Discussione Chiusa
Risultati da 1 a 3 di 3

Profilo IVA di Google Adwords TM - SINTESI

Ultimo Messaggio di i2m4y il:
  1. #1
    Esperto L'avatar di i2m4y
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Como
    Messaggi
    7,945

    Profilo IVA di Google Adwords TM - SINTESI

    PROFILO IVA DI ADWORDS

    Premesso che si da per scontato che le fatture di Adwords per le prestazioni pubblicitarie provengano da un soggetto passivo IVA residente/domiciliato in Irlanda (con Partita IVA irlandese):

    Le prestazioni pubblicitarie, utilizzate nella UE (*), ricevute da un soggetto passivo italiano si considerano effettuate in Italia. Conseguentemente devono essere assoggettate all'imposta italiana.

    Se il fornitore è estero, al momento del pagamento il contribuente deve emettere autofattura, ai sensi dell'articolo 17, comma 3, del Dpr 633/72. Si tratta di una normale fattura, intestata allo stesso emittente (a se stessi, in pratica), che in descrizione reca la qualità e la quantità delle prestazioni nonché il riferimento al fornitore.

    Il corrispettivo addebitato dal fornitore, convertito al cambio del giorno del pagamento (se in valuta), costituisce la base imponibile.
    L'imposta è calcolata con l'aliquota in vigore secondo la normativa interna.
    L'autofattura deve essere annotata sia sul registro delle fatture emesse che sul registro degli acquisti.
    Si consiglia di archiviare, tra le fatture emesse, l'autofattura con allegata la fattura ricevuta dal fornitore (Google Adwords).

    L'imposta a debito e quella a credito, di uguale importo, concorreranno alla liquidazione periodica e alla relativa dichiarazione.
    Quindi, dal punto di vista prettamente monetario, tale doppia registrazione avrà effetto di neutralizzare l'IVA applicata, con esborso uguale a zero.

    Non dovranno essere compilati i modelli Intrastat degli acquisti, trattandosi di servizi.

    Le persone fisiche non titolari di partita IVA, non dovrebbero avere costi per Adwords, in quanto non si capirebbe cosa dovrebbero pubblicizzare.
    Ove le avessero (del tutto opinabile che non abbiano partita IVA) non seguiranno la procedura di cui sopra e potranno stracciare la fattura perchè non avendo attività professionale/impresa non potranno far concorrere quel costo alla determinazione del loro reddito.

    (*)= per il concetto di utilizzo delle prestazioni pubblicitarie si veda il criterio esposto nel topic sul profilo IVA di Adsense, segnato come importante, in questo forum.

    Ciao,

    Paolo.

  2. #2
    Esperto L'avatar di i2m4y
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Como
    Messaggi
    7,945
    In seguito all'approvazione del regolamento CE 1777/2005 che ha ricompreso la fornitura di spazi pubblicitari web nella disciplina Iva del commercio elettronico, nulla cambia per l'operatore italiano (soggetto passivo Iva) che riceve da Google Irlanda i servizi Adwords.... resta infatti l'obbligo di autofattura per le prestazioni utilizzate nella UE.

    Paolo

  3. #3
    Esperto L'avatar di i2m4y
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Como
    Messaggi
    7,945
    NUOVO PROFILO IVA - EVOLUZIONI NORMATIVE DAL 01 GENNAIO 2010


    Dal primo gennaio 2010, a livello di UE, è cambiato il profilo Iva dei servizi rese nei rapporti B2B, cioè tra soggetti economici.
    In Italia (in ritardo) si sono modificate le norme Iva per recepire tali novità.

    Il criterio generale individua il luogo di tassazione ai fini Iva nel paese dove è stabilito il soggetto economico committente.

    Partendo dal presupposto che il soggetto passivo Iva che si avvale di Google Adwords è il committente del servizio pubblicitario, di seguito il nuovo adempimento ai fini IVA:

    Il publisher italiano riceverà da Goolge Ireland o Google USA fattura senza applicazione dell'Iva estera. Il publisher italiano emetterà autofattura (ai sensi art. 17 c. 2 del DPR 633/72) con IVA e procederà alle tipiche doppie registrazioni proprie delle autofatture.

    Attenzione: i servizi intracomunitari (se il rapporto contrattuale sarà con Google Ireland dunque) dovranno, dal 2010, essere inseriti nei nuovi modelli INTRASTAT-SERVIZI e comunicati all'Agenzia delle Dogane.

    A nulla conterà più dunque il luogo di diffusione dei messaggi pubblicitari.

    Dunque una piccola differenza sul profilo Iva (cambia il comma dell'art. 17 di riferimento), ma anche un nuovo adempimento. Contattate il Vs. commercialista di fiducia per adottare i nuovi comportamenti fiscali in modo concordato.

    Paolo
    Ultima modifica di i2m4y; 07-02-10 alle 22:09

Discussione Chiusa

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.