Open Directory Project

Conosciuta anche come ODP o Dmoz è la più grande e completa Directory del Web curata da uomini. E' costruita e mantenuta da una vasta comunità globale di editori volontari.


A tutt'oggi oltre quattro milioni di siti sono stati catalogati in oltre 590.000 categorie, e sono mantenuti da un team di più di 65.000 editori volontari specializzati che continuano ad esplorare la Rete e mantengono aggiornata la base dati esistente.

Open Directory si autodefiniva una rivoluzione nel mondo della catalogazione delle risorse Web, ed i dati raccolti vengono utilizzati da diverse realtà della rete anche se recentemente i maggiori motori di ricerca hanno cessato di indicizzare questi ultimi.


La nascita e gli scopi

L'Open Directory Project nasce nel giugno 1998 con lo scopo di realizzare la più completa ed estesa Directory del Web, contando sull'apporto redazionale di una armata di editori volontari: invece di combattere contro l'esplosione della Rete, l'Open Directory ha offerto ai "Net Citizens" la possibilità d'organizzare ciascuno una piccola porzione del Web per ripresentarla ordinata al resto della popolazione, scartando l'inutile ma conservando ed ordinando solo i contenuti realmente interessanti.


Una repubblica autoregolata

L'Open Directory si presenta come una Repubblica autoregolata dove gli esperti possono raccogliere le proprie raccomandazioni senza comprendervi materiale inutile e disinformazione.

L'Open Directory dichiara ufficialmente di offrire a tutti l'opportunità di contribuire a questo grande progetto, anche se poi in realtà non è così, specialmente in Italia.

Sarebbe secondo loro possibile inserire gratuitamente il proprio sito facendone richiesta dalla pagina della categoria più adatta alle caratteristiche dello stesso, seguendo le relative istruzioni e suggerimenti.

Le Direttive invitano chiunque sia interessato, a collaborare partecipando attivamente alla costruzione della directory, invitandolo a scegliere un argomento nel quale si senta ferrato ed a fare richiesta di diventare Editor dalla pagina di categoria corrispondente, per unirsi alla grande famiglia degli editori ODP. In realtà l'accesso viene consentito solo a chi è ben conosciuto dal piccolo gruppo che controlla attualmente Dmoz/Italia.


I Siti inseribili in ODP - DMOZ

L'obiettivo di ODP sarebbe duplice: creare la directory più vasta e importante del Web, e creare una risorsa di alta qualità e ricca di contenuti che il pubblico possa considerare di grande utilità e indispensabile.

In breve, gli editori dovrebbero selezionare ed inserire siti di qualità, in grande quantità. Ma questo avviene raramente e solo per pochi integerrimi volontari; la parte maggioritaria di questa realtà effettua gli inserimenti dei siti seguendo canoni che ben poco hanno a che vedere con le Direttive di Dmoz.


In generale, gli editori ODP dovrebbero inserire siti che presentino le seguenti caratteristiche:

Contenuto informativo originale, non riprodotto e di valore, che contribuisca aggiungendo qualcosa di unico all'argomento della categoria. Punti di vista diversi sulle tematiche più importanti. Lo sforzo di ODP consisterebbe nel cercare di trattare esaurientemente tutto lo scibile umano, rappresentando tutti gli argomenti e i punti di vista su di essi.


Il Catalogo Definitivo del Web

L'Open Directory è stata fondata sullo spirito del movimento Open Source ed ama dichiarare che " non c'è, e non ci sarà, un prezzo per proporre un sito nella directory e/o usare i dati della directory". Purtroppo chi ha tentato di ottenere l'inserimento di siti commerciali in aree adeguatamente ottimizzate, prettamente in Dmoz/Italia, ha dovuto rapportarsi a ben diverse realtà.


Un Portale non Ufficiale degli Editori ODP

Editando.org, il Portale non ufficiale degli editori ODP, nasce dalla voglia di far conoscere, in maniera informale e non ufficiale, la directory DMOZ e le sue categorie; in particolare come muoversi nella ricerca di un'azienda, di un prodotto, di un hotel per le vostre vacanze, di un documento che vi serve per le vostre ricerche scolastiche. Dell'entusiasmo iniziale che ha prodotto queste indicazioni ben poco è rimasto; in pochi mesi il Portale è stato occupato dal piccolo gruppo dominante di Dmoz/Italia che ne ha congelato ogni attività, idea ed apertura iniziale facendone un'area strettamente personale.

--Andrez 21:45, Set 5, 2005 (W. Europe Daylight Time)


  • Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 14 nov 2008 alle 07:27.
  • Questa pagina è stata letta 7 809 volte.