Sparatutto in prima persona (abbreviato spesso con l'acronimo FPS, dall'inglese First Person Shooter) è il termine adottato per indicare i videogiochi dove lo scopo principale è quello di affrontare livelli ambientati in esterni o interni con la visuale di gioco che simula la vista del personaggio principale (in prima persona). Normalmente in un videogioco di questo genere dal basso del campo visivo è possibile vedere la propria arma.

Etimologia

Il termine italiano deriva dalla combinazione di due diciture inglesi:

  • shoot 'em up, letteralmente spara a tutti
  • First person shooter, letteralmente [gioco in cui si] spara in prima persona

Il termine italiano vuole spesso sottolineare la frenesia di gioco tipica di molti titoli

Evoluzione e generi

Lo sparatutto in prima persona ha avuto una evoluzione ben precisa dovuta inizialmente a problemi correlati alla potenza di calcolo dei sistemi su cui questi giochi nascevano e giravano, e successivamente alla vera e propria meccanica di gioco. È possibile suddividere questa categoria infatti in alcuni sottogeneri

  • sparatutto in cui si hanno a disposizione molte munizioni, in cui la trama passa in secondo piano e c'è una grande quantità di nemici da abbattere (ad esempio Doom o il più recente Serious Sam).
  • sparatutto tattici in cui le munizioni sono limitate e i nemici sono pochi ma risultano molto forti. Solitamente la struttura dei livelli richiede che il giocatore pianifichi una strategia piuttosto precisa prima di affrontare un nemico o uno spazio aperto (ad esempio Halo).
  • sparatutto ambientati durante i conflitti (storici o inventati) (ad esempio Call of Duty 2).
  • sparatutto di fantascienza (ad esempio Metroid Prime).
  • sparatutto in prima persona strutturati come un torneo, solitamente con arene di gioco piuttosto limitate (ad esempio Unreal Tournament 2004).
  • sparatutto in prima persona a bordo di veicoli (ad esempio Descent)
  • sparatutto in cui si utilizza una pistola a infrarossi e i movimenti del personaggio (nella maggior parte dei casi) sono precalcolati dal computer (come quelli nelle sale giochi, ad esempio Time Crisis).

All'inizio gli sparatutto in prima persona utilizzavano una grafica poco elaborata e realistica, in cui, per la tecnologia limitata, i nemici erano rappresentati da immagini in due dimensioni in movimento chiamate Sprite.

Il primo First Person Shooter in assoluto è stato 3D Monster Maze, sviluppato nel 1981 per Sinclair ZX81. Mentre il primo First Person Shooter per IBM comatibile fu Catacomb 3D del novembre 1991.

Più tardi fu rilasciato il primo First Person Shooter che ebbe un grosso successo commerciale, ossia Wolfenstein 3D del maggio 1992, nato su personal computer ed esportato poi verso le console.

La tendenza è quella di creare uno sparatutto prima su personal computer e poi convertirlo per le console, questo per motivi legati alla tecnologia di sviluppo, la memoria utilizzata per l'esecuzione del gioco e le schede grafiche sempre più potenti.

Sparatutto più famosi


  • Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 8 lug 2009 alle 00:14.
  • Questa pagina è stata letta 1 909 volte.