sulla vita e contro gli infortuni contratti entro il 31/12/2000;
____-- premi di assicurazione per il rischio di morte o invalidità permanente stipulati o rinnovati dal 01/01/2001;
____-- spese per istruzione;
____-- spese funebri;
____-- altri oneri: alcune erogazioni liberali, alcuni contributi associativi, spese veterinarie (nel limite di EUR 387,34 e con una franchigia di EUR 129,11), asili nido (al massimo EUR 632,00 a figlio);

SEZIONE II - oneri deducibili
Questi oneri vengono sottratti dal reddito lordo (c.d. Deduzione dal reddito complessivo):

____-- Contributi previdenziali ed assistenziali versati alla gestione della forma pensionistica obbligatoria d´appartenenza: i contributi previdenziali ed assistenziali versati in ottemperanza a disposizioni di legge, nonché i contributi volontari versati alla gestione della forma pensionistica obbligatoria d´appartenenza. Tali oneri sono deducibili anche se sostenuti per i familiari fiscalmente a carico;
____-- Contributi per gli addetti ai servizi domestici e familiari: i contributi previdenziali ed assistenziali versati per gli addetti ai servizi domestici ed all´assistenza personale o familiare, per la parte a carico del datore di lavoro, fino all´importo massimo di EUR 1.549,37;
____-- Contributi ed erogazioni a favore di istituzioni religiose;
____-- Spese mediche e di assistenza specifica dei portatori di handicap;
____-- Assegno periodico corrisposto al coniuge;
____-- Contributi e premi per forme pensionistiche complementari e individuali:L´importo deducibile non può essere superiore al 12 % del reddito complessivo e, comunque, a EUR 5.164,57;
____-- Altri oneri deducibili: tutti gli altri oneri deducibili diversi da quelli riportati nei precedenti righi. Ad esempio:
_______1. i contributi versati ai fondi integrativi al Servizio sanitario nazionale (SSN): ad esempio una quota del premio assicurativo sull'assicurazione RC auto.
_______2. altre erogazioni liberali.

SEZIONE III - Spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio per le quali spetta la detrazione del 41 % e/o del 36 %
In questa sezione vanno indicate le spese sostenute nell´anno 2006 o negli anni precedenti, relative alla ristrutturazione di immobili, all´acquisto o all´assegnazione di immobili facenti parte di edifici ristrutturati ed agli interventi di manutenzione o salvaguardia dei boschi.

SEZIONE IV - Altre detrazioni e deduzioni
___--Detrazione d´imposta spettante agli inquilini di immobili adibiti ad abitazione principale;
___--Detrazione d´imposta per canoni di locazione spettante a lavoratori dipendenti che trasferiscono la residenza per motivi di lavoro;
___--Detrazione per le spese di mantenimento dei cani guida;
___--Deduzione relativa alle spese per l´assistenza personale dei soggetti non autosufficienti.

QUADRO F - Acconti, ritenute ed eccedenze
Comprende le seguenti sezioni:
___SEZIONE I - Acconti Irpef relativi al 2006
___SEZIONE II - Altre ritenute subite
___SEZIONE III - Eccedenze risultanti dalle precedenti dichiarazioni
___SEZIONE IV - Ritenute e acconti sospesi per eventi eccezionali
___SEZIONE V - Trattenute del saldo dovuto per il 2006 e degli eventuali acconti relativi al 2007
___SEZIONE VI - Importi rimborsati dal sostituto d´imposta

QUADRO G - Crediti d´imposta
In questo quadro vanno indicati i crediti d´imposta relativi ai fabbricati, il credito d´imposta per l´incremento dell´occupazione e il credito d´imposta per i redditi prodotti all´estero.
Il quadro G è così strutturato:
___SEZIONE I - Crediti d´imposta relativi ai fabbricati: per indicare il credito d´imposta per il riacquisto della prima casa e il credito d´imposta per i canoni di locazione non percepiti.
___SEZIONE II - Credito d´imposta per l´incremento dell´occupazione
___SEZIONE III - Dati relativi ai redditi prodotti all´estero

QUADRO G - ICI
Nel 2007 è stata introdotta la facoltà per i contribuenti di utilizzare il credito risultante dalla dichiarazione dei redditi modello 730/2007 per il pagamento dell´imposta comunale sugli immobili (ICI) dovuta per l´anno 2007 (Decreto Legge n. 223 del 4 luglio 2006). Per l´esercizio di tale facoltà, è necessario compilare il quadro I.
Il contribuente che esercita tale facoltà non ottiene nel mese di luglio o agosto da parte del sostituto d´imposta il rimborso degli importi a credito, risultanti dalla dichiarazione, per la parte corrispondente all´importo del credito che ha chiesto di utilizzare per il pagamento dell´ICI mediante compensazione nel mod. F24.
Il contribuente può scegliere di destinare al pagamento dell´ICI l´intero ammontare del credito eventualmente risultante dalla liquidazione della dichiarazione ovvero, in alternativa, specificare l´importo dell´ICI che intende pagare utilizzando il credito risultante dalla dichiarazione.


DESTINAZIONE DELL´8 E DEL 5 PER MILLE DELL´IRPEF
Il contribuente può destinare:

   o l´8 per mille del gettito IRPEF allo Stato oppure ad una Istituzione religiosa;
o il 5 per mille della propria IRPEF a determinate finalità.

Tali scelte non determinano maggiori imposte dovute.
Per esprimere le predette scelte, il contribuente deve compilare l´apposita scheda (Mod. 730-1) da presentare integralmente anche nel caso in cui sia stata operata soltanto una delle scelte consentite.
Anche i contribuenti esonerati dall´obbligo di presentazione della dichiarazione, possono comunque effettuare la scelta utilizzando l´apposita scheda allegata allo schema di certificazione unica (CUD 2007) o al modello UNICO Persone Fisiche 2007 e seguendo le relative istruzioni per le modalità di presentazione.
(aggiornato secondo le istruzioni del Modello ...)

--Nimue del Lago 01:19, Gen 12, 2008 (CET)


  • Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 19 mag 2009 alle 22:22.
  • Questa pagina è stata letta 15 291 volte.