Si riconferma il successo della grande mostra di "Spoleto Arte" curata da Vittorio Sgarbi e accolta all'interno del Palazzo Leti Sansi, tra via Arco di Druso e Piazza del Mercato, che è stata prolungata fino al 27 agosto 2015. La direzione dell'evento è del manager della cultura Salvo Nugnes, presidente di Spoleto Arte. L'esposizione è visitabile con ingresso libero. Tra i nomi importanti selezionati per partecipare all'iniziativa, c'è l'artista Franco Trevisan, che propone la sua originale arte scultorea.

Personalità dal talento poliedrico, Trevisan si cimenta anche nella pittura ad acquerello. Inoltre, è medaglista e incisore. Nasce in provincia di Padova, dove vive e lavora attualmente. Inizia fin da giovane a dipingere, sotto l'insegnamento esperto del Prof. Gianni Gazziero. La sua formazione artistica prosegue presso l'Istituto d'arte Pietro Selvatico a Padova. Frequenta il corso a Milano con la Prof.ssa Dalia Bambi e con il gruppo dei pittori vicentini, seguito dal maestro Otello De Maria. Ha partecipato ai corsi di incisioni alla Scuola internazionale della grafica a Venezia, con il Prof. Robert Simon e il Prof. Riccardo Licata dell'Istituto di Belle Arti di Parigi.

La carriera artistica nell'ambito della scultura inizia negli anni Ottanta, in concomitanza con l'incontro a Venezia dell'artista boliviano Efrain Avila Encina. Da alcuni anni si dedica alla ceramica e alla fusione del vetro. È fondatore del G.C.I., Gruppo Culturale di Iniziativa, e collabora con il gruppo artistico della Saccisica.