+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 7 di 7

Professione WebMaster

Ultimo Messaggio di KingVV il:
  1. #1
    User
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    17

    Professione WebMaster

    Prima di tutto complimenti per il bel sito ... poi Vi scrivo per chierderVi alcune informazioni.
    Sono dipendente privato con contratto a tempo indeterminato ma da sempre ho avuto la passione per creare siti Web.
    Ho fatto dei lavori per amici ma senza ricevere nessun compenso.
    Mi piacerebbe regolarizzarmi in quest'attività, creando una mio logo ed un sito personale per farmi pubblicità. Fare siti Web è un lavoro che eseguo nel tempo libero, quindi se dal punto di vista fiscale e contributivo è costoso preferisco continuare a farlo a livello amatoriale e senza fine di lucro.
    Grazie anticipatamente.

  2. #2
    ModSenior L'avatar di marcocarrieri
    Data Registrazione
    Jul 2009
    Località
    Rovigo
    Messaggi
    16,605
    Gli esperti ti sapranno consigliare meglio, ma credo che dipenda anche dall'attività principale che svolgi, ad esempio ha tematiche simili a questo tuo hobby?
    Mi sbagliero ma quando avevo sentito io mi avevano detto che c'erano delle problematiche sul fatto di svolgere un secondo lavoro simile al primo.
    Attendi comunque il riscontro e gli aiuti degli esperti di questa sezione.

  3. #3
    Esperto L'avatar di i2m4y
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Como
    Messaggi
    7,945
    Ciao e benvenuto,

    in effetti la tua domanda potrebbe scoprire un tema vastissimo che qui abbiamo più volte approfondito in ogni direzione.

    Diciamo che sintetizzerei in questo modo, per poi rimandarti ai post di questa sezione per ulteriori approfondimenti.

    L'attività di webmaster può essere svolta diciamo almeno in 3 modi differenti, uno solo dei quali è a basso impatto per adempimenti.

    1) Occasionalmente e senza alcuna organizzazione: il webmaster che in proprio svolge micro compiti di realizzazione di piccoli siti durante l'anno. Pochissime realizzazioni che durano poche settimane, senza l'uso di particolari attrezzature o collaboratori.
    In questo caso potrai regolarizzare la tua posizione con piccoli incarichi di "collaborazione meramente occasionale". Per l'approfondimento di questo tipo di inquadramento ti rimando all'apposita sezione del forum.

    2) Professionalmente con attività prettamente intellettuale e pochi mezzi, dipendenti ecc.: in questo caso l'inquadramento migliore pare essere quello del "lavoratore autonomo intellettuale" con partita Iva, contributi previdenziali ed adempimenti contabili - fiscali mediamente pesanti.

    3) Professionalmente con mezzi, capitali, dipendenti, flessibilità anche verso la rara fornitura di beni o di servizi collaterali: in questo caso l'inquadramento migliore pare essere quello dell'"impresa individuale" con partita Iva, registro imprese, albo artigianato, contributi previdenziali ed adempimenti contabili - fiscali più complessi. La flessibilità operativa maggiore rispetto al punto 2 è il principale vantaggio.

    Per i punti 2 e 3 potrai leggere in lungo ed in largo questa sezione del forum.

    Paolo

  4. #4
    User
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    17
    Sono interessato al punto 1) ma per l'approfondimento non riesco a trovare il topic. Mi potreste aiutare ?

    Grazie anticipatamente !

  5. #5
    Consiglio Direttivo L'avatar di Nimue del Lago
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Trieste
    Messaggi
    5,390
    Sulle collaborazioni occasionali puoi cercare direttamente nella sezione relativa.

    MODPresentati al forum GT MODConsulenza fiscale DOTTORE COMMERCIALISTA ~ Sono con te, sei con me.
    Ti sei perso il Convegno GT?
    Iscriviti per non perdere le prossime novità.

  6. #6
    Moderatore L'avatar di fab75
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Modigliana / Venezia
    Messaggi
    2,333
    Probabilmente è più conveniente gestire l'attività con partita iva optando per un regime fiscale agevolato (ad esempio regime dei minimi).
    Infatti in tal modo si paga un imposta sostitutiva del 20%, mentre i compensi occasionali si sommeranno al tuo reddito di lavoro dipendente generando una tassazione sicuramente maggiore (il primo scaglione irpef è del 23%).

    Fabrizio

  7. #7
    User
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    17
    In termini pratici (scusate ma me ne intendo davvero poco ) essendo dipendente privato cosa dovrei fare esattamente e quanto mi costa tutta l'operazione ?

    Grazie ...

+ Rispondi alla Discussione

^ Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato
  • Trackbacks Attivato
  • Pingback Attivato
  • Refback Attivato

SEO by vBSEO 3.6.0 PL2 ©2011, Crawlability, Inc.