Buonasera,
vorrei un consiglio su come procedere.
Mi sono sposata ed ho vissuto fuori dall'Italia. Sempre all'estero ho avuto due figli. Ho avuto diversi problemi con mio marito di incomprensioni caratteriali, che sono sfociati da parte sua in violenze prima verbali e poi fisiche, fortunatamente senza conseguenze. Esasperata dalla situazione, sono scappata e tornata in Italia dalla mia famiglia. Senza farla troppo lunga, in accordo con l'avvocato che mi seguiva all'estero, sono riuscita a portare e a far restare i miei figli con me.
Mio marito è dovuto rimanere all'estero (in Europa) per lavoro e saltuariamente viene nella mia città a trovare i bambini. È stata presa una casa in affitto, col nome di entrambi sul contratto. Per quieto vivere, accettavo our con difficoltà la convivenza forzata sotto lo stesso tetto, con frequenti discussioni che circa tre mesi fa sono sfociate in una sua nuova aggressività fisica, con un colpo dato dato da lui ad una porta mentre passavo, che mi è finita sul viso procurandomi ematomi vari. Sono andata in pronto soccorso ed è partita una denuncia d'ufficio nei suoi confronti. Ognuno di noi due si è rivolto al proprio legale per concludere la separazione. Nel frattempo, essendo effettivamente ancora ciniugati, ogni volta che viene a trovare i figli "pretende" di stare nella casa in affitto dove vivo io (con contratto di locazione a nome di entrambi) ed io devo tornare nella casa della mia famiglia. Ho dovuto cambiare avvocato, perché quello che avevo non si stava muovendo. Quello nuovo è più solerte ma l'avvocato di lui non risponde ai contatti del mio, che a questo punto paventa una separazione giudiziale. Ho riassunto per sommi capi la mia situazione. Sono disperata, non posso vivere in questa situazione. Per di più lui sta iniziando a riconoscermi una somma mensile ristretta e assolutamente non in linea con quanto concordato in fase di pre-accordo di separazione. Sono stanca di dover uscire da casa e traslocare le mie cose ogni volta che viene a trovare i bambini. Tra l'altro non pulisce msi e mi fa ritrovare la casa in condizioni pietose. Considerato che siamo ancora coniugati, ma anche che c'è una denuncia a suo carico, posso impedirgli in qualche nodo di entrare in casa?
Grazie mille per l'attenzione...