+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 16 di 16

Chiarimenti sul tirocinio

Ultimo Messaggio di perez il:
  1. #1
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    4

    Chiarimenti sul tirocinio

    Ciao a tutti, questo è il mio primo messaggio sul forum e volevo dirvi che siete fortissimi,in particolare tu paolo sei sempre molto preciso nelle risposte!
    Vengo al quesito:sono un praticante dottore commercialista e il mio dominus mi ha proposto una assunzione con un contratto a progetto o con un apprendistato professionalizzante. Il mio dubbio è questo:accettando l'assunzione, e continuando comunque il tirocinio, mi precluderei,una volta finito il periodo di praticantato,la possibilità di avviarmi in proprio alla professione accedendo al regime per le nuove iniziative produttive della L.388/2000? Grazie

  2. #2
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    9
    Come chiarito dalla Circolare del 26/01/2001 n. 8 dell'Agenzia delle Entrate se un contribuente ha svolto pratica obbligatoria e, successivamente, ha prestato la propria collaborazione (coordinata e continuativa) presso uno studio fino all'iscrizione all'albo, può usufruire delle agevolazioni fiscali previste dalla legge finanziaria 2001 (imposta sostitutiva IRPEF del 10%) per nuova attività che inizierà ad esercitare.
    Occorre osservare che, a norma dell'articolo 13, comma 2, lett. b), della legge n. 388 del 2000, il periodo di pratica obbligatoria,
    richiesta per l'esercizio di arti e professioni, non rileva ai fini della "novità" dell'esercizio dell'attività di lavoro autonomo.
    L'attivita' di collaborazione professionale prestata presso uno studio, anche se sotto forma continuata e collaborativa, costituisce solo una parte limitata dell'attività professionale, di conseguenza quest'ultima non può essere considerata mera prosecuzione di quella precedente.

    Monica Crosetto
    [B][FONT=Verdana][COLOR=black][B][URL="http://www.studiocrosetto.com/"]Studio Crosetto[/URL][/B][/COLOR][/FONT][/B]
    [I][COLOR=black]Dottore Commercialista Revisore dei Conti[/COLOR][/I]

  3. #3
    Esperta L'avatar di Martina
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Messaggi
    813
    Vi pongo un quesito:

    - Io ho svolto la pratica triennale presso lo studio X ricevendo un compenso assimilato alla borsa di studio.( il periodo si è protratto oltre la pratica obbligatoria perchè non ho passato l'esame al primo tentativo)
    - Ho svolto 2 mesi presso un altro studio (Y) ( non avevo ancora passato l'esame)
    - Ho aperto la partita iva e collaboro con lo studio Y.( appena ho passato l'esame)

    Posso usufruire dell'art.13???

    Spero di essere stata chiara nello spiegare la mia situazione..

    Che ne pensate?
    Martina

  4. #4
    Esperto L'avatar di i2m4y
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Como
    Messaggi
    7,947
    Se tutto il periodo precedente è stato compiuto da "non abilitata" direi che rientri nella previsione di quella circolare correttamente citata dallo Studiocrosetto che ringrazio ed a cui do il benvenuto.

    P.

  5. #5
    Esperta L'avatar di Martina
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Messaggi
    813
    Citazione Originariamente Scritto da i2m4y
    Se tutto il periodo precedente è stato compiuto da "non abilitata" direi che rientri nella previsione di quella circolare correttamente citata dallo Studiocrosetto che ringrazio ed a cui do il benvenuto.

    P.
    Scusa Paolo ho detto un imprecisione..la partita IVA l'ho aperta dopo i due mesi svolti presso lo studio Y (in quei due mesi ho fatto una ricevuta di collaborazione occasionale).
    Ho aperto la p.iva con codice attività 74.12.C ed ho fatto la modifica il 01/01/2007 data di iscrizione all'albo dei ragionieri...

    Riepilogo per completezza:
    - pratica triennale presso lo studio X ricevendo un compenso assimilato alla borsa di studio + 3 mesi sempre ricevendo lo stesso tipo di compenso (borsa di studio)
    - due mesi presso lo studio Y (collaborazione occasionale in materia contabile)
    - apertura della partita iva ( 74.12.C)
    - modifica del codice attività (74.12.B)

    Aggiungo che ho aperto la p.iva il mese in cui ho sostenuto l'esame di stato che ho poi ho superato (considerando l'orale qualche mese dopo).

    Una vita spericolata la mia eh?

    Secondo te l'art. 13 calza?
    Martina

  6. #6
    Utente Premium L'avatar di SpiderPanoz
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Milano
    Messaggi
    2,407
    Citazione Originariamente Scritto da Martina
    Vi pongo un quesito:

    - Io ho svolto la pratica triennale presso lo studio X ricevendo un compenso assimilato alla borsa di studio.( il periodo si è protratto oltre la pratica obbligatoria perchè non ho passato l'esame al primo tentativo)
    - Ho svolto 2 mesi presso un altro studio (Y) ( non avevo ancora passato l'esame)
    - Ho aperto la partita iva e collaboro con lo studio Y.( appena ho passato l'esame)

    Posso usufruire dell'art.13???

    Spero di essere stata chiara nello spiegare la mia situazione..

    Che ne pensate?
    domanda: ma potevi continuare con la borsa di studio anche se avevi terminato la pratica obbligatoria?

  7. #7
    Esperta L'avatar di Martina
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Messaggi
    813
    Citazione Originariamente Scritto da SpiderPanoz
    domanda: ma potevi continuare con la borsa di studio anche se avevi terminato la pratica obbligatoria?
    In studio abbiamo continuato così..perchè l'abilitazione non era ancora pervenuta..(prassi già utilizzata con altri ex-praticanti...)..

    Come la vedi?
    Martina

  8. #8
    Utente Premium L'avatar di SpiderPanoz
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Milano
    Messaggi
    2,407
    francamente non ne sono molto convinto.
    non hai qualche riferimento?

    il tuo consulente del lavoro è concorde?

  9. #9
    Esperta L'avatar di Martina
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Messaggi
    813
    Citazione Originariamente Scritto da SpiderPanoz
    francamente non ne sono molto convinto.
    non hai qualche riferimento?

    il tuo consulente del lavoro è concorde?
    Si, il consulente del lavoro di studio ha fatto come me ( o quasi).. fino a che non ha passato l'esame (perciò oltre il periodo di pratica obbligatoria) ha ricevuto un compenso (borsa di studio) e dopo ha aperto la partita iva (art.13).

    Il mio caso è un po' diverso però..

    Mi verrebbe da chiederlo all'agenzia delle Entrate ma ho un po' paura della risposta...
    Martina

  10. #10
    Esperto L'avatar di i2m4y
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Como
    Messaggi
    7,947
    Citazione Originariamente Scritto da studiocrosetto
    L'attivita' di collaborazione professionale prestata presso uno studio, anche se sotto forma continuata e collaborativa, costituisce solo una parte limitata dell'attività professionale, di conseguenza quest'ultima non può essere considerata mera prosecuzione di quella precedente.

    Mi sembra che questo tratto della circolare sia molto chiaro nello stabilire (meglio interpretare) che nel momento in cui ci si inquadra nell'attività professionale riservata (ordinistica), tutto ciò che si faceva precedentemente non può essere considerato come fatto impeditivo al regime in quanto l'attività precedente non può che essere solo una parte della più ampia attività professionale..... e dunque questa non può essere mera prosecuzione.

    Personalmente direi che non ci dovrebbero essere problemi particolari.

    Paolo

  11. #11
    Utente Premium L'avatar di SpiderPanoz
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Milano
    Messaggi
    2,407
    Citazione Originariamente Scritto da Martina
    Si, il consulente del lavoro di studio ha fatto come me ( o quasi).. fino a che non ha passato l'esame (perciò oltre il periodo di pratica obbligatoria) ha ricevuto un compenso (borsa di studio) e dopo ha aperto la partita iva (art.13).

    Il mio caso è un po' diverso però..

    Mi verrebbe da chiederlo all'agenzia delle Entrate ma ho un po' paura della risposta...
    si, ok....ma ha fatto come te perchè era una soluzione comoda, o perchè ci sono riferimenti di legge?

    ps. concordo con paolo. è l'iscrizione all'ordine che da il requisito di novità.

  12. #12
    Esperta L'avatar di Martina
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Messaggi
    813
    Citazione Originariamente Scritto da i2m4y
    Personalmente direi che non ci dovrebbero essere problemi particolari.

    Paolo
    Neppure considerando che l'apertura della partita Iva aderendo all'art.13 è avvenuta con codice attività 74.12.C (Servizi in materia di contabilità e consulenza fiscale forniti da altri soggetti e solo successivamente l'ho modificato in 74.12.B (Servizi forniti da ragionieri e periti commerciali) ?
    Martina

  13. #13
    Esperto L'avatar di i2m4y
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Como
    Messaggi
    7,947
    In effetti un problemino ci sarebbe.
    7412C sai bene non è ordinistico, 7412B invece richiede l'iscizione nell'albo.
    Ma 7412B aveva pregressa un partita iva (7412C) nel triennio e dunque questo potrebbe essere impedimento, al di la dell'oggetto dell'attività.
    Ma sinceramente non mi farei problemi visto che in fondo a rischiare non è il cliente, ma tu professionista.... sai bene che rischio può esservi di controllo di quel requisito.

    Paolo

  14. #14
    Esperta L'avatar di Martina
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Messaggi
    813
    Grazie Paolo..

    Speriamo di non subire controlli
    Martina

  15. #15
    User Newbie
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    4
    Grazie a tutti per i chiarimenti! Comunque secondo voi è più conveniente ricevere un compenso a titolo di borsa di studio piuttosto che come lavoratore dipendente per non avere problemi in futuro? La borsa di studio è un reddito assimilato a quello di lavoratore dipendente quindi il mio dominus dovrà applicarmi le ritenute come se fossi un lavoratore dipendente e dovrò compilare la dichiarazione dei redditi pagando l'irpef normalmente in base agli scaglioni e alle detrazioni per il reddito complessivo?

  16. #16
    User L'avatar di perez
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    75
    Citazione Originariamente Scritto da DIAMOND
    Grazie a tutti per i chiarimenti! Comunque secondo voi è più conveniente ricevere un compenso a titolo di borsa di studio piuttosto che come lavoratore dipendente per non avere problemi in futuro? La borsa di studio è un reddito assimilato a quello di lavoratore dipendente quindi il mio dominus dovrà applicarmi le ritenute come se fossi un lavoratore dipendente e dovrò compilare la dichiarazione dei redditi pagando l'irpef normalmente in base agli scaglioni e alle detrazioni per il reddito complessivo?

    secondo me problemi non ce sono anche se vieni assunto da dipendente e poi apri p.iva con regime agevolato.....borsa o assunzione? valuta le cifre e considera che come dipendete hai malattia, ferie 13 , magari 14 (contratto commercio), tfr , e inizi a versare qualcosa all'inps a fini pensionistici, che magari se non eserciterai (non si sa mai dove si finisce) ti torneranno utili....come borsa di studi 0 inps...

+ Rispondi alla Discussione

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.