UNIX è un sistema operativo portabile destinato agli elaboratori elettronici (computer) sviluppato in origine da un gruppo di ricercatori dei laboratori AT&T e Bell Labs nel 1969.


Caratteristiche Principali

Qualunque variante del sistema operativo Unix, secondo gli standard POSIX, deve presentare le seguenti caratteristiche:

  • Multiutente: più utenti possono sfruttare contemporaneamente il sistema, interagendo con esso da terminali diversi.
  • Multitask: il suo kernel (in italiano nucleo) prevede la simultanea esecuzione di più processi, - task - gestiti a divisione di tempo.
  • Portabile: esso gode di un'elevata portabilità grazie alla scelta e all'utilizzo del linguaggio C ed è quindi disponibile per un'ampia gamma di processori e di architetture.
  • Gestione della memoria virtuale: il sistema messo a punto per Unix di gestione della memoria si basa su un mix di paginazione e segmentazione che conferiscono ad ogni processo la possibilità di appropriarsi di un'area di memoria di dimensioni eventualmente superiori a quelle della memoria centrale effettivamente disponibile.
  • Aperto: soprattutto nelle versioni più recenti, che sposano gli standard POSIX, le caratteristiche di Unix si sono via via uniformate realizzando, inoltre, alcuni dei più diffusi servizi e protocolli di comunicazione della rete Internet, rendendo possibile una facile integrazione di sistemi Unix diversi all'interno di una rete.


Multi Utenza



All'interno di un sistema Unix based ogni utente è individuato univocamente dal relativo "nome utente" o username. Inoltre, gli utenti sono organizzati in gruppi a seconda delle funzioni logiche di cui si occupano e credenziali di accesso alle risorse di cui godono, ciascun gruppo è individuabile univocamente mediante il suo groupname.

Tale struttura logica rende possibile ad un sistema operativo Unix garantire ogni sessione utente evitando interferenze con le attività svolte da altri utenti.


Il linguaggio C



Unix è stato creato utilizzando il linguaggio C su una macchina PDP-7 e mantiene tuttora uno stretto legame con tale linguaggio, per esempio, fornendo un insieme piuttosto ricco di strumenti per lo sviluppo di applicazioni C (un esempio è il compilatore cc).

Il C, la cui invenzione è storicamente attribuita a Thompson e Ritchie nell'arco temporale 1969-1973, ha permesso di esportare il kernel del sistema operativo UNIX su piattaforme diverse dall'originario PDP-7, ciò lo ha reso di fatto il primo software della storia ad essere in grado di funzionare compiutamente su piattaforme architetturali totalmente diverse.


Cenni Storici

La storia di UNIX inizia nel lontano 1969, quando Ken Thompson, Dennis Ritchie ed altri iniziarono a lavorare su una macchina PDP-7 presso i Bell Labs. Il risultato dei loro sforzi diede vita all'embrione di quello che sarebbe diventato UNIX.

Nel 1971 venne creata la prima versione ufficiale di UNIX che prevedeva già un modello di file system ed il fork applicativo. Il suo utilizzo era nell'ambito dell'elaborazione di testi per brevetti.

Nel 1973, in occasione della quarta versione, venne riscritto completamente utilizzando il linguaggio C: nacque il primo sistema operativo portabile che ridefinì il significato del termine Sistema Operativo.

Dal 1975, anno in cui fu rilasciata la versione 6, Unix diviene il sistema operativo più efficiente e stabile, tale da essere adottato anche da altri grandi marchi tecnologici del periodo.

A partire da questa versione, e grazie al fatto di essere aperto, iniziano a nascere diverse varianti del sistema operativo tra le quali quella della Berkeley, una delle versioni più storiche spinta anche dalla nota Sun Microsystems.

Con il tempo e l'utilizzo, Unix è cresciuto e migliorato notevolmente anche grazie a tutti i contributi che ogni produttore apportò, arrivando a gestire connessioni di rete su protocollo TCP/IP, supportare sistemi AIX e HP-UX con processori a 64bit.


UNIX e le Università



AT&T non richiese alcuna royalty sull'utilizzo e la modifica di Unix e permise che il codice sorgente venisse distribuito gratuitamente per fini di studio presso le Università di tutto il mondo.


In breve si costituì una comunità mondiale a livello universitario incentrata sullo sviluppo di nuove componenti e applicazioni per Unix, grazie alle quali, nel corso degli anni Settanta videro la luce le prime 7 versioni del sistema operativo.

Unix costituì un aggregatore per la nascente scienza dell'informazione e produsse di fatto i fondamenti per la creazione di un ambiente comune ai ricercatori nel quale verificare e controllare i processi e gli esiti dei loro esperimenti: avvenne il passaggio definitivo dal laboratorio isolato a un ambiente di lavoro comunitario, dove tutti potevano contribuire.


Sempre in ambito universitario, e sempre grazie ad UNIX, venne introdotta la copia di file tra sistemi dislocati in parti diverse del mondo attraverso la linea telefonica. Il pionieristico sistema, che fu chiamato UUCP (Unix to Unix Copy), venne presto sostituito dalla nascente Arpanet (in seguito Internet),.

Fonti



Articolo a cura di mirkoagrati 16:25, Ott 20, 2009 (CEST)


  • Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 8 nov 2009 alle 18:24.
  • Questa pagina è stata letta 2 686 volte.