Umuntu ngumuntu ngabantu

Il nome di Ubuntu è derivato da una arcaica parola zulu che letteralmente significa "umanità". E' molto usato in diverse aree dell'Africa meridionale con il significato zulu di: "umuntu ngumuntu ngabantu", che significa "io sono ciò che sono grazie a ciò che siamo tutti".


L'obiettivo di Ubuntu è di portare questo concetto dell'essere "grazie all'apporto di tutti" nel mondo del software, e su di esso basare il peso della comunità di utenti che partecipa allo sviluppo di questo sistema operativo.


Ubuntu è una distribuzione GNU/linux nata nel 2004. Deriva dalla distribuzione Debian. La società principale che finanzia il progetto è la Canonical Ltd.

L'interfaccia grafica utilizzata è Gnome, ma ci sono altre versioni che utilizzano altri ambienti desktop quali:

  1. Kubuntu che utilizza Kde
  2. Xubuntu che utilizza XFCE

Inoltre ci sono altre versioni quali:

  1. Edubuntu che è una versione di ubuntu progettata per utilizzi scolastici
  2. Gobuntu che è ubuntu senza pacchetti proprietari.


Vantaggi

Punti forza di ubuntu sono gli aggiornamenti frequenti sulle versioni stabili e la ampia comunità presente che è sempre disposta ad aiutare i nuovi utilizzatori. Inoltre la facilità di utilizzo ha permesso la veloce espansione di questa distribuzione che oggi giorno è tra le più utilizzate.


Significato del nome

Il nome deriva da una parola africana che significa: "umanità per gli altri" o "io sono ciò che sono per merito di ciò che siamo tutti"

 Gusty.png

Ubuntu presenta una versione desktop finalizzata alle esigenze di un utente medio, come la gestione di documenti ed immagini, la navigazione in internet, la comunicazione e lo svago.


Applicazioni.

Relativamente alle sue applicazioni, nel sistema operativo di Ubuntu sono compresi: - il browser Mozilla Firefox per la navigazione, - il word processor OpenOffice per manipolare documenti o presentazioni, - il client email Evolution - il programma di fotoritocco GIMP, - il client di messaggistica istantanea Pidgin, - l'editor di testi Gedit, - il visualizzatore di documenti PDF Evince, - un lettore multimediale, - una serie di giochi.

Consente di installare direttamente circa 17.000 programmi liberi, tra i quali software come aMSN per le chat, Inkscape per la grafica vettoriale e Compiz Fusion per gli effetti grafici avanzati. Sul sito ufficiale di Ubuntu (xww.ubuntu.com) è possibile visionare una lista di applicazioni in grado di rimpiazzare software costosi usati per altri sistemi operativi, come Adobe Photoshop, Microsoft Office o Skype.


Accessibilità

Per quanto riguarda l'accessibilità, Ubuntu si è dimostrato particolarmente sensibile al tema, e consente a persone con diverse abilità l'uso di: - un sintetizzatore vocale con lente d'ingrandimento virtuale per non vedenti o ipovedenti; - diversi template ad alto contrasto per soggetti ipovedenti; - una tastiera virtuale su schermo per gli utenti incapacitati ad usare le tastiere classiche.


Particolarmente curata la sicurezza, caratteristica di Ubuntu dovuta a Linux, che lo rende particolarmente resistente a malware come adware, virus o spyware. L'architettura del sistema operativo Linux difatti blocca di solito ogni forma di programma nocivo, anche se sfruttasse possibili falle l'architettura del sistema operativo, esso ne impedirebbe comunque l'utilizzo, questo almeno nella stragrande maggioranza dei casi. Questi programmi dannosi inoltre sono di solito sviluppati solo per il popolare Microsoft Windows. Va aggiunto che l'utente ha in utilizzo un account con permessi limitati che riduce la potenziale pericolosità dei programmi eventualmente installati; per eseguire i vari compiti amministrativi, all'utente viene sempre richiesta la propria password personale per confermare l'operazione.


Alto il livello di stabilità grazie al kernel Linux. Nessun problema di frammentazione di file system, la disinstallazione o l'installazione di nuove applicazioni non sporcano il sistema, nè rallentano la chiusura o l'avvio. Il sistema operativo appare forte e resistente ed eventuali crash di applicazioni non blocca mai l'intero sistema.


E' possibile installare Ubuntu 7.04 (ora anche 8.0 ) con i relativi CD masterizzati, dopo aver caricato l'immagine iso della versione preferita, oppure farsi spedire il CD tramite Shipit, gratuitamente.


Versioni

Al momento il CD di Ubuntu è disponibile in tre versioni:

  • CD versione Alternate (per PC con < 384 MB RAM);
  • CD versione Desktop (live CD, apprezzabile dall'utente medio);
  • CD versione Server (solo l'interfaccia - linea di comando).

Questi CD e la versione DVD che contiene i pacchetti di ogni componente, è possibile scaricarli dal sito ufficiale o dalla rete p2p BitTorrent.

L'installazione procede in maniera grafica, se si dispone di 320 MB di RAM, anche in computer con sistema operativi già presenti in dual boot, e ridimensionando la partizione originale senza perdita di nessun dato.

Le istruzioni per l'istallazione sono in italiano. Per l'installazione è necessario creare un utente che amministri il sistema diventando temporaneamente "superutente" o "root" ed inserendo una password, ma il tutto in modo molto veloce. Chi distribuisce Ubuntu promette tra l'altro di poter contare su di un sistema desktop pronto per l'uso in 2o minuti.

In un computer in dual boot, durante l'installazione è possibile "migrare" il proprio profilo utente. E' possibile importare i dati già presenti, compresi i segnalibri di Mozilla Firefox, Internet Explorer o musica, documenti ed altro.


Wubi

Con l'arrivo della versione 8.04 di Ubuntu è disponibile Wubi. Il programma consente l'installazione di Ubuntu sotto Microsoft Windows ma senza alterare nessuna delle partizioni, né intaccare dati esistenti. Per l'utente è dunque possibile provare Ubuntu nel suo ambiente familiare e procedere a testare le sue varie caratteristiche.

Per Wubi è necessario un computer con processore da almeno 1 GHz, che si presenti almeno < 256 MB RAM e che abbia almeno 5 GB di spazio su disco fisso.


Storia e sviluppo del progetto Ubuntu

Mark Shuttleworth nell'aprile del 2004 coordinò un gruppo di programmatori alla creazione di una nuova distribuzione di Linux.

Tra i punti chiave del progetto erano compresi questi obiettivi:

1. ogni utente doveva poter avere la possibilità di studiare ed eseguire, personalizzare e modificare, fruire e distribuire il proprio sistema operativo senza dover pagare alcun costo di licenza;

2. ogni utente doveva avere la possibilità di leggere ed usare il proprio sistema operativo nella propria lingua d'origine o parlata;

3. l'operatività del sistema al proprio computer doveva essere garantita anche ad utenti disabili.

4. l'indicazione era di realizzare il progetto con: - una incisiva impronta Debian; - l'uso di Desktop environment - GNOME; - l'accesso a rilasci semestrali; - l'accesso a libero software.

Il 20 ottobre 2004 è avvenuto il primo rilascio del sistema operativo Ubuntu.

la Fondazione Ubuntu è nata il 1º luglio 2005 con a disposizione un fondo iniziale di 10 milioni di dollari. La fondazione appare al momento congelata.


--Gatzu 22:30, Dic 3, 2007 (CET) --Fabysnet 10:06, Mag 5, 2008 (CEST)


  • Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 1 giu 2009 alle 21:58.
  • Questa pagina è stata letta 11 396 volte.