ossimoro [os-si-mò-ro] (lettura alla greca ossìmoro) s.m.

È una figura retorica in cui vengono accostate, nella medesima locuzione, parole dal senso contrastante: un brivido caldo, un urlo silenzioso, un silenzio eloquente.

In latino ricordiamo le espressioni strenua inertia, festina lente ('affrettati piano'), concordia discors.

In poesia citiamo O viva morte, o dilettoso male, come puoi tanto in me, s´io nol consento? (S'amor non è - Petrarca)


Dal greco ????????, composto da ???? 'acuto' e ????? 'stupido', con allusione al contrasto logico.


  • Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 10 nov 2008 alle 16:29.
  • Questa pagina è stata letta 1 958 volte.