+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 17 di 17

Un sito pu˛ sopravvivere senza Google?

Ultimo Messaggio di Karapoto il:
  1. #1
    L'avatar di Giorgiotave
    Data Registrazione
    Oct 2004
    LocalitÓ
    Monasterace
    Messaggi
    43,022
    Visita il canale Youtube di Giorgiotave

    Un sito pu˛ sopravvivere senza Google?

    E' questa la domanda che si pone Tagliaerbe, dopo il recente caso di penalizzazione appena concluso di Master New Media (trattato anche nel Forum GT).

    Allora...cosa ne pensate? Come vi comportereste in casi simili?

    Avete giÓ pensato ad una strategia?
    Cosa bisognerÓ fare nel 2020? Stiamo affrontanto i vari temi
    Google 2020 | SEO 2020 | E-commerce 2020 | Social 2020 | YouTube 2020

  2. #2
    Moderatore L'avatar di paolino
    Data Registrazione
    Apr 2005
    LocalitÓ
    San Cipriano Beach
    Messaggi
    5,058
    ho letto sul blog quanto accaduto a Robin Good e ovviamente questo ci porta a riflettere sul ruolo di Google nel panorama attuale

    per come la vedo io un sito pu˛ sopravvivere qualora acquisisce una fama tale da permettergli di proporsi all'utenza in maniera autonoma, ovviamente questi casi si contano sulle dita di una mano....in Italia abbiamo Alice, Libero, Tiscali e qualcun altro, ma la restante parte pu˛ subire seri danni da una penalizzazione di Google

    questo non tanto per il traffico da motori in sŔ, che Ŕ vitale all'inizio della vita di un sito, ma diventa meno importante quando il sito Ŕ conosciuto e vive di vita propria, tuttavia una penalizzazione da parte di Google lo delegittima agli occhi degli utenti e ovviamente lo rende difficilmente trovabile da parte di nuovi potenziali utenti

    quindi una presenza su Google Ŕ indispensabile alfine di poter acquisire nuovi utenti e poter conservare una reputazione forte....in sostanza l'utente percepisce la presenza su Google come un segno di professionalitÓ, l'assenza come un segno di un sito poco affidabile, quasi fosse un pirata in pieno oceano

    Ŕ chiaro che l'attuale monopolio di Google Ŕ un gran brutto segno per noi altri, in quanto siamo in balia dei suoi algoritmi.....Ŕ interessante sempre alfine di capire il rapporto utente-motore di ricerca, notare come Google stesso in Cina sia stato relegato al ruolo di eterno secondo, nonostante i suoi algoritmi siano anni luce avanti rispetto a quelli di Baidu.....questo la dice lunga sull'attaccamento che l'utente ha verso un motore di ricerca, attaccamento che lo porta a percepire il motore come fonte unica di veritÓ
    Ultima modifica di paolino; 20-08-07 alle 20:57

  3. #3
    Utente Premium L'avatar di Calabria
    Data Registrazione
    May 2006
    LocalitÓ
    Calabria
    Messaggi
    1,310
    Quoto in pieno.

    L'indipendanza di un sito Ŕ inversamente proporzionale al successo del motore.

    Ciao
    simonetocco.it

  4. #4
    User
    Data Registrazione
    Mar 2006
    LocalitÓ
    varese
    Messaggi
    207
    Ŕ la dura legge del gol, se non sei su google non esisti.
    possiamo girarci intorno come vogliamo ma Ŕ cosi.

    per quanto riguarda la cina: baidu Ŕ usato sopratutto per la ricerca di mp3 e film.
    uno delle ereditÓ del socialismo reale di quel paese Ŕ la mancanza di leggi sul copyright, cosa che gli permette di invadere i mercati di tutto il mondo con prodotti contraffatti.
    se poi ci mettiamo la forte censura sulla rete essere al secondo posto per google non Ŕ una sconfitta.
    prenotare alberghi in tutta italia con TUTTOHOTEL.ORG

  5. #5
    Esperto L'avatar di Karapoto
    Data Registrazione
    Jun 2006
    LocalitÓ
    Gallipoli
    Messaggi
    4,878
    Mi pare davvero dura fare a meno di google.
    Da noi Ŕ troppo forte ed ha un monopolio indiscusso.

    Basta vedere le statistiche e ti accorgi che il 70% dei visitatori arriva da li.
    Anche volendo non puoi farne a meno.

    Quello che per˛ possiamo fare Ŕ avere dei piani di emergenza, avere una massa critica garantita da altre fonti, in modo da non risentire, oltre un certo limite, di eventuali pazzie del motore.

  6. #6
    Moderatore L'avatar di sitionweb
    Data Registrazione
    Nov 2005
    LocalitÓ
    Termoli
    Messaggi
    1,874
    Oggi come oggi non si riesce a fare a meno di Google.

    Volenti o nolenti, Ŕ una (dura) realtÓ...
    Realizzazione siti web, SEO, copywriting in 8 lingue (davvero!) - mjwebstudio.it

  7. #7
    Esperto L'avatar di Laburno
    Data Registrazione
    Sep 2006
    LocalitÓ
    Lvcca
    Messaggi
    811
    Quanto ci metterÓ Ask per diventare concorrenziale?

  8. #8
    User L'avatar di angelo_ew
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    113
    Al di lÓ delle risposte scontate, vorrei cercare di capire se impostando una strategia anche a lungo termine -12/24 mesi - si possa in qualche maniera eroredere almeno un 10-20% degli ingressi portati da GG.

    Il Tagliaerbe suggeriva nel suo blog di puntare su :

    Feed: invogliate i vostri visitatori ad iscriversi al feed RSS. Sempre pi¨ utenti utilizzano il proprio feed reader per aggregare contenuti provenienti da pi¨ fonti, e per leggerli comodamente da una sola interfaccia (a proposito: anche il TagliaBlog ha un feed!).

    Bookmark: strumento un p˛ anzianotto (e parzialmente soppiantato dai feed), ha per˛ ancora la sua valenza. Essere presenti nei "preferiti" degli utenti pare inoltre che abbia una certa considerazione agli occhi di Google.

    Social site: essere segnalati da siti come OkNOtizie o Digg, pu˛ portare notevoli picchi di traffico (soprattutto se si parla di post che finiscono in prima pagina su questi importanti siti di news rating). Ovviamente, per ottenere voti e scalare in home page, dovrete produrre contenuti esclusivi e di buona qualitÓ.
    mi sembra una strategia lunga, ma che cmq assicura una certa base solida.
    A mio avviso l'unica che possa garantire un minimo di stabilitÓ.

    Voi che ne pensate?
    Ciao Angelo

  9. #9
    Moderatore L'avatar di paolino
    Data Registrazione
    Apr 2005
    LocalitÓ
    San Cipriano Beach
    Messaggi
    5,058
    riguardo i feed sono validi, ma per un'utenza specialistica e tecnica....il blog che hai citato ha un target composto di professionisti IT che usano sempre gli strumenti pi¨ avanzati, l'utente comune non ha la minima idea di cosa siano....

    stesso discorso vale per i vari siti di social news, etc.... per esempio Technorati ha pubblicato uno studio in cui si rileva che Ŕ un 10% di utenti che crea le news ( insomma sempre gli stessi ) e sono utenti legati al mondo IT, professionisti e smanettoni amatoriali

    i bookmark sono utili, ma Ŕ soprattutto utile il "bookmark psicologico" che si stampa nella mente dell'utente e cioŔ il brand e relativo indirizzo web ovviamente....un sito di successo Ŕ un sito che Ŕ in grado di soddisfare il continuo bisogno informativo dell'utente, dandogli le info che richiede e tenendolo aggiornato su quella determinata nicchia di mercato, in questo modo pu˛ riuscire a sfuggire all'implacabile tritacarne chiamato Google

  10. #10
    Esperto L'avatar di Laburno
    Data Registrazione
    Sep 2006
    LocalitÓ
    Lvcca
    Messaggi
    811
    Il problema Ŕ sempre lo stesso: come lo dai ad un visitatore il tuo feed, se non ti trova?

    Il feed da solo serve al pi¨ a fidelizzare.

    Per acquisire nuovi utenti, si passa sempre da Google Blog Search (e famiglia).

  11. #11
    Esperto L'avatar di alexs2k
    Data Registrazione
    Sep 2005
    LocalitÓ
    Taranto
    Messaggi
    2,108
    Citazione Originariamente Scritto da Giorgiotave Visualizza Messaggio
    Avete giÓ pensato ad una strategia?
    La strategia dipende dalla tipologia e settore del progetto ed "ovviamente" da come normalmente viene promosso.

    Conosco diversi siti (ad esempio locali) che di indicizzato su google hanno solo la home page... ma nel loro mercato di riferimento vanno alla grande...

    Il problema di google Ŕ solo un problema di promozione.... la promozione su google costa poco (e non mi riferisco al costo del tempo)... la promozione tradizionale costa parecchio a paritÓ di risultato... sempre che non si sia cosý bravi da innescare un'idea virale che si diffonda rapidamente ed a basso costo.
    Alessandro Sportelli

  12. #12
    User L'avatar di Ste@HostingTalk
    Data Registrazione
    Jul 2006
    LocalitÓ
    Como-Italia
    Messaggi
    532
    Citazione Originariamente Scritto da Calabria Visualizza Messaggio
    Quoto in pieno.

    L'indipendanza di un sito Ŕ inversamente proporzionale al successo del motore.

    Ciao
    esattamente, piu Google cresce piu la "nostra" dipendenza da lui si rafforza....non ci sono altre spiegazioni Ci˛ logicamente non vuol dire che sia un bene, anzi!...ma Ŕ la realtÓ
    HostingTalk.it Parliamo di Hosting

  13. #13
    Esperto
    Data Registrazione
    Apr 2005
    LocalitÓ
    Cesena
    Messaggi
    1,318
    Citazione Originariamente Scritto da alexs2k Visualizza Messaggio
    La strategia dipende dalla tipologia e settore del progetto ed "ovviamente" da come normalmente viene promosso.

    Conosco diversi siti (ad esempio locali) che di indicizzato su google hanno solo la home page... ma nel loro mercato di riferimento vanno alla grande...

    Il problema di google Ŕ solo un problema di promozione.... la promozione su google costa poco (e non mi riferisco al costo del tempo)... la promozione tradizionale costa parecchio a paritÓ di risultato... sempre che non si sia cosý bravi da innescare un'idea virale che si diffonda rapidamente ed a basso costo.
    Quoto al 100%.

    Non dimentichiamoci che internet Ŕ una realtÓ veloce: oggi il modo pi¨ economico per promuovere un sito (nel 90% dei casi) si chiama SEO, ma nello stesso momento ricordo che la maggior parte di chi Ŕ diventato veramente leader indiscusso, lo Ŕ diventato senza fare minimamente del SEO.

    Giusto per fare qualche nome: youtube; amazon; ebay; paypal; google stesso.

  14. #14
    Non iscritto
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    798
    Ops, scusate, post doppio!
    Ultima modifica di fradefra; 29-08-07 alle 03:43

  15. #15
    Non iscritto
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    798
    Secondo me dipende molto da cosa si fa e cosa si vuole.
    Il mio sito in firma riceve al massimo una quindicina di visite al giorno da Google, eppure vive eccome! Google al momento contribuisce al 10% rispetto a tutto il resto e siamo pi¨ che soddisfatti.

    Maisazi.com, invece, dipende totalmente da Google. Un 70% del traffico da arriva dal nostro amico americano e se si fermasse, sarebbe un bel guaio (per quanto dietro al blog non ci siano grandi interessi economici).

    Per altri siti, parlo principalmente di ecommerce, esistono anche altri mezzi, quali i comparatori di prezzi, l'advertising, le affiliazioni, le newsletter, ecc. ecc per arrivare alla vecchia amica fidelizzazione.
    In sostanza, proprio quando Google va bene, bisogna investire in un piano di supporto, nel caso qualcosa vada male.

  16. #16
    Moderatore L'avatar di Webtronic
    Data Registrazione
    Jul 2006
    LocalitÓ
    Montemarciano (Arezzo)
    Messaggi
    1,464
    Citazione Originariamente Scritto da Giorgiotave Visualizza Messaggio
    Avete giÓ pensato ad una strategia?
    No perchŔ ancora non vedo una soluzione alternativa. Casomai si possono attivare dei turafalle... ma una vera e propria strategia mi pare veramente un'impresa..

  17. #17
    Esperto L'avatar di Karapoto
    Data Registrazione
    Jun 2006
    LocalitÓ
    Gallipoli
    Messaggi
    4,878
    Citazione Originariamente Scritto da Stefano Visualizza Messaggio
    Quoto al 100%.

    Non dimentichiamoci che internet Ŕ una realtÓ veloce: oggi il modo pi¨ economico per promuovere un sito (nel 90% dei casi) si chiama SEO, ma nello stesso momento ricordo che la maggior parte di chi Ŕ diventato veramente leader indiscusso, lo Ŕ diventato senza fare minimamente del SEO.

    Giusto per fare qualche nome: youtube; amazon; ebay; paypal; google stesso.
    La strada Ŕ proprio quella, cercare di creare consensi sfruttando canali diretti.
    Andando direttamente a proporsi a risorse attinenti.

    Pi¨ divento bravo nel seo e pi¨ capisco che un bravo seo deve diventare indipendente dal seo

    Si, certo, Ŕ bene posizionarsi, scalare le serp, ma devi anche lavorare di pr, che non Ŕ page rank ma pubbliche relazioni, nel senso di creare connessioni che pi¨ difficilmente sono soggette a crolli repentini, come invece accade con google.

+ Rispondi alla Discussione

Tag per Questa Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB Ŕ Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] Ŕ Attivato
  • Il codice [VIDEO] Ŕ Attivato
  • Il codice HTML Ŕ Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.